Un modo c'è a viver fra la gente

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Bindo Bonichi

XIV secolo U Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Un modo c’è a viver fra la gente Intestazione 4 settembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Bindo Bonichi


[p. 149 modifica]

     Un modo c’è a viver fra la gente.
Ed in ogni altro tu ti perdi i passi:
Cessa da’ magri, ed accostati a’ grassi;
Odi ed ascolta, e di tutto consente;
5     Fa’ bocca a riso, e giuoca del piacente;
Non li riprender, se gittasser sassi:
E se d’usare il ver ti dilettassi,
Senza comiato partiti al presente.

[p. 150 modifica]

     Per nïente hanno l’uom ch’è virtuoso,
10Se la fortuna l’ha posto in bassezza;
E fanno onore all’uom ricco e lebbroso.
     La turba stolta la virtù disprezza:
Credon nelle ricchezze aver riposo;
Cercan l’amaro e fuggon la dolcezza.