Udite la cagion de’ miei sospiri

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cino da Pistoia

XIV secolo U Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Letteratura Udite la cagion de’ miei sospiri Intestazione 14 luglio 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 92 modifica]

     Udite la cagion de’ miei sospiri,
Se già mai fu per me nata mercede.
Qualora il mio pensier fra me si riede,
E chiama innanzi a sè li miei desiri,
     5Presentansi pien tutti di martìri,
Che vengon dalla vista che procede
Dalla ciera gentil, quando mi vede.
Che come suo nemico par mi miri.
     Laonde in ciò mi struggo, e vo a morire
10Chiamando morte; che per mio riposo
Mi teglia innanzi ched io mi disperi:
     Miranla gli occhi miei sì volentieri.
Che contr’al mio voler mi fanno gire
Per veder lei, cui sol guardar non oso.