Trattato di archeologia (Gentile)/Arte romana/II/Secondo periodo/Pittura/II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pittura - Pittori romani della Repubblica e dell’Impero.

../I ../III IncludiIntestazione 5 novembre 2012 75% Archeologia

Arte romana - I Arte romana - III
[p. 307 modifica]

II. Pittori romani della Repubblica

e dell’Impero.


Se noi ora dalle considerazioni generali e dal favore imperiale dato alla pittura passiamo a trattare dei singoli pittori romani, vediamo pur troppo scarso il numero di essi, perchè scarse sono anche le notizie, anzi pare che i Romani abbiano contribuito, volontariamente o no, a questa scarsezza di notizie.

1. Ludio paesista. — Nei tempi d’Augusto venne in fama Ludio, pittore di prospettiva e di paesi, che ornava le pareti di vedute campestri e marine avvivate da piacevoli macchiette. Pare che egli abbia dato un nuovo e vigoroso sviluppo alla pittura decorativa.

2. Turpilio veneto, Titidio Labeone Narbonese e altri minori. — Sono citate in Plinio anche un veneto Turpilio, di cui ammiravansi opere in Verona; Titidio Labeone, magistrato nella Gallia Narbonese, rinomato per piccoli quadretti; Quinto Pedio, ed un Fabullo Amulio, che lavorò nella domus aurea di Nerone; Cornelio Pino ed Azzio Prisco, che dipinsero in un tempio all’età di Vespasiano1. Plinio aggiunge a quei nomi alcune notizie di curiosità, insignificanti per il valore artistico, e nulla più, cosicchè nulla sappiamo dello stile delle loro opere, nè dell’indirizzo dell’arte loro; pare però che la pittura di tavole, di veri [p. 309 modifica]quadri, in questo tempo fosse trascurata in confronto della pittura decorativa, richiesta dal lusso delle case e della vita, ed a cui ben rispondeva la scenografia, pittura di prospettive con certo carattere fantastico, quale ancora si vede in alcuno dei dipinti pompeiani.

Tavola

[p. 308 modifica]

Dipinto della casa di Livia rappresentante Io liberata da Ermes.


(al Palatino, Roma).


Trattato generale di archeologia375.png


Tavola 72.


Ved. Melani, Pittura, Milano, Hoepli 2. edizione, tav. IX.

Note

  1. Plinio, H. N., XXXV, 20.