Utente:Alex brollo/Leggenda aurea

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Test tal quale dalla pagina 20 di Leggenda aurea (vedi discussione in Bar), Finereader 11 senza addestramento

DE SANCTO ANDREA ET DE SaNCTA BARBARA tutti gli fentfmenri del corpo.Odendo turi la rifpofta de quello peregrino marauegliandofe difléno. Que/ fta e la uera & optima folutione de tale quefiione. Al horadifìè|ia femia. Siali prepofia la fecoda queftione che fia più grauerper laquale portiamo molto meglio experimentare la fcientia fua. Sia dimandato f quale loco e la terra pm alta dogni delo.Delaqualchofa adi/ mudato el pegrino difle. Che la terra e più alta dogni Cielo:nel cieloempireo:doue refide el corpo de chrifto conciofìa che el corpo de Chrifto elquale e più alto do

J;ni cielo e formato dala carne noftra. Eflendo aduncp a carne noftra una certa fubftantia terrea. Etefléndo cl corpo de Chrifto fopra tutti li cieli: & habia dutto lorigine dela noftra carne & et la carne noftra fia ftata fatta de terra:echofa mamfefta che 1 quello loco doue el corpo de Chrifto tà la fua refidentia:fenza nullo du bio l quello loco fia la terra più alta del cielo. Onde el nuncio referifce quelle cofe che rifpofó haueua el pe/ regrino.Ecco che tutti mirabilmente comando &Io dano la rifpofta de auello peregrino magnificando co grande laude la fapiétia fua. Alhora diflè quella. Siali etiam ppofta la terza queftióe grauiflima 8C oculta & ad afoluerla difficile & obfcura: acioche la terza fiata fia comendata la fapientia fua:& fia degno che merita •nente li fia Conceflò entrare ala menfa deio epifcopo. Sia adunque adimandato quanto fpacio e dala terra i fino al cielo.Onde el peregrino de quefto adimanda/ to diflè al nuncio. Vatene a quello che te ha manda/ to da me:& de quefto adimandalo diligentemente: u perhoche egli quefto meglio de me ti refpódera. Egli certe menfuro quello fpacio quando cade dallo cielo giunelloabyflo:& io giamaicadendonon uenni dal cieIo:& perno non ho mai mefurato quello fpacio 8C Cappi chel non e femina anzi el diauolo che fe ha tranf figurato in forma de femina.Odendo quefto elnun’do molto grandemente ìlbigotito in prefentia de tu/ ti recito quelle cofe che egli udito hauea:maraueglia/ dof18< ftupcfatti tutti difparue lantiquo inimico de mezo di quelli.Per laqualchofa ritornando a fe lo epi fcopotamaramentefe ftefioriprefe&chon graue la/ chrymechiedeua perdono della commeflà colpa: 6C mando el nuncio:acio chel fufle introduco quello pe regrino.Ma per nullo modo fu più ritrouato. Al ho.' ra lo epifcopo conuoco el populo: aloquale raconto per ordine.Euidentemente della chofa fequita & co' mando che tutti ieiunafleno & faceffeno oratione fe for fi il Signor fe dignaflè di reuelare ad alchuno qua/ le fia ftato quello peregrino.Elquale lo ha liberato da tanto pcriculo.Fu in quella notte reuelatoaloepifco po chel era ftato el beato andrea: elquale haueua pre' io habbito de peregrino per la liberatione de cflo epi> fcopo. Per laqualchofa lo epifcopo incomincio mol’to più acrefcere in magiore deuotione dello beato an drea & da quello tempo hauerlo in magiore reues rentia:Hauendo uno pmpofito de una certa citta. Vfurpatoauno certo campo pertinente alla chiefia de fantto andrea. Et per quefto facendo lo epifcopo oratione adoche Dio difponefle el cuore de quefto a douerereftituiretaIecampo:Et eflendo quello prò/ pofito agrauato per quefto de grauiflime febre: pre/ go lo epifcopo che facefie oratione per lui: egli gli reftituirebe el campo. Ma hauendo lo epifcopo facll Iorarione:8i egli hauendo ree muta la fanita: fe ufur/ po unaltra fiata el campo. Alhora fe dette a la orario/ ne lo epifcopo:& ruppe tutte le lampade della chiefia dicendo. In quefto luocho non fe accenderà el lume: per infina tanto che lo Signore feuendicara de lo ini/ mico fuo:& che la chiefia fi recuperara qllo che ha p/ duto: Et ecco chel propofto unaltra fiata fe infermo de graue febre.Ondeegli mando per gli nuncii a dire a lo epifcopo efre facefie oratione per lui:& che gli re/ ftituirebe el campo fuo.Et etiam un altro fimile:Alo’ quale fempre refpondédo lo epifcopo già ho orato 6C Dio me ha exaudito:fe fece portare a lo epifcopo Si co ftrifelo che lui entrafle ne la chiefia a fare oratione per lui:6i udendo lo epifcopo entrare nela chiefia per fa/ re la oratione quello incontinente mori:6C el campo fu redimito al la chiefia.

De fanfta Barbara. Cap tik HEgnante Maximiano imperatore de Mar riano pretoretfu uno homo nella atta de nicomedia chiamato Diofcoro molto nc:ho elquale haueua una fua figliola chia’ mata Barbara nata di nobile ftirpe molto belliflima 8i fpedofa laquale fecretamente adoraua dio del eie/ lo 8C Iunico figliolo fuo fignor noftro Iefu chrifto:# fempre di 8i notte ftaua l oratione al patredelcjuale uemao li atadini pgado che la uoleflè dare a lor 1 ma trimonio.Et egli non la uoleua maritare:coaofia che a lui era unicha figliola & amauala molto. Comado dun<j el patre fuo che fufle fatta una alta torre.ne la/ qual comando non fuflèno fatte più di due fcneftre: ne laql torre uolea dimorafle la figliola fuarcóe in pm eminéte loco cóeatenta la molta 8C grade belleza fua Et dapoi alquanti giorni eflèndoelpadredela beata Barbaraf lontani paefi: mentre chefe edificaua tale edifido:andoflène efla barbara ah maeftn che quella edificauano:& adimadoli dicédo:Pregoui boni mae/ ftri.Ditemi che uole eflèr tal edificio che el patre mio ue ha comandato debiate fare.Et loro difléro:quefta debe efler lhabitarione de uoi madona noftra. Ahqli diflé lei.Se dunque quefta tal habita rione debe eflère mia.fate 1 eflà una tertia feneftra 8C lor feceno fecon/ do comandato li hauea la beatiflima BarbaraVicino a quefto loco era uno bagno:nelquale la beata Barba ra fefoleua lauare.elqle girato a trrra lagloriofa Bar/ bara con lachryme oro al fignor dicendo. Signor le/ fu chrifto elqual per il tuo feruo Moyfe eflendo egli nel deferto comadafti che della pietra feorreflè acqua
Prova sostituzione f->s e poi sl->ss

DE SANCTO ANDREA ET DE SaNCTA BARBARA tutti gli sentsmenri del corpo.Odendo turi la risposta de quello peregrino marauegliandose disséno. Que/ sta e la uera & optima solutione de tale quesiione. Al horadisìè|ia semia. Siali preposia la secoda questione che sia più grauerper laquale portiamo molto meglio experimentare la scientia sua. Sia dimandato s quale loco e la terra pm alta dogni delo.Delaqualchosa adi/ mudato el pegrino disse. Che la terra e più alta dogni Cielo:nel cieloempireo:doue reside el corpo de christo conciosìa che el corpo de Christo elquale e più alto do

J;ni cielo e sormato dala carne nostra. Essendo aduncp a carne nostra una certa substantia terrea. Etesséndo cl corpo de Christo sopra tutti li cieli: & habia dutto lorigine dela nostra carne & et la carne nostra sia stata satta de terra:echosa mamsesta che 1 quello loco doue el corpo de Christo tà la sua residentia:senza nullo du bio l quello loco sia la terra più alta del cielo. Onde el nuncio reserisce quelle cose che risposó haueua el pe/ regrino.Ecco che tutti mirabilmente comando &Io dano la risposta de auello peregrino magnisicando co grande laude la sapiétia sua. Alhora dissè quella. Siali etiam pposta la terza questióe grauissima 8C oculta & ad asoluerla dissicile & obscura: acioche la terza siata sia comendata la sapientia sua:& sia degno che merita •nente li sia Concessò entrare ala mensa deio episcopo. Sia adunque adimandato quanto spacio e dala terra i sino al cielo.Onde el peregrino de questo adimanda/ to dissè al nuncio. Vatene a quello che te ha manda/ to da me:& de questo adimandalo diligentemente: u perhoche egli questo meglio de me ti respódera. Egli certe mensuro quello spacio quando cade dallo cielo giunelloabysso:& io giamaicadendonon uenni dal cieIo:& perno non ho mai mesurato quello spacio 8C Cappi chel non e semina anzi el diauolo che se ha trans sigurato in sorma de semina.Odendo questo elnun’do molto grandemente ìlbigotito in presentia de tu/ ti recito quelle cose che egli udito hauea:maraueglia/ dos18< stupcsatti tutti disparue lantiquo inimico de mezo di quelli.Per laqualchosa ritornando a se lo epi scopotamaramentese stesioriprese&chon graue la/ chrymechiedeua perdono della commessà colpa: 6C mando el nuncio:acio chel susse introduco quello pe regrino.Ma per nullo modo su più ritrouato. Al ho.' ra lo episcopo conuoco el populo: aloquale raconto per ordine.Euidentemente della chosa sequita & co' mando che tutti ieiunasseno & sacesseno oratione se sor si il Signor se dignassè di reuelare ad alchuno qua/ le sia stato quello peregrino.Elquale lo ha liberato da tanto pcriculo.Fu in quella notte reuelatoaloepisco po chel era stato el beato andrea: elquale haueua pre' io habbito de peregrino per la liberatione de csso epi> scopo. Per laqualchosa lo episcopo incomincio mol’to più acrescere in magiore deuotione dello beato an drea & da quello tempo hauerlo in magiore reues rentia:Hauendo uno pmposito de una certa citta. Vsurpatoauno certo campo pertinente alla chiesia de santto andrea. Et per questo sacendo lo episcopo oratione adoche Dio disponesse el cuore de questo a douererestituiretaIecampo:Et essendo quello prò/ posito agrauato per questo de grauissime sebre: pre/ go lo episcopo che sacesie oratione per lui: egli gli restituirebe el campo. Ma hauendo lo episcopo sacll Iorarione:8i egli hauendo ree muta la sanita: se usur/ po unaltra siata el campo. Alhora se dette a la orario/ ne lo episcopo:& ruppe tutte le lampade della chiesia dicendo. In questo luocho non se accenderà el lume: per insina tanto che lo Signore seuendicara de lo ini/ mico suo:& che la chiesia si recuperara qllo che ha p/ duto: Et ecco chel proposto unaltra siata se insermo de graue sebre.Ondeegli mando per gli nuncii a dire a lo episcopo esre sacesie oratione per lui:& che gli re/ stituirebe el campo suo.Et etiam un altro simile:Alo’ quale sempre respondédo lo episcopo già ho orato 6C Dio me ha exaudito:se sece portare a lo episcopo Si co striselo che lui entrasse ne la chiesia a sare oratione per lui:6i udendo lo episcopo entrare nela chiesia per sa/ re la oratione quello incontinente mori:6C el campo su redimito al la chiesia.

De sansta Barbara. Cap tik HEgnante Maximiano imperatore de Mar riano pretoretsu uno homo nella atta de nicomedia chiamato Dioscoro molto nc:ho elquale haueua una sua sigliola chia’ mata Barbara nata di nobile stirpe molto bellissima 8i spedosa laquale secretamente adoraua dio del eie/ lo 8C Iunico sigliolo suo signor nostro Iesu christo:# sempre di 8i notte staua l oratione al patredelcjuale uemao li atadini pgado che la uolessè dare a lor 1 ma trimonio.Et egli non la uoleua maritare:coaosia che a lui era unicha sigliola & amauala molto. Comado dun<j el patre suo che susse satta una alta torre.ne la/ qual comando non sussèno satte più di due scnestre: ne laql torre uolea dimorasse la sigliola suarcóe in pm eminéte loco cóeatenta la molta 8C grade belleza sua Et dapoi alquanti giorni essèndoelpadredela beata Barbaras lontani paesi: mentre chese edisicaua tale edisido:andossène essa barbara ah maestn che quella edisicauano:& adimadoli dicédo:Pregoui boni mae/ stri.Ditemi che uole essèr tal edisicio che el patre mio ue ha comandato debiate sare.Et loro disséro:questa debe esser lhabitarione de uoi madona nostra. Ahqli dissé lei.Se dunque questa tal habita rione debe essère mia.sate 1 essà una tertia senestra 8C lor seceno secon/ do comandato li hauea la beatissima BarbaraVicino a questo loco era uno bagno:nelquale la beata Barba ra sesoleua lauare.elqle girato a trrra lagloriosa Bar/ bara con lachryme oro al signor dicendo. Signor le/ su christo elqual per il tuo seruo Moyse essendo egli nel deserto comadasti che della pietra seorressè acqua