Un servu tempu fa

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
1857

U canti cantastoria Un servu e un Cristu Intestazione 11 settembre 2008 75% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Un servu, tempu fa, di chista chiazza
cussì prijava a un Cristu e cci dicìa
Signuri ’u me patruni mi strapazza
mi tratta comu un cani di la via
tuttu mi pigghia ccu la so manazza
la vita dici chi mancu è di mia
si jò mi lagnu cchiù pejiu amminazza
ccu ferri mi castìja a prigiunìa
undi jò vi preju chista mala razza
distruggìtila vui Cristu pi mia.

2E tu forsi chi hai ciunchi li vrazza
o puru l’hai ’nchiuvati comu a mia?
cui voli la giustizia si la fazza
né speri ch’àutru la fazza pri tia
si tu sì omu e non sì testa pazza
metti a prufittu sta sintenza mia
Jò non sarìa supra sta cruciazza
si avissi fattu quantu dicu a tia.


Traduzione


Un servo, tempo fa, in questa piazza
cosi’ pregava a Cristo e gli diceva
Signore, il mio padrone mi strapazza
mi tratta come un cane randagio
mi percuote con la sua manaccia
dice che nemmeno la mia vita e’ mia
se io mi lamento, peggio mi minaccia
con i ferri mi castiga e mi imprigiona
quindi io ora Vi prego questa razza cattiva
distruggetela Voi Cristo, per me

2E tu forse cos’hai le braccia rotte?
o forse le hai inchiodate come me?
chi vuole la giustizia se la faccia
non speri che altri la faccia per te
se tu sei uomo e non una testa matta
trai profitto da questo mio consiglio
io non sarei sopra questa croce
se avessi fatto quello che ora dico a te.