Tu, che l'immenso ognor traggi almo diletto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Pegolotti

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Tu, che l’immenso ognor traggi almo diletto Intestazione 24 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Alessandro Pegolotti


[p. 332 modifica]

XII 1


Tu, che immenso ognor traggi almo diletto
     Dall’immortal di Dio volto sereno,
     E intero quel gran lume accogli in seno,
     Che bea sparso pel Ciel ogn’altro Eletto:
5Deh per pietade omai vibrami in petto,
     Un solo, un sol di que’bei raggi almeno,
     Ch’arda il duro cuor mio, lo franga appieno,
     E in cener sciolga ogni terreno
Cosi quand’egli avvien, che al Sol si volte
     10L’accenditor cristallo, e fiamma e luce

[p. 333 modifica]

     Nel suo limpido grembo egli abbia accolte;
Ne’ marmi ardor sì attivo egl’introduce,
     Che ne fa polve e gli adamanti in molte
     Minutissime schegge anco riduce.


Note

  1. A Maria Vergine.