Trattato di Amsterdam che modifica il trattato sull'Unione Europea, i trattati che istituiscono le Comunità Europee e alcuni atti connessi - Trattato, Amsterdam, 2 ottobre 1997/Trattato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Trattato di Amsterdam che modifica il trattato sull'Unione Europea, i trattati che istituiscono le Comunità Europee e alcuni atti connessi - Trattato, Amsterdam, 2 ottobre 1997

Trattato di Amsterdam che modifica il trattato sull'Unione Europea, i trattati che istituiscono le Comunità Europee e alcuni atti connessi - Trattato, Amsterdam, 2 ottobre 1997/Allegato IncludiIntestazione 27 marzo 2010 75% diritto

Trattato di Amsterdam che modifica il trattato sull'Unione Europea, i trattati che istituiscono le Comunità Europee e alcuni atti connessi - Trattato, Amsterdam, 2 ottobre 1997 Allegato
Depositario: Governo della Repubblica italiana





PREAMBOLO

SUA MAESTÀ IL RE DEI BELGI, SUA MAESTÀ LA REGINA DI DANIMARCA, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ELLENICA, SUA MAESTÀ IL RE DI SPAGNA, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA FRANCESE, LA COMMISSIONE AUTORIZZATA DALL’ARTICOLO 14 DELLA COSTITUZIONE IRLANDESE AD ESERCITARE ED A SVOLGERE LE COMPETENZE E LE FUNZIONI DEL PRESIDENTE DELL’IRLANDA, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, SUA ALTEZZA REALE IL GRANDUCA DEL LUSSEMBURGO, SUA MAESTÀ LA REGINA DEI PAESI BASSI, IL PRESIDENTE FEDERALE DELLA REPUBBLICA D’AUSTRIA, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PORTOGHESE, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI FINLANDIA, SUA MAESTÀ IL RE DI SVEZIA, SUA MAESTÀ LA REGINA DEL REGNO UNITO DI GRAN BRETAGNA E IRLANDA DEL NORD,

HANNO DECISO di modificare il trattato sull’Unione europea, i trattati che istituiscono le Comunità europee e alcuni atti connessi,

e a tal fine hanno designato come plenipotenziari:

SUA MAESTÀ IL RE DEI BELGI, Sig. Erik DERYCKE, Ministro degli affari esteri;

SUA MAESTÀ LA REGINA DI DANIMARCA, Sig. Niels Helveg PETERSEN, Ministro degli affari esteri;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA, Dr. Klaus KINKEL, Ministro federale degli affari esteri e Vicecancelliere federale;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ELLENICA, Sig. Theodoros PANGALOS, Ministro degli affari esteri;

SUA MAESTÀ IL RE DI SPAGNA, Sig. Juan Abel MATUTES, Ministro degli affari esteri;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA FRANCESE, Sig. Hubert VÉDRINE, Ministro degli affari esteri;

LA COMMISSIONE AUTORIZZATA DALL’ARTICOLO 14 DELLA COSTITUZIONE IRLANDESE AD ESERCITARE ED A SVOLGERE LE COMPETENZE E LE FUNZIONI DEL PRESIDENTE DELL’IRLANDA, Sig. Raphael P. BURKE, Ministro degli affari esteri;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, Sig. Lamberto DINI, Ministro degli affari esteri;

SUA ALTEZZA REALE IL GRANDUCA DEL LUSSEMBURGO, Sig. Jacques F. POOS, Vice Primo Ministro, Ministro degli affari esteri, del commercio con l’estero e della cooperazione;

SUA MAESTÀ LA REGINA DEI PAESI BASSI, Sig. Hans VAN MIERLO, Vice Primo Ministro e Ministro degli affari esteri;

IL PRESIDENTE FEDERALE DELLA REPUBBLICA D’AUSTRIA, Sig. Wolfgang SCHÜSSEL, Ministro federale degli affari esteri e Vicecancelliere;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PORTOGHESE, Sig. Jaime GAMA, Ministro degli affari esteri;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI FINLANDIA, Sig.Sig.ra Tarja HALONEN, Ministro degli affari esteri;

SUA MAESTÀ IL RE DI SVEZIA, Sig.Sig.ra Lena HJELM-WALLÉN, Ministro degli affari esteri;

SUA MAESTÀ LA REGINA DEL REGNO UNITO DI GRAN BRETAGNA E IRLANDA DEL NORD, Sig. Douglas HENDERSON, Ministro aggiunto presso il Ministro degli affari esteri e del Commonwealth;

I QUALI, dopo aver scambiato i loro pieni poteri, riconosciuti in buona e debita forma,

HANNO CONVENUTO LE DISPOSIZIONI CHE SEGUONO:

PARTE PRIMA - MODIFICHE DI MERITO

Articolo 1
Il trattato sull’Unione europea è modificato in base alle disposizioni del presente articolo.
1) Dopo il terzo punto del preambolo è inserito il seguente punto:
«CONFERMANDO il proprio attaccamento ai diritti sociali fondamentali quali definiti nella Carta sociale europea firmata a Torino il 18 ottobre 1961 e nella Carta comunitaria dei diritti sociali fondamentali dei lavoratori del 1989,».
2) L’attuale settimo punto del preambolo è sostituito dal testo seguente:
«DETERMINATI a promuovere il progresso economico e sociale dei loro popoli, tenendo conto del principio dello sviluppo sostenibile e nel contesto della realizzazione del mercato interno e del rafforzamento della coesione e della protezione dell’ambiente, nonché ad attuare politiche volte a garantire che i progressi compiuti sulla via dell’integrazione economica si accompagnino a paralleli progressi in altri settori,».
3) Gli attuali nono e decimo punto del preambolo sono sostituiti dal testo seguente:
«DECISI ad attuare una politica estera e di sicurezza comune che preveda la definizione progressiva di una politica di difesa comune, che potrebbe condurre ad una difesa comune, a norma delle disposizioni dell’articolo J.7, rafforzando così l’identità dell’ Europa e la sua indipendenza al fine di promuovere la pace, la sicurezza e il progresso in Europa e nel mondo,
DECISI ad agevolare la libera circolazione delle persone, garantendo nel contempo la sicurezza dei loro popoli, con l’istituzione di uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia, in conformità alle disposizioni del presente trattato.»
4) All’articolo A, il secondo comma è sostituito dal testo seguente:
«Il presente trattato segna una nuova tappa nel processo di creazione di un’unione sempre più stretta tra i popoli dell’Europa, in cui le decisioni siano prese nel modo più trasparente possibile e il più vicino possibile ai cittadini.»
5) L’articolo B è sostituito dal testo seguente:
«Articolo B
L’Unione si prefigge i seguenti obiettivi:
  • promuovere un progresso economico e sociale e un elevato livello di occupazione e pervenire a uno sviluppo equilibrato e sostenibile, in particolare mediante la creazione di uno spazio senza frontiere interne, il rafforzamento della coesione economica e sociale e l’instaurazione di un’unione economica e monetaria che comporti a termine una moneta unica, in conformità delle disposizioni del presente trattato;
  • affermare la sua identità sulla scena internazionale, in particolare mediante l’attuazione di una politica estera e di sicurezza comune, ivi compresa la definizione progressiva di una politica di difesa comune, che potrebbe condurre ad una difesa comune, a norma delle disposizioni dell’articolo J.7;
  • rafforzare la tutela dei diritti e degli interessi dei cittadini dei suoi Stati membri mediante l’istituzione di una cittadinanza dell’Unione;
  • conservare e sviluppare l’Unione quale spazio di libertà, sicurezza e giustizia in cui sia assicurata la libera circolazione delle persone insieme a misure appropriate per quanto concerne i controlli alle frontiere esterne, l’asilo, l’immigrazione, la prevenzione della criminalità e la lotta contro quest’ultima;
  • mantenere integralmente l’acquis comunitario e svilupparlo al fine di valutare in quale misura si renda necessario rivedere le politiche e le forme di cooperazione instaurate dal presente trattato allo scopo di garantire l’efficacia dei meccanismi e delle istituzioni comunitarie.
Gli obiettivi dell’Unione saranno perseguiti conformemente alle disposizioni del presente trattato, alle condizioni e secondo il ritmo ivi fissati, nel rispetto del principio di sussidiarietà definito all’articolo 3 B del trattato che istituisce la Comunità europea.»
6) All’articolo C, il secondo comma è sostituito dal testo seguente:
«L’Unione assicura in particolare la coerenza globale della sua azione esterna nell’ambito delle politiche in materia di relazioni esterne, di sicurezza, di economia e di sviluppo. Il Consiglio e la Commissione hanno la responsabilità di garantire tale coerenza e cooperano a tal fine. Essi provvedono, nell’ambito delle rispettive competenze, ad attuare dette politiche.»
7) L’articolo E è sostituito dal testo seguente:
«Articolo E
Il Parlamento europeo, il Consiglio, la Commissione, la Corte di giustizia e la Corte dei conti esercitano le loro attribuzioni alle condizioni e ai fini previsti, da un lato, dalle disposizioni dei trattati che istituiscono le Comunità europee, nonché dalle disposizioni dei successivi trattati e atti recanti modifiche e integrazioni delle stesse e, dall’altro, dalle altre disposizioni del presente trattato.»
8) L’articolo F è modificato come segue:
a) il paragrafo 1 è sostituito dal testo seguente:
«1. L’Unione si fonda sui principi di libertà, democrazia, rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, e dello stato di diritto, principi che sono comuni agli Stati membri.»
b) L’attuale paragrafo 3 diventa paragrafo 4 ed è inserito un nuovo paragrafo 3, così redatto:
«3. L’Unione rispetta l’identità nazionale dei suoi Stati membri.»
9) Alla fine del titolo I è inserito il seguente articolo:
«Articolo F.1
1. Il Consiglio, riunito nella composizione dei capi di Stato o di governo, deliberando all’unanimità su proposta di un terzo degli Stati membri o della Commissione e previo parere conforme del Parlamento europeo, può constatare l’esistenza di una violazione grave e persistente da parte di uno Stato membro dei principi di cui all’articolo F, paragrafo 1, dopo aver invitato il governo dello Stato membro in questione a presentare osservazioni.
2. Qualora sia stata effettuata una siffatta constatazione, il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può decidere di sospendere, alcuni dei diritti derivanti allo Stato membro in questione dall’applicazione del presente trattato, compresi i diritti di voto del rappresentante del governo di tale Stato membro in seno al Consiglio. Nell’agire in tal senso, il Consiglio tiene conto delle possibili conseguenze di una siffatta sospensione sui diritti e sugli obblighi delle persone fisiche e giuridiche.
Lo Stato membro in questione continua in ogni caso ad essere vincolato dagli obblighi che gli derivano dal presente trattato.
3. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può successivamente decidere di modificare o revocare le misure adottate a norma del paragrafo 2, per rispondere ai cambiamenti nella situazione che ha portato alla loro imposizione.
4. Ai fini del presente articolo, il Consiglio delibera senza tener conto del voto del rappresentante dello Stato membro in questione. Le astensioni dei membri presenti o rappresentati non ostano all’adozione delle decisioni di cui al paragrafo 1. Per maggioranza qualificata si intende una proporzione di voti ponderati dei membri del Consiglio interessati equivalente a quella prevista all’articolo 148, paragrafo 2 del trattato che istituisce la Comunità europea.
Il presente paragrafo si applica anche in caso di sospensione dei diritti di voto a norma del paragrafo 2.
5. Ai fini del presente articolo, il Parlamento europeo delibera alla maggioranza dei due terzi dei voti espressi, che rappresenta la maggioranza dei suoi membri.»
10) Il titolo V è sostituito dal testo seguente:
«Titolo V - DISPOSIZIONI SULLA POLITICA ESTERA E DI SICUREZZA COMUNE
Articolo J.1
1. L’Unione stabilisce ed attua una politica estera e di sicurezza comune estesa a tutti i settori della politica estera e di sicurezza i cui obiettivi sono i seguenti:
  • difesa dei valori comuni, degli interessi fondamentali, dell’indipendenza e dell’integrità dell’Unione conformemente ai principi della Carta delle Nazioni Unite;
  • rafforzamento della sicurezza dell’Unione in tutte le sue forme;
  • mantenimento della pace e rafforzamento della sicurezza internazionale, conformemente ai principi della Carta delle Nazioni Unite, nonché ai principi dell’Atto finale di Helsinki e agli obiettivi della Carta di Parigi, compresi quelli relativi alle frontiere esterne;
  • promozione della cooperazione internazionale;
  • sviluppo e consolidamento della democrazia e dello stato di diritto, nonché rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali.
2. Gli Stati membri sostengono attivamente e senza riserve la politica estera e di sicurezza dell’Unione in uno spirito di lealtà e di solidarietà reciproca.
Gli Stati membri operano congiuntamente per rafforzare e sviluppare la loro reciproca solidarietà politica. Essi si astengono da qualsiasi azione contraria agli interessi dell’Unione o tale da nuocere alla sua efficacia come elemento di coesione nelle relazioni internazionali.
Il Consiglio provvede affinché detti principi siano rispettati.
Articolo J.2
L’Unione persegue gli obiettivi di cui all’articolo J.1:
  • definendo i principi e gli orientamenti generali della politica estera e di sicurezza comune;
  • decidendo strategie comuni;
  • adottando azioni comuni;
  • adottando posizioni comuni;
  • rafforzando la cooperazione sistematica tra gli Stati membri per la conduzione della loro politica.
Articolo J.3
1. Il Consiglio europeo definisce i principi e gli orientamenti generali della politica estera e di sicurezza comune, ivi comprese le questioni che hanno implicazioni in materia di difesa.
2. Il Consiglio europeo decide strategie comuni che l’Unione deve attuare nei settori in cui gli Stati membri hanno importanti interessi in comune.
Le strategie comuni fissano i rispettivi obiettivi, la durata nonché i mezzi che l’Unione e gli Stati membri devono mettere a disposizione.
3. Il Consiglio prende le decisioni necessarie per la definizione e l’attuazione della politica estera e di sicurezza comune in base agli orientamenti generali definiti dal Consiglio europeo.
Il Consiglio raccomanda strategie comuni al Consiglio europeo e le attua, in particolare adottando azioni comuni e posizioni comuni.
Il Consiglio assicura l’unità, la coerenza e l’efficacia dell’azione dell’Unione.
Articolo J.4
1. Il Consiglio adotta azioni comuni. Le azioni comuni affrontano specifiche situazioni in cui si ritiene necessario un intervento operativo dell’Unione. Esse definiscono gli obiettivi, la portata e i mezzi di cui l’Unione deve disporre le condizioni di attuazione e, se necessario, la durata.
2. Se si produce un cambiamento di circostanze che ha una netta incidenza su una questione oggetto di un’azione comune, il Consiglio rivede i principi e gli obiettivi di detta azione e adotta le decisioni necessarie. L’azione comune resta valida sinché il Consiglio non abbia deliberato.
3. Le azioni comuni vincolano gli Stati membri nelle loro prese di posizione e nella conduzione della loro azione.
4. Il Consiglio può chiedere alla Commissione di sottoporgli qualsiasi proposta appropriata relativa alla politica estera e di sicurezza comune per assicurare l’attuazione di un’azione comune.
5. Qualsiasi presa di posizione o azione nazionale prevista in applicazione di un’azione comune forma oggetto di informazione entro termini che permettano, se necessario, una concertazione preliminare in sede di Consiglio. L’obbligo dell’informazione preliminare non è applicabile per le misure di semplice recepimento sul piano nazionale delle decisioni del Consiglio.
6. In caso di assoluta necessità connessa con l’evoluzione della situazione e in mancanza di una decisione del Consiglio, gli Stati membri possono prendere d’urgenza le misure necessarie, tenuto conto degli obiettivi generali dell’azione comune. Lo Stato membro che prende tali misure ne informa immediatamente il Consiglio.
7. In caso di difficoltà rilevanti nell’applicazione di un’azione comune, uno Stato membro ne investe il Consiglio che delibera al riguardo e ricerca le soluzioni appropriate. Queste ultime non possono essere in contrasto con gli obiettivi dell’azione né nuocere alla sua efficacia.
Articolo J.5
Il Consiglio adotta posizioni comuni. Le posizioni comuni definiscono l’approccio dell’Unione su una questione particolare di natura geografica o tematica. Gli Stati membri provvedono affinché le loro politiche nazionali siano conformi alle posizioni comuni.
Articolo J.6
Gli Stati membri si informano reciprocamente e si consultano in sede di Consiglio in merito a qualsiasi questione di politica estera e di sicurezza di interesse generale per garantire che l’influenza dell’Unione si eserciti nel modo più efficace con un’azione convergente e concertata.
Articolo J.7
1. La politica estera e di sicurezza comune comprende tutte le questioni relative alla sicurezza dell’Unione, ivi compresa la definizione progressiva di una politica di difesa comune, a norma del secondo comma, che potrebbe condurre a una difesa comune qualora il Consiglio europeo decida in tal senso. In tal caso il Consiglio europeo raccomanda agli Stati membri di adottare tale decisione secondo le rispettive norme costituzionali.
L’Unione dell’Europa occidentale (UEO) è parte integrante dello sviluppo dell’Unione, alla quale conferisce l’accesso ad una capacità operativa di difesa, in particolare nel quadro del paragrafo 2. Essa aiuta l’Unione nella definizione degli aspetti della politica estera e di sicurezza comune, come previsto nel presente articolo. L’Unione promuove di conseguenza più stretti rapporti istituzionali con l’UEO, in vista di un’eventuale integrazione di quest’ultima nell’Unione qualora il Consiglio europeo decida in tal senso. In tal caso il Consiglio europeo raccomanda agli Stati membri di adottare tale decisione secondo le rispettive norme costituzionali.
La politica dell’Unione a norma del presente articolo non pregiudica il carattere specifico della politica di sicurezza e di difesa di taluni Stati membri e rispetta gli obblighi di alcuni Stati membri i quali ritengono che la loro difesa comune si realizzi tramite l’Organizzazione del trattato del Nordatlantico (NATO), nell’ambito del trattato dell’Atlantico del Nord, e sia compatibile con la politica di sicurezza e di difesa comune adottata in tale contesto.
La definizione progressiva di una politica di difesa comune sarà sostenuta, se gli Stati membri lo ritengono opportuno, dalla loro reciproca cooperazione nel settore degli armamenti.
2. Le questioni cui si riferisce il presente articolo includono le missioni umanitarie e di soccorso, le attività di mantenimento della pace e le missioni di unità di combattimento nella gestione di crisi, ivi comprese le missioni tese al ristabilimento della pace.
3. L’Unione si avvarrà dell’UEO per elaborare ed attuare decisioni ed azioni dell’Unione che hanno implicazioni nel settore della difesa.
La competenza del Consiglio europeo a definire orientamenti a norma dell’articolo J.3 si estende altresì all’UEO per le questioni per le quali l’Unione ricorre a quest’ultima.
Quando l’Unione ricorre all’UEO per l’elaborazione e l’attuazione di decisioni dell’Unione concernenti i compiti di cui al paragrafo 2, tutti gli Stati membri dell’Unione hanno il diritto di partecipare a pieno titolo a tali compiti. Il Consiglio, d’intesa con le istituzioni dell’UEO, adotta le necessarie modalità pratiche per consentire a tutti gli Stati membri che contribuiscono a tali compiti di partecipare a pieno titolo e in condizioni di parità alla programmazione e alle decisioni dell’UEO.
L’adozione di decisioni che hanno implicazioni nel settore della difesa, di cui al presente paragrafo, non pregiudica le politiche e gli obblighi di cui al paragrafo 1, terzo comma.
4. Le disposizioni del presente articolo non ostano allo sviluppo di una cooperazione rafforzata fra due o più Stati membri a livello bilaterale, nell’ambito dell’UEO e dell’Alleanza atlantica, purché detta cooperazione non contravvenga a quella prevista dal presente titolo e non la ostacoli.
5. Per favorire lo sviluppo degli obiettivi del presente articolo, le disposizioni dello stesso saranno riesaminate a in conformità all’articolo N.
Articolo J.8
1. La presidenza rappresenta l’Unione per le materie che rientrano nella politica estera e di sicurezza comune.
2. La presidenza è responsabile dell’attuazione delle decisioni adottate nell’ambito del presente titolo; a questo titolo essa esprime in via di principio la posizione dell’Unione nelle organizzazioni internazionali e nelle conferenze internazionali.
3. La presidenza è assistita dal segretario generale del Consiglio, che esercita le funzioni di Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune.
4. La Commissione è pienamente associata ai compiti di cui ai paragrafi 1 e 2. La presidenza è assistita in tali compiti, se necessario, dallo Stato membro che eserciterà la presidenza successiva.
5. Il Consiglio, ogniqualvolta lo ritenga necessario, può nominare un rappresentante speciale con un mandato per problemi politici specifici.
Articolo J.9
1. Gli Stati membri coordinano la propria azione nelle organizzazioni internazionali e in occasione di conferenze internazionali. In queste sedi essi difendono le posizioni comuni.
Nelle organizzazioni internazionali e in occasione di conferenze internazionali alle quali non tutti gli Stati membri partecipano, quelli che vi partecipano difendono le posizioni comuni.
2. Fatto salvo il paragrafo 1 e l’articolo J.4, paragrafo 3, gli Stati membri rappresentati nelle organizzazioni internazionali o nelle conferenze internazionali alle quali non tutti gli Stati membri partecipano, tengono informati questi ultimi in merito ad ogni questione di interesse comune.
Gli Stati membri che sono anche membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si concerteranno e terranno pienamente informati gli altri Stati membri. Gli Stati membri che sono membri permanenti del Consiglio di sicurezza assicureranno, nell’esercizio delle loro funzioni, la difesa delle posizioni e dell’interesse dell’Unione, fatte salve le responsabilità che loro incombono in forza delle disposizioni della Carta delle Nazioni Unite.
Articolo J.10
Le missioni diplomatiche e consolari degli Stati membri e le delegazioni della Commissione nei paesi terzi e nelle conferenze internazionali, nonché le loro rappresentanze presso le organizzazioni internazionali, cooperano al fine di garantire il rispetto e l’attuazione delle posizioni comuni e delle azioni comuni adottate dal Consiglio.
Esse intensificano la loro cooperazione procedendo a scambi di informazioni e a valutazioni comuni e contribuendo all’attuazione delle disposizioni previste dall’articolo 8 C del trattato che istituisce la Comunità europea.
Articolo J.11
La presidenza consulta il Parlamento europeo sui principali aspetti e sulle scelte fondamentali della politica estera e di sicurezza comune e provvede affinché le opinioni del Parlamento europeo siano debitamente prese in considerazione. Il Parlamento europeo è regolarmente informato dalla presidenza e dalla Commissione in merito allo sviluppo della politica estera e di sicurezza dell’Unione.
Il Parlamento europeo può rivolgere interrogazioni o formulare raccomandazioni al Consiglio. Esso procede ogni anno ad un dibattito sui progressi compiuti nell’attuazione della politica estera e di sicurezza comune.
Articolo J.12
1. Ogni Stato membro o la Commissione può sottoporre al Consiglio questioni relative alla politica estera e di sicurezza comune e può presentare proposte al Consiglio.
2. Nei casi che richiedono una decisione rapida, la presidenza convoca, d’ufficio o a richiesta della Commissione o di uno Stato membro, una riunione straordinaria del Consiglio, entro un termine di quarantotto ore o, in caso di emergenza, entro un termine più breve.
Articolo J.13
1. Le decisioni a norma del presente titolo sono adottate dal Consiglio all’unanimità. Le astensioni di membri presenti o rappresentati non impediscono l’adozione di tali decisioni.
In caso di astensione dal voto, ciascun membro del Consiglio può motivare la propria astensione con una dichiarazione formale a norma del presente comma. In tal caso esso non è obbligato ad applicare la decisione, ma accetta che essa impegni l’Unione. In uno spirito di mutua solidarietà, lo Stato membro interessato si astiene da azioni che possano contrastare o impedire l’azione dell’Unione basata su tale decisione, e gli altri Stati membri rispettano la sua posizione. Qualora i membri del Consiglio che motivano in tal modo la loro astensione rappresentino più di un terzo dei voti secondo la ponderazione di cui all’articolo 148, paragrafo 2 del trattato che istituisce la Comunità europea, la decisione non è adottata.
2. In deroga alle disposizioni di cui al paragrafo 1, il Consiglio delibera a maggioranza qualificata:
  • quando adotta azioni comuni, posizioni comuni o quando adotta decisioni sulla base di una strategia comune;
  • quando adotta decisioni relative all’attuazione di un’azione comune o di una posizione comune.
Se un membro del Consiglio dichiara che, per dichiarati e importanti motivi di politica nazionale, intende opporsi all’adozione di una decisione che richiede la maggioranza qualificata, non si procede alla votazione. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può chiedere che della questione sia investito il Consiglio europeo, affinché si pronunci all’unanimità.
Ai voti dei membri del Consiglio è attribuita la ponderazione di cui all’articolo 148, paragrafo 2 del trattato che istituisce la Comunità europea. Per l’adozione delle decisioni sono richiesti almeno 62 voti a favore, espressi da almeno 10 membri.
Il presente paragrafo non si applica alle decisioni che hanno implicazioni nel settore militare o della difesa.
3. Per le questioni procedurali il Consiglio delibera alla maggioranza dei suoi membri.
Articolo J.14
Quando, ai fini dell’attuazione del presente titolo, occorre concludere un accordo con uno o più Stati od organizzazioni internazionali, il Consiglio, deliberando all’unanimità, può autorizzare la presidenza, assistita se del caso dalla Commissione, ad avviare i negoziati a tal fine necessari. Tali accordi sono conclusi dal Consiglio, che delibera all’unanimità su raccomandazione della presidenza. Nessun accordo è vincolante per uno Stato membro il cui rappresentante in sede di Consiglio dichiari che esso deve conformarsi alle prescrizioni della propria procedura costituzionale; gli altri membri del Consiglio possono convenire che l’accordo si applichi a titolo provvisorio nei lori confronti.
Il presente articolo si applica anche alle materie contemplate nel titolo VI.
Articolo J.15
Fatto salvo l’articolo 151 del trattato che istituisce la Comunità europea, un comitato politico controlla la situazione internazionale nei settori che rientrano nella politica estera e di sicurezza comune e contribuisce a definire le politiche formulando pareri per il Consiglio, a richiesta di questo o di propria iniziativa. Esso controlla altresì l’attuazione delle politiche concordate, fatta salva la responsabilità della presidenza e della Commissione.
Articolo J.16
Il segretario generale del Consiglio, Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune, assiste il Consiglio nelle questioni rientranti nel campo della politica estera e di sicurezza comune, in particolare contribuendo alla formulazione, preparazione e attuazione delle decisioni politiche e conducendo all’occorrenza, a nome del Consiglio e su richiesta della presidenza, un dialogo politico con terzi.
Articolo J.17
La Commissione è pienamente associata ai lavori nel settore della politica estera e di sicurezza comune.
Articolo J.18
1. Gli articoli 137, 138, da 139 a 142, 146, 147, da 150 a 153, da 157 a 163, 191 A e 217 del trattato che istituisce la Comunità europea si applicano alle disposizioni relative ai settori di cui al presente titolo.
2. Le spese amministrative che le istituzioni sostengono per le disposizioni relative ai settori di cui al presente titolo sono a carico del bilancio delle Comunità europee.
3. Le spese operative cui dà luogo l’attuazione di dette disposizioni sono anch’esse a carico del bilancio delle Comunità europee, eccetto le spese derivanti da operazioni che hanno implicazioni nel settore militare o della difesa, e a meno che il Consiglio, deliberando all’unanimità, decida altrimenti.
Nei casi in cui non sono a carico del bilancio delle Comunità europee, le spese sono a carico degli Stati membri secondo un criterio di ripartizione basato sul prodotto nazionale lordo, a meno che il Consiglio, deliberando all’unanimità, non stabilisca altrimenti. Per quanto riguarda le spese derivanti da operazioni che hanno implicazioni nel settore militare o della difesa, gli Stati membri i cui rappresentanti in Consiglio hanno fatto una dichiarazione formale a norma dell’articolo J.13, paragrafo 1, secondo comma, non sono obbligati a contribuire al loro finanziamento.
4. La procedura di bilancio stabilita nel trattato che istituisce la Comunità europea si applica alle spese a carico del bilancio delle Comunità europee.»
11) Il titolo VI è sostituito dal testo seguente:
«Titolo VI - DISPOSIZIONI SULLA COOPERAZIONE DI POLIZIA E GIUDIZIARIA IN MATERIA PENALE
Articolo K.1
Fatte salve le competenze della Comunità europea, l’obiettivo che l’Unione si prefigge è fornire ai cittadini un livello elevato di sicurezza in uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia, sviluppando tra gli Stati membri un’azione in comune nel settore della cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale e prevenendo e reprimendo il razzismo e la xenofobia.
Tale obiettivo è perseguito prevenendo e reprimendo la criminalità, organizzata o di altro tipo, in particolare il terrorismo, la tratta degli esseri umani ed i reati contro i minori, il traffico illecito di droga e di armi, la corruzione e la frode, mediante:
  • una più stretta cooperazione fra le forze di polizia, le autorità doganali e le altre autorità competenti degli Stati membri, sia direttamente che tramite l’Ufficio europeo di polizia (Europol), a norma degli articoli K.2 e K.4;
  • una più stretta cooperazione tra le autorità giudiziarie e altre autorità competenti degli Stati membri, a norma degli articoli K.3, lettere da a) a d) e K.4;
  • il ravvicinamento, ove necessario, delle normative degli Stati membri in materia penale, a norma dell’articolo K.3, lettera e).
Articolo K.2
1. L’azione comune nel settore della cooperazione di polizia comprende:
a) la cooperazione operativa tra le autorità competenti degli Stati membri, compresi la polizia, le dogane e altri servizi specializzati incaricati dell’applicazione della legge, in relazione alla prevenzione e all’individuazione dei reati e alle relative indagini;
b) la raccolta, l’archiviazione, il trattamento, l’analisi e lo scambio, in particolare attraverso Europol, delle pertinenti informazioni, comprese quelle in possesso dei servizi incaricati dell’applicazione della legge riguardo a segnalazioni di transazioni finanziarie sospette, nel rispetto delle pertinenti disposizioni sulla protezione dei dati personali;
c) la cooperazione e le iniziative comuni in settori quali la formazione, lo scambio di ufficiali di collegamento, il comando di funzionari, l’uso di attrezzature, la ricerca in campo criminologico;
d) la valutazione in comune di particolari tecniche investigative ai fini dell’individuazione di forme gravi di criminalità organizzata.
2. Il Consiglio promuove la cooperazione tramite Europol e, in particolare, entro cinque anni dall’entrata in vigore del trattato di Amsterdam:
a) mette Europol in condizione di agevolare e sostenere la preparazione, nonché di promuovere il coordinamento e l’effettuazione di specifiche operazioni investigative da parte delle autorità competenti degli Stati membri, comprese azioni operative di unità miste cui partecipano rappresentanti di Europol con funzioni di supporto;
b) adotta misure che consentono ad Europol di richiedere alle autorità competenti degli Stati membri di svolgere e coordinare le loro indagini su casi specifici e di sviluppare competenze specifiche che possono essere messe a disposizione degli Stati membri per assisterli nelle indagini relative a casi di criminalità organizzata;
c) promuove accordi di collegamento tra organi inquirenti sia di magistratura che di polizia che si specializzano nella lotta contro la criminalità organizzata in stretta cooperazione con Europol;
d) istituisce una rete di ricerca, documentazione e statistica sulla criminalità transnazionale.
Articolo K.3
L’azione comune nel settore della cooperazione giudiziaria in materia penale comprende:
a) la facilitazione e l’accelerazione della cooperazione tra i ministeri competenti e le autorità giudiziarie o autorità omologhe degli Stati membri in relazione ai procedimenti e all’esecuzione delle decisioni;
b) la facilitazione dell’estradizione fra Stati membri;
c) la garanzia della compatibilità delle normative applicabili negli Stati membri, nella misura necessaria per migliorare la suddetta cooperazione;
d) la prevenzione dei conflitti di giurisdizione tra Stati membri;
e) la progressiva adozione di misure per la fissazione di norme minime relative agli elementi costitutivi dei reati e alle sanzioni, per quanto riguarda la criminalità organizzata, il terrorismo e il traffico illecito di stupefacenti.
Articolo K.4
Il Consiglio stabilisce le condizioni e i limiti entro i quali le autorità competenti di cui agli articoli K.2 e K.3 possono operare nel territorio di un altro Stato membro in collegamento e d’intesa con le autorità di quest’ultimo.
Articolo K.5
Il presente titolo non osta all’esercizio delle responsabilità incombenti agli Stati membri per il mantenimento dell’ordine pubblico e la salvaguardia della sicurezza interna.
Articolo K.6
1. Nei settori di cui al presente titolo, gli Stati membri si informano e si consultano reciprocamente, in seno al Consiglio, per coordinare la loro azione; essi instaurano a tal fine una collaborazione tra i servizi competenti delle loro amministrazioni.
2. Il Consiglio adotta misure e promuove, nella forma e secondo le procedure appropriate di cui al presente titolo, la cooperazione finalizzata al conseguimento degli obiettivi dell’Unione. A questo scopo, deliberando all’unanimità, su iniziativa di uno Stato membro o della Commissione, il Consiglio può:
a) adottare posizioni comuni che definiscono l’orientamento dell’Unione in merito a una questione specifica;
b) adottare decisioni-quadro per il ravvicinamento delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri. Le decisioni-quadro sono vincolanti per gli Stati membri quanto al risultato da ottenere, salva restando la competenza delle autorità nazionali in merito alla forma e ai mezzi. Esse non hanno efficacia diretta;
c) adottare decisioni aventi qualsiasi altro scopo coerente con gli obiettivi del presente titolo, escluso qualsiasi ravvicinamento delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri. Queste decisioni sono vincolanti e non hanno efficacia diretta. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, adotta le misure necessarie per l’attuazione di tali decisioni a livello dell’Unione;
d) stabilire convenzioni di cui raccomanda l’adozione agli Stati membri secondo le rispettive norme costituzionali. Gli Stati membri avviano le procedure applicabili entro un termine stabilito dal Consiglio.
Salvo disposizioni contrarie da esse previste, le convenzioni, una volta adottate da almeno la metà degli Stati membri, entrano in vigore per detti Stati membri. Le relative misure di applicazione sono adottate in seno al Consiglio a maggioranza dei due terzi delle parti contraenti.
3. Qualora le deliberazioni del Consiglio richiedano la maggioranza qualificata, ai voti dei membri è attribuita la ponderazione prevista all’articolo 148, paragrafo 2 del trattato che istituisce la Comunità europea e le deliberazioni sono valide se hanno ottenuto almeno sessantadue voti favorevoli, espressi da almeno dieci membri.
4. Per le questioni procedurali il Consiglio delibera a maggioranza dei suoi membri.
Articolo K.7
1. La Corte di giustizia delle Comunità europee, alle condizioni previste dal presente articolo, è competente a pronunciarsi in via pregiudiziale sulla validità o l’interpretazione delle decisioni-quadro e delle decisioni, sull’interpretazione di convenzioni stabilite ai sensi del presente titolo e sulla validità e sull’interpretazione delle misure di applicazione delle stesse.
2. Con una dichiarazione effettuata all’atto della firma del trattato di Amsterdam o, successivamente, in qualsiasi momento, ogni Stato membro può accettare che la Corte di giustizia sia competente a pronunciarsi in via pregiudiziale, come previsto dal paragrafo 1.
3. Lo Stato membro che effettui una dichiarazione a norma del paragrafo 2 precisa che:
a) ogni giurisdizione di tale Stato avverso le cui decisioni non possa proporsi un ricorso giurisdizionale di diritto interno può chiedere alla Corte di giustizia di pronunciarsi in via pregiudiziale su una questione sollevata in un giudizio pendente davanti a tale giurisdizione e concernente la validità o l’interpretazione di un atto di cui al paragrafo 1, se detta giurisdizione reputi necessaria una decisione su tale punto per emanare la sua sentenza, o
b) ogni giurisdizione di tale Stato può chiedere alla Corte di giustizia di pronunciarsi in via pregiudiziale su una questione sollevata in un giudizio pendente davanti a tale giurisdizione e concernente la validità o l’interpretazione di un atto di cui al paragrafo 1, se detta giurisdizione reputi necessaria una decisione su tale punto per emanare la sua sentenza.
4. Ogni Stato membro, che abbia o meno fatto una dichiarazione a norma del paragrafo 2, ha la facoltà di presentare alla Corte memorie od osservazioni scritte nei procedimenti di cui al paragrafo 1.
5. La Corte di giustizia non è competente a riesaminare la validità o la proporzionalità di operazioni effettuate dalla polizia o da altri servizi incaricati dell’applicazione della legge di uno Stato membro o l’esercizio delle responsabilità incombenti agli Stati membri per il mantenimento dell’ordine pubblico e la salvaguardia della sicurezza interna.
6. La Corte di giustizia è competente a riesaminare la legittimità delle decisioni-quadro e delle decisioni nei ricorsi proposti da uno Stato membro o dalla Commissione per incompetenza, violazione delle forme sostanziali, violazione del presente trattato o di qualsiasi regola di diritto relativa alla sua applicazione, ovvero per sviamento di potere. I ricorsi di cui al presente paragrafo devono essere promossi entro due mesi dalla pubblicazione dell’atto.
7. La Corte di giustizia è competente a statuire su ogni controversia tra Stati membri concernente l’interpretazione o l’applicazione di atti adottati a norma dell’articolo K.6, paragrafo 2, ogniqualvolta detta controversia non possa essere risolta dal Consiglio entro sei mesi dalla data nella quale esso è stato adito da uno dei suoi membri. La Corte è inoltre competente a statuire su ogni controversia tra Stati membri e Commissione concernente l’interpretazione o l’applicazione delle convenzioni stabilite a norma dell’articolo K.6, paragrafo 2, lettera d).
Articolo K.8
1. È istituito un comitato di coordinamento composto di alti funzionari che, oltre a svolgere un ruolo di coordinamento, ha il compito:
  • di formulare pareri per il Consiglio, a richiesta di quest’ultimo o di propria iniziativa;
  • di contribuire, fatto salvo l’articolo 151 del trattato che istituisce la Comunità europea, alla preparazione dei lavori del Consiglio nei settori contemplati dall’articolo K.1.
2. La Commissione è pienamente associata ai lavori nei settori di cui al presente titolo.
Articolo K.9
Nelle organizzazioni internazionali e in occasione delle conferenze internazionali cui partecipano, gli Stati membri esprimono le posizioni comuni adottate in base alle disposizioni del presente titolo.
Alle materie che rientrano nel presente titolo si applicano, per quanto opportuno, gli articoli J.8 e J.9.
Articolo K.10
Gli accordi di cui all’articolo J.14 possono riguardare materie rientranti nel presente titolo.
Articolo K.11
1. Il Consiglio consulta il Parlamento europeo prima di adottare qualsiasi misura di cui all’articolo K.6, paragrafo 2, lettere b), c) e d). Il Parlamento europeo esprime il suo parere entro un termine che il Consiglio può fissare; tale termine non può essere inferiore a tre mesi. In mancanza di parere entro detto termine, il Consiglio può deliberare.
2. La presidenza e la Commissione informano regolarmente il Parlamento europeo dei lavori svolti nei settori che rientrano nel presente titolo.
3. Il Parlamento europeo può rivolgere al Consiglio interrogazioni o raccomandazioni. Esso procede ogni anno a un dibattito sui progressi compiuti nei settori di cui al presente titolo.
Articolo K.12
1. Gli Stati membri che intendono instaurare tra loro una cooperazione rafforzata possono essere autorizzati, in osservanza degli articoli K.15 e K.16, a far ricorso alle istituzioni, alle procedure e ai meccanismi previsti dai trattati, a condizione che la cooperazione proposta:
a) rispetti le competenze della Comunità europea e gli obiettivi stabiliti dal presente titolo;
b) abbia il fine di consentire all’Unione di svilupparsi più rapidamente come spazio di libertà, di sicurezza e di giustizia.
2. L’autorizzazione di cui al paragrafo 1 è concessa dal Consiglio, che delibera a maggioranza qualificata su richiesta degli Stati membri interessati e dopo aver invitato la Commissione a presentare il suo parere; la domanda è trasmessa anche al Parlamento europeo.
Qualora un membro del Consiglio dichiari che, per specificati e importanti motivi di politica interna, intende opporsi alla concessione di un’autorizzazione a maggioranza qualificata, non si procede alla votazione. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può chiedere che della questione sia investito il Consiglio europeo, affinché si pronunci all’unanimità.
Ai voti dei membri del Consiglio è attribuita la ponderazione di cui all’articolo 148, paragrafo 2 del trattato che istituisce la Comunità europea. Per l’adozione delle decisioni sono richiesti almeno 62 voti a favore, espressi da almeno 10 membri.
3. Ogni Stato membro che desideri partecipare a una cooperazione instaurata a norma del presente articolo notifica tale intenzione al Consiglio ed alla Commissione, la quale, entro un termine di tre mesi dalla data di ricezione della notifica, dà al Consiglio un parere, raccomandando eventualmente le misure specifiche che ritiene necessarie perché tale Stato membro partecipi a detta cooperazione. Entro quattro mesi dalla data di tale notifica, il Consiglio decide sulla richiesta e sulle misure specifiche che può ritenere necessarie. La decisione si intende adottata a meno che il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, decida di tenerla in sospeso; in tal caso il Consiglio dichiara i motivi della sua decisione e stabilisce un termine per il suo riesame. Ai fini del presente paragrafo, il Consiglio delibera alle condizioni stabilite nell’articolo K.16.
4. Le disposizioni degli articoli da K.1 a K.13 si applicano alla cooperazione rafforzata di cui al presente articolo, salvo se altrimenti previsto dal presente articolo o dagli articoli K.15 e K.16.
Le disposizioni del trattato che istituisce la Comunità europea relative alle competenze della Corte di giustizia delle Comunità europee e all’esercizio di dette competenze si applicano ai paragrafi 1, 2 e 3.
5. Il presente articolo non pregiudica le disposizioni del Protocollo relativo all’integrazione dell’acquis di Schengen nell’ambito dell’Unione europea.
Articolo K.13
1. Gli articoli 137, 138, 138 E, da 139 a 142, 146, 147, 148, paragrafo 3, da 150 a 153, da 157 a 163, 191 A e 217 del trattato che istituisce la Comunità europea si applicano alle disposizioni concernenti i settori di cui al presente titolo.
2. Le spese amministrative che le istituzioni sostengono per le disposizioni relative ai settori di cui al presente titolo sono a carico del bilancio delle Comunità europee.
3. Le spese operative connesse con l’attuazione di dette disposizioni sono anch’esse a carico del bilancio delle Comunità europee, salvo che il Consiglio, deliberando all’unanimità, decida altrimenti. Se non sono a carico del bilancio delle Comunità europee, tali spese sono imputate agli Stati membri, secondo un criterio di ripartizione basato sul prodotto nazionale lordo, salvo che il Consiglio, deliberando all’unanimità, decida altrimenti.
4. La procedura di bilancio stabilita nel trattato che istituisce la Comunità europea si applica alle spese a carico del bilancio delle Comunità europee.
Articolo K.14
Il Consiglio, deliberando all’unanimità su iniziativa della Commissione o di uno Stato membro e previa consultazione del Parlamento europeo, può decidere che un’azione in settori contemplati dall’articolo K.1 rientri nel titolo III bis del trattato che istituisce la Comunità europea, e stabilire nel contempo le relative condizioni di voto. Esso raccomanda agli Stati membri di adottare tale decisione secondo le rispettive norme costituzionali.»
12) È inserito il seguente nuovo titolo:
«Titolo VI bis - DISPOSIZIONI SU UNA COOPERAZIONE RAFFORZATA
Articolo K.15
1. Gli Stati membri che intendono instaurare tra loro una cooperazione rafforzata possono far ricorso alle istituzioni, alle procedure e ai meccanismi previsti dal presente trattato e dal trattato che istituisce la Comunità europea, a condizione che la cooperazione:
a) sia diretta a promuovere gli obiettivi dell’Unione e a proteggere e servire i suoi interessi;
b) rispetti i principi dei suddetti trattati e il quadro istituzionale unico dell’Unione;
c) venga utilizzata solo in ultima istanza, qualora non sia stato possibile raggiungere gli obiettivi dei suddetti trattati applicando le procedure pertinenti ivi contemplate;
d) riguardi almeno la maggioranza degli Stati membri;
e) non pregiudichi l’acquis comunitario e le misure adottate a norma delle altre disposizioni dei suddetti trattati;
f) non pregiudichi le competenze, i diritti, gli obblighi e gli interessi degli Stati membri che non vi partecipano;
g) sia aperta a tutti gli Stati membri e consenta loro di aderirvi in qualsiasi momento, fatto salvo il rispetto della decisione di base e delle decisioni adottate in tale ambito;
h) ottemperi agli ulteriori criteri specifici definiti rispettivamente nell’articolo 5 A del trattato che istituisce la Comunità europea e nell’articolo K.12 del presente trattato, a seconda dei settori interessati, e sia autorizzata dal Consiglio secondo le procedure da essi previste.
2. Gli Stati membri applicano, per quanto li riguarda, gli atti e le decisioni adottati per l’attuazione della cooperazione cui partecipano. Gli Stati membri che non partecipano a tale cooperazione non ne ostacolano l’attuazione da parte degli Stati membri che vi partecipano.
Articolo K.16
1. Ai fini dell’adozione degli atti e delle decisioni necessari per l’attuazione della cooperazione di cui all’articolo K.15 si applicano le pertinenti disposizioni istituzionali del presente trattato e del trattato che istituisce la Comunità europea. Tuttavia, benché tutti i membri del Consiglio possano partecipare alle deliberazioni, solo quelli che rappresentano Stati membri partecipanti prendono parte all’adozione delle decisioni. Per maggioranza qualificata si intende una proporzione di voti ponderati dei membri del Consiglio interessati equivalente a quella prevista all’articolo 148, paragrafo 2 del trattato che istituisce la Comunità europea. L’unanimità è costituita unicamente dai membri del Consiglio interessati.
2. Le spese derivanti dall’attuazione della cooperazione, diverse dalle spese amministrative che devono sostenere le istituzioni, sono a carico degli Stati membri partecipanti, salvo che il Consiglio, deliberando all’unanimità, decida altrimenti.
Articolo K.17
Il Consiglio e la Commissione informano periodicamente il Parlamento europeo sugli sviluppi della cooperazione rafforzata instaurata sulla base del presente titolo.»
13) L’articolo L è sostituito dal testo seguente:
«Articolo L
Le disposizioni del trattato che istituisce la Comunità europea, del trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell’acciaio e del trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica relative alle competenze della Corte di giustizia delle Comunità europee ed all’esercizio di tali competenze si applicano soltanto alle disposizioni seguenti del presente trattato:
a) disposizioni che modificano il trattato che istituisce la Comunità economica europea per creare la Comunità europea, il trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell’acciaio e il trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica;
b) disposizioni del titolo VI, alle condizioni previste dall’articolo K.7;
c) disposizioni del titolo VI bis, alle condizioni previste dall’articolo 5 A del trattato che istituisce la Comunità europea e dall’articolo K.12 del presente trattato;
d) articolo F, paragrafo 2 per quanto riguarda l’attività delle istituzioni, nella misura in cui la Corte sia competente a norma dei trattati che istituiscono le Comunità europee e a norma del presente trattato;
e) articoli da L a S.»
14) All’articolo N, il paragrafo 2 è soppresso e il paragrafo 1 resta senza numero.
15) All’articolo O, il primo comma è sostituito dal testo seguente:
«Ogni Stato europeo, che rispetti i principi sanciti nell’articolo F, paragrafo 1, può domandare di diventare membro dell’Unione. Esso trasmette la sua domanda al Consiglio, che si pronuncia all’unanimità, previa consultazione della Commissione e previo parere conforme del Parlamento europeo, che si pronuncia a maggioranza assoluta dei membri che lo compongono.»
16) All’articolo S, è aggiunto un nuovo paragrafo, così redatto:
«In forza del trattato di adesione del 1994, fanno ugualmente fede le versioni del presente trattato in lingua finlandese e svedese.»
Articolo 2
Il trattato che istituisce la Comunità europea è modificato in base alle disposizioni del presente articolo.
1) Nel preambolo è aggiunto il seguente punto dopo gli otto punti:
«DETERMINATI a promuovere lo sviluppo del massimo livello possibile di conoscenza nelle popolazioni attraverso un ampio accesso all’istruzione e attraverso l’aggiornamento costante,».
2) L’articolo 2 è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 2
La Comunità ha il compito di promuovere nell’insieme della Comunità, mediante l’instaurazione di un mercato comune e di un’unione economica e monetaria e mediante l’attuazione delle politiche e delle azioni comuni di cui agli articoli 3 e 3 A, uno sviluppo armonioso, equilibrato e sostenibile delle attività economiche, un elevato livello di occupazione e di protezione sociale, la parità tra uomini e donne, una crescita sostenibile e non inflazionistica, un alto grado di competitività e di convergenza dei risultati economici, un elevato livello di protezione dell’ambiente ed il miglioramento della qualità di quest’ultimo, il miglioramento del tenore e della qualità della vita, la coesione economica e sociale e la solidarietà tra Stati membri.»
3) L’articolo 3 è modificato come segue:
a) il testo attuale è numerato e diventa paragrafo 1;
b) nel nuovo paragrafo 1, la lettera d) è sostituita dal testo seguente:
«d) misure riguardanti l’ingresso e la circolazione di persone, come previsto dal titolo III bis;»
c) nel nuovo paragrafo 1, dopo la lettera h) è inserita la nuova lettera i):
«i) la promozione del coordinamento tra le politiche degli Stati membri in materia di occupazione al fine di accrescerne l’efficacia con lo sviluppo di una strategia coordinata per l’occupazione;»;
d) nel nuovo paragrafo 1, l’attuale lettera i) diventa lettera j) e le successive lettere sono rinumerate di conseguenza;
e) è aggiunto il seguente paragrafo:
«2. L’azione della Comunità a norma del presente articolo mira a eliminare le ineguaglianze, nonché a promuovere la parità, tra uomini e donne.»
4) È inserito il seguente articolo:
«Articolo 3 C
Le esigenze connesse con la tutela dell’ambiente devono essere integrate nella definizione e nell’attuazione delle politiche e azioni comunitarie di cui all’articolo 3, in particolare nella prospettiva di promuovere lo sviluppo sostenibile.»
5) È inserito il seguente articolo:
«Articolo 5 A
1. Gli Stati membri che intendono instaurare tra loro una cooperazione rafforzata possono essere autorizzati, in osservanza degli articoli K.15 e K.16 del trattato sull’Unione europea, a ricorrere alle istituzioni, alle procedure e ai meccanismi previsti dal presente trattato, a condizione che la cooperazione proposta:
a) non riguardi settori che rientrano nell’ambito della competenza esclusiva della Comunità;
b) non incida sulle politiche, sulle azioni o sui programmi comunitari;
c) non riguardi la cittadinanza dell’Unione, né crei discriminazioni tra cittadini degli Stati membri;
d) rimanga entro i limiti delle competenze conferite alla Comunità dal presente trattato;
e) non costituisca una discriminazione né una restrizione negli scambi tra Stati membri e non produca una distorsione delle condizioni di concorrenza tra questi ultimi.
2. L’autorizzazione di cui al paragrafo 1 è concessa dal Consiglio, che delibera a maggioranza qualificata su proposta della Commissione, previa consultazione del Parlamento europeo.
Se un membro del Consiglio dichiara che per importanti e specificati motivi di politica interna, intende opporsi alla concessione di un’autorizzazione a maggioranza qualificata, non si procede alla votazione. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può chiedere che la questione venga sottoposta al Consiglio, riunito nella composizione di capi di stato o di governo, per una decisione all’unanimità.
Gli Stati membri che intendono instaurare la cooperazione rafforzata di cui al paragrafo 1 possono trasmettere una richiesta alla Commissione che può presentare al Consiglio una proposta al riguardo. Qualora la Commissione non presenti una proposta, essa informa gli Stati membri interessati delle ragioni di tale decisione.
3. Ogni Stato membro che desideri partecipare a una cooperazione instaurata a norma del presente articolo notifica tale intenzione al Consiglio ed alla Commissione, la quale, entro un termine di tre mesi dalla data di ricezione della notifica, dà un parere al Consiglio. Entro quattro mesi dalla data di notifica, la Commissione decide sulla richiesta e sulle eventuali misure specifiche che può ritenere necessarie.
4. Gli atti e le decisioni necessari per l’attuazione delle attività di cooperazione sono soggetti a tutte le disposizioni pertinenti del presente trattato, salvo se altrimenti previsto dal presente articolo e dagli articoli K.15 e K.16 del trattato sull’Unione europea.
5. Il presente articolo non pregiudica le disposizioni del protocollo sull’integrazione dell’acquis di Schengen nell’ambito dell’Unione europea.»
6) All’articolo 6, il secondo comma è sostituito dal testo seguente:
«Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B, può stabilire regole volte a vietare tale discriminazione.»
7) È inserito il seguente articolo:
«Articolo 6 A
Fatte salve le altre disposizioni del presente trattato e nell’ambito delle competenze da esso conferite alla Comunità, il Consiglio, deliberando all’unanimità su proposta della Commissione e previa consultazione del Parlamento europeo, può prendere i provvedimenti opportuni per combattere le discriminazioni fondate sul sesso, la razza o l’origine etnica, la religione o le convinzioni personali, gli handicap, l’età o le tendenze sessuali.»
8) Alla fine della Parte prima è inserito il seguente articolo:
«Articolo 7 D
Fatti salvi gli articoli 77, 90 e 92, in considerazione dell’importanza dei servizi di interesse economico generale nell’ambito dei valori comuni dell’Unione, nonché del loro ruolo nella promozione della coesione sociale e territoriale, la Comunità e gli Stati membri, secondo le rispettive competenze e nell’ambito del campo di applicazione del presente trattato, provvedono affinché tali servizi funzionino in base a principi e condizioni che consentano loro di assolvere i loro compiti.»
9) All’articolo 8, il paragrafo 1 è sostituito dal testo seguente:
«1. È istituita una cittadinanza dell’Unione. È cittadino dell’Unione chiunque abbia la cittadinanza di uno Stato membro. La cittadinanza dell’Unione costituisce un complemento della cittadinanza nazionale e non sostituisce quest’ultima.»
10) All’articolo 8 A, il paragrafo 2 è sostituito dal testo seguente:
«2. Il Consiglio può adottare disposizioni intese a facilitare l’esercizio dei diritti di cui al paragrafo 1; salvo diversa disposizione del presente trattato, esso delibera secondo la procedura di cui all’articolo 189 B. Il Consiglio delibera all’unanimità durante tutta la procedura.»
11) All’articolo 8 D, è aggiunto il seguente comma:
«Ogni cittadino dell’Unione può scrivere alle istituzioni o agli organi di cui al presente articolo o all’articolo 4 in una delle lingue menzionate all’articolo 248 e ricevere una risposta nella stessa lingua.»
12) L’articolo 51 è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 51
Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B, adotta in materia di sicurezza sociale le misure necessarie per l’instaurazione della libera circolazione dei lavoratori, attuando in particolare un sistema che consenta di assicurare ai lavoratori migranti e ai loro aventi diritto:
a) il cumulo di tutti i periodi presi in considerazione dalle varie legislazioni nazionali, sia per il sorgere e la conservazione del diritto alle prestazioni sia per il calcolo di queste,
b) il pagamento delle prestazioni alle persone residenti nei territori degli Stati membri.
Il Consiglio delibera all’unanimità durante tutta la procedura di cui all’articolo 189 B.»
13) All’articolo 56, il paragrafo 2 è sostituito dal testo seguente:
«2. Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B, stabilisce direttive per il coordinamento delle suddette disposizioni.»
14) All’articolo 57, il paragrafo 2 è sostituito dal testo seguente:
«2. In ordine alle stesse finalità, il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B, stabilisce le direttive intese al coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri relative all’accesso alle attività non salariate e all’esercizio di queste. Il Consiglio delibera all’unanimità, durante tutta la procedura di cui all’articolo 189 B, per quelle direttive la cui esecuzione, in uno Stato membro almeno, comporti una modifica dei vigenti principi legislativi del regime delle professioni, per quanto riguarda la formazione e le condizioni di accesso delle persone fisiche. Negli altri casi il Consiglio delibera a maggioranza qualificata.»
15) Nella parte terza è inserito il seguente titolo:
«Titolo III bis - VISTI, ASILO, IMMIGRAZIONE ED ALTRE POLITICHE CONNESSE CON LA LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE
Articolo 73 I
Allo scopo di istituire progressivamente uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia, il Consiglio adotta:
a) entro un periodo di cinque anni a decorrere dall’entrata in vigore del trattato di Amsterdam, misure volte ad assicurare la libera circolazione delle persone a norma dell’articolo 7 A, insieme a misure di accompagnamento direttamente collegate in materia di controlli alle frontiere esterne, asilo e immigrazione, a norma dell’articolo 73 J, paragrafi 2 e 3 e dell’articolo 73 K, paragrafo 1, lettera a) e paragrafo 2, lettera a), nonché misure per prevenire e combattere la criminalità, a norma dell’articolo K.3, lettera e) del trattato sull’Unione europea;
b) altre misure nei settori dell’asilo, dell’immigrazione e della salvaguardia dei diritti dei cittadini dei paesi terzi, a norma dell’articolo 73 K;
c) misure nel settore della cooperazione giudiziaria in materia civile, come previsto all’articolo 73 M;
d) misure appropriate per incoraggiare e rafforzare la cooperazione amministrativa, come previsto all’articolo 73 N;
e) misure nel settore della cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale volte ad assicurare alle persone un elevato livello di sicurezza mediante la prevenzione e la lotta contro la criminalità all’interno dell’Unione, in conformità alle disposizioni del trattato sull’Unione europea.
Articolo 73 J
Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 73 O, entro un periodo di cinque anni a decorrere dall’entrata in vigore del trattato di Amsterdam adotta:
1) misure volte a garantire, in conformità all’articolo 7 A, che non vi siano controlli sulle persone, sia cittadini dell’Unione sia cittadini di paesi terzi, all’atto dell’attraversamento delle frontiere interne;
2) misure relative all’attraversamento delle frontiere esterne degli Stati membri, che definiscono:
a) norme e procedure cui gli Stati membri devono attenersi per l’effettuazione di controlli sulle persone alle suddette frontiere;
b) regole in materia di visti relativi a soggiorni previsti di durata non superiore a tre mesi, che comprendono:
i) un elenco dei paesi terzi i cui cittadini devono essere in possesso del visto all’atto dell’attraversamento delle frontiere esterne e di quelli i cui cittadini sono esenti da tale obbligo;
ii) le procedure e condizioni per il rilascio dei visti da parte degli Stati membri;
iii) un modello uniforme di visto;
iv) norme relative a un visto uniforme;
3) misure che stabiliscono a quali condizioni i cittadini dei paesi terzi hanno libertà di spostarsi all’interno del territorio degli Stati membri per un periodo non superiore a tre mesi.
Articolo 73 K
Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 73 O, entro un periodo di cinque anni dall’entrata in vigore del trattato di Amsterdam adotta:
1) misure in materia di asilo, a norma della convenzione di Ginevra del 28 luglio 1951 e del protocollo del 31 gennaio 1967, relativo allo status dei rifugiati, e degli altri trattati pertinenti, nei seguenti settori:
a) criteri e meccanismi per determinare quale Stato membro è competente per l’esame della domanda di asilo presentata da un cittadino di un paese terzo in uno degli Stati membri,
b) norme minime relative all’accoglienza dei richiedenti asilo negli Stati membri,
c) norme minime relative all’attribuzione della qualifica di rifugiato a cittadini di paesi terzi,
d) norme minime sulle procedure applicabili negli Stati membri per la concessione o la revoca dello status di rifugiato;
2) misure applicabili ai rifugiati e agli sfollati nei seguenti settori:
a) norme minime per assicurare protezione temporanea agli sfollati di paesi terzi che non possono ritornare nel paese di origine e per le persone che altrimenti necessitano di protezione internazionale,
b) promozione di un equilibrio degli sforzi tra gli Stati membri che ricevono i rifugiati e gli sfollati e subiscono le conseguenze dell’accoglienza degli stessi;
3) misure in materia di politica dell’immigrazione nei seguenti settori:
a) condizioni di ingresso e soggiorno e norme sulle procedure per il rilascio da parte degli Stati membri di visti a lungo termine e di permessi di soggiorno, compresi quelli rilasciati a scopo di ricongiungimento familiare,
b) immigrazione e soggiorno irregolari, compreso il rimpatrio delle persone in soggiorno irregolare;
4) misure che definiscono con quali diritti e a quali condizioni i cittadini di paesi terzi che soggiornano legalmente in uno Stato membro possono soggiornare in altri Stati membri.
Le misure adottate dal Consiglio a norma dei punti 3 e 4 non ostano a che uno Stato membro mantenga o introduca, nei settori in questione, disposizioni nazionali compatibili con il presente trattato e con gli accordi internazionali.
Alle misure da adottare a norma del punto 2, lettera b), del punto 3, lettera a), e del punto 4 non si applica il suddetto periodo di cinque anni.
Articolo 73 L
1. Il presente titolo non osta all’esercizio delle responsabilità incombenti agli Stati membri per il mantenimento dell’ordine pubblico e la salvaguardia della sicurezza interna.
2. Qualora uno o più Stati membri debbano affrontare una situazione di emergenza caratterizzata dall’afflusso improvviso di cittadini di paesi terzi e fatto salvo il paragrafo 1, il Consiglio può, deliberando a maggioranza qualificata su proposta della Commissione, adottare misure temporanee di durata non superiore a sei mesi a beneficio degli Stati membri interessati.
Articolo 73 M
Le misure nel settore della cooperazione giudiziaria in materia civile che presenti implicazioni transfrontaliere, da adottare a norma dell’articolo 73 O e per quanto necessario al corretto funzionamento del mercato interno, includono:
a) il miglioramento e la semplificazione:
  • del sistema per la notificazione transnazionale degli atti giudiziari ed extragiudiziali;
  • della cooperazione nell’assunzione dei mezzi di prova;
  • del riconoscimento e dell’esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale, comprese le decisioni extragiudiziali;
b) la promozione della compatibilità delle regole applicabili negli Stati membri ai conflitti di leggi e di competenza giurisdizionale;
c) l’eliminazione degli ostacoli al corretto svolgimento dei procedimenti civili, se necessario promuovendo la compatibilità delle norme di procedura civile applicabili negli Stati membri.
Articolo 73 N
Il Consiglio, deliberando secondo procedura di cui all’articolo 73 O, adotta misure atte a garantire la cooperazione tra i pertinenti servizi delle amministrazioni degli Stati membri nelle materie disciplinate dal presente titolo, nonché tra tali servizi e la Commissione.
Articolo 73 O
1. Per un periodo transitorio di cinque anni dall’entrata in vigore del trattato di Amsterdam, il Consiglio delibera all’unanimità su proposta della Commissione o su iniziativa di uno Stato membro e previa consultazione del Parlamento europeo.
2. Trascorso tale periodo di cinque anni:
  • il Consiglio delibera su proposta della Commissione; la Commissione esamina qualsiasi richiesta formulata da uno Stato membro affinché essa sottoponga una proposta al Consiglio;
  • il Consiglio, deliberando all’unanimità previa consultazione del Parlamento europeo, prende una decisione al fine di assoggettare tutti o parte dei settori contemplati dal presente titolo alla procedura di cui all’articolo 189 B e di adattare le disposizioni relative alle competenze della Corte di giustizia.
3. In deroga ai paragrafi 1 e 2, le misure di cui all’articolo 73 J, punto 2, lettera b), punti i) e iii), successivamente all’entrata in vigore del trattato di Amsterdam, sono adottate dal Consiglio, che delibera a maggioranza qualificata su proposta della Commissione e previa consultazione del Parlamento europeo;
4. In deroga al paragrafo 2, le misure di cui all’articolo 73 J, punto 2, lettera b), punti ii) e iv), trascorso un periodo di cinque anni dall’entrata in vigore del trattato di Amsterdam, sono adottate dal Consiglio, che delibera secondo la procedura di cui all’articolo 189 B.
Articolo 73 P
1. L’articolo 177 si applica al presente titolo nelle seguenti circostanze e alle seguenti condizioni: quando è sollevata, in un giudizio pendente davanti a una giurisdizione nazionale avverso le cui decisioni non possa proporsi un ricorso giurisdizionale di diritto interno, una questione concernente l’interpretazione del presente titolo oppure la validità o l’interpretazione degli atti delle istituzioni della Comunità fondati sul presente titolo, tale giurisdizione, qualora reputi necessaria per emanare la sua sentenza una decisione su tale punto, domanda alla Corte di giustizia di pronunciarsi sulla questione.
2. La Corte di giustizia non è comunque competente a pronunciarsi sulle misure o decisioni adottate a norma dell’articolo 73 J, punto 1 in materia di mantenimento dell’ordine pubblico e salvaguardia della sicurezza interna.
3. Il Consiglio, la Commissione o uno Stato membro possono chiedere alla Corte di giustizia di pronunciarsi sull’interpretazione del presente titolo o degli atti delle istituzioni della Comunità fondati sul presente titolo. La decisione pronunciata dalla Corte di giustizia in risposta a siffatta richiesta non si applica alle sentenze degli organi giurisdizionali degli Stati membri passate in giudicato.
Articolo 73 Q
Il presente titolo si applica nel rispetto delle disposizioni del protocollo sulla posizione del Regno Unito e dell’Irlanda e del protocollo sulla posizione della Danimarca e fatto salvo il protocollo sull’applicazione di alcuni aspetti dell’articolo 7 A del trattato che istituisce la Comunità europea al Regno Unito e all’Irlanda.»
16) All’articolo 75, paragrafo 1, la parte introduttiva è sostituita dalla seguente:
«1. Ai fini dell’applicazione dell’articolo 74 e tenuto conto degli aspetti peculiari dei trasporti, il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni, stabilisce:».
17) All’articolo 100 A, il testo dei paragrafi 3, 4 e 5 è sostituito dal testo seguente:
«3. La Commissione, nelle sue proposte di cui al paragrafo 1 in materia di sanità, sicurezza, protezione dell’ambiente e protezione dei consumatori, si basa su un livello di protezione elevato, tenuto conto, in particolare, degli eventuali nuovi sviluppi fondati su riscontri scientifici. Anche il Parlamento europeo ed il Consiglio, nell’ambito delle rispettive competenze, cercheranno di conseguire tale obiettivo.
4. Allorché, dopo l’adozione da parte del Consiglio o della Commissione di una misura di armonizzazione, uno Stato membro ritenga necessario mantenere disposizioni nazionali giustificate da esigenze importanti di cui all’articolo 36 o relative alla protezione dell’ambiente o dell’ambiente di lavoro, esso notifica tali disposizioni alla Commissione precisando i motivi del mantenimento delle stesse.
5. Inoltre, fatto salvo il paragrafo 4, allorché, dopo l’adozione da parte del Consiglio o della Commissione di una misura di armonizzazione, uno Stato membro ritenga necessario introdurre disposizioni nazionali fondate su nuove prove scientifiche inerenti alla protezione dell’ambiente o dell’ambiente di lavoro, giustificate da un problema specifico a detto Stato membro insorto dopo l’adozione della misura di armonizzazione, esso notifica le disposizioni previste alla Commissione precisando i motivi dell’introduzione delle stesse.
6. La Commissione, entro sei mesi dalle notifiche di cui ai paragrafi 4 e 5, approva o respinge le disposizioni nazionali in questione dopo aver verificato se esse costituiscano o no uno strumento di discriminazione arbitraria o una restrizione dissimulata nel commercio tra gli Stati membri e se rappresentino o no un ostacolo al funzionamento del mercato interno.
In mancanza di decisione della Commissione entro detto periodo, le disposizioni nazionali di cui ai paragrafi 4 e 5 sono considerate approvate.
Se giustificato dalla complessità della questione e in assenza di pericolo per la salute umana, la Commissione può notificare allo Stato membro interessato che il periodo di cui al presente paragrafo può essere prolungato per un ulteriore periodo di massimo sei mesi.
7. Quando uno Stato membro è autorizzato, a norma del paragrafo 6, a mantenere o a introdurre disposizioni nazionali che derogano a una misura di armonizzazione, la Commissione esamina immediatamente l’opportunità di proporre un adeguamento di detta misura.
8. Quando uno Stato membro solleva un problema specifico di pubblica sanità in un settore che è stato precedentemente oggetto di misure di armonizzazione, esso lo sottopone alla Commissione che esamina immediatamente l’opportunità di proporre misure appropriate al Consiglio.
9. In deroga alla procedura di cui agli articoli 169 e 170, la Commissione o qualsiasi Stato membro può adire direttamente la Corte di giustizia ove ritenga che un altro Stato membro faccia un uso abusivo dei poteri contemplati dal presente articolo.
10. Le misure di armonizzazione di cui sopra comportano, nei casi opportuni, una clausola di salvaguardia che autorizza gli Stati membri ad adottare, per uno o più dei motivi di carattere non economico di cui all’articolo 36, misure provvisorie soggette ad una procedura comunitaria di controllo.»
18) Gli articoli 100 C e 100 D sono soppressi.
19) Dopo il titolo VI è inserito il seguente titolo:
«Titolo VI bis - OCCUPAZIONE
Articolo 109 N
Gli Stati membri e la Comunità, in base al presente titolo, si adoperano per sviluppare una strategia coordinata a favore dell’occupazione, e in particolare a favore della promozione di una forza lavoro competente, qualificata, adattabile e di mercati del lavoro in grado di rispondere ai mutamenti economici, al fine di realizzare gli obiettivi di cui all’articolo B del trattato sull’Unione europea e all’articolo 2 del presente trattato.
Articolo 109 O
1. Gli Stati membri, attraverso le loro politiche in materia di occupazione, contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi di cui all’articolo 109 N in modo coerente con gli indirizzi di massima per le politiche economiche degli Stati membri e della Comunità adottati a norma dell’articolo 103, paragrafo 2.
2. Gli Stati membri, tenuto conto delle prassi nazionali in materia di responsabilità delle parti sociali, considerano la promozione dell’occupazione una questione di interesse comune e coordinano in sede di Consiglio le loro azioni al riguardo, in base alle disposizioni dell’articolo 109 Q.
Articolo 109 P
1. La Comunità contribuisce ad un elevato livello di occupazione promuovendo la cooperazione tra gli Stati membri nonché sostenendone e, se necessario, integrandone l’azione. Sono in questo contesto rispettate le competenze degli Stati membri.
2. Nella definizione e nell’attuazione delle politiche e delle attività comunitarie si tiene conto dell’obiettivo di un livello di occupazione elevato.
Articolo 109 Q
1. In base a una relazione annuale comune del Consiglio e della Commissione, il Consiglio europeo esamina annualmente la situazione dell’occupazione nella Comunità e adotta le conclusioni del caso.
2. Sulla base delle conclusioni del Consiglio europeo, il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata su proposta della Commissione, previa consultazione del Parlamento europeo, del Comitato economico e sociale, del Comitato delle regioni e del comitato per l’occupazione di cui all’articolo 109 S, elabora annualmente degli orientamenti di cui devono tener conto gli Stati membri nelle rispettive politiche in materia di occupazione. Tali orientamenti sono coerenti con gli indirizzi di massima adottati a norma dell’articolo 103, paragrafo 2.
3. Ciascuno Stato membro trasmette al Consiglio e alla Commissione una relazione annuale sulle principali misure adottate per l’attuazione della propria politica in materia di occupazione, alla luce degli orientamenti in materia di occupazione di cui al paragrafo 2.
4. Il Consiglio, sulla base delle relazioni di cui al paragrafo 3 e dei pareri del comitato per l’occupazione, procede annualmente ad un esame dell’attuazione delle politiche degli Stati membri in materia di occupazione alla luce degli orientamenti in materia di occupazione. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata su raccomandazione della Commissione, può, se lo considera opportuno sulla base di detto esame, rivolgere raccomandazioni agli Stati membri.
5. Sulla base dei risultati di detto esame, il Consiglio e la Commissione trasmettono al Consiglio europeo una relazione annuale comune in merito alla situazione dell’occupazione nella Comunità e all’attuazione degli orientamenti in materia di occupazione.
Articolo 109 R
Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni, può adottare misure di incentivazione dirette a promuovere la cooperazione tra Stati membri e a sostenere i loro interventi nel settore dell’occupazione, mediante iniziative volte a sviluppare gli scambi di informazioni e delle migliori prassi, a fornire analisi comparative e indicazioni, nonché a promuovere approcci innovativi e a valutare le esperienze realizzate, in particolare mediante il ricorso a progetti pilota.
Tali misure non comportano l’armonizzazione delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri.
Articolo 109 S
Il Consiglio, previa consultazione del Parlamento europeo, istituisce un comitato per l’occupazione a carattere consultivo, al fine di promuovere il coordinamento tra gli Stati membri per quanto riguarda le politiche in materia di occupazione e di mercato del lavoro. Il comitato è incaricato di:
  • seguire la situazione dell’occupazione e le politiche in materia di occupazione negli Stati membri e nella Comunità;
  • fatto salvo l’articolo 151, formulare pareri su richiesta del Consiglio o della Commissione o di propria iniziativa, e contribuire alla preparazione dei lavori del Consiglio di cui all’articolo 109 Q.
Nell’esercizio delle sue funzioni, il comitato consulta le parti sociali.
Ogni Stato membro e la Commissione nominano due membri del comitato.»
20) All’articolo 113, è aggiunto il seguente paragrafo:
«5. Il Consiglio, deliberando all’unanimità su proposta della Commissione e previa consultazione del Parlamento europeo, può estendere l’applicazione dei paragrafi da 1 a 4 a negoziati e accordi internazionali su servizi e proprietà intellettuale nella misura in cui essi non rientrino in detti paragrafi.»
21) Dopo il titolo VII è inserito il seguente titolo:
«Titolo VII bis - COOPERAZIONE DOGANALE
Articolo 116
Nel quadro del campo di applicazione del presente trattato, il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B, adotta misure per rafforzare la cooperazione doganale tra gli Stati membri e tra questi ultimi e la Commissione. Tali misure non riguardano l’applicazione del diritto penale nazionale o l’amministrazione della giustizia negli Stati membri.»
22) Gli articoli da 117 a 120 sono sostituiti dagli articoli seguenti:
«Articolo 117
La Comunità e gli Stati membri, tenuti presenti i diritti sociali fondamentali, quali quelli definiti nella Carta sociale europea firmata a Torino il 18 ottobre 1961 e nella Carta comunitaria dei diritti sociali fondamentali dei lavoratori del 1989, hanno come obiettivi la promozione dell’occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, che consenta la loro parificazione nel progresso, una protezione sociale adeguata, il dialogo sociale, lo sviluppo delle risorse umane atto a consentire un livello occupazionale elevato e duraturo e la lotta contro l’emarginazione.
A tal fine, la Comunità e gli Stati membri mettono in atto misure che tengono conto della diversità delle prassi nazionali, in particolare nelle relazioni contrattuali, e della necessità di mantenere la competitività dell’economia della Comunità.
Essi ritengono che una tale evoluzione risulterà sia dal funzionamento del mercato comune, che favorirà l’armonizzarsi dei sistemi sociali, sia dalle procedure previste dal presente trattato e dal ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative.
Articolo 118
1. Per conseguire gli obiettivi previsti all’articolo 117, la Comunità sostiene e completa l’azione degli Stati membri nei seguenti settori:
  • miglioramento, in particolare, dell’ambiente di lavoro, per proteggere la sicurezza e la salute dei lavoratori,
  • condizioni di lavoro,
  • informazione e consultazione dei lavoratori,
  • integrazione delle persone escluse dal mercato del lavoro, fatto salvo l’articolo 127,
  • parità tra uomini e donne per quanto riguarda le opportunità sul mercato del lavoro ed il trattamento sul lavoro.
2. A tal fine il Consiglio può adottare mediante direttive le prescrizioni minime applicabili progressivamente, tenendo conto delle condizioni e delle normative tecniche esistenti in ciascuno Stato membro. Tali direttive evitano di imporre vincoli amministrativi, finanziari e giuridici di natura tale da ostacolare la creazione e lo sviluppo di piccole e medie imprese.
Il Consiglio delibera secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni.
Il Consiglio, deliberando secondo la stessa procedura, può adottare misure destinate a incoraggiare la cooperazione tra Stati membri attraverso iniziative volte a migliorare la conoscenza, a sviluppare gli scambi di informazioni e le migliori prassi, a promuovere approcci innovativi e a valutare le esperienze fatte, al fine di combattere l’emarginazione sociale.
3. Tuttavia, il Consiglio delibera all’unanimità, su proposta della Commissione e previa consultazione del Parlamento europeo, del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni, nei seguenti settori:
  • sicurezza sociale e protezione sociale dei lavoratori,
  • protezione dei lavoratori in caso di risoluzione del contratto di lavoro,
  • rappresentanza e difesa collettiva degli interessi dei lavoratori e dei datori di lavoro, compresa la cogestione, fatto salvo il paragrafo 6,
  • condizioni di impiego dei cittadini dei paesi terzi che soggiornano legalmente nel territorio della Comunità,
  • contributi finanziari volti alla promozione dell’occupazione e alla creazione di posti di lavoro, fatte salve le disposizioni relative al Fondo sociale europeo.
4. Uno Stato membro può affidare alle parti sociali, a loro richiesta congiunta, il compito di mettere in atto le direttive prese a norma dei paragrafi 2 e 3.
In tal caso esso si assicura che, al più tardi alla data in cui una direttiva deve essere recepita a norma dell’articolo 189, le parti sociali abbiano stabilito mediante accordo le necessarie disposizioni, fermo restando che lo Stato membro interessato deve prendere le misure necessarie che gli permettano di garantire in qualsiasi momento i risultati imposti da detta direttiva.
5. Le disposizioni adottate a norma del presente articolo non ostano a che uno Stato membro mantenga e stabilisca misure, compatibili con il presente trattato, che prevedano una maggiore protezione.
6. Le disposizioni del presente articolo non si applicano alle retribuzioni, al diritto di associazione, al diritto di sciopero né al diritto di serrata.
Articolo 118 A
1. La Commissione ha il compito di promuovere la consultazione delle parti sociali a livello comunitario e prende ogni misura utile per facilitarne il dialogo provvedendo ad un sostegno equilibrato delle parti.
2. A tal fine la Commissione, prima di presentare proposte nel settore della politica sociale, consulta le parti sociali sul possibile orientamento di un’azione comunitaria.
3. Se, dopo tale consultazione, ritiene opportuna un’azione comunitaria, la Commissione consulta le parti sociali sul contenuto della proposta prevista. Le parti sociali trasmettono alla Commissione un parere o, se opportuno, una raccomandazione.
4. In occasione della consultazione le parti sociali possono informare la Commissione della loro volontà di avviare il processo previsto dall’articolo 118 B. La durata della procedura non supera nove mesi, salvo proroga decisa in comune dalle parti sociali interessate e dalla Commissione.
Articolo 118 B
1. Il dialogo fra le parti sociali a livello comunitario può condurre, se queste lo desiderano, a relazioni contrattuali, ivi compresi accordi.
2. Gli accordi conclusi a livello comunitario sono attuati secondo le procedure e le prassi proprie delle parti sociali e degli Stati membri o, nell’ambito dei settori contemplati dall’articolo 118, e a richiesta congiunta delle parti firmatarie, in base ad una decisione del Consiglio su proposta della Commissione.
Il Consiglio delibera a maggioranza qualificata, salvo allorché l’accordo in questione contiene una o più disposizioni relative ad uno dei settori di cui all’articolo 118, paragrafo 3, nel qual caso esso delibera all’unanimità.
Articolo 118 C
Per conseguire gli obiettivi dell’articolo 117 e fatte salve le altre disposizioni del presente trattato, la Commissione incoraggia la cooperazione tra gli Stati membri e facilita il coordinamento della loro azione in tutti i settori della politica sociale contemplati dal presente capo, in particolare per le materie riguardanti:
  • l’occupazione;
  • il diritto del lavoro e le condizioni di lavoro;
  • la formazione e il perfezionamento professionale;
  • la sicurezza sociale;
  • la protezione contro gli infortuni e le malattie professionali;
  • l’igiene del lavoro;
  • il diritto di associazione e la contrattazione collettiva tra datori di lavoro e lavoratori.
A tal fine la Commissione opera a stretto contatto con gli Stati membri mediante studi e pareri e organizzando consultazioni, sia per i problemi che si presentano sul piano nazionale, che per quelli che interessano le organizzazioni internazionali.
Prima di formulare i pareri previsti dal presente articolo, la Commissione consulta il Comitato economico e sociale.
Articolo 119
1. Ciascuno Stato membro assicura l’applicazione del principio della parità di retribuzione tra lavoratori di sesso maschile e quelli di sesso femminile per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore.
2. Per retribuzione si intende, a norma del presente articolo, il salario o trattamento normale di base o minimo e tutti gli altri vantaggi pagati direttamente o indirettamente, in contanti o in natura, dal datore di lavoro al lavoratore in ragione dell’impiego di quest’ultimo.
La parità di retribuzione, senza discriminazione fondata sul sesso, implica:
a) che la retribuzione corrisposta per uno stesso lavoro pagato a cottimo sia fissata in base a una stessa unità di misura,
b) che la retribuzione corrisposta per un lavoro pagato a tempo sia uguale per uno stesso posto di lavoro.
3. Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale, adotta misure che assicurino l’applicazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento tra uomini e donne in materia di occupazione e impiego, ivi compreso il principio della parità delle retribuzioni per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore.
4. Allo scopo di assicurare l’effettiva e completa parità tra uomini e donne nella vita lavorativa, il principio della parità di trattamento non osta a che uno Stato membro mantenga o adotti misure che prevedano vantaggi specifici diretti a facilitare l’esercizio di un’attività professionale da parte del sesso sottorappresentato ovvero a evitare o compensare svantaggi nelle carriere professionali.
Articolo 119 A
Gli Stati membri si adoperano a mantenere l’equivalenza esistente nei regimi di congedo retribuito.
Articolo 120
La Commissione elabora una relazione annuale sugli sviluppi nella realizzazione degli obiettivi dell’articolo 117, compresa la situazione demografica nella Comunità. Essa trasmette la relazione al Parlamento europeo, al Consiglio e al Comitato economico e sociale.
Il Parlamento europeo può invitare la Commissione ad elaborare relazioni su problemi particolari concernenti la situazione sociale.»
23) L’articolo 125 è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 125
Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni, adotta le decisioni di applicazione relative al Fondo sociale europeo.»
24) All’articolo 127, il paragrafo 4 è sostituito dal testo seguente:
«4. Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni, adotta le misure atte a contribuire alla realizzazione degli obiettivi di cui al presente articolo, ad esclusione di qualsiasi armonizzazione delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri.»
25) All’articolo 128, il paragrafo 4 è sostituito dal testo seguente:
«4. La Comunità tiene conto degli aspetti culturali nell’azione che svolge a norma di altre disposizioni del presente trattato, in particolare ai fini di rispettare e promuovere la diversità delle sue culture.»
26) L’articolo 129 è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 129
1. Nella definizione e nell’attuazione di tutte le politiche ed attività della Comunità è garantito un livello elevato di protezione della salute umana.
L’azione della Comunità, che completa le politiche nazionali, si indirizza al miglioramento della sanità pubblica, alla prevenzione delle malattie e affezioni e all’eliminazione delle fonti di pericolo per la salute umana. Tale azione comprende la lotta contro i grandi flagelli, favorendo la ricerca sulle loro cause, la loro propagazione e la loro prevenzione, nonché l’informazione e l’educazione in materia sanitaria.
La Comunità completa l’azione degli Stati membri volta a ridurre gli effetti nocivi per la salute umana derivanti dall’uso di stupefacenti, comprese l’informazione e la prevenzione.
2. La Comunità incoraggia la cooperazione tra gli Stati membri nei settori di cui al presente articolo e, ove necessario, appoggia la loro azione.
Gli Stati membri coordinano tra loro, in collegamento con la Commissione, le rispettive politiche ed i rispettivi programmi nei settori di cui al paragrafo 1. La Commissione può prendere, in stretto contatto con gli Stati membri, ogni iniziativa utile a promuovere detto coordinamento.
3. La Comunità e gli Stati membri favoriscono la cooperazione con i paesi terzi e con le organizzazioni internazionali competenti in materia di sanità pubblica.
4. Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni, contribuisce alla realizzazione degli obiettivi previsti dal presente articolo, adottando:
a) misure che fissino parametri elevati di qualità e sicurezza degli organi e sostanze di origine umana, del sangue e degli emoderivati; tali misure non ostano a che gli Stati membri mantengano o introducano misure protettive più rigorose;
b) in deroga all’articolo 43, misure nei settori veterinario e fitosanitario il cui obiettivo primario sia la protezione della sanità pubblica;
c) misure di incentivazione destinate a proteggere e a migliorare la salute umana, ad esclusione di qualsiasi armonizzazione delle disposizioni legislative e regolamentari degli Stati membri.
Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata su proposta della Commissione, può altresì adottare raccomandazioni per i fini stabiliti dal presente articolo.
5. L’azione comunitaria nel settore della sanità pubblica rispetta appieno le competenze degli Stati membri in materia di organizzazione e fornitura di servizi sanitari e assistenza medica. In particolare le misure di cui al paragrafo 4, lettera a) non pregiudicano le disposizioni nazionali sulla donazione e l’impiego medico di organi e sangue.»
27) L’articolo 129 A è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 129 A
1. Al fine di promuovere gli interessi dei consumatori ed assicurare un livello elevato di protezione dei consumatori, la Comunità contribuisce a tutelare la salute, la sicurezza e gli interessi economici dei consumatori nonché a promuovere il loro diritto all’informazione, all’educazione e all’organizzazione per la salvaguardia dei propri interessi.
2. Nella definizione e nell’attuazione di altre politiche e attività comunitarie sono prese in considerazione le esigenze inerenti alla protezione dei consumatori.
3. La Comunità contribuisce al conseguimento degli obiettivi di cui al paragrafo 1 mediante:
a) misure adottate a norma dell’articolo 100 A nel quadro della realizzazione del mercato interno;
b) misure di sostegno, di integrazione e di controllo della politica svolta dagli Stati membri.
4. Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale, adotta le misure di cui al paragrafo 3, lettera b).
5. Le misure adottate a norma del paragrafo 4 non impediscono ai singoli Stati membri di mantenere o di introdurre misure di protezione più rigorose. Tali misure devono essere compatibili con il presente trattato. Esse sono notificate alla Commissione.»
28) All’articolo 129 C, paragrafo 1, primo comma, la prima parte del terzo trattino è sostituita dal testo seguente:
«- può appoggiare progetti di interesse comune sostenuti dagli Stati membri, individuati nell’ambito degli orientamenti di cui al primo trattino, in particolare mediante studi di fattibilità, garanzie di prestito o abbuoni di interesse;».
29) Il testo dell’articolo 129 D è sostituito dal testo seguente:
a) il primo comma è sostituito dal testo seguente:
«Gli orientamenti e le altre misure di cui all’articolo 129 C, paragrafo 1, sono adottati dal Consiglio, che delibera in conformità della procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale e del Comitato delle Regioni.»
b) il terzo comma è soppresso.
30) All’articolo 130 A, il secondo comma è sostituito dal testo seguente:
«In particolare la Comunità mira a ridurre il divario tra i livelli di sviluppo delle varie regioni ed il ritardo delle regioni meno favorite o insulari, comprese le zone rurali.»
31) All’articolo 130 E, il primo comma è sostituito dal testo seguente:
«Le decisioni d’applicazione relative al Fondo europeo di sviluppo regionale sono adottate dal Consiglio, che delibera secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni.»
32) All’articolo 130 I, il primo comma del paragrafo 1 è sostituito dal testo seguente:
«1. Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale, adotta un programma quadro pluriennale che comprende l’insieme delle azioni della Comunità.»
33) L’articolo 130 O è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 130 O
Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata su proposta della Commissione e previa consultazione del Parlamento europeo e del Comitato economico e sociale, adotta le disposizioni di cui all’articolo 130 N.
Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale, adotta le disposizioni di cui agli articoli 130 J, 130 K e 130 L. L’adozione dei programmi complementari richiede l’accordo degli Stati membri interessati.»
34) All’articolo 130 R, il paragrafo 2 è sostituito dal testo seguente:
«2. La politica della Comunità in materia ambientale mira a un elevato livello di tutela, tenendo conto della diversità delle situazioni nelle varie regioni della Comunità. Essa è fondata sui principi della precauzione e dell’azione preventiva, sul principio della correzione, in via prioritaria alla fonte, dei danni causati all’ambiente, nonché sul principio “chi inquina paga.”
In tale contesto, le misure di armonizzazione rispondenti ad esigenze di protezione dell’ambiente comportano, nei casi opportuni, una clausola di salvaguardia che autorizza gli Stati membri a prendere, per motivi ambientali di natura non economica, misure provvisorie soggette ad una procedura comunitaria di controllo.»
35) L’articolo 130 S è modificato come segue:
a) Il paragrafo 1 è sostituito dal testo seguente:
«1. Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni, decide in merito alle azioni che devono essere intraprese dalla Comunità per realizzare gli obiettivi dell’articolo 130 R.»;
b) La parte introduttiva del paragrafo 2 è sostituita dal testo seguente:
«2. In deroga alla procedura decisionale di cui al paragrafo 1 e fatto salvo l’articolo 100 A, il Consiglio, deliberando all’unanimità su proposta della Commissione e previa consultazione del Parlamento europeo, del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni, adotta:»;
c) Il primo comma del paragrafo 3 è sostituito dal testo seguente:
«3. In altri settori il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B e previa consultazione del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni, adotta programmi generali d’azione che fissano gli obiettivi prioritari da raggiungere.»
36) All’articolo 130 W, il paragrafo 1 è sostituito dal testo seguente:
«1. Fatte salve le altre disposizioni del presente trattato, il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B, adotta le misure necessarie al conseguimento degli obiettivi di cui all’articolo 130 U. Tali misure possono assumere la forma di programmi pluriennali.»
37) All’articolo 137 è aggiunto il comma seguente:
«Il numero dei membri del Parlamento europeo non può essere superiore a settecento.»
38) L’articolo 138 è modificato come segue:
a) nel paragrafo 3, il primo comma è sostituito dal testo seguente:
«3. Il Parlamento europeo elabora un progetto volto a permettere l’elezione a suffragio universale diretto, secondo una procedura uniforme in tutti gli Stati membri o secondo principi comuni a tutti gli Stati membri.»;
b) è aggiunto il seguente paragrafo:
«4. Previo parere della Commissione e con l’approvazione del Consiglio, che delibera all’unanimità, il Parlamento europeo stabilisce lo statuto e le condizioni generali per l’esercizio delle funzioni dei suoi membri.»
39) L’articolo 151 è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 151
1. Un comitato costituito dai rappresentanti permanenti degli Stati membri è responsabile della preparazione del lavoro del Consiglio e dell’esecuzione dei compiti che il Consiglio gli assegna. Il comitato può adottare decisioni di procedura nei casi previsti dal regolamento interno del Consiglio.
2. Il Consiglio è assistito dal segretariato generale, sotto la responsabilità di un segretario generale, Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune, coadiuvato da un vicesegretario generale che è responsabile del funzionamento del segretariato generale. Il segretario generale ed il vicesegretario generale sono nominati dal Consiglio che delibera all’unanimità.
Il Consiglio decide in merito all’organizzazione del segretariato generale.
3. Il Consiglio adotta il proprio regolamento interno.
Ai fini dell’applicazione dell’articolo 191 A, paragrafo 3, il Consiglio definisce nel proprio regolamento interno le condizioni alle quali il pubblico accede ai suoi documenti. Ai fini del presente paragrafo il Consiglio definisce i casi in cui si deve considerare che esso deliberi in qualità di legislatore onde consentire, in tali casi, un maggior accesso ai documenti, preservando nel contempo l’efficacia del processo decisionale. In ogni caso, quando il Consiglio delibera in qualità di legislatore, i risultati delle votazioni, le dichiarazioni di voto e le dichiarazioni a verbale sono resi pubblici.»
40) All’articolo 158, paragrafo 2, il primo e il secondo comma sono sostituiti dal testo seguente:
«2. I governi degli Stati membri designano, di comune accordo, la persona che intendono nominare presidente della Commissione; la nomina è approvata dal Parlamento europeo.
I governi degli Stati membri designano, di comune accordo con il presidente designato, le altre persone che intendono nominare membri della Commissione.»
41) All’articolo 163, è inserito come primo comma il seguente comma:
«La Commissione agisce nel quadro degli orientamenti politici del suo presidente.»
42) All’articolo 173, il terzo comma è sostituito dal testo seguente:
«La Corte di giustizia è competente, alle stesse condizioni, a pronunciarsi sui ricorsi che il Parlamento europeo, la Corte dei conti e la BCE propongono per salvaguardare le proprie prerogative.»
43) L’articolo 188 C è modificato come segue:
a) Il secondo comma del paragrafo 1 è sostituito dal testo seguente:
«La Corte dei conti presenta al Parlamento europeo e al Consiglio una dichiarazione in cui attesta l’affidabilità dei conti e la legittimità e la regolarità delle relative operazioni, che è pubblicata nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee.»;
b) Il primo comma del paragrafo 2 è sostituito dal testo seguente:
«2. La Corte dei conti controlla la legittimità e la regolarità delle entrate e delle spese ed accerta la sana gestione finanziaria. Nell’esercitare tale controllo, essa riferisce in particolare su ogni caso di irregolarità.»;
c) Il paragrafo 3 è sostituito dal testo seguente:
«3. Il controllo ha luogo tanto sui documenti quanto, in caso di necessità, sul posto, presso le altre istituzioni della Comunità, nei locali di qualsiasi organismo che gestisca le entrate o le spese per conto della Comunità e negli Stati membri, compresi i locali di persone fisiche o giuridiche che ricevano contributi a carico del bilancio. Il controllo negli Stati membri si effettua in collaborazione con le istituzioni nazionali di controllo o, se queste non hanno la necessaria competenza, con i servizi nazionali competenti. La Corte dei conti e le istituzioni nazionali di controllo degli Stati membri cooperano in uno spirito di reciproca fiducia, pur mantenendo la loro indipendenza. Tali istituzioni o servizi comunicano alla Corte dei conti se intendono partecipare al controllo.
Le altre istituzioni della Comunità, gli organismi che gestiscono le entrate o le spese per conto della Comunità, le persone fisiche o giuridiche che ricevono contributi a carico del bilancio e le istituzioni nazionali di controllo o, se queste non hanno la necessaria competenza, i servizi nazionali competenti trasmettono alla Corte dei conti, a sua richiesta, i documenti e le informazioni necessari all’espletamento delle sue funzioni.
Per quanto riguarda l’attività della Banca europea per gli investimenti in merito alla gestione delle entrate e delle spese della Comunità, il diritto della Corte di accedere alle informazioni in possesso della Banca è disciplinato da un accordo tra la Corte, la Banca e la Commissione. In mancanza di un accordo, la Corte ha tuttavia accesso alle informazioni necessarie al controllo delle entrate e delle spese della Comunità gestite dalla Banca.»
44) L’articolo 189 B è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 189 B
1. Quando nel presente trattato si fa riferimento al presente articolo per l’adozione di un atto, si applica la procedura che segue.
2. La Commissione presenta una proposta al Parlamento europeo e al Consiglio.
Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata e previo parere del Parlamento europeo:
  • se approva tutti gli emendamenti contenuti nel parere del Parlamento europeo, può adottare l’atto proposto così emendato;
  • se il Parlamento europeo non propone emendamenti, può adottare l’atto proposto;
  • adotta altrimenti una posizione comune e la comunica al Parlamento europeo. Il Consiglio informa esaurientemente il Parlamento europeo dei motivi che l’hanno indotto ad adottare la posizione comune. La Commissione informa esaurientemente il Parlamento europeo della sua posizione.
Se, entro un termine di tre mesi da tale comunicazione, il Parlamento europeo:
a) approva la posizione comune o non si è pronunciato, l’atto in questione si considera adottato in conformità con la posizione comune;
b) respinge la posizione comune, a maggioranza assoluta dei membri che lo compongono, l’atto proposto si considera non adottato;
c) propone emendamenti alla posizione comune, a maggioranza assoluta dei membri che lo compongono, il testo così emendato viene comunicato al Consiglio e alla Commissione che formula un parere su tali emendamenti.
3. Se, entro un termine di tre mesi dal ricevimento degli emendamenti del Parlamento europeo, il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, approva tutti gli emendamenti, l’atto in questione si considera adottato nella forma della posizione comune così emendata; tuttavia il Consiglio deve deliberare all’unanimità sugli emendamenti su cui la Commissione ha dato parere negativo. Se il Consiglio non approva tutti gli emendamenti, il presidente del Consiglio, d’intesa con il presidente del Parlamento europeo, convoca entro sei settimane il comitato di conciliazione.
4. Il comitato di conciliazione, che riunisce i membri del Consiglio o i loro rappresentanti ed altrettanti rappresentanti del Parlamento europeo, ha il compito di giungere ad un accordo su un progetto comune a maggioranza qualificata dei membri del Consiglio o dei loro rappresentanti e a maggioranza dei rappresentanti del Parlamento europeo. La Commissione partecipa ai lavori del comitato di conciliazione e prende tutte le iniziative necessarie per favorire un ravvicinamento fra le posizioni del Parlamento europeo e del Consiglio. Nell’adempiere tale compito il comitato di conciliazione si richiama alla posizione comune in base agli emendamenti proposti dal Parlamento europeo.
5. Se, entro un termine di sei settimane dopo la sua convocazione, il comitato di conciliazione approva un progetto comune, il Parlamento europeo e il Consiglio dispongono di un termine di sei settimane a decorrere dall’approvazione per adottare l’atto in questione in base al progetto comune, a maggioranza assoluta dei voti espressi per quanto concerne il Parlamento europeo e a maggioranza qualificata per quanto concerne il Consiglio. In mancanza di approvazione da parte di una delle due istituzioni entro tale termine, l’atto in questione si considera non adottato.
6. Se il comitato di conciliazione non approva un progetto comune, l’atto proposto si considera non adottato.
7. I termini di tre mesi e di sei settimane di cui al presente articolo sono prorogati rispettivamente di un mese e di due settimane, al massimo, su iniziativa del Parlamento europeo o del Consiglio.»
45) È inserito il seguente articolo:
«Articolo 191 A
1. Qualsiasi cittadino dell’Unione e qualsiasi persona fisica o giuridica che risieda o abbia la sede sociale in uno Stato membro ha il diritto di accedere ai documenti del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione, secondo i principi e alle condizioni da definire a norma dei paragrafi 2 e 3.
2. I principi generali e le limitazioni a tutela di interessi pubblici o privati applicabili al diritto di accesso ai documenti sono stabiliti dal Consiglio, che delibera secondo la procedura di cui all’articolo 189 B entro due anni dall’entrata in vigore del trattato di Amsterdam.
3. Ciascuna delle suddette istituzioni definisce nel proprio regolamento interno disposizioni specifiche riguardanti l’accesso ai propri documenti.»
46) All’articolo 198 è aggiunto il seguente comma:
«Il Comitato può essere consultato dal Parlamento europeo.»
47) All’articolo 198 A, il terzo comma è sostituito dal testo seguente:
«I membri del Comitato nonché un numero uguale di supplenti sono nominati, su proposta dei rispettivi Stati membri, per quattro anni dal Consiglio, che delibera all’unanimità. Il loro mandato è rinnovabile. I membri del Comitato non possono essere nel contempo membri del Parlamento europeo.»
48) All’articolo 198 B, il secondo comma è sostituito dal testo seguente:
«Esso stabilisce il proprio regolamento interno.»
49) L’articolo 198 C è modificato come segue:
a) Il primo comma è sostituito dal testo seguente:
«Il Consiglio o la Commissione consultano il Comitato delle regioni nei casi previsti dal presente trattato e in tutti gli altri casi in cui una di tali due istituzioni lo ritenga opportuno, in particolare nei casi concernenti la cooperazione transfrontaliera.»;
b) dopo il terzo comma è inserito il seguente comma:
«Il Comitato delle regioni può essere consultato dal Parlamento europeo.»
50) All’articolo 205, il primo comma è sostituito dal testo seguente:
«La Commissione cura l’esecuzione del bilancio, in base alle disposizioni del regolamento stabilito in esecuzione dell’articolo 209, sotto la propria responsabilità e nei limiti dei crediti stanziati, in conformità del principio della buona gestione finanziaria. Gli Stati membri cooperano con la Commissione per garantire che gli stanziamenti siano utilizzati secondo i principi della buona gestione finanziaria.»
51) All’articolo 206, il paragrafo 1 è sostituito dal testo seguente:
«1. Il Parlamento europeo, su raccomandazione del Consiglio che delibera a maggioranza qualificata, dà atto alla Commissione dell’esecuzione del bilancio. A tale scopo esso esamina, successivamente al Consiglio, i conti e il bilancio finanziario di cui all’articolo 205 bis, la relazione annua della Corte dei conti, accompagnata dalle risposte delle istituzioni controllate alle osservazioni della Corte stessa, la dichiarazione di affidabilità di cui all’articolo 188 C, paragrafo 1, secondo comma, nonché le pertinenti relazioni speciali della Corte.»
52) L’articolo 209 A è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 209 A
1. La Comunità e gli Stati membri combattono contro la frode e le altre attività illegali che ledono gli interessi finanziari della Comunità stessa mediante misure adottate a norma del presente articolo, che siano dissuasive e tali da permettere una protezione efficace negli Stati membri.
2. Gli Stati membri adottano, per combattere contro la frode che lede gli interessi finanziari della Comunità, le stesse misure che adottano per combattere contro la frode che lede i loro interessi finanziari.
3. Fatte salve altre disposizioni del presente trattato, gli Stati membri coordinano l’azione diretta a tutelare gli interessi finanziari della Comunità contro la frode. A tale fine essi organizzano, assieme alla Commissione, una stretta e regolare cooperazione tra le autorità competenti.
4. Il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B, previa consultazione della Corte dei conti, adotta le misure necessarie nei settori della prevenzione e lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari della Comunità, al fine di pervenire a una protezione efficace ed equivalente in tutti gli Stati membri. Tali misure non riguardano l’applicazione del diritto penale nazionale o l’amministrazione della giustizia negli Stati membri.
5. La Commissione, in cooperazione con gli Stati membri, presenta ogni anno al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione sulle misure adottate ai fini dell’attuazione del presente articolo.»
53) È inserito il seguente articolo:
«Articolo 213 A
1. Fatto salvo l’articolo 5 del protocollo dello statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea, il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B, adotta misure per l’elaborazione di statistiche laddove necessario per lo svolgimento delle attività della Comunità.
2. L’elaborazione delle statistiche della Comunità presenta i caratteri dell’imparzialità, dell’affidabilità, dell’obiettività, dell’indipendenza scientifica, dell’efficienza economica e della riservatezza statistica; essa non comporta oneri eccessivi per gli operatori economici.»
54) È inserito il seguente articolo:
«Articolo 213 B
1. A decorrere dal 1o gennaio 1999 gli atti comunitari sulla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali nonché alla libera circolazione di tali dati si applicano alle istituzioni e agli organismi istituiti dal presente trattato o sulla base del medesimo.
2. Anteriormente alla data di cui al paragrafo 1 il Consiglio, deliberando secondo la procedura di cui all’articolo 189 B, istituisce un organo di controllo indipendente incaricato di sorvegliare l’applicazione di detti atti alle istituzioni e agli organismi comunitari e adotta, se del caso, tutte le altre pertinenti disposizioni.»
55) All’articolo 227, il paragrafo 2 è sostituito dal seguente testo:
«2. Le disposizioni del presente trattato si applicano ai dipartimenti francesi d’oltremare, alle Azzorre, a Madera e alle isole Canarie.
Tuttavia, tenuto conto della situazione socioeconomica strutturale dei dipartimenti francesi d’oltremare, delle Azzorre, di Madera e delle isole Canarie, aggravata dalla loro grande distanza, dall’insularità, dalla superficie ridotta, dalla topografia e dal clima difficili, dalla dipendenza economica da alcuni prodotti, fattori la cui persistenza e il cui cumulo recano grave danno al loro sviluppo, il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata su proposta della Commissione e previa consultazione del Parlamento europeo, adotta misure specifiche volte, in particolare, a stabilire le condizioni di applicazione del presente trattato a tali regioni, ivi comprese politiche comuni.
Il Consiglio, all’atto dell’adozione delle pertinenti misure di cui al secondo comma, prende in considerazione settori quali politiche doganali e commerciali, politica fiscale, zone franche, politiche in materia di agricoltura e di pesca, condizioni di fornitura delle materie prime e di beni di consumo primari, aiuti di Stato e condizioni di accesso ai fondi strutturali e ai programmi orizzontali della Comunità.
Il Consiglio adotta le misure di cui al secondo comma tenendo conto delle caratteristiche e dei vincoli specifici delle regioni ultraperiferiche senza compromettere l’integrità e la coerenza dell’ordinamento giuridico comunitario, ivi compresi il mercato interno e le politiche comuni.»
56) L’articolo 228 è modificato come segue:
a) il secondo comma del paragrafo 1 è sostituito dal testo seguente:
«Nell’esercizio delle competenze attribuitegli dal presente paragrafo, il Consiglio delibera a maggioranza qualificata, salvo nei casi in cui il primo comma del paragrafo 2 richiede l’unanimità.»;
b) Il paragrafo 2 è sostituito dal testo seguente:
«2. Fatte salve le competenze riconosciute alla Commissione in questo settore, la firma, eventualmente accompagnata da una decisione riguardante l’applicazione provvisoria prima dell’entrata in vigore, e la conclusione degli accordi sono decise dal Consiglio, che delibera a maggioranza qualificata su proposta della Commissione. Il Consiglio delibera all’unanimità quando l’accordo riguarda un settore per il quale è richiesta l’unanimità sul piano interno, nonché per gli accordi di cui all’articolo 238.
In deroga alle norme previste dal paragrafo 3, si applicano le stesse procedure alle decisioni volte a sospendere l’applicazione di un accordo e allo scopo di stabilire le posizioni da adottare a nome della Comunità in un organismo istituito da un accordo basato sull’articolo 238, se tale organismo deve adottare decisioni che hanno effetti giuridici, fatta eccezione per le decisioni che integrano o modificano il quadro istituzionale dell’accordo.
Il Parlamento europeo è immediatamente e pienamente informato di qualsiasi decisione, adottata a norma del presente paragrafo, relativa all’applicazione provvisoria o alla sospensione di accordi, ovvero alla definizione della posizione della Comunità nell’ambito di un organismo istituito da un accordo basato sull’articolo 238.»
57) È inserito il seguente articolo:
«Articolo 236
1. Qualora sia stato deciso di sospendere i diritti di voto del rappresentante del governo di uno Stato membro a norma dell’articolo F.1, paragrafo 2 del trattato sull’Unione europea, i suddetti diritti di voto sono sospesi anche per quanto concerne il presente trattato.
2. Inoltre, qualora sia stata constatata, a norma dell’articolo F.1, paragrafo 1 del trattato sull’Unione europea, l’esistenza di una violazione grave e persistente da parte di uno Stato membro dei principi di cui all’articolo F, paragrafo 1, il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può decidere di sospendere, per lo Stato membro in questione, alcuni dei diritti derivanti dall’applicazione del presente trattato. Nell’agire in tal senso, il Consiglio tiene conto delle possibili conseguenze di una siffatta sospensione sui diritti e sugli obblighi delle persone fisiche e giuridiche.
Gli obblighi dello Stato membro in questione a norma del presente trattato continuano comunque ad essere vincolanti per lo Stato medesimo.
3. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può successivamente decidere di modificare o revocare le misure adottate a norma del paragrafo 2, per rispondere ai cambiamenti nella situazione che ha portato alla loro imposizione.
4. Quando adotta le decisioni di cui ai paragrafi 2 e 3, il Consiglio delibera senza tener conto del voto del rappresentante del governo dello Stato membro in questione. In deroga all’articolo 148, paragrafo 2, per maggioranza qualificata si intende una proporzione di voti ponderati dei membri del Consiglio interessati equivalente a quella prevista all’articolo 148, paragrafo 2.
Il presente paragrafo si applica anche in caso di sospensione dei diritti di voto a norma del paragrafo 1. In tali casi, le decisioni che richiedono l’unanimità sono adottate senza il voto del rappresentante del governo dello Stato membro in questione.»
58) Il protocollo sulla politica sociale e l’accordo sulla politica sociale allo stesso allegato sono soppressi.
59) Il protocollo sul Comitato economico e sociale e sul Comitato delle regioni sono soppressi.
Articolo 3
Il trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell’acciaio è modificato in base alle disposizioni del presente articolo.
1) All’articolo 10, il primo e il secondo comma del paragrafo 2 sono sostituiti dal testo seguente:
«2. I governi degli Stati membri designano, di comune accordo, la persona che intendono nominare presidente della Commissione; la nomina è approvata dal Parlamento europeo.
I governi degli Stati membri designano, di comune accordo con il presidente designato, le altre persone che intendono nominare membri della Commissione.»
2) All’articolo 13, è inserito come primo comma il seguente comma:
«La Commissione agisce nel quadro degli orientamenti politici del suo presidente.»
3) All’articolo 20 è aggiunto il seguente comma:
«Il numero dei membri del Parlamento europeo non può essere superiore a settecento.»
4) L’articolo 21 è modificato come segue:
a) al paragrafo 3, il primo comma è sostituito dal testo seguente:
«3. Il Parlamento europeo elabora un progetto volto a permettere l’elezione a suffragio universale diretto, secondo una procedura uniforme in tutti gli Stati membri o secondo principi comuni a tutti gli Stati membri.»;
b) è aggiunto il seguente paragrafo:
«4. Previo parere della Commissione e, con l’approvazione del Consiglio, che delibera all’unanimità, il Parlamento europeo stabilisce lo statuto e le condizioni generali per l’esercizio delle funzioni dei suoi membri.»
5) L’articolo 30 è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 30
1. Un comitato costituito dai rappresentanti permanenti degli Stati membri è responsabile della preparazione del lavoro del Consiglio e dell’esecuzione dei compiti che il Consiglio gli assegna. Il comitato può adottare decisioni di procedura nei casi previsti dal regolamento interno del Consiglio.
2. Il Consiglio è assistito dal segretariato generale, sotto la responsabilità di un segretario generale, Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune, coadiuvato da un vicesegretario generale che è responsabile del funzionamento del segretariato generale. Il segretario generale ed il vicesegretario generale sono nominati dal Consiglio, che delibera all’unanimità.
Il Consiglio decide in merito all’organizzazione del segretariato generale.
3. Il Consiglio adotta il proprio regolamento interno.»
6) All’articolo 33, il quarto comma è sostituito dal seguente testo:
«La Corte di giustizia è competente, alle stesse condizioni, a pronunciarsi sui ricorsi che il Parlamento europeo e la Corte dei conti propongono per salvaguardare le proprie prerogative.»
7) L’articolo 45 ter è modificato come segue:
a) Il secondo comma del paragrafo 1 è sostituito dal seguente testo:
«La Corte dei conti presenta al Parlamento europeo e al Consiglio una dichiarazione in cui attesta l’affidabilità dei conti e la legittimità e la regolarità delle relative operazioni, che è pubblicata nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee.»
b) Il primo comma del paragrafo 2 è sostituito dal seguente testo:
«2. La Corte dei conti controlla la legittimità e la regolarità delle entrate e delle spese ed accerta la sana gestione finanziaria. Nell’esercitare tale controllo, essa riferisce in particolare su ogni caso di irregolarità.»;
c) Il paragrafo 3 è sostituito dal seguente testo:
«3. Il controllo ha luogo tanto sui documenti quanto, in caso di necessità, sul posto, presso le altre istituzioni della Comunità, nei locali di qualsiasi organismo che gestisca le entrate o le spese per conto della Comunità e negli Stati membri, compresi i locali di persone fisiche o giuridiche che ricevano contributi a carico del bilancio. Il controllo negli Stati membri si effettua in collaborazione con le istituzioni nazionali di controllo o, se queste non hanno la necessaria competenza, con i servizi nazionali competenti. La Corte dei conti e le istituzioni nazionali di controllo degli Stati membri cooperano in uno spirito di reciproca fiducia, pur mantenendo la loro indipendenza. Tali istituzioni o servizi comunicano alla Corte dei conti se intendono partecipare al controllo.
Le altre istituzioni della Comunità, gli organismi che gestiscono le entrate o le spese per conto della Comunità, le persone fisiche o giuridiche che ricevono contributi a carico del bilancio e le istituzioni nazionali di controllo o, se queste non hanno la necessaria competenza, i servizi nazionali competenti trasmettono alla Corte dei conti, a sua richiesta, i documenti e le informazioni necessari all’espletamento delle sue funzioni.
Per quanto riguarda l’attività della Banca europea per gli investimenti in merito alla gestione delle entrate e delle spese della Comunità, il diritto della Corte di accedere alle informazioni in possesso della Banca è disciplinata da un accordo tra la Corte, la Banca e la Commissione. In mancanza di un accordo, la Corte ha tuttavia accesso alle informazioni necessarie al controllo delle entrate e delle spese della Comunità gestite dalla Banca.»
8) All’articolo 78 ter, il primo comma è sostituito dal seguente testo:
«La Commissione cura l’esecuzione del bilancio, in base alle disposizioni del regolamento stabilito in esecuzione dell’articolo 78 nono, sotto la propria responsabilità e nei limiti dei crediti stanziati, in conformità del principio della buona gestione finanziaria. Gli Stati membri cooperano con la Commissione per garantire che gli stanziamenti di bilancio siano utilizzati secondo i principi della buona gestione finanziaria.»
9) All’articolo 78 ottavo, il paragrafo 1 è sostituito dal seguente testo:
«1. Il Parlamento europeo, su raccomandazione del Consiglio che delibera a maggioranza qualificata, dà atto alla Commissione dell’esecuzione del bilancio. A tale scopo esso esamina, successivamente al Consiglio, i conti e il bilancio finanziario di cui all’articolo 78 quinto, la relazione annua della Corte dei conti, accompagnata dalle risposte delle istituzioni controllate alle osservazioni della Corte stessa, la dichiarazione di affidabilità di cui all’articolo 45 C, paragrafo 1, secondo comma, nonché le pertinenti relazioni speciali della Corte.»
10) È inserito il seguente articolo:
«Articolo 96
1. Qualora sia stato deciso di sospendere i diritti di voto del rappresentante del governo di uno Stato membro a norma dell’articolo F.1, paragrafo 2 del trattato sull’Unione europea, i suddetti diritti di voto sono sospesi anche per quanto concerne il presente trattato.
2. Inoltre, qualora sia stata constatata, a norma dell’articolo F.1, paragrafo 1 del trattato sull’Unione europea, l’esistenza di una violazione grave e persistente da parte di uno Stato membro dei principi di cui all’articolo F, paragrafo 1, il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può decidere di sospendere alcuni dei diritti derivanti allo Stato membro in questione dall’applicazione del presente trattato. Nell’agire in tal senso, il Consiglio tiene conto delle possibili conseguenze di una siffatta sospensione sui diritti e sugli obblighi delle persone fisiche e giuridiche.
Lo Stato membro in questione continua in ogni caso ad essere vincolato dagli obblighi che gli derivano dal presente trattato.
3. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può successivamente decidere di modificare o revocare le misure adottate a norma del paragrafo 2, per rispondere ai cambiamenti nella situazione che ha portato alla loro imposizione.
4. Quando adotta le decisioni di cui ai paragrafi 2 e 3, il Consiglio delibera senza tener conto dei voti del rappresentante del governo dello Stato membro in questione. In deroga all’articolo 28, quarto comma, per maggioranza qualificata si intende la stessa proporzione di voti dei membri del Consiglio interessati secondo la ponderazione di cui all’articolo 28, quarto comma.
Il presente paragrafo si applica anche in caso di sospensione dei diritti di voto a norma del paragrafo 1. In tali casi, le decisioni che richiedono l’unanimità sono adottate senza il voto del rappresentante del governo dello Stato membro in questione.»
Articolo 4
Il trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica è modificato in base alle disposizioni del presente articolo.
1) All’articolo 107 è aggiunto il seguente comma:
«Il numero dei membri del Parlamento europeo non può essere superiore a settecento.»
2) L’articolo 108 è modificato come segue:
a) al paragrafo 3, il primo comma è sostituito dal testo seguente:
«3. Il Parlamento europeo elabora un progetto volto a permettere l’elezione a suffragio universale diretto, secondo una procedura uniforme in tutti gli Stati membri o secondo principi comuni a tutti gli Stati membri.»
b) è aggiunto il seguente paragrafo:
«4. Previo parere della Commissione e, con l’approvazione del Consiglio, che delibera all’unanimità, il Parlamento europeo stabilisce lo statuto e le condizioni generali per l’esercizio delle funzioni dei suoi membri.»
3) L’articolo 121 è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 121
1. Un comitato costituito dai rappresentanti permanenti degli Stati membri è responsabile della preparazione del lavoro del Consiglio e dell’esecuzione dei compiti che il Consiglio gli assegna. Il comitato può adottare decisioni di procedura nei casi previsti dal regolamento interno del Consiglio.
2. Il Consiglio è assistito dal segretariato generale, sotto la responsabilità di un segretario generale, Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune, coadiuvato da un vicesegretario generale che è responsabile del funzionamento del segretariato generale. Il segretario generale ed il vicesegretario generale sono nominati dal Consiglio, che delibera all’unanimità.
Il Consiglio decide in merito all’organizzazione del segretariato generale.
3. Il Consiglio adotta il proprio regolamento interno.»
4) All’articolo 127, il primo e il secondo comma del paragrafo 2 sono sostituiti dal testo seguente:
«2. I governi degli Stati membri designano, di comune accordo, la persona che intendono nominare presidente della Commissione; la nomina è approvata dal Parlamento europeo.
I governi degli Stati membri designano, di comune accordo con il presidente designato, le altre persone che intendono nominare membri della Commissione.»
5) All’articolo 132 è inserito il seguente comma come primo comma:
«La Commissione agisce nel quadro degli orientamenti politici del suo presidente.»
6) All’articolo 146, il terzo comma è sostituito dal testo seguente:
«La Corte di giustizia è competente, alle stesse condizioni, a pronunciarsi sui ricorsi che il Parlamento europeo e la Corte dei conti propongono per salvaguardare le proprie prerogative.»
7) L’articolo 160 C è modificato come segue:
a) il secondo comma del paragrafo 1 è sostituito dal seguente testo:
«La Corte dei conti presenta al Parlamento e al Consiglio europeo una dichiarazione in cui attesta l’affidabilità dei conti e la legittimità e la regolarità delle relative operazioni, che è pubblicata nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee.»;
b) il primo comma del paragrafo 2 è sostituito dal seguente testo:
«2. La Corte dei conti controlla la legittimità e la regolarità delle entrate e delle spese ed accerta la sana gestione finanziaria. Nell’esercitare tale controllo, essa riferisce in particolare su ogni caso di irregolarità.»;
c) il paragrafo 3 è sostituito dal testo seguente:
«3. Il controllo ha luogo tanto sui documenti quanto, in caso di necessità, sul posto, presso le altre istituzioni della Comunità, nei locali di qualsiasi organismo che gestisca le entrate o le spese per conto della Comunità e negli Stati membri, compresi i locali di persone fisiche o giuridiche che ricevano contributi a carico del bilancio. Il controllo negli Stati membri si effettua in collaborazione con le istituzioni nazionali di controllo o, se queste non hanno la necessaria competenza, con i servizi nazionali competenti. La Corte dei conti e le istituzioni nazionali di controllo degli Stati membri cooperano in uno spirito di reciproca fiducia, pur mantenendo la loro indipendenza. Tali istituzioni o servizi comunicano alla Corte dei conti se intendono partecipare al controllo.
Le altre istituzioni della Comunità, gli organismi che gestiscono le entrate o le spese per conto della Comunità, le persone fisiche o giuridiche che ricevono contributi a carico del bilancio e le istituzioni nazionali di controllo o, se queste non hanno la necessaria competenza, i servizi nazionali competenti trasmettono alla Corte dei conti, a sua richiesta, i documenti e le informazioni necessari all’espletamento delle sue funzioni.
Per quanto riguarda l’attività della Banca europea per gli investimenti in merito alla gestione delle entrate e delle spese della Comunità, il diritto della Corte di accedere alle informazioni in possesso della Banca è disciplinata da un accordo tra la Corte, la Banca e la Commissione. In mancanza di un accordo, la Corte ha tuttavia accesso alle informazioni necessarie al controllo delle entrate e delle spese della Comunità gestite dalla Banca.»
8) All’articolo 170 è aggiunto il seguente comma:
«Il Comitato economico e sociale può essere consultato dal Parlamento europeo.»
9) All’articolo 179, il primo comma è sostituito dal seguente testo:
«La Commissione cura l’esecuzione del bilancio, in base alle disposizioni del regolamento stabilito in esecuzione dell’articolo 183, sotto la propria responsabilità e nei limiti dei crediti stanziati, in conformità del principio della buona gestione finanziaria. Gli Stati membri cooperano con la Commissione per garantire che gli stanziamenti siano utilizzati secondo i principi della buona gestione finanziaria.»
10) All’articolo 180 B, il paragrafo 1 è sostituito dal seguente testo:
«1. Il Parlamento europeo, su raccomandazione del Consiglio che delibera a maggioranza qualificata, dà atto alla Commissione dell’esecuzione del bilancio. A tale scopo esso esamina, successivamente al Consiglio, i conti e il bilancio finanziario di cui all’articolo 179 bis, la relazione annua della Corte dei conti, accompagnata dalle risposte delle istituzioni controllate alle osservazioni della Corte stessa, la dichiarazione di affidabilità di cui all’articolo 160 C, paragrafo 1, secondo comma, nonché le pertinenti relazioni speciali della Corte.»
11) È inserito il seguente articolo:
«Articolo 204
1. Qualora sia stato deciso di sospendere i diritti di voto del rappresentante del governo di uno Stato membro a norma dell’articolo F.1, paragrafo 2 del trattato sull’Unione europea, i suddetti diritti di voto sono sospesi anche per quanto concerne il presente trattato.
2. Inoltre, qualora sia stata constatata, a norma dell’articolo F.1, paragrafo 1 del trattato sull’Unione europea, l’esistenza di una violazione grave e persistente da parte di uno Stato membro dei principi di cui all’articolo F, paragrafo 1, il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può decidere di sospendere alcuni dei diritti derivanti allo Stato membro in questione dall’applicazione del presente trattato. Nell’agire in tal senso, il Consiglio tiene conto delle possibili conseguenze di una siffatta sospensione sui diritti e sugli obblighi delle persone fisiche e giuridiche.
Lo Stato membro in questione continua in ogni caso ad essere vincolato dagli obblighi che gli derivano dal presente trattato.
3. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può successivamente decidere di modificare o revocare le misure adottate a norma del paragrafo 2, per rispondere ai cambiamenti nella situazione che ha portato alla loro imposizione.
4. Quando adotta le decisioni di cui ai paragrafi 2 e 3, il Consiglio delibera senza tener conto dei voti del rappresentante del governo dello Stato membro in questione. In deroga all’articolo 118, paragrafo 2, per maggioranza qualificata si intende la stessa proporzione di voti dei membri del Consiglio interessati secondo la ponderazione di cui all’articolo 118, paragrafo 2.
Il presente paragrafo si applica anche in caso di sospensione dei diritti di voto a norma del paragrafo 1. In tali casi, le decisioni che richiedono l’unanimità sono adottate senza il voto del rappresentante del governo dello Stato membro in questione.»
Articolo 5
L’atto relativo all’elezione dei rappresentanti nel Parlamento europeo a suffragio universale diretto, allegato alla decisione del Consiglio del 20 settembre 1976, è modificato in base alle disposizioni del presente articolo.
1) All’articolo 2 è aggiunto il seguente comma:
«In caso di modifiche del presente articolo, il numero dei rappresentanti eletti in ciascuno Stato membro deve garantire un’adeguata rappresentanza dei popoli degli Stati riuniti nella Comunità.»
2) All’articolo 6, paragrafo 1, dopo il quinto trattino è inserito il seguente trattino:
«- membro del Comitato delle regioni,».
3) All’articolo 7, il paragrafo 2 è sostituito dal testo seguente:
«2. Fino all’entrata in vigore di una procedura elettorale uniforme o di una procedura basata su principi comuni e fatte salve le altre disposizioni del presente atto, la procedura elettorale è disciplinata in ciascuno Stato membro dalle disposizioni nazionali.»
4) L’articolo 11 è sostituito dal testo seguente:
«Fino all’entrata in vigore della procedura uniforme o di una procedura basata sui principi comuni di cui all’articolo 7, il Parlamento europeo verifica i poteri dei rappresentanti. A tal fine, esso prende atto dei risultati proclamati ufficialmente dagli Stati membri e decide sulle contestazioni che potrebbero essere eventualmente presentate in base alle disposizioni del presente atto, fatta eccezione per le disposizioni nazionali cui tale atto rinvia.»
5) All’articolo 12, il paragrafo 1 è sostituito dal testo seguente:
«1. Fino all’entrata in vigore della procedura uniforme o di una procedura basata sui principi comuni di cui all’articolo 7 e fatte salve le altre disposizioni del presente atto, ciascuno Stato membro stabilisce le opportune procedure per coprire i seggi, resisi vacanti durante il periodo quinquennale di cui all’articolo 3, per la restante durata di detto periodo.»

PARTE SECONDA - SEMPLIFICAZIONE

Articolo 6
Il trattato che istituisce la Comunità europea, compresi i suoi allegati e i suoi protocolli, è modificato secondo le disposizioni del presente articolo al fine di sopprimere disposizioni obsolete di tale trattato e di adattare di conseguenza il testo di talune delle sue disposizioni.
I. TESTO DEGLI ARTICOLI DEL TRATTATO
1) All’articolo 3, lettera a), la parola «l’abolizione» è sostituita da «il divieto».
2) L’articolo 7 è abrogato.
3) L’articolo 7 A è modificato come segue:
a) il primo e il secondo comma sono numerati e diventano così i paragrafi 1 e 2;
b) nel nuovo paragrafo 1, sono soppressi i riferimenti all’articolo 7 B, all’articolo 70, paragrafo 1 e all’articolo 100 B;
c) è aggiunto un paragrafo 3 con il testo del secondo comma dell’articolo 7 B, così redatto:
«3. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata su proposta della Commissione, definisce gli orientamenti e le condizioni necessari per garantire un progresso equilibrato nell’insieme dei settori considerati.».
4) L’articolo 7 B è abrogato.
5) L’articolo 8 B è modificato come segue:
a) al paragrafo 1, le parole «, dovrà adottare entro il 31 dicembre 1994,» sono soppresse e dopo le parole «Tale diritto sarà esercitato con riserva delle modalità che il Consiglio . . .» è inserita la parola «adotta,». Dopo le parole «. . . e del Parlamento europeo», la virgola è sostituita da un punto e virgola.
b) al paragrafo 2, prima frase, il riferimento all’«articolo 138, paragrafo 3» diventa un riferimento all’«articolo 138, paragrafo 4»;
c) al paragrafo 2, seconda frase, le parole «, dovrà adottare entro il 31 dicembre 1994,» sono soppresse e dopo le parole «Tale diritto sarà esercitato con riserva delle modalità che il Consiglio . . .» è inserita la parola «adotta,». Dopo le parole «. . . e del Parlamento europeo» la virgola è sostituita da un punto e virgola.
6) All’articolo 8 C, seconda frase, le parole «Entro il 31 dicembre 1993, gli Stati membri stabiliranno tra loro le disposizioni necessarie e avvieranno» sono sostituite da «Gli Stati membri stabiliscono tra loro le disposizioni necessarie e avviano».
7) All’articolo 8 E, primo comma, le parole «entro il 31 dicembre 1993 e in seguito» sono soppresse.
8) All’articolo 9, paragrafo 2, le parole «Le disposizioni del capo 1, sezione prima, e del capo 2 . . .» sono sostituite da «Le disposizioni dell’articolo 12 e del capo 2 . . .».
9) All’articolo 10, il paragrafo 2 è soppresso e il paragrafo 1 rimane senza numero.
10) L’articolo 11 è abrogato.
11) Al capo 1, Unione doganale, il titolo «Sezione 1 - Abolizione dei dazi doganali fra gli Stati membri» è soppresso.
12) L’articolo 12 è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 12
I dazi doganali all’importazione o all’esportazione o le tasse di effetto equivalente sono vietati tra gli Stati membri. Tale divieto si applica anche ai dazi doganali di carattere fiscale.»
13) Gli articoli da 13 a 17 sono abrogati.
14) Il titolo «Sezione 2 - Fissazione della tariffa doganale comune» è soppresso.
15) Gli articoli da 18 a 27 sono abrogati.
16) L’articolo 28 è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 28
I dazi della tariffa doganale comune sono stabiliti dal Consiglio, che delibera a maggioranza qualificata su proposta della Commissione.»
17) Nella parte introduttiva dell’articolo 29, le parole «della presente sezione» sono sostituite da «del presente capo».
18) Nel titolo del capo 2, la parola «ABOLIZIONE» è sostituita da «DIVIETO».
19) All’articolo 30, le parole «Senza pregiudizio delle disposizioni che seguono, sono vietate» sono sostituite da «sono vietate».
20) Gli articoli 31, 32 e 33 sono abrogati.
21) All’articolo 34, il paragrafo 2 è soppresso e il paragrafo 1 resta senza numero.
22) L’articolo 35 è abrogato.
23) All’articolo 36, le parole «Le disposizioni degli articoli da 30 a 34 inclusi» sono sostituite da «Le disposizioni degli articoli 30 e 34».
24) L’articolo 37 è modificato come segue:
a) al paragrafo 1, primo comma, la parola «progressivo» e le parole «alla fine del periodo transitorio» sono soppresse;
b) al paragrafo 2, la parola «all’abolizione» è sostituita da «al divieto»;
c) i paragrafi 3, 5 e 6 sono soppressi e il paragrafo 4 diventa il paragrafo 3;
d) nel nuovo paragrafo 3, le parole «avuto riguardo al ritmo degli adattamenti possibili e delle specializzazioni necessarie» sono soppresse e la virgola che precede questo testo è sostituita da un punto.
25) L’articolo 38 è modificato come segue:
a) al paragrafo 3, il riferimento all’allegato II è sostituito con un riferimento all’allegato I e la seconda frase che comincia con «Tuttavia, nel termine di due anni . . .» è soppressa.
b) al paragrafo 4, le parole «degli Stati membri» sono soppresse.
26) L’articolo 40 è modificato come segue:
a) il paragrafo 1 è soppresso e i paragrafi 2, 3 e 4 diventano i paragrafi 1, 2 e 3;
b) nel nuovo paragrafo 1, primo comma, le parole «sarà creata» sono sostituite da «è creata»;
c) nel nuovo paragrafo 2, il rinvio al «paragrafo 2» deve leggersi «paragrafo 1»;
d) nel nuovo paragrafo 3, il rinvio al «paragrafo 2» deve leggersi «paragrafo 1».
27) L’articolo 43 è modificato come segue:
a) al paragrafo 2, terzo comma, le parole «all’unanimità durante le prime due tappe e a maggioranza qualificata in seguito» sono sostituite da «a maggioranza qualificata»;
b) ai paragrafi 2 e 3, il rinvio all’«articolo 40, paragrafo 2» deve leggersi «articolo 40, paragrafo 1».
28) Gli articoli 44 e 45, nonché l’articolo 47 sono abrogati.
29) All’articolo 48, paragrafo 1, le parole «al più tardi al termine del periodo transitorio» sono soppresse.
30) L’articolo 49 è modificato come segue:
a) nella parte introduttiva, le parole «Fin dall’entrata in vigore del presente trattato, il Consiglio» sono sostituite da «Il Consiglio, . . .» e la parola «progressivamente» è soppressa;
b) alle lettere b) e c) rispettivamente, le parole «, in base ad un piano progressivo,» sono soppresse.
31) L’articolo 52, primo comma, è modificato come segue:
a) nella prima frase, le parole «vengono gradatamente soppresse durante il periodo transitorio» sono sostituite da «vengono vietate»;
b) nella seconda frase, le parole «Tale graduale soppressione» sono sostituite da «Tale divieto».
32) L’articolo 53 è abrogato.
33) L’articolo 54 è modificato come segue:
a) il paragrafo 1 è soppresso e i paragrafi 2 e 3 diventano i paragrafi 1 e 2;
b) nel nuovo paragrafo 1, le parole «Per realizzare il programma generale ovvero, in mancanza di tale programma, per portare a compimento una tappa dell’attuazione della libertà di stabilimento» sono sostituite da «Per realizzare la libertà di stabilimento».
34) All’articolo 59, primo comma, le parole «sono gradatamente soppresse durante il periodo transitorio» sono sostituite da «sono vietate».
35) All’articolo 61, paragrafo 2, le parole «liberalizzazione progressiva della circolazione dei capitali» sono sostituite da «liberalizzazione della circolazione dei capitali».
36) L’articolo 62 è abrogato.
37) L’articolo 63 è modificato come segue:
a) il paragrafo 1 è soppresso e i paragrafi 2 e 3 diventano i paragrafi 1 e 2;
b) nel nuovo paragrafo 1, le parole «Per attuare il programma generale ovvero, in mancanza di tale programma, per realizzare una tappa della liberalizzazione di un determinato servizio,» sono sostituite da «Per realizzare la liberalizzazione di un determinato servizio,» e le parole «deliberando all’unanimità fino al termine della prima tappa e a maggioranza qualificata in seguito» sono sostituite da «deliberando a maggioranza qualificata»;
c) nel nuovo paragrafo 2, le parole «Nelle proposte e decisioni di cui ai paragrafi 1 e 2» sono sostituite da «Nelle direttive di cui al paragrafo 1».
38) All’articolo 64, primo comma, le parole «63, paragrafo 2» sono sostituite da «63, paragrafo 1».
39) Gli articoli da 67 a 73 A, l’articolo 73 E e l’articolo 73 H sono abrogati.
40) All’articolo 75, il paragrafo 2 è soppresso e il paragrafo 3 diventa il paragrafo 2.
41) All’articolo 76, le parole «all’entrata in vigore del presente trattato» sono sostituite da «al 1° gennaio 1958 o, per gli Stati aderenti, alla data della loro adesione».
42) L’articolo 79 è modificato come segue:
a) al paragrafo 1, le parole «Entro e non oltre il termine della seconda tappa devono essere abolite . . .» sono sostituite da «Devono essere abolite . . .»;
b) al paragrafo 3, le parole «, entro due anni dall’entrata in vigore del presente trattato,» sono soppresse.
43) All’articolo 80, paragrafo 1, le parole «A decorrere dall’inizio della seconda tappa, è fatto divieto . . .» sono sostituite da «È fatto divieto . . .».
44) All’articolo 83, le parole «restando impregiudicate le attribuzioni della sezione dei trasporti del Comitato economico e sociale» sono sostituite da «restando impregiudicate le attribuzioni del Comitato economico e sociale».
45) All’articolo 84, paragrafo 2, secondo comma, le parole «procedura di cui all’articolo 75, paragrafi 1 e 3» sono sostituite da «procedura di cui all’articolo 75».
46) All’articolo 87, i due commi del paragrafo 1 sono fusi in un unico paragrafo. Questo nuovo paragrafo è così redatto:
«1. I regolamenti e le direttive utili ai fini dell’applicazione dei principi contemplati dagli articoli 85 e 86 sono stabiliti dal Consiglio, che delibera a maggioranza qualificata su proposta della Commissione e previa consultazione del Parlamento europeo.»
47) All’articolo 89, paragrafo 1, le parole «, fin dall’entrata in funzione,» sono soppresse.
48) Dopo l’articolo 90, il titolo «Sezione 2 - Pratiche di dumping» è soppresso.
49) L’articolo 91 è abrogato.
50) Prima dell’articolo 92, il titolo «Sezione 3» è sostituito da «Sezione 2».
51) All’articolo 92, paragrafo 3, lettera c), la seconda frase che comincia con «Tuttavia, gli aiuti alla costruzione navale . . .» e che termina con «. . . nei confronti dei paesi terzi,» è soppressa e il resto della lettera c) si conclude con una virgola.
52) All’articolo 95, il terzo comma è soppresso.
53) Gli articoli 97 e 100 B sono abrogati.
54) All’articolo 101, secondo comma, le parole «deliberando all’unanimità durante la prima tappa e a maggioranza qualificata in seguito» sono sostituite da «deliberando a maggioranza qualificata».
55) All’articolo 109 E, paragrafo 2, lettera a), primo trattino, sono soppresse le seguenti parole: «, fatto salvo l’articolo 73 E,».
56) L’articolo 109 F è modificato come segue:
a) al paragrafo 1, secondo comma, le parole «su raccomandazione, secondo i casi, del comitato dei governatori delle banche centrali della Comunità europea (in appresso denominato “comitato dei governatori”), o del consiglio dell’IME» sono sostituite da «su raccomandazione del consiglio dell’IME»;
b) al paragrafo 1, il quarto comma, il cui testo è «Il comitato dei governatori delle banche centrali degli Stati membri viene sciolto all’inizio della seconda fase», è soppresso;
c) al paragrafo 8, il secondo comma, il cui testo è «Nei casi in cui il presente trattato prevede un ruolo consultivo dell’IME, i riferimenti all’IME vanno intesi, prima del 1o gennaio 1994, come riferimenti al comitato dei governatori», è soppresso.
57) L’articolo 112 è modificato come segue:
a) al paragrafo 1, primo comma, le parole «prima del termine del periodo transitorio» sono soppresse;
b) al paragrafo 1, secondo comma, le parole «il Consiglio stabilisce, all’unanimità fino al termine della seconda tappa e a maggioranza qualificata in seguito» sono sostituite da «il Consiglio stabilisce a maggioranza qualificata».
58) All’articolo 129 C, paragrafo 1, primo comma, terzo trattino, le parole «Fondo di coesione da istituire entro e non oltre il 31 dicembre 1993» sono sostituite da «Fondo di coesione istituito».
59) All’articolo 130 D, secondo comma, le parole «Il Consiglio, deliberando secondo la stessa procedura, istituisce entro il 31 dicembre 1993 un Fondo di coesione per l’erogazione . . .» sono sostituite da «Un Fondo di coesione è istituito dal Consiglio secondo la stessa procedura, per l’erogazione . . .».
60) All’articolo 130 S, paragrafo 5, secondo trattino, le parole «Fondo di coesione da istituire entro e non oltre il 31 dicembre 1993 in conformità dell’articolo 130 D» sono sostituite da «Fondo di coesione istituito in conformità dell’articolo 130 D».
61) All’articolo 130 W, paragrafo 3, l’espressione «convenzione ACP-CEE» è sostituita da «convenzione ACP-CE».
62) All’articolo 131, primo comma, le parole «il Belgio» e «l’Italia» sono soppresse ed il riferimento all’allegato IV è sostituito con un riferimento all’allegato II.
63) L’articolo 133 è modificato come segue:
a) al paragrafo 1, le parole «dell’eliminazione totale» sono sostituite da «del divieto» e la parola «progressivamente» è soppressa;
b) al paragrafo 2, le parole «progressivamente soppressi» sono sostituite da «vietati» e i riferimenti agli articoli 13, 14, 15 e 17 sono soppressi, per cui il paragrafo termina con «. . . conformemente alle disposizioni dell’articolo 12.»;
c) al paragrafo 3, secondo comma, le parole «I dazi di cui al comma precedente sono tuttavia progressivamente ridotti fino al livello di quelli . . .» sono sostituite da «I dazi di cui al comma precedente non possono eccedere . . .» e la seconda frase che inizia con «La percentuale e il ritmo» e termina con «nel paese o territorio importatore» è soppressa;
d) al paragrafo 4, le parole «al momento dell’entrata in vigore del presente trattato» sono soppresse.
64) L’articolo 136 è sostituito dal testo seguente:
«Articolo 136
Il Consiglio, deliberando all’unanimità, stabilisce, muovendo dalle realizzazioni acquisite nell’ambito dell’associazione tra i paesi e territori e la Comunità, e basandosi sui principi iscritti nel presente trattato, le disposizioni relative alle modalità e alla procedura dell’associazione tra i paesi e territori e la Comunità.»
65) L’articolo 138 è modificato come segue, per includere l’articolo 1, l’articolo 2 modificato dall’articolo 5 del presente trattato e l’articolo 3, paragrafo 1 dell’atto relativo all’elezione dei rappresentanti al Parlamento europeo a suffragio universale diretto, allegato alla decisione del Consiglio del 20 settembre 1976; l’allegato II di tale atto continua ad applicarsi:
a) al posto dei paragrafi 1 e 2, divenuti obsoleti a norma dell’articolo 14 dell’atto relativo all’elezione dei rappresentanti al Parlamento europeo a suffragio universale diretto, è inserito il testo degli articoli 1 e 2 di detto atto come paragrafi 1 e 2; questi nuovi paragrafi 1 e 2 sono così redatti:
«1. I rappresentanti, al Parlamento europeo, dei popoli degli Stati riuniti nella Comunità sono eletti a suffragio universale diretto.
2. Il numero dei rappresentanti eletti in ogni Stato membro è fissato come segue:
Belgio 25
Danimarca 16
Germania 99
Grecia 25
Spagna 64
Francia 87
Irlanda 15
Italia 87
Lussemburgo 6
Paesi Bassi 31
Austria 21
Portogallo 25
Finlandia 16
Svezia 22
Regno Unito 87.
In caso di modifiche del presente paragrafo, il numero dei rappresentanti eletti in ciascuno Stato membro deve garantire un’adeguata rappresentanza dei popoli degli Stati riuniti nella Comunità.»;
b) dopo i nuovi paragrafi 1 e 2, è inserito il testo dell’articolo 3, paragrafo 1 del suddetto atto come paragrafo 3; il nuovo paragrafo 3 è così redatto:
«3. I rappresentanti sono eletti per un periodo di cinque anni.»;
c) l’attuale paragrafo 3, modificato dall’articolo 2 del presente trattato, diventa il paragrafo 4;
d) il paragrafo 4, aggiunto dall’articolo 2 del presente trattato, diventa il paragrafo 5.
66) All’articolo 158, il paragrafo 3 è soppresso.
67) All’articolo 166, primo comma, le parole «dalla data di adesione» sono sostituite da «dal 1o gennaio 1995».
68) All’articolo 188 B, paragrafo 3, il secondo comma che inizia con «Tuttavia, nelle prime nomine . . .» è soppresso.
69) All’articolo 197, il secondo comma, che inizia con «Il comitato annovera . . .», è soppresso.
70) All’articolo 207, il secondo, il terzo, il quarto e il quinto comma sono soppressi.
71) Al posto dell’articolo 212, è inserito il testo dell’articolo 24, paragrafo 1, secondo comma del trattato che istituisce un Consiglio e una Commissione unica delle Comunità europee; pertanto il nuovo articolo 212 è così redatto:
«Articolo 212
Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata su proposta della Commissione e previa consultazione delle altre istituzioni interessate, stabilisce lo statuto dei funzionari delle Comunità europee e il regime applicabile agli altri agenti di tali Comunità.»
72) Al posto dell’articolo 218 è inserito il testo dell’articolo 28, primo comma del trattato che istituisce un Consiglio unico e una Commissione unica delle Comunità europee; pertanto, il nuovo articolo 218 è così redatto:
«Articolo 218
La Comunità gode, sul territorio degli Stati membri, delle immunità e dei privilegi necessari all’assolvimento dei suoi compiti, alle condizioni definite dal protocollo dell’8 aprile 1965 sui privilegi e sulle immunità delle Comunità europee. Lo stesso vale per la Banca centrale europea, per l’Istituto monetario europeo e per la Banca europea per gli investimenti.»
73) All’articolo 221, le parole «gli Stati membri, nel termine di tre anni dall’entrata in vigore del presente trattato, applicano . . .» sono sostituite da «gli Stati membri applicano . . .».
74) All’articolo 223, i paragrafi 2 e 3 sono fusi e sostituiti dal testo seguente:
«2. Il Consiglio, deliberando all’unanimità su proposta della Commissione, può apportare modificazioni all’elenco, stabilito il 15 aprile 1958, dei prodotti cui si applicano le disposizioni del paragrafo 1, lettera b).»
75) L’articolo 226 è abrogato.
76) L’articolo 227 è modificato come segue:
a) al paragrafo 3, il riferimento all’allegato IV è sostituito da un riferimento all’allegato II;
b) dopo il paragrafo 4 è inserito un nuovo paragrafo 5, così redatto:
«5. Le disposizioni del presente trattato si applicano alle isole Åland conformemente alle disposizioni contenute nel protocollo n. 2 dell’atto relativo alle condizioni di adesione della Repubblica d’Austria, della Repubblica di Finlandia e del Regno di Svezia.»;
c) l’attuale paragrafo 5 diventa il paragrafo 6 e la lettera d) riguardante le isole Åland è soppressa; la lettera c) termina con un punto.
77) All’articolo 229, primo comma, le parole «gli organi delle Nazioni Unite, degli istituti specializzati delle Nazioni Unite e dell’accordo generale sulle tariffe doganali e il commercio» sono sostituite da «gli organi delle Nazioni Unite e degli istituti specializzati delle Nazioni Unite».
78) All’articolo 234, primo comma, le parole «anteriormente all’entrata in vigore del presente trattato» sono sostituite da «anteriormente al 1o gennaio 1958 o, per gli Stati aderenti, anteriormente alla data della loro adesione».
79) Prima dell’articolo 241, il titolo «Insediamento delle istituzioni» è soppresso.
80) Gli articoli da 241 a 246 sono abrogati.
81) All’articolo 248 è aggiunto il nuovo comma seguente:
«In forza dei trattati di adesione, fanno ugualmente fede le versioni del presente trattato in lingua danese, finlandese, greca, inglese, irlandese, portoghese, spagnola e svedese.»
II. ALLEGATI
1) L’allegato I «Elenchi da A a G previsti dagli articoli 19 e 20 del trattato» è soppresso.
2) L’allegato II «Elenco previsto dall’articolo 38 del trattato» diventa l’allegato I e il riferimento all’«allegato II del trattato» di cui ai numeri ex 22.8 ed ex 22.9 diventa il riferimento all’«allegato I del trattato».
3) L’allegato III «Elenco delle transazioni invisibili contemplato dall’articolo 73 H del trattato» è soppresso.
4) L’allegato IV «Paesi e territori d’oltremare cui si applicano le disposizioni della parte quarta del trattato» diventa l’allegato II. Esso è aggiornato ed è così redatto:
«ALLEGATO II - PAESI E TERRITORI D’OLTREMARE cui si applicano le disposizioni della parte quarta del trattato
  • Groenlandia,
  • Nuova Caledonia e dipendenze,
  • Polinesia francese,
  • Terre australi ed antartiche francesi,
  • Isole Wallis e Futuna,
  • Mayotte,
  • Saint-Pierre e Miquelon,
  • Aruba,
  • Antille olandesi:
  • Bonaire,
  • Curaçao,
  • Saba,
  • Sint Eustatius,
  • Sint Maarten,
  • Anguilla,
  • Isole Cayman,
  • Isole Falkland,
  • Georgia del Sud ed isole Sandwich del Sud,
  • Montserrat,
  • Pitcairn,
  • Sant’Elena e dipendenze,
  • Territori dell’Antartico britannico,
  • Territori britannici dell’Oceano indiano,
  • Isole Turks e Caicos,
  • Isole Vergini britanniche,
  • le Bermude.»
III. PROTOCOLLI E ALTRI ATTI
1) Sono abrogati i seguenti protocolli e atti:
a) il protocollo (n. 7) che modifica il protocollo sui privilegi e sulle immunità delle Comunità europee;
b) il protocollo relativo al commercio interno tedesco e ai problemi che vi si connettono;
c) il protocollo relativo a talune disposizioni riguardanti la Francia;
d) il protocollo concernente il Granducato del Lussemburgo;
e) il protocollo relativo al regime da applicare ai prodotti di competenza della Comunità europea del carbone e dell’acciaio nei confronti dell’Algeria e dei dipartimenti d’oltremare delle Repubblica francese;
f) il protocollo concernente gli oli minerali e taluni loro derivati;
g) il protocollo concernente l’applicazione del trattato che istituisce la Comunità europea alle parti non europee del Regno dei Paesi Bassi;
h) la convenzione di applicazione relativa all’associazione dei paesi e territori d’oltremare alla Comunità;
  • il protocollo relativo al contingente tariffario per le importazioni di banane (ex 08.01 della nomenclatura di Bruxelles);
  • il protocollo relativo al contingente tariffario per le importazioni di caffè verde (ex 09.01 della nomenclatura di Bruxelles).
2) Alla fine del protocollo sullo statuto della Banca europea per gli investimenti, l’elenco dei firmatari è soppresso.
3) Il protocollo sullo statuto della Corte di giustizia della Comunità europea è modificato come segue:
a) le parole «HANNO DESIGNATO, a tal fine, come plenipotenziari:» nonché l’elenco dei capi di Stato e dei loro plenipotenziari sono soppressi;
b) le parole «I QUALI, dopo aver scambiato i loro poteri, riconosciuti in buona e debita forma,» sono soppresse;
c) all’articolo 3, è aggiunto come quarto comma il testo adattato dell’articolo 21 del protocollo sui privilegi e sulle immunità delle Comunità europee; pertanto, questo nuovo quarto comma è così redatto:
«Gli articoli da 12 a 15 incluso e 18 del protocollo sui privilegi e sulle immunità delle Comunità europee sono applicabili ai giudici, agli avvocati generali, al cancelliere e ai relatori aggiunti della Corte di giustizia, senza pregiudizio delle disposizioni relative all’immunità di giurisdizione dei giudici che figurano nei commi precedenti.»;
d) l’articolo 57 è abrogato;
e) la formula finale «IN FEDE DI CHE, i plenipotenziari sottoscritti hanno apposto le loro firme in calce al presente protocollo.» è soppressa;
f) l’elenco dei firmatari è soppresso.
4) All’articolo 40 del protocollo sullo statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea, le parole «allegato al trattato che istituisce un Consiglio unico e una Commissione unica delle Comunità europee» sono soppresse.
5) All’articolo 21 del protocollo sullo statuto dell’Istituto monetario europeo, le parole «allegato al trattato che istituisce un Consiglio unico e una Commissione unica delle Comunità europee» sono soppresse.
6) Il protocollo concernente l’Italia è modificato come segue:
a) all’ultimo paragrafo, che inizia con le parole «RICONOSCONO in particolare che», il rinvio agli articoli 108 e 109 è sostituito da un rinvio agli articoli 109 H e 109 I;
b) l’elenco dei firmatari è soppresso.
7) Il protocollo relativo alle merci originarie e provenienti da taluni paesi che beneficiano di un regime particolare all’importazione in uno degli Stati membri è modificato come segue:
a) nella parte introduttiva del punto 1:
  • le parole «al momento dell’entrata in vigore del trattato» sono sostituite da «al 1° gennaio 1958»;
  • dopo le parole «alle importazioni» è aggiunto il testo della lettera a); pertanto il testo che risulta da tale aggiunta è così redatto:
«. . . alle importazioni nei paesi del Benelux di merci originarie e provenienti dal Suriname e o dalle Antille olandesi»;
b) al punto 1, le lettere a), b) e c) sono soppresse;
c) al punto 3, le parole «Entro la fine del primo anno successivo all’entrata in vigore del trattato, gli Stati membri trasmettono . . .» sono sostituite da «Gli Stati membri trasmettono . . .»;
d) l’elenco dei firmatari è soppresso.
8) Il protocollo sulle importazioni nella Comunità europea di prodotti del petrolio raffinati nelle Antille olandesi è modificato come segue:
a) la formula conclusiva «IN FEDE DI CHE i plenipotenziari sottoscritti hanno apposto le loro firme in calce al presente protocollo.» è soppressa;
b) l’elenco dei firmatari è soppresso.
9) Nel protocollo concernente il regime particolare applicabile alla Groenlandia, l’articolo 3 è soppresso.
Articolo 7
Il trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell’acciaio, compresi i suoi allegati, i protocolli e altri atti ad esso connessi, è modificato secondo le disposizioni del presente articolo al fine di sopprimere disposizioni obsolete del trattato e di adattare di conseguenza il testo di alcune delle sue disposizioni.
I. TESTO DEGLI ARTICOLI DEL TRATTATO
1) All’articolo 2, secondo comma, la parola «progressiva» è soppressa.
2) All’articolo 4, parte introduttiva, le parole «aboliti e» sono soppresse.
3) L’articolo 7 è modificato come segue:
a) al primo trattino, le parole «un’ALTA AUTORITÀ, appresso denominata la “Commissione”», sono sostituite da «una COMMISSIONE»;
b) al secondo trattino, le parole «un’ASSEMBLEA COMUNE, appresso denominata il “Parlamento Europeo”», sono sostituite da «un PARLAMENTO EUROPEO»;
c) al terzo trattino, le parole «un CONSIGLIO SPECIALE DEI MINISTRI, appresso denominato il “Consiglio”», sono sostituite da «un CONSIGLIO».
4) All’articolo 10, il paragrafo 3 è soppresso.
5) All’articolo 16, il primo e il secondo comma sono soppressi.
6) L’articolo 21 è modificato come segue, per includere l’articolo 1, l’articolo 2 modificato dall’articolo 5 del presente trattato e l’articolo 3, paragrafo 1 dell’atto relativo all’elezione dei rappresentanti al Parlamento europeo a suffragio universale diretto, allegato alla decisione del Consiglio del 20 settembre 1976; l’allegato II di tale atto continua ad applicarsi:
a) al posto dei paragrafi 1 e 2, divenuti obsoleti a norma dell’articolo 14 dell’atto relativo all’elezione dei rappresentanti al Parlamento europeo a suffragio universale diretto, è inserito il testo degli articoli 1 e 2 di detto atto come paragrafi 1 e 2; questi nuovi paragrafi 1 e 2 sono così redatti:
«1. I rappresentanti, al Parlamento europeo, dei popoli degli Stati riuniti nella Comunità sono eletti a suffragio universale diretto.
2. Il numero dei rappresentanti eletti in ogni Stato membro è fissato come segue:
Belgio 25
Danimarca 16
Germania 99
Grecia 25
Spagna 64
Francia 87
Irlanda 15
Italia 87
Lussemburgo 6
Paesi Bassi 31
Austria 21
Portogallo 25
Finlandia 16
Svezia 22
Regno Unito 87.
In caso di modifiche del presente paragrafo, il numero dei rappresentanti eletti in ciascuno Stato membro deve garantire un’adeguata rappresentanza dei popoli degli Stati riuniti nella Comunità.»;
b) dopo i nuovi paragrafi 1 e 2, è inserito il testo dell’articolo 3, paragrafo 1 del suddetto atto come paragrafo 3; il nuovo paragrafo 3 è così redatto:
«3. I rappresentanti sono eletti per un periodo di cinque anni.»;
c) l’attuale paragrafo 3, modificato dall’articolo 3 del presente trattato, diventa il paragrafo 4;
d) il paragrafo 4, aggiunto dall’articolo 3 del presente trattato, diventa il paragrafo 5.
7) All’articolo 32 bis, primo comma, le parole «dalla data di adesione» sono sostituite da «dal 1o gennaio 1995».
8) All’articolo 45 B, paragrafo 3, il secondo comma che inizia con «Tuttavia, nelle prime nomine . . .,» è soppresso.
9) All’articolo 50, il testo adattato dei paragrafi 2 e 3 dell’articolo 20 del trattato che istituisce un Consiglio unico e una Commissione unica è inserito come nuovi paragrafi 4 e 5; pertanto, questi nuovi paragrafi 4 e 5 sono così redatti:
«4. La parte delle spese del bilancio delle Comunità coperta con le imposizioni previste dall’articolo 49 è fissata in 18 milioni di unità di conto.
La Commissione presenta ogni anno al Consiglio una relazione in base alla quale il Consiglio esamina se sia il caso di adattare questa cifra all’evoluzione del bilancio delle Comunità. Il Consiglio delibera alla maggioranza prevista dall’articolo 28, quarto comma, prima frase. Tale adattamento viene fatto sulla base di una valutazione dell’evoluzione delle spese risultanti dall’applicazione del presente trattato.
5. La parte delle imposizioni destinata alla copertura delle spese di bilancio delle Comunità è attribuita dalla Commissione all’esecuzione di detto bilancio, conformemente al ritmo stabilito dai regolamenti finanziari adottati a norma dell’articolo 209, lettera b) del trattato che istituisce la Comunità europea e dell’articolo 183, lettera b) del trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica.»
10) L’articolo 52 è abrogato.
11) Al posto dell’articolo 76 è inserito il testo adattato dell’articolo 28, primo comma del trattato che istituisce un Consiglio unico e una Commissione unica delle Comunità europee; pertanto, questo nuovo articolo 76 è così redatto:
«Articolo 76
La Comunità gode, sul territorio degli Stati membri, delle immunità e dei privilegi necessari all’assolvimento dei suoi compiti, alle condizioni definite dal protocollo dell’8 aprile 1965 sui privilegi e sulle immunità delle Comunità europee.»
12) L’articolo 79 è modificato come segue:
a) alla seconda frase del primo comma, la parte di frase che inizia con «per quanto concerne la Sarre . . .» è soppressa e il punto e virgola è sostituito da un punto;
b) dopo il primo comma, è inserito un secondo comma così redatto:
«Le disposizioni del presente trattato si applicano alle isole Åland conformemente alle disposizioni contenute nel protocollo n. 2 dell’atto relativo alle condizioni di adesioni della Repubblica d’Austria, della Repubblica di Finlandia e del Regno di Svezia.»;
c) nell’attuale secondo comma, nella parte introduttiva, le parole «In deroga al comma precedente:» sono sostituite da «In deroga ai commi precedenti:»;
d) nell’attuale secondo comma, la lettera d) riguardante le isole Åland è soppressa.
13) All’articolo 84, le parole «del trattato e dei suoi allegati, dei protocolli allegati e della convenzione sulle disposizioni transitorie» sono sostituite da «del trattato e dei suoi allegati e dei protocolli allegati.»
14) L’articolo 85 è abrogato.
15) All’articolo 93, le parole «l’Organizzazione europea di cooperazione economica» sono sostituite da «l’Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economico».
16) All’articolo 95, terzo comma, le parole «Scaduto il periodo transitorio previsto dalla convenzione sulle disposizioni transitorie, se difficoltà impreviste . . .» sono sostituite da «Se difficoltà impreviste . . .».
17) All’articolo 97, il testo «Il presente trattato è concluso per la durata di cinquant’anni a decorrere dalla data della sua entrata in vigore» è sostituito da «Il presente trattato scade il 23 luglio 2002.»
II. TESTO DELL’ALLEGATO III «Acciai speciali»
Alla fine dell’allegato III, le iniziali dei plenipotenziari dei capi di Stato e di governo sono soppresse.
III. PROTOCOLLI E ALTRI ATTI ALLEGATI AL TRATTATO
1) Sono abrogati i seguenti atti:
a) lo scambio di lettere tra il governo della Repubblica federale tedesca e il governo della Repubblica francese in riguardo della Saar;
b) la convenzione relativa alla disposizioni transitorie.
2) Il protocollo sullo statuto della Corte di giustizia della Comunità europea del carbone e dell’acciaio è modificato come segue:
a) i titoli I e II del protocollo sono sostituiti dal testo dei titoli I e II del protocollo sulla Corte di giustizia della Comunità europea allegato al trattato che istituisce la Comunità europea;
b) l’articolo 56 è abrogato e il titolo «Disposizione transitoria» che lo precede è soppresso;
c) l’elenco dei firmatari è soppresso.
3) Il protocollo sulle relazioni con il Consiglio d’Europa è modificato come segue:
a) l’articolo 1 è abrogato;
b) l’elenco dei firmatari è soppresso.
Articolo 8
Il trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica, compresi i suoi allegati e protocolli, è modificato secondo le disposizioni del presente articolo al fine di sopprimere disposizioni obsolete di tale trattato e di adattare di conseguenza il testo di alcune delle sue disposizioni.
I. TESTO DEGLI ARTICOLI DEL TRATTATO
1) All’articolo 76, secondo comma, le parole «a decorrere dall’entrata in vigore del trattato,» sono sostituite da «a decorrere dal 1o gennaio 1958,».
2) Nella parte introduttiva del primo comma dell’articolo 93, le parole «Un anno dopo l’entrata in vigore del presente trattato, gli Stati membri aboliranno tra loro ogni dazio all’importazione . . .» sono sostituite da «Gli Stati membri vietano tra loro ogni dazio all’importazione . . .».
3) Gli articoli 94 e 95 sono abrogati.
4) All’articolo 98, secondo comma, le parole «Entro due anni dall’entrata in vigore del presente trattato, il Consiglio . . .» sono sostituite da «Il Consiglio, . . .».
5) L’articolo 100 è abrogato.
6) L’articolo 104 è modificato come segue:
a) al primo comma, le parole «successivamente all’entrata in vigore del presente trattato» sono sostituite da «successivamente al 1o gennaio 1958 o, per gli Stati aderenti, alla data della loro adesione»;
b) al secondo comma, le parole «successivamente all’entrata in vigore del presente trattato,» sono sostituite da «successivamente alle date indicate nel comma precedente,».
7) L’articolo 105 è modificato come segue:
a) al primo comma, le parole «conclusi, prima dell’entrata in vigore del trattato stesso,» sono sostituite da «conclusi prima del 1o gennaio 1958 o, per gli Stati aderenti, prima della data della loro adesione,». Alla fine dello stesso comma, le parole «dall’entrata in vigore del presente trattato» sono sostituite da «dalle suddette date»;
b) al secondo comma, le parole «conclusi tra il momento della firma e quello dell’entrata in vigore del presente trattato» sono sostituite da «conclusi tra il 25 marzo 1957 e il 1o gennaio 1958 o, per gli Stati aderenti, tra la firma dell’atto di adesione e la data della loro adesione,».
8) All’articolo 106, primo comma, le parole «anteriormente all’entrata in vigore del presente trattato» sono sostituite da «anteriormente al 1o gennaio 1958 o, per gli Stati aderenti, anteriormente alla data della loro adesione».
9) L’articolo 108 è modificato come segue, per includere l’articolo 1, l’articolo 2 modificato dall’articolo 5 del presente trattato e dall’articolo 3, paragrafo 1 dell’atto relativo all’elezione al Parlamento europeo a suffragio universale diretto, allegato alla decisione del Consiglio del 20 settembre 1976; l’allegato II di tale atto continua ad applicarsi:
a) al posto degli articoli 1 e 2, diventati sorpassati a norma dell’articolo 14 dell’atto relativo all’elezione dei rappresentanti al Parlamento europeo a suffragio universale diretto, è inserito il testo degli articoli 1 e 2 di questo stesso atto come paragrafi 1 e 2; i nuovi paragrafi 1 e 2 sono così redatti:
«1. I rappresentanti, al Parlamento europeo, dei popoli degli Stati riuniti nella Comunità sono eletti a suffragio universale diretto.
2. Il numero dei rappresentanti eletti in ogni Stato membro è fissato come segue:
Belgio 25
Danimarca 16
Germania 99
Grecia 25
Spagna 64
Francia 87
Irlanda 15
Italia 87
Lussemburgo 6
Paesi Bassi 31
Austria 21
Portogallo 25
Finlandia 16
Svezia 22
Regno Unito 87.
In caso di modifiche del presente paragrafo, il numero dei rappresentanti eletti in ciascuno Stato membro deve garantire un’adeguata rappresentanza dei popoli degli Stati riuniti nella Comunità.»;
b) dopo i nuovi paragrafi 1 e 2, è inserito il testo dell’articolo 3, paragrafo 1 del suddetto atto come paragrafo 3; il nuovo paragrafo 3 è così redatto:
«3. I rappresentanti sono eletti per un periodo di cinque anni.»;
c) l’attuale paragrafo 3, modificato dall’articolo 4 del presente trattato, diventa il paragrafo 4;
d) il paragrafo 4, aggiunto dall’articolo 4 del presente trattato, diventa il paragrafo 5.
10) All’articolo 127, il paragrafo 3 è soppresso.
11) All’articolo 138, primo comma, le parole «dalla data di adesione» sono sostituite da «dal 1o gennaio 1995».
12) All’articolo 160 B, paragrafo 3, il secondo comma che inizia con «Tuttavia, nelle prime nomine . . .» è soppresso.
13) All’articolo 181, il secondo, il terzo e il quarto comma sono soppressi.
14) Al posto dell’articolo 191, è inserito il testo adattato dell’articolo 28, primo comma del trattato che istituisce un Consiglio unico e una Commissione unica delle Comunità europee; pertanto, il nuovo articolo 191 è così redatto:
«Articolo 191
La Comunità gode sul territorio degli Stati membri dei privilegi e delle immunità necessari all’assolvimento dei suoi compiti alle condizioni definite dal protocollo dell’8 aprile 1965 sui privilegi e sulle immunità delle Comunità europee.»
15) L’articolo 198 è modificato come segue:
a) dopo il secondo comma, è inserito un terzo comma così redatto:
«Le disposizioni del presente trattato si applicano alle isole Åland conformemente alle disposizioni contenute nel protocollo n. 2 dell’atto relativo alle condizioni di adesioni della Repubblica d’Austria, della Repubblica di Finlandia e del Regno di Svezia.»;
b) all’attuale terzo comma, la lettera e) riguardante le isole Åland è soppressa.
16) All’articolo 199, primo comma, le parole «e dell’accordo generale sulle tariffe doganali e il commercio» sono sostituite da «e dell’Organizzazione mondiale del commercio».
17) Il Titolo VI, «Disposizioni relative al periodo iniziale», comprendente la sezione 1, «Insediamento delle istituzioni», la sezione 2, «Prime disposizioni per l’applicazione del trattato» e la sezione 3, «Disposizioni applicabili a titolo transitorio», nonché gli articoli da 209 a 223, è abrogato.
18) All’articolo 225 è aggiunto il seguente nuovo comma:
«In forza dei trattati di adesione, fanno ugualmente fede le versioni del presente trattato in lingua danese, finlandese, greca, inglese, irlandese, portoghese, spagnola e svedese.»
II. ALLEGATI
L’allegato V, «Programma iniziale di ricerche e di insegnamento di cui all’articolo 215 del trattato», compresa la tabella «Ripartizione per grandi rubriche . . .», è soppresso.
III. PROTOCOLLI
1) Il protocollo relativo all’applicazione del trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica alle parti non europee del Regno dei Paesi Bassi è soppresso.
2) Il protocollo sullo statuto della Corte di giustizia della Comunità europea dell’energia atomica è modificato come segue:
a) le parole «HANNO DESIGNATO, a tal fine, come plenipotenziari:», nonché l’elenco dei capi di Stato e dei loro plenipotenziari sono soppressi;
b) le parole «I QUALI, dopo aver scambiato i loro pieni poteri, riconosciuti in buona e debita forma,» sono soppresse;
c) all’articolo 3, è aggiunto come quarto comma il testo adattato dell’articolo 21 del protocollo sui privilegi e sulle immunità delle Comunità europee; pertanto, questo nuovo quarto comma è così redatto:
«Gli articoli da 12 a 15 incluso e 18 del protocollo sui privilegi e sulle immunità delle Comunità europee sono applicabili ai giudici, agli avvocati generali, al cancelliere e ai relatori aggiunti della Corte di giustizia, senza pregiudizio delle disposizioni relative all’immunità di giurisdizione dei giudici che figurano nei commi precedenti.»;
d) l’articolo 58 è abrogato;
e) la formula finale «IN FEDE DI CHE, i plenipotenziari sottoscritti hanno apposto le loro firme in calce al presente protocollo.» è soppressa;
f) l’elenco dei firmatari è soppresso.
Articolo 9
1. Senza pregiudizio dei paragrafi successivi, che mirano a conservare gli elementi essenziali delle loro disposizioni, la convenzione del 25 marzo 1957 relativa a talune istituzioni comuni alle Comunità europee, e il trattato dell’8 aprile 1965 che istituisce un Consiglio unico ed una Commissione unica delle Comunità europee sono abrogati, ad eccezione del protocollo di cui al paragrafo 5.
2. Le competenze conferite al Parlamento europeo, al Consiglio, alla Corte di giustizia e alla Corte dei conti dal trattato che istituisce la Comunità europea, dal trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell’acciaio e dal trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica sono esercitate da istituzioni uniche, alle condizioni rispettivamente previste dai suddetti trattati e dal presente articolo.
Le funzioni attribuite al Comitato economico e sociale dal trattato che istituisce la Comunità europea e dal trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica sono esercitate da un comitato unico, alle condizioni rispettivamente previste dai suddetti trattati. A tale comitato si applicano le disposizioni degli articoli 193 e 197 del trattato che istituisce la Comunità europea.
3. I funzionari e altri agenti delle Comunità europee fanno parte dell’amministrazione unica di tali Comunità e ad essi si applicano le disposizioni adottate a norma dell’articolo 212 del trattato che istituisce la Comunità europea.
4. Le Comunità europee godono sul territorio degli Stati membri dei privilegi e delle immunità necessari all’assolvimento dei loro compiti, alle condizioni definite nel protocollo di cui al paragrafo 5. Lo stesso vale per la Banca centrale europea, per l’Istituto monetario europeo e per la Banca europea per gli investimenti.
5. Nel protocollo dell’8 aprile 1965 sui privilegi e sulle immunità delle Comunità europee, è inserito un articolo 23, quale era previsto dal protocollo che modifica il suddetto protocollo; tale articolo è così redatto:
«Articolo 23
Il presente protocollo si applica anche alla Banca centrale europea, ai membri dei suoi organi e al suo personale, senza pregiudizio delle disposizioni del protocollo sullo statuto del sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea.
La Banca centrale europea sarà, inoltre, esente da qualsiasi forma fiscale e parafiscale al momento degli aumenti del suo capitale, nonché dalle varie formalità che tali operazioni potranno comportare nello Stato in cui ha la propria sede. L’attività della Banca e dei suoi organi, svolgentesi secondo le condizioni dello statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea, non darà luogo all’applicazione di tasse sulla cifra d’affari.
Le disposizioni di cui sopra si applicano altresì all’Istituto monetario europeo. Il suo scioglimento e la sua liquidazione non comporteranno alcuna imposizione fiscale.»
6. Le entrate e le spese della Comunità europea, le spese d’amministrazione della Comunità europea del carbone e dell’acciaio e le relative entrate, le entrate e le spese della Comunità europea dell’energia atomica, ad eccezione di quelle dell’agenzia di approvvigionamento e delle imprese comuni, sono iscritte nel bilancio delle Comunità europee, alle condizioni rispettivamente previste dai trattati che istituiscono le tre Comunità.
7. Senza pregiudizio dell’applicazione dell’articolo 216 del trattato che istituisce la Comunità europea, dell’articolo 77 del trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell’acciaio, dell’articolo 189 del trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica e dell’articolo 1, secondo comma del protocollo sullo statuto della Banca europea per gli investimenti, i rappresentanti dei governi degli Stati membri stabiliscono di comune accordo le disposizioni necessarie al fine di risolvere taluni problemi specifici del Granducato del Lussemburgo e che derivano dalla creazione di un Consiglio unico e di una Commissione unica delle Comunità europee.
Articolo 10
1. L’abrogazione o la soppressione in questa parte di disposizioni obsolete del trattato che istituisce la Comunità europea, del trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell’acciaio e del trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica nel testo in vigore anteriormente all’entrata in vigore del trattato di Amsterdam e l’adattamento di talune delle loro disposizioni non pregiudicano gli effetti giuridici delle disposizioni di tali trattati, in particolare quelli risultanti dai termini che gli stessi prescrivono, né di quelle dei trattati di adesione.
2. Rimangono impregiudicati gli effetti degli atti in vigore adottati sulla base dei suddetti trattati.
3. Lo stesso vale per quanto riguarda l’abrogazione della Convenzione del 25 marzo 1957 relativa ad alcune istituzioni comuni alle Comunità europee e l’abrogazione del trattato dell’8 aprile 1965, che istituisce un Consiglio unico e una Commissione unica delle Comunità europee.
Articolo 11
Le disposizioni del trattato che istituisce la Comunità europea, del trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell’acciaio e del trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica relative alle competenze della Corte di giustizia delle Comunità europee e all’esercizio di tali competenze si applicano alle disposizioni della presente parte e del protocollo sui privilegi e sulle immunità di cui all’articolo 9, paragrafo 5.

PARTE TERZA - DISPOSIZIONI GENERALI E FINALI

Articolo 12
1. Agli articoli, ai titoli e alle sezioni del trattato sull’Unione europea e del trattato che istituisce la Comunità europea, quali modificati dalle disposizioni del presente trattato, si applica la seguente nuova numerazione, secondo le tabelle di corrispondenza contenute nell’allegato del presente trattato, che ne costituiscono parte integrante.
2. I riferimenti incrociati ad articoli, titoli e sezioni nel trattato sull’Unione europea e nel trattato che istituisce la Comunità europea, nonché tra gli stessi, sono adattati di conseguenza. Lo stesso vale per quanto riguarda i riferimenti ad articoli, titoli e sezioni di tali trattati contenuti negli altri trattati comunitari.
3. I riferimenti agli articoli, titoli e sezioni dei trattati di cui al paragrafo 2 contenuti in altri strumenti o atti si intendono come riferimenti agli articoli, titoli e sezioni del trattato secondo la nuova numerazione di cui al paragrafo 1 e, rispettivamente, ai paragrafi di detti articoli secondo la nuova numerazione introdotta da alcune disposizioni dell’articolo 6.
4. I riferimenti, contenuti in altri strumenti o atti, a paragrafi degli articoli dei trattati di cui agli articoli 7 e 8 si intendono riferiti a quei paragrafi per i quali alcune disposizioni degli articoli 7 e 8 hanno previsto una nuova numerazione.
Articolo 13
Il presente trattato è concluso per un periodo illimitato.
Articolo 14
1. Il presente trattato è ratificato dalle Alte parti contraenti secondo le rispettive norme costituzionali. Gli strumenti di ratifica sono depositati presso il governo della Repubblica italiana.
2. Il presente trattato entra in vigore il primo giorno del secondo mese successivo a quello in cui lo strumento di ratifica è depositato dallo Stato firmatario che procede per ultimo a tale formalità.
Articolo 15
Il presente trattato, redatto in unico esemplare in lingua danese, finlandese, francese, greca, inglese, irlandese, italiana, olandese, portoghese, spagnola, svedese e tedesca, testi facenti tutti ugualmente fede, sarà depositato negli archivi del governo della Repubblica italiana che provvederà a rimetterne copia certificata conforme a ciascuno dei governi degli altri Stati firmatari.

In fede di che, i plenipotenziari sottoscritti hanno apposto le loro firme in calce al presente trattato.

Fatto ad Amsterdam, addì due ottobre millenovecentonovantasette.

(Seguono le firme)