Utente:Fcallox/Chizzola

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

[p. i modifica]

ALL'ILLUSTRISSIMO

ET REVERENDISSIMO

SIGNORE, IL SIGNOR CARLO

BORROMEO, CARDINAL DI

SANTA CHIESA.

D. IPPOLITO CHIZZUOLA.


QQUESTI mesi adietro mi vennero alle mani certi scritti di Paolo Vergerio contra l'autorità del Papa, et contra l'Indittione del presente Concilio, dove ancora è unitamente offesa la Maestà di Cristo, per le perverse opinioni, che in quegli scritti si contengono. Et parendomi offitio di qualunche buono, et Catolico Cristiano, et massimamente di religioso, essercitar ogni sua forza, et ingegno contra l'arrogantia d'una tal peste; accioche non possa infettar quell'anime, che si conservano nella bontà et purità loro, et nel candor della fede; ho preso animo di rifondere alle falsità di costui, non perche io creda, di ritirarlo dalla sua ostinatione, perche dove in tanti anni, et nell'ultima età sua, non ha operato la gratia divina con tante sacre, et sante scritture antiche, nè meno la privatione della pratica da'fedeli Cristiani, ne la

[p. iii modifica]
vengano dall'aiuto di quella mano, ch'egli con la sciocca temerità, et inetta audacia del suo parlare, si crede haver atterrata; et co i suoi se ne vanta et invaghisce. La qual vendetta sarà a V.S. Illustrissima et Reverendissima, perdonata da Cristo, et commendata universalmente da tutti i buoni.

IN VENETIA. Il di x. di Luglio 1562. [p. iv modifica]

Al Catolico Lettore.


NNON m'affaticherò qui a render conto della cagion, che m'ha mosso a scrivere contra al Vergerio, essendosene parlato a lungo nel principio dell'opera: ma solo dirò, che niuno debba maravigliarsi, s'io scrivo in lingua Italiana, & quasi in forma di Dialogo; con ciosia cosa, che volendo rispondere ad huomo Italiano, che ha scritto nella sua lingua ad altri Italiani, son stato spinto anch'io a servare il medesimo Idioma. Et perche tal'or non si pensasse alcuno che havessi risposto a quello che più mi piace, et non a quello che più importa, et che esso dice; pero di mano in mano ho poste le sue proprie parole: alle quali ho poi soggionta la mia risposta; il che cagiona quasi forma di Dialogo. onde spero che chiunque la leggerà, ne debbia riportar più sodisfattione: assicurandosi che io non lascio cosa, alla quale non dia conveniente risposta; et oltre di ciò sia per riportarne più vaghezza nel leggere; non si straccando tanto, ma prendendo diletto di passo in passo, della varietà di chi ragiona. Et perche i salti che esso fa non m'hanno lasciato trattar materia alcuna a compimento in nessun luogo; però ho soggiunto la Tavola, nella quale quasi vo ordinando tutte le materie, di maniera, che chi vorrà leggere quanto dico sparsamente nell'opera, d'intorno a qualche soggetto, potrà con la Tavola sodisfarsi. Et perche la bolla della Indittione fatta da Pio quarto, è stata la occasione dello scrivere del Vergerio, et del mio risponderli, (onde spesse volte si allega) però ho fatta stampar anch'essa, come sta, di parola in parola. Nel resto leggendo, si troverà che qui non si dice cosa dal Vergerio, che non sia commune in tutte le bocche de moderni eretici; onde siegue che rispondendo al Vergerio si risponde a tutti delle nuove sette . Piaccia adunque a ciascuno di leggere questa mia risposta, et di pregar Iddio per loro, et per noi, che cosi conviene, leggendosi cosa tale, ove si trattano le miserie de presenti tempi. [p. v modifica]

S. IN CHRISTO PATRIS

ET DOMINI N. D.

PII divina providentia Papæ IIII.

BULLA

Indictionis SACRI Oecumenici Concilij Tri-

dentini, celebrandi.

PIUS PAPA IIII.

Ad perpetuam rei memoriam


AAD Ecclesiæ regimen, licet tanto oneri impares, sola Dei dignatione vocati, statim circunferentes mentis oculos per omnes Reipublicæ Cristianae partes; cernentesqué non sine magno horrore, quàm longè, latèque pestis hæresum et schismatis pervasisset; et quanta christiani populi mores correctione indigerent; in eam curam, et cogitationem, pro suscepti muneris officio, incombere coepimus, quemadmodum ipsas hæres extirpare; tantumqué, et tam perniciosum schisma tollere moresqué adeo corruptos, et depravatos emendare, possemus. Cum autem intelligeremus ad hæc sananda mala aptissimum esse remedium, quod sancta hæc Sedes adhibere consuevisset, oecumenici generalisqué Concilij eius congregandi, et Deo iuvante celebrandi, consilium coepimus. Indictum illud quidem antea fuit a fe. re. Paulo III. et eius successore Iulio prædecessoribus nostris: sed varijs de causis sæpius impeditum, et interpellatum perfici non


















AL
[p. vi modifica]
potuit. Si quidem Paulus, cura id primo in urbem Mantuam, deinde Vincentiam indixisset: quasdam ob causas in litteris eius expressas id primo suspendit, postea Tridentum transtulit. Deinde cum quibusdam de causis ibi quoque eius celebrandi tempus dilatum fuisset: tandem, suspensione sublata, in eadem Civitate Tridentina inchoatum fuit. Verùm sessionibus aliquot habitis, et nonnullis decretis factis, ipsum se postea concilium aliquibus de causis, accedente etiam Sedis Apostolicæ auctoritate, Bononiam transtulit. Iulius autem, qui ei successit, in eandem Civitatem Tridentinam id revocavit; quo quidem tempore facta alla quædam decreta sunt. Sed cum novi in propinquis Germaniæ locis tumultus excitati fuissent: et bellum in Italia, et Gallia gravissimum exarsisset; rursus Concilium suspensum, et dilatum fuit; adnitente nimirum humani generis hoste, aliasqué ex alijs difficultates, et impedimenta obiiciente: ut tantum Ecclesiæ commodum, quod prorsus auferre non poterat: saltem quam diutissime retardaret. Quantoperè vero interea auctæ fuerint, et multiplicatæ, ac propagatæ hæres: quantoperè schisma creverit, sine maximo animi dolore, nec meminisse possumus, nec referre. Sed tandem pius, et misericors Dominus, qui nunquam ita irascitur, ut misericordiæ obliviscatur; Regibus et Principibus Cristianis pacem, et unanimitatem donare dignatus est. Qua nos occasione oblata, maximam in spem venimus, ipsius misericordia freti, fore, ut his tantis quoque Ecclesiæ malis eadem Concilij via finis imponatur. Nos itaque ad schisma hærefesqué tollendas: ad corrigendos, et reformandos mores: ad pacem inter Christianos Principes conservandam: celebrationem eius non esse duximus diutius differendam. Habita igitur cum Venerabilibus fratribus nostris. S. R. E. Cardinalibus deliberatione matura, factis etiam consilij nostri certioribus Charissimis in Christo filijs nostris Ferdinando Romanorum Imperatore Electo, et alijs Regibus, atque Principibus: quos quidem, sicut de eorum summa pietate, et sapientia nobis pollicebamur: paratissimos ad ipsius Concilij [p. vii modifica]
celebrationem adiuvandam invenimus; ad Dei omnipotentis laudem, honorem, et gloriam, atque universalis Ecclesiæ utilitatem, de eorundem fratrum nostrorum consilio, et assensu, Sacrum oecumenicum, et Generale Concilium ex auctoritate eiusdem Dei, et beatorum Petri et Pauli Apostolorum qua nos quoque in terris fungimur, freti, et subnixi, in Civitate Tridentino ad sacratiss. diem resurrectionis Dominicæ proxi me futurum indicimus; et ibi celebrandum, sublata suspensione quacunque statuimus, atque decernimus. Quo circa Venerabiles fratres nostros omnibus ex locis Patriarchas, Archiepiscopos, Episcopos, et dilectos filios Abbates, cæterosque quibus in concilio generali sedere, et sententiam discere iure communi, vel ex privilegio, vel ex antiqua consuetudine licet: vehementer in Domino hortamur, et monemus; atque etiam districtè præcipiendo mandamus in virtute sanctæ; obedientiæ, in vi quoque iuramenti, quod præstiterunt; et sub pœnis, quas in eos, qui ad Concilia generalia convenire neglexerint, Sacris sciunt esse canonibus constitutas: ut ad Concilium ibi celebrandum conveniant intra eam diem: nisi forte impedimento fuerint legitimo præepediti: quod tamen impedimentum per legitimos procuratores synodo probare debebunt. Monemus præterea omnes, et singulos: quorum interest, intersseve poterit; ut in Concilio adesse ne negligant. Charissimos vero in Christo filios nostros Romanorum Imperatorem electum, cæterosqué Reges, et Principes quos optandum sanè esset concilio interesse posse: hortamur, et rogamus: ut si ipsi interesse Concilio non potuerint; ut Oratores suos prudentes, graves, & pios viros utique mittant: qui ipsorum nomine illi intersint; curentqué diligenter pro fua pietate; ut ex eorum regnis, atque dominijs Prælati sine recusatione, ac mora, tam necessario tempore Deo, et Ecclesiæ officium suum præstant: eosdem etiam curaturos esse minimè dubitantes: ut per ipsorum regna, et dominia tutum, ac libertini iter Prælatis, eorumqué familiaribus, comitibus, et alijs omnibus ad Concilium euntibus, et ab illo redeuntibus [p. viii modifica]
pateat benignèque, ac comiter omnibus in locis recipiantur, atque tractentur, sicut, quod ad nos attinet, ipsi quoque curabimus: qui nihil omnino pretermittere decrevimus, quod ad tam pium, et salutare opus perficiendum a nobis in hoc loco constitutis præstari poffit: nihil, ut Deus scit, quærentes aliud, nil propositum habentes in hoc concilio celebrando: nisi honorem ipsius Dei, dispersarum ovium reductionem, ac salutem, et perpetuam Chrifìstianæ Reipublicæ tranquillitatem, ac quietem. Ut vero hæ literæ, et quæ in eis continentur, ad omnium, quorum oportet, notitiam perveniant: nec quisquam ea excusatione uti possit; quod illa ignoraverit: præsertim cum non ad omnes, quos de his literis certiores fieri oporteret; tutus forsitan pateat aditus: volumus, et mandamus, ut in Basilica Vaticana Principis Apostolorum, et in Ecclesia Lateranen· tunc, cum in eis populus, ut Missarum solennibus intersit, congregari solet; palam, clara voce a curiæ nostræ cursoribus, seu Notarijs aliquibus publicis recitentur: et postquam recitatæ fuerint, ad valvas earum Ecclesiarum, itemque Cancellariæ Apostolicæ, et in loco solito campi Floræ affigantur: ibiqué quo legi, et omnibus innotescere possint, aliquandiu relinquantur. Cum autem inde amovebuntur: earum exempla in iisdem locis affixa remaneant. Nos enim per recitationem hanc, publicationem, et affixionem, omnes, et singulos, qui his literis comprehenduntur: post duos menses a die publicationis, et affixionis earum, volumus petinde astrictos, et obligatos esse: ac si ipsis met illæ coram editæ: et lectæ fuissent. Transumptis quoque earum, quæ manu publici alicuius Notarij scripta, subscriptave, et sigillo, ac subscriptione alicuius personæ in dignitate ecclesiaftica constitutæ munita fuerint: ut fine dubitatione ulla, fides habeatur, mandamus, atque decernimus. Nulli ergo omnino hominum liceat hanc paginam nostræ Indictionis, statuti, decreti, præcepti, admonitionis, et adhortationis infringere; vel ei ausu temerario con traire. Si quis autem hoc attentare præumpserit; indignationem omnipotentis Dei, ac beatorum Petri, et Pauli [p. ix modifica]
Apostolorum eius se noverit incursurum. Dat. Romæ apud S. Petrum Anno incarnationis Dominicæ M. D. LX.

III. Calen. Decembris. Pontificatus.     Nostri

Anno           Primo.

Ego Pius Catholicæ Ecclesiæ Episcopus.

Chizzola - Risposta Di Donn' Ippolito Chizzuola alle bestemmie e maldicenze in tre scritti di Paolo Vergerio, 1562 (page 15 crop).jpg


Ego R. Cardinalis de Carpo Episcopus Portuen.

Ego F. Card. Episcopus Tusculanus.

Ego Fed. Cardinalis Cæsius Episcopus Prænestinus .

Ego Io. Card. Moronus Episcopus Albanen.

Ego Christophorus Madrucius Card. Tridentinus


Ego Otho Truches Cardinalis Augustanus.

Ego B. de la Cueva Cardinalis Sanctæ Crucis.

Ego Tiberius Card. Crispus.

Ego Ioan. Mich. Cardin. Saracenus.

Ego Io. Card. S. Vitalis .

Ego Io. And. Card. Messanen.

Ego Iacobus Card. Puteus. [p. x modifica]Ego Io. B. Cicada Card. S. Clementis.

Ego Scipio Card. Pisarum.

Ego Io Card. Reomanus.

Ego Io. Ant. Card. Capisuccus.

Ego Thad. Card, Gaddus.

Ego F. M. Card. Alexandrinus.

Ego Clem. Card. Aræcæli.

Ego I. Card. Sabellus.

Ego Io. Ant. Card. S. Georgij.

Ego A. Card. Farnesius Vicecancel.

Ego G. As. Card. Camerarius.

Ego Hyp. Card. Ferrarien.

Ego Iu. Cad. Urbin.

Ego Aloy. Card. Cornelius

Ego Hier. Card. Simoncellus.

Ego Vitellotius Card. Vitellius.

Ego Io. Card. de Medicis.

Ego Carolus Card. Borromeus.


Antonius Florebellus Lavellinus.

Barengus.

Anno a Nativitate Domini Millesimo Quingentesimo Sexagesimo, Indictione tertia, die vero secunda mensis Decemb. Pontificatus Sanctissimi in Christo Patris et Domini nostri Domini PII Divina providentia Papæ Quarti Anno Pri. Retros. literæ Apostolicæ lectæ, affixæ, et publicatæ fuerunt in locis supras. Iuxta earum seriem et tenorem, et etiam ut moris est, et illis amotis dimissis illarum copijs affixis per nos Bernardinum Andreutium, et Io. Andream Panizza Apostolicos Curs.

Petrus Valtrini Magister Cursorum.

[p. xi modifica]

TAVOLA DI TUTTE LE COSE PIU

NOTABILI, CHE NELLA PRESENTE

opera si contengono.

A


AA Aron per cagion del summo sacerdotio datogli da Dio, fu invidiato, onde ne nacque la seditione di Core, Datan et Abiron, et fu disprezzato il Concilio fac. 40. 41. 42

Gli Abbati devono entrar ne i Concilij se hanno le conditioni ricercate. Quelli di Monaci negri hebbero tra tutti un sol voto in nome della loro congregatione che eletti gli haveva, et non il Papa||
101
Gli Abusi sono nella Chiesa||
179
L'Acconsentir al male è peccato||
220
Le Afflittioni de gli antichi padri per cagione delle eresie||
229
Agatone Papa chiama la Rom. Chiesa madre universale, et massimamente dell'Imperio Romano||
73· 74· 85
L'Alteratione fatta per conto di fede tra fedeli mostra la eresia||
16
L'Ambasciata di M. Girolamo Franco a signori Svizzeri||
122
L'Affronto ricevuto dal Verge.||
105
L'Arroganza del Vergerio, et de Luterani||
10. 115. 228
L'Arte maligna del Vergerio||
106
Gli Argomenti frivoli contra al concilio del Vergerio||
153
L'Argomento dell'istesso che lo convince di eresia||
221
Antifonario di frati il Vergerio||
109
Asina di Balaam||
187
Aspide sordo||
181
Gli Articoli di Uviclesse, Gio. Hus, et Girolamo di praga con la confutazione loro||
18. fino 24.
Amore et diffesa di Dio verso la Chiesa||
96
Assalone cacciò suo padre David ne però fu accetto a Dio||
160
Gli Arriani penetrarono l'uno e l'altro Imperio, et non furono perciò||
[p. xii modifica]

Tavola.


Catolici||
54
L'Apostolico Concilio fu celebrato solo da quattro Apostoli, et nondimeno fu universale||
62
Gli Apostoli non hanno mai rivocato in dubbio le cose risolute nei loro Concilij ancor che ne fossero ricercati da gli eretici di quel tempo||
141
Gli Articoli risoluti in un Concilio si possano trattar nell'altro, ma non rivocar in dubbio||
107
Gli Apostoli hanno insegnato molte cose a bocca che non hanno scritto||
198
Antichità delle tradditioni||
199.200.205
Antichità della Rom.Chiesa, et del suo stato temporale||
160. 135
Avertenze d'intorno a Concilij, et alle cose in quelli trattate||
136. 137. 138
Gli Arriani col negar le tradditioni negavano Cristo||
205
L'Autorità col valor suo, de Concilij, et de Antichi padri||
216.217
Alessandrino Cardinale||
225
Anticristi molti , tra quali sono i Luterani||
247
Le Armi di principi giustamente ricercate dal Papa et da loro offerite, per racquistar la pristina obedienza||
235. fino 240

B

Molte Bolle de Papi sono anticamente sottoscritte da Cardinali contra quello che ne scrive il Vergerio||
fac. 8
La Bolla di Pio quarto chiama da tutti i luoghi, i suggetti atti ad entrar nel Concilio||
49
Bugie del Vergerio||
65. 95. 120. 246. 143. 168
Biscia incantata il Vergerio||
95
Bravura del Verg. simile a quella di Golia||
152
Bestemmie del Verge. contra lo spirito santo||
191
Bontà del Papa, Cardinali, et signori Catolici in non far ammazzare gli eretici, la ove si ritrovano||
133
Le Bibie tutte si possono perdere, restando la parola di Dio eterna||
146
Il Basiliense concilio vuole le tradditioni||
202. 203

C

Il Concilio non ha possanza sopra il Papa, ma si all'incontra||
81. 82
Il Concilio non può far piu di quello si faccia il Papa solo, et pur non è superfluo||
100
[p. xiii modifica]

Tavola.


Il Concilo si fa del medesimo articolo risoluto per piu rispetti||
107
Il Concilio si vale della tradditione contra ogni eresia ch'alleghin le scritture sacre, piu che delle scritture stesse||
72. 74. 75. 137.138
Il Concilio non si ha da rivangare, perche molte scritture si alleghino contra le sue determinationi||
144
Nei Concilij nostri si fono risolute le cose secondo la verità delle scritture, et si fono cavati i nostri decreti||
147. 149
Il Concilio è stato ricercato sempre da gli eretici contra quello che essi negavano de concilij stessi||
139. 140
Nel Concilio si ha da star alla risolution de padri, et d'altri concilij||
148
I Concilij si fanno per piu cagioni||
153
Il Concilio è l'onnipotente rimedio nel tempo delle eresie||
29
I Conc. sono sempre stati confermati, et sigillati dal pp.||
65. 207. 208. 232
Nel Concilio si ritrova Cristo||
185. 186
Nei Conciliaboli de gli eretici non si tratta se non carne et massimamente in quelli di Luterani||
186. 187
Ogni Concilio antico condanna i Luterani||
147
Concilio celebrato ogni diece anni||
148
Nel congregar Concilio il pp. non guarda ciò che ne riesce, ma quello che dovrebbe riuscirne||
29
II Concilio non maneggia arme, ne fidati, ma parole, et spirito però che l'indice, non indice guerra||
32
Il Concilio dispregiato da chi vien chiamato dal pp. mostra l'eresia, come occorsi a Core, Datan, et Abiron||
38. 39. 40
Il Concilio di Trento è fatto come l'hanno intimato i papi, et come l'hanno ricercato i Monarchi||
153. 154
Nel Concilio non entrano tutti i dotti di Catolici, i quali sono tanti quanti quelli degli eretici||
86
Cosantino quinto si obligava di star alle risolutioni del concilio senza intravenirci esso||
76
Costantino magno sedeva nel concilio dopo i Vescovi||
76
Niuno Concilio universale potrebbe esser congregato da altri, fuor che dal papa||
116. 156
Il Concilio non si ha da voler con altri modi, ne di altra sorte di persone di quello che sempre sia stato, et chi lo vuole, non vuol non concilio, ma ||
[p. xiv modifica]

Tavola.


confusione come fa il Vergerio, et tutti i Luterani||
47. 48. 86. 116. 240
Il  Concilio ha da trattar pace fra principi, et la riforma di costumi||
56. 57. 58
Il Conc. si può chiamar universale ancor, che pochi vi intravenghino||
62
Il Concilio ha legate le mani dal papa nelle cose trattate, et nel modo di trattarle||
74
Il Concilio non ha mai havuto principe alcuno per difinitore ,se non era in sacris||
76. 78
La Chiesa Romana è conservatrice delle verità de testi, de sensi, de dottori, et de concilij||
138. 204. 209
La Chiesa per cagion delle eresie è stata a peggio di ora||
160. 227
Il Castigo de Catolici sono l'eresie||
173
La Chiesa Romana non può perire||
174.176
La Chiesa è il Regno di Cristo, et non può essere nelle sette nove||
15. 16 190
Le Cagioni perche Iddio permette le eresie||
172
La Cecità de gli eretici||
172. 173
I Cattivi possano essere ministri di Dio||
189
Canto di Sirene, caverne di Circe||
179
I Cardinali sono consiglieri del Papa||
79. 80
Il Cardinal Uvarmiense contra Brentio||
140
Sei Cardinali nel concilio di Trento||
80
Confirmar i fratelli tocca al Papa||
25. 86
Confessione  del Verge. che la sua setta sia contraria alla chiesa||
12. 31. 84. 92
Confessione di Martin Bucero che il Papato non puo mancare||
87
Le Cose di Dio sono comparate alle mondane||
142. 143
Contradittioni del Verg.||
14. 165. 166. 187
Canigi in Augusta||
169
La Catolica dottrina vuole il mutuo consenso et concatenatione con gli antichi padri||
I costumi particolari di Roma sono riformari dal Papa||
56
II Cocodrillo piange nel divorar gli huomini||
63
Ciurmator et ceretano il Verg.||
65
Camaleonte, et corieri il Verg.||
71
[p. xv modifica]

Tavola.


La Chiesa Romana è madre universale di tutti et in spetie dell'Imperio Rom.||
73. 74. 85
Cristo insegna a fuggir gli eretici, et i cristiani l'hanno osservato||
2
La Carità sforza tutti a discoprir gli eretici.||
3
I Cristiani ascrivano alla divina providenza quello che il Vergerio ascrive alla fortuna.||
7
Chimera del Verg. nel reprobar l'Indittione||
11
Cristo fece ogni cosa per bene et fu stimato pazzo, et incaricò la Dottrina farisaica, nè perciò fu imprudente||
30
Comparatione tra la sinagoga, et la chiesa||
40.41
Comparatione tra i Luterani, et Datan, et Abiron||
41
Comparatione tra Moise, et Aaron, col Papa, nel convocar concilio||
41
Castigo de gli Eretici in questo mondo, et nell'altro||
43. 44. 45. 155. 175.


D


Ogni Dottrina che non sia da Dio ha da mancare, et però l'eresie mancaranno||
12
Differenza tra il Catolico, et l'eretico nel modo del credere.||
28
La Dottrina degli Eretici non si concorda insieme, eccetto nel rinegare: ma nel confessare tutta è diversa et contraria||
53. 209
La Dottrina de gl'eretici quantunque si concordasse insieme non però sarebbe Catolica||
53. 54
La Dottrina di Cristo conservata sol dalla Rom. Chiesa||
209
I Dotti non hanno da entrar nel Concilio per dar voto diffinitivo se non hanno il grado conveniente||
86
Descrittion  della malvagità del Vergerio et della sua ignoranza||
96. 100. 109. 110
Diffension di Dio per la Chiesa||
96
Debito de principi, ancor cheeretici, di castigar i detrattori del Papa||
134
I Decreti nostri, onde sieno cavati||
149
Disonestà de luterani nel chieder la Indittione dall'Imperatore||
158
Discorso che niun mover si debbia per la moltitudine de' luterani||
160
Discorso che tutte l'eresie fono andate in fumo et la Chiesa siè stabilita||
161
[p. xvi modifica]

Tavola.


161. 174. 172 . 173

Discorso  sopra la cecità de gli eretici, et lor miseria||
178. 179. 180. 181. 182. 183.
Discorso sopra le tribulationi della chiesa havute da gli eretici||
174
Discorso sopra la insolentia et maledicentia intollerabile de luterani contra il Papa, Card. Vescovi, et concilio.||
131. 132. 133. 134. 135
Discorso della Madonna di Loreto, et di san Francesco||
210. fino a 216
Discorso della Incorrigibilità de gli eretici||
229
Discorso sopra il mandar le cose risolute dal Papa in Roma al concilio di Trento||
232.233
Discorso sopra il metter man all'armi i principi per far obedire gli eretici alle risolutioni fatte dopo il Concilio||
237. 238. 239
Discorso sopra due forti di servitori di Cristo||
245. fino 251
Discorso amorevole sopra il misero caso del Verg.||
251. fino al fine
Differenza tra i Cattolici, et gli eretici||
182
Donatisti rinovati dal Verge.||
121. 189
Dottori antichi, et autorità loro||
217


E


L'Eresia essendo la peste dell'anime deve esser fuggita da tutti, et che da lei si guardi ciascun deve esser avisato||
2
Gli Eretici come contagiosi sono sempre stati separati da gli altri cristiani come si vede nell'Evangelio, nelle Epistole de gli Apostoli, et ne i Concilij.||
2
Gli Eretici pensano che ogni cosa buona et santa sia dalla lor parte||
9
Gli Eretici fono simili alle volpi di Sansone che portavano il fuoco.||
9
Gli Eretici immascheran le cose nostre, e& intitolan noi del loro nome, come fece anco Lucifero con Cristo||
10
Lo Eretico dispreggia tutti||
10. 120
Lo Eretico non può haver Iddio per padre||
11
Gli Eretici sforzano ogni animo zelante a detestarli et dimostrar segli contrario all'esempio di Cristo et di Profeti||
5
Gli Eretici nel trattar dell'Indittione vengano solo alle villanie et niente dicono che rilievi||
5
[p. xvii modifica]

Tavola.


L'Eresie debbono movere i Catolici al pianto et alle rationi||
25
Gli Eretici parlano scuro, et fra denti.||
31
Gli Erretici son castigati da Dio in questo mondo, e nell'altro||
43. 44. 45
L'Eresia nasce dalla troppo riputation di se stesso||
68
L’Eretico è condennato dal proprio giuditio||
70. 236
Gli Eretici non hanno Cristo ma lo niegano||
87. 88
Gli Eretici dal Concilio esclusi.||
101
L'Eretico vorrebbe far ogni sorte di male senza timor di castigo||
121
Tutte l'Eresie passate per grandi che sieno state, sono gite infumo et la Chiesa piu stabilita||
161
Escusatione  dell'autore per cagion delle parole mordaci in questi scritti||
178
Elettion de Vescovi fatta dal Papa||
188. 189
Le Eresie  non subito cessano, ma molte volte crescono dopo i Concilij fatti ||
237
Gli Eretici stracciano la chiesa di Cristo||
243
Essortatione amorevole al Verg.||
251


F


la Fortuna non si conviene nominar tra cristiani, ma solo tra gl'infedeli, come dice Agostino, ritrattando se stesso.||
7
La Fede non può essere Cattolica, et Apostolica se da gli Apostoli in quà non si è sempre cosi mantenuta, et però la fede de le nove sette non può esser vera.||
16
La Francia per cagion dell'eresie tutta conquassata||
45
La Fede degli eretici moderni è tutta spezzata et niente crede d'intiero||
La Fede de i medesimi è tutta vacillante||
119. 120
Furore de gli eretici in luogo di ragione||
120. 180. 231
Il Fondamento di tutte l'eresie sono le scritture in tre modi addotte||
137
La Fede vera fu inanzi ad ogni scrittura||
146
Ferdinando Imp. non farebbe altra sorte d'Indittione di quella che esso ha accettato da Pio 4.||
158. 159
Fermezza della fede catolica||
176
La Fede alle cose nove, dev'esser mossa dall'uno di tre rispetti||
194
[p. xviii modifica]

Tavola.


La Fede ordinariamente nasce dalla predica, et dalla traditione||
201. 202
S. Francesco||
215
Fiducia vana de gli eretici per conto di fuggir il castigo.||
236. 237


G


Giovanni Hus fu eretico, con la sua Dottrina, però fu dal concilio di Constanza condennato al fuoco||
16
Girolamo di Praga fu eretico, pero fu arso||
17
La Germania per l'eresie afflitta da piu parti.||
44
I Giuramenti de Vescovi non son sforzati||
69
Gregorio Magno in qual senso ricusasse il titulo dell'universale.||
126. 127
152
Guerra et cagioni di Carlo quinto Imperatore contra la Germania.||
164. 165
Giesuiti huomini laudatissimi.||
169
Grotte de gli eretici||
182
Guerra de gli eretici contra di noi iniquissima||
183
Gofferia del Verg.||
185

H


L'Huomo terreno et carnale facilmente si lascia ingannar da gli eretici||
27

I


L'Intention del Vergerio in questi suoi scritti è tutta intenta a far male contra la Romana chiesa||
4
[p. xix modifica]

Tavola.


L'Intention  dell'istesso qui dentro è di levar il mezzo alle ecclesiastiche concordie, et è di nutrir discordie et eccitar all'arme et a tumulti.||
5. 12. 32. 47. 51
L'Ignorante ha per proprietà, l'esser precipitoso nel giudicare||
8
Inganno espresso del Verg.||
11
Irresolution del Verg.||
14
L'Intention del Papa nella Indittione e di medicare, che se poi non medica ad altri sia imputato||
29. 30
L'Indittion di Pio quarto chiama tutti di qualunque stato||
47
Inghiltehra afflitta per cagion dell'eresie||
44
Iattantia del Verg.||
64
Istrione il Verg.||
71
Inconstantia del Verg.||
97
Ignorantia del Verg. d'intorno all'invitar a concilio||
105
Induratione degli eretici et del Verg.||
105
L'Imperatore bacia il piede al Papa||
135
Inconvenienti che seguiriano se si rivocasse in dubio in un concilio quello che in altri si è risoluto||
140
Ingiuria fatta a Cristo, et alle scritture dal Verg.||
142. 143
L'Imperatore di oggi non potrebbe congregar concilio universale. Et chi lo vuole da sua Maestà, non lo vuole, et fa ingiuria alla persona sua||
156. 157
Infamia perpetua data dal Vergerio alla sua propria famiglia||
270
Inettie del Verg.||
184. 185
Inpertinentie del Verg.||
193
L'Insolenza de luterani simile a quella di Ismaele||
206
Idolatria che cosa sia||
210
Indulgenze||
219
L'Inquisitione è odiata da tutti gli eretici perche ella gli castiga||
225
L'Indice de libri con ragion fatto, et con ragion corretto||
225
Ingiuria fatta dal Verg. al Re di Francia||
246


L


I Luterani, sempre saranno et col Concilio, et senza Concilio intitolati di eresia pessima, che ha risuscitato tutte le altre||
fac. 36. 37
I Luterani simili a Datan et Abiron, nel sprezzar il Conc.||
40. 41. 42
[p. xx modifica]

Tavola.


I Luterani non sanno far altro che tumulti odiando la pace||
59
I Luterani odiosi ad ogni sorte di grado onorato||
62
I Luterani nati dalla feccia uscita da frati||
101. 103
I Luterani non hanno rispetto allo Imperatore||
164. 165
I Luterani  rompitori d'ogni legge massimamente di natura, et scortesismi||
193
I Luterani malissima sorte di gente||
193
I Luterani nati di novo||
222
I Libri de gli eretici sono letti da ciascuno in Trento nel Concilio||
89
Laude del papa||
115
Le leggi tutte condannano gli eretici||
121
Liberio papa sospetto di eresia||
140
Lancia longa di Golia||
152
La lega Smacaltica contra Carlo V.||
165
La legge di Dio è anco quella che ha insegnata Cristo||
196. 197


M


La Maraviglia che ha il Verg. della Indittione lo caccia nella idolatria||
7
Moron Cardinale giustificato, per ogni strada della sua innocentia||
9
I Mormoratori contra la Romana chiesa si mostrano chiaro non esser di Cristo||
26
Mondo non conosce Iddio, ne Cristo, ne spirito santo, però non è maraviglia se si accosta alla dottrina luterana, et si ride della Indittione del papa||
30
Il Mondo tutto maligno||
61
Il Mondo propria stanza de gli eretici||
62. 71
Il Mondo invocato, et eccitato dal Verg. contra Cristo||
71
Morte di Martin Bucero||
87
Malignità, degli eretici moderni, d'intorno alla guerra||
94
Matteo giudice dell'Accademia di Ihenna||
94
La Mitra è il segno di chi ha da entrar nel Concilio||
99. 102
Il Motto che ha il Vergerio nel frontespitio de suoi scritti si gli conviene ottimamente||
103.104
Mali infiniti procurati da moderni eretici in tutte le provincie||
121.
Maledicentia intolerabile del Verg.||
131. 132. 133
La Moltitudine di luterani non ci ha da movere punto||
159
[p. xxi modifica]

Tavola.


La Madonna di Loreto, et cioche di lei si crede, et che forte di divotione se le debbia hauere||
210. 211. 212.213. 214
Millenari eretici seguitati dal Verg.||
247


N


Le Novità  sono seguitate da gli eretici come huomini novissimi||
fac. 8. 150. 151. 222
I Nuntij  del papa sono mandati in Germania per invitar tutti i Germani principi che vengano al Concilio, et in altri luoghi per chiamar tutti||
52. 113. 114. 123
I Nuntij del papa non sono sicuri tra luterani||
167
I Nemici del papa sono nemici di Dio, di Cristo, et dello spirito santo||
95


O


Gli Occhi aperti molte volte fono effetto di lucifero||
fac. 27
L' Occhino eretico||
117
Osio Cardinale, Osio Legato al Concilio||
146. 187. 188
L'Ostinatione proprietà dell'eretico||
181. 229
L'Ordine della Chiesa visibile ricercato ne i Vescovi, et altri ministri||
190
L'Ordine de'Vescovi lontanissimo dalla succession carnale||
190


P


Il Papa si chiama Papa per providenza di Dio, et non per fortuna||
7
Il Papa ha da confermare et pascere il gregge di Cristo||
25. 86
Il Papato non può mancare fino a l'ultimo del mondo||
34. 87
Il Papa vicario di Cristo||
155
Il Papa ha possanza sopra il Concilio||
81. 82
Il Papa può far solo quello, che fa il Concilio||
100
Niun Papa ha mai contradetto all'altro in materia di fede||
85
Il Papa è pastore universale della Chiesa per testimonio||
de padri antichi||
108. 109. 126. 127
Il Papa non ha altro giudice che Iddio||
111. 112
Il Papa buon padre di famiglia||
105
Il Papa tanto piu deve esser buono, quanto è maggior di tutti||
111
Il Papa è gran Prencipe temporale||
132
Il Papa non tolerarebbe che alcun de'nostri scrivesse male de'Prencipi eretici||
135
[p. xxii modifica]

Tavola.


Il Papa ignorante, ne sa piu in materia di fede, che un semplice teologo||
68
Niun Papa ha errato mai in materia di fede||
68. 128
Pio quarto giudicato men savio dal mondo et dal Vergerio, è giudicato savio da Dio, et da Cardinali||
8
Pio quarto simile a Moise, et Aron nel congregare il Concilio||
41. 42
Pio con ogni giusta legge ha fatta l'Indittione come sta||
47.48
Pio huomo di gran letteratura||
67. 128
Pietro Apostolo huomo idiota ma Papa||
68. 128
Pio non ha da temere il Concilio di Trento||
241. 242
I Pagani soli adorano la fortuna||
7
Ogni Peccato volontario, però si chiama nostra inventione||
20
Le Promesse d'Iddio fatte del Regno di Cristo, che è la Chiesa non posson mancare||
34
La Pace si ha da trattar ne'Concili, ancor che una parte sia inesperta, il che sanno i Prencipi||
58. 59
Processar'altri tocca a Catolici, non a gli eretici||
65
I Prencipi non hanno mai havuto voto diffinitivo ne'Concilij||
76. 78
I Prencipi intendan meglio l'intentione dell'Indittione, che non fa il Vergerio||
77. 237
Niun Prencipe tolerarebbe, che l'Imperator congregasse Conc.||
157. 158
Pronostico del Vergerio, della ruina degli eretici per il disprezzo fatto del Concilio||
93
Il Pazzo è escluso dal Concilio ancor che Vescovo||
101
Ogni Prencipe ha da odiare il Verg. come seditioso||
23. 24. 113
Ogni Prencipe lascia dir chi vuole, et seguita i suoi ordini||
116
Pietro martire eretico||
117
Patriarca di Gierusalemme||
124
La Parola di Dio eterna, sepelisce le novità||
145
Poco rispetto de' luterani verso l'Imperatore||
162. 163
Parabole di Cristo in favor della Indittione di Pio||
175
Prieghi della Chiesa fatti indarno agli eretici||
180
Pasnutio nel Concilio Niceno||
192
Il Ponto della controversia tra noi, et gli eretici||
199
Pessimo profitto del Vergerio||
224
Profeti di Acab||
228
[p. xxiii modifica]

Tavola.


Pirati||
230
Proposta irragionevole del Verg. d'intorno al giudicar del Conc.||
40
Le Querele degli antichi eretici massime de'Donatisti et Regatiani sono rinovate da'nostri moderni per fuggir il castigo, et fare il peggio, che possono||
121


R


Il Regno di Cristo non può mancare, ma è eterno, et però le sette che poco fa si fono levate non possano essere il Regno di Cristo che è la Chiesa||
15
Le Rep. si governano bene et trattano cose d'importanza con tutto che molti soggetti tra quelle non sieno atti||
58
Recitator in Calesella il Verg.||
77
Le Risolutioni fatte in un Conc. non si devono far dubbie in un'altro||
137
Regola di santo Atanagi per conoscer l'eresie||
138
Regola di santo Agostino d'intorno alle tradditioni||
138. 139
Regola di S. Atanagi per cagion di coloro che sotto pretesto delle scritture sacre contradicono alla determinatione del Concilio||
144
Regola di Gammaliele per cagion del creder nostro||
145
Regno di Dio la Chiesa||
190
La Regeneratione degli huomini non si può conoscere da noi se non per segni||
192
Redargutione del Verg.||
196
La Remission de peccati, per mezo de gli huomini è stata negata da farisei, et da suoi seguaci||
219


S


Lo Stile de gli eretici è di scriver con dir villania a catolici, poco curando le materie gravi et d'importanza||
5
Lo Spirito degli Eretici, è un spirito fantastico, sotto colore di Spirito santo, et è bugiardo||
9. 95. 156
La Soperbia madre di tutti gli eretici||
10
Stile di fuor usciti||
12
Semei nemico di David||
33
Superbia del Verg.||
228
[p. xxiv modifica]
Sedition del Verg.||
12. 32. 33. 47. 91. 92. 96
Saul confessò due volte che il Regno di David non poteva mancare||
34
La Setta luterana ha risuscitato tutte le altre sette||
36
Il Summo  sacerdotio ha dato occasione a tutti gli eretici di far tumulti et disprezzar i concilij cosi nel Vecchio come nel novo testamento||
39. 40. 41. 42
Le Scritture senza vergogna son guaste de gli eretici, i quali or vi aggiungano et or sminuiscono come gli piace, et or vi scartano quel che gli pare||
51. 204. 207
Sciocchezze del Verg.||
66
Il Salvocondotto  del Concilio di Trento validiss. per ogni ragione||
89. 90. 195. 218. 219
Sogno del Verg.||
106
Sonetto contra un detrattor del Papa||
106
Lo Stato temporale è cagion di tutta la guerra che fanno gli eretici al papato||
116. 117
Sette varie tra gli eretici moderni||
118. 120
Le Scritture in tre modi sono state addotte da gli eretici||
137
Le Scritture possono perire restando la parola di Dio||
146
Stabilità della Rom. Chiesa||
160
Stato misero degli eretici||
179
Lo Spirito di libertà che vanno predicando gli eretici, è un furore||
180
Scuse senza ragione de gli Eretici per non venir al concilio||
181
Sdegno del Verg.||
187. 188
Il Salvocondotto di Basilea, et quello di Trento sono l'istesso||
203. 204
Sacramento di penitenza||
208
Stimmate di S. Fracesco||
215. 216
La Stampa non a roina del papato, ma a maggior sua chiarezza, et a perpetua infamia de Moderni eretici è stata ritrovata||
226. 227
Spirito del Signore di due sorti cioè, Buono e cattivo||
227
Spirito delle Rane||
228
Le Scritture non bastano a far giuditio retto del Concilio||
240
Servitori di Cristo di due sorti, buoni et cattivi||
248


T


La Tradditione piu si ricerca nel celebrar i concilij che la cognition delle||
[p. xxv modifica]

Tavola.


scritture||
72. 137
La Traddition Apostolica sempre si è conservata intieramente nella Romana chiesa secondo Agatone papa||
86
Traddition Apostolica||
198
La Tradditione è antichissima||
200.205
La Traddition negata, nega Cristo||
205
La Tradditione sola ci fa saper che l'Evangelio sia stato scritto||
206
Le Tradditioni addotte ne i Concilij sono antichissime||
241
Trento città sicurissima, et neutrale, perciò eletta per luogo atto da farsi il Concilio||
90
Terrore d'Iddio nella mente degli eretici||
95
Tavole di Moise rotte||
146
Il Tempo delle sette nate, mostra l'eresia loro||
150. 151. 222
Trucces d'Alsatia, Gentil'huomo dello Imperatore.||
166
Tedeschi di natura cortesi||
167
Trasformation de gli Eretici||
179
Terzo scritto del Verg. pessimo||
184
Testimonij addotti dal Verg. finissimi tristi||
223


V


La Verità vince ancor l'animo involto ne gl'errori||
12
I Volgari libri scritti in lingua italiana da gli eretici, hanno infettato l'Italia, però è ben fatto nella stessa lingua rispondergli||
3
Il Verg. quanto piu è ignorante tanto piu è nel scrivere precipitoso||
3
II Verg. é come bolzon disinpennato, però scrive ciò che gl'altri eretici vogliono che scriva||
4
Il Vergerio è un idolatra chiamando il papa fortunato||
7
Il Verg. in cambio di dire, Pio per la divina providenza papa IIII. egli direbbe Pio per gran fortuna papa IIII||
7
Il Verg. si accordò con gli eretici contra il suo signore||
9
Il Verg. è un furbo||
9
Il Verg. confessa la sua eresia||
12. 31. 84. 92
Il Verg. con questi scritti cerca di concitar tumulti||
12. 32. 33. 55
Il Verg. fuor uscito d'Italia||
57. 59. 61. 92. 93
Il Verg. si contradice chiaramente||
14. 123. 165. 166
Il Verg. è irresolutissimo||
14
[p. xxvi modifica]

Tavola.


Il Verg. merita esser odiato da ogni principe perche acconsente et lauda la Dottrina di Gio. Hus, et di Girolamo praga||
23. 24. 113
Il Verg. simile a Semei che credeva che il Regno di David dovesse mancare, cosi costui crede del Papa||
34
Il Veg. non potrebbe ritornar in Italia ancor che mancasse il papato||
35
Gli Ugonotti in Francia guerreggiano senza che dal Papa o da altri siano stati provocati: ma essi provocano i Catolici||
60
Il Verg. vorrebbe metter scisma tra il papa et i Cardinali||
80
Il Vescovo è maggiore di dignità sacra del Cardinale che non si fa Vescovo, ma nel governo della Chiesa è minor di quello||
98
Il Verg. ha fatto come la volpe senza coda||
102
Vita et costumi d'alcuni Eretici moderni cioè, Verg. Occhino, Pietro Martire, et c.||
117. 118
Il Verg. è intolerabile col suo dir male di tutti.||
131
Nel Vituperio del papa, Cardinali, et Concilio, si vitupera ogni sorte di gran personaggio||
134
Vicario di Cristo||
155
Via particolare del Verg.||
170. 171
Uscire da la Chiesa è l'Eresia||
180. 182
Ventre di Dio||
182
Il Verg. indignissimo del nome Italiano||
226
Universal pastore||
126. 127
La Veste di Cristo stracciata da moderni eretici||
181
Sdegno del Verg.||
243
Il Verg. diventato luterano, et le cagioni||
245
Il Verg. detrattor pessimo del Re di Francia.||
246


Il fine della Tavola.


Tutti gli errori corsi, cosi correggansi.


Fac. 4. lin. 31. niun modo nella causa. vuol dire. niun modo, eccetto nella causa. et alla lin. seguente. fatto eccetto per quello, fatto per quello.
38. 12. Saul. Saulo. 77. 3. anch'essi. anch'esso.
97. 8. detti. denti 114. 29. fecero de gli. fecero gli.
135.9 certo i Prencipi. certo Prencipi. 136. 21. habbia. habbiano.
251. 3. suffocarsi. suffocarci.
[p. 1 modifica]

RISPOSTA DI

DONN'IPPOLITO CHIZZOLA

CANONICO REGOLARE

LATERANENSE:


Alle Bestemie, et maledicenze di Paolo Vergerio contenuto entro à tre suoi scritti, fatti contra l'Indittione del Concilio di Trento, publicata da Papa Pio Quarto.

Ove unitamente si risponde à le ragioni, che pretendon gli Eretici,

di non venir'al Concilio.


SSAPPIAMO esser natural costume di tutti gli huomini, ne'tempi delle gran pestilenze, spaventarsi d'ogni picciol male, sapendo, che per la gran corrottion dell'aere quelle infirmità, che altre volte soglion'esser leggieri, et quasi di niuna stima, allora sono tutte ò mortali, ò gravemente pericolose. Onde pare, che ciascuno procuri d'esser medico col farsi ò provedersi gran copia di ricette, et pronti rimedij, per ogni bisogno, che possa occorrere. Et cosi conferendo tra loro, et insegnandosi l'un l'altro, si sforzano di tenersi lontani ancor dall'ombra del male, havendo come per certo, che qual si voglia di loro, che se n'infetti, debbia portar'espresso pericolo a tutti gli altri. Ma quando pur poi si vede, che alcun s'infetti, si trova subito esser fuggito da colui medesimo, che l'aiutava, avvertendo ancor ciascun'altro, che parimente lo fugga, et di lui si guardi. Tal che non solamente da gli amici ò conoscenti, [p. 2 modifica]
ma ancora da’proprij parenti et da’fratelli stessi vien abbandonato et fuggito. La onde, se questa gran diligenza è tenuta di tanta importanza nella cura ò prefervatione de’corpi umani, molto più certamente è da dire, che ella si debbia tener’importante ne tempi, et ne’pericoli delle gran pestilenze dell anime, che sono l’eresie, le quali, se mai per alcun modo, oggi veramente vanno sopr’ogni modo ammorbando il mondo. et parmi, che con ogni ragione si convenga a ciascuno far quel che può dalla parte sua, per impedir che il male non s’accosti a lui, et non gli entri in casa ricorrendo a i rimedij, et temendo grandemente il pericolo per poco, ò picciolo che si dimostri. Et ove pur si vede attaccato il male, separarsene subito, et ammonir’ancor’altri a non praticar seco, ma a fuggirlo, et a stargli lontano quanto più possa. Questi rimedij, et questa via si fa che hanno usata sempre i Cristiani. I quali insegnati da Cristo di allontanarsi Matt. 14.da i ribelli della Chiesa, come sono gl’infetti d’eresia, ò di scisma, quando alcuno in tal caso è stato ritrovato, l’hanno subito separato dalla commune conservatione, notandolo, et discacciandolo: et perche non havesse ad infettar gli altri, l’hanno come contagioso, con varie scritture mandate in diverse parti, publicamente discoperto, accioche ciascheduno se ne guardasse. Questo medesimo stile hanno ottimamente osservato gli antichi Cristiani come si vede chiaro nelle Epistole de gli Apostoli. Nelle quali si discuoprono nominatamente molti eretici. Onde san Paolo nella prima a Timoteo al primo, discuopre Imeneo, et Alessandro, comandando a i Cristiani,che non pratichin seco. Quem et tu devita, dic’egli, scrivendo a Timoteo nella seconda al quarto. Ne meno volendo che si salutino, come dice san Giovanni nella sua seconda canonica, Neque ei dixeritis Ave. Il che hanno simigliantemente osservato sempre gli antichissimi Concilij. Et per tutto ciò nasce, che essendo in questa nostra età miseramente vessata, et travagliata la Cristiana fede dalla gran pestilenza delle moderne eresie, le quali non perdonano ad alcuna sorte, ò condition di persone: ma ove possono attaccarsi, per tutto [p. 3 modifica]si attaccano, senza riguardo di povero, ò di ricco, nobile ò plebeo; ignorante, ò dotto. Per questo, dico, a difesa di tutti, è ben fatto, che ciascuno habbia per se, quanto più può, la medicina in pronto. Et chi havesse cognitione d'alcun contagioso, è sforzato dalla carità Cristiana d'avvertirne gli altri Cristiani, perche guardar si possano dal pericolo espresso. Et per tal cagione, io che già molti giorni mi son accorto, che ne i volgari, et bassi soggetti qui in Italia, i volgari libri in lingua Italiana scritti dagli eretici, hanno attaccato il morbo: et che di più mi son'anche accorto, che l'ignoranza di lettere, et la malvagità dell'animo, che in molti usciti d'Italia regna, gli ha condotti a capitar male, et ad esser dentro, et fuori pieni di peste, ho giudicato che il dar ricette, ò rimedij a i semplici, fosse di somma importanza per aiutarli. Et perciò, poco fa, mandai fuori un mio libro in forma di discorsi in lingua volgare, ove tratto et discorro i rimedij, che sono a si fatto male necessari. Il qual libro, se da'semplici, per tacer de gli altri, sarà con qualche diligenza letto, son certo che gioverà tanto al bisogno loro, che poco più haveran d'andar cercando. Ma perche poi si potessero guardar da chi vorrebbe infettargli, essendo egli infetto, ho tolto a scrivere al presente contra il Vergerio, pien certamente di cotal morbo. Il qual Vergerio, quanto meno va pesato ne'suoi scritti, tanto più è precipitoso nello fcrivere, che egli fa. Et però mandando egli fuori ogni giorno qualche compositione, sempre fa qualche male. Onde ho giudicato esser'ottima cosa a palesarlo al mondo, facendolo conoscere qual'egli sia, accioche ciascuno se ne guardi. Et avenga che la condition di costui non meritasse di farme gettar via tanto tempo: et molto men'ad altri, in leggere et rispondere a questi suoi scritti, tuttavia per aiutar quei che sogliono praticar seco senza guardarli, ho pensato di far tutto ciò per simil cagione, sapendo che s’io non lo fo, non sarà alcun forse che voglia farlo, per non degnarsi di discender tanto al basso, quanto è il voler contrastar con simil huomo di niuno honore, et di niun conto. Ma io qui non guarderò ad altro che al [p. 4 modifica]giovamento, il qual spero ne debbia uscire, et tanto più volentieri il faccio, quanto che ne'scritti suoi, m'accorgo, che se ben senza giudicio, et pazzamente scrive, saltando sempre (come si suol dire) di palo in frasca,egli però a guisa di bolzon senza penne, che sia da man gagliarda spinto; da altri vien'instigato, a scrivere ciò che gli vien su la penna, pur che sia contra la Chiesa Romana, toccando sempre d'ogni cosa un poco. Talche non solo contra il Vergerio, ma contra quanti l'hanno insegnato et spinto, perche cosi scriver debbia, ho tolto a rispondere: et accioche meglio, et più distintamente s'intenda quello, che egli ha fatto; quel che so io in questa risposta, si ha da avvertire, quanto a lui, che egli ha dato fuori ultimamente tre scritti contra l'Indittion del Concilio di Trento. Ne'quali fa professione di trattar la Chiesa Romana da pazza, il Papa da poco savio, et tutti noi da cervelli scemi, se ci diamo a credere che da tal'Indittione si possa cavar bene, ò profitto alcuno per la Chiesa; essendo che, secondo il giuditio di esso Vergerio, ogn'altro effetto ella intenda di produrre, che di giovamento. Et perciò proferendo di passo in passo ciò ch'egli se ne creda, si fa intender chiaro, che come poco sodisfatto di lei, anzi assai offeso nell'animo suo, non è per mancar ad occasion'alcuna per renderci i condegni frutti dell'odio suo contra di noi conceputo. Ilqual suo penfier malvagio si discuopre chiaro nella presente sua invettiva, ò satira, ò diceria maledica, che fa in questi suoi scritti, che già ho detti. Però è ben fatto, che, chi havesse semplicemente letto i suoi blasfemi, et escommunicati trattati in tal materia, legga ancor l'avvertenze,che contra quelli, in parte, qui saran poste.

Quanto poi a me, s'ha in questo fatto da considerare, che io non hebbi mai per tempo alcuno da far con seco, nè in bene, nè in male per niun modo, nella caufa commune della Religione, nella quale ciascuno è obligato, eccetto per quello che a se appartiene, di difenderla. però qualunche leggerà queste tal mie avvertenze, potrà di qui esser chiaro che odio alcuno o nemicitia particolare, non m'ha mosso, ma solo zelo [p. 5 modifica]di Dio, et della Religion cristiana a utile de'fedeli secondo che di sopra ho detto. Confesso che son'uscito alquanto dal mio ordinario nel riprendere et discoprire i vitij di costui , ma lo spirito che mosse l'animo de'Profeti a riprendere con villanie il popolo Ebreo, et mosse Gio. Battista a far il medesimo, et Cristo a usar anco il flagello; ha mosso ancor me, vedendo l'insolente suo procedere contra il luogotenente di Cristo, contra la Chiesa, contra il Concilio, et contra l'Indittione, et vedendo come ogni suo sforzo è di levar l'unico mezo alle Ecclesiastiche concordie, che è il Concilio; et di nutrire non altro che discordie, et eccitare all'arme, et a' tumulti, come il tutto si discoprirà a'proprij luoghi: però a fine che a simil persona non sia dato credenza in detrimento del cristianesimo tutto, io l'ho voluto palesare et dipingere, o descrivere sotto quei più proprij colori, et vocaboli che ho saputo. Onde non deve esser'alcuno, che si maravigli, ma creda pur che egli sia anco di animo peggiore che non lo so discoprire; et che sia vero, il principio, il mezo, et il fine di quelli suoi scritti ne fanno piena fede. Et perche nel far la risposta sono sforzato di seguitare le sue proposte, però ciascuno m'haverà per iscusato se io non servo ordine nelle cose da me scritte, essendo egli disordinatissimo nel proporle. Tutto l'ordine sarà solo in seguitar la sua traccia da ogni lato.

Nè si maravigli parimente alcuno, s'io sono asciutto nel trattar cose che rilevino, quanto alla dottrina; perche, essendo legato a quello che egli propone, non m'è lecito nella risposta ragionar d'altro, che delle materie da lui proposte. sarà bene assai che il Lettore di qui avverta qual sia lo stile degli Eretici nello scrivere contra di noi che pochissimo curandosi di maneggiar cose d'importanza, spendono la carta e il tempo nello scrivere maledicenze e dir villanie contra Catolici, il che ottimamente ha osservato qui il Vergerio, instrutto da'Maestri della moderna scuola: i quali scriuendo anch'essi, ò parlando d'intorno al soggetto che quì si tratta, niente piu dicono, nè con miglior modo, di quello che si faccia il [p. 6 modifica]Vergerio. Tale avvertenza so ben io che gioverà non poco al Lettore al quale con tutto questo prometto di trattar qualche passo che non gli sarà discaro, massimamente d’intorno alla pratica antica de'Concilij et dell'osservanza, che dagli stessi Concilij antichi si è havuta sempre, et dimostrata verso l’autorità del Papa: la qual però da’moderni Eretici è tanto conculcata come qui dentro il Vergerio mostra. Hor vediamo adunque ove incominci ad uscire, et recitiamo le sue proprie parole.

Papa Pio quarto è tenuto per savio mediocremente così così, piu fortunato che savio: ma nel numero di trenta Cardinali, che han sottoscritto (oltre al consueto) alla bolla della Indittion del Concilio, so che vi sono alcune miglior teste, et più savie (secondo il mondo) come è Ferrara, Carpi, Farnese, Madruccio, et Morone, che già su de'nostri. Questi ho pratticato, et ne possono esser degl'altri tali. Mantova non era a Roma, che è ben d'assai. però maravigliomi che dalle mani di tutti questi, che si consiglian poi con secretarij et altri forbiti cervelli, sia uscita ora una Indittione, della qual credo io che non solamente tutte le nostre chiese, ma anco molte delle papistice medesime stupiranno quando havranno intesa la cosa, la qual voglio io, che son'il menomissimo tra fratelli, provar se forse io la sapessi dire et farla intendere a gloria del mio padre Dio et c.

IppolitoAdunque di primo colpo nel principio del primo foglio, esce in una gran maraviglia, come dalle mani di Papa Pio, il quale egli chiama più fortunato che savio, et di trenta Cardinali ( tra quali esso ne ha molti per più savie teste di quella del Papa) sottoscritti oltre al consueto, alla Bolla, sia uscita una simil Indittione, massimamente consigliandosi tutti costoro con secretarij et altri forbiti cervelli et c. Questa è la gran maraviglia del Vergerio, della quale quando io lo havessi per savio, o prudente et buono, io mi maravigliarei tanto più forte, quanto ella si dimostra maggiore, conciosia cosa, che non posso imaginarmi onde nasca, che facendo egli qui [p. 7 modifica]
dentro una profession pura di Cristiano, et di riformato evangelico (come per tutto si va chiamando) all'aprir poi della bocca nel bel principio gli possa uscire, (come gli esce) una bestemia si orrenda et inescusabile, che lo conduce alla falsità del paganesimo espresso. Et che occorreva a costui nominar il Papa per fortunato, se non è un pagano? Non sa egli (anzi non lo sà) che i Cristiani non riconoscono cosa alcuna dalla fortuna, ma dicono a i Tiranni per zelo del evangelio: Nos Cristiani nescimus quid sit fortuna? Il padre Agostino nel I. libro delle ritrattationi si duole d'haver Agost. nel lib. i. delle ritratt. nominato mai questo nome Fortuna, et se ne ritratta. con tutto però, che egli havesse buon senso, come esso stesso in quel luogo afferma, et quello infelice, dato in reprobo senso, mentre che sotto colore di riformato Cristiano odia la sua Madre santa Chiesa, rinega ancor il Cristianesimo, et si inserisce tra Pagani, et tra'l numero di coloro, che si sono scordati di Dio, et l'ha in tutto tralasciato, del quale cosi scrive Esaia a 65. Esa. 65. Vos qui dereliquistis Dominum, qui obliti estis Montem sanctum meum: qui ponitis Fortunæ mensam, et libatis super eam et c. Noi Cristiani, chiamati da costui Papistici,lasciando la Fortuna con la sua tauola al Vergerio et a gli Idolatri, diciamo. Pio, per la Divina Providenza, Papa 4 et c. Et nel principio della Indittione, il Papa dice. Ad Ecclesiæ regimen Stile della Romana Chiesa. (licet tanto oneri impares) sola Dei dignatione vocati et c. Non facciamo noi mentione di Fortuna, nè meno a quella apparecchiamo la tavola, come fa il Vergerio. Il quale se havesse a parlar secondo le sue proprie regole qui dentro scritte, haverebbe a dire, Pio per gran Fortuna Papa 4 et c. Nel che sarebbe pur chiaro, che negasse la divina vocatione, et providenza in tal caso, Il Vergerio nega la divina providenza. et che si stesse a sedere alla tavola della Fortuna. O bel Cristiano et figliuolo di Dio, che non si curando della benignità, providenza, et vocatione Divina, ascrive l'opere di quella alla fortuna, il cui favore et forza non ha luogo, se non nella mente de'Pagani infedeli et idolatri. Ma avvertiamo il resto. [p. 8 modifica]Dice, che oltre al consueto, i Cardinali si sono sottoscritti alla Bolla et c. Hor qual più espressa bugia si può ritrovare di questa, che questo pover huomo non si vergogna di scrivere et mandar fuori? chi dice, che Cardinali non usino di sottoscriversi alle Bolle? è forse questa la prima? Quante ne Uso di Cardinali di sottoscriversi alle bolle. sono di tutti i Papi, in diverse materie fatte, che si ritrovano ne i libri stampate, ne i Registri scritte, ne i monasteri, nelle case, e città conservate, le quai tutte hanno la sottoscrittione de'Cardinali? Io qui non starò a nominarne alcuna, già che a tutto il mondo fono per le mani. La Chiesa Romana non si diletta di novità. Non usiamo novità alcuna ò Vergerio, nel intimar, et nel far de'nostri Concilij: ma seguitiamo le antiche pedate, et a voi altri lasciamo le inventioni nuove, come ad huomini novissimi che voi sete.

Dice, che sa che vi sono di miglior teste fra Cardinali et c. nel qual caso Proprietà dell'ignorante. fa professione di penetrar cervelli, et non s'accorge, che il proprio dell'ignorante, per la maggior parte è, di essere precipitoso nel giuditio, et temerario nel far sententie. Chiaro è, che niuno di quelli Signori, qui nominati, ascolta, ne meno s'invaghisce di simil lode, che costui gli ascrive, già che fanno, che ella tutta nasce per deprimer il capo, che essi hanno giudicato degno et se l'hanno eletto per maggiore, et che nasce per seminar zizania, se possibil fosse, fra'l Concistorio; onde per ciò non lasciano di seguire i pareri del Pio 4. giudicato dal Vergerio men degno second'il Mondo, è giudicato piu degno secondo Dio. Luc. 14. Papa, con tutto che'l mondo di natura empio, non lo stimi: ma dicono, che se il Vergerio stima Pio 4. men savio secondo il mondo, essi lo stimano più savio secondo Dio, nel cui luogo risiede in terra, et dal cui spirito viene governato nelle attioni alla Chiesa appertenenti, onde a lui fu detto da Dio: Amice ascende superius.

A quella coda poi di scorpione, che al nome di Morone hà voluto attaccare, dicendo, Morone, che fu già de nostri, si dice, che con quello spirito istesso è stata pronuntiata da lui tal sentenza, col quale, contra la determinatione della Chiela si proferiscono da gli eretici, tutti i lor Tutti gl'Eretici pensano che pareri. conciosia cosa, che, secondo il loro detto, ogni cosa buona è dedicata a Dio [p. 9 modifica]
a lor pare, che tutta sia dalla parte loro, onde dicono, che laogni cosa buona et santa sia della lor parte.scrittura santa, la Chiesa Catolica, Cristo, et Iddio stesso, sono dalla loro, et contenuti nella lor dottrina. Ma i Catolici sanno molto bene come vanno le cose, et chi sia in errore, et chi nò. Voi altri tutti della moderna scuola, ò Luterani, ò Anabatisti, ò di altra setta che vi siate,Gli Eretici sono simili alle Volpi do Sansone. Iud.15. siete volpi che portano il fuoco alla coda, per abbruciare il buon grano della Chiesa, come si legge di quelle di Sansone. Ma oggimai siete troppo scoperti, et le vostre frodi non vanno più oltre nelle menti de buoni. Della vita, et dottrina di Morone, fanno chiaro testimonio le attioniIl Car. Morone giustificato da tutte le parti. sue di molti anni, fatte nel cospetto del mondo, et i travagli che di continovo hà sopportato in Germania per servitio della Chiesa Apostolica, et della fede Catolica, difendendo i Catolici in quella Provincia, et impugnando gli progressi degli Eretici, et ne fa fede similmente la dottrina che ha fatta predicare, et insegnare nel le sue Chiese, la quale è stampata, et fa testimonio certo, che sia falso tutto quello che in contrario dice il Vergerio. Morone è stato a'cimenti, et non hà fatto come tu ò Vergerio, che in Germania ti accordarti con gli Eretici contra il tuo Signore, che ti haveva tanto onorato, mandandoti là per suo nuntio, et per cio ti fuggisti poi d'Italia, cacciato solo dal testimonio della tua coscientia. Et non è quell'ottimo Signore simile a noi altri, iIl Verge. ha tradito il suo Signore. Lo spirito degl'Eretici è spirito fantastico. quali havendo uno spirito fantastico, sotto titolo che sia spirito santo, non vi lasciate conoscer mai, nè usate di confessar'il vero dell'esser vostro, se non quando siete scappati in lontan paese. Questo dignissimo Prelato ha parlato sempre, parla, et parlerà ad un modo, onde nè prigionia, nè libertà l'han potuto condur mai a dire di esser altro di quello che egli è veramente. Come adunque non hai tu havuto rossore di scrivere, et dir di lui ciò che n'hai detto? ma qui (si come in altri passi ancora) io ti scuopro per huomo di niuna lealtà, ma, come dir si suole, per un gran furbo, che per far i fatti tuoi non ti guardi, anzi con ogni industria ti sforzi di mettere la maschera alle coseIl Verge. vorrebbe imma= nostre, et dar nota a i [p. 10 modifica]scherale le cose nostre.nostri della migliore schiera,come se fussero della Regola di voi altri, talche onorando voi del loro nome, cercate di fare scorno à loro col vostro stesso, arte Gli Eretici vorrebbero intitolar' i nostri del nome lor, come fece Lucifero con Cristo.veramente del gran Lucifero, che per levar l'onore, et la riputatone à Cristo, con ogni sforzo voleva intitularlo per diabolico, cosi fate voi co'nostri: ma Iddio, che è giusto difensore degli innocenti et condennator de'rei, si come ha condannato il Vergerio coi suoi compagni per sentenza pronuntiata da questa santa sede, cosi hà giustificato per bocca della stessa sede et di giustissimi giudici, à ciò da Morone doppo sottilissime inquisitioni giustificato.lei deputati, l'innocentia del Cardinal Morone doppo lunghe et diligentissime inquisitioni fatte di lui. La qual cosa si può credere che habbia forse permessa Iddio per dar più chiarezza al mondo della sincerità dì questo Signore, che non era prima, quando niun sinistro gli era per tal cagione incontrato, et ora il Vergerio si vorrà opporre a sentenza si giusta, et macchiare una sincerità tanto nota? Seguitiamo piu oltre.

Si maraviglia il Vergerio, che dalle mani di simil'huomini sia uscita una Indittione tale di Concilio, et per ciò, cosi scrive:

Credo io che non solamente tutte le nostre Chiese, ma anche molte delle papistiche medesime se ne stupiranno et c.

Arrogantia del Vergerio.Et chi vorrà qui difendere il Vergerio dall'arroganza? egli doveva col riconoscere il valore di simili huomini pensarsi ancora, che dalle lor mani non potesse uscir cosa men che onorata et degna, che se egli poi non la penetrava, doveva dare a se la colpa, et non a loro. Ma la superbia madre di tutti gl'eretici, come La Soperbia madre degl'Eretici. L'Eretico dispregia tutti.scrivono i santi, fa che l'eretico, troppo stimando se stesso, dispregi ogn'altro, come qui si vede haver fatto il Vergerio, il quale forse havrebbe voluto essere stato chiamato ancor esso a dire il suo parere sopra tal Indittione: et per ciò si maraviglia come non essendo fatta la bolla a suo modo, sia cosi uscita: ma il creder suo non è quello, che cantano le Chiese, che egli chiama papistiche, et perciò s'inganna a credersi, che elle habbiano sopra di ciò a stupire, et cosi ben s'inganna in tal suo credere, come anco nel restante della sua fede a [p. 11 modifica]tai Chiese contraria. Ecco, già è un'anno et tanti mesi passati, che la Indittione è uscita fuori, et pur non si è veduto mai nè udito che alcuna delle nostre Chiese si sia stupita, ma ben si è visto et si vede tuttavia, che ciascuna tale l'ha abbracciata, et ubidita: mandando tuttavia con dispendio, pericolo, et fatica, i suoi a questo Concilio. Adunque tal crederInganno espresso del Verge.suo nel tutto sarà eretico, come ancora nel resto esser si ritrova, et nondimeno questo poveretto, fondando tutto il suo discorso sopra tal falso credere, dice di voler far pruova, et di volersi affaticar se sà far'intendere questa verità al mondo a gloria del suo padre Iddio et c. Certo merita gran compassione quando si crede, et tuttavia s'affatica di fabricare nell'aria et seminar nell'arena, come dir si suole. Questa è una pura chimera, la quale in ciò siChimera del Verge. dimostra, poiché al Concilio di Trento si veggon concorrere Prelati, Teologi, Ambasciadori di gran Prencipi Cristiani, et altroché dalla Indittione sono invitati; onde di qui almeno dovrebbe egli conoscere et confessare, che più tosto spirito pazzo, che discorso savio l'habbia cosi indotto a credere et far pruova di darlo a credere ad altri, et ove si da vanto di voler dar gloria al suo Padre Iddio, dovrebbe conoscere, che non può haver Dio per Padre, non havendo la Chiesa, dal Concilio, rappresentata per Madre. il perche ha rinegato ancor Dio,L'Eretico non ha Dio per Padre. partendosi, et odiando quella, tal si può dire: Deum, qui te genuit, dereliquisti &c. Ma entriamo ormai alla sua narrativa. Deuter.35.

Primieramente, dice il Vergerio, il Papa con i trenta Cardinali, la carica Verg. stranamente alla nostra dottrina, chiamando la Eresia, scisma pernitioso, e pestilentia; bravandola,e facendoli intendere di volerla in ogni modo estirpare. Poi aggiunge di voler correggere, et emendare i costumi cotanto corrotti, e depravati, et conservar la pace, tra li Re, e Principi Cristiani. Poi entra con molta diceria a narrar ciò che Paolo 3. et Giulio 3. fecero già nella materia del Concilio, et ha in animo di volerne far'un tale, come fu quello et c. Alche sottoscrive il Vergerio tutta la sostanza della Bolla Ippolito. [p. 12 modifica]fatta da Pio 4. della Indittione del Concilio, la qual non occorre, che io qui la registri, ma in tal proposito (gia che cosi egli ha incominciato) li farò un solo quesito, et è questo.

Onde cavi tu ò Vergerio, che il Papa, quando dice nella Bolla, Eresie, scisma, et pestilenza, intenda della tua dottrina, et de tuoi pari, tal che tu habbi potuto dire ciò che hai detto, che egli la carica stranamente alla vostra dottrina? chiaro è che chi legge tutta quella bolla non troverà pur una sola parola, che dica di ragionar più della vostra dottrina, che di quella d'altri quando dice, eresie, scisma et c. Onde dunque l'hai tu cosi Forza della verità. 3 Esd. 3.intesa? Grande certo è la forza della verità, la qual vince ancor l'animo involto ne gli errori, et facendolo confessar' il vero da se stesso, et non perche altri lo dica, li fa ancor dar sentenza, et condannar se medesimo. Cosi Cain diede Gen. 4. Matt. 21.contra di se la sentenza, cosi gli scelerati contadini della vigna dissero, Malos malè perdet et c. Cosi di molti altri si scrive nelle sacre lettere: Et perciò il Vergerio, che è consapevole di qual farina sia il suo pane, molto ben'intende, che quando si dice eresie, scisma, pelle, et cose tali,non s'intende, ne si può intendere Il Verg. confessa la sua eresiad'altra dottrina che della sua propria. et a lei simile, tal che si verifica quel detto: Conscius ipse sibi et c. anzi non solo pensa, ma è sicurissimo, che cosi sia. Et per tanto insieme s'accorge che convenga estirparla, et Matt. 15disradicarla, dicendo Cristo, Omnis plantatio, quam non plantavit pater meus, eradicabitur, et c. cioè ogni dottrina, che non sia da Dio, sarà disradicata. Et questo è tutto il dolor del Vergerio, che si vede la falce alle radici, se quello santo Concilio va innanzi, però si dibatte, si lagna tutto, et si va cruciando, et col Il Verg. concita a tumulto i popoliproporre questo poco, vorrebbe toccar'il tamburo, sonar la tromba, et concitar i popoli infetti all'arme, sotto colore, che qui si tratti della lor dottrina et religione, et che perciò lor bisogni far provisione. Ma popoli ricordatevi che costui che ora parla è uno fuggito d’Italia, et ribello alla Romana Chiesa, alla quale haveva giurato fedeltà: et però, secondo lo stile Stile de fuor'usciti.de fuor usciti, tenta ogni strada, et muove (come si dice) ogni pietra per [p. 13 modifica]
ritornarsi donde sen'è fuggito, ne si cura, se ben poi rovinasse il mondo, pur che gli succeda il suo disegno, et che egli ne riporti l'intento suo. A tale scopo ò segno ha egli la mira in tutto il suo ragionare, come avvertirò io di passo in passo, et egli stesso si farà anco intender chiaro persino da i sordi. Et perche nel raccontar che fa quello, che nella Bolla si contiene, quando l'hà esposto a suo modo, sotto parole più oscure che può, per intrigar la lite, et haver più largo campo di straparlare, prega poi ciascuno, et dice.

Quella è la sostanza (cioè della bolla) et non è dubbio, che non vi sieno di quelli, i quali al primo aspetto, e non essendo da altri risvegliati, giudicheranno, che ella sia lodabile, et rallegraransi stimando, che siamo per haver un buon Concilio. Ma priego questi tali, che sieno contenti di leggere questo poco, che io scrivo, et poi far giuditio et c. Perche, dico, cosi egli scrive, et prega me con tutti gli altri devoti alla Indittione, che dobbiamo fare, io però l'ho compiacciuto cortesemente, l'ho letto, essaminato, et ecco ch'io scrivo qui ciò che me ne pare. Onde priego anch'io, che altri in ciò mi sien cortesi, leggendo il mio giuditio, fatto degli scritti del Vergerio, et vegga, se io ho parlato, et parlo con passione, overo con ragion chiara. Vediamo adunque ciò che egli scrive, et che vuole, ch'io legga in tal materia, ecco le sue parole,

Se avanti 40. anni, et avanti, che dallo spirito del signore fosse stata inVergerio. tante parti del mondo accesa la luce del Vangelo, fosse comparso in alcuna parte dell'Europa qualche principio di scisma, et division contra la Chiesa Romana, forse in un tal cafo, (dico forse) una tal Indittione havrebbe potuto passar via in quanto cosa de'Papi, nè sarebbe stata avvertita, nè sarebbe stimata tanto enorme (si come per dar un esempio) fu al tempo di Giovanni Hus, et Gieronimo di Praga, martiri di Cristo, che all'ora solamente un picciol regno di Boemia, et ancor non tutto, s'era sollevato, havendo egli conosciuto che gl'era stata strappata di mano la dottrina di Cristo, et datone un'altra contraria: et ne gl'altri regni, et provincie v'erano [p. 14 modifica] ancora tenebre densissime et c. Quelle sono tutte parole del Vergerio, le quali ho voluto addurre formatamente, senza aggiungervi, ò diminuire, acciò che il lettor possa di qui meglio intendere, s'io erro nel far giuditio, overo s'io dò la giusta sentenza, il che ossevarò anche nell'avenire quando tra noi non saremo d'accordo.

Contraddittion chiarissima nelle parole del Vergerio.Giudico adunque primieramente, che tai parole sieno del tutto contrarie al protesto suo fatto di sopra, nel quale havendo detto di volersi provare, se sapesse dire la cosa come sta, et farla intendere al mondo, acciò che intesa che sia (secondo che egli dice di credere ) fino le papistche chiese, ne debbiano stupire, mostra in questo caso all'aperta, che la cosa non sia tanto chiara, ma oscura, et difficile, già che egli non s'assicura di poterla far intendere, ma dice solo di volerne far pruova. ma quando poi entra a dir le parole, che qui dentro ho registrate, presuppone, che di già il fatto sia tanto palese al mondo, che il Papa, e i Cardinali debbiano da ogni parte esser mostrati a dito, come goffi, et senza giuditio, nell'haver mandato fuori una Indittione del Concilio: la quale, se ben per altri tempi havesse potuto passar via, non dimeno hora che tutto il mondo ha aperto gli occhi {come dirà poco appresso,) et che la luce di Cristo è sparsa per tutto, non può; se non con scherno et derisione di qualunque l'ode, essere publicata; et perciò soggiungerà, che non fa vedere, come questo buon Papa, et Cardinali si habbiano lasciato uscir dalle mani una Indittion tale. Ora, come si accozzano quelle due cose insieme, tanta difficultà in persuaderla, e tanta chiarezza di lei appresso del risvegliato mondo? Se è chiara, perche si ha da affaticar tanto nel volerla far intendere? et se è difficile, perche si tratta ella cosi da sciocca, et Irresolutione del Verg.indegna di starsi al mondo? Ma a me pare (et so di non ingannarmi) che il Vergerio non sia qui troppo ben risoluto, anzi gli avenga quello, che disse Cristo de'pari suoi, Io. IIQui ambulat in tenebris, nescit quo vadat, sed impingit. Egli va tenton tentone, et quando crede di andar sicuro, ha inciampato al bel primo; però havendo qui detto, et [p. 15 modifica] dicendo tuttavia di mano in mano, che tutto il mondo s'accorge delle barrerie sotto l'Indittione contenute. dall'altra parte s'affatica, suda, et si stroppia per volerne pur'adombrar qualch'una nella Bolla; et non gli riesce. Di maniera che con tanta luce del mondo, quanta esso afferma, resta ancor'il dubbio certo appresso se et de suoi pari. Onde da quella parte, ch'egli péensava di fare stupir le nostre chiese della Indittione, da quella appunto si chiariscono della insolentia intolerabile, et temerità degli eretici. Ma vediamo ora un bel passo particolare,

Si lascia uscir di bocca quella valent'huomo, et lo replica piu d'una volta nelle seguenti, che avanti quarant'anni la luce dell'Evangelio non era si chiara, ma che nell'Europa era solo un picciol Regno di Boemia et ancor non tutto che fosse illuminato. Et indì a poco nel ragionar suo dice, che quella luce della Boemia, d'intorno a cent'anni si discoperse, nel qual tempo, (per usar i suoi vocaboli) questo Regno si era sollevato, havendo conosciuto che la dottrina di Cristo gli era stata strappata di mano et c. Hor non è questo un bel passo? se solamente da cento anni in qua il Regno di Cristo è rinovato, e risuscitato, ove adunque, ò povero Regno, era la perpetuità tua, avanti questi anni? Come si verificheranno le scritture che dicono, Regnabit in æternum? Et quell'altre, Regni eius non erit finis? et quell'altre,Dan. ii. iii et vii. Luc. I. Potestas eius potestas æterna? Et Regnum quod non corrumpetur; et mille simili scritture? Adunque se in Boemia di nuovo non si incominciava, non era luogo alcuno ove la sedia di Cristo riposasse il piede: et se quel Regno di Boemia non siSecondo il Vergerio da cento anni in qua solamente la Chiesa è stata, il che contradice a tutte le scritture. sollevava non faceva alterationi, et motivi, (come costui dice) lo scettro di Cristo non levava mai testa, ma giaceva a terra, onde grande farà ben l'obligatione che hà il Regno di Cristo al Regno di Boemia. Et che ne dirà il Lettor mio, di questo si bel detto? Ma avvertiamo meglio, dice.

I tempi presenti sono un'altra facenda, sono diversissimi, conciosia cosaVerg. che non una parte della Boemia sola è hora in alteratone, e moto, ma tanta parte della gran Germania, [p. 16 modifica]16 Risposta di Donn Ippolito

« quanta ogn' un sà, risvegliata da Dio grida usando le medesime " voci, che usò già d’intorno a cent'anni la Boemia etc. Ippolito . Hor qui è ben fatto auuertir le parole fcappate dalla boc¬ ca del Vergeriojoue dice,che la Boemia con la Germania & altri luoghi,che elfo uà numerando,hannó fatto alteratione* e moto, & fi fono folleuati fimil uocaboli,sà molto bene cia- fcun Italiano,che in noftra lingua fuonano male,conciofia co fa,chequandounpopolo,òcittà,ò,Prouincia fi ribella con- tra al fuo primo padrone,& piglia Tarme contra di quello,dir- Souemtionc . ^ f uo i e)C h e ella fj a folleuatajche habbia fatto alteratione, &.

moto. Onde non è, marauiglia, fe quando la Boemia & una parte della Germania fi ribellò da Crifto fuo primo padrone 9 il v erg. finii fu detto & tuttauia fi dica,da quello nuouo Caifa,che fi fieno a caifa. folleuate, alterate,& molle fino a i fondamenti fuoi, che già

fu Crifto &c. Non farà dunque per tutto ciò mai uero, che da cent’anni in quà la luce di Crifto fia incominciata nel foto Regno di Boemia,ma bifogna dire,che da M.D.e tati anni que fio s’incominciaire,& fia continouaméte mantenuto fotto un medefimo Itile di credere,ancor che non ne i mede-fimi lòg- getti,altamente, fe ciò non è uero, il creder noltro non farà None Apollo catolico&Apoftolico, perche non farà continouato col cre¬ te* credere ( } crc gli antichi padri,& malTìmamente con quello de gli quello che da Apoftoli,& c hi ha penfato di volerlo rinouare da cent’anni in cento annnn ^ uajCOme dice ji y C rgerio,non per Apoftolico,ma per ereti- m?nciito l '* CO cornarc ^ 0 ^ fi at0 conolciuto,&publicato. Di quella veri- c tà ho trattato a lungo,nella prima parte de’miei difeorfi, pe¬

rò a lei mi rimetto.

Ma per non tacer poi un palio, che importa,oue dice, che Giouanni Hus,& Girolamo di Praga furono'martiri di Cri¬ fto,è ben fatto palelàr qui quai fiano flati coftoro,per ciò udi te,poi giudicate.

Giouminus Giouanni Hus predicaua pubicamente, che Giouanni Gioitami, vui Vuicleffera huomo catolico & autore euangelico , onde per cltff. confequenza , conlèntiua & abbracciaua tutta la fua dot J trina: per la quale Vuicleffdal Concilio di Coftàza, nella fef-

fione [p. 17 modifica]centra il Vergerlo , 17

fìone vìijffu codannato pei* eretico & fententìato al fuoco,& ancorché fufiè già morto & fepolto, nódimeno fu per fenté- Za diffinitiua di tutto quel Cócilio,fatto diflèpelire & fatte a» brucciare le fue offa. Effendo adunq; Giouàni Hus,della me defima dottrina di Vuicleff. fu ancor elfo condennato dall' ifteffo Concilio nella Sefììon decimaquinta,& dalla corte fé- colare fu brufciato.

Girolamo di Praga,come nella Seffione xviiij. del mede- fimo Concilio fi legge,haucndo feguito gli errori di Vuiclef- fe,& di Giouanni Hus fi ridufiè alla Abiuratione il giorno del laSeffion fudetta,chefudel 1415. a 25. di Settembre,ma poi di nuouo agitato dal Diauolo del 1416. ajr. di Mag¬ gio dimandata publica audienza nel Concilio, fi dolfe di ha- uer coli abiurato, & di nuouo affermò quanto di prima haue ua mal creduto,onde nella Seffione xxj. fu da tutto il Conci¬ lio uniuerfale per eretico condennato & arfo dalla fecolare corte.

Hor quelli fono i due martiri di Grillo a’qualiil Verge, li èuotato,eperloro diuotione egli potrebbe an cor’vn giorno feguire il lor martirio ; ben che non sò,s’egli coli di leggiero fegliriducelfe.

Chiaro è,che fono fiati uccifi,ma fefieno martiri di Grillo non folo non l’hò per chiaro,ma con tutti i noftri della Chie- faRomana credo,che folfero marciri del Diauolo, & quello che me ne fa certo è il veder la fua dottrina;onde è ben fatto, che non effendo qui il luogo di efiàminare la falfità di tutta la dottrina di coftoro, alla quale uolforo atteftar col fangue & effer martiri,!! tocchino almeno alcuni fuoi articoli, a fin che ciafcuno ben gli auuerta , perche fi conofoa qual forte di martirio fia fiato il loro,& qual forte di martiri piaccia al Ver gerio,& quai per confequenza fieno li fuoi amati,lodati,& ri- ueriti : con che fi uegga poi, s’io m’inganno, in giudicar qual fpetie d’huomo fia quello fuenturato.

Di Vuicleffe adunque fono 45.articoli dannati,& ue ne fo no molti a'quali fogliono contradire anco i moderni eretici,

C &non

Girolamo dè Praga. [p. 18 modifica]! i 8 < l\ìjftò]ìa di Bonn Ippolito

& nondimeno il Vergerlo tutti gli abbraccia per riuerenzà Articoli di Vttt i {{ g ran martiri prefati 3 che per oftinata difefa di tali

articoli fi fono lafciati uccidere.

1 Tra quefti è il 4. nell’ordine loro che dice j Se il Vefcouo* ouero facerdote firitrouain peccato mortale, non ordinala confacra 3 nonbatteza 3 &c. A quello non so io qual altro ere tico moderno cólenta 3 già che ciafcun fi mofira di hauere in odio la lètta di Donatiftfiche con la mala uita non uoleuano

che ftefie la chieia, onde bifognaua dire ciò che dice quella articolo. Et di poi fi sà 3 che contale articolo non fi puòafi- ficurare alcuno d’efierben battezzato 3 lè chi è nel peccata mortale non battezza 3 & non è in poter noftro di discoprire> qual fia nel peccato mortale 3 e qual nò 3 però non sò eretico a nollri giornijche quello aifermi 3 & pur per tale articolo fo¬ no morti i due martiri predetti.

2 Illèftolorodice 3 Dioèobligatoobedireal Diauolo.

^ Il nono 3 Doppo Vrbano fedo, alcuno non fi deue riceuere

perPapa 3 ma ciafcuno ha dauiuerea guilàdi Greci 3 Cotto le proprie leggi.

4 II decimoquintOjNiuno è Signor ciuiIe 3 niuno è prelato» niuno è Vefcouo, mentre fi ritroua nel peccato mortale.

5 r II decimolèttimojl popolari polforio ad arbitrio loro cor¬ reggere i loro fignori che fallano.

6 II uigefimofettimo 3 Ogni cofa uiene da neceflìtà afiòluta.

7 II vigefimonono. Le vniuerfità, gli fludij,i collegi;', i gradi, & magillrati ne i medemi fono per uana gentilità introdotti & tanto giouano alla Chielà, quanto il Diauolo.

8 II quadragefimoterzoj giuramenti illiciti fono quelli 3 che fi fanno per dar forza a gli humani cótratti 3 & ciuili comertij.

Quefti fono di VuiclefF, feguitati da i due martiri prefati.

Di Giouanni Hus furono condennati 31. articoli 3 de’qua li la maggior parte è conforme a quelli di Vuicleffe 3 & il 2 5. dicoftuiè*

La condannatione di 4?. articoli di Vuideffe è del tutto fenza ragione iniqua 3 & mal fatta.

A quelli [p. 19 modifica]contra il Vergerlo . 1 9

A quefti aggiugne nell’ultimo un’articolo tale.

Ogni Tiranno può,&deue lecitamente, &meritoriamen- te ettèr’uccifò per mano di qualunque Tuo uaflallo, ò fugget* Monito i Prm to a fe,& quefto anco a tradimento,con infidie fecrete,&fot- cl P l ‘ tili inganni,& adulationi,non ottante ogni giuramento dato, ò patti con etto fatti,& quefto,ancor che niuno giudice l’hatj T>ia fententiato ò comandato.

Hor qui ti uoglio ò Vergerio a difendere i tuoi martiri in Con t uUtim quefto giuditio, nel qualefidàfententiain nomedi ciafcun ditu r tti u Ar Criftiano, Che il primo da noi numerato fia a tutto trafito co iicoli ^ (tti # dannato per eretico, non folo perche egli nafca dall’antica fucina di Donarifti eretici,ma ancora perche,fècofi fotte,met terebbe il ceruello di tutti Criftiani a partito, fe fottèr batte- zati,ò nò,poiche non fi può alcuno aflìcurare del miniftro, (è (ìa in peccato mortale,ò non fia.

Il fecondo poi,da ciafcuno, che adora Dio, è medefima* 5 mente per eretico condannato,conciofia cofa,che lolo fi ado ri colui,che uien riputato fciolto da ogni legge. Che altra mente non farebbe Iddio,(è fotte foggetto ad altrui, ma mol to meno poi nel male, dal Diauolo iempre procurato, però come fi potrà dire,che Iddio fia tenuto obedire al Diauolo ?

Non è quefto un bell’articolo, per la cui uerità fihabbia da far de’ Martiri?

Il terzo,credo io che non poftà ftar nè in Cielo nè interra, conciofia,ch’egli uoglia dire,anzi dica, che di già fi douette uiuere fotto le leggi de i Papi inanzi Vrbano fefto, ma doppo lui non ui fia piu alcuno degno di nome di Papa, & perciò niuno ci può anco prefcriuer leggi. onde fecondo lo ftile de*

Greci ciafcuno hà da uiuere a fuo modo. La prima parte tut ti i Luterani niegano,& con loro tutti gli eretici moderni, i quali non uogliono,che nè doppò Vrbano,ne auanti lui alcu tio fuflè Papa di condition tale, che hauettè da dar legge al mondo. La feconda parte è negata dalla Romana Chiefà, fa quale doppo Vrbano ancora vuol hauer capo,& non vuole ftarfi col bufto folo,onde riconofce pur la perfona del Papà,

C 2 lotto [p. 20 modifica]20

c RjjJ?ojìa di Donrt Ippolito

fotto le cui leggi chi non viue è eretico manifedo. La terza parte fi niega da tutta la Chielà Latina -, la qual non coniente a gli errori de’Greci, ma tutti li condanna. Chi canonizerà - . adunque i due martiri,che per fodegno di quedo articolo lò no morti ?

Il quarto,perche mette a romore,& riuolge lòttofopra tut ta la Republica ciuile & ecclefiadica, la quale non penetran¬ do i cuori,non può giudicare chi fi a in peccato mortale:& chi nò. & pur ella non può dar lenza capiterò a tutto tranfito lo condannai anathematiza; & per conlèguente fcommunica i due martiri,che pazzamente tale articolo hanno penlàto di difender col làngue.

Il quinto,anderà con l’ideffe note, che anderà l’ultimo di -.Giouanni Hus che hor’hora le ne verrà in campo. 1

Il fedo,da ogn’huomo da bene,& anco da ciafcun’cattiuo è maladetto,& elfeerato,oltre a tutte le fcritture fiacre. I buo mi lo efiecrano per non fi laficiar ridurre alla forza & uioléza, r& redar lenza ogni uirtù & bontà entro di loro, fapendo,che ' inon è uirtù,le non è per elettione & uolontà libera. i tridi,lo iinalediconojperche pregando elfi li giudici che glicadigha r no,uorrebbono commouergli a perdonar loro : ma le ogni Cofia uien di necedìtà,che bisognano prieghi ? Le fcrittureiij ere poi lo ficommunicano del tutto,perche elle rimettono a gli huomini quali le piu importanti cole,con dire conditiona tamente, Se farete la tale, & la tal altra cofa &c. ma fe di nc r rcelfità ogni cofa auiene, a che tante conditioni ?

Hor fu,poi che lècódo te o Vergerio ogni colà di neceflìtà auiene,anch’io fon qui sforzato dire, che ho un grà dubbio, che p coprir qualche tuo difetto,operato in Italia & fuor d’I talia,tu ti fia uoluto aiutare co quedo articolo,come fe tu fof fi dato sforzato a far quanto hai fatto. Ma lappi, che non è peccato,che no fia uolontario,& perciò i peccati fi chiamano temer.i. Inuentioni nodre dalle fcritture fiacre,& fono chiamati no-

dre uie. non bifogna dunque,che fo tu hai profanato i mona fterij delle Vergini,quando diceui elfer de’nodn,&fe hai infi •*: . . diato [p. 21 modifica]'con tra il Verger io, ai

diato alle mogli altrui,quando Tei ufcito d’Italia,& fé tu ferui al tuo uentre come a Dio,non bifògna,dico, che di fimil erro 'muti difendi con dire, ogni colà uiendi necelfitàalTolutai Però hauendo fatte quelle cofe tanto brutte, & note al mon¬ do,io non ho potuto far di meno ; quello uorrelli far tu, & lq uorrelli dire nel tuo linguaggio, lodando tanto i tuoi martiri morti per follentar tal’articolo.

Il fettimo poi, non uedi che fi tira addotto tutto lo fdegnó de’piu importanti foggetti nella chiefa, ancor che fecondo te fieno luterani^ onde cariate uoi le uollre prediche, lettioni. Tufo de’ facramenti a uoflro modo? Li cauate forfè dalle man dre delle pecore,ò dalle fchiere de’contadini, ò forfè dagfef- ferciti de’foldati,ò d’altra fimil forte di gente, che non attéda alle lettere ? Tu fai troppo carico a tuoi,fe uuoi dire,che non habbiano uniuerfità,lludij,collegij &c. Non fi la forfè come fia la Germania,& fe di quelle cole, & ordini uifi truouano ò nói Come uuoi tu dunque trattar tutti colloro da gentili, Se aferiuere ad elfi la rouina della chiefa a guifa di Diauoli? Et pur tu lo fai,canonizàdo per martiri coloro, che per foftegno di coli reprobata dottrina fi fono lafciati bruciare.

L’ottauo,crederò io, che facilmente attediale tutte le cit- tàj& tutti i popoli fe folle creduto, perche quai mercanti mai fi metterebbono a rifchio.di condurre i lor trafichi in àlcu luo . go ; & quai cittadini contratterebbeno infieme mai di permu tatione,ò di uendita,ò compra i & che cótratto fi farebbe mai tra gli huomini,ò di maritaggi^ di paci,& unioni, & limili co fe,lè non folle il giuraméto,col quale fi fermano le attioni del l’un con l’altro ? Ma con quella uia ò Vergerio ti hai fatto le¬ cito ancor di rompere i giuramenti facri > co i quali tu haueui impegnato la fede tua al Papa, & a tutta la Chielà,d’ellèr huo mo da bene,& uiuer catolicamente. & ora,che tu ti uedi eller pergiuro ti uorrelli laluar coli bello bello, leuando l’auttorità a i giuramenti con laudar per martiri di Crillo coloro,che per quello articolo fono morti. Ma ella non ti uale, ne meno ti puoi nafeondere, ancor che piu da ballò tu fra per dirla un pò

co [p. 22 modifica]i4 "Kifpofla di Bonn'Ippolito

co piu fuor de’denti.

11 nono,che è di Giouanni Hus,perche approua tutti gli ar ticoli di Vuicleffeftra quali fono i già fopra addottila fe fief fo fi da la fentenza,& fi può dire,che fe Vuicleffe in 4 5-è fiato eattiuo, che quel martire in un folo gli fia fiato uguale .Tal» Che ogni colà,che aggiungalo faccia poi maggiore, & maflì- rao trillo,a rifpetto di Vuicleffe, & approuando poi tu l’un & 1 altro,come fai, non puoi fuggire di non efièr limile ad ambe due,&d’auanzarli coli tu, come Giouanni Hus haauanzato Vuicleffe. Il che come fia odi,

Vuicleffe nel decimofettimo fuo articolo,che è nell’ordine nofiro il quinto,dice,I popolari pofiòno ad arbitrio loro cor¬ reggere i lor fignori, che fallano, & non ha detto piu oltre. II che quantunque fia di grandiflima importanza; come quello, che mette l’arme in mano a i popoli contra de propri; fignori, "quando non fia alcun fignore fi fanto,che talhor no falli, ò fai lar non polli, nondimeno il martire del Vergerio l’ha uoluta un poco meglio deciferare,& dirla com’egli l’intende, & co¬ me la vuole il Vergerio fiefiò. Et perciò dice,& comanda, & mette taglia addofiò a chi non l’ubidilce,& promette premio a chi fa quanto egliuuole» che ciafcuno fenza altro confulto, fenza altra auttorità,& fenza afpettar,che altri lo comadi, ma per debito di cofcienza, eflendo vafiàllo, ò fuddito,polla,& debba uccidere ogni tiranno lecitamente, & meritoriaméte, con tutto che gli hauelfe giurato fedeltà; & tutto ciò con tut¬ ti quei modi, che fuffer piu atti a dargli morte, ò fieno forze d’arme,ò infidie,ò tradimenti,ò ueleni, ò che altro elfer fi uo- glia. Quello articolo fu dato nelle mani del Concilio di Co fianza in quel tempo,che il folo Regno di Boemia haueua (le condo il Vergerio)il lume di Crifto,& del uero Euangelo,eR fèndo denfifiime tenebre in tutto il rimanete. & perche i due mar tiri,che furono fèminatori di quella luce, furono dal me- defimo Concilio condannati infieme co tutta la lor dottrina < la qual fola in quei tempi ribellaua al parer della Romana Chiefa^c del Concilio) per tanto elfèndo quello articolo co

dannato [p. 23 modifica]conimil Verger io ,


dannato infieme,fi può far confeguenza ferma, che i femina- tori dì tale articolo,non bifferò altri che gli fleffi, i quali haue nano feminata la dottrina dal Concilio condannata,& iquali pur fono i due martiri. Or, di qual importàza fra tale articolo,

& con quanto buon occhio debbia effer guardato da i Prenci pi del mondo,non pur’in Italia,ma in Germania,& in ogni al- ogni principe tra parte dell’Europa,anzi fra Turchia Pagani ancoratolo- b* d* odiar cr ro,che fanno quanto fien facili ifudditi, a lamentarli de ilor oi

fignori,& chiamarli titani,ogni uolta che no uanno loro a uer ^

fo,& coloro, che fanno quanto fieno pronti i popoli a deride- rar cofe nuoue,& eccitarli a tumulti,poffono facilmente dar¬ ne la lentenza giufta : conciofia cofà,che non fia alcuno tanto buono,&giuflo Principe,che talhora offendendo un fuo uafi fallo & fuddito,ò dirittamente ò indirittamente, no polla far cader nell’animo di quel tale offefo, che egli fia un tiranno.

Onde è necefiàrio, che mai non fi fidi, ma fi ftìa tèmpre in fo¬ rétto,che alcuno ( per poter meritare apprefiò a Dio, & per debito di cofcienza,giàchegIi uien comandatolo penfid in fidiarlo,tradirlo,& caricargliela da fenno. Or,come dunque ftaràficuro il principato > come ficonuerranno infieme i Prin cipi come paflori,& i popoli,che fono come il gregge^: non dimeno il Vergerio celebra per martiri coloro,che per tal dot trina,& per feme di tal forte fparfò fra tutti i popoli,hanno uo luto morire.Talche non ho dubbio alcuno,che l’ifleffo Verge rio non acconfènta,& non appruoui, & fomenti tutta quella dottrina,anzi per odio di chi l’ha condannata predica, & per tutto diffama che i condannati fieno flati martiri di Criflo, & che il Concilio,che condannò tal dottrina coloro auttori,fia flato tutto empio,contrario di Criflo,& diabolico, per la cui cagione al medefimo modo difprezza,odia,& perfeguita og¬ gi il Concilio di Trento, contra il quale fcriuendo rabbiofà- mente,ricorda qui (fotto titolo di martiri ) i due eretici femi- natori di fcandali,incitatori a gfingani, maeflri di frodi, bu¬ gie , & fpergiuri, & configlieri di tradimenti, anzi teffitori di quelli,contraiSignori,Prencipi 3 & padroni, datici per ordine [p. 24 modifica]% 4 %ìjj)o$d di Borni Ippolito

lì verg.lauda di Dio. Et forfè che il Vergaio di quella dottrina alfa! dota- i due martiri , toffpera di far qui oggi in quelli Tuoi ferirti quanto daifuoi per ualerfl di due martiri è flato infegnato ; cioè,con inganni &lìmulate pa quefto loro ar j- Q i e orc Jir tradimenti,per la cui forza nafea la rouina del CrT ticolo a conci ftj ane fmo tutto,con dar’ad intendere al mondo, che il Conci f4r tumulti . ]j Q non (] a p £r medicare, ma per ferire, & che l’Indittiort di quello non lìa mandata fuori con animo pio,ina empio & cru dele,per metter le mani all’arme,& fparger fangue. Et perciò egli replica piu & piu uolte quello fuo péfiero, come lì uedrà

nelle cofe feguenti di quelli fuoi ferirti,a i quali mi ritorno.

Scriue collui una lunga diceria per impire il foglio, &ha- uer piu largo campo di lodar la fua fetta, dir uillania a noi, & metterai fondo il Papa: per poter poi prouarlì, fe quello, che ha promelfo da principio, poffa attenderlo nel line. Ma per¬ che ogni parola non uuol rifpolla(come lì fuol dire) nè io uor rei effer proliffo,però non dirò altro di quella fua fi lunga dice ria,nella quale a me pare,che egli habbia uoluto recitar tutto il mappamondo co nominar tutte leprouincie, & luoghi,che alla Romana Chiefa fi fon ribellati,con dire.

Vergerlo . Ma i tempi prefenti fono un’altra faccenda, fono diuerfifli- cc mijconciolia colà.che non una parte della Boemia fola è ora “ in alteratione,& moto, ma tanta parte della gran Germania, cc quanta ogn’un fa,rifuegliata da Dio, grida,ufando le medelì- cc me uoci,che usò già d’intorno a cent’anni la Boemia,ma affai cc piu felicemente grida,dico,che la dottrina di Grillo le era fla- “ ta dal papato cambiata ; & arditamente attende a reflituirla, <c & in molti luoghi l’ha preffo che rellituita, nè vuol piu impac « ciarli con quella di Papi 5 Quello lleffo ha fatto una gran par- « te del paefe di Suizzeri, & la maggior parte di quel de Grifo- ec ni,& Geneua con una parte della Sauoia, & tutta l’Inghilter- <c ra,& tutta la Scotia,come se intelb,& le terre, che chiamanlì t£ maritime,quantunque altri uogliano,che lì comprédano nel-

<c la Germania, ma pur paffihora quello e i Regni diSuetia,di

t£ Gottia,& di Datia,& il Ducato di Pruffia,& la Liuonia, & la « Tranfiluania. Tutti quelli Regni & Prouincie, conTauttorità

de fuoi [p. 25 modifica]centra il Vergerlo , 1 5

de* Tuoi Re, Principi, & Magiftrati, fé ne fono pubicamente sbrattatele hanno piu che rare col Papa,ma con Crifto , ue- ro capo della chiefa.

In tutta quella diceria,altro non fa che ragionare,non lì cu ondo che i lùoi ragionamenti fieno, ò non fieno approuati. Per dò,lafdando anch’io di dire ciò ch’io ne Tento,dirò folo, che (è tutti quelli luoghi,& prouincie qua recitati,fono ribel¬ li alla Chiela Romana, & al Papa ; debbono ragioneuolmen- te muouere l’animo di qualunque catolico, che tal nuoua in¬ tende,ad hauer cópalfione di loro,per debito della carità uer- iò il proflìmo:& per tanto ognun tale, per occafione delle pa role qui dal Vergerio addottela da piangere la perdita di ta¬ te anime,che in tanti paefi fi ritruouano, & deue eccitar lo Ipi rito delle calde orationi in fe fteflo, per placar Dio, & diuer- tirlo da flagello fi graue,quanto è quello di dar le menti huma ne in reprobo fenfo,& nella accecatione,pregando Tempre la Tua Maeftàjche fi moua a pietà (òpra della Tua uigna da fi fiero cinghiale rouinata, & guafta, làpendo al fermo, che (è i paefi nominati dal Vergerio,non hanno che far col Papa,non pof- fono anco hauer dottrina ne fede, che ftabil fia. Percioche al Papa tocca di confermare i fratelli nella Criftiana fede, Dice do Giefu Crifto a fan Pietro primo Papa, Confirma fratres tuos,&c. medefimamente,fe non hanno che far col Papa, nò hanno ancor modo di poterli foftentare,& nutrire nel Regno di Crifto,effondo proprio offitio del Papa di pafeere, & nudri re le pecore,& gli agnelli di Giefo Crifto. Onde fu detto,Pa Tee oues meas,& agnos meos,&c. Tal effetto deue produrre ciò che qui dice il Vergerio,neiranimode’Catolici,cioèdi piangere gli altrui peccati,& dolerli dell’altrui male, lèntédo la ftrage d'altri,come TefolTe Tua propria,& qui ucrificherano quel detto,Maledicimur&Benedicimus;che certa colà è,che tutti quelli paefi coli infetti,accordatili col Vergerio,non han no cofa tanto da defiderare, quanto fia la rouina noftra, lotto colore della deftruttione di Babilonia, & del Regno d’Anti- crifìo: & noi,per contrario,no habbiamo di che tanto dolerci

D al

33

»3

35

Ippolito »

L’Eroe deb* bono muouere la mente de' C a tolìci alla pie• ti, & alla oré tionc calda .

P/4/.79.

Chi non accori fente col Papa no può ilar nel U fède ne ejjcv pdfeiuto .

Lue. zi.

Io. iti.

J.Cor. 4. [p. 26 modifica]Vergerlo,

Ippolito

Lite. IO.

Natt. io Lue. 15.

ì 5 *RiJpofiadi Donrt Ippolito

al preferite,quanto della perdita & rouina loro. Al retto poi,

^Ce ne fono poi degli altri,che ancora no ardiscono farfi fen cc tire tanto pubicamente,ma in fecreto ( no consentendo aper cc tamente i Re,& magiftrati)mormorano,trauagliano, & nano

« aggiugnendo legne,'& olio al fuoco dell euangelio , che

« uiueggonoacce(b;comeèiitalia,laFrancia,la Spagna,lVii^»

« gherfatla Dalmatia,la Boemia', la Polonia maggiore,& mina « re, la Lituania,& la Ruffia. Ne quai luoghi già ui fono inni*,

< c merabili orecchie,& occhi aperti,& molta cogmtio del Van¬ gelo & di Crifto, per gratia di Dio. ,

A tutto quello dico,che effendo la cofa,com egli la racco-, ta,coloro che coli fanno,ben moftrano chiaro, di quale ipiu- to,& in quale (lato lì ritrouano. Conciofia cofa,cfie chi 11 tra- uaglia,non habbia parie con Grillo,il quale e tutto quieto,& tranquillo,& polfonocófiderar dafe fteffi, che cola lì couega dir lorojtrauagliadolìin cofepeffime,&: federate,poiché Mar ta, che fi trauagliaua con ottima intentione, penando di lar ben gran feruigio a Gillo,fu riprefa acramente co dirle, boi- licita es,& turbaris erga plurima, & c. Et quei che mormora¬ no, fono inuidiofi & maligni contra la benignità, & pietà del celelle padre, come be dimoftra Cullo nelle parole dette dal padron della vigna contra i lauoratori, & mormoratori, An oculus tuus nequam eli,quia ego bonus fum ì &c. Et il h afel¬ io del figliuolo prodigo mormorando, perche uedeua 1 onor fatto dal padre al fratello lafciuo & carnale, non fu degno di entrare in cafa, ma fi reftò di fuori .Voialtri mormorate, pa- rendoui Urano, che Iddio onori nella propria cafa, (che e la chiefa fanta ) coloro,che a uollri occhi paiono carnali, & cir- códati di uitij, dando loroi primi gradi,& i primi onori entro a quella.Ma infieme ancora douete eifer chiari,che fiete elciu fi dalla cafa,& però altro nò refta che di conofcere come fiete preda,& efea dell’inferno, ilqual alTorbe chiunque non entra nella fanta chiefa. Et inbreuità dal mormorar che fate,doure ile riconofcerui della fchiera di coloro, che furono eftermma [p. 27 modifica]cantra ìlVergerìo . 27

ti,de’ quali dice rApoftolo,Neque murmuraueritis,ficutqui r i.como. dam eoru murmurauerunt,& perierut ab exterminatore, &c.

Vi fta dunque per tutto ciò bene, che andiate trauagliando,e mormorando,& (come foggiunge coftuOhabbiate ancorale orecchie,e gli occhi aperti . Ma guardate, che tale aprire non nafcada quella radice 3 dalla quale nacque ancor l’altro de’pri ini padri 3 che fedoni dal ragionar del ferpente ( & perciò ri-

bellatifiaDio)fubito(diceilGenefi)apertifuntoculiillorum. Gctt.

Di fimil’occhi coli aperti fi gloriauano ancora i farifei : i qua¬ li diceuano a Crifto, in fan Giouanni : Siamo forfè ciechi an¬ cor noi? A i quali rifpofe Crifto, Si cxci effetis 3 non haberetis lo- 9 ° peccatum.Nunc uerodicitis;Quia uidemus 3 peccatum ueftru manet 3 &c. Adunque molto meglio farebbe a perfone tali hauer gliocchi chiufi,che aperti,& effer ciechi, che uedere, al modo,che qui il Vergerio dice,che in quei luoghi fi truouano orecchie, & occhi aperti. Tal’effetto al ficuro nafce da colui, che fi trasforma in Angelo di luce, per illuminar gliocchi de nemici della Chiéfa fanta per moftrar loro,& far uedere ogni uia,& ogni cattiuo modo per offender quella, fi come fece an cora a i primi padri. Percioche il diauolo ( come ne’ miei di- fcorfi ho trattato a lungo,parlando della cagion dell'Erefie,) feduce il mondo col pigliar forma di ferpente,& di dracone* per infidiarlo occultamente,& con inganni, a quel modo che fan Giouanni far lo uide nell’Apocalipfi al duodecimo, cioè, uomitando dalla boccafua,& mandando fuori doppo la per- feguitata Donna,un gran fiume, che dalla fecca terra fu tutto inghiottito.il che interpretado i fanti,moftrano che cofa fac¬ cia il diauolo,per bocca degli Erefiarchi', che co un fiume de loquenza,ufcito dalla lor bocca,fotto color delle fcritture fa-

cre,dell’onor di Dio,& di Giefu Crifto, ua infidiando per ab-

bifiar la Chiefa fe poffibile gli fufiè. Onde coloro, che da tal Li fcduttì dd fiume fono perfuafi, beuendola (come dice fan Giouanni che di(tu °l° Sp™* fece la terra,cioè gli huomini terreni,che di leggiero fi lafcia- m s occf}l * no fedurre ) coftoro, dico, a guifa de’ primi padri ( {edotti dal primo ferpente che li perfuafe) fatti ribellia Dio,aprono que w . D 2 gli [p. 28 modifica]x 8 c Rì{j?ofta di Donn'Ippolito

gli occhì,de f quali dice il Vergerlo, fé ben non Io intende, Bc tutto ciò auiene in quei molti luoghi, ne i quali coli aperta¬ mente non fi ragiona : oue(fècondo il detto di coftui)già ui lo no innumerabili orecchie,& occhi aperti ; che fi come il fem- T>ìffcrezd tra plice Cridiano chiude gli occhi,& camina là, oue è indrizza- il fimptìce , er to da altri,cofi per il contrario colui,che ha il cuor doppio,no Ieretico, nel fifodisfadi (èguitar l’altrui parere,mauuoleuedereil fatto modo del ere- f u0 ,& unol elferfauio come Iddio,làpendo il bene & il male ; Gen° r0 ‘ & quello èiarouina nodra,& èunufcirfuorideHèminato,& Beliti io. er tra pi ant:are >° trasferire i termini,che hanno pollo i nodri pa- 27.irou.z i. è un a P r ^ r gl* occ hi 5 & uoler con le no Are mani farci un

uediméto di fra(che,come fecero i primi padri doppo fi bello Gf/j. 3. aprimento de gliocchi loro. Di quello aprire adunque parla

Leu * 6 il Vergerio. Ma noi,che per non cader nel peccato,ci conten

1/ ' càtolìco tiamo ^’eflèr ciechi in quella parte, diamo co gliocchi chiufi, crede femplice & ci balla,che il fommo facerdote entri folo in fan&a (ànòlo- mète fenica uo rum,& noi adoriamo con la faccia riuolta a quel luogo,(è ben lerlct uedtr a non ueggiamo tante cofela détro rinchiude. Et crediamo la minuto. legge, fe ben non habbiamo udito Iddio ragionar fui monte,

Exod. 15». er & riceuiamo l’euangelio, (è ben non fiamo (lati prefenti, ne a 2 °- udire,ne a uedere quando Crido predicaua.Et bada che cifia

lo.ult.20. f att0 intendere,Hic Deum adora ; che il tutto con femplicità crediamo fenza uolerla ueder cofi a minuto,come fanno quei il Cdtolico Jì Vergerij,& quei martiri arfinel Concilio di Codanza.Noi hfcU guidar ci conosciamo,chi per mani, chi per piedi, in quedo corpo di dachihaToffi Crido,& operiamo fecondo l’indrizzo di chi fono nodri oc- tìo dì indriz= chi,nodre orecchie,nodra lingua,& nodro capo, ne ci curia- ztrlo, vi ere mo di (àper piu oltre,colà che gli eretici non uogliono inten¬ do non uol in ^ ere; p erG he hauédo la fuperbia per madre,uogliono eflèr pa- rizzo» rj j ne j ue dere,& neH’intendere,aqualunchealtro,&quedi(ò- no gliocchi, e l’orecchie aperte dell’euangelio,fecondo loro» Ma ueggiamo quel che reda.

Il Vergerio con tal’occhi aperti difpregiando ciò che fèn- habbia giudicato ogni altro,entra 'in catedra per dar fentenza di quanto giudica del Papa, de’ Cardinali ,& di tutto il rima¬ nente [p. 29 modifica]nente nella Indittione contenuto , & scriue la sentenza in cotal modo:

Effendo le cose in quello termine,come elle sono,fenza du bìo,a me pare,che il Papa haurebbe potuto far poco peggio per lui che dar fuori una Indiatone, e nelle prime righe cari¬ carla con uillanie coli brutte,et orribili alla dottrina da tan¬ to gran parte del mondo gudata& abbracciata per cofa di¬ urna come ella è :e dire a lettere di datola con gran brauura, che egli apparecchia un Concilio,fatto a fuo modo,per tnez zo del quale egli intende di eftirparla: la qual parola,edirpar, non è dubbio,che non lignifichi drappar per forza fuor de’ cuori col ferro,e col fuoco,riducédoci tutti, o che uogliamo, o nò, d’andar a bafeiare la poluere de Tuoi piedi,&c.

In quelle parole fi uede chiaro il Vergerio ueftito da giudi ce,& chi dubita,che fententiando egli,non fegga nella cate- dra della pellilenza,fin tanto che Iddio non lo rifguarda con altro occhio,& non gli dia altro intelletto di quello, che lì habbia,per edere fcrutatore & intelligente della giuda legge diuina > Però non può da fimil huomo, che porta gli occhiali guaiti,(& per ciò le cofe le gli apprefentano tutte al riuerlò di quel che fono ) ulcir giuditio retto,ma ingiulto & empio .on de il Papa dice,che fe hauerà fatto male a fe llellò, dando oc- cafione a gli Eretici,olia il Vergerio ò altri, di far & dire il peggio che fanno, aliai gli bada d’hauer fatto il meglio per l’onor di Dio,& vtile della Chiefa,ufando ne i predenti tem¬ pi queironnipotente rimedio, che Tempre in tai cafidiinfir- mità, fecondo le regole della Criltiana medicina, è dato ula¬ to . Però nella Indizione defla egli à tal propofito ha detto.

Cum autem intelligeremus ad héec fananda mala aptifli- jmum effe remedium,quod fan< 5 ta h#c fedes adhibere confue- uilfet, Oecumenici Concilij,&c. Papa Pio è medico, & per cognome,& per offitio,& vedendo la frenefia de gli eretici di quedo tempo,menar tanta furia come fa; mette mano all 'El¬ leboro per fanar tutti. Ma fe poi la frenefia loro è tanta, che in cambio di guarire,gli fa dilpregiar la medicina , & odiar il

medico

Vergerla, »

55

35

}>

3 »

SS

SS

»

5 »

JJ

Ippolita» P [al *

Nd congreti gar il Cocilio , il Papa non ri [guarda ciò che ne riefee , ma quello che di ragìo n'bau rebbe a riufd re.

La bolla»

Intendali di Papa Pio neh U Indittioncè [p. 30 modifica]5 © < RjJj>òftadì Donn ’ Jfpolito

medico,chi può qui con ragióne dirne male, & lamentarti, le non è anch’elfo caduto in frenefia con gli eretici ? Chiaro è, che il rimedio è ottimo fecondo ogni regola Tana, & quanto piu porta pericolo a chi vuole applicarlo al frenetico, tato di qui fi deue conofcere la bontà,& carità fua,che non guardan¬ do a’ fuoiincommodi, nè à fatiche,fpefe, & pericoli che gli fieno minacciati da gli eretici,pur fi accolta loro col rimedio, &ulàogn’arte& ogni industria per ueder di purgar loro il ceruello,che fe poi ogni cofa per loro riefce uana,patienza;a Hìer.]z fe non s’hà da imputare. Curauimus Babylonem,& non eft Criifio fece o* curata &c. Crifto fu anch’egli tenuto pazzo,& ogni cofa,che gni cofa per haueua operato per fanar quel popolo dalle piaghe profon¬ derti er/« fù* de del cuore(come Elàia fcriflè ) gli fi riuoltò contra ; onde al muto pazzo . fine fe n ’andò in Croce. Ma che,non fu forfè ogni cofa da lui Efaia 61. er benfatta? non fu egli tutto amoreuole? non fu oltramodo

al fin da Dio honorato?hor, coli penfa,& fa il Vicario dief-

fo Crifto.

Ma dice il Vergerio,cheil Papa è flato imprudentiftìmo a caricarla con uillanie coli brutte nelle prime righe & orribili alla dottrina da tanto gran parte del mondo guftata & ab¬ bracciata per cofa di uina, &c. Ma chi la caricò piu di Crifto . . alla dottrina di quel tempo, la quale coli bene era creduta àueUo g che°rl P er diuina,(6fsédo però tuttaFarifaica,& fuperftitiofa)com’è prende il Pap'a ancor quella,tanto dal Vergerio lodata ? & nódimeno a quei ricréde ancor foli predicarla elfo & infegnaua .aduque(fecondo quello det cristo. to; Crifto fu imprudentiftìmo. Ma ben ha detto coftui, che La-Dottrina fimil dottrina fia da tanto gran parte del mondo guftata & lodata dal Ver abbracciata per cofa diuina, perche fenza fallo non può efifer gerio, è tutta abbracciata da altri,che dal mondo,il quale fi fa,che non co- mondana jeco no p ce Crift0jn 5 è capace di fpirito fanto,nè meno adora Dio do lui medeji- j n ver i t à di cuore : però fi dice di Crifto, Mundus eum non loarn. i. cognouit,&c. Si dice dello fpirito fanto, Quem mundus loan* ’ij. non poteftaccipere:&fidice del padre Iddio, Pater iufte,

ioan. 14. Mundus te non cognouit&c. Talché a me pare,che in una pa

1/ vergerlo fa rola il Vergerio l’habbia affai piu caricata alla fua dottrina,

dicendo [p. 31 modifica]contra il Verger io, $ \

dicendo cheli mondo l’abbraccia, che non ha fatto il Papa nelle prime righe, il quale(come di lòpra ho detto) nella In- dittione non moftra di parlar piu di quella, che d’ognaItra 5 quando dice di voler llirpar le erede, fe ben il Vergerlo coft l’hà intela, mercè che n'hà pratica,& conofce quale ella fia.

A quello poi che fchernendo lèguita,con dire,che il Papa a lettere di fcatola con gran brauura ha detto di uoler far un <Qoneilio,per mezo del quale apparecchia di llirpar tal dottri na,&c. Dico,che in ciò fi moftra qual fia il Papa già che non parla fra denti,nè fa della Sphynge, & non è fidile a coloro , che da’moderni eretici infegnati a ragionar qui in Italia lecre tamente delle verità in che elfi credono,( per non elfere accu fati alla inquifitione) fe ne uanno Tempre sfuggédo & occul-, tandofi piu che pollono,non fi lalciando intendere, le non da chi alor pare & piace. Non hauete ulato forlè cotal Itile uoij che liete fuggiti d’Italia ? Non hauete forlè Icritto & ragio nato qui fra noi ad un modo,moltrandoui de’noltri, & 1 ani? mo uollro era però lontano da noì,& riuolto alla ro uina no- ìlra,pur che ui folle riulèito il dilègnoè Ma non i’hauete an¬ cor lafciato in ifcritto,& io ho già Ietto un Configlio moltra- tomi in ifcrittura a penna in Rrefcia da’ uoftri Complici, che affirmauano elfer compollo da te ò Vergeriomel quale dolen doli il compofitore,di chi conofceua la uerità, ( fecondo che uoi altri l’intendete) predicaua poi il contrario,per timore di elfer accufato,& conligliaua quello tale ò a douer tacete, ò predicando à predicami vero,che fe temeuano poi,configlia ua a predicar di forte,che niuno potelfe notarlo, cioè, coper- tamente,& palliatamente: & per farli animo,ricordaua la den tro,che altri tutto ciò molto ben fapeuan fare,& lo faceua- no. O configlio ueramente degno di un uollro pari,ma non già accetato da noi, che lìamo & uogliamo elfere per ogni uia,Carolici,& uniuerfali,fi che parlando uogliamo elfer inte fi:& per ciò niuno hà da marauigliarfi,fe il Papa che è noftro uifibil capo in tal calò la dice a lettere di fcatola.

A quello poi, che tu aggiugni con dire, la qual parola e-

(limare

piu uillanid al* laproprid dot trina che non faccia il P apa.

Gli eretici par lanfra denti .

Dottrina de gli eretici , er coturni loro . [p. 32 modifica]11 %Jf>otfa di Donrt Ippolito

ftirparc,noti è dubbio che non lignifichi (frappar per forza fuor de cuori col ferro, & col fuoco, «ducendoci tutti,o che uogliamo,ò nò,d’andare a baciar la poluere de’fuoi pie¬ di . Qui io non sò come chiamarti o Vergerio,perche ti veg¬ gio ignorante,con poco rifpetto,& pronto a concitar i pop» li tutti infieme:& in qual Calepino hai tu ritrouato quello ta le lignificato, che tu adduci i & perche hai tu fi poco rifpet-' tojuolédo interpretare in altra parte ciò che il Papa dice chia ro ? oue fi trouò mai,che quando fi tratta di far Concilio, per ellirpar l’erefie,fi par li di fuoco, òdi ferro ? & doue trouafti inai tu per contrario, che col ferro, ò col fuoco fi pollino Hit- par l’erefie fuor de’ cuori,come tu dici ì II Papa parla chiaro, e dice di uolerfar Concilio per eftirpar lerelie ; & non dice di voler far’eflerciti,ma Concilio,oue non fi maneggiano nè arme,nè fuoco; ma le lingue,& la dottrina: la qual loia ( dop- po lo fpirito di Dio dal Cócilio inuocato)può penetrar i cuo ri,ellirpa$e l’erefie da quelli,& introdur la uerità. Il Papa co li ha detto, & coli ha operato, & fe il troppo ardir forfè che hai,nò ti Itimolaua per parer un ualent’huomo,che làpelfe fu bito trouar partito di opporli ad una Indittion tale, della qua le(ancor che non uogliate confelfarlojtremate tutti,fapendo al fermo di douer’elfer co ogni ragione, & con ogni giuftitia dal Concilio come eretici condannatile,dico,tu non ti folle uaui coli in un tratto,tu hauerefti ueduto chiaro, che il Papa vuole Concilio,& non ferro ò fuoco, & perciò manda da o- gni parte(per quanto a fe appartiene ) VefcoubPrelati, Reli- giofi d’ogni forte,& gente togata ; & non manda lòldati,ò fcherrani,ò fgherri,ò d’altra fimil forte;colè che fono tutte in elfere al prefente,& non fono fognate,come le tue. Ma Iddio uoglia,che quelle tue fieno fognate, & non colè penfate, & con ogni maluagità d’animo fcritte,&diuulgate, del che io fon come certo,poi che fi ueggon chiare le tue parole ucne- nofe fparfe in quelli tuoi fcritti; & perciò qui ti sforzi ancora di metter in lùfpetto il Papa,& il Concilio apprelfo de’ Pren- dpi di Germania, & d'altra natione,con dire,che quella paro [p. 33 modifica]centra il Vergerlo . 33

la Eflirpare ti da fofpetto,che fia detta per minacciare & poi ancor far altro,& ecco le tue parole,

• Quellainfommaame pare una colà malilfimo intefa &c Vcrg, mi dà fofpetto che fia detta per minacciarci,& poi per uoler „ far altrorma fia come fi uoglia,quantunque il Papa può ben „ credere d’eflèr per tutto (dico anche appretto i fuoi medefi- „ mi)in pochiflìma grafia, nondimeno egli hà uoluto accrefcer „ fi con quello bel tratto di dirciuillania,labeniuolentia,edb „ uotione. »■

Et che altro,per tua fe, vuoi far con quelle parole, fe non ippotU *. concitar gli animi delle prouincie infette,che hai di lòpra no Sedition éd minate col metterle in folpetto, che s elle non faran prette a Ver i » menar le mani, portano pericolo d i elfer opprelfe dalle armi e.cclefiaftiche ? & che offitio è quello che qui fai ? è forfè offi¬ cio dianimo Crilliano ì

■ Di quello tuo animo me ne fan fede le altre lèguenti par© le,nelle quali ( per uolerti pur far grande) fai uifta di non etti? mar ifPapa , con tutto , che tu gli giuochi da lontano, per dubbio di non gli cader nelle mani, eflèndo conlàpeuole de tuoi notorij fatti :& per quello non hauendo piu leggia¬ mo giudice,che il Papa,coli ben lo fuggi, come farebbe un gran ladro,© malandrino,© altri di peggior forte, che fuggii le le mani di colui,per la cui giulla fentenza,fi conofcefle con dannato al laccio; del qual anco fi può ben fapere, che non polfono ufcirgli miglior parole in onore & riuerenza del giu dice,di quello,che fieno flati i fatti ufeiti dalle fu.e feelerate mani. Coli tu fai col Vicario di Grillo,dal quale llando lonta no,faifeco apunto,come fi legge hauer fatto Semei difen¬ dente dalla ftirpe di Saul,reprouato da Dio,&dilcacciato dal 2 Regno. Il quale vedendo la gran tribulatione del Re Dauid e &' 1 ' per la rebellione del proprio figliuolo, & folleuatione quali di tutto il Regno,cótra di fe fletto, per la quale fi fuggiua con poca gente,giudicaua,& teneua per fermo,che tutto ciò fo£

{è flagello di Dio ; non ad emenda,ma a rouina totale di Da uid,al quale però Iddio haueua prometto ]a fermezza,& pete c... ;4 È petuità [p. 34 modifica]34 di Domrlppofko

petuità del Regno,fi che mancar non poteua, Se nondimeno' quello fuor ufeito,dalle proprie pafiìoni accecato,cófideraii* do fòlo gli accidenti che correuano all’hora nella gran reuo- lutione di quel Regno, fi credeua al fermo, che quello fulffì il fine dell'Imperio di Dauid, nel che tacitamente daua del¬ le mentite alle promelfe di Dio fatte lòpra la confirmatio- ne del Regno,cofa che Saul fuo padre non hebbe animo di fa :

re, maben due uolte confefsò,che Iddio llabilitohaueua tal 1

i .R f g.24.16 Regno a Dauid da fe perfeguitato > & con quello animo e ri- folutione fatta fra fe Hello, Settìei con grande infoienti ftan do di lontano tiraua làffi, & malediceva Dauid co tutti i fuov " fe^uaci,dicendo,Efci,efci,huomo micidiale , & huomo del

Diauolo ; Iddio ben ti hàrefo fecondo che hai meritato per ló fangue fparfo della cafa di Saul. & perche hai ingiuftamen te occupato il fuo Regno, perciò Iddio lhà dato nelle ma-» tiì di Abfalon tuo figliuolo, & ecco che bora tu ne fenti i gran danni, perche tu fei un maluagio huomo,Scc. Coli fi legge j ehe fece & dille il fuor ufeito Semei, & coli hora fi uede, che tu gentiliffimamente>ò Vergeriodo uai feguitando,conciofia ofa che hauendo Iddio peremenda de nollri gran peccati la

o- X'xCr-iZAn rYip firihf*llinnmoltecittà»&oro-

II Vergerlo et gli altri (reti àjnofsi dagl* accidenti pre* /enti credano che le prontef fedi Crijlofat teaUafua Chic fa debbano ma

cofa che hauendo Iddio peremenda de nollri gran peccati la fidato,& tutta uia lafciàdo,che fi ribellino molte città,& prò- uiricie alla Romana fede,& che i fuoi piu cari figliuoli ribella ti perfeguitino & difcaccino il lor Padre eletto da Dio perpe

tuamente per capo della uifibil Chielà, tu dalle tue pallìoni

accecato(come infieme con efiò te fi ritruouano elTere an¬ cor tanti altri)hai fatto giuditio & ti fei rifoluto,che Iddio uoglia dar fine al Principato del fianto Padre,mollò fidamene te dalla uifla de i prefenti accidenti,fenza hauer pur un fol’oc^ chio alle ferme promelTe di Dio,che ha fatto fopra la perpe¬ tuità di quello Regno,& di quello facerdotio,che no può ma car fin tanto che dura il mondo,ancor che tutte le forze in¬ fernali confpiralfero & fiunilfero contra di quello. tu, dico,

/I— olr*imA rit n lipfl'fi* finfp fili loiltàllO *

Italia co i tuoi maledici ferirti, beftemiando>& maledicendo [p. 35 modifica]contr a il Vergerlo* 3 5

l’eletto di Dio,& Vicario di Crifto con tutti i Tuoi feguaci, fperando,& prefumendo per cotale ftrada diauilire il Papa s & leuargli il credito, e i feguaci,& difcacciarlo dal feggio,cor • citando gli animi di ciafcuno a perfeguitarlo:& per consegue ,, za poi di poter ancor tu ritornar di nuouo a cafa in Italia » oc - mineftrarti a tuo modo, fi come fcioccamente fi daua a credei » re dì poter fare anco Semeilà nel Regno della Giudea . Ma Ver»erio,uoglio che tu Tappi,che fi come tutti noi habbiamo per articolo di fede,che fia imponibile, che 1 Regno del Vica¬ rio di Crifto manchi ( cofa tutta contraria alla tua credenza) coft fi fa giuditio fermo da quelli,che ti hano conofciuto, che fe bene per imponibile maneafie i'auttorità del Papa,& tu lo- n vcrg. non fi prauiueffi, nò per ciò ti darebbe l’animo di ritornar piu qui in potrebbe Italia,già che fi dicono di ftrane cofe del fatto tuo, che hai o- re f l perate,mencre che qui fra noi tu praticauiionde non pur con- < uiene che tu tema della fpirituale potefta, per cagione degli fpirituali errori da te commefii,ma fe ti e cara la iuta, couiene, che molto piu tu tema della poteftà lècolare,laquale e malilìt pò informata,ò le non è, potrebbe eftere facilmente da chi ti accufa di moke fcelerità, & enormi fatti. Or qui non diro io altro,ma lafcierò il tutto aU’elTamine della tua cofcienza,non hauendo io pratica alcuna de cafi tuoi.Non ti alficurar adun¬ que con dire, che il Papa fia in poca gràtia anco appretto a i fuoi medefimi,& che il anodo,che ufa nella Indittione, nò fia atto ad accrefcere beniuolenza, & diuotione : & ancor che a te paia,che il Papa fia tanto imprudente, come tu lo uai dipin gendo,non ti dar perciò a credere,che la tua fia prudenza a fi¬ darti di quàto moftri di fuóra,nelle tue parole qui fcritte .Ma ùeggiamo con tutto ciò quello s che uai fcguitando,per auilire quello Papa prelènte taftàndolo,& uolédolo nel tutto far pa¬ rere di niun giuditio,& di niuna confideratione: ecco ciò che tu Icriui, }

Ma il fatto è, che hauendo inoltri i quali fono in tanti luo* Vergerlo, ghi del mondo, qua e là moltiplicati,udito un coli graue pre- , 5 [p. 36 modifica]Ippolito .

Prcftigio gru* de del dianolo nelle erejicprc fenti.

Nelle prefenti trefk tutte le antiche fono rifufcitate. Bonatiftì.

Giomnmo *

3 i € l{iJj?ojìa di Uonìt jfplito

.dottrina noftrà,come cheella fia una erefia , & una pelle ,ché pupiìi dir peggio ? non è quella una incomparabile ingiuria?

A nilìùna cofa manco penferanno,che di douer andare (quart do etiandio ui folfer chiamati)a quello Trento, per doueriii c udire dell’altre uolte la fentenza centra di loro, eia uillania -slanciata nella faccia,e la ingiuria coli graue d’elfer ereticiran zi a nilìuna cofa piu penferano, che a douer per gloria di Dio trauagliar,e diffamare a lor potere con le uiue uoci, & con gli ferirti una tale Indittione colPapa,& co i trenta Cardinali in?

fieme. ^ p

, Tutto ciò hai ferino ò Vergerio 3 per uoler riprender, & aus lire il Papa; Ma come nondouerefti tu conofcere il tuo erro¬ re a perfuaderti, che la nuoua fetta non debba,& col Cócilio* & fenza Concilio,elfer fempre intitolata di erefia,fin tato che durerà il mondo ? & poi nell’altro perpetuamente ellèr puni¬ ta da Dio,non men di quella d’Arrio,Sabellio, Manicheo, co tutto il reftante? Nó fi fa forfè,che a quella fetta d’oggifi uol? gono d’ogn’intorno, & fi trapongono ancora per di détro po

annouerar quello,come il maggiore di tutti,che nuouamente habbia rifufeitato tutte l’erefie antiche, le quali già migliaia d anni erano morte,& fepolte ? Nó ha egli forfè rifufeitata l’erefia de’Donatilli,quando introduce,che il Papa fia Antico fto,& i preti & frati fieno farifei, dipingendo li fuoi peccati,& ia loro mala uita? . '

Non ha egli rifufeitato Terefie di Giouiniano,quando affer ma,che la caftità, & uirginità non hanno piu merito del matri monio,& che le monache, e i monachi doppo il uoto fatto di caftità, polfono maritarli lenza peccato, come oggi dì fanno tutti gli eretici? Et che tutti i peccati fieno pari ? Et che ilbatr? tezato,& rinato in Crifto,non può piu peccare?& che nó gio ua nulla l’aftinenza d’alcuni cibi per macerar la carne t Delle quai cofe tutte n’hanno fcritto a lungo contra gli eretici,i no? ftri fanti dottori,maffimaméte fan Girolamo,de S. Agoftino?

£ A Non [p. 37 modifica]contra il Verger io. 1

'Nonhaegli ancora rifufcitato l’erefie di Aerio,quando di- a erto. cecche non fi debbano ofiferuare i digiuni impodi dalla chiefa, ina che l’huonio debba digiunar, quando a lui pare,accioche non fi moftri foggetto alla legge ? Et che il Vefcouo non ha piu auttorità»che il prete j* Et che nó gioua a i morti il pregar per loro ? Di che Tanto Epifanio & Tanto Agodino trattano contra quedo eretico in uarij luoghi.

Non ha Umilmente ancora riTufcitata quella di Vigilantio, vigilmio. quando niega l’onor fatto alle reliquie de' fanti, per la cui ca¬ gione fan Girolamo già ne TcrilTe tanto a lungo ? ;

No ha rifufcitato quil’erefia degli Antropomorfiti,de qua Antropomorfi li fcriue fan Cirillo ad Caloferium epifcopum ; negando che ti. il faeramento della eucaridia non redi corpo di Grido, fuor dell’ufo del mangiarlo ?

Et non ha egli finalmente (per non andar piu decorrendo) riTufcitata quella di Berengario ,& d’altri di lui piu antichi, Vcrcttgmó^ negando la tranfudàtiatione del pane nel Corpo uero di Cri do, ma udendo che egli da un puro legno ? Quai libri adunq; non canteranno Tempre per finche’l móndo duri,quedo li gran predigio occorfo a i giorni nodri : ne i quali fi ueggono innanzi a gli occhi umani faltar fuora de i fepulcri tutti gli ere tici antichi, & di nuouo far’elTerciti contra lafpofa di Crido Tanta Chielà ? Gli annali, le Croniche, & le Cridiane idorie hano per l’auenire ad elfer tutte piene di Luteri,Zuingli,Eco 10 mpadi,BucCeri,Caluini,Melantoni, Brentij,Pietri Martiri,

Occhini,Vergerij,& fimil altra razza,che tutti nella Tchiera & ordine de gli antichi eretici per Tempre fi uedranno fottoferic ti, chi a piedi & chi a cauallo, armati per far guerra al bel Re¬ gno di Crido : & perciò non è coli gran cofa udire, mentre fi uiue, che una uolta gli fia dato nella faccia dell’eretico perla teda ; poi che in tutte le parti del modo,& in ogni tempo hab bia da durar fimil nota,nn tanto,che in altra Torte poi di Con¬ cilio fi troueremo tutti d’intorno al tribunal di Crido, oué nò pur alla prefenza di quei di Trento,ma di tutte le genti che fu ronojfon9,& mai faranno > fiudirà nominare & condannare

tutti [p. 38 modifica]Che il riputar di ridurjì a Co cìlio quando uien chiamato è chiaro ìndi- tio deU'erefia.

i.Rcg.io.er

  • 9 >

Aft.p.

Lafteranzadi giouar 'à gl'e- retici ha fatto congregar il Concilio.

Stile antico de gT eretici di prezzar il Co cilio col fum* mo facerdote.

-38 %ìfyofta di Dontf Jppelhó

tutti coftoro coTuoi fèguaci,per eretici degni dell*eterno fuo co. Et perche il lettore non creda forfè, che quefto mio dire nafehi piu torto da uolontà, che da ragione, perciò ecco che di giàf fecondo le parole del Vergerio da me addotte; ne por tano il fegno & l’inditio efpreffo nella fronte ; però ha detto, che ancor che fodero chiamati,non uerranno al Concilio,ma quaglieranno & diffameranno a lor potere tale Indittionc, e ’1 Papa co i jo.Cardinaliinfieme.

Quefta è conclufìone del Vergerio pronuntiata forfè trop po arditamente, perche Iddio fa come habbia adeflfere ; For¬ fè che ancor Saul fi trouerà fra i profeti contra fopinion del volgOj& forfè che Saul mentre fi crede di perfeguitar Cnfto, & la fua chiefa, fi muterà in ,Paolo,& fi trouerà prefo al laccio & inuolto nelle reti del medefimo Crifto,& di perfècutore,di uenterà difenfore,& uafo di elettione,& per tale fperanza fi e fatta la Indittione,& tutta uia fi uiene all’effetto del Concilio fàcro(mal grado di chi non uuole):ma fia, come dice il Verge rio(ilche non uoglia Dio ) non è forfè quefto 1 antico ftile d» chiunque fi ribella a Dio,di non uoler uenire, quando da 1 ia- cerdoti (al Concilio conuocati) uien chiamato ì, Et non e for fe coftumeinuecchiato di ciafcun tale, di penfarfi confortar lontano di quagliare,& diffamare,chi cofi lo chiama,difpre- giando il fommo facerdote, & uolendogli far concorrenza in o CT ni forte di attione, fubornando i popoli, & facendo fedi-: tion,& tumulti contra di chi ha l’auttorità da Dio $ Et perdei non è marauiglia poi,fe Iddio caftiga in quefto mondo,& nel l’altro,eflì & i lor feguaci col fuoco,& con l’inferno .Onde u] priegoionelo fpirito del Signore ( fia chi fi uoglia) guarda jteui dalla Tentenna di Dio, che ui uerrà adoflo fe feguirete ciò che qui fi uanta il Vergerio,che habbiatea fare:&perche i miei prieghi non ui habbiano a parer folli,ui ricordoquello che interuenne a i primi, che fi leggono effere ftati deprezza- tori del fommo facerdote, & che ricufaron di uenire la_, oue pran chiamai i a congregatione, ouer Concilio dall iftefio,f a- cendo feditioni 5 & trauagliando,& diffamando chi gli chiama [p. 39 modifica]contrari Verger io.

39

uà, comeapunto quidice il Verge rio,che I Tuoi faranno»

Ecco ciò che ne i numeri fi le gge di Gore, Datan, & Ahi-' ^

fon, col retto de primi d’Ifrael al numero di 2 5 o.huomim,io Ccre

liti tèmpre ad edere chiamati particolarmente,^ di uénire ai Drft<w ^ Concilio, cornei primi, che haueffèroauttorità;& tutti per- ron p r ìmt di * Pone di prudenza,& di giuditio . Coftoro uedendo, che M01-’ ftrezzatori fe era lor capo,e guida, & che per comandamento di Dio ha- del cddlio >cr ueua ordinato per fummo facerdote il fuo fratello Afone, da del fumino fa Dio eletto a tal grado, inuidiofi della dignità facerdotale, li m 0 e • leuaronotèditiolàmente,&concitarono il popolo contrai <3ue fratelli,chiamando tirannia, & ufurpatione di auttonta, quello che per elettion fola di Dio gli era flato concefioiOn- de con quello malanimo cominciarono a dire,

Sufficiat uobis, quia omnis multitudo fan&orum efl, & in » ipfis eli dominus * Cur eleuamini fuper populum domini ì »

Il che uien’a direi A che tanti capi? tutti noi habbiamo il capo inuifibile che è Dio, & noi fiamo il fio popolo ; perche adunque uóleteuoi tirannizzar’ il popolo di Dio co tante le^ gi, & uoler foprallar a glialtri, & accretèere la nuoua dignità a uoi fleffi del fommo fàcerdotio, edendo però noi tutti uo- (Iri uguali ? cofiuoleuano dire i tèditiofi. Alle cui parole,coni mollo Moitè per zelo di Dio jdoppo Thauer proteflato, che il tèguente giorno ciatèuno s accorgerebbe del fuo errore,& fi uedrebbe chiaro,con fegno euidente,qualfuffe flato eletto da Dio,& qual nò, alla dignità facerdotale (in ciò moflrando che il tumulto natèeua peri’inuidiadital grado) al fìnediffe loro: Voi figliuoli di Leui, troppo infuperbite, &m’innalzate temerariamente da uoi fleffi. Vi par forfè poco ciò, che u’ha conceffo Dio,neì daruiauttoritàdi poter feruire al fuo alta- re,che uolete ancora ufurparui il fommo fàcerdotio,che non auoi,ma ad Aaron Iddio ha uoluto concedere ; onde par che

Tutto ciò diffe Moife a Corè, capo del tumulto» Doppole quai parole mandò (dice ilteflo) a chiamar Datà> & Abiron, [p. 40 modifica]4?

%iJf)ofia di Denti Ippolito

per far (opra di ciò ConciÌio,& dar fine alle contele, le fi pp* celia, ma elfi dall inuidia accecati , rilpolèro Idegnolàmete di non uoler uenire:& di piu improuerando,& maledicédo Moi lèjCome fé fotte fiato un feduttore,diceuano,Ti par poco,che tu ci habbi cauati da una region fertile, & ci habbi ingannati, conducendoci in quello defèrto per farci morire, le non ag- giungeui ancora la nuoua tirannia? Certo tu ci hai molto ben attelè le promelTe,il ueggiamo chiaro. Vuoi tu forfè anco¬ ra cauarci gl’occhi? Noi non uogliamo uenire.

Con qual migliore, & piu dotto pennello fi poteua dipin* gere il calò noftro di oggi nelle controuerfie, per cagione del Concilio tra gli eretici, & noi,di quello ,che fi faccia la Scrit¬ turafin tal Moria? Vedete, pregoui, come tutte le cole qui uadino del pari.

ila anutidl IIU1 .

Quel popolo liberato faceuala Sinagoga, della quale era capo Moilè: noi facciamo laGhiela, della quale è il capo Grillo.

Moife per comandamento di Dio ordinò Aaron, perche

mtt ’ 16,er fofTe Sacerdote maffimo : Crifto ha ordinato Pietro, perche lo.ult. fofièPapa. . .

Moife & Aaron erano facerdoti. Moifes & Aaron in facer- dotibus eius, &c. Crifto & Pietro ambedue facerdoti.

Exoi.4. Moife era difegnato per le cofe tra Dio e ’1 popolo ; In his Hcb.9. t\ux funt ad Deum, dice la fcrittura : Et Aaron in his qute iunt ad Populum.Et Crifto ora è nel cofpetto di Dio per noi, lo.ult. ^ ce *’Apoftolo : & Pietro co’luoi fucceflòri è qui tra noi per Lue. i 2. regolarci, Pafce oues meas,&c. Confirma fratres tuos,&c; m att.16. jQuodcunqué folueris fuper terram, &c. ..

Num. 16 , M oife fu dal popolo perfeguitato & quali lapidato : Cri- fio fu crocififtò. Aaron fu inuidiato da’maligni per cagion del fommo facerdotio : Pietro & tutti i Papi fono al medelì- -mo’con gli eretici.

t.

Allegano i Prencipi della feditione, die balla loro haupr

Dio [p. 41 modifica]còntra il Ferverlo . 4 r

Diopercapo,&chenonglibifogna il fommo faccrdote da Moifeunto.

Allegano gli eretici, che hanno per capo Crifto,onde non bifogna loro il Papa.

Quello difpregio fatto di Aaron da’fèditiofi nafceua da fuperbia, dice Moisè.

Il difpregio fatto del Papa da gl’eretici,nafce anch’efìò dal la fuperbia madre di tutti loro.

Penfauano i feditiofi di leuarfi contra d’Aaron,& fi leuaua no contra Dio,che l’haueua eletto, onde fu detto loro,uoi fa te ogn opera, Vt uobis edam làcerdotium uindicetis, & om- nis globus tuus,o Core,ftet cotra Dominum. Quid eft enirn Aaron ut murmuretis contra eum ,&c $ Come dica, Aaron è nulla,& non fi mette in confideratione : ma è ben qualche co là Dio,contra li cui ordini ui leuate : uolendo ( oltre a gli al¬ tri priuilegij,che ui ha concefiò)ufurparui ancor il fummo sa cerdotio,che non ha uoluto dar a uoi, ma ad Aaron ; al qua¬ le uoletefarui uguali, elfendogli però di gran lunga inferiori.

Penfàno fimilmente gli eretici di deprezzar il Papa,& dilprezzano Crifto,& Dio,che hanno ordinato il Papato.-pe ròdiceAgoftino,Heretici non habent Criftum, & omnes Heretici negant Criftum in carne ueniftèrperciò che chi nie- ga il Vicario,& l’offitio fuo,niega il principale per confequen za;& fi può dire,che fi leuino Aduerfus Dominum,&aduer- vfd.u lìim Criftum eius.

Che fi ha da fare adunque in tanti difordini per rimediare^ conuien chiamar a Concilio: però Moife & Aaron chiamano Datan & Abiron,& Grillo col fuo Vicario che è il Papa, man daachiamartutth&l’Indittioneèufcitaper tutte le prouin* eie Criftiane:& in oltre a ciò fi fono mandati Nuntij & Ara- balciadori che à bocca facciano cotale inuito.

Quelli riculàrono con dire,che non uogliono uenire, per¬ che non ha loro attelò colà che prometteftè,& che ha cam¬ biato loro i dadi nelle manicando per una cofa ottima, un al trapdlìma; & chenondene penfar piu d’ingannargli,come

F per [p. 42 modifica]4 2, c RiJJ?oBa di Dònrt Ippolito

per l’adietro già che hanno aperti g Hocchi : i quali Moife uo lena cariar loro di nuouo con quello colore dì coli chiamar^ gli,però dicono arditamente, An & oculos noftros uis erue- re ? ciò è non vuoi forfè,che veggiamo quello, che noi ueg- giàmo? Nonvenimusjnon ti dar mai a credere che fiamo pervenire.

‘ Queftì(fècondo il protedo fatto dal Vergerio)dicono,che Riftojladegt il Papa ha (frappata loro di manda dottrina di Crido, & da- erctici cónfor tane uti’altra contraria,& che hauendo aperti gli occhi,fi ma me a quell* di rauigliano d’unà Indìttion tale ,& di effèr per tal uia chiamati cr Ali a Concilio : & per ciò fi rifolue il Vergerio che ad ogni modo rm * non uerranno,ma trauaglieranno con Core & Abiron,& dif¬

fameranno il Concilio col Papa, & trenta Cardinali.

Hòrà fin a qui tutte le cofe vanno molto ben cócertate, & la' figura rifpònde al fuo figurato di parte in parte,come tal or ■ fai’óbra che nella ignuda terra non folo rapprefenta il tróco dell’arbore, ma ancor didimamente i rami, le foglie,& i frut ti.che fine adunque dell’uno e dell’altró ? Il Vergerio in que di ferirti giudica,che il Papato debba andarfene a gambe Ie¬ llate : come fi penfàuano ancora i feditiofi della finagoga,che douelfe intrauenireal fommo facerdotio Leuitico,podo nel¬ la perfona di Aaron ; ma udite nuouo miracolo.

Moife grida alle tribù qui congregate. Receditea taber- . naculis impiorum,& nolite tangere cjua: ad eos pertinent, nè inuoluamini in peccatis eomm:Cio è,non habbiate parte noi con quelli ribelli,feditiofi,& o(linati,che obedir non uoglio- no,nè uenire quando fon chiamati,& tutto ciò per odio che hanno contrai (ommolàcerdote. Voipartiteuidaloro,dal- la loro dottrina,cófeglio, Se odinatione ; per che fono empi 5 & ribelli a Dio. V

Auìjì di crino Grido parla il limile per bocca di chi parla con lo fpirito.

fuo, Partiteuipopoli ingannati da’tabernacoli degli empi vodri feduttori,che non uogliono obedir al fommo (acerdo- te,ordinato da Dio tra’Cridiani : nè uogliono uenir là,oue fo do chiamati a Concilio, & con bugia infegnano la ribellione, [p. 43 modifica]cantra ìlFergerìo, 43

fatta à Pio (otto fpetie di diuotione, & l’impietà fotto fpetie di pietà. partitali al ficuro,a fin che non fiate auuolti nelle lo ro iniquità,che Iddio gli vuole efterminare a fatto ; perche,

Perdet omnes qui loquuntur raendacium ; ma a che modo fa Pftl. j, ranno rouinati ? Vdite,

Efiendofi partita la moltitudine da padiglioni degl’empi,

& ftando cialcuno a riguardar d’intorno, Dathan & Abiron egreflì ftabant in introitu papilionum fuorum cum vxoribus,

& liberiSjOmnique frequentia : erano molto bene accompa¬ gnati da moltitudine di gente, & dalla loro famiglia. Et aie Moifes, &c. Parlò molte colè Moifè,le quai fubito finite.

Confeftim,utcefTauitloqui,diruptaeft terra fub pedibus Caftigodiftdà eorum ; & aperiens ós fuum,deuorauit eosxum tabernaculis fuis, & vniuerfa fubflantia eorum, defeenderuntq; uiui in in- fernum, operti humo, & perierunt de medio multitudinis »

Laterra,oue fermauano il piede,s’aperfe fotto i piedi loro s & glidiuorò co i tabernacoli & ogni lor fupellettile, & begli & viui difeefèro gridando con orribiluoce fotto terra all’in¬ ferno^ furono tolti di mezo alla moltitudine,come lezzo ò puzza,atta ad amorbare tutta la finagoga. & quello fu di tan to fpauepto,che mandando fuora fi terribili, e ipauentofè vo cùmétre erano cofi inghiottiti uiui,ciafcuno fi pofè a fuggire, dubbiofo che il fimile nó gli intrauenifiè. Ma qui non finì il giuoco, che il fuoco ancora vfcì dal Signore(cio è da’turribo li che erano nel colpetto del Signore ) & arfe i ducento cin- quàta huomini,ehe come uguali ad Aaromardirono di efièr- citar l’offitio del fommo fàcerdote. Non fuMoife o Aaron, che haueffe ordito di trappolargli(come fi dice ) fe ueniuano al Concilio, oueeran chiamati; perche in cala loro non ui era nè ferro nè fuoco. Ma fu l’ira di Dio, che gli confumò r radi Db con per cafìigo delle mormorationi fatte contra il granfacerdo- tra gl'eretici, te; dando in ciò effempio a noi,che udiamo tal’iftoria,qual fi- Ejjempio noi ne hauer debbano tutti i mormoratóri,& fèditiofi córra l’aut /Irò. torità pontificia : & però raccontando lApoftolo tal fatto, infegna ancora,che inftruttione & effempio cauar ne dobbia-

F 2 ni©; [p. 44 modifica]44 ‘Rtjpofia di Dontf Ippolito

mo; perche ci gioui littoria cofi a noi recitata; & però ferine Hax fcripta funt ad correptioné noftram,in quos fines feculo rum deuenerut:Et immediataméte haueua di (opra detto,toc cando tutta quella iftoria, Ncque murmuraueritis,ficut qui dameorum murmurauerunt,& perierunitab exterminatore, &c. Fu Iddio quello,che gli efterminò: & tutto ciò non con le arme di Moife,ma col fargli inghiottire dalla terra ;'oue ri- pofauano il piede,& oue fi ttauano piu ficurb&col fargli arde re da quel fuoco,nel quale infuperbiuano,& col quaie mo- ftrar fi uoleuano uguali al fommo fàcerdote. O miracolo di Dio, che fi come fpauentò quei che lo uidero, cofi fpauentar. dourebbe noi,che l’vdiamo raccontar, anzi che lo ueggiamo rinouar di nuouo ne gli occhi noftri. Ma con tutto che per fpauentarci fia addotto da Paolo,& rinouato da Dio, nondi¬ meno Videntes non videmus,& audientes non intelligimus ; tanta è la cecitànofira.

Hora non ueggiamo noi,come danno le prouincie ribel¬ la rouine del* j ate a u a Romana Chiela ? la Grecia tutta, la Boemia,la Tran le prouincie in hl uan ia,col refto di quelle prouincie,già tanti anni dall’ubi* f ntc • dienza di quella dipartite ? Non fi fanno le ftragi & le rolli¬

ne della infelice Germania,tanto ricca,& potente in fe fletta? la quale dal tempo,che fi ha nodrito nel feno quella uelenofa ferpe,femprefe riè andata,và>&anderà di male in peggio? Quante guerre,quante rouine ha efperimentatein fe ftelfa,fo lo per cagione di fimil pelle? quando Principi con Principi,. Terre co terre,i Villani co i nobili, l’Impadore có l’Imperio fletto fi fono ribellati, fàccheggiati,& abbruciati l’un l’altro? Et della malauenturata Inghilterra,che potrò io dire?non ha ancor lei prouatola fua parte di quelle miferie:poi,che fi ue^ de effer mancata la leggittima linea mafculina & transferita- fi in unRebafiardorpoi in Donne,chi leggitene, & chi badar de, anch ette fenza fàpere(fin quOoue arriuar polla, de in cui mani per lauenire cotal Regno:& di piu egli è diuifo in fe ftef fo in vario culto,con tante guerre infettine & crudeli per tal cagioni natejcon tanta rouina & perdita di huomini per uarie

Brades

E fi. 6. Mutt. I 3

GermanU .

Inghilterra .

i

I [p. 45 modifica]contro, il Vergerlo. 4 5

ftradc ; & al fine con tanti terribili alfialti, di ftraniere nationi, che gli hanno per forza leuato dalle mani i piu forti propu* gnacoli,& l’hanno coftretto a ritirarli in fe fteffo ; come efclu fo da tutte le parti del mondo. Ma che dirò poi della mifera Francia,qra tanto conqualfata & tra fe fìelfia diuifa in tate par f unck ti > Non è forfè il uero,che ha perduto piu in pochi meli del l’onore,& della riputation fua,della gente, & dello fiato,del- lericchezze,& della opulentia,dapoi che ui fono entrati gli humori delle erefie,che non fi habbia fatto tutto il reftante del tempo palfato > anzi con quante forze, guerre, & alfialti molfiogli da’ foreftieri & monarchi polfienti (mentre che fu de uota alla Romana fede)fempre fi mantenne,fi accrebbe nella riputatione,& fi allargò ne i fuoi confini, occupando prouin- cie & fiati ad altri fignori foggetti: ma fubito che la pelle del l’erefia ui è entrata; per forza è bifognato rinunciar gli altrui paefi,eon tanti fudori & con tante fpefe intolerabili già acqui ftati,& è bifognato guardarli da le fìefià,nè perciò le è valuto. Conciofia cofa,che tutta uia uada credendo il male con dub bio di affai peggio,le Iddio non ui mette la fua mano : perciò che il fuoco accefo entro al fuo ampio Regno ogni giorno piu fiuaallargando,& confumando quei paefi, elfiendofi at¬ taccati! popoli l’un con l’altro, con faccheggiarfi, priuarfi di uita,& ogni hora piu brauarfirunl’altro,tenendo in gran fu- fpetto della uita ancor il fuo proprio Monarca,- contra il qual iVafalli fi fono armati, di fedelifiìmichegia elfier foleuano,

& hora coni arme vanno feorrendo il Regno, focheggiando le terre & i luoghi,che allor Re fon foggetti,& nó ad altri : & con tutto ciò fi chiamano ancor fedeli alla real corona, il cui paefe tutta uia vanno rubando,^ riducendo in eftrema mife- ria. L’ifiefiò, che di quelle prouincie ho detto, fi può dir de¬ gli altri paefi, oue la medefima infirmiti fi ritroua nata,che chi dà delfocchio anche qui in Italiain quelle parti che ten¬ dono nome d'efiere infette, fi vedrà chiaro in qual maniera fieno fiate acconcie da limili caftighi.

Che diremo dunque noi che fia quello, le non un mancar ^

fiotto [p. 46 modifica]4 6 di Donrì Ippoli to

lòtto a’piedi la propria terra,& effer inghiottiti dall'ira $ Dio ? fimil ftragijò Vergerlo,& voi altri Tuoi complicano fi> no ftate fatte dal fuoco,o dal ferro che ui fognate del Papa » come a tutto il mondo è noto:ma pur fono ftate dalla man di Dio,che mettendo a romore i popoli di quei paefi, gli ha fat¬ ti come inghiottir viui dalla propria terra, & mandando loro efferati foreftieri,o altro flagello ftrano,gli ha fatti confumar dal fuoco diuino. Ma fia com’eftèr fi uoglia in quefto modo, (nel quale anche tal’hor Iddio fa giuftitia fèuera)fuggir non fi potrà mai,che fimil gente non difcenda al fine giu nell’infer¬ no^ non fia arfa dall’eterno fuoco* Di ciò non ho io dubbio alcuno,ma in quefto come altro Moifè lo uò & anderò fem-> pre predicando fra Criftiani; & fe ben di qua non ui foffe Ino go oue ritirarli có la moltitudine delle dodici tribù, a rimirar quefto fi grande,& fpauentofò fpettacolo di tutti uoi, non è però che un giorno tal colà non s’habbia da uedere, quando al tribunal di Crifto ciafcuno farà ridotto.

Ben farebbe dunque meglio a quanti liete,che fe per forza d’errori ui ritrouate condotti oue ora ui trouate,al meno non uolefteefieroftinati,& lèpelirui in quelli: ma effendo dal fòmmo facerdote chiamati là,doue fi ha da confegliare,& di¬ finir la verità per la falure di tutti, uolefte comparire, & non dir co i feditiofi del popolo Ebreo, Nó venimus. Ma perche il Vergerio,con una gentil bugia fi fcufa & fcriue, che il cafo fuo non habbia che fare con quello di Datan & Abiron, anzi fia quali nel tutto contrario;percioche quelli da Moife furo¬ no chiamati, & elio con tutti i fuoi dalla Indittione fono la¬ biati da parte,anzi efclufi. Onde coli fcriue feguitando :

Vergerlo . Ma diciam piu ( & quefto è quello , che mi fa ftupire della

“ fofficienza di quelli ualent’huomini noftri perfècutori ) fin- <c dittione non chiama nelfun de’noftri,folo dice che ui uadano « i Vefcouijpcr bocca de’quali il Papa pronutierà la fua conda- “ catione (come io dirò) & non è quella la maggior enormità tc che fi poifa imaginare? Non è quella una gratiofa Indittione? e£ nella quale noi fiamo caricati di bruttiftìpia uillania,& efclufi

dal [p. 47 modifica]contri il Vergerlo ? 4 7

dal Concilio, 8£ui fono ammetti gli auuerlàrij foli. Quello ta

to ardire & dilpregio de’ fatti noftri, mi da ad intendere, che ”

ue non fo che maluagio penfiero d’arme, &c. 1

- Tutte quelle parole fo ben io, che da chi ha buon nafo,(a- ippolìto.

ranno molto ben odorate, & fi uedrà che fanno d’altro che di

religione,o di carità euangelica. Conciofia cola che l’odio,&

lo (degno contrai Papa,& contra la Romana Chie(à,fiori(co

no folo in quello luogo,& perciò di patto in pattò, o fia a pro-

pofito, o fuore, fi da all’arme con lo sforzarli di far credere,

che Papa Pio Quarto, fotto titolo di Cócilio fi apparecchi di mlungitù del

far guerra,& colui che qui ragiona è tato fuor di le (tetto, per Vergerlo .

Tira che lo accieca,che per isfogarfi alquanto, non confiderà

fe egli fondi,ò lafci in aria quello, che difegna di uoler labri-

care. Quello è il fecondo luogo oue fi Iputa il ueleno, & ritro

ueremo ancor’il terzo, el quarto, & piu di diece altri, prima

che fi uéga al fine di fi bella,& onorata fua compofitione. Ma

confideremo un poco che buon difcorlo,& buona uilta fia di

eoltuijil qual dicendo di hauer tato buon’occhio,Nefcit quia

eftpauper,c;rcus,&nudus,&c. Comenell’Apocal.fifcriue. Apoc.j,

Si duole,che l’Indittione non chiami alcuno de’ fuoi.Et co me farà a prouarlo? chiara cofa è,che ella afferma di uoler far Concilio Ecumenico,& uniuerlàle, come anch’egli or’oraco fetterà di propria bocca,ancor che non uoglia. or, come po- trafii fare limil Concilio,& come potrà dirlo il Papa nella In¬ dizione , fe unitamente non ha ancorammo di chiamar tutti quellbachi s’appartiene il uenire in cafo di Concilio uniuer¬ làle? Ma (dice il Vergerio ) a punto quello è,ch’io dico, che altro il Papa ha in bocca,altro ha ne i fatti ,& perciò dicendo di uoler far Cócilio uniuerfale,co i fatti poi ce lo niega,efclu- dendo tutti i noftri. Ma qui fe’l Vergerio non dice altro,io per quello non mi muouo, anzi ogn’or piu mi confermo, che la Indizione fia giuda & onefta, & che il Vergerio di lei fi lamé ti a torto. Che fia il uero, ecco la ragione : ella dice di uoler far Concilio Ecumenico & uniuerfale. Chiaro è, che cofidi c j t * UUo i Cortfl cendo, intende di farlo non altrimenti, che fecondo la for ma, òlio con nitrì

&ftiie [p. 48 modifica]ij. 8 r Rjfl)ófta di Doni? Ippolito

modi, eh non & ftile de gli altri di quello nome chiamati Concilij generali fieno ì cofuetì, & Ecumenici,che fé non fofife fecondo tal forma, non fareb- non uuol Con* be anco uniuerfal Concilio, ma farebbe altra colà di altro no (ilio, ma uuol' me,che io non mi fo indouinare, ne men credo, che’l Verge- aliro . r i 0 fopeffe bé battizarla ; & farebbe ne piu ne meno come per

Eflcmpio , eflèmpio, fe diceifi ad uno maeftro, fammi una cafa : e chi no fa che per cafa egli non intenderà un Colifeo,ne una città,ne qual’altra forte di fabrica diuerfa dall’ordinario delle cafe ; & s’io uolelfi dolermi,perche nella cafa non folfero baftioni, ca fe matte,terme,archi trionfali,& altra tal forte di fabriche; co me mi potrei dolere,fe uimancaftèro camere,fale, cantine, & altre ftàze necelfarie ad una cafajchi dubita, che’l maeftro no hauelfe cagione di trattarmi da un pazzo? Il medefimo adun¬ que dirò, & dir fi deue del Concilio, inditto da Pio Quarto. Cioè che fe egli lo uuol fare ecumenico, conuien che lo fac- T occa a gli e* eia al modo ulàto,fecondo la forma d’altri Concilij paffati,& retici di mo * coli facendolo,non accade che altri fi dolgano,fe nó ui entra- firar che nege n0 p er f one & foggetti,che ad entrami non fono (oliti: entrari iterali Concilij p e fo c i a f C uno,che di ragione,fecondo l’ordinario & co-

fieno [oliti dì in f ueto mo do,entrar ni deue. Or tocca a chi fi duole della In- trauenircaltri ^ ione9< jjp r0 uare,che nelli uniuerfàli Concilij paffati, fiano Uchl felici d’intrauenire altri foggetti,& altre qualità di perfone di dìttio chiama. quelle,che la Indittione al preferite chiama, che fe non ne tro ueranno (come al ficuro non può trouarfi ) ben conuiene che fi conofcano da fenno fuor di ftrada,& fuor di ragione; ponia mo che non foffe anco chiamato alcuno della fua fchiera. Ma dicami il Vergei io,per cortefia,qual forte di gente fono corto Suggctti[oliti ro de’fuoi,de i quali fi duol tantoché non fian chiamati? fono ad entrar nel CardinaltfPatriarchi?Arciuefcoui ? Vefcoui?o Abbati? Et fe Concilio gene non fon tali, fono forfè d’altra forte , a quali fi conuenga, o fi rade. fi a conuenuto mai per altro tempo di federe nel generai Con

cilio,& dar fentenza ? Sono forfè perfone che pretédano d’in trauenirci per ragione,ch’effi habbiano,o comune,o partico¬ lare? fono forfè perfone, che habbiano qualche priuilegio di fimil forte? o fe mancano di tutte quelle cofe fieno almen fig¬ liti [p. 49 modifica]contra ìlVergerlo* 49

liti per qualche con fuetudine antica d’intrauenirui per diffini re & dar fentéza ? Se alcuno di loro fi ritroua eflère in qual fi uoglia di quelli gradi, uengauia liberamente al Concilio dì Trento,che gli farà dato il proprio luogo oue federe,& hauer rà il uoto,coine ciafcun'altro : Perciò che ogn’un tale è chia- maro dalla Indittione,& ecco le parole che ella ufo.

QuocircaVenerabiles fratres noltros omnibus ex locis. LdBoVacUs (non efclude la Germania ne il refto:)ma dice,omnibus ex lo mi di tutti è cis,Patriarchas,Archiepifcopos,Epilcopos,& dileótosfilios, luoghi tutti i Abbates,caeterosque, quibus in Concilio generali lèdere, de f°BÌ cff< .<*** lèntentiam diccreiure communi uel ex priuilegio, uel exanti quaconfuetudinelicetjueheméter in domino hortamur,&c.

Che altra cofa dunque uuol egli,che fia nella Indittione,fe el la chiama tutti coloro,a chi fi conuiene di douerfi ritrouar nel Concilio,per qual fi uoglia ragion pretédano ? Che cola può dar’impaccio a collui,che s’habbia a dolere in quella Indittio ne? Forfè perche habbia detto, fratres nollros ,o ueramente di e&os filios ? Non là egli, che tutti quelli fono uocabolidi carità?Ma che colà rifpondea quellaparola,Qeterosque, nellaquale chiama tutto il reftante lènza differenza del Tede fco, o Inglefe, o Spagnuolo, o Italiano, o chi elfer fi uoglia? che colà dunque gli darà impaccio? uuol’egli forfè che fuor del numero di tutti qualche altro ui entri? o pure, che quei, che di ragione hanno da intrauenirci, rellino di fuora ? & chi ha il priuilegio di entrare non Tufi,ne gli fia fatto buono? o ue ro al fine chi è folito d’entrare,fia efclufo?Che cofa potrà dir¬ li qui ancora,& qual’altro fcrupulo ritrattarli? Dice il Verge- rio, I noltri non ui fono chiamati: & il Papa rifponde,io chia¬ mo tutti coloro,a chi fi conuien federe nelgeneral Concilio,

.& fia per qual uialì uoglia, o per ragion commune, o priuile¬ gio,o confuetudine antica. Se ai uollri fi conuiene per alcu¬ no di tai rilpetti, & che poi fenza elìèr impediti uenir non up- gliano,nonèildifettodelPapa:maèlo fpiritodi Datan,Sc Abiron col rellate;che coli gli ritiene : & perciò efièndo chia .ciati dal fommo làcerdote 5 dicono,infiemecp i prefati, Non

G venimus. [p. 50 modifica]5 « %ijp'ofadfi>om'lf>ptìlito

venimus. Ma fe ancor non fi conuien loro di «lenire per ragia ne,che cihabbiano, oper priuilegio che gli fia conceffo,one¬ ro perche la confuetudine cefi ricerchici che miamelate noi altri > & perche uolete tumultuare,fe ben non folte chiamati.

6 che uolete fare al Concilio,non ui fi contenendo in modo alcuno?Non ui accorgete almeno a quello della prefontione

_ .t, t & temerità uoltra in uoler quello,che non aouete uolere, ne , ui cornitene- a patto alcuno ì Ma uedi un altra ragione che no

TMtìl mi ^Neialndittione il .Papa prega l’Imperatore & gli altri Re* dpi. & Principi che uengano al Concilio,ouero non potendo uè-

P nire mandino i loro Ambafciadori, di quelle qualità ornati,

che ad elfere prefenti al Concilio fi richiedono : poi dice, che quelli Re, &'Principi habbiano con ogni diligenza a procura Tutti iprcUti, Xche da i loro Regni,& dominij uengano i prelati al Conci¬ lio lènza dimorai che non dubita che non dcbbano aqueftt tali dar libero paffaggio per li propri) regni, & nij,tanto nell’andare,quanto nel ritorno,fi per le perione prò prie,come per li compagni,&c.eome fi può leggere nel a 1

k Orfcome potrai tu qui negare o Vergerlo, & dire» che il Papa nò chiami alcuno de uoftri ■? Hauete alcuno trauoi, che fia R e o Principe ì fe ne hauete, ecco che si Papa gli chiama

tutti con dire,Romanorumlmperatorem eledum, caeterosq; Reges, & Principes. Hauete anco in quei Regni o Domini) alcun prelato che fia de 9 uoftri ? Se ne hauete, ecco che la In* dimoile ricerca da uoftri Re & Principi, che mandino tutti! prelati de i lor Regni Se lor dominij ; onde dice, parlado a tut ti i Principi indifferentemente ,

Curentque diligenter prò fua pietate,ut ex eorum Regni^ atque dominijs Prelati fine recufatione ac mora tam necefla rio tempore Deo,8e eccidi* fu* officium preftent, Sec. # Che adunque uuoi tu qui dir altros’Qual nodo anderai an¬ cor cercando nel giunco $ che rifpodi a quella ragione ? Ogni forte di principe è chiamato) Tutù i Prelati di tutte le regi [p. 51 modifica]i éonlmìlVefgerto. \ %

menfiiàne fono chiamati,& come concludi tu,Ergo ftlun de* Note,

nòftri? Ma forfè mi dirai,è ben uero, che il Papa dice, Tutti i Prencipi, & tutti i Prelati, &c. Nondimeno,la mente fua è» di non intenderai tri, che ifuoi,&efcludere tutti inoflri.

Hot le quello dici,non vedi tu, che non hauendo occafione àlcuna di coli dire, per cagion della Indizione,tu fai un giudi tto temerario,dal quale tu lidio non ti puoi difendere? ma & in qual riga,o fpatio poi della Indittione leggi tu quelle paro le,che hai feguitato tanto arditamente con dire,

Solo dice l’Indittione,che ui uadano i Vefcoui, per bocca >, de’quali il Papa pronuntierà la condannatane de nollri?&c. „

Oue fono,priegoti,nella Indittione tai parole,© altre a loro fi mili ?* Non mi marauiglio già,fe nelle colè ofcure noi altri Gli eretici nS ni ufurpate autorità di accrelcere & di fminuire quello,che ui fi vergogna»* pare,già che nelle cofe chiarilfime,& che fono per le mani di *&**&** 0 tutti glihuomini,nonuiuergognate,difar Ditello,&ipoueri c@

femplicijche piu oltre non fanno,fono da noi per tal uia fedut € eliap c - ti,non meno di quello,che dal Demonio ancor fi lafciano in¬ gannarne! qual calo conuien pur che confeflìate di far qui ©ffitio diabolico. La bolla della Indittione è andata per tutto ilmondo,&datuttigliocchi,che l’hanno uoluta leggere,è: fiata letta,& di nuouo fi può leggere .11 perche mi fon mollo a farla infierite con quella mia rifpofia (lampare, & fi sà chia¬ ro,ch’ella non dice ciò che tu dici; ondeconuiene conchiu¬ dere,che con inganno tu l’habbia uoluta recitar a tuo modo, non per altra cagione,che per far opera del Demonio in corri mouere i popoli,& eccitarli all’arme,come di lopra hai ancor intefo. Che fe dirai ancorché le parole di tal maniera non; mi fi leggan dentro; nondimeno quello faràl’effetto del con¬ gregato Conciliojil qual dicendo di congregarli per eftirpar l’erefie per forza,vuol dir’anco,che vuol condannar noi altri.

A .quello io ti rilpondo,chc le tu co i tuoi complici confellà- led’efièr ereticaliollro fia il danno.Et anch’io fon chiaro,che il Codilo,il quale haueràda eftirparel’erefie dalla chielàffia InTrento o fuora di Trento congregato, padellò,o in altro u

G a tempo) [p. 52 modifica]j i %i[j)ofla di Donn' Ippolito

tempo,)nonha dubbio alcuno,che per bocca di queicongre gati farà necelfario pronunciar la condannation uoftra. Ma ritorniamo al principale. Che potrai tu rifpondere a quell’ altra ragione,che da tutto il mondo ti fa conuincere per un li Papa ha ma huomo cheparla,&nonsàcome.Seèiluero,chelPapaefdU dato ifuoi da tutti i uortri della fetta,per qual cagione adunque ha egli

cij a pregar i mandato tanti nunti j a torno alle uoftre diete,& ne’uoftri pae Principi di fi f en2a r ifg Liar d 0 di fpefa,o pericolo delle lor perfone,a Germania er j nt j mare que ft 0 Concilio,& pregar i uoftri Prencipi, & figno ri,che uengano o mandino in luogo loro ? Et tu ftelfo (quan¬ tunque ora ti venga detto cioche dici)lei flato quello chehài

mandato in Italia la rifpofta fatta dai Principi uoftri a nuntij r Delphino& Comenduno,mandati ad inuitargli,& a pregar¬

gli,& tu pur fei quello che in quelli tuoi ferirti ti è bifognato confelfare,che i Delphini, & Comenduni uanno per tutta la Germania dicédo, &c.Ma quello tu nó 1 haueui neduto anco ra quando troppo frettololàmente correfti ( per la ragione, che ti hò addotta di fopra) a dar di mano alla penna,per ifcri- ùere contra l’Indittione. Il limile dico ancora dell’Abbate Martinengo,il quale pur tu Hello confeftì, che' fu mandato per palfarfi in Inghilterra, & per qual’altra cagione,fe non perinuitareanch elfo tutto quel Regno al Concilio? Che penfaui tu adunque di dire in quello tuoneienofo fcritto, quando ti ufeirono di bocca li efprefte bugiede quali non me no ripugnano tra fe fìelTe di quello che li faccia il sì, & il nò, pronuntiati nel medelimo tempod’intorno alla medelima co fa ? ma a chi ha fatto il callo stri dir fempre il falfo, importa poco il cadere in limili eforbitanze,& per il continuo ufo non s’accorge ancorale quello,che dice,habbia ,o non habbia al cuti color del uero, il che elfendo uerillimo, non mi mara- uiglio,fe tutte Poltre colè poi,che a tal propolito uai ferven¬ do,fono macchiate della medelima pece. & per tanto quell’ altra tua li gran marauiglia,cheuai feguitando,non è men torbida di quello, che fi fieno Hate le altre,però ueggiamola. Et non è da tacere,che elfendo la dottrina noftra penetra¬ ta

Vergerò, [p. 53 modifica]centra il Vergerlo > 5 1

?a palesemente in tanti Regni e prouincie,quante hora io hò ,, non fenza cagione detto,quello buon Papa ha ardimento di }) dire,di uoler fare un Concilio generale,fenza però chiamar- si ni altri che quei,che fono della foa obbedieza.Comeua que- 5>

(la faconda ? Come farà egli generale? ui douea aggiògner „ una gioiella,a i noftri foli generale, io non uidi mai piu bella „

generalità,ruor della quale e eccettuata tanta parte del Cri- 5>

fìianelmo,quanta è quella , che abbraccia la dottrina rifor- 0>

mata. »

A quella tua fi dotta ignoranza che uai moltranao d intor ippolfm

noa quella tua generalità,balleràperrilpolla ciò che di fo-

pra ho detto della tua gentilezza in concertar tanto ben le bugie infieme,aggiungendo folo,ch’iouorrei un poco laper da te,qual fia quella vollra fi onorata dottrina,che ha peneti a to in tanti Regni ? Io per me non sò in che cola ui conuenia-” te uoi altri,fuor che nel dir male della Romana Gliela, Sedei Gli eretici fi Papa,negando tutte le cofe catoliche: talché fin qui no fi può comc *Z°™J° dire altro di uoi,fe non che ui conueniate tutti nel nnegare <> ma quando fi uiene ad affermare & confelTàre,& che fi- vuole 4 fìabilir tra uoi qualche dogma; nel quale fi debba creder al contrario di quello che crediamo tutti noi, tu lai Vergerlo che non è colà,la quale habbia penetrato tanto oltre, che in due (alti non fi potelfè ritornar’adietro, per ciò che uoi non > hauete conclufione alcuna in che ul conueniate : & perciò quella dottrina o piu rollo bugia, & fallirà elpreflà che tra uoi altri nollri ribelli ha penetrato in un luogo, non ha pene¬ trato nell’altro, anzi troua contradittione & uiene impugna¬ ta elprefiàmente. ficchi non la,chequant’io dico, fia piu che vero ? perfeguitandouiuoi l’un faltro come eretici? Oue a- dunque fono tanti Regni, Se tante prouincie ,oue penetrata; fia quella ùollra dottrina ? ma credo io che per dottrina tu babbi uoluto intendere erefia,Se feifma, il che ti concedo & ti do ogni forte di ragione. Ma portiamo ancora , che tutti > Ancor che tut uiconuen illene imedefimiparèri,&chevuoitudirper quéUc le fette di Ro ? ti vuoi forfè gloriar comecatolico ? non, lai malmeno; oggi fi coirne* ^ che [p. 54 modifica]S4

^JJj)opa dì Domfypolitó

Anima ftt ta

mta

Cattolica.

Apostolica.

viffiro noti per chela Maomettana fetta ha penetrato anch’ella molto mag* «7o fipojjano giore fpatio di paele nel mondo,che non habbia fatto la no* chiamar c*» lira ? & con tutto ciò ella non è nè catolica, nè Criftiana. Tra toohc e. i Criftiani,nonlài,che la dottrina di Arrio penetrò tanto in-

fettaT 1 ^ 41,(1 nan ^ 5<: ^ e occupò l’un & l’altro Imperio nell’oriente, & nell® occidente,& nondimeno non fu Catolica, ma eretica? Non baila,che le fette fpargono i loro rami di lontano,ma bifogna uedere da qual radice fien nate;cioè , le da legittima, ouero da baflarda. A far che fieno catoliche,ui vuole il mutuo con fènlo co ia dottrina de gli antichi padri, & bifogna che fieno concatenate di tempo in tempo con la dottrina di Grillo, & da gl’Apoftoli predicata;per la cui cagione fu nel fimbolo NI ceno alla parola Catolica aggiunto ancora la parola eApofiolket folo per difcoprire, che la tata ampiezza deli’erefia di Atrio > non la faceua per ciò men cattiua di quello che fi fufiè ogn’al tra inuentioneflrana&eretica,che dagli Apolidi a noi non fufiè deriuata : ancorché da poca gente fofie lèguitata. Di che nel libro de’ miei difcorfi ho aliai lungamente ragionato.. Et perciò non ui gloriate tanto di quella uolìra dottrina fi ara piamente Iparlà,perche ad ogni modo fe ben uoila chiamate riformata ella non è però nè catolica nè a quella degli Apo¬ lidi conforme & concatenata;onde il proprio fuo nome farà s & uoi coli chiamar la dourelle, Dilformata, corrotta,jgualta[, nel tutto eretica,& maffimaméte non ne fapendo uoi dar con Gli eretici nul to piu che tanto:ma come fi uede,che qui ha fatto il Vergerlo te prosano . che l’ha gettata la,come con una balelìra ( fe coglie, coglie ) cofi fate ancor tutti uoi altri. Sarà dunque per tutto ciò fal- filfima la calunnia,che fi dà alla Indizione,& al Papa,con di¬ re, eh ei non chiama altri, che i fuoi,& che efcluda tutti gli altri.

Entra poi & fi ride il Verger io in un altro capo, leggendo Rtjè Menot*. nella Indittione,che fi uogliono riformare i collumi nel Con

cilio.-ma tal lùo ridere al fin fi difcuopreper un ghigno di per-

fido huomojcon ciò fia colà,che non la finilce, anzi non fègui tamolteparole,che ritorna a dar all’arme la terza uolta ,peri

eccitar [p. 55 modifica]contra il Verger io» > f$

eecltartumultocontradichifi sforza diridur còl Concilio -,

ogni colà a pace; & per ciò coli foggiunge.

Ma fèguiriamo piu oltra. Dice il Papa con i fiioi jo. Car ycrgù dinali di uoler anche riformar i coftumi. fe quella non è da ri-j 3> dere,non fo mai quale farà;cioè, chiamare iVefcoui a Trento; JS che riformino i coftumi di quei di Roma (tra gl’altri)ò fàpien }> tia. Et non farebbe flato meglio ( fe uoleua riformargli da do; M nero (il che egli non uuole) & temo che ciò fia un ìnterteni-. SJ mento, e una coperta ; & hauer il giuditio de gl’altri (che pe-i J3 tò non bifognaua)ad hauergli chiamati di lungo uia in Roma-, }9 afar tale effetto fenza mandargli ne’ confini della Germania 5> ——-

ne’ monti di Ti ento,e darfama di uoler fare, & non fiano per JS fare riformation di coftumi? Poi domàdo, Se è bifogno di Co. „ cilio per hauer a riformare la deprauatiò de’coftumi : perche non gli reforma il Papa con i fuoi 5 o.che hanno fottofcritto ? }>

In fomma anche quello paflò non uè pofto per altro, fe non }J per dar la baia; & apra gl’occhi chi può,e rifueglifi, ch’io temo „ di non foche. ”

Hor che colà pollo 10 qui dir altro, per cagione di tai paro- ippch le, le nò che quello fia ben legno di troppo maluagio animo, quando fi tratta di riformar cofìumi,dire, che ciò fia un dar là baia,ò farli beffe, & che la cofà fia da ridere ? ha ben forfè ra¬ gione il Vergerio di dire,ch*egli teme di non fo che; conciofia cofa,che fè i coftumi fi hanno da riformar tutti, no fo có qual maniera fi potranno riformarei fuoi con altro, che col lique¬ farlo tutto al fuoco ; chi uorrà feparar bé la feccia da quel po co di buono,che fi ritruoua hauere. & quantunque ( come ho detto)io non l’habbia mai praticato, pur quelli bei fiori,ch’e¬ gli ua fpargendo di palio in palio in quelli lùoi fi onorati fcrit ci,mi danno un finillìmo odore della lua gentil creanzajper la quale manda dalla bocca fua continuamente parole confor¬ mi al fuo animo ; il quale nó effèndo limile al lèminator di pa ce & di concordia(ilqual è Iddio & Grillo) conuiene che fia conforme al feminator delle contentioni, & delle dilcordie, jj verg. cofot cbénonèaltro } che’i dianolo,Ondali comeegliinterpretò le m 4 jj m i 0 - parole [p. 56 modifica]fminator di difcordic . Gcn. 3 «ss; 10.8. " f

In tuttìi Con jcilij fi tratta riforma di co* fiumi.

il Papa da fc fa la riforma diRoma ancor

15 *Bjjf>ofta di Bonn Ippolito

parole di Dio dette a i primi padri tutte al contrario di queilq che Iddio leintédelfe; & perciò cagionò la crudel mmicitia tra Dio & rhuomOj& rouinò tutto il genere umano in un col po. Onde fu chiamato poi da Grillo Homicida ab imtio.Cofi parmi che il Vergerio molto bene a quello attenda,& fi sfor? zi con l’interpretare le parole dette dal Papa tutte a còtrario lènfo,indurre a dilcordie,& metter alle mani i popoli Criftia- ni col loro fpiritual padre,non guardando, che di qui ne habr bia a riulcir tutta la rouina del Criltianefimo,& la dannatione efprelfa delle anime. Ma per non lafciaf ancor cofida parte quello,che adduce, come cagion del fuo ridere, & del fuo ti¬ more, dimando(a chi efifer fi uoglia) fe è pur oggi folo,che s in cominci a trattar riforma de’collumi della chiefa ne concili}': E polfibile, che fi ritruoui un’huomo di fi poca uergogna,che uoglia dipinger qui,come cofa nuoua,quello, che doppo che il mondo è mondo,fempre è cofi flato? Legganfi quanti con cìlij furono mai,incominciando dal Niceno,&feguitandoa gli altri, anzi incominciando da quello fatto da gli Apoltoli in Gierulàléme,& le non fifitruoua, che i Canoni loro fieno delle tre parti le due d’intorno a collumi, riti, & cerimonie,il Vergerio haurà ragione ; & io il torto. Ma chi non fa, che la cofa°fia al modo ch’io dico, fe ha pur letto folo la coperta de Concili} ? però non uoglio men perder tempo in citar luogo alcuno particolare.

Si fogna dopo quello il noffro ualent huomo, che li madi a-Trento per riformare i coflumi di Roma,& qui penla di da¬ re un colpo al Papa co i trenta Cardinali in un tratto, & dice» che quello fia un trattenimento,& ua tuttauia fobornando,& mouendo a tumulto,quanto piu può. Or, non è ancor quella una facéda llrana a ueder collui,che fi affatichi, per dar ad in¬ tendere una bugia tanto efprelTa? II Papa non uuol riformare i coltomi di Roma in Trento. Vuol riformare i coltomi di tut¬ ta la Criftianità hauendo noi da uiuere tutti, Vnius moris in domo,& non fpezzaramente. Però è ben il debito, che oue li

tratta dell’uniuerfale,cócorra la uniuerlìtà. Per cagion di Ro¬ ma [p. 57 modifica], centra il Vergerle . f 7

mali Papa lo fa da fe, & già fi comincia a mettere in effecutio che poìuogtU ne,& anderà di ben in meglio,fi come per cótrario parafi,che che il concilio il Vergerlo uada lèmpre di mal’in peggio.il qual anco per no Sformi mi è lafciarmi parer bugiardo,aprendo di nuouo la bocca, ufa fui- co fi um • time forze,per dar a credere a i Principi & al reftàte della par te fua,& della noftra ancora,che non fi polfono fidar del Papa in alcun modo,dica ciò che uuole, & faccia ciò che uuole ; & che tanto meno fe n'hanno da fidare, quato piu promette nei la Indizione di elfer loro amoreuole, 5 c di uolergli conferuar $

in pace,& perciò cofidice »

Qui s’aggiugne la terza cagione,per la qual dice quello Pa pa di uoler far il Concilio,cioè, per cóferuar la pace tra i Prin dpi criftiani,& quella terza è manco uera,& manco uerifimi- ss le,che le altre due. Poueri vefcoui ui faranno come fchiaui in » catena,ne farà ior lecito d’aprir bocca,e dir cofa,che fia fecon j» do la lor propria cofcienzaj& chi crederà che elfi fieno per » trattar la conferuation della pace fra Re e Principi? Che baia s» è queft’altra,fe non fanno di tal materia la maggior parte d’ef »* fi?Et chi là,che i Re,& i Prencipi fieno per uoler coli fatti huo ss mini per giudici,o mezani,& compofitori ? anche quella par- » tita è fiata polla nella Indittione per una uifta falla, & per mo s> ilrar di uoler far gran cofe,& per intertenerci fina tanto, che 5» facciano i fatti fuoi. ss

Or qui Vergerio ti confelfo,che a me pare,che tu meritaffi typdit** in rifpofta altro che parole, già che come un demonio difeate nato non fai far,ne dir altro che romper la pace,nutrir difcor- die,& feminar zizania ; non ti curando fe ben poi rouinaflèro tutte le prouincie de’criftiani, già che ( a guilà d’altro Cain ©micidiale,& fratricida)te ne uai profugo fopra la terra,no ha uendo ne luogo,ne fuoco, che ti tenga. Tu puoi ben làpere, chi tYdttd tt* che dou’è diuifione di religione,a uiua forza conuiene,chena nm di Reli* fchino crudeli guerre.onde chi trattala caulà della religione, gifyjr*tud> è forza che tratti anco la caulà dell’unione,& fi uede per pruo coY P u , ce ftt* ua,che quelle Prouincie,& quei Regni,ne’quali una parte ere de ad un modo,& l’altra ad un’altro,è forza, che al fine uéga- v.; H k no [p. 58 modifica]Kel trattar de negotij batta che una parte de cittadini ne la Republica fe nintedanq ..

Kofi può tro* ttar numero di perfone piu 'at to a componer le difcordie quanto in un Concilio . <

u

«

te

Ipnneipihan no mofìrato che la pace fi confermi per mzfi del Ceti

5 g %iJJfoJld di Doriti Ippolito

no airàrtné,& chi non uede tutto ciò eflèr auenuto alla Ger* mania, airinghilterra,& or alla Francia? però che maraui- glia farà le il Papa trattando d'eftirpar l’erdìe da tutti i Princi pati e Regni,dirà di uoler’anco trattar la pace tra i Principi, o inducendo,o conlèruando gli animi loro, nel propofito buo¬ no , di lìar quieti ? Et auenga, che tutti i Vefcoui non fodero atti ad uno ad uno di trattar la pace,& la conferuationdi quel la tra’Principi,non è per quello, che tutti infierire no fieno at¬ tillimi a poterlo fare. Starebbono molto frefche le Republi- che,fe fi alpettalfedi trattar i negotij piu importati di quelle * per dir moki foggetti(& forfè anco la maggior parte,) non le n’intendono,balìa,che fi fappia al fermo,che nella moltitudi¬ ne ui fia numero onorato, & in qualche fomma di perlòne ta¬ li,che s’intendano dei negotij alla Republica appartenenti» Et perche è piu uerifimile,che in un Concilio,oue concorro*- no tanti huomini fegnalati da tutte le parti, con occhio di far benefitio alla Republica criftiana,ui fieno piu foggetti, atti a trattar crifiianamente le colè della pace tra Principi, che non fia in una,o due prouincie particolari,© Regni,o Imperij anco ra : per tanto non è dubbio,che non olìante il numero de mol ti ignoranti, & inefperti, debbia piu torto riufcir befferto ap¬ partenente alla pace, che non per qualunque altra uia, che fi tentaflè. Et tanto maggiormente quello fi ha da credere, qpa to damo certi,che lo Spirito fanto,& Corto col fuo padre lì ri truoua qui nel mezodel Concilio adonor fuo congregatou Et lèben poi il Vergerio non fa,fe i Principi uògliano ri- metterli al Concilio, onde ha fcritto. E chi fa, che i Re, & Principi fieno per uolere coli fatti huomini per giudici, o me- zani,o compofitori ? Se ben, dico, tal cola non fa il Verge¬ rio , Io lappiamo però noi, & lo fanno i Principi fteflì. Non è forfè chiaro,che nelle capitolationi fatte della pace tra le due MaeftàCriftianifrtma>& Catolica,nel bel principio fi cótene- ua di procacciar il Concilio? Et per qual ragion quelìo,fen6 perche làpeuano,che la pace tra Principi, & l’uniuerfal Con- cilio/ono come due mani in fede? Anzi fiamo certi, che no

pur [p. 59 modifica]contra ìtVeirgerìo. %9

pur quelle due Maeftà già dette, ma egri 3 altro Principe,fe no Ho nelle Capi » oggi,forfè un’altro giorno,fi rimetterà fper la pietà di Db)di tuUtioni tr « maniera al Concilio,che doue ora il Vergerio fi crede di dar' loro fatte < all’arme,iui ciafcuno abbaierà la creda, & fi unirà in quello: miftico corpo con le altre parti,cóciliando gli animi co Dio i con la chiefa, & con fe Iteffi : che fe quello non farà il Conci¬ lio,chi lo farà? Forfè gli eretici ? Or non hanno molfo le arme dfi foli in tutte le prouincie oue fi ritrouano ? Et chi è piu prò to a menar le mani di quelli cani arrabiati? Vegganfi di grafia gli effetti che hanno partorito, & che tuttauia partorilcono» or nella mifera Francia,centra laqualc non ha mai potuto ta¬ to la fpada di llranieri lor capitali nemici, quanto fa or la rab¬ bia dell’erede introdotte.Ne qui mi curo di rifpódere a quel¬ la parte,oue collui dice,(facendo del compalfioneuole, ellen doperòuncan rabbiolò ) poueri Vefeoui,ui faranno come fchiaui in catena, ne farà lor lecito di dir cola che fia fecondo la lor propria cofcienza,&c. O pieno di tutte le forti d ingan ni;s’accorge,che tutto il Concilio ha da condannarlo per ere uco marcio,o piu tolto di confermare la condanation già fat ta, & elio col inoltrarli d’hauer pietà uerlòchi gli è giudice giultilfimo, fi sforza d’indebolire guanto piu può la fua fenté za,fotto colore, che i Vefcoui noti polfano aprir la bocca, & che perciò fententieranno contra la propria cofciéza. Tal co fa farebbe uera quando il Concilio folfe della fua dottrina: al l’ora contra cofcientia lo condannerebbe ; ma già che fi fa, di qual dottrina fieno i Vefcoui la congregati; credefi almeno, che pollano conia cofcienza làlua far altro, che condannar effe coi pari fuoi?

Mafputaormaiilreltodelueleno. Anche quella parti- vergerti ta (ferine il Vergerio ) è Hata polla nella Indittione, per una „• iiifta falfa,& per moltrar di uoler far gran cofe,& per interte- nerci fina tanto,che facciano i fatti loro, &c. „

<■ Quello è pur anco della lidia fpetie di parlar tofTicofo,per Ippolito * folleuar i popoli,che s’io uolefiì pefar tutte le parole,bilògne • ria pefar quello intertenerci : il che non vuol dir altro,fe non,o > *

r A ' H 2 . popoli? " [p. 60 modifica]Vergerlo.

Ippolito,

Vergerlo

5 6 Kjfpofiadi Doriti Ippolito

popolfjche liete co trafi] alla Romana chielà. Quello,che di già ui hauete pelato di fare có l’arme,fatelo torto; & non vi la Iciate, lotto color di Cócilio, per cólèruation di pace, tenera bada,ma preoccupate uoi,& nó Jartciate d’ertèr preoccupati „ Coli cred io,che Ogni làuio polla & debba intender quella parola lòtto tal lènlo, il che non è già altro,che, ( come lì di- Ce)un toccar capana a martello,& coli pian pianoandaremo fcoprendo,che non è il Papa,che penfi di far guerra, ma lono altri, che lì iàn piu lontani, & gli effetti pur moftrano quai fieno coloro che uoglion guerra,& quai nò,già che gli Vgo- notti,& non il Papa fanno le lue proue,come lì uede : che le ib Papa poi col reftante de'Catol ici làràno sforzati per lor dilfe la por mano all’arme, niuno lì lamenti.

Et perche egli tal uolta non lì Icordartè del fuo maluagio penfierò,di concitar a guerra, per ciò lalta ad un altro capo, nel quale affermando primieramente, che la Indittione non ha Indizione, ma connnouatione piu torto di quella forte* che incominciò Paolo 3. & feguitò Giulio 3. dice,

<c In quato al douer continuare, & prolc-gùire quel medefì-

« aio Conciliojcheincominciò Paolo 3. & Giulio 3.8^ non ad cc incominciarne un nuouo,non è dubbio,che il Papa, non hab « bia nell olfo,& nelle midolle quello penfiero, il quale egli hà « cfprcffo di brocca in due bolle precedenti,urtando quelle due parole,continuare,& prorteguire.

Quello poco non fine quare ha uoluto coli dire il Ver^e- rio per fconrtegliare 5 & feonfortare i rtuoi a uenir al Concilio ; ieguita poi,

. Ma che importa anche querto;cioè, ch’egli uogliao inco-

<c ™ II]C Ì2rne uno di nuouo, o prolèguire & riaffumer il comin- ciato,le vuol *arIo fidamente tra i rtuoi,fècondo ch e e°li veni- Ce maI ]d2ndo di dì in dì,e poi farci guerra? In quanto al

  • b ^°gnodelIaRepublicaCriftiana,&alIa fodisfattiondelle

= ch . ld ?>che uogliono la riformatióe,egli è quell’iftelTo,o inco mmciar di nuouo,odi uecchio, quando tanto rottamente « cheipropri] rtuoi

Velcom s [p. 61 modifica]contra il Vergerlo.

61

À quello fuo ragionar fi (ciocco non uoglio piu rifonde- lppotò* te,già che fi tocca con mano,fé il Papa uoglia, o non uoglir nella Indizione,che uengano,o uadanofolo quei,checoftui; dice. Deueben’elferauuertitoquel palio,oue ritocca la- guerra,il quale ormai è venuto in campo la quinta uolta ; & è anco da auuertire quell’altro palio,oue continuando, dice : ')

Percioche lènza niun rifpetto,& penfiero di quello, che n* Vergerà. habbia a dire tutto il mondo ( di Dio non fe ne cura) egli co- „ manda a tutti i Patriarchi, Vefcoui, Arciuefcoui, Abbati,i qua „ li fono nel papato,che ui debbano andare, & poco di fiotto„ ammonificc li Re,e Principi,cioè ruttili nimici noftri, & della „ dottrina noftra, &c. '

Sopra di che poi nel feguente fi ftupifce, come alcuno di I ppolitfr quei Cardinali non habbia detto,che ciò non fi doueua fare, per non moftrar,che mandino i fiuoi giurati per condannare i fuoi auuerlàrij lenza udirgli poco nè molto, nella qual cola il mondo fi Caria beffe del fatto loro ; & qui coi far il pedante,

vuol inlegnare a Cardinali il modo del ragionar nel Conci*

fioro,oue Dio sà, fie egli folfie ancor buono per uno ficabello,

ouer tappeto de ilor piedi, quando ragionano, onde fiegue.

Epolfibil,chenel numero di trenta Cardinali che u’han Vergaio* pollo la mano non ui fia fiato un fiolo, il quale habbia detto fi s> mil parole, Non facciamo una tal cofa,diuoler mandare i no » firi medefimi che ci fiono anche giurati,e paia che uadino per. » douer condannar gli auuerfiarij lènza udirgli nè poco nè mol- » to,che il mondo faralfi beffe de’ fatti noftri. è polfibil dico, » che un fiolo non l’habbia detto ? & è pur d’importanza grade. «

Quelli pal!ì,dieo,debbonoelIerauuertiti. Perciò che quel J PP° l °*

lo,che dice, Che il Papa nò ha rifipetto alcuno di tutto il mon « do;& quell’altro ultimo, oue dice,Che il mondo fi farà beffe ™ ? de’ fatti de Cardinali,non uitupera il Papa,come il Vergerlo b ' uccianda u Crede, ma lo loda, & gli fa onoreCapendoli quello, che non dottrÌMmt i. puoi credere il Vergerio delle ficritture fante che, Totus mun Cil3 dijprezz<t . dus in maligno eft pofitus: Et che ci curiamo dunque noi, Ucatolica. Che fi dica 3 o fi creda il maligno mondo coi maligni fiuoi di r.i 0^.5.

quella [p. 62 modifica]€ % *2{t(j)oftd di DonrfJppolitQ

j'ioàK.$. quella Indittion tale ? Chiaro è che nella danza de gli c- retici non fi può dir ben de’ Catolici, & perche il mondo è la? propria danza loro, nella quale fi danno & parlano, & fono con ogni attentione uditi & lodati , colà di che tratta S. Gio- uanni a lungo nella Tua Can. prima al ini. doue ci auifa di ftarben auertiti fopra tal punto.Però che marauiglia è fe’l mo v do,propria danza del Vergerio, & de Tuoi pari, non può dir

ben di noi,ne di alcuna cola nodra ?

Et queiraltro oue dice,che comada a Prelati,che fono nel papato, non è ancor’egli un bel paflò?come lè(quafi fecondo i’intelligenza di codui) il Papa haueflè da comadare nella In-: dittione ad altroché a Tuoi,per farli piu obedire ; come fareb¬ be a capi di Luterani,che nò fanno altro,che tirar calci,ouero a prelati di Turchi,o pagani, o d’altra forte tale. Et a chi liuoì tu che comandi il Papa, le non comanda a Tuoi lòggetti, che hanno da ubidirlo?

Il terzo ancor no è palio da difprezzare,oue tocca, che tut¬ ti i Prelati, che fono ne i Regni, & Domini; - altrui, fono fuoi L4 dottrinò nemici & della fua dottrina. Qual farà dunque queda dottri- treticòèdxo • na, la quale no ha auttorità in luogo alcuno, che la fauorifca, gm-huónto di ma da ciafcun’huomo d’auttorità,&di prelatura (fiain qual auttoriugm* p ar te del mondo elfer fi uoglia) fia difpregiata,& odiata?Et a zatT ^ ne 5 c hea quedo galantuomo non faccia il buon prò quel-

  • a * lo,che ha uoluto dire,anzi che ha detto in molti luoghi, cioè,

che intrauenendo folamente i Prelati, che il Papa chiama il Concilio non debba elfere chiamato uniuerfale j dirò queda Il Cocilio può loia parola,che non folo col numero de i chiamati dal Papa, effèreuniuerfa macon molto minor numero ancora di Prelati fipotràfare le di auttmta un Concilio ( & fi è fatto ) ecumenico, & uniuerfale : le cui IZZfLcelet ieggi hanno ob]i g ato ciafcuno ad elfequirle in materia del- luto. Ia ^de 5 mercè òeH’auttorità fuprema del Vicario di Grido,

Àft.j j. che è intrauenuta. & che fia il uero, nel i 5. degli Atti de gli Apodoli fi legge, il Concilio, nel quale furono rifolute con- tral’Ebraifmo molte cofe concernenti l’Euangelio, lequali furono feritte& diuolgate a tuttala chiela,come cofe, che o?

bligafiero [p. 63 modifica]contro, il Verger io, 6 $

Bfigaflero ogni Criftiano ; Et nódimeno in quei Concilio no fi legge nel tefto, che ui follerò altri che quattro Apoftoli no¬ minati,cioè, S.Pietro,come capo,& Prelato di fuprema autto rità,fan Giacobo Patriarca di Gierufalemme ; & fan Paolo,& Barnaba ; & quelli parlarono foli in quel Cócilio,& fu appro uato ciò che da loro quattro fu conchiufo,che le altri parlaro no,lo dica il Vergerio, ch'io per me non lo truouo nel tefto. Adunque fe quello, che pedantefcaméte il Vergerio infegna a i Cardinali,foiTe d alcun ualore,fi poteua ancor dire,& fi do ueua in quel Concilio,oue fi rifolfe tutto il contrario,di quan to gli Ebrei conuertiti difrefco ereticamente ìnfegnauano. Perciò che non parlando altri che quattro, & non uielfendq fiati chiamati altri di altre città o prouincie ( poniamo che ui fodero flati prefenti tutti gli Apoftoli ) poteuano meglio la¬ mentarli gli auerlarij della códannation loro fatta da con pie ciol numero di gente,che non pollòno i nofiri,fentendofi co- dannare da un Concilio intimato a tutti i criftiani> ancor che 'poi non uenilfero, lènon poche perlòne *

Ma palliamo adaltre cofe. Parafi di ueder qui,che il Verge rio faccia, come fi dice che fa il Cocodrillo neldiuorargli huominijilqual manda fuora da gli occhi lagrime, coli collui mollra di fparger lagrime fopra Vefcoui & Prelati, che ande- ranno al Concilio,tenendo tuttauia labocca aperta, per diuo rargli rande fi come di fopra quali per pietà gli ha chiamati poueri Vefcoui, &c. coli ora 5 moftrando di hauerloroconv paflione,dice.

Ma ci è peggio,che i Vefcoui,& Prelati,che ui fon chiama¬ ti non haueranno elfi in effetto ne da giudicar, ne da decidere gl’articoli nella religion controueifi, ne da riformare i corta¬ mi ; e molto meno da trattar la cóferuation della pacetra prin cipi Criftiani ; maftaranfila fu in Trento come tanti famegli,e fchiaui,per la bocca de* quali il Papa pronuncierà di dì indi ' ,: ò che a lui piacerà : & quello farà il Cóciìio ; il che piu a pie d fpiegherei qui,(come cofa importantilfima ) s'ionon l’ha- iffi fatto in qualche altiro mio fcritto latino & Italianoidrio

fo

Secondo ìtVe? gerio il Conci lio de gli Apo Colinoti è udii dor nè uniuer- fdc .

Il Vcrg.flmle al CocodnUoo

Ycrgerito

CIO

no

lìQ. [p. 64 modifica]€4 %ì^oHa di 'Domi Ippolito

« fio quel ch’io pollò contraquedo modro d’Inditdone a onor « di Dio ; ma la conclufion di quello palio fia, che quella è una « eccellente barraria,che fallì pubicamente fu la faccia di Dio, « di Crido,& dello Spirito lànto,& fu le buone chiefè riforma-

ìc te 5 e lu tutto il mondo ine mai piu s’è letto a o udito,che ne ha t« (lata fatta.una tale; cioè, fìngere che i buoni Vefcoui debbano « ne Concilij informarli benedi tutta la cau là, come fecero* cc Vefcoui dell età pallate (ancorché hauefièro hauuto poca lu¬ ce ce) e conferir tra loro, e far i decreti eflì medelìmi fecondo la « loro cofcienza ; & pronunciargli^ nódimeno quella farà una

  • c mafearata j perciò che i Velcoui non haueranno ardire di pur

«e tener in cada i procede piatti della caufa,che fono i libri ferie ce ti da nollrij e manco làra lor concedo di poter uedere,nó che te udire la nodra parteacculànte i pur darallì fama, che ellì hab- cc bian fatto ogni colà,& non hauran fatto nulla : ma il tutto là- cc rà dato fatto dal Papa, che è anche ignorante ( per fua gratia) cc comeogn’unfa.

Ippedito . ^h valenf huomo,ne fai tu gir cercando di meglio ? tu vor

redi (come lì dic£)in un colpo dar a due tauole, leuando dall’ Maludgio peti vna parte tutta la riputatione al Concilio,& dall’altra uolen- $hr del v erg, do mettere feifma tra il Papa & i Vefcoui ; ma nè l’uno,nè fai tro(gratiadiDio)ti anderàad effetto; Perciò che la riputa- tion del Concilio nè fi lieuerà,nè fi darà per le tue parole pun genti,nè meno per l'idedèfifarà fcifina,come tu uorredi, fa- pendo i Vefcoui meglio di te, come le cofe pallino nel Con- — cilio,& fe il Papa gli tenga la sù in Trento per Papagalli,oue-

utuntu del ro per Prelati di onore. & attenga,che tu ti uanti d’hauere in Vcrg. altri tuoi fcritti contradetto,& latinamente,& in lingua Italia

na, alla Indittione,(la quale tu chiami un modro ) nondime¬ no fon chiaro,che cofiben tu ti porti in quegli altri,come an¬ cora in quedi tuoi, i quali non sò fe me gli chiami fcritti, o fcartafacci : però oue tu dici,che fai quello, che puoi, contra quedo modro,ti rilpondo,cheDio, giudo remuneratore di tutte le opere,ti renderà il condegno premio di tai tue fati- < che , Amen . Et alThora fi uedrà,fe queda fia una barreria ec?

celiente [p. 65 modifica]còntrdìlVergerìdi ? 6 $

Celiente, come tu la chiami,ouero,fe tu fia un’huòmo fèditicK fo per fubornar & fommouer le genti:& ardifco dire, che piu tofto qui dentro tu mi facci del Ceretano alla fcoperta,che diperfonadegnadalcunoonore. Conciofia cofa che chi ti legge fuperficialmente,ti potrebbe ftiraar di qualche lette¬ ratura,fputando tu certe parole, che paiono cauate da i libri Sibillini,come farebbon quelle, Ne mai piu fi è letto,o udito, che ne fia ftata fatta una tale, &c. nelle quali chi non ti cono fceffe,penerebbe,eh e tu haueffi riuoltato fotto fopra tutte le librerie del mondo, & che tu non haueffi mai nè màgiàto,nè beuuto,nè dormito,per udire chi ragiona delle cofe Criftia- ne : & pur tu fai quai libri babbi ftudiato,& fai anche fe il man giare,ò il bere ti difpiace,nè meno perdi il fònno,fe non forfè per penfar qualche cofa non troppo onefta. Iniquitatem meditans in cubili tuo,artasomniui£enon bon£,malitiam aut nunquam odifti: fi che ti conchiudo che al fine quefta tua mercantala qual uai cercando di uendere in quefti tuoi fcrit ti,non farà da chi ha qualche follò, conofciuta per altro, che per mercantia di un Ciurmatore,la qual di fopra uia, hauen- do un poco di coperta odorifera,di dentro poi fia tutta falla. Onde quello,che tu foggiugni che i Vefcoui dell’età paffate, ancorché hauefièro poca luce,conferiuano tra loro, & face¬ vano i decreti da femedefimi fecondo la lor cpfcienza,&li pronuntiauano. Quello, dico,tutto è falfo,nè me lo pende¬ rai per mercantia buona: concio fia colà,che i Vefcoui parta¬ ti non hanno hauuta poca luce,ma affai,& tu lèi eretico a ere dere altamente,& fei temerario in profferirlo, & i medefimi Vefcoui fe hanno ben fatto i decreti fecondo la lor cofcienza, nondimeno non gli hanno publicati mai fenza il confenfo& la diffinitiua fèntenza,fotto fcritta dal Pontefice Romano. & quefto è,che dico io,che tu lei vno,che mofìra di hauer Ietto, & udito,& poi tu nonhaiuedutoa fatica le coperte d’alcun libro,ne udito ragionar di lettere che onorate fieno. Gli huomini dotti fanno molto bene come fi fieno conchiufi i Qoncilij antichi,& moderni,nè io voglio qui citarne alcun d s

I erti,

Cerumi

»»


Ciurmatore,

KugteielVer

gerio.

I Vefcoui puf* futi illumina * ti.

T Vefcoui pdf fati nonbdnno rifoluta cofa alcuna ne iCo cilij fenza la fottoferittion del Papa. [p. 66 modifica]65 ìjpofta di Donrf Ippolito

dii,per non far’ingiutia,&torto a gli altri (che tutti fi fono fai ti fopra una forma,& un modello ) ricercando ciafcun di lo¬ ro per conclufion de’ fiioidecreti, l’ultima mano del Papa ì come ad altri propofiti te ne citerò alcuni in quella rifpofta.

A quello poi,che Aggiungendo dici, chequefla farà una mafcherata,perciò che i Vefcoui non hauranno ardire di pur .. tener in cafaiprocdfi,& gli atti della caufa,che fono i libri fèritti da’uoftri,& nè anco farà loro cócelfo, di poter uedere» non che udire la uoftra parte accufante : & pur daraflì fa ma, eh elfi habbiano fatto ogni colà, &c.

Ti tilpondoinbreuità,chenonci accade a ueder procedi mn tocca a fatti da uoi altri, perche tocca a noi a procedami, dfendo gli eretici di uoindlri ribelli, & fallàrij delle fcritture,che cleono dal-< procejjhr noi* | e polire mani,non lolo quanto al lenlo,ma ancor quanto al- riut tocca a nói j e p ar c>le , che adducete ; Di che io ne* miei dilcorfi ho trat¬ ti proceffarto mo lungamentejadduncendoi uollri librici quali tu di¬

ro, come/a c j jC j le non fi fono & nondimeno fe ande'rete uoi altri y T ^ m che uidate uanto di ualent’huomini a comparire al Concilio,

v’accorgerete,feuifiagente,chelàppiadarcóto delle uollre fritture,& de’uoftriprocelfi, che fe anco non comparirete (come facil cofa che non habbiate ardire,eflèndo uccelli no t turni)di qui ue ne potrete almeno accorgerete farà cofa alcu na entro a quegli,che rimanga intatta dai noftri Vefcoui, là in Trento congregati. Et parrucche s io fofiìinte,nonmi da rei tanto affanno,come fai tu,per cagion della Indittione,già che i Vefcoui non fieno per leggere i udiriprocedi,& il Papa idocchcKZi fia uno ignorante, onde potete dar ficuri, che nè da elfo, nè del verg. da loro ui potrà elfer dato impaccio in conto alcuno. A che propofito adunque cruciarti tanto per quella benedetta In- dittione,s’elIa non ha da dami noia è Ma io dubito, che que¬ llo cantar tuo fia,come di coloro,che uanno la notte, i quali cantano per paura,& coli tu uai pur facendoti animo, & coti tutto ciò la uoce ti triema,& che fia il uero,uedi quante fcioc- ehezze,& mal concertate bugie ti efeono della bocca.

Tu dicUhcd tutto farà dato fatto dal Papa > che è ancora

ignorarne [p. 67 modifica]contra tlVèrgeriti.

ignorante per Tua gratia,come ogn'un sa.

Pouer huomo,che intendi tu per quello ogn’uno; te lolo I Bella è,che ne tu non lo fai,perche efiendo quello,che tu Tei 9 ehepuoitudar giuditio de letterati? & di chi ragioni tu» quando dici,che’l Papafiaignorante? Di Giouanni Angelo de Medici,ouero di Pio mi? Se di Giouanni Angelojeh co¬ me fei tu tanto animale, (per non dir peggio) che non t'ac¬ corgi,come ciafcunoti debba sbatter dietro le mani ? Io non doglio entrar qui a ragionar della cognition di lettere del Pa pa, perche nò uoglio efTer io adulatore,come Tei tu detratto- re,ma pur doueui faper almeno che ha fatto profeffion di let¬ tere ne gli fludij publici d’Italia,& doueui fapere, che inMila Pipi Pia 4- no,prima ch'ei folfe huomo di chiefa,maneggiò le caufe im* buono lineré portanti,come dottore,& che in Roma Tempre ha conuerfato tl P mo « con letterati, fauoritogli, tenuti di continuo in cafa (In¬

diato ordinariamente di compagnia con eflò loro,& che que gli offitijjche non fi danno ad altri, che ai letterati, & prima &dapoi che fu Cardinale, fono flati impiegati nella perfo- nafua. Et doueui fàpere, che egli ha altro teflimonio delle fue lettere,che quello del Vergerio,che poco fe n’intende, & sò chehaueua tolto laffunto di correggerei Decreti, cofa NoUo d’importanza & di perfona di gran lettere,& sò che ora i let¬ terati a gara l’un dell’altro fi cópiacciono di apprefentare a S.

Santità Tempre qualche colà nuoua, fàpendo che non le ap- prefentano ad un ignorante, che non fe n’intenda: & di piu io sò,che del giuditio Tuo in materia delle compofitioni non fe ne fanno nuoui.& come adunque non Tei tu profuntuofo a dire,che ogn’unsà,che fia uno ignorante, hauendo fin quii* opere fue,(che fon teflimonio di tanta importàza ) che dicon tutto il contrario ? A me tu fai ritornar a memoria refièm¬ pio di quelle buone donne , che pigliano Tempre un colpo d’auantaggio,& rinfacciano ad altre il nome lor proprio per non udirlo dire a feflefie . Coli tu, per fuggire la proprietà della tua ignoranza, che ti cuopre tutto dal capo a piedi,hai pigliato il colpo di uantaggiojintitulando il Papa di quel no-

l a me» [p. 68 modifica]fi»

L'eretico non fi può intende re della dottri tta del P apa.

Nelle cofe di fède piu uale un Papa igno - fante che un dotto Teolos

go-

. S. Pietro fu ignorantif. di lettere,?? non dimeno ne i Concilij rifole. fe le cofe piu importanti del la fède.

Licagion del t enfia è fdfie dutia nelle let tere.

Kom.z.

Matt. 11. e? Lue. io.

Nìun Papa ha errato in ma* Seria di fede eontra Topi¬ monde gli ere tici.

Brentio .

'Ri/pofta di Doriti Ippolito

me, che unicamente a te fi conuiene : che fe poi tu parlaffi di Pronome Papa, & che fai tu s'egli ha nè dotto, nè igno¬ rante,non elfendo quedoil medierò d’un’eretico? Noi lia-> mo chiari, che negando tuie fcritture nel vero lènfo, noti puoi effer capace di quella uerità, cioè, che nelle cofe della fede piu uaglia un Papa ignorante, che non uale qual altro Theologo |> dotto eh ei fi fia,có ciò fia colà,che Iddio p le Tue promeffe tenga la mano in capo a chi per ufficio ha da reg¬ ger la Chiefa,& da confermar i fratelli, talché non può errar nelle cofe catoliche,& ortodolfe:il che non fa con qualuque altra forte diperfona,fia chi elfer fi uoglia.& tu non doueredi già al men negare,che fan Pietrosi qual parlò Crifto, & die¬ de il carico di tutta la Chiefa)non folle di lettere ignoranti!^ fimo infierite co’ fuoi compagni, i quali però hanno rifolute tutte le piu importanti materie della fedenodra. Come dun¬ que tu col redante non f auuedi,che nel gouerno del Crtdia nefimo, & delle determinationi delle cofe della fede Iddio non guarda a tante lettere, ma fi bene all’ufficio, che fua mae dà ha dato ?

Quedo è,chehà condotto nell’erefia la maggior parte di quelli fra uoi altri,che fanno il madro fra gli eretici, che ha- uendo lettere,& fidandoli nella cognitiorj delle cofe,fono da ti abbandonati, & accecatici che fi uerifica il detto dell’A- podolo, Dicentes fe effe fapientes, fluiti fadìi funt, &c.

Et Crido dice, che Iddio nalconde i fuoi fecreti a i dotti. Nè qui ini dar’ a dire, che alcuni Papi habbiano errato nella, materia della fede,percioche io te lo negherò a buona faccia, & tu farai poi imbrattato a douerlo prouare,come altre uolte ancor ti è incontrato con quell’altro ualenf huomotuo com-' pagno,di Brentio,che elfendouici medi, nondimeno nè l’un nèraltroadèguiderimprefa,comedottiffimamenteti fa ue- dere colui,che hai tanto in odiojperche non fi confa co ituoà codumi, l’Olio,dico,in tutta Europa conofciuto, & confedà to per il riuerfo di quanto ti sforzi di uolerlo dipingere. Im^ par a aduque a ragionar delle perfone d’altra maniera* che fin

qui [p. 69 modifica]■ contra il Verger io » : 6 -$>

qui non hai fatto,che fé non fai,ti farà meglio il tacere, & lè- pelirti tra morti,che uoler aprir la bocca tra viui, che hanno orecchie. Hor ueniamo ad altri palli.

Si difpera quella buona perfona. che nella Indittione fi ri cordi ai Vefcouiche debbiano uenire al Concilio fotto le pene contenute ne i giuramenti,onde coli fcriue,

Dice poi l’Indittione,che quelli Vefcoui,& Prelati deb- verg» bano venirci lotto le pene contenute ne i giuramenti 3 che han fatto. ”

Et conVhuomo pieno di Icropuli & pieno di carità uerfb i pp 0 t. il Tuo proflìmo,con farli il fegno della croce grida feguitàdo,

Giefu, quanta poca confiderationc, d’hauer riuocato in Yer & c * memoria a gli huomini quelli bei giuramenti.

Vedete con quanta carità,& con quai parole piene di de- ” ^ # uotione faccia amoreuole ufficio in corregger la prudenza " nollra. Ma udite meglio.

I Prelati in effetto fpauentati dalla potenza de Papi, fo- Vog. glion promettere có ftrettiffimi giuramenti,di uenire a i Con j» cilij, quando ui faranno chiamati, &diffendere il Papato, & j> condannar gli eretici:& non è dubbio,che ciò non uogliadi- » re,che promettono di uenire & diffinir le controuerfie elfi me defimi fecondo la cofcienza loro, & per quel che fanno, &c* >>

Hor qui una parola fola òVergerio,perche non me la fcor i polito 9 dalli; & le tu hai giurato altre uolte di diffendere il Papato, & condannar gli eretici,& non è dubbio,che ciò non uoglia di- re(fecondote)chetuprometteuidiuenirea diffinire le con trouerfie tu medefìmo fecondo la tua cofcienza,& per quello che ne fai. Per qual cagione dunque non uieni tu ora al Con- u verger, per cilio a far tutta quella imprefa ? Perche non diffendi tu il Pa- giuro. pato,e diffinilci le controuerfie intorno a quello, fecondo la tua cofcienza ? Fai forfè tafufficio tu in quelli tuoi fcritti,det¬ tati dallo fpirito infernale ? Ma mi dirai forfè,che quelli giu¬ ramenti furono fatti per fpauento della potenza del Papa, & io ti dico,che ella non ti fi crede,nè meno può effer uera. Per ciò che come ftà 3 che tu babbi giurato di far fecondo la tua

cofcienza* [p. 70 modifica]7 o %iJf?ofia di Bonn* Ippolito

€ofctenza,al modo che eonfelfi,che qui s’intende per fpauen to de’ Papi ? Adunque fé tu non eri fpauentato, hauereflì friStd cfbref» giurato di far tutto il contrario della tua cofcienza, poi che fa del Verg. qui tu dici, Che non hà dubbio, che quelli giuramenti fac ti per ilpauéto de’ Papi,nò s’intédono fecódo la cofciéza,&o Ma dimmi di grafia,& da chi fodi tu coli fpauentato a do- uer giurare? Come non lalciafti tu piu tollo di elfer Velcouo, che giurar per forza quello che olferuar non uoìeui ? Deh, co me 1?i tu fuor di fenno a crederti di poterla dar’ad intendere ? Noi lappiamo,che tu ftelfo, affermàdo con la penna, contra¬ dici con la mente,& tu lai al fermo, che quella non è buona coperta di difenderti dallo lpergiuro;& con chi penlì tu di ra gionare ? non fanno i Vefcoui,fe fono flati sforzati, o nò a pi? gliarilVefcouato,&giurar perifpauentode glihuomini<‘& a te chi pofe mai le mani alla gola, ouero il pugnale, sfor¬ zandoti a pigliar il Vefcouato di capo d’Iftria,con quei giura- mentijche Ora qui uai inculcando ?

A quello tu aggiungi, che il Papa nò la intende per quello uerfo : ma dice,

Vtrg. Voi hauete giurato di uenir ai ConciIij,& di douer còdan-

« nar gli eretici. Adunque uenite uia,& códannatemi quelli fen « zacurardifapernealtrojcheiouelocomandoj&c.

I fpolito. Di grafia, Vergerio dimmi fu qual lato dormiui tu, quando

ti fognarti cotai dicerie, & in qual Indizione hai tu letto quer stile de glicrc fte,o limili parole? Coli fate uoi in tutta la dottrina uoftra, tiri. che quato ui fognate, lo fcriuete come cofa del puro tefto dal

le foritture cauata. Non ha bifogno il Papa che i Vefooui uen- gano al Concilio per condannarui, perche uoi altri eretici fic T U.$. te dal proprio uoftro giuditio condannati, (come dice l’Apo- •

■L'eretico è co ft 0 j 0 ) & Iddio è quello , che fottoferiue la fentenza . Et tanto danaio dal prò men0 q Ue ft 0 è bifogno in uoi,quanto liete già tanti focoli co- pria giuditio. ^ annat j nC gjj a ] tr ] antichi eretici ; & però non bifogna , che il Papa fi affatichi co i Vefcoui in efpedir quello,che già tanti fe coli gli è flato Ieuato dalle Ipalle, come già Ipedito. Tu gridi poi,& efclami con direj

O mondo [p. 71 modifica]cantra il Vergerti . 7 1

O modo rifuegliati, & nó ti lafciar piu menar £ il nafo, && verge.

Veramente che dalla bocca tua non poteua ufcir altra for- lpf>° te di efclamatione, che quella ; per la quale doue Crifto non attende ad altroché a fopire, & ad uccidere il mondo per in- tródur la uerità di fé fielfo (a gli umori mondani al tutto con¬ traria) tu al contrario lo chiamalo ecciti,& rifuegli, perintro dur meglio l’erefia ; ufficio ueramente degno de tuoi pari, de quali cofi fcriue S. Giouanni. Multi pfeudoprophetas exie- i .10.4, tunt in mundum : & poco appreflò,Ipfi de mundo funt, ideo de mundo loquuntur,& mundus eos audit. Ma andiamo piu oltre,& auuertiamo,ciò che faccia quello ualent’huomo,uo- lendopur dar delle cinghiate al Papa nello fcriuer fuo, on* de dice, , . x . .

Et perche doue è mentione di giuramenti,ui e anche men- Vergere tione degl’impedimenti,che potelfero hauer i Vefcoui, di no ?» andar al Conditegli è da fapere,che non farà hauuto per le » gittimo impedimento, fe alciino non fàprà lettere di alcuna » forte,ne facreme umane,come ne fono molti,che non ne fan- 3 > no ftràccio. Conciofia, che il Papa non tien conto, fe fieno 3 > ignoranti,ma fidamente uuole, che feruano con la gorgia, & 5* lingua, & dicano, come egli uuole ; nel qual cafo balla ogni 5 > Vefcouaccio,&c. ” ..

Quelle parole haurebbono bifogno dì gran commento,fe ipf non fulfe,ch’io non uoglio far troppo onore a collui, al quale parmi anche di hauerne fatto troppo fin qui, rifondendo ta¬ to diffufamente,come ho fatto alle fue ciarlerie. Ma ogni co- fa fia per li poueri femplici, a i quali uorrei giouare,& non per ,

ltima,che mi faccia di cotal illrione, che di palfo in palfo rii! J: *

uà rapprefentàdo nuoua perfona,& a guilà di Cameleontc,fi 0

Ma mutando di colore. Voi uedete quanti personaggi ui hab- biarapprelèntati fino a quell’ora, cò tutto però,che nó fi foof di mai del principale,che è di huomo feditiofo, come ancora : . , adelfo,vellitofi da corrieri, il qual lia corfo per tutta Italia, & Comm, jper tutto il mondo ,& fappia quai Vefcoui fi fieno fcufati, & quai nò 3 di andar al Coneiiio 3 & quai fieno dotti 3 & quai ignó Jiuy . 4 ranti 3 [p. 72 modifica]7 % %J}>dfia di Bonn Ippolito

rati,&- di quali il Papa habbia accettato le Icufe , & diquai no l’habbia accettate .Tutte quelle cole fa il Vergerlo, & perciò qui dentro le fcriue. Ma a far poi che gli folfe creduto quella che fcriue,bifognaua ( come fi dice ) che egli haueflè miglior uoce,di quella che fi habbia nel capitolo de'frati. Or fu, có pò che parole io me ne dilpaccio. I concili] o Vergerio,ne’quai fi trattano le cofe della fede,& fono congregati da chi può con gregarli in uirtu dello Spirito fanto, non hanno da andar per, quel uerfo,che uanno gli altri Cócilij degli huomini, & fona congregati con Ipirito umano. Balli, che ne i Concili] della chiefa ui fieno huomini fedeli,infirmò nella fede,& conforua tori di quel tanto, che da gli Apofloli fina noi fi è mantenuta fempre. I quali riconofcono la uoce del loro pallore Crillo,a A fa celebra* loro familiare, e domellica. Iiche non fi fa tanto per la fottio- tìon de Conci ne della fcrittura, quanto per la elpofitione , o uogliamo dire iijpiuftneer• tradditione della Chielà; che coli l’elpone a’fuoi fedeli, di ca ne i ve fruì man iera che,poniamo che gli eretici habbino fempre allega^ U cogmtione, t0j & prodotto il telto delle foritture,non perciò a loro è fiata ì raddutoifebe P rc ^ ata fcde,fe non focondo il fenfo ; che la tradditione del- UfcietU delle ^ Chiefa ha portato all’orecchie de’fedeli,& tu fa & dùquan fritture. t0 nuoi,con tutti i tuoi cóplicfche quella è una ueritàja qual

non ha replica. Il che elfèndo,com’è in effetto, allora fi dice, che a i Vefcoui non importa per cagion di làpere le rifolutio- ni,che s’hanno da trattar nei Conci li], il làper tante lettere, balli il faper tanto,quanto importa il credere, per cóto di que fla parte,che quanto ad altre colè,ne i Concili] accidentale te trattate, fi là, che non mancano perfone, che pollono dar conto a tutto il mondo di ciò che uanno cercando, che le tu noi credi, uientene uia il primo a farne la pruóua, & tu lo ue- drai. Et a fine che ciò, che ho detto, fi chiarifca meglio alla prattica, io dirò ciò cheoccorfe nel tempo della Ièlla finodo Concilio 3 .Co uniuerfafojche fu la terza Collantinopolitana. Douendofi far frantine# . quella Sinodo,la quale fii conuocata fotto Papa Dono,& in¬

cominciata lòtto Agatone,& poi finita fotto Leone fecondo l’anno xi.di Cofianfiuo Quinto del 6 81. centra i Monoteliti

Se quella [p. 73 modifica]i, 'cantra il Vergerlo 7$

cioè,a quelli, che affermàuano una fola uolótà eflcr in Grido,

& quella fi chiama Sinodo fatta in Trullo,cioè,nel fecretario, coli chiamato,dell’Imperiai palazzo di Coftantino. Ora,per tal Concilio Flauio Coftantino Quinto Imperadore fàpédo, che lènza il Papa non fi fa Concilio che uaglia,fcrifie a Dono Papa ; pregandolo,che gli uolelfe mandar huomini utili,mo¬ delli , & pieni di cognitione di tutta la dottrina infpirata da Dio,& periti irreprenfibil mente de i dogmi, uefliti della per- fona delfApoftolica fède,& del fuo Concilio:! quali portafic ro i libri,che bilògnauano efièr prodotti,& hauefièro ogni au torità di poter trattar le cole,che erano in cótrouerfia, & mol t’altri particolari fcriue quello Imperadore, che non e qui al propolìto di raccontar tutti. Ma perche Dono Papa era già morto allarmar delle lettere, & Agatone era fuccdfo in fuo luogo,perciò rifpondendo Agatone a tutti i particolari nella H**®* lettera contenuti,rifponde ancora a quello di fopra da noi re¬ citato^ dice,ch’egli manda alcuni,i quali ua nominando ad un ad uno, Vefcoui,Preti,Diaconi,& fottodiaconi della (anta Rmum

madre fpirituale Apoflolica lède,infieme con Teodoro prete cì} iefa madre della chiefa di Rauenna; Sc altri religiofi ferui di Dio Mona- chi,con la diuotione delle fcritture,del cuore, confidato piu tollo nella ubidienza,che deuè al Signor Dio, che nella fuffi- cienza,& peritia,che coftoro s’hauelTero. Conciofia cofa(di- c’egli)che appreso d’huomini polli tra il mezo de Gentili, & che con le fatiche del corpo uanno ricercando con lamino dubbiofo il uiuerloro,non fi potéua ritrouarea pieno la (cren %% delle fcritture,lè non quella,che regolarmente da i fanti &

Apoftolici precettori^ da i cinque uniuerfali Concili), fiera dimnita,con femplicità di cuore, & la quale lènza alcun dub¬ bio da i padri era data, come colà di fede, la qual confcruaua- no defiderofi & fìudiofi di quello unico,& (ingoiar bene ; che niente delle cofe diffinite regolarmente, fi fminuifiè, fi mutaf fe5o accrefcdre,malemedefimecofe,& con le parole, & coi lenii fodero eullodite da loro inuiolabilmente.

A quelli coli mandati hauriano ancor dato alcuni teflimo-

K. nij [p. 74 modifica]7 4 7 {iJpofia dìDom'Jppoiito

nij de’padri,i quali l’Apoftolica chiefadi Crifto riceuc Col# bri loro;accioche quàdo haueflèro hauuto la facoltà dall’Im¬ peratore di fuggerire,o di proporre nel Concilio,fi sforzaflè- to di fodisfar folamente col mezo di quegli Umilienti a loro La Romana preferirti, quando llmperial manfuetudine,cioè la benignità' chiefa madre dell’Imperatore, comandaflè,che efponeflero tutto ciò, che spirituale del ^ft a Spiritual madre loro,& dell’àpio Imperio da Dio aggrà* timperio gru dito, Apoftolica Chielà di Crifto creda & predichi, fenza ufà de di Roma . fe f eC olar eloquenza, la qual non ha parte co huomini idioti, ma con la fincerità dell 5 Apoftolica fede, nella quale elfendo fin dalla culla flati ammaeftrati,pregauano tutti, che con eflò lorouoleftèro feruire finali’ultimo della uita al Signor del Cielo,& propagator del Criftiano Imperio. L auttorità poi, che quelli haueuano apprettò ^Imperatore, era difodisfai? £■A t " - ! : femplicemente a quanto la fua clemenza comandaflè di quel che a loro era flato cóceffo,di maniera, che niente haueuanoi d’accrefcere,{minuire,o alterare, ma seplicenlete da narrarci 5 - •• :• & proporre la tradditione dell’Apoftolica tedia,fi come dà

predecettòri (di Agatone intendi) Apoftolici Pontificherà ftà ta ordinata,& inftituita.Et poco apprettò dice, Non enim no* bis eorum feientia confidentiam dedit, ut ad pia ueftra uefti* già auderemus eos dirigere:fed hoc Imperialis ueftra benigni tas clementer iubens hortata eft,& noftra pufillitas quod iùP fum eft,obfequenter impleuit,&c. J

( Tutte quelle cofe,& altre fimili nel reftante di quella lette ra{criue Agatone Papa in Coftàtinopoli all’Imperatore. Dal le quali fi moftra chiaro, che non fi ricerca ne i Concili] tantà’ Tre auuerten- fottigliezza, & cognition di lettere ne i Vefcoui mandati. ò «e neUe parole Secódàriaméte fi moftra,che in tal cafobafti lelFer inftrutti? di Agatone . nelle traddition de Padri, conferuate nell’Apoftolica Chic-» fa & Romana, (chiamata qui madre ) nelle cofe della fede. » il Papa tega i Terzo fi moftra,che a i Vefcoui fi prefcrìue da i Papi l’aut- 1

vefcoui che torità,& facoltà,chedebbono hauer nei Concili;,imponen-' mi Concilio jì } oro c ]j e n 5 facciano altra terminatane nelle cofe propo-

ntruomo . p er cagione della fede,fuor di quella,che da gli antecedo[p. 75 modifica]V. cwtta il Vergerlo ' 7 j

r! fiiòi,fecondo la tradditione,già fi è fatta.Onde fi uede nella fteflacommiìfione data ai Legati, &Vefcoui,& a Monachi mandati a quel Concilio,contenerli dentro tutto ciò, che già haueuanoi Padri rifoluto d’intorno a quello, che nel Conci- ' lio fi trattaua,& in Roma fi credeua,non ottanti l’opinioni co» trarie.il perche fi allega firn Dionifio Areopagita,Àtanagi co tro Appollinare,Ilario,Cirillo, Ambruogio,Agoftino,Grego T radditiotd <k rio Nazianzeno,Leone Pp. Gregorio Niceno,&c.Per la tra- ditió de” quai Padri uuol’il Papa di ql tépo,che i Tuoi Vefcouì mandati habbiano da rifoluere le controuerfie, non fi dipar¬ tendo puto da quello,che nella cómiffione haueua dato loro. c Se adunque il Vergerio non fa lo ftile de Concili). & le nc cesarie qualità di chi ni fi ha da ritrouare,ben haurebb’egli ogniragionedi nafconderfi per uergogna, hauendo hauuto ardire di riprendere iVefcoui al Cócilio conuenuti, di colà, che è fuori di tutte le leggi & ordini a tal materia neceffàrij.

Del retto poi che il Vergerio penfi di dar una sferzata al Papa per dire,

f n quanto poi la Indittion dice, che il Papa uorrebbe, che Vergerti gli Re,e Principi douefièro in pedona poter efièreal Conci- „ lio,o che almeno ui mandafiero per Ambafciadori huomini „ pij,graui,e prudentficio è detto in modo, che no puolfi da chi », intende la caufà,dir altro,fe non che gli habbia uoluto ingan- „ nare. V’è la legge fatta d’intorno alla celebratiò del Cócilio, „ la qual comanda che i foli prelati debbano hauerui uoce deci „ fiua,cioè,podeftà di douer giudicare e diffinire; ma che i Re,e „ i Principi non debbano hauerla, ma fittamente efièr affittenti, „ e Ipettatori della Comedia,e Papa Giulio terzo nella fua In- „ dittione la difiè fuora da buon compagno ; che douefièro efi „ fer folamente affìftenti, ma chi legge la Indittion del moder- „ no dafiì ad intendere,che gli Re,i Principi, e grAmbafciadori „ che fiano pij,graui,e prudéti,debbano poter anch’efii dire l’o- „ penion loro,come farebbe il douererma ciò fi è taciuto,& dif- fimulato galantemente (per ingannar com’ho detto)e dar ere „ dito al CQncilio,e paia,che gli Re, e Principi piloro Amba- „

•>•••* à I a feiadori [p. 76 modifica]j & ^RìJJtòjladiDorw' Ippolito

ff fciadori ui fieno per hauer luògo nel deciderete pur non l’hà* <c ueranno,ne giouerà loro la prudenza,la grauità,e la pietà,del <c la qual fofièro ornatiffimi,perche quelle belle doti, non fono “ ftimate ne’Concìlij,fe non uè Mitra. ìppolito. I n tutte quefte parole,che altro fa coftui,fe no l’ufficio del¬

la ranafcome fi dicejche morderebbe fe hauelfe denti? & chi ha dubbitato mai di quella uerità, che có tutto, che gli Impe ratori. Re,e i Principi, o altra forte d’huomini fenza ufficio ec Biutto P rìnci cléfiaftieò fottero prefenti o affittenti al Concilio, & fi forto¬ re ha dato mi feriuelTero ancora,non perciò mai per alcuna età fi legge, che noto doniti = deiTeì'O il uoto diffinitiuo, ma confultiuo,ouero confirmatiuo no nel Qocìlio. & approbatiuo Par quali, che pur’oggi s’incominci quello ballo,& che i Principi mai piu non le ne fieno accorti, iquali però in quella parte tenerebbeno a fcuola il Vergerlo con tut Sii complici fuoi.Legga un poco i Concilij,cominciando dal Nieeno,oue fi ritrouò Coftantino Magno,& uegga, fe pur da ìiiun di loro fi può hauerne ancor ombra, che i Principi affitte Contino ma ti dettero il uoto decifiuo. Bé trouerà egli che Coftantino fe-i gno [ed$ua da ne j Concilio doppo i Velcoui,& che hauendo prima da poi Vejc'oui . ] orQ dimadata licenza,leder uolle;& trouerà,che gli altri Im- peradori,che ne’Concilij fi fon ritrouati, fono fiati per udire , & non per intrometterli,fi com’ha detto chiaraméte nella fua Cotews v. lettera Coftantino Quinto, che di fopra, poco fa ho ricorda-*

. ta ; oue,tra l’altre cofe,afficura il Papa; ch’egli non fi tirerà ne dall’una,ne dall’altra parte,ma fe fi accorderanno infieme, là- Conc. in. co rà ben fatto. Siquidem utrique cóuenerint, ecce bene ; fcri- ftantinop. ue etto; Sin àutem minime conuenerint, iterum & cum omni . humanitate eos,(cioè,i mandati di Roma) ad uos dirigemus * Et poco ftante Soggiunge, limitare,& rogare poftumus ad o- mnem commendationem, & uniratem omnium Chriftiano- rum ; neceffitatem uero inferre nullatenus uolumus. Che le i’Imperadore hauefte penlàto di dar’il uoto diffinitiuo,nó hau rebbe detto,Siquidem utrique conuenerint, &c. Ma haureb- be detto,Siquidem conuenerimus ; ò limili altre parole,met¬ tendoti anch’egli per la fua parse * Ma perche làpeua > che l’uf[p. 77 modifica]contraìlVergèrio . 77

fido fuo non era d’intrometterfi ,ma di lafciare, che fra loro A Vcfcomfo* Vefcoui, & Prelati ladecidefiero ; & poi decifa che fofiè, di U cr Prelati fi accodar fi anch’eflì alla fentenza loro,difendendola, & fiotto- 1

fcriuendola come difenfore. per tanto non difie altro, chele * parole qui raccontate. Et io uorrei, che hauefte almen rifpet- J L ‘ Imperatore to noialtri,che ui mettete la giornea pedantefCa indofio pet edi jfi n f or de \ «degnare a ragionare al Papa, a i Cardinali, & anco piu in fu» concilio* feuiuien fatta ; uorrei,dico, eh almeno rifpettafte i Principi*

& Signori temporali,de’quali folo moftrate di fare ftima(mer tè che hanno il bafione)quando ragionate de’ cafi loro, & nò penfarui,di uoler ch’imparino da uoi ad intender quello, che efiì ftefiì tuttauia maneggiano. Credete almeno, che fien tan¬ to pazzi,che hauédo trattato col Papa quella Indittione(par- lo dell’Imperadore & de i Re piu pofienti fra Criftiani Cato- lici ) non lappiano anch’efiì,come s’intendano le parole nella ìndittion contenute? non fono forfè fiati prefenti(có gli Am- bafeiadori almeno)al Concilio di Trento? In fatti,uoi ui met tere troppo auanti, & fiere troppo arditi : ma non mi marauf- glio,che cofi uogliate fcherzar co i Principi del mondo,haue^ do tolto fino a penfaruirdi burlar con Dio,ueftendoui del ma to dell’onor fuo, al quale però liete capitali nemici, & dico guanti fiete.

Ma ecco come quafi un’atto di comedia, che rapprefentaf fe un’eccellente iftrione alla prefenza di 30. Cardinali,a quali col prologo conueniente a par fuo j uolendo acquiftare atten tionedicefiè,

Reuerendifiimi Monfignori xxx. afcoltate poche parole fe ' er & ni piace,& fe ui degnate d’un par mio, &c. _ 55

Non fon quefte parole da un’huomo traueftito nella fee- ” na? ma & che cofa potrebb’egli far di meglio,che cominciar 1

& citarli libro del maeftro delle cerimonie, & borbottare,8c ragionare,& arguire,& rifpondere,facendo uarietà di uoci a guila di coloro,che a Venetia fi chiamano recitanti in calefel la? I quali facendo uarietà di perfonaggi,(efiendo però un fio lo recitante; a niente altro attendono 3 che di muouerle genti a tifo. Hor s [p. 78 modifica]71 ^Kìjjiojla di Dontfdppolito

f ' ' Hor, non fon quelle cofe degne d’huomò grandette fiac-

eia profelfione, di difendere la caufa di Còllo ? & nondime¬ no il Vergerlo qui fa una fi gentil profelfione ? Onde dop- po l’hauer fatte le belle parole co i Cardinali, al fin incomin¬ ciando , cita quel libro,aIIega il luogo oue fu Rampato, il mi! i lefimo,il titolo,in qual parte del libro,& in qual capitolo(ap-

parato veramente grande di uno, che uoglìa, dir niente, ma chefoloragionar uoglia,perdar traftullo,) però entrando dice.

Vergerlo. In un uofìro libro Rampato prima in Venetia Tanno 15.17. cc & poi in Colonia Tanno 15 5 y.che ha il titolo, Rituum Eccle <c fiaRicorum facro S. Romana Ecclefia?, libri tres.nel libro pri “ mo nella fettione decimaquarta. carte 2. fidice( come hò toc <C c ?.? r * ora ) c ^ e 1 1 P' encipi non debbano hauer ne’Con

<c cilij uoce diffinitiua,o deliberatiua. ippchto. Hor quello è pur quello ch’io diceua prima, che la colà è Volgata,& non fi vuole ingannare,& per ciò il libro è (lampa to oue fi pon l’ordine di chi entra nel Concilio con l’autori¬ tà,che hanno. Al che aggiungo,che il libro non uieta, ma dice,che già coli è il collume di tutti i Concili; antichi.Segui ta il Vergerio,che il libro vuole,che per hauer a Ratuir,& dif* finire, ui debba elfer il Papa & il làcro fenato de Cardinali. T Et qui incominciando il primo atto,dimanda a Cardinali, & dice.

Vergerlo. Adunque perche cagione il Papa non ui manda hora tutti

<c al Concilio co i Patriarchi, Arciuelcoui,&c. cc Poi(comes’eglitenerla sferza in mano)ritornacome in

ippoUto . modo di brauar feco,ad efiàminargli,& dice,

ergerlo . ^ sù c h e rifponderete qua ? penfate forfè che balli per fodif-

ipbolito ^ aralla legge,d’hauer fottoferitto alla Bolla ?

  • Et facendo poi un’altra uoce, feguita,

« Se direte,che da pochilfimi in fuora,uoi liete tutti fenzalet «c tere,almeno fiacre,non fia accettata la feufa ; perche per que- cc fta medefima cagione non uifi douerebbeno mandar nè an¬ ce eheiVefcouij&c., .

Et [p. 79 modifica]r contro il Ver gerla . 7$ ,

c ' Et in tal guifacome fe fu Afe un traueftito, che cantafiè là Ippolita, fùacantafauoIa,feneuà feguitando ; corichiudendo al fine con quelle belle premeffè,che la Indittion del Concilio non hauendouolutoefprimere,cheiReei Prencipi non debba! no hauer il uoto diffinitiuo per ingannargli, coli anco hà uo? luto tacere,che i Cardinali debbano àndarui fecondo l’obli- gation loro per far l’ifte(Toi& perciò mollò a pietà > vuole di* fingannargli,& fargli auuertiti del ben loro, & dice,

Dirò quello,che ne hò intefo elfendo a Roma, il Papa non verger io» fi confida de’ Gemelli delle Reuerendilf. Signorie uoltre, & te „ me,che douendo quelle ritrouarfi lontane dal maeltro della „ fcuola,non fodero per ulàrui qualche nouità, riuoltando le „ colèfotto lopra ; con l’occafione di uederfi molti Vefcoui „ d’intorno poueri, & altri, & d eìfer in un Concilio, il quale „ ha polfanza fopra i Papi,& sò,che quella èla uera cagione, „ per la quale al Papa non pare, che fia fìcuro di uoler offeruar „ lafua legge. ^ - , 3»

Etqui il Vergerlo finilce il primo atto , onde farebbe forfè Ippolito » ragion,& gli ballerebbe anco pur troppo,che gli facelfimo là grada, di che fi contentano gli illrioni ridendoli delfuomi- rabirartificio,che ha ulàto nel ragionar tanto fcócertatàriìen* te della propolla materia 5 arte propria di chi fi conduce'à recitar incorai genere. Bella botta è data quella ióue di- bianda a i Cardinali,perche cagione il Papa non gli manda al Concilio. Douendogli interrogar piu tollo,(fè pur non uo- leua farci ridere,ma inoltrar di parlar a propofito) per qual cà gione il Papa non ui uada,conducendo feco,& non fèparan* do da lei Cardinali. egli è anche da ridere, come dicendo il libro quello,che può far il Papa co i Cardinali» ueder’ in che maniera collui l’adduce, come obligatione & carico loro^ che a niun modo fia lecito di trapaliate ò alterare, quando ui ikdeggitimo impedimento-,&-è un bel palio, che elfendo i Cardinali per officio obligati a llarfi col Papà,come fuoi Con fi^lierijcoltui habbiatrattato di uolergli feparare l’un dall’al- tro,mandanda i Cardinali al Concilio^ lafciandoil Papaia ,

<ir ' ipii Roma [p. 80 modifica]S o %ifyofta di Bonn * Ippolito

Roma, & ebe tiro quello,che uià 4 in uoler pervadere,die pur fieno tenuti d’andarui al meno in quanto Vefcoui, come fe tutti i Vefcoui,fecondo il libro, follerò obligati d’andarui fenzaaltra eccettione,& che il Papa non fia padrone di poter gli anche lafciare ftare fenza che uadino al Concilio,al modo che tanti & tanti fi ueggono reftarfi d’andarui con la licentia del Papa: anzi molti di loro intrattenuti apprelfo di fua Santi tà per qualche ragioneuol cagione. Et guarda con qual arte? fi fia ridotto a uoler dir uillania ai Cardinali, trattandogli da ignoranti,& facendo,come le da (è lleffinon fapdTero ufare altra feufa di non andar al Concilio, che fondandoli fopra la ignoranza,della quale però collui s'intende ne gli altri molto meno,che non faccia in fe flelfo della propria. Coli ancor’ in un falcio legai Vefcoui del Concilio,cllcndo però poco dot- tojanzi molto ignorante di quanto è il bifogno ne Concili; s come di fopra ho detto. Al fin poi quando dilfe, che il P a » pa non li fida de Cardinali;con che bel garbo ragiona e°!P Milèricordia,fe haueflè a far con tanti fciocchi,ò goffi,che fa¬ rebbe t Non era quello un bel tratto,di far che ouero il Pa pa dicelle, Non voglio patire, che tal opinione lia di me per conto uollro,però partiteui tutti,& andate al Concilio, per mollrar al mondo,ch’io non mi diffido:& coli fi IpoglialTe de’ Tuoi conliglierijO uero,che i Cardinali dicelTero,Santo Padre & perche non ui fidate uoi di noi altri, lafciandoci andare > Et qui foffiero in diffidenza,ofofpetto,o altro ancor di peg¬ gio . Ma guarda come diffimula leggiadramente, & mollra di non fapere,che al Concilio ui fieno ben fei Cardinali, de’ quali cinq ue fono Legati del Concilio,& capi, dalla cui auto, nta dipéde la fomma di tutte leoofe,& il fello è come padro ne della città,oue il Concilio li rirruoua, tal che può far ciò che gli pare,& pur il Papa fe ne fida,& gli lafcia già tanto rem, pò. Ma che diro di quell’atto che( comenotario ) regiftrò;

egli nell ultimo combiato quando dilfe? b ,

fergerit, Il Concilio ha poffanza fopra i Papi, & sò , che quella èk

u ucra cagione, per la quale al Papa non pare > &c.

Quanto [p. 81 modifica]centra HVergerlo, &i

Quanto inoltra ben d’hauer condderato il cafo ; come fo già mi!! anni hauelfo (tudiato d’intorno a tal materia, & Foflè riddato di forte,che nè Sorbona di Francia, nè il Concilio di Baiiìea,nèciafcuno della opinion di quefti fuffo atto ancori portar gli (cartocci dietro a co(tui:& perciò, oue etti in molte carte,& molti uolumi la uanno difputando, coflui in una pa¬ rola ne ha dato la intera fontenza contra quello che (è ne di¬ cano tanto grandi,& (ingoiar dottori. Ma chi darebbe qui j(àldo con un dm il maedro ?

Ma già che ella ua a chi piu dice,dirò pur’anch'io di quedo fatto due parole,rimettendomi ad altro mio trattato piu lun¬ go, che n’ho fatto in lingua latina. Tu dici, Il Cócilio ha pof fanza fopra i Papi, hor come ragioni tu qui in quedo patto ,cq me eretico,o come Catolico ? fo come eretico; non ti dirò ab tro,fe nò che negando tu il capo vidbile alla Chieda, non è gran coda che tu lo nieghi ancor al Concilio. Però d come o- gni Catolico in ciò ti condanna per eretico,cod qui nè Cardi nali,nè Vefcoui,nè il Concilio ti adcolta.Ma de ancor tu ragia ni come Catolico, tu doueuilapére,chc tal materia è fari¬ na per altri denti che per li tuoi. Et Con tutto che molti dotti & Catolici huomini tengono tal concludone come chiarillì- ma : nondimeno altri,nó men dotti & catolici di loro,fono d’ altro parere ; co i quali non mi riputerò far’ingiuria ad alcu¬ no le foco acconfentirò ancor’io,moflo dalle ragioni, che al mio giuditio nó han ridpoda;& tral’altre una fola addurrò qui in tal propodto. Se ogni Catolico per forza di fede è obli- gato di credere che il Papa da capo uidbile della uniuerlàl Chieda,fopra della quale elfo habbia ogni autorità fpirituale; quanto maggiormente farà egli capo fopra l’untuerfal Con¬ cilio,il qual’e di molto minor autorità che nó da la Gliela uni uerfale?che da da menoloprouo;percioche l’vniuerlàl Con¬ cilio rapprefonta l’vniuerfal Chiela,come il Concilio di Co- ilanza,& quello di Badlea, che elfaltano il Concilio fopra il .Papa,confedano. Or chi nó fa,che il rapprefontante da da .menojcheilrapprefontato^ La (tatuarapprefontaCrilto,&

L Grillo

Ippolito* [p. 82 modifica]8 2 e Rj{j}bftà zìi Bonn'Ippolito

Cnftoèilrapprefontatoperlei, cofidel reftò. Or chi uòrrà dire, chela ftatua non fia da manco aliai della colà per lei rap prefentata ì Coll adunque farà ancor del Concilio, rifpetto della Chiefàuniuerfàle :&perciò, come può effor in alcun modo che il Concilio habbia autorità lòpra il Papa,fé il Papa e capo di tutto il Concilio? non farebbe moftruolà cofà ue- der che il piede, o la mano, o tutto il bullo uolefTe fopraftar al capo / Hor chi comanda, è fopraflante;però fo il Concilia al Papa commandaffo,per forza gli fopraftarebbe, & cofi il capo farebbe lòtto al corpo. Et per tanto, fi come di commi eonfonfo,tutti ; Catolici fi fono rifoluti che niuno debbia, nè poflà giudicar il Papa,il cui giuditio folamente s’appartien a Dio,&ilPapapuo giudicar tutti gli altri,cofiparmi,chedi commun confenfo ancor fi debbia dire,che il Concilio non habbia pofiànza fopra i Paphche altramente non farebbe ue* roquellapropofitiontantofamofàche dice, Nemo iudica- hit primam fedem. Io so che qui hauerò molti contradicen ti^ià che Ialite è in piedi : nondimeno sò anco che niuno tan to temerariamente proferirà ciò che ha profferito il Verge* tio,effondo certo che fubito trouerà gagliardo intoppo, Se quello nofiro Arcidotto ci l'ha fputata fuori come un’affio* ma,che non habbia contradittione alcuna.II che è ben fogno, che ne fa affai,già che non fa la controuerfia in cotalarticolò, o forfè che per efferfi fpretato crede d’hauer tanta autorità con tutti, che alfemplicefuo cennociafoun s acqueti. Ma ^ia che tal articolo ha da ufeire in altra lingua ,& qui non ho piu che tata neceffità di trattarlo,me ne pafìerò anch’io come ha fatto il Vergerio, & oue egli pronuba fcioccamente che il Concilio habbia pofiànza fopra il Papa,Io per le molte ragio mi che mi trono hauere,&per l’autorità di gran Dottori ch’io foguito,dirò. Il Concilio non ha autorità fopra il Papa,men- tre che fia Papa,& non eretico,o intrufolo d’altra forte, che ì habbia priuato del Papato,o no l’habbia lafciato effor Papa- ma è ben tutto il contrario,cioè che il-Papa effondo capo di rutta la Chiefa 3 & fopra di lei haaèdo ogni autorità ordinata i

molto [p. 83 modifica]còritm il Vergerlo

molto piu faràcapo,&hauerà ogni autorità fopra il Conei- lio - Il qual Concilio però non farà fuperfluo,nè uano, ma di neceflìtà 3 & di Autorità graue in tutte le fue rifolutioni. Ma come lìano quelle cofe, a quel mio trattato mi riporto,& tor no al cominciato {oggetto, di feguitar il Vergerio ;

Ma efci oramai fuor di comedia Vergerio, & inoltrati a noi nella propria tua forma, accioche ogn’un ti uegga,&ti riconofca in faccia,& ti oda ragionar nel tuo linguaggio, ec¬ colo pronto, Dice:

Ma in propolito di quelle uoci decilìue auuertifcano le S. V.Reuerendillìme, che tra quelle un medelìtno capitolo d’ una medelìma legge non (blamente oflèruali diuerfamente, com’ho detto,ma che un Papa,il quale lia flato l’altro giorno, non s’accorda in colà appartenente a un Concilio, che è gra uiflìma con uno che fia hoggi,cotefto uoftro moderno, chia¬ mando chi egli chiama,efclude tutti quei, che non fono de i fuoirilpredecelToreueramente diffein unafua iftruttione(la quale habbiamo data al Cardinal Caraffa, quando egli lo mandò in Fiandra al Sereniif Redi Spagna)di uoler far un Concilio,nel qual doueflèro eflèrafcoltatiquelli, cheli fono folleuati incontro alla Chielà di Roma(che u’haueflèro uolu to uenir.) Eccoui le proprie parole, Oportunum,& confue tum his morbis a fede Apoftolica prceftari remedium cunótis retro feculis Oecumenicum,facrumque Concilium fuit,quo omnes Grilli Ecclelìae Prelati conuenicntes,habitis mutuis inter fe colloquijs,& difputationibus. Il buon Papa qui la tacq; ,e nafcofe,e ingànando il mondo,dicendo , che i Prelati nel Concilio haurebbeno hauuto a conferir tra loro, & dilpu tar la caufa,(il che è baia, perche ciò non lària loro flato per¬ meilo , fe non da beffe). his etiam auditis,qui cótra eccleliam infurgunt('fiadeflèuoluerint)ea prò eliminandis erroribus accollabefa< 5 latismoribus,qu^ abuniuerfo Crifliano orbe inuiolabiliter obleruentur. No’l dille ehiarilflmo, ch’egli ha- ueriauoluto che i pari noflri foflèro nel Concilio afcoltati?

O galantuomo, & quando fumai altramente, parlando

L 2 della

Vergente

n-

Ippolito. [p. 84 modifica]Confezione del Vergaio della fua fetta, nemica ada S. Chiefa . Pfal.^i.

Pfa. 61.

Bfaia 60.

Apoc. ir* Matt.16.

Vergerio.

8 4 3 Xijpojta di Doni? Ippolito

della derilione", che i Prelati non la decidefiero ?■& chi l’h'au- rebbe loro uietato ? Ma uediamo il refto ; Noi dille chiarità- mo(dici tu)ch’egli haueria uoluto,che i pari noftri fodero dal Concilio afcoltati?Ma doue dice il Papa cotal cofaoVerge- rio? Certo non akroue, che in quelle parole da te allegate, che dicono.

His etiam auditis,qui contra ecclefiam infurgunt.

Coloro adunque che fi lieuano contro la chielà,fono i pari uoftri ? O Dio che gente fieteuoi, che contra la chiefa Ipola di Crifio,figliuola di Dio, Regina che fia alla delira del cele- fte Spole, Aftitit Regina a dextris tuis, la qual fola è il firma¬ mento della uerità,della quale Efaia dilfe,che ella non fareb¬ be abandonata , ma farebbe la interpretatrice della uolótà di Dio, Vocaberis uoluntas mea in ea, &c. nel cui lume,cialcu- no ha da caminare. Quando tenebra operient terram,& cali go populos : fopra della quale ha da nafeer Dio, & la gloria fua,la qual mancar non può, &c. Et uoi altri ue le leuate con tra? His etiam auditis, qui contra ecclefiam infurgunt tu dici,che è chiariffimo che quello s’intéda de’pari uoftricAdu- que uoi liete gente dell’inferno, perche fol quella fi Ieua con¬ tra la chiefa ; come nel Dragone, che perfeguitaua la donna, uide fan Giouanni nell’Apocalipfi, & come accennò Crillo nelle parole a fan Pietro, Et porta? inferi non praeualebunt ad uerfus eam ; & come dille chiaro in altro luogo, Sàthan expe tiuit,ut cribrar'et uos,ficut triticum. Or fe uoi altri liete di tal fatta,(come l’hai qui confelfato elìer chiariffimo ò Vergerlo) chi nó hauerà cagion di fuggirui, di fcommunicarui,& di per lèguitarui ? per tanto dite pur ora ciò che ui piace, che poca gente u’afcolta.

Perche adunque (uai feguitado tu)cotello nollroPio 1 rii. ha opinione cotanto diuerlà, & contraria da PaolomPQue fio uoleua, che folfe fiata data audienza alla parte contraria, & quell; altro non uuole, & forfè che la cofa è di poco momé to ì ella è di tanta importanza, che le Reuerendiffime Signo¬ rie uoftre uorriano piu prefio confegliare ogn’altra cofa, che

s’hauefiè [p. 85 modifica]contra it Verger io . $5

sTiaueffe à farne,che una tale,cioè,che ci fotte permetto, che „ i ualent’huominiji quali fono tra noi,douettèro poter compa „ rire nel Concilio, e in mezo de’uoftrì Vefcoui, tadem aprir la „ bocca,e dir fuori quello, che hanno Tempre defiderato e defi- „ derano, cioè le ragioni del figliuolo di Dio Giefu Crifto Si- „ gnor noftro,& gittar a terra (come gittarebbeno fenza fallo ) 5 , le uoftre falfe dottrine, qui confitte il tuttoché non ui douef- 5> fimo effer efclufi, & che i uoftri prelati non doueflèro eftèr fa- 5> mi°li,e Ichiaui (come è detto ) ma conferire e difputar da do „ uero ( non fintamente ) fopra quel che i noftri haueflèr detto n {latuire,e decretar infierite con noi fecondo la loro cofcienza, „

& non fecondo quello,che loro fofiè mandato a dire fuora di Roma. Diràqualch uno che i Papi ciò non acconfentiranno }> mai. Credo, & noi mai cófentiremo a Concilio,nel qual non , s dobbiamo interuenire a far la parte noftra. adunque no hau- 5> rem mai Concilio,fin che i Papi hauran tanta potentia,quan- 55 tahanno. _ r j»

Tutto ciò ti finiega Vergerlo, come di huomò alla cruda ipp* contrario & diabolico,ti fi niega> che l’uno fia contrario ah al tro : Anzi diciamo noi per colà certiftìma, che mai non fi truo ua,cheunPapafia fiato contrario all’altro nellecofe della fe¬ de^ nel confermar i fratelli, & quefio è uno de’ gran miraco li,che nella chiefa fia mai occorfo, che poniamo che in quan¬ to huomini,dinari] paelhdi diuerfi ceruelli,& d’umori contra rij fi fieno ritrouati; nondimeno come fono Papi,tutti dicono Nmi rifteifo nelle cofe della fede, ne mai alcuno fi è dipartito dal ba cStr ^ dett0 uero,per contradir all’altro,dellaqual cofa fi gloria ad onor di a u’ d i tro i„ m Dio Agatone Papa nel Conciliò fèfto uniuerfàle,che fu il ter tCY i d a fide. zoCoftantinopolitano, con dire aìllmperadore. HLtc efi conc.m. Co Apofiolica,atque euangelica traditi©, quam tener fpiritualis Jìtntinop. ueftri feliciffimi Imperi] mater Apoftolica Chrifti ecclefia,

Htec efi mera confefiìo pietatis. Harc efi enim uerae fidei re- gimen,quam in prolperis & in aduerfis uiuaciter tenuit Apo- fiolica Chrifti ecclefia, qua? per Dei grafia a tramite Apofto- licaetraditionis nunquatn erralfe probabiturj nec hceretieis

nouitatibus [p. 86 modifica]Altro è che U retìco fid udi¬ to : altro c che egli habbia uo to.

ICdt olici hdtt no anch’edita ti dotti quanti gli eretici , i quali però non hSno uoto nel Concilio.

8 6 'Ribotta di Donjf Ippolito

nouitatibus deprauata fuccubuit, quia di< 5 tum eft Petro, Ego prò te rogauijUt &c. Hic dominus Petri fidem non defutura promifit,& cófirmare eum fuos fratres admonuit,quod Apo- ftolicos Pontifices (mea?exiguitatis prcedecdIòres)confiden ter feciffe femper cunólis eft cognitum, &c.

Or uedi, che i Papi non fi contradicono nel credere, & nel confirmare i fratelli : però fi come Paolo ammetteua,cofi Pio ammette,che ciatèheduno uenga & fia udito,& che ciò fia ue- ro,gia di lòpra te l’ho detto; & tu noi puoi negare,che per ciò inuntijfifienodaPio mi. mandati per tutto,& matèrne da uoflri principi,& è colà chiara. Ma guarda a non ingannarti, anzi ad ingannar altri, che per eftèr uditi tu intende!!! dar uo- to,pche fe coli l’intédi,già riho chiarito, che nè Paolo mi. nè la ragione,nè la prattica d’alcuna forte uuole,che altri,che i chiamati dalla Indittion di Pio c’interuégano. Di che di Co- pra ho aliai detto. Et perche ti pare Erano, che i uofìri dotti fieno efclufi dal dar il uoto ; ricordati, che oltre a Vefcoui, & Prelati,habbiamo ancor noi de’dotti,quanto uoi,& nondime no entrando i Vefcoui(che tu chiami ignorati)refiano di fuo¬ ri i noftri dottane però contendono,o fi lagnano,làpédo(co- me più dotti de uoftri) che quello uuole l’ordine, che fe tutti i dotti fodero chiamati a dar il uoto loro,non fi uerrebbe mar in capo di fare fcrutinio, poi che ciafcun che facefle del dot¬ to,uoleflè concorrere,& fe fofiè elclulò,fi dolerebbe, & i ipu- tandofelo a uergogna,farebbe fcifma. Non fono dunque i Pa pi,che nó uogliono ; ma c l’ordine,& la ragion chiara, la qual tèmpre è fiata in prattica.

A quello poi, che con Ipirito di Lucifero tu proferifci coli oftinatamente della oftination uoftra, che hauete di nó uenir mai al Concilio,fin che nó intrauenirete a far la parte uofira di co,che farà ciò che piacerà a Dio;& fe non uorrete Conci¬ lio,hauerete difcordia,& guerra eterna,& non farà quella i'in tention del Papa;ma farà l’ofiination uoftra,& malignità d’a¬ nimo . Ma quando non uorrete far altro, che la parte uoftra, non farà chi ui difilica a ina ciatèun u’haucrà cari, & con carità [p. 87 modifica]t lontra il Vergerlo ' 7 8?

ifmceuerà : ma Te credette d’introdurui,& fubito metterle co fe in alteratione,& difordine,metter nò, che non ci intreretej Et perche la tua conclufione dice nel fine 3

Adunque non hauremo mai Concilio 3 fin che i Papi hau- ver#, ranno tanta potentia quanta hanno,&c* „

1 O pouero te,& tuoi pari,che (è non haurete Concilio mai, nè mai entrerete nell’unità dello fpirito conciliatore. ippol

Ma per tua fe che penfi tu qui di dire è Forfè che il Papato fi debba dittruggere? Se tal colà penfi,tu fei molto lontano dal partito. Sappiamo il tuo animo, nè piu occorreua 3 che tu ce lo faceffi intendere, & quefto tuo penfiero è l’impeto 3 '

che fa Tinfernal porta. Ma lappi,che non preualerà, nè può preualere,& per chiarirti col teftimonio de tuoi fletti, ricor dati,che Martin Buccero,uicino alla morte in Inghilterra, oue lafciò l’otta,ricercato dal Re Odoardo,ò almeno da fuoi Conf cfiior*

agentijche alianti la fua morte gli douettè lafciar per memo- & Martin bk# ria qualche rimedio di poter diftruggere il Papato,rifpofe,Se * cro • dittruggeretc Crifto, diftruggerete il Papato. Lo ditte que¬ fto federato huomo, non per uolontà che n’haueftè, ma per forza di quella uerità,cheuince il tutto jpoteua dire anco quello che l’Apoftata Giuliano al fin della fua uita fu coftret- " toa dire ; cioè, Vicitti Galilee;& parlaua di Crifto. Giuliano Apo

Coli Crifto uinfè nel fine l’oftinatione diBuccero, non men cattiuo, che Giuliano,& perciò gli ftrappò dalla feelera talinguaqueftauerità. Chi penfa di diftrugger il Papato, deuep<mfarfi di diftrugger Crifto: perche Crifto, & il Papato u uanno infieme per ordine di Dio, nè fi può (piantar uno, che ri ^ mmo non fi fpianti l’altro:& chi penferà di far Concilio lènza il Pa pato,penferà di farlo lènza Crifto,& però de’ pari uoftri, & de’ uoftri conciliaboli fi dice da’ noftri padri,

Eretici non habent Criftum,& omnes Eretici negant Cri Agofl. ftum in carne uenittè.

Potete ben uoi con la bocca far profettìone di criftiani ri¬ formati,come u’andate uantando (con richiamo però efpref fo de cottami, della do ter ina 2 & della uita uoftra) ma non pe- c ( 0 ^ no Cr j

™ ftg B [p. 88 modifica]8 8 %iJf?ofia dì D-onrt Ippolito

rò hauete Grido uoi,la cui fpofa odiateci cui corpo perlcgui- tate,& il cui Vicario difcacciar uorrefte.

Seguita poi il Vergerio,inuolgendo parole, & rep! icando riftcffolcma aggiunger colà di nuouojpercioche pur fi ua do lendo del Papa,che non gli chiami nella Indizione, & che ‘ non uoglia,che fi alcolti la parte contraria,& tanto piu fi duo le,quanto che contrafa all’ordine del Concilio quar to Car¬ taginese,ou e ftatuito,che i Vefcoui debbiano lafciar di leg¬ gere i libri de* Gentili, & legger con diligenza ilibri de gli Eretici,& cofi dice:

Vergerlo. . Et perche ho detto,leggendo quei libri,che par loro piu a

“ propofito,chinonsà,chequefto è neceflariflìmo, maflìma- tc mente ad un Vefcouo, il quale debbia far giuditio,d’una cau <c fa,che è di Grido,& con buoni, & folidifondamenti,condan-

Ct tiare,(s’egli hà da condannare)quei che fono nominati, &fo

v.. , . Ct no in effetto Eretici, anzi ce ne un decreto del Concilio Car

. “ taginefe quarto,ou’è fiatuito,chei Vefcoui debbano lafciar

tc di leggere i libri de i Gentili,& legger con diligenza i libri de “ gli eretici(cofi ci chiamati noi,& hanno il torto)quàdo è tetti “ po & bifogno,& quello canone è regiftrato nella diftintione

  • ' uigefimafettima .C. Epifcopus. Ecco le parole jppriejEpilco

t£ pus Gentiliumlibros non legat, Ereticorum uerò perlegat “ prò neceflìtate,aut tempore. Et nondimeno il Papa contra te l’autorità di quello Concilio dice,di non uoler,chefuoiVe-

“ feoui leggano cotai libri. Non è quella tirannide ? Ma s’ « egli vu< 3 ,che in effetto i Vefcoui diano in Trento all obedien <c za,&proferir quel tanto,ch’egli comanda di poftain poda,

<c non quel che fentono in cofcienza,egli ha ragione,che ado-

“ gnimodo tanto è a leggere, come a non leggere quando Y « huomo non ha da feruirfi di quello che ha letto, ma di quello “ elicgli è dettato,& foffiato nell’orecchie.

I tbotito. Nelle quai cofe non fi fcuopre altro di quedo fuor ufcitó,

..che quanto di fopra s’è detto, inuentioni,bugie, & maldicen ze,con peruerfità d’animo : concio fia co là,che uno de mag¬ giori deiìderijjche s’habbia il Papa,è che coftoro uenganoa [p. 89 modifica]centra il Vergerle 9

dir la ragion loro,come di (opra ho manifesto, & non è al¬ cuno in Trento de' Prelati,che non poflfa leggere quanti libri d’eretici gli pare,& piace,& di quello ce n’auuedremo uenen doli alla pruoua. Che poi i Vefcoui debbiano rilòluer fe- condo la colcienza,o contra,non è alcuno,che non riconolca di qua la diabolica lingua,che ragionarattefo che(non confef landò eglialcun di lorojardifce di uoler giudicare la lor co- fcienza,la quale (da Dio in giu)non può edèr giudicata, fé no da chi la tiene entro ferinchiulà. Salta poi ad un'altra bugia,

& fallita clpreflà,nella qual dice.

V'è poi che a tutti cotefti Prelati uien conceflò libero lai- Vergette, uocondottojilche ècontal galanteria detto, che le alcuno » de’noftri ui uolelfe andare,no haurebbe ficurezza alcuna del- » la fua uita, quantunque ci fieno due làluicondotti del pallàio » Concilio, uno piu forte dell’altro,onde appare che quello ha » da elfer Concilio qualche colà peggio , che non fu quella!- tro,&c. ,»

Doppo le quai cofe rabbuffando i trenta Cardinali’, co- fypoltft* me non habbiano contradetto in quello palio al Papa,per no elferne bialìmati per tutto il mondo,particolarmente firiuol ge a Trento,con dire,che toccaua a lui,per onore della fua cit tà,il che fcriue lòtto quella forma.

E non doueua dire anche a quello palio qualch’uno de i vcrema* trenta, non rompiamo i faluicondotti dati dal palpato Conci S lio,non minacciamo a gli auuerfarij,non facciamo, che que- ”

Ha parte di Concilio fia a peggior condittion della prima, & ” feconda che ne faremo bialìmati per tutto il mondo, & ciò a ” quel di Trento toccaua a dire,per onor della fua città. 5

A quelle coli fatte cofe non polfo dir altro, fe non quello ”i ppotito. dello ch’egli là di meritare,che gli fia detto,cioè,che è pur co là uaga a uedere,come uada coli ben infilzàdo bugie, & l’una Tempre aliai piu nota dell’altra. Chiaro è, che quanto dice rindittionc,tutto è commune fenza alcuna differenza de i no dri,ouero de’ fuoi,& per ciò le a i nollri è concedo libero fal- uocondotto, cofi è concedo a i fuoi. Aggiungo che quando

M ben [p. 90 modifica]9 © %’JJ?ofìa dì Don#Ippolito

ben il Papa non faceflèfaiuocondotto, non importa già che che il il Concilio non fi fa nelle terre Tue, ma aliene, nel qual ca [duo condot* fo balla,che i Prencipi,i quai danno il campo, facciano anco toju dato a4 ilfaluocondottoymalfimamente mettendo elfi la guardia ai /ignori diTre Juoghh&nonilPapa. Onde per fimil conto è fiato eletto Trento,come città neutrale tra i confini d’Italia, & di Germa nia,accio che 1 una e l’altra natione fia alficurata di poterui ue nire,& in tal calo chi non fi fida del Papa(come non fanno gli auuerfarij fuoi,e per quella ragione farebbe anco uano,ch ? e- gli facelfe fàIuocondotto)baftigli,che lTmperador lo faccia con quei di Trento. All’ultimo dico poi, ch’è tanto lonta¬ no dal uero cioche ha detto queft’arrogante, del rompimen¬ to de’ due laluicondotti,quanto fia il dire,che un monte fia di minore fiatura,cheun gran di miglio; con ciò fia cofa che fe gli altri due erano forti per un dito, quello di Pio quarto fia forte per cento braccia;attefo che i Nuntij mandati ad mul¬ targli auuerfarij,hauelTero infieme l’autorità amplilfima, di far qual faiuocondotto gli fofiè ricercato; ma chi di prima botta ricusò di uenire,non è gran colarle non fi curò di ricer¬ car làluocondottoancora .Ma perche non habbia Tempre da rompermi il capo con quello fi fatto huomo, uegga, a chi de gli auuerfarij uien uoglia di uenire al Concilio,per elfer’u- dito,quai condizioni,& ficurezze di faluocondotto vuole da quella fede,ch’io(tal qual mi fia)mi olferifco a fargliele haue- refenz’altra replica ;& quando faranno uenuti, le uorranno poi dir la ragion loro,perche pretendano di hauer la uoce dif finitiua nel Concilio,io medefimamente mi offerilco(talqual mi fono)di far che faranno lòpra di ciò afcoltati, & non faran no ributtati mai,fe non con pienilfima ragione, & faranno ri- spettati,&accarezzati,& anco,le ulàfiero qualche inlòlenza, fopporrati,piu che non faranno i noftri ftelfi.A quello promet tere io m’induco con ogni ficurezza,perche sò, quanto fia il defiderio di ciafcun di noi,che la parte auerfa uenga in cam- po,per poterla chiarire di quello, che fin ora è malamenteira formata del calo nofiro 3 & cauto con maggior’animo m’afli-

curo [p. 91 modifica]unir a ìlVergém. 9 *

curo di dir ciò che ho detto,quàto fon chiaro della pia & fin- cera mente che tiene Papa Pio ini. d’intorno a quello Con alio* Onde d’ogni cofa accurato,non poflo le non raddop piare qui tutto ciò, che ddl’empia, & federata mente del Vergerlo ho tempre detto ; Il quale all’altre lue iniqui¬ tà, aggiugne ancor quella; che da poi che ha ragionato coi trenta Cardinali temerariamente , come ha fatto ,ardilcc con buona fronte di riuolgerfi tutto al Vicario di Crino, lue- cdfor di Pietro, & capo della Chiefa, con dire ?

Seguita che il Papa dice,di nó uoler màcare in cofa alcuna. Vergette» p hauer a finire una coli pia & falcifera opera, & che egli no „ riguarda ad altro che all’onor di Dio, & a poter riducetele ,, pecorelle difperfe,metter tranquillità perpetua, & ripofo nel », la Republica Criftianà. Et qui uoglio rifpondere parlàdo col „

Papa medefimo, già che ho parlato co i 3 o. Pia, & falutifera „ opera farebbe, che uolelle aitar (quanto in uoi è) onde fi cele „ bralfe un Concilio leale,& Crilliano, & quello, che promet- „ tete non è,con un grandilfimo pezzo tale,ma un intrigo,& un „ inganno:all’ora cercarelle da douero l’onor di Dio ; all ora la „ Republica Crilliana darebbe bene. Ma nonlauolete coli in „ effetto quantunque la diciate in parole,dellequali il mondo è „ oggimai làtio,& uorrebbe fatti,& buoni fatti : ma folo atten- „ deteauoleruiconferuarle grandezze del mondo, &le deli- w tie,oraconia fpada in mano ( come credo che penfiate anche „ adeffo ) ora con qualche alluda, & ipocrifia, come è quella „ Indittione. n

Quelle fono tue parole ò Vergerio, & non fo io quali altre Ippolito . peggiori ufarpoteffe un di coloro,che fu chiamato teme di ili m ^.3.0* pera,& figliuolo di perditione; con le quali ti è ballato Pani- Luc ‘ b Io I 7 mo di alfaltare il Grillo del Signore : delle quali al tribunal di Grido ti conuerrà darne conto’, fi com’elle ti faranno rinfac¬ ciate,per tedimonio del colmo della ribellion tua al Signore.

Et che colà promette il Papa di quedo Concilio che non fia leale, & Cridiana : ancor che non fia conforme ad uno mali- gno,& uelenofo animo?& qual pruoua n’hai tu,che quedo fia M 2 un’inganno. [p. 92 modifica]9JH

IZjJpoJìa di Domt Ippolito

un inganno,& con qual giuditio affermi, che dicendola inpa role,non la uoglia poi coli in effetto ?

Et oue hai ritrovato, che Papa Pio con la fpada in mano s come tu dici, habbia fatto, ò habbia penfàto di fare ancora adefio opera alcuna; per uolerfi conferuare le grandezze del mondo,& le delitie ì ou’ha egli mandato effèrcito alcuno, ne pur fatto cenno di uolerlo mandare; che fe non l’ha fatto,per qual cagion lo uuoi tu coli penfàre & fcriuerc, per pervader¬ lo^ glialtri «*Ma tu fai molto bene, che niuno è fi pazzo,che no riconofca da qual forted’arbore nafcer pollano limili frut timon è alcuno, che non fia chiaro quai penfieri fieno i tuoi d intorno alla guerra,per hauer occafione di tentar quella for tuna,che tu adori, fe forfè có tal mezo ella ti poteflè ritornar, onde Fuggirti (& or te n'increfce oltra mifura) di che ho ragio nato affai di fopra; ma qui te lo ricordo,perche tu lappi,ch’io ti conofco,quando fuonila tromba, & dai all’arme : ilche pur , fempre uai replicando,effendo il uero,che oue duole il dente la lingua corre,& per quello feguendo dici,

Verge. Ma molto fonda ponderar quelle parole, Difperfarum

« ouitim redu&ionem. Dio mio,& come ci riducerà quello Pa « pa, s egli non uuole nè udirci, nèinfegnarci, anzi s’egli ha in « animo (com’egli ha)di uenir a tagliarci tutti a pezzi, è quello

“ nducere? DormiuanoiCardinali,ochefaceuano,quando « effammarono, & approuaronola Bolla ; che non uidero quel «<. bel modo di riducerciè

W**- ,, Y £, | 1 'g™'°gra n f 0 <àè lacofcienzapropria,perònonmima

corion del rauigho fe piu uolte ( ancor che tu non l’hauefli mai penfato )

ÌZfnt tg e 0 n l efli d ’ qUi |! pe i° ef,ire “ ritruoui • Di tu ti fei pollo

lumiuo. fra il numero di coloro, che fi lieuanocontra la chiefa,&qui

fenza afpettar corda, da tua polla confefli, effe fta il nume- ro delle pecore difperfe, & con tutto quello infieme con Lu- Efa io eifero,quello che douerefti ìputar fòlo a te, lo rinfacci al tuo

J Pallore ; coli lauerga fi heua contradi chila tien minano;

ecco, che non per altra occafione lèi pecora fmarrira, fe non per eflerti Molto dall ubbidienza di chi f haueua da pafcere;

al qual [p. 93 modifica]centra il Verger io . $> 3

al qual fu detto,Pafce oues meas,&c. Et quando tutto ciò cò felli ( in luogo di ritornare ) tu ti riuolti a dir uillania al paflor tuo,alquale con ogni umiltà doueui ricorrere. Et donde péli tu che nafca 3 che tanto fpelfo tu ritorni a pronoftichi della tua rouina,& de’ tuoi pari replicando Tempre, che il Papa ui uuol far guerra,tien la Ipada in mano, & ui uuol tagliar tutti a pez¬ zi ? Certa cofa è,che quanto per te fia, non hai altro qui, che animo maIuagio 3 come tante uolte ti ho detto: ma fi come Id¬ dio indirizzò le parole di Caifa a buon (ènfo ; che egli pronu loffl, u. tiòcon maluagità di animo,cofi fa qui con teco, che hauedo tu animo fcelerato,col quale bugiardaméte intendi, & ti sfor zi (col metter’innanzi la guerra a coloro, con chi tu ragioni & pratichi)fargli prender l’arme, & anticipar i colpi a rouina noftra:nondimeno da quella tua federata mente, Iddio che caua il ben dal male,ti caua ancor tai parole, per le quali am- monilce i ribelli, che quello Concilio, quella Indittione, & Pronoftico del quello Papa cofi lprezzato,làrà la total rouina di chi non l’ub v«g. deU<t ro bidifee,a quella guila,che Crifto {prezzato da’Giudei è flato de gli ere

anco la rouina loro. Et quella farà quella guerra, quella fpa- tiVtpfr cdgù» da,& quel tagliar a pezzi,che tante uolte tu ricordij&dici che de J C ffo •* tu temi tanto; perche è fcritto, Quod timet impius euenit ^ l “ rc ® * ei,&c. Et fi uedrà poi all’ora fe il Papa làrà quello, ouero la Pr * £>tts j Oo man del Signore,che faccia la guerra,& porti la fpada e ’1 fuo¬ co, & che tagli a pezzi.Qui ti dirò ben una parola,ch’io temo affai, che uoi altri non finirete il giuoco che hauete incomin¬ ciato nella Francia & nel refto : che sforzerete il Papa col re¬ cante de Principi Catolici a far cofa che penfata non hanno: fi per mia fe ch’io temo di tutto quello,& non poco, tanto ui ueggo infoienti & dilpofti a far ogni male.Ma io lo dirò ancor meglio nelle lèguenti. Et perche tu te ne uai pur ogn’or piu ©ftinato nel male ; onde moltiplichi ancor maledicenze, con dire.

Poniamo, che il Papa fia per celebrar quello Concilio, & vergerlo l finirlo tra i Tuoi,e condannar tutta la noftra dottrina, & appro 5J uar tutta la fua,uorrà poi eÌlèquirlo,& operar, che anche tutti

quelli. [p. 94 modifica]9 4 %ì/pofla di Bonn' Tppoììtó

« quelli, i quali non ui faranno flati ammetti, gli ubbidivano ò « no ? Se a quefto non ci penfa, rimarrà con un bello Icilma ad- « dottò ,-fèuorrà con Tarmi eflèquirlo,& sforzarci, bifognerà « che entri in una difficihttìma,hinghiflìma ; & pericolofiflìma « guerra. Adunque che falute,che tranquillità perpetua, oche « ripolòlpera egli da queftafua Indittione,& da quefto con¬ te Ciliabolo?&c.

Ippolito. Perche dico,tu uai cofi moltiplicando cianciumi,però fi di

ce,che Iddio farà quello, che farà anch’egli la parte fua ;& al Papa farà ballato far il debito fuo : il quale è di dire, & far qui to può per la làlute dell’anime ; ma quando poi ette non uo- lmc. i o. gliono iàluarfi,ioro fia il danno. Si ibi fuerit filius pacis, uc-

Matt. i o. niet pax fuper eumrfin auté, reuertetur ad uos ; ma guai à chi

ftaritrofo,perche jtolerabilius erit teme Sodomorum, che a limili ritrofi. Il Papa non ha bilògno,nè uuole, nè péfa di far tanti pezzi,come tuttauia tu uai incolcando. Et non è egli li¬ mile a uoi altri,i quali riuoltati del tutto in fuore, fcriuete, & Maligniti de an d a te predicando per Germania,che le flette a uoi, uorrefte gli eretici mo pjg]j ar p a p a co i Cardinali, Vefcoui, & tutto il Concilio di derni d intor* Trento,& impiccar tutti in un bel cerchio, & ftrappar loro le no a iiguerra ]i n g uej &- f ar & dire. Mifericordia, come ben gli fta il nome, hutteogiudi* che gl’impone il Mutio,cio è,Eretico infuriato. Non ha fol¬ ce di iheirna . f e detto tutto ciò quel ualente predicatore,© piu torto depre- dator dell’anime ; chiamato Matteo giudice profeflòr della Academia di Ihenna : al cui furiofo, & rabbiofo morfo ora il Kutio . Mudo Iuftinopolitano fi oppone con fcrittileggiadriflìmame

te. Et è bella,chehauendo or’ora detto,che il Papa non deue penfarfi di entrare in guerra ; al finir poi della tua chieranza- na conchiudi,& dici,

Vergerlo. Quando ho ben penfato,non ueggo,che quelle fueparole

« (ciò è,riducere le pecorelle dilperfe,cerca la làlute, la traquii « lità perpetua,& quiete della Republica Criftiana)pollano in- « tenderli altrimenti, fe non che adefiò egli uoglia uenire a ta- « gliarci a pezzi tutti noi, &c.

Ippolito* Tu hai una gran paura in fatti, & ti ueggo lìnorto nel uoico

per [p. 95 modifica]cantra il terger io. 9 J

perii tanti armati,che fono già in campagna,& ti circódano. Il perche dici 5 che adelfo egli uuol far la beccarla. Et che ter¬ rore è quello,fe non quel di Dio ? Terrebit eos fonitus foli; uolantis. Dalluna parte tu conchiudi,che non lì può muoue re,& dall’altra tu non ci dai tempo alcuno di uenirti a fquar- tare. Ma di gratia che forte di Meffo è quello tuo, nel qual di ci ; che il Papa uuole adelfo uenire, &<r. Già è paflato l’anno che tu hai fcritto quella cantafauola,quantunque io no l'hab- bia hauuta fe non già uenti giorni,effondo oggi il 2 6.di Gen¬ naio,! 5 6 2.& l’hebbi a 3 .ò 4-pur di quello mefe,& nondime¬ no oue tu dici,che il Papa uuol uenire adelfo, nò fi è pur maf¬ ie da Roma ; & (gratia di Dio) non ha mandato pur un fante. che Mefo, adunque è quello, fe non è dell’Apocalilfij, ilqual uerràalla fin del mondo? Ma tutto ciò ti rinfaccio io acciò che dall’effetto feguito tu ti auuegga almeno quanto fei giu- ditiofo nel dar fentenza, & diffinire le cotè del Papa ; & lo fac ciò tanto piu uolentieri,quanto i pouerelli,che tu uai tèducen do,hauerano di qui materia di tenerti coli ueridico nelfello> come ti ritruouano in quello articolo tanto afièrtiuaméte da¬ te pronuntiato. Et fe da quarantanni in qua, non hauete uoi della fcuola,altra forte di fpirito,di quello, che u’infegna an¬ cor di profetizar cofi bene, potete elfer chiari ( come fi dice ) di hauer tratto per unauolta ; & per me fon chiarito di buona forte,che tale fpirito nó è comparfo ( come dicete ancor uoi) fe non da quarant anni in qua,in quello mondo]; con tutto pe rò,che hauelfe mandato innanzi per altre uolre molti defuoi precurfori : & però non è marauiglia, fe tu galantuomo dici che tale fpirito a dilpetto de’Papi ha infegnata la dottrina uo- ftra da quarantanni in qua ; ma & a quella parte ho fatta la ri¬ bolla di fopra.oue tu hai detto il medefimo.Et perche poi co me bifcia incantata,che nó fi dipartendo mai dal proprio luo- go,fi uarauolgendo tèmpre d’intorno al medefimo centro co Jparger il fuo ueleno indarno, & tutta entro a fe confuman- dofi,cofi tu ritorni a dir quello,che mille uolte ti truoui hauer detto 5 cio è che il Papa non uuole il Concilio generale 3 & che

Tener di Dio nettammo de gli eretici. Leuìt. 2,6,

Bugia cftrefjk del Verge .

Spirito Bugiar do negli erette ci.

Bifcia incaniti tailVerg* [p. 96 modifica]$6 %ijj?ofiadi Bonrì Ippolito

u «gli non ha chiamato i uoftri,i quali anche non u tenderanno* Cc (tendo le conditioni della Indittione*& che il Papa non gli ha « uoluti chiamare, perche teme che feui andaflèro a dir le fuc « ragionile colè per lui non andarebbon bene: & perciò ha uo

  • luto {blamente chiamami i Tuoi per giocar al ficuro,& far prò

« nuntiare in Trento una condannation fatta da lui medelìmo “ dentro di Roma, & che uuol poi metter mani all’arme, & ue~ tc nir a tagliar a pezzi tutti, come contumaci ; et che per ciòuihatoltoillàluo condotto :& mille limili altre baie,& maledicenze,che uai dicendo per lolleuar lolo l’animo de’ po poli contrai Papa. Onde replicarle ti piace, & inculcarle mi¬ gliaia di uolte, o a proposto, o fuor di propolìto che fi fia. Il perche non hauendo piu ragione al fine di quello,che tu ti ha uelfial principio nell’addurre cotai maledicenze, anch’io non che cofa fìa\ il P 0 ^° ( arc * a * tro *. n di quello , che habbia fatto in altri

Xtrgerio. luoghi. La qual in fomma non è altro, fe non che quello tuo

dire nalca da una pura ignoranza,che ti fa maledico, lèdutto- re,& leditiolbjpieno d’inganni,eretico maligno, & per conlè quente indegno della uita ,-meriteuoIe del fuoco, & foggetto deftinato fra gl’infernali demonij al perpetuo inferno, fe non ti emendi. Là onde tutto ciò che nel finir tuocontradi noi hai detto, dignilfimamente contra di te, & de’ tuoi complici conuien che fia detto,ciò è ,Che Iddio uiue, & ama labelliffi- ma,& fantiflìma fpofa Chiefa, contra la quale di fopra tu hai confelfato d’elferti leuato co’tuoi limili, & la difenderà cétra tutte le aftutie,& potentie degli auerfari; : i quali quanto piu lì sforzano di fare, tanto piu s’auiluppano in quant'all’onore & credito del mondoffi come fi uede, che tu hai fatto in que¬ lli tuoi,non fo,lè mi dica ferirti,o piu tofio fcartafacci) fin che Chi totuiid P°i 1 Toprauerranno quelle pene,Iequali fon minacciate a chi è d Papa, è con cofl infedele,che ardifee di combatter col padre cele

trmo al pd* ^5 : , co i figliuolo,& con lo Spirito lànto,fi come fanno i nemi- dre t dfigliuo* C ì dei Pontefice Romano,Vicario di Grillo,che rinegan il Cc to,ertilo spi* Ielle padre,non hauendo quella chielà per madre, & rifiutati ùofinto, Grillo figliuol di Dio* fdegnandofi, & odiando il fuo miffico

corpo* [p. 97 modifica]cantra ilVergcrìo» fj

corpo 5 & repugnano allo Spirito fanto, difiruggendo le fùe iierità con Perette,& rompendo la carità,che dallo (pirite na¬ fte col loro fcifma,& difpregiado, di flar uniti infieme nel me defimo fpirito col contradire,che fanno al Concilio.Et tutto ciò fia detto per onor di Grillo, & utile de’ femplici, che hai

Incannato in quello tuo fcritto.

°Ma perche nel fin di elio tu fletto fai un’altro cianciumc, 8c Un imbroglio tra tuoi detti, che non ha ne capone coda: ne forfè tu fletto fai,che colà t’habbi uoluto dire(fuor che tu hab bia uoluto dir male) pero uolendo pur inoltrare di hauer let¬ to qualche cofa, hai pigliato a uoler efponer o piu tolto di uo ler tradurre di latino in uolgare un ordine ftritto in quel li¬ bro di fopra allegato,che fi chiama Rituu Ecclefiafticorum. il quale è fatto da un maeltro di cerimonie,che coli incorniti eia, In Concilijs autem illis uenerandis, &c. Il che è il capi¬ tolo fecondo del primo libro nella fettion decimaquarta, 8c tu in quello tuo imbroglio,quando ti mette conto, laudi 8c appruoui tal 'ordine,foggiungendo alcune parole,come colè ragioneuolittìme da ettère olferuate fecondo la intention del telto. Ma quando poi non ti mette conto altramente, all" ora te ne burli,& gli dai de calci, di maniera, che non Itai in ceruello, nè lai per te medefimo ciò che ti uogli. & di piu cò ine gentil perfona eh elfer ti truoui,oue ti uiene occafione di potere llraparlare,tu olferuibenilfimo tutte le regole della maledicenza,tirando giu le erotte a chi ti fi abbatte fra’piedi, acciò che niuna parte di quello tuo fcritto fi polla daruanto di elfer netta dalla detrattione. Perche,dico,tutto ciò hai fat to, & a me, lo fcriuer tanto in tal materia rincrefce non po- co:però farò qui com ancor tu hai fatto,che fcriuendo le pa¬ iole di pattò in pattò di quel capitolo, fottoferiui il tuo giudi tio d’intorno a quelle, & io al tuo giuditio fottoferiuerò poi lamia fentenza, talché il primo farà il Tefto,il fecondo farà il Vergerlo,& il terzo farò io. . -

( Nei Concili) fàcrólànti, & venerandi, co i quali è fiata Tcjt@ 0 purgata , & confermata la fe^enoftra, & la diritta regola del

Ippolito* redo. Verg. Ippolito .

Tcjlo.

Verg.

Ippolito.

T ejlo.

Vergerlo. Ippolito .

tefto*

9 8 %ifyoftadiDonrt * Ippolito

uiueref&c.

Et però douerebbono fard con fomma lealtà , & fantità » non con infidie>e barrerie, &c.

Come fanno Tempre gli eretici ne i Tuoi Conciliaboli,& in particolarei Luterani.

Non fi legge ne’ Concilij,d’efièrui intrauenuti altri, che i -Vefcoui & gli Abbati,per hauer a decider le materie, &c.

Chi dubita,che non hauefièro decifo iècódo che loro dee tauala cofcienza ?

Adunque chi fece tal legge non isforzaua alcuno, fluen¬ dola con tal fenfo fatta&publicata .

Et quelli {blamente fi fottoferiueuano a i decreti.

Fatti da loro medefimi,& non dal Vefcouo di Roma.

• Non però fenza faputa, & confermation di quello come fanno ancoraddfo nelle materie, che mai piu fono fiate trat¬ tate , ma nelle già decife in altri Concili j s’attengono alle de cifioni fatte,

• Chiamatilo con quello nome di Vefcoui ctiamdio gli Ar* ciuelcoui, perche quella è la fuprema dignità nella Chiefa di Dio.

Comeadunque hanno hauuto ardirei Papi di por quefia fuprema dignità fotto quella de Cardinali?

Il Vefcouo è maggior di ordine & degnità facra, che i Car dinali non Vefcoui,tal che fopra i Vefcoui non fi ritruoua or¬ dine maggiore. Ma i Cardinali,che nel gouernar della uni¬ rla! Chiefa fanno un corpo col Papa, elfendo efiì i Confi- glieri Tuoi,che intrauengono in tutti i negotij appartenenti al gouerno di quella,fono maggiori de i Vefcoui, nella ammini ftratione. Onde nel celebrar de gli offici j pontificali, i Ve feoui hanno da precedere i Cardinalfiche non fien Vefcoui, ma nel reftode’ publici atti & negotij, il Cardinale , per la ragione già detta, precede ogni Vefcouo,che non fia Cardi¬ nale.

Gli altri veramente,che lono di grado ecclefiafiico inferio fh & i Principi fecoiari, eranoprefenti per conferiate, & in-

ftruire [p. 99 modifica]centra il Vergerti. 99

firuire,non per hauer elfi medefimi a decidere, ma per hauer- ui uoce(come i dotti dicono, ) confulcatiua, non diffinitiua,o deliberatiua.

I Vefcoui, & gli Abbati,i quali non fieno nè dotti, nè pi;, Vcrg. nè lauìj,hanuocenel decidere; &i Prencipi&gli altri, che fieno di pietà,di dottrina,& di prudenza ornati, non l’hanno

S celta legge? che bella co fa è quella. dunque il fatto (la auer’una mitra»o non l’hauere.

Etchecolàfeglihàdafare,fecofièlèmpreftato,comedi- i ppotito* ce quello capitolo, il qual s’ha proteftato,di non uoler ordi¬ nar elfo,ma fol recitar qual folle follile de’ Concilij antichi? tu uorrelli pur in quello palazzo far anche delle calè matte, le quali non ne palazzi, ma nelle muraglie delle città far fi fo gliono. Il fatto non Uà altrimenti nella mitra,fe non in quara to ella è il fegno di coloro,a chi fi conuiene per ufficio, & per ragion d’hauer uoce fecondo l’ordine antico ,( che fe per niun tempo mai ad altri è flato concedo il uoto deliberatiuo) che colpa ne haurà quello capitolo? & quale autorità è la tua di uolerci introdur gente a chi non fi conuiene, & non è loli¬ ta ad entrarui?

Vi farà dunque per hauer a decidere , & determinare, il t tjicl Vefcouo di Roma, come gouernatore di tutta la Chiefa, Pa« ftor del gregge del Signore,& Vefcouo di tutti i Vefcoui.

. Egli medelìmo s’ha dato quelli fallì titoli, & nondimeno Vergerfo « no dice di douer folo hauer la polfanza di decidere a fuo mo do,che s’egli l’hauelfe, nó lària flato bifogno di dire,che an¬ che altri douelfero elfer con lui a far la decifione. adunque e- gli non può far folo.

In qual Bolla,o brcue,& in qual millefimo fu,ch’egli mede Ippólifo

fimo s’incominciafièa dar taifallì titoli? Io leggo, che tem¬ pre coli è fiato,ma non leggo già che alcun Papa ne folle in- nentore. Che poi egli non dica, di douer efièr folo quello che habbia poteftà di decidere a fuo modo, &c. non importa che lo dica,o che lo taccia,bafta che l’habbia,ma che no’l fac ciapoi,nonèmarauiglia.conciofiacofa,che convocando ef

N a fo [p. 100 modifica]Dio er Crii fio potedo far per fe 3 ufano il mezzo d'altri nel governare U Chic fa, cojì il Papa .

ignoranza.

Tello. Vergerlo .

Ippolito

Teflo.

Vergono.

Ippolito .

L’Eretico e * fclufo dal Con eiiÌQe

too %ìJf>oBd dìDonn' Ippolito

lo il Concilio,ha grato,che con l’interuento d’altri fi faccia quello, che per fe foto potrebbe fare,che coli fanno ancor Dio,& Crilto,i quali con l’interuento delle creature, opraiv quello,che per fe foli far potrebbono,& particolarmente nel gouerno & nella rifolution delle cofe ecclefiaftiche. Griffa poteua nfoluer tutti gli fcropoli,& diacciare ogni erefia, ma non ha uoluto,& halafciato l’affànnoanchea Pallori,Dot tori,& a Concili;,co quali pero fuamaellà concorre per ogni tempo . Ma tale fu fempre l’argomento della ignoranza, che dal non eflere,al non potere, uà argomentando: Il tal non

tórre,adunque, non può correre ? Il tal dice di nò hauer da* para, adunque non ha danari? Il Papa non dice,di douerfolo hauer polfanza,adunque non lhà ? Non lo fa folo,adunque non può farlo? Negaturconfèquentia.

• Il Sacro Senato de’ Cardinali.

Quelli quantunque fièno nominati fàcri,non chiamali pe* ro che uengano al Concilio.

Chi fofTe balordo,potrebbe chiamar fe ItelTo,ma chi ha h» me di ragione in fe fìelTo,chiama altri e non fellelTo . I Car¬ dinali non fono balordi, adunque nella Indizione, ©uè col Papa chiamano altri,non hanno da chiamar fe Udii, ma qnà- do lor parrà,che fia efpedientefinfiemecol Papa)anderannd lenza effer chiamati da alcuna Indittione ,& balla che il Pa¬ pa dica loro a bocca,come ha fatto ora a Madruccio,o faccia lor intendere per una lettera.o belpalTo, i Cardinali fono quei,che fanno 1 Indittione(coaie fi uede nella lòttólcrittiort

loro),& fi uorranno poi chiamare in quella? .

PatriarchfPrimati, Arciuefcoui, Vefcoui, &c.

9 ^òtti,o indotti che fieno,o buoni,o cattiui,o fauij,o rtiat ti,pur che habbiano le mitre,& chenoi fiamo(come fiamo art che per quefie parole ) efclulL ■ Nè il dottoro ignoramele il buono o il cattino racconcia no o guaftano il Concilio ( quando fia congregato, come,& dachi congregar fi deue ) efcludafi folo l’Hretico olfinafo,a cui non fi appartiene diiiinir della fede, che eflò impugna,, &

- cntriui [p. 101 modifica]? conira ilV'ergerlo.

etìtriui poi a chi per ufficio tocca, che nel redo fupplilce Dio, fupplifce lo Spirito Santo,& fupplifce Iabontà della Chiefa.

Vn pazzo cfpreflb,ancor che haueffie mitta, non ui farà chia¬ mato,nè amelTo: ma farà coli elclufo,come anche l’Eretico, che digià haUclTe hauuto la mitra, auenga che l'Eretico fi 1 l pizzo • efcluda come nemico, & il pazzo, come inutile al fatto di che fi tratta nel Concilio.

. Abbati. _ *<&>• '

- Quelli fono in gran numero,& non dimeno non chiamati-! Vergerli* fi in effetto, nel Concilio di Trento ue ne furono folamente tre, (celti dal Papa come ipocriti fini per far uifta di uoler Ter¬ naria legge.

Sono in gran numero di quello nome, ma non di condir- tione a chi fi conuenga quello entrare, percioche ui vuole V àutorirà,che tutti non hanno : Ma quando ancor ciò folfe di qui fi uede,che il Papa non la vuol uincere col chiamar cia- fcuno,che chiamar potrebbe,&che(come gli altri)tu chiame . f, _ v

felli Papilli,però chiamandone certi pochi, lalcia andar il re- ftante. & quello che dici del Concilio di Trento,coli è uero, che foffero ipocriti fini, & eletti,come è uero,che il Papa gli cieggellè, il qual Dio sà,lc pur udito gli haueua mai piu no¬ minare. Fu dunque la congregation de monaci, che quel tre eleffe,nè meno hebbero tre uoti, ma un folo in nome del¬ la congregation loro.

Ai quali fono Itati non immeritamente aggiunti i Genera li de frati.

i Accioche fe Mero flati lalciati fuori, non hauellero Temi- vergerlo » nato tra quella canaglia della frateria qualche lèdi rione. S ! Come fece appunto la feccia di quella tal frateria,che ufei Ippolito. fa a feminar feditioni, ha partorito tutta la porcinaglia de Lu tetani, Zuinghliani, Bucceriani, ErafmianhOchiniani ,Pietri martiriani col rello della razza,elfendo ciafcunloro progeni¬ tore ufeito de’frati,come fchiuma,o feccia di tutta la frateria, de’ quali però il Vergerio fpretato,fe n è fatto difcepolo, an«s corchenon fia molto dotto,fuor che hel dir malaméte malew

Finalmente [p. 102 modifica]i o z %ijbofta di Donrì Ippolito

Tefto. finalmente tutti i Prelati, i quali fecondo la forma de’ giura¬

menti,quando fono promofiì alle dignità.

Vergcrio . Allora s’obligano ftrettiflimatnente,che è una marcia uer-

gogna loro, & gran Tirannide del Papa.

Ippolito . E ben maggior uergogna,& piu marcia doppol’hauer giu rato elìèr un pergiuro, come tu ne fei uno de piu lòlenni.

reito. Sono obligati di uenire a i Concili j.

Vrrg. Non però obligati a dir quel tantoché comandano i Papi*

. _■ nè d-hauerci a condannar per Eretici,come in effetto non lìa-

ino, ( per grada di Dio)&fenonci afcoltano prima,& non legganole non confiderano bene i noflri libri.

Ippolito* Molte cole dici,ma nulla pruoui. il primo già. ha lafua ri-

fpofìa di fopra,il fecondo col refto l’ha medefimamente : per- dochebifognanon elfer Eretici,& poi non elfer condannati per tali, ma fe liete,con la difgratia di Dio,che colpa n’hà chi ui condanna o lìa Papato Cardinale,© altro ?

Ttfio* Gli altri ueramente ui potranno intrauenire,per cófegliar,.

(com’habbiam detto)perdilputare, & inltruire ; nondimena nelle publiche lèlfioni non lederanno uefìiticon le uefti fa-i crate.

Verg. Fuor di quelle uien loro lo Spirito Santo, noi non l’habbia

mo, ne lìamo de* congiurati; adunque non lìamo compre!?.

Ippolito* Credo che,uoglia dire fuor di quelle non uien loro, &c.

Et lo dice fchernendo,& ha ragione,poiché come lì dice nel¬ la fauola di quella uolpe,che per fuggir quando fu ritrouata, mentre rubaua le galline nel pollaio,laido la coda nell ufcioj & perciò conuocato a Concilio le altre,perfuadeua loro, che da fe lidie fe le tagliaflèro. Coli il pouero compagno,effendo flato colto nel pollaio a rubar i pulcini, che Crilto come la gallina ricuopre fotto fe flelfo, ha uoluto fuggir d’Italia, & ui ha lafciata la coda, Il Vefcouato con ogni fua onorata infe gna>& perciò ora fchernifce chi le porta,per tentar le potelfe indurgli a far com’ha fatf elio : ma Volpone volpone, guarda di non ui lafciar la uita. le facre velli fono l’infegne di chi ha il uoto nel Concilio,nel quale uiene Io Spirito Santo,& lo go

uerna* [p. 103 modifica]contra 11 Vergerlo . i o j

uerna : non per Cagion delle Uefìi, ma per bendino di tutto il criflianefimo ; fé ora tu non le hai, che ne hai tu fatto , quan¬ do le haueui ? tuo fia il danno dell’anima, & del corpo. & tu non fàpeui come fcoprirti meglio per un pergiuro, che dire, di non effor de congiurati.

Per dir la loro opinione. refto»

La loro opinione è feruire alle loro cofcienze,perche ì giu v«£. ramenti non obligano,quando fono contra le leggi diuine.

Coli è giudo,ma chi rompe le leggi diuine, e i giuramenti infieme,quello è ben’un gran ribaldo,& tale è ciafcun di que (la tua fcuola,nata da sfratati,rompitori de’ uoti, traditori di Crifto,& congiurati contra il fuo bel Regno , che è la Santa Chiefa. I quali poi effondo facrilegi, ftupratori, & d ogni porcina lafciuia impaflati, dicono d’hauer lo Spirito Santo, il zelo di Dio,& la difenfion della caufàdiCriflo,& rendano grafie a Dio del profitto,che fanno continuamente, al modo che dice il motto,che per infogna ti hai appropriato, profi* cientinpeius.

Il fine della rifpofta di Donn’ Ippolito» al primo fcritt© del Vergerlo.

V: -■ : f . <3 ' \ Y » : Ti -r : rCHTfói O?

li" v'\ i '■ ■ , -■

RISPOSTA [p. 104 modifica]

RISPOSTA DI

DONN'IPPOLITO CHIZZUOLA,

CANONICO REGOLARE

LATERANENSE.


Alle calunnie, et bestemmie del Vergerio, contenute nel suo secondo scritto fatto contra l'Indittion del Concilio di Trento, convocato da Papa Pio Quarto.


EESSENDOSI accorto il Vergerio, che con quanto s'habbia voluto far et dire contra l'Indittion del Concilio, contra'l Papa, contra i Cardinali, contra i Vescovi, et contra i Preti et frati, egli però non ha fatto niente, anzi (cred'io) che le proprie cose in tal soggetto scritte gli puzzino non meno, che un fetente fiato, che smorbando i circolanti, puzza parimente tal volta a chi lo spira: et perciò udendo rimediar in parte (se potesse) all'errore, ripiglia di nuovo la penna, et per non confessarsi d'haver errato, si come nel primo scrisse male; cosi nel secondo scrive mal et peggio; tal che nel terzo arriverà al pessimamente; di maniera che molto ben gli sta quel motto, che in ogn'un di questi scritti (come d'impresa sua propria) ha fatto stampar nel frontispicio, il quale come pur ho detto qui poco avanti, nel fine della prima risposta dice, Proficient in peius, Il che non può dir'altro (secondo il giusto senso) se non, che [p. 105 modifica]contraifecondoferino del Verg. to$

fti fuoi fcritti, quanto piu crefceranno in numero & in uolu- mi,tanto piu crefceranno nella impietà.Parole ueramente de gne, & appropriate ad un fuo pari eretico : fi come le intefe VA portolo Paolo in quel luogo, oue le fcriffe.

Egli adunque,nello fcriuer che fece, non fàpeua, nè fi cre- deua 5 che doppo la Indittion publicata nella Bolla 3 fi doueflè- ro far tante altreprouifioni da Papa Pio i n i.perinuitare, pregare,& alficurare gli auerfàrij,acciò che ueniflero al Con^- cilio (tanto imprudentemente da coftui nominato)nellequai fi moftra chiaro,che nófi burla,ma fi uuol far da fenno ; & per ciò (oltre alla Indittion uniuerfàle,il Papa ha mandato anco» ranuntij indifferentemente per tutto il mondo, come buon padre di famiglia, che inuiti ciafcuno a uenire alle fue nozze, per non lafciar che con ragione alcun fi feufi di non effere fla¬ to inuitato,nó fi potendo,dico, egli dar a credere, che mai tal cofà fi raceflè,& pur uedendola poi in fatti, fi è trouato affron tato ; & fe non fofle accecato dall’oftination fua negli errori, fe Manderebbe uiuo uiuo a fèpelire, non hauendo mai piu fra te di comparir tra gli altri : perche oue fi ritruoua hauere fcrit to,che il Papa non gli chiama nella Indittione, & che non gli uuol udire,ma gli efclude del tutto,ora uede,& intende tutto il contrario,fcorrendo da ogni parte nuntij,da fua Santità ma dati,ad eflbrtare,& {congiurar,che uengano. Ma conciofiaco fa, che ogni eretico fi ritruoui hauer indurata la fronte, & di- uenutogli il uolto di meretrice, non fi uergognando di com¬ parir di nuouo : meno fi uergogna di publicar fogni, fcriuer chimere,& diuolgar fauole, per uoler pur di nuòuo fobornar ipopoli, ma coli bene gli anderà fatto quefto, come ancor quellaltro fuo penfiero. Perciò che bi fognerà, che ( uoglia ò non uoglia,) fi difeuopraqui, & nel reftoda fua mala & peruer fa mente,cofà che fi conofce fino nel titolo di quefto fecondo fcritto,oue lafciando di dire ch’egli fifia ingannato nel far giu dicio, dice Polo, & l'intitola in quefto modo,

Confutatione d’alcune feufe, che s’allegano per difender la grandiffima iniquità della Indittion del Concilio, fatta da

utd'rhìm.t*

Xàtt.lU

Iniunttìon ic gli eretici .

Vergerà

Arte maligna ielVcrg.

Vergaio.

cc

«

cc

cc

Ippolito*

Vcrg.

cc

<c

Ippol.

Sogno del Ver gaio*

Verg,

te

cc

cc

t<

u

i o 6 %i(jjofid di Bonn ì Ippolito

Pio ri il. fanno m d lxi. nel mefediVijoIjo

mo feu (ària il meglio che fi può & u °u ^ Cl °

uPc *5 d’obligatione di c p I1 f^n5.vè^ 1 ie > tì[K> e fia > (K«ro < pi , enoMj > i^te

nel r™° fa*»»?!».

,W,.-,r,rA ■ 7"“““>« una iniquità elpreflà.Ma ue

chimera qUa be pnnClp ‘ 0entra a!la n^tiua della fua

tolerTw ‘° ) rcritt0 ^coCa ingiuftiflìma & m-

olerabil ffima.ehe il Papa habbia fattoTIndntion delConci

Ch^r U1 n ° n af P et ?’ & P er laquale egli non chiama altri, r L e uecreature,& fi fa, ch’egli non uoglia anco,che altri^ ,che egh medefimo fia giudice & diffinitor di tutta la caulà.

en diceftì tu 3 che 1 hai Icritto, lènza dir di hauerlo proua- to,ne meno come uerifimile apprefentato a i lettori.

Qualche galant’huomo ha hauuto a dire, Il Papa è Papa* Pafior uni uerfale,& Vicario del figliuol di Doperò egli può

fare ciò chegli pare & piacele.

Vergerlo tu entri nc i fògni,perciò che niun ti crede 3 che al cuno ti habbia detto limili parole; Ma ben puoi tu hauerle ue dure in un lonetto fermo ad un maIedico,& detrattor del Pa pa :& perciò 5 come colà, che tocchi in qualche parte ancor a tejhauendolo incominciato 3 non uuoi finirlo. Ma ecco il lù® principio

Il Papa è Papa,& tu lèi un forante Nodrito del pan d’altri 5 e del dir male 5 Et ritornando al tuo légno coli Icriui:

Quello,che fua Santitàha uoluto indicere,non è Condri® .necefcno,macomeunaeffecwioB ch<;i-Vefcouifaccianeflìkdetenninatione,&

son il Papa, Qudle [p. 107 modifica]control fecondo fcrìtto del Verg, 107

Quefte parole,io fon cerco,che fono un tuo fògno,perpo- 1 ^,^, ter meglio poi (opra tal canto fermo contrapuntare.Può ben efler forfè,che tal’uno habbia detto qualche cofa,ma non già (otto tal forma (quando però coftui fia huomo di qualche fèn {p,& lo dica pelatamente ) conciolìa cofa, che fe ben la mag¬ gior parte de gli articoli nel Concilio di Trento trattati, oue- ro che s'hanno da trattare, già in altri Concilij fia determina- Nc i Concitai ta j pur in quefto fi poffono anco chiarir meglio, & aggiugner gli articoli iride gli altri articoli non mai piu tocchi, o rifoluti : & oltre a > già rifoluti fi quefto per cagione, & per la necelfità delì’erefie nate dapoi poffono <*»««* che le cofe fono già rilolute, fi può far tal Concilio, & fi può ri j°iuer «fi¬ anco fare per chiarir la mente di chi non fa, che quefto fia già & 10 ‘ flato rifoluto, come per dfempio, l’articolo della proceffione dello Spirito tento, dal Padre, & figliuolo, anchor che folfe già rifoluto nel fimbolo, & ne Concilij oue il (imbolo fu co- pofto da gli Apoftoli, & dal Niceno, nondimeno i Greci ne°

Concilij feguenti la uolfero deputare : Coli i Cócilij fi fanno ancor per mille altri effetti. Però non bifogna che alcuno af- fegnando la cagion del Concilio di Trento,fi leghi folo al paf forche il Verga io fa, che quel galantuomo dicclfc ; come ne anch’io ho detto nella mia rifpofta,ma dico, che il Papa fa il Cócilio,perche lo giudica neceffario,per uarie ragioni,a tut ti,& perciò chiama,& ha chiamato tutti, & lafcia in libertà di ciafcuno^che nel Concilio fiede, il ìifoluere delle cofe fecon¬ dò che loro detta la cofcienza,il che efiendo(come è) non ac- cadeua,checol fingere una rifpofta da altri, fattafi alle dita,tu ti pigliafti poi,o Vergerio,di qui occafione (come fai) d’andar ti sfogando nelle maledicenze, & beftémie, fotto colore,che tu fia sforzato di farlo per replicare a chi ti ha rilpofto, & per tal uia anche dipingere le tue ragioni per tanto forti,che loro non fi poflà rifondere,fé non col dire delle fciocchezze . Tu doueui recitar lealmente le colè, come ftanno, & poi replicar (fe fai) con ragione. Ma come potrai farlo, eflendq di quella fchiera a chi niente importa ilfalfificar anco le fcritture fan- te,& tutti gli oracoli di Dio $ Ma uediamo ciò che uai brauan 30 O a do [p. 108 modifica]1-0.8. e RìJj?ofld di Donrt Ippolito

do intorno alla fognata rilpofta.

Vergaio, Il yefcouo di Roma non è pallore uniuerfale, nè Vicario

« di Critto, ma non ettèndo quefta materia tale,che polla com- “ prenderli in uno o due fogli, da poter comodamente mandar “ attorno,come foglio fare, fu la qual farebbe da uentillare al- « cuni luoghi delle diuine fcritture,& alcuni delle iftorie,mi ri- “ ducerò lui prefupporre.

Bello articolo certo, che co fi proferire alla prima botta queft’huomo,che contradice dirittamente alle fcritture fan¬ te, a i Concilij, & a tutto il conlènlò della chielà. Egli però niente pruoua,ma lo manda coli fuori, come palio mal dige- (lo da ftomaco mal làno. Il perche fi come elio protetta di nò uolerne ragionar piu oltre, coli io me ne patterò ; adducendo AtunugL folo due autorità in tal propofito ; una,del fantiilìmo Atanagi

Vefcouo Aleflàndrino,il quale fcriuendo a Marco Papa & ri¬ chiedendogli i Canoni del Concilio Niceno, dice, Io ti gli richieggo per eflertuil Vefcouodella Chielà Romana, la quale è madre di tutte l’altre chiefe, &c. adunque è madre uniuerlàle.

Concilio t . Cut * L’altra è nel Concilio Calcedonenlè congregato contra

{cd°it. Eutiche e Diofcoro Alettàndrino dell’anno 448. oueramen- te,confai tri dicono 451. nel qual Concilio fi dice primiera 1 ' Mdrtuno. méte da Marciano Imperadore che prefente fi ritrouaua,che Uo p dpu uni Leone Papa di Roma gouernaua il Trono Apoftolico.Et che ucrfuk. altro è quello Trono,fe non la fuprema dignità nella Chielà ?

Et Pafcafino Vefcouo dice di hauer nelle mani i comandarne tidelBeatiffimo,& Apoftolico huomo Papa della Città di Note Roma,la quale è Capo di tutte le chicle, &c. Et nell’attio-

tfcbirione . ne terza f u prodotto un libro di Ilchirione Diacono contra

Dioicoro eretico,il qualecofi cominciaua,

Al Santitfìmo & Beatilfimo uniuerlàle Àrciuefcouo,& Pa¬ triarca della gran Roma Leone, &c. Dalle quai parole tut¬ te purfi uede,che il Vefcouo di Roma tiene il titolo dell’uni- ll Vupu puftor uerlàle. Onde, elfendo ogni Vefcouo paftor delle anime; fi miuerfulc . come quello di Roma fi chiama Vefcouo, o uer Arciuefcouo

uniuerfalej [p. 109 modifica]I o.ulh

Chi niega il Vicariato uni ucrfaledcl P<* pa, niega che Crijlo jìa Gì e pomuerfale*

contraifecondofcrltt o del Verg. i o 9

uniuerfale, cofi farà anche paftor uniuerfale. Et perche le ani me,delle quali i'Vefcoui fon pallori,no fono de i Vefcom, ma di Crifto,Dicendo effo Crifto, Pafce oues mea$,&c. Per¬ ciò iVefcoui paftori della greggia di Crifto, per forza con- uien che fieno Vicarij di Crifto, & il Papa paftor uniuerfale, farà anco Vicario uniuerfale di Crifto: perche tanto è dire.Vi cario di Crifto,quanto dire,che è in uece, ò ha il luogo di Cri fio. Come fta adunque,che il Papa pafca il gregge uniuerfale di Crifto, & che non fia Vicario generale del medefimo Cri¬ fto? Però chi niega quelloVicariato,per forza conuien, che nieghi Crifto cffere il uero capo, & padron di quella greggia, alla quale il Vefcouo di Roma è ftato prepofto. & perche,fe¬ condo quefte poche autorità addotte>tutte le chiefe fono fog gette alla Romana ( come figliuole fiotto la madre ) per tanto chi niega il Papa eflfer Vicario di Crifto, per forza negherà in fìeme, che Crifto habbia chiefa, che fia la fua. Il Vergaio, poi dice,di non uoler entrare in quefta materiali prouar,che 5 Vefcouo di Roma nonjfia Paftor uniuerfale, nè Vicario di Crifto, & dice che quello lo fa per fuggirla prolifica dello fcriuereda quale gli uieterebbe poi, che non poteffe mandar attorno comodamente in uno ò due fogli, come è fuo folito, quefti fuoi fcritti:percioche ui farebbe dauentillar alcuni luo ghi delle diurne fcritture, & alcuni delle iftorie, &c.

Ma io per me fon certo, che nó lo fa perche no (a il modo di farlo, uedendo,come altre uolte effendofici prouato, la prò * ua non gli è riufcita, & fe lo fapefle,non mancherebbe a que fta occafìone,percioche le ua cercando tutte, & le compera ('come fi dice)a denari contanti. Et per dare un poco di lu

ce a coloro,che non conofcono troppo bene il Vergerlo, di¬ rò ciò che di lui mi han detto piu fuoi conofcenti qui in Ita- j};f c rittÌQn

lia,i quali parlandone loraffomeglianoa punto a quei libri, idvcrg . che ulano i Preti e i Frati quando cantano i loro uffici, i quai libri fi chiamano Antifonari],& fono grandi di datura,& di al Antifonari » to uolume, & di fuori fono ben ornati con belle chiodature dorate:ma di détto poi hanno pochiftìme lettere, cofi (dicoii

colto[p. 110 modifica]i?,f o., di Donrflppolitò

coftoro) è il Vergerio, che col Tuo ciarlarle fa di fuori,puo forfè parer'ad alcuni di elfer qualche gran cofa,& gl’ignoran¬ ti fi credono ,che per quella moftra debba ancor contener di grandi,& alti concetti. Ma com'egli s’apre da chi sà aprir¬ lo,!! ritruoua di tante poche lettere,che rielce propriamente un Antifonario. Et chi non crederebbe qua,ch'egli non fa- pefiè qualche colà,quando dice,che ui fàrebbono da venti- lar’alcuni luoghi delle diuine fcritture, & alcuni delle ifiorie in quella materia t come fe folfe tutto elfercitato ne i Telli

delle fcritture, & folfe qualche grande Iftorico,& che tut¬ to il tempo della uitafua non hauelfe fatto altro mai che db fputare per ritrouar il uero, & nondimeno fi sà, qual egli fia,- & in che forte di libri fia efièrcitato.

Entra poi fu’i prefupporre,che coli fia come noi diciamo (& faccia dimeno,fepuò)& dice.

Vergerio. Prefuppono adunque,chc il Vefeouo di Roma fia quale di

« cono gli auuerfarij, poniamo ch’egli fi fia ( tolga pero Dio, « ch’io confelfalfi mai,lui hauer’il Vicariato di Grillo, ch’io ne- <c gherei uno deprincipaliffimi capi della fama dottrina noftra; s< onde deriuano alcuni importati articoli.)Ma dato,& no con- « cedo. Io dimando,le per elfer nel luogo di Crillo(come egli £C dalli ad intendere,& malifltrno)gIi debba però elfer lecito di « partirli dal douere,& dalla giuftitia 2 Colloro dicono, che ef- “ fendo Vicario,egli può far come vuole, anzi quella enormiffii « ma propofitione è fiata polla in carte da. qualche canonifla K adulatore,il qual dice di brocca,che nelfun può dire al Papa, « Quare hoc facis ? quantunque egli facelfe qual fi uoglia che « fia enormifiima cola; io dico,che tanto piu le gli conuiene di « r elfer umile & giullo ,hauendo ardimento di farli queIlo,ch’e- «« gli fi fa,& non è.

J# olito. Et coli ua feguitando quello uccello fenza carne,ma tutto

di piume,come fono gli uccelli notturni, comunemente chia mati Guffi,o Alocchi,o Barbaianni;cofi coflui,ciarla ciarla, & poi allo ftringere, non ui fi truoua altro ché piume, talché bé m’aueggio eh’egli fia un’antifonario. Egli ha impaftricciato

due. [p. 111 modifica]contrai fecondo fcrìtto del Verg. 11 1

due, ótre carte d’intorno ad un fogno, ch’egli ha fatto delle colè nofìre,& al fine ha detto poi nulla. Non accade,che egli i fari Canoni c infogni,che al Papa non fi conuenga far colà che fti'a male,* nel dar t aut* lo fappiamo meglio di lui,& però diciamo,che quanto piu ri tariti che dm fiedeinalto,&chcègiudiceuniuerfale di tutti,tanto piu gli no al Papaia

conuiened’elfor buono,giufto,& fanto. Della qual colà i “fami

-noftri libri fono pieni,& i Papi medelìmi lo confdìano,lo feri uono,& a perpetua memoria lo lafoiano a gli occhi di tutto il m - . tnondo,-chefiailuero,uegganfii Decreti nella diftintion4o. Dijlinc^o,- & fi frollerà chiaro quanto qui ho detto. Nè bifogna che il Vergerlo s'affatichi in addurre elfempi di Principi focolari» perche noi gli habbiamo beuuti da miglior fonte fin da pria- cipio. Ma con tutto quello non bifogna poi, ch'egli col fuo gridare uoglia iperfuaderci, che quella fia buona confequeri- Sgomento za. Il Papa deue uiuere giullamente, effondo Vicario di f d if 0 . Crillo(come etiandio collui qui fuppone). adunque,fo farà Della malitU errore,deue elfor giudicato da gli huomini? Nepatur confo- dclfapa nii* a

quentia. Ma sfogli falla,Iddiafolo ha da giudicarlo,& cori no fuor che danarlo, nè di ciò habbiamo noi d3 curarci,elfondo coli piab d lo riabbiano obligata la innocenza foia fedamente al Cielo,& foruino la cofoienza fua inuiolata allfolTamine dei fottililfimo inueltigatore.

Anterio [p. 112 modifica]112 *RiJpofld di Donrtlppolitó

Anterio, Anterio Papa dice di fé dello, I fatti de’ fudditi fono giudi catida noi, mainodri fono giudicati dal Signore.

Tutte quede fentenze, con altre limili fi leggono regidra- te ne’ Decreti(oltra i proprij luoghi in fonte) ca. 9. q. cap. conqueduseft,&c. Coli ne imedefimi decreti nel fine della Arutcleto. didintion 99. fi dice da Anacleto Papa.

iddioJ^o de» L a depofition de’ lèmmi pontefici , ouero de lommi fa-

lettidltfhuo cerdoti ’ IdcJ io l ha rif èruata ; auuenga che la elettion loro, miai S i’hauelTe conceda a buoni facerdoti, &fpirituali popoli ,&e.

Tutti quelli detti fono la maggior parte di Papi fanti martiri, accioche il maligno Vergerio non dichi che elfi attedino a fe fteffi.

Non habbiamo adunque noi da uoler {indicare il Vicario di Grido,quantunque fia obligatillìmo a uiuere piu fàntamen te de gli altri. Conciolia colà,che tal’obligàtione non l’hab- bia uerfo di noi, ma uerfo di Dio, & perciò a fua Maellà fola deue efièr cotal giuditio riferuato,& a noi badi di fapere, che nelle cofe della fede nodra,& della inllruttion della Chiefa, non polla errare , tal che l’error fuo fia di fcandolo a gli altri , di che altroue pure,& ad altri propofiti io ho affai a lungo ra¬ gionato . Perciò quando feguita la fua diceria con dire.

Verge, Che > adunque un Imperadore, un Re, un Principe farà

4 « delle cofe elforbitanti, & dirà che a lui Ila bene a farle, per- c< ch’egli fia fignore ? Anzi egli deue tato piu riguardar di dar in “ freno,& ueder di non fcappucciare. & dicono le leggi ciuili “ elfer parola degna di Principe, il qual fia altramente lèpra ^ “ le leggi,s’egli dice, d’elfèrlèttopodo alle leggi,cioè alle cofe « ragioneuoli. Niuno adunque diali ad intendere,che il Pa- « papolfa,(dico di ragione,quantunque egli folfe quello che « fi fa ) ecceder,& trapalfar pur un tantino i termini della giudi « tia,& della honedàrmaflìmamentedoue fi trattano materie « c grauilfime,& appartenenti alla làlute d’innumerabili anime,

« & aH'honore,& alla gloria del grande Iddio,come è nella ma « teriad’unConcilio.

Ippolito . A tutto ciò dico l’ideflò, ciò è che nè l’Imperadore, nè il

Re [p. 113 modifica]ÙD.ntfa '1 fecondofecritto del Verg. 11 j

Re,nè il Principe,nè il Papa debbon far ccilà,chc non ftia be- ne; ma non perciò feguita che debbano, o pollano efler cor¬ rètti da altri che da i maggiori,& perche il Papa non ha altri, che Dio,come efTo è maggior di ciafcuno in terra ; pero da f

niun’altro può elTer giudicato. Et qui il Vergerio ha uoluto ^ foivcrg'* pizicaralquato di quell’ultimo articolo di Giouani Hus,che ^ c ^ trd i daua libertà a i Popoli,& a cialcun particolare, di afTaflfmare i àpi . Principi fotto titolo di uoler caftigare la loro tirannide.

Ritorna poi queft’huomo mal fino, al Può ufato maledico grido contra rindittione,come quella,che ePcluda tutti i Puoi Complici,di che ha ragionato uPque ad nauPeam 5 & pur non cella, ma feguitandò dice,

Nè accade a confermar o con altre ragioni,© Con auttorità Vcrg> difcritture diuine,o fiumane,quella propofitione, ellèndo el „ la certirtima,cioè che un Papa non fi debba partire da quello „ che è giulto,ma folo s’hà da uedere, Pe in effetto fieno ingiù- M fti, & intolerabili i modi,e quali il buon Papa ha fpecificato n nella Pua Indittione & fa publicar da i fuoi Nuntij, Delphini, „ &Commenduni con uiueuoci per tutta la Germania. Egli „ dice,che chiama i fuoi Mitrati,i Puoi cuculiati,& i fuoi Prelati, „

& non fa mention di noi altri poueri Perni di Giefu Grillo , i „ quali non habbiamo,nè mkra,mè cappucci,nè fiamo unti per „ mano d’huomini ; adunque egli ci efclude & non c'è replica, „

0 dubbio. 3>

Qui comincia ad accorgerli, che ha mal tratto, & non per r ppolit* « quello fi chiama in colpa,ma uolendofi aiutare,ogn’hor piu fi uà ingarbugliando,a guifa d’uccello impaniato co i piedi,che penfando d’aiutarfi con l'ale,quanto piu le dibbatte, tato piu • s impania, talché al fin poi non fi può muouerejcòfi collui tro ■ uandofi dal fatto(contrario a quanto diceua di prima) colto nella ePprefla bugia, PeditioPamente da lui compolla contra l’Indittione,& gli inuiti del Papa,mentre penlà di fuggire, fi truoua piu auiluppato,che mai,nella rete,& perciò penlando " fi di uoler bellamente fuggire,ricorda qua i due nuntij, mari- dati da Pua Santità per tutta Germania,com’egli dice,-St a che

P farei r [p. 114 modifica]11 4 %ìJ^oHa di Donn' Ippolìtù

fare? forfè per dir loro il Papa ui commanda, che non venia¬ te ? non fi fa ciò che han detto, & procurato apprefiò de* Pria cipi nella dieta congregati ? & non fi fa fimilmente tutta la ri- fpofta,che ne hanno riportato? Et doue trouerà quello valen t’huomojche nellalndittione il Papa dica,& faccia predicare da fuoi nuntij,che chiami folo i Tuoi Mitrati,! fuoi Cuculiati, &c. Ben leggo io,che chiama Patriarchi, Arciuefcoui,& Ve- fcouijcome fuoi propri] fratelli, chiama gli Abbati, come fìr gliuoIi,& poi tutti in generale,a chi fi con uenga per qualche ftrada federe nel Concilio. Et truouo,che prega,& efiorta,co me figliuolo l’Imperadore,i Re,e i Principi, che uengano,o mandino,Oratori,&Prelati,&c. fottolequai cofe,(comc di fopra nella prima rifpofta ho detto ) fi contengono quanti mai contener fi pofiòno,atti al Concilio,& maffimamente Ibe to quella partita,che dice,di chiamar quelli,che per antica c5 fuetudine,fòn loliti ad entrami, dilcorra dunque il Vergerio, Sdnfieme con elfo lui ogn'un chi vuole, per tutti i Concili;, che fono mai fiati,& vegga, fe quelli, di chi egli fi laméta,che non fi ammettano, fieno loliti d’efièrui ammdfi,& come l’ha nera trouato,fia certo,che niun di loro farà mai efclufo,che fc non lo ritruoua, che bifogna tante uolte replicar riftefiòua- namente,come fa qui dicendo ,

Dice poi di conuocar tutti quelli, che de iure pofiono in- u trauenir ne’ Concili;, gli Eretici non ui } pofiòno interuenir, “ il Papa ha noi per Eretici,& fe ne mente lenza prefation d o- u nore^adunque ciefdude. Dicepoi di conuocar tutti quei che " fon loliti a intrauenire ne i Concili;,& anche qui egli e’efclii- “ de,perciò che tirannicamente con certa fua legge fatta con-

  • tra quello che fecero de gli Apolidi, quando celebrarono il

•* loro Concilio,ha introdottole non ui pollano intrauenire,

« fe non certi fuoi mitrati, e cuculiati ( com’habbiam detto ) il 9t qual deuefi hauere per una marcia cormttela,anzi Tirannide.

M Dice poi di nò ui uolerammettere chi,nó clfendo mitrato,o

  • cucullato,non ui hauefie priuilegio di poter efler del numero

de’ giudici del Concilio;!! qual priuilegio ,’non hauendoaE

cm [p. 115 modifica]mtra’lfecondofrìtto del Verg. 115

Éun di noi, nè defidcrando d’hauerlo, ( 8 c Iddio et ne guardi) j9 palefecofa è, che anche in quello luogo fiamoefclufi. „

Tutte quelle parole fono come poluere al uento, fé non le ippolit*l proua meglio,& fono come di un che uaneggi ; anzi fi arrabbi per ramanco di non poter giuocar di mani, come collui uor- rebbejperò pallino. . . . . .

Seguita,& dice, che il Papa per priuilegio fa quanti giudi¬ ci uuole nel Concilio, onde lèmpre può ottenere ciò che uuq k ; 8f per tanto conchiude,che quella parte che dice,Ex priui kgiojfìa tutta empia. Ma qui conuerrebbe che (fé hauefle di¬ morfo j fi accorgeflc ancora, che fi ha dato della zappa fui pie de i perche fe il Papa può, & non uuole far quanti giudici gli piace ; adunque(fe il Vergerio crepa{Te)bifogna,che in quella parte lo laudi. Or che non uoglia, fi uede chiaramente confi

derando,che niuno entra in quel Concilio, ilquale non fia o- blkato di moftrare,il perche ui entri, cioè fe o per ragion co¬ mune,© priuilegio, o antica confuetudine. Et qui uorrei che i detrattori confideraflèro, che ne Paolo 11 1 .nè Giulio 11 1 . ne etiara Pio 1i1 1 . ha ammeflò nè ammette alcuno di nuouo al Concilio (ancor che loconofca della fua dottrina)per priuile gio,che efiì gli habbiano fatto ; ma folo ammettono,& hanno ammeflò quelli,ch’hanno il priuilegio da’paflati fuoi antecef- (òri. Per qual cagione adunque uorranno quelli mormorato fi,che a loro fia conceflò da Pio ini. quello, che è negato a noi,cioè,che fe per niuno de’ tre rifpetti ne gli ordini de’Con cìlij ( già. tanti anni innanzi a quello di Trento oflèruati ) non

hanno da intrauenire,uogliono,che ora Pio 111 1 .gli chiami? Amgdntéi*

& (è gli chiama,brauano anche,di non uoler uenire? Quella è g/j eretici. ben tirannide da fenno,con la quale limili huomini da poco fi «orrebbono cacciar il Papa fotto il piede,con dir,Voglio che Tìunnidc ds tu ci chiami,& poi darà a noi il rifonderti. Ma già che fiamo gli eretici « aquefta,uorrci pure,che mi diceflèro,di quale fchiera uorreb- bono,che fufler quelli,che debbono feder nel Concilio,fe nò faranno della fchiera,a chi per ragion communio per priuile ^io reale,ò pcrfonak,ò per antica confuetudine,fi conuengaè [p. 116 modifica]DT

Chi uole ch'ai tri entrino nel Concilio fuor che ì chiamati, confonde il mondo.

Ni? e km eden na di mutar fordine dico cilij.

Gteretici non cercati altro checofuflone.

N iun Principe uole che gli or ditti fuoi fieno alterati .

Chi uole la mu tatto de gl’or '■dinine Cocili, vorrebbe tnag giormente la mutatio de gli ordini de gli fiati.

ii 6 %ijj?oBa di Dontr Ippolito

Certa cola è,che fè lì uorrà far altri ordini, bifògnerà infieme confonder il mondo per far una ferita nuoua di chi ha da en- trare,& di chi ha da reftar fuora, tutti non poflòno, elegger piu queftojche quello,ha del faftidiofo,& porterebbe penco lo,che douendo incominciar il Concilio fi uenilfe ad un fatto d aime,dolendofi gli efclufi (con ragione) della ingiuria rice- uuta ; com ora fanno i detrattori(ancor che fia contra ogni ra gione,& contra ogni buona regola,che fia mai fiata.)Ma uor- rei pur anco lapere,a chis’alpettafièdi far tal nuouomodo,& nuouo fide dell entrar nei Concili]. Al Papa ? Cofìoro no uo gliono. A Principi f non uuole il Papa,con i fuoi. a piu baffi ì non uuol la ragione, al Concilio fìefib ? già fiamo in difputa che debba intrauenirgli .che cofa dunque babbiam noi da.fa re. Qui in effetto non conofco altro,fe non che i detrattori fò lo uogliono confinone,& difturbi, detraendo all’antico ftile paflato per tante mani,& per tanti tempi,il qual no fi può mu tare le non con ogni difòrdine .Ma io non ho ancor uifio,che nelle diete,ò nei parlamenti,ò in altra forte di congregano™, fatte per dar ordine alle cofe degli fiati,& anco della Religio ne,fi mandino coli facilmente le carte a móte;ritrouando nuo ni cofìumi (come cofioro uorrebbero ) nelle cofe nofire,nè fi guarda in quelle,fe ben alcun gridi, & fi lamenti, ma lafciano dir chi uuole,& attendono effi a far i fatti fuoi. No ho io dub bio alcuno,che chi infegna di leuar gli ordini inuecchiati ne i Concili;,per entrarci anch’effi,& menar il mòdo a fuo modo, non infegnaffero piu uolentieri a mutar gl’ordini de’principa ti,& reggimenti del mondo ; & molto piu uolentieri, cred’io, che ui mettefiero le mani dentro col difcacciar coloro, a chi per ogni ragione s’appartiene il gouerno. Et fon anche cer- to^chequefiaguerrafattaalPapa fotto titolo dellufurpata autorità fpirituale, molto maggiormente gli uenga fatta per lo principato da quelli affamati, a i quali pare, che coli ben fi ftefle in man loro lo fiato temporal della Chiefa, come anco nelle mani del Signor di Roma. Et non è alcuno di quefii(che coli uan fcriuendo 5 & predicàdo) che fe gli uenifTe offerto'dal

Papa

[p. 117 modifica]contrari fecondo firitto del Verg. i 17

Papa il Principato, & Dominio ch’egli ha qui in Italia, non fi sbrigato in un tratto dalla fattione cetraria, & diuentatopiu papilla,che non fia il Papa:& di quello io ne ho tanta chiarez za nella mia mente, che ho per matto da catena, chi altramen te crede. Debito adunque di ciafcun principe, & onorato fi- gnore,ò d’altra coditione ancora piu balla (ma di qualche giu ditio) farebbe,di riconofeere la forfanteria di fimil genti, del lequali la maggior parte per fue mal’opre,ò lì è fuggita da ffa ti,ò fcappata dall’ordine de’preti,ò fuor ufeita per delitti d’iffi portanza da i paefi propri;* natiui,& taluno ha fatto tre ò quat rro forti di mutationi prima che habbia ( come fi dice;fattoi! falto del montone. Io non entrerò a dire de’Germani,nè din glefi,nè d’altra nation,come potrei dire: etondo flato & il Lu tero,& il Buccero,& altri pure sfratati,& in particolare il Bue cero difeefo forfè da Giudei,poi Criftiano, poi frate,poi ereti co,& poi fi ritornò a morir Giudeo,cioè,quato alla fede, per quel che fi dicerma dirò di alcuni eccellenti de’nofìri d’Italia .

L’Occhino fi fece di tre,ò quattro mifture di frati, & poi fi rifolle; & efiendo uecchio pazzo andò a maritarfi,ò piu toflo a pigliarli una concubina. /

Pietro Martire fu canonico regolare, & nel tépo della gio- uentù ( per quanto alcuno de’ fuoi compagni huomo di lette¬ re^ di ftrettilfima conuerfatione có lui, m’hagiurato piu uol te) fi foleua chiudere in luogo ofeuro in Padoua nel monafle- rio di fan Giouanni di Verdara ; & poi ufeendo,foleua dire,li¬ mili parole, Io non fo tante cofe, ho chiamato il Dianolo, l’ho inuocato, me gli fon donato,nè mai ho uifio, nè udito co fa alcuna, credo che fieno tutte fauole ; & per me di tutto ciò m’accorgo che coli credeto,& creda tuttauia,già che fi è aflì- curatò di fare ogni forte di male nella chielà di Dio, lènza te¬ mer del demonio un pelo. Che colà non fece egli per ambi¬ none nella congregation fua per abballar altri, & ingrandir iè fleto ? Peniate mò, fe piu uolentieri metterebbe la mano nel Papatoi? ÀI fine fi fcappò dal monafterio di Lucca,& eton do già uecchio,pur anch’elfòfi feoprì ciò che era,maritàdoli

Viti Z? coftx mi di alcuni moderni ereti¬ ci.

Occhino.

?ict. maxtire » [p. 118 modifica]118 WJpop di Donrt Ippolite

per lutturiare apertamente, come forfè anco haueua fatto fa fècreto per altri tempii & di Luterano fi è fatto facramétario» Con coftui fi fuggì un Don Gio. Battifta il qual fu Ebreo ; poi Criftianojpoi frate,poi luterano,poi zuingliano »

Del Vergerlo che dirò? che tal’hor da Rettor di Rudenti con una ghirlanda in tetta nelle barche da Padoua (& quello per troppo ceruello che haueua)tai'or da Auuocato,tal’or da Vefcouo, tal’or da fuggitiuo eretico ; fi è uifto traueftitoèEt che fòrte di uita ha egli tenuto ? da far d’ogni erba fafeio, co¬ me lo fa chi l’ha praticato. Dio benedetto, che fòrte di gen te,o piu torto canaglia è quella,che uuol riformare il mondo, por legge al Concilio, & introdur nuoua uita ? Aprite gli oc¬ chi della mente,o Crirtiani.

Seguita quella fi nobil pezza, continuando pur il fuo finto, & fimulato lamento; perche fia elclulò co i fuoi dal Concilio, attelò che pur confettano gli articoli di fede comprcfi nel fìmbolo de gli Apolidi,Niceno,& di Atanafio, confettano il Vecchio,& nuouo Teftamemo ; & dice, che lòno parte della chielà,fi come furono anche gli Apofloli:& fe non fono,ardi¬ rono di dire,che nè anche gli Apolloli furon parte di quella» Di tutto ciò fi mente egli, poi che non lòno nè carne, nè pe- Ice ; chi è Luterano,chi Zuinghliano,chi Caluiniano, chi del¬ la confettìone Auguftana,chi della aggiunta, chi Anabatifta, & chi duna fetta,& chi d’un’altra. Chi liete adunque noi,che confettate quelli articoli,quelli fimboli, & quelle fcritture ?

V irìetl di fet tra q Ue iii 5 c he fi dolgono del Papa, almeno da quaranti

tc tngUmu c hi liete uoi che lamentandoui,ditedi confettar tan-

    • te cofe ? dite fu,perche fecondo le uoftre lètte. coli laprò io,

le lè confettate o nò. Io fon certo, che tutti gli eretici hanno detto anch’ettì di confettar l’ifteflò,& nondimeno non le han dxtli eretici no credute, fecondo il giullo ; & però fono flati eretici; coli ài oggi niente noi non credete al giullo quello che dite,ma parte fi , & parte inturmente nò ; come per ettèmpio.

predino . Nel fìmbolo de gli Apolloli, credete la remittìon de’ pece*

ti,doppo il credere la lanca Carolici chielà, ma nó la credete

rutta# [p. 119 modifica]contrarifecondo fcrìtto delVerg. 119

tutta ; negando la penitenza facramentale, che nella chielà ia uertù di Crifto fi ritruoua.

Dite,di credere nel fimboloNiceno l’Apoftolica chiela;& nondimeno la negate in fatti, non udendo ch’ella fia, oue fi ritruoua in Roma,durata al mondo Tempre, quando tutte Tal tre ehiefe de gli Apolidi, che per lo mondo erano fparfe ( fe¬ condo i Vefcouati loro)fono màcate,& uenute in mano d’in¬ fedeli,ma quella fola mai per alcun tempo è mancata.

Dite,di credere nel (imbolo d’Atanafio,che chi ha fatto bc jié,anderà in uita eterna,& chi male,anderà all’inferno, & nò dimeno poi negate i meriti del Criltiano.

Dite,di creder tutto ciò,che nell’uno,& nell’altro Tettarne to fi ritruoua, & nondimeno negate l’autorità del lòmmo là- cerdote figurata nell’antico, adempiuta nel nuouo in Pietro »

& nel Papa di Roma. >

Dite,di elfer parte della chielà come furono gli Apolloh ;

& nondimeno negate quella chielà,che loia fi ritruoua deriua ta da gli Apolidi a noi di tempo in tempo,fecondo la compii tation de’libri Criftiani,& non ui uergognate,di dire, che lie¬ te di quella fetta, che folo da quarantanni in qua è Hata illu- ftrata nella dottrina uera, & nella fede. Come non liete

dunque uoi bugiardi da fenno, fe col Vergeriouolete dir ^

quello? v

Seguita,& dice, che il Papa non gliuuolafcoltare,neinfe- Vfr £’ gnare,fe fi trouerà, che non le fappiano, perche non ricufano » d’imparare,fe lor farà moftrato di meglio. ^

Qui mollraprimieraméte,di non faper ciò che fi credano, " poi che lafcia anche la fuaparte al dubbiofo animo di poter imparar meglio,& dal Papa. Ma noi fiamo ben chiarilfimi, che i Luterani non ci pollano inlègnar co fa di fede, perche la ucde c ^ r0 noftra fede nelle cofe di elfentia non ci lafcia dubbio, che fe f crct ^

juflimo dubbiofi, faremo infedeli: & il galant’huomo fi lafcia no n fatino do frappar quella fi bella uerità di bocca. Ma è poi un bugiardo che fi credano a dire,che fe gli farà moftrato di meglio, imparerà ; & al giudi lio di qual dirà egli, quello elfer meglio, & quello elfer peg[p. 120 modifica]no r R.tfpofladi Domi'Ippolito

gio ? dio, ò d’altri ? & fe d’altri?di che forte, della dia ò della noftra fchiera ? ò che bel palio. dice,

Vergerlo. Se il Papa è Vicario di quella fomma bontà, che è Cri- <c flo,perche non ne infogna egli? perche non ci laida entrare « anco noi in quel luogo,che è il fupremo tribunale,& giuditio « delle chiede, acciò chepoteflìmo elfercauatidallo errore, fe « damo in effetto in errore ?

Ippolito. Che dubbio è che ci fiate? Ibi quello ui condanna ( quan¬ di nonfapen do mai altro nò folle) che non lapete uoi delfi le ui fiate, o nò, do gli eretici perche non fapete ciò che ui uogliate credere . Segno di che jijieno merro fono j e uo dre tante fette ; tra le quali uoi andate faltando d : u 7 <tniu &U C ° n n ?nell’altra, fecondo che o piu rodo, o piu tardi ui braccate di llar in quella,oue ui trouate. Et tal di uoi è che le ha feopa¬ té tutte. Non fi è uifto nelle diete fatte fopra di ciò,dallequa- Veretico non ^ Ul detepartiti in difeordie ? & perche quedo, fe non perche uoi effer infe * non è alcun di noi che uoglia elfer infognato, ma infegnare,& gnato, ma uoi elfer maedro di putti, & códuttor di ciechi? Et fe entrade nel infegnare . Concilio, chi dubita, che lo metterede tutto in confufione ?

Kom.z. Che fe non uolete altro dal Papa le non edere infognati, già f ho detto tante uolte,ueniteuene oltra, che farete i ben uenu ti ; & con quanti faluicondotti uoi uorrete. - Verterlo , : ‘ elfendo parte della c hiefa (& fi mente) fe il Papa

  • * « può dar loro delfunghieaddoffo, gli ammazza come malua-

« gilfimi huomini, perche abbracciano la pura dottrina di Gie- « di Crido.

Ippolito, Queda mi par una gran cofa,chc codui habbia detto diso¬

pra tanto sfacciatamente, che quando fodero ben chiamati, non ui uorrebbon uenire,& fi uada ora lagnando tanto, & cru dando,pèrche non gli fia dato adito di uenire : fe nò uuoi ue¬ nire, perche ti crucijtanto d’elfer efe!ufo?&fe ti crucij tan¬ to, perche hai tu detto di non uoler uenire, ancor che tu folli dal Papa chiamato ? Nó uedi tu,che dal cieco furor cacciato, no dai in ceruellomez ora ?Ma quello,che nieghi ora, di qui a poco tu l’affermi,& quello che or ora uaì cercando, da qui a poco tu loabomini. ma odi queft’alcrQpunto.

Tu non [p. 121 modifica]eontra'lfecondo fcrìtto del Verg. 1 11

Tu non fapeui come meglio rinouar l’Ere'fie, le di nuouò non mi metteui innanzi le querele de’ Donatici , & de’ Roga tiani co’l retto degli Eretici antichi: Etti diceuano, come tu, di creder benittìmo. Diceuano,come tu, che erano perfe- Querele guitati a torto. Diceuano, come tu, che erano parte della ticheie gli e- Chiefa. D iceuano,come tu,che accettauano i Simboli, & le *

fcritture tutte,& nondimeno pur erano Eretici com’ancor tu fei. Che cola dunque fu rifpofto alle lor querele d’ettèr per feguitati da’Catolici,come tu fei ora dal Papa? Leggi Ago- ftino centra i Donatici & leggilo centra Vicenzo Rogatia- no;& di qui impara,che tu fei un'Eretico limile,& peggior di Ioro:& fe vuoi anche Papere il particolare,perche il Papa per Seguiti uoi altri, leggi il mio libro de’ dilcorfi nella prima parte a capitoli 3 9. & l’imparerai. Voialtri uolete a tutto V eretico hot tradito elfer finitimi trilli in 'ogni genere, & non fate altro rc ° e P° te J che profettìone elprelfa di publici feditioli, & di rouinar l'ani me,& di mettere i Regni,& le prquincie intere in tumulti, & tjmr ^ Cr ^ in arme,& fete cagione di guerre immortali,& d’infiniti homi ^ Q f cidij,ftupri, ruberie,& d ogni altra forte di male: & poi come tante Citelle uolete pianger qui,come fe a torto fotte perfe- guitati,& cattigati:& ui pare ancora di eifer fanti nel mezo di tante,& fi enormi feeleragini,che non lolo liete uguali a gli homicidiali,& aivencfici,come quituricordi, ma non sòio forte alcuna di federati huomini,a chi uoi non fiate di gran lunga fuperiori. Pero fe a qual generatione fi uoglia conué- ne mai fupplitio , chi dubita,che maggiormente fi conuenga a uoi? Però dimmi tu qual foggia di leggi(dalle uoftre in fuo- rejnon ui condanni a morte ? & tu che hai fatto un pezzo dei dotto ne i parafi, guarda in qual Bartolo o Baldo non ti fia gri dato il fuoco addotto. & è un bel patto da notare, che le uoi altri,gentil perlòne,uiritrouatea calo elfer fuperiori o uguali a i Catolici in qualche loco,fubito come tanti lupi affamati,

& cani rabbiofiui li allentate addotto, no tralafciando lotte alcuna di male,che non gli facciate nella robba,nell’onore,& fletta uita: come ottimamente! fatti non mi lafciano mcnti-

CL re » [p. 122 modifica]122 WJpopdi'Donn>Ippolito '

re, eh eh or nella Francia ufate : & nondimeno poi uoletedo-

tergerlo ,

I ppoìit»

Verge»

Ippolito . Vergerlo ,

Ippolito»

Verg.

de’ Papi quanto ti piace.

Egli è forza dirueloi(perriuolgerea noi Papa una parte di guelfo mio ragionamento) uoi fietepieni di garbugli, & d*

Cefi fcriue la eccellenza del Vergerlo : & non è poco, cH ella h ha anco degnata di dar del uoi al Papa, già che le l’ha

meho tante uolte in parole lòtto a piedi.

I garbugli in fomma fon quelli. Papa Giulio terzo Icrif le a 1 Signori Suizzeri, che douellèro mandare i lor Prelati al Concilio di Trento,& nel breue poi ui era la confueta claufu la,che dice ; Come il lator prefente ui dirà piu a pieno. Il nun tio che era M. Girolamo Franco,& fu il lator del breue,ditte, & lalcio in ilcritto,chemandaflèro i lor Vefcouidlor Dotto- n,i lor Predicatori,i lor huomini dotti ,• & venne a dire di piu, anzi quello,che il Papa non uoleua.

Iddio fa fe quello fu uero,ma non importa, che a punto Ila com’egli l’ha foggiunta,feguitando, & dicendo al Papa.

Direte,che fu error del nuntio, & tu lo chiami garbuglio? fiate ad udire il relto & intenderete, ch’io lo chiamo garbu¬ glio,perche egli è garbuglio.

Et chi può dubitare,che quello non folle errore del min- fio,le per uenire al Concilio,intendeua,ucnir per hauerci uo to ? Et chi era li grolfo,che lo douelfe credere al nuntio, (lan¬ dò il breue,come liaua,&efTendo l’ordine continuato Tem¬ pre in contrario ? Non lìpuò adunque dire,che ràfia garbu¬ glio fino a quello punto. Hor feguita il relto, già che dici al Papa,che debba Ilare a udire, come dicono ancor tutti i buf¬ foni a i gran Principi.

Mandando uoi fuori la moderna bolla della Indittione,ha nere in ella piu chiaro che’l fole detto,di chiamar (blamente quei che fon de’ uodròcioèjPatriarchijArciudcouijVefcouis

Abbati [p. 123 modifica]tóntra'!fecondo ferino del Verg. 1 23

Abbati, & quando iuoftriNuntij prefentorono la Bolla a i 3J Principi deirimperio,differo,che ogn’huomo,che haueflè uo „ luto, farebbe flato nel Concilio afcoltato di qualunque cofa. }J Non diflero il contrario per diametro di quello che è nella Bolla? e falere ufar di quelli tratti p feruiruene(come fi dice) t> ftandoacauallofu lfofTo,oattaccarla ai Nuntij, quando ui n pare, & dire che hanno fallato : fon quelle cofè da Crifliani ? 9y Sarebbe pur’ormai tempo, che fe non per onore ( il quale tutto t’hai giocato ) almeno per non fentirti sbatter dietro le mani, tu te n’andafii a nafeondere al fuono di queRe parole.

QueRoè pur quello che ti fcanna, mentre nie^hi che non è dato luogo di dire le ragioni uoflre-, & queRo è quello, ch’io tante uolte t’ho detto,che i Nuntij mandati folo per tal’effet Contrdidm t-o( il qual tu nieghi) rifanno mentir per la gola. Et come delVcrg , puoi tu ancor di nuouo qui tirar de’calri ? I Nuntij inuitano^

& fono mandati ad inuitar quei,che fi sà,che non fon de no- firi, nè meno fono Patriarchi,nè Arciuefcoui, &c. che cola dunque uaitu abbaiando comecane? Etacheeffetto fono mandati ? Et oue truoui qui garbuglio ? Se a i Signori Suiz- zeri foffe flato detto dal Nudo, quello che il DelphinoeCó- menduno dicono,cioè che mandaffero i fuoi dotti, & predi»; catori,per effere uditi o uero per confegliare, & non per fe¬ dere nel Concilio, il Papa haurebbe hauutoil torto a non lafciar ch’entraflero,fi come l’haurebbe ancho Papa Pio ? fe lo negaffe:ma egli non ricuferà mai quello, che i fuoi nuntij fin qui hanno detto : perche non gli può hauer mandati a i Prin¬ cipi^dell’Imperio per altro effetto ; nè meno gli vuol hauer. mandati fuor che per inuitar’effi, & i loro a uenire,& hauer il luogo, che lor fi conniene. oue truoui adunque tu quefla có- tradittione diametralmente ? Io mi Aupifco a confiderai e ciò chetiefee dibocca;& Aoin gran dubbio, fe tu fai ciò che fai,per darmi fpaflo a bello Audio nel leggere le tue inettie,o pur fe lei coli matto,che tu dica da douero. Ma recita il reAo.

Nel paflato Concilio di Trento u’erano due Arciuefcoui,! Verge. quali erano a punto due mafehere. L'vpfalenfe , che è nel-

Qw

la [p. 124 modifica]Ippolito

Vcrg.

124 ^ìjpojìd di JDomt Ippolito

la Gottia,& l’Arroacano,che è nella Ibernia, dico mafehere le quali non haueuano altroché fofTe d’Arciuefcouo, chela

re n-h^ete f'T’’ & ° ra ÌU °Ì° d ' qudle due ’ che fono mor tc 3 n hauete fatto una terza, che chiamali il Patriarca di Co-

ilantinopoli , il qual uoi uolete che uenga nel Concilio di

!" c l u , u ' c °nfcHò Vergerlo,che non sò cioche ru ti habbia

orinati in cnipft a . c ^ epf0 P°® t0 tu habbia coli addotto i no. minati in quello luogo,ne men conofco quello terzo Patriar ca Coilantinopohtano.Son ben chiaro , che tu habbia uo- luto dir male, & detrahendo,non la perdonare, nè a uiui, nè a morti, per farti conofeer meglio : & sò, che uè un Patriar¬ ca di Gierulalemme ; del quale conofco due colè ( che i due mora non so di hauergli mai conofeiuti) l'una.che non è uno epliml et h fe,h T m ° pe r Ci |cci ar g' il “uecarote:raltra,che

ut Tr,h b l"h Sa re f “ 1 CU< ? libro ’ & sà deciferareia tua

Ulta, perche1 ha aliai ben in pratica : & credo, che non fine

. v Sl r è uCa ì a P oi quelTaltra eccellente barreria,di fingerete r v elcouifacciano 1 Decreti, cipouerelli non ne hanno nè colpa,nepeccatorperche il Papa è quello che gli faa fuo mo- do,& poi gli manda a Trento, che fieno da i Vefcoui pronun ciati. Non parlo io propriamente, quando dico, che quelle fieno cofe da barri i Ma che fo io, quafi ch'io potelfiabbrac ciare in quelli miei foglietti tutte le male arti, che ufate d’in¬ torno a quelli Concihj ? Dio, perche hauete tolto a combat» ter contra di lui, Scontra il fuo diletto figliuolo Giefu Cri»

Et [p. 125 modifica]contrai fecondo 'ferino del Verg. 125

Et chi non haurebbe quibifogno di orecchie di ferro per ìtfi. hauerpatientiain udir tante uolte una fi mal concertata bu¬ gia ? Già mille uolte habbiamo intefo quella cantafauola, nè occorrerla piu replicarla,mabifognaua prouarla, & non ci render naufea con la tua fi ftomacof^bocca , dalla quale che

cofa ufeir può,che tutto non puzzi ? Già fei conofciuto,& di feoperto, & di fopra fei conuinto di quella tua particolar ma lcdicenza,& non occorreuaqui,che tu efclamaflì tato a Dio, nè tu tratta® il Papa da cieco,ben fai,che i tuoi gridi non paf fano piu fu,che i tettij& fon certo io,che chi haurà tolto a có* batter con Dio,rimarrà co i Giganti fepolto, come a punto faràdite,chequifaidelGigante> lodandoti tanto delle tue prodezzeiperò ti lafcìo a roder te Hello,già che tu hailafciato il Papa,la Chielà,& CriHo,con dire.

Et con quello uilafcioM. lo Papa. _ . s vergerlo.

Seguita poi, anzi non feguita,ma torna indietro dicendo, j pp 0 iu 0 . Che il Papa nó folamére non gli vuole afcoltare,ma ancor vergerlo. egli medefimo vuol’effer folo in diffinir le colè,& le gran con „ trouerfie,che fono al mondo,anteponendo le Hello a tutti i „ litteratì, fauij, & pij huomini dell uniuerlo, contra Io ftile di „ Gregorio magno, il quale per modeflia riculàua di elfer chia „ mato Vefcouo uniuerfale,dicendo,che quello,vniuerfale,era „ titolo d’Anticrifio:& coflui hauendo le non pochilfime lette re,anzi elfendone folamente tinto,fi lafcia dare ad intendere, „ di hauerc omniaiura, atqueomnemTheologià in fermio pe }> to'is,&c. „

Quella maledica inuétionc ha egli detta di fopra nel primo Ippolito . fcritto,& n’ha riportata rilpofla,ma egli nó fi uergogna, fe bé mille uolte uien ributtato. Si mente, che ilPapauoglia giu¬ dicar luì folo,mentre fi fa il Concilio,con tutto però che giu¬ dicar potefièrma quello èun puto,che non fi ha da metter in¬ nanzi a caualli, & non efièndo qui a propofito, io lo tratterò alcroue ; Bilògnaua eh egli prouaffe, ciò che dice, & non far fèmprela notte della Epifania.

A quel punto polche tocca del chiamarli uniuerlàle »Di~ [p. 126 modifica]11 s *2{ì/f>oJla dì T>omt Ippolito rc ,C non r èSS^ Mag 7 P f modeftia non lo^rScetìg

vorrei^hf titQloefl ' cr di Anticrifto,

j°"? ’ “f. mi Cl f a ' re 11 luo g° » oue Gregorio Magno habbia dette corali parole ; concio & cofa, che nella epiftola che ferme ad Eulogio Patriarca Aleffandrino, ( nella qual tratta tal f°ggetto,& e regiftrata nella dift.99. nelfine)non fè ne ri* Chccfim^ truoui pur una fola parola,chequàdobeneuiiìritrouaflèiol-

quindi adfrfcheilddS riUere ? Za d ,‘ co(l fa !? to Pa P a •' come farebbe

tintitelo id ori* "anoi ^ ufur P arrdo come pedona

Tumtrfde. f’’??■ ha d ^“> che f °® titolo d'Anticrifto : o uera- mentc ; Chi penfaffe fotto tal titolo di vniuerfale, leuar'i ti- nè Verro" 8 ‘ a "'.non lafciando nella Chiefa nè Patriarca, ne Vefcouo,col darli ad intender,di eilèr Ufficiente da fé fo- lo,d‘ gouernartutti i particolari della Chielà di Crifto, que- fla farebbe fuperbia,& proprietà d'Anticrifto, & fecondo tal fenfo, (come fi uede chiaro dalle parole in quel luogo recita¬ te) fan Gregorio rifiuto di effer coli chiamato. che fia il vero, dice fra 1 altre colè; Vobis fubtrahitur, quod alteri, plus quam ratio exigit, prabetur. & poco apprelfo, Nechonoré die deputo,in quo fratres meos honorem Cium perdere co- gnofeo, &c. & piu a baffo, Tunc ego honoratus fum.cum fin

SJr ir**'o USqUe h °S° r c - o tUS non ne § atur: fi enim me uni- uerfalem Papam ueftra Saèhtas dicit,negat,fe hoc effe, quod

me fatetur uniuerfum: fed abile hoc,recedane verba.qua: ueri tatem mflant,& caritatem vulnerane, &c Qyefte parole,non ha dubbio, che uogliono dire,come

Gre g o.,oricufi.lt.tolodellVn,uerrale,pernonpriuarglial-

eólad r h° r n & ° r ,° ° r n0n * ma °8 ni UOlta Che alle patti¬ niv C ^erereftino .Vefc o u.,& alle Metropoli ifuoi Metro

politam,Patriarchi,& Arciuefcoui,có i Puoi titoli,& fuoi ono ri,lènza contradittioneal Papa tal titolo dell'ecumenico, &

vniuerfale di tutta la Chiefa,ficonuiene ; fiotto al cui gouer-

no,egiurifdittione gli altri tutti o fieno Patriarchi, o Arciue-

«:oui,o ye(coui,hannoda,uiuere,& regolarli: alcui propoli[p. 127 modifica]contrari fecondofcrktodelVerg. 1 27

to Io ifteffo fan Gregorio dice che la Romana Chiefà è capo delle altre,& fecondo lei le altre debbono uiuere, diftinc.i 2. Praecptis apoftolicis, xxiiij.q. 1. Il perche la Chiefà pregan do Dio per il Papa dice , Qixem paftorem Ecclefias tute prteef feuoluifti. SanMarceiloPapa& martire, parlando di San Pietro, dice, Ipfeenim eft caput totius Ecclefia?, &c.

! Coli Tanto Anacleto Papa,& martire uuole , che fi uiua fe¬ condo la Chiefa F omana; diftintione 2 2.Sanda Romana ec- clefia,& cofi fan Califfo Papa,& martire ; diftinóiione 12.No decet. Cofi fan G:o. Crifoftomo fòpra fan Matteo, & fopra gli atti de gli Apoftoii. Et Giulio Papa dice, che in Roma Id¬ dio pofè il principato di tutta la chiefà,diftin&ione 11. Noli- te errare,& perciò uuole,che da lei ognuno impari ; Cofi fan Leon Papa, nel terzo fèrmone della confacrationfua.Cofi Nicolao Papa fcriuendo al Patriarca, & clero Coftantinopò- litano ; Tutti quelli parlando di fan Pietro, lo chiamano capo di tutta la Chiefà, che habbià l’autorità in tutta quella, non come Moifè in un Polo popolo ; ma come Principe della uni- uerfàl Chielà, & che habbia la fuprema poteflà nella medefi- ma uniuerfàl chiefà ; & perciò nel Concilio Calcedonenfè fii gridato da tutti i Vefcoui,Leone fantiff mo Apoftolico & ecu menico( cioè uniuerfale) Patriarca, uiua per molti anni .Et Luccntio Vefcouo nel medefimo Cócilio Vicario della Apo italica fede dicè, Vt nouèrimus quid Apoftolico uiro uniuer- iàlis EcéJèfias Papa deferre debeamus, &c. Cofi dice anco .nella fottofcrittione alla condannatione di Eutiche nel Con¬ cilio fteflo. Chi uorrà dunque a tante autorità cótradire per afcoltare il giuditio {ciocco d’unfimirhuomo? Come non è egli un cane,ritornato al uomito, anzi un porco lauato, & di nuouo ritornato a riuolgerfi nel fango j il quale quantunque di fopragli fia flato rifpofto, nondimeno ritorna a rivangar la maledicenza contra il Papa, trattandolo da ignorante, & da Sciocco : come quello che efièndo folo tinto di lettere, fi laici dar ad intender fauolecMa con tutto ciò non ritornerò già io a lauarlo di nuouo, per non perdere il fapone (come fi dice in

Gregorio pp. La Rom.cbic « fa capo dettai tre cbiefe. lìarceUo pp.

Anacleto pp.

Califlo pp. Gio.Crifo/l • Giulio pp.

Leone pp.

Nicolao pp. Pietro capo in tutta la Chiefa

Il Codilo Cai cedcncfe chia ma il Papa Pi triarca uniuer fale.

Lucentio .

2.Pet'U [p. 128 modifica]Violili.dot» tordi leggi os notato da gli antecejfori P 4 pi.

Il P dpa ìnquà to Pupa ha da dir fentenza d'intorno a tut te le cofe della fede,mmiier ri.

S.Pietro non ftudiò mai. Watt. 1 6. Atto. 1 5 Aito. i. Verg.

Ippolito.

Verg.

Ippolito.

228 %ifpofìd di Donn' Ippolito

prouerbio); & fé uuol elfer tempre un porco,per cagion ai oq ia,& di lafciuia,può anch’elferriftelfo per cagion dittarli'lem pre riuolto nel fango delle maledicenze. Io ho rifpofto & fat touedere, per quanto iitiportauano i termini della ragione 9 lenza dar folpetto di adulatore,Se Pio 111 1 . fia ignorante, 0 dotto,& quando ben’io non l’haueftì detto,pur lo direbbe tilt to il modo che ha uifte le tee tegnature fatte di gratia & di gin ftitia in Roma mentre fu Cardinale. Però qui non ho piu da dirne altro ; & riueggafi di fopra; Dirò tei quello,per auuerti rei lettori,che i Canonifti dicendo, che’l Papa habbia omnia iura &c. non intendono di perfona particolare ; ma del gra¬ do^ auttorita,che tiene il Papafil q uale in quanto tale perte na graduata, ha da dar temenza, efiendo gouernato dallo Ipi rito di Dio,com’è in tal calo,d’intorno a tutte le cofe concer¬ nenti la fede, & la commune utilità di tutta la chiefa ; nel che mai fi ritruoua,che decreto alcuno fatto da Papi d’intorno a limili articoli ( o folle huomo di lettere,o lenza ) habbia erra¬ to i & di già ho auuertito i lettori, che fan Pietro non ftudiò mai nè per lettera raèper uolgare, & nondimeno fu Papa oi di nato da Crifto ; & elfo daua le temenze ne i Concili;, ragio¬ nai, &difendeua tuttala chiefa dalle detrattioni de mali¬ gni ; come ne gli atti fi uede chiaro.

Seguita,& comincia a darli dell’acqua a’piedi,& dice, che quel galanf huomo (del quale ha ragionato di fopra) udendo quella parola,che ancor qui ha replicato cioè,che il Papa uo- glia elfer telo giudice, lo riguardò con uifo feuero, & dille, guarda ciò che tu dicali Papa non uuol elfer telo giudice; an¬ zi manda i fuoi Vefcoui che fieno nel Concilio giudici, &c.

Vuol moftraril Vergerio per tai parole di elter animofo mol to nel rifpondere a eoftui,che quali gli minacciarla io nó mi marauiglio, perche credo, che fuftea tauola,&perciò era fatto tutto arditojonde fiegue,

Et io non potendomene contenere gli ditti infocatamele*

Quello infocamento non era tenza l’occafione,in chefir^ trouaua il Vergerio 9 come detto.

Tutto [p. 129 modifica]contrai fecondo fcritto del Verg. 119

Tutto è fìnto ciò eh egli fa,- & chi potefTe crederè,che il Pa pa haueffe per ( cóferuatione del fuo non douuto principato, & della Tua ufurpata grandezza )

Se egli l’ha ufurpata a chi l’ha egli tolta, & chi l’haueua pri ma o Vergerlo, & con quali arme fé l’ha ufurpata ?

Fatta la legge contra la diuina legge,

Scriue nel margine 15. cap. ad. come fe a quella legge de gli Atti Apoftolici in quel cap.offeruataùl Papa contradicef- fe con altra legge

Che elfo, &i Cardinali debbiano interuemrenel Conci» lio ; non fe ne curi di efferui eflo,nè che i Cardinali ui fieno;& forfè che la cola è di poca importanza ? ma madami qualche fuo mitrato, o fattaccio, che debba giudicare tutto lo flato della Chiefa Romana ?cofidifs’io,&c.

In uerità,che quello detto fa nò fo che di quel ch’ho indo- uinat’io,cioè di tauola ; & perciò come cofa mal comporta,& peggio intela da fe>& da altri dapoi che ha digerito alquato, ritorna a uolerla pure racconciare s’ei potefle,però feguita.

Et dico ora di nuouo,nó eflèr cofa dahuomofenfàtoadarfi ad intendere, che il Papa trattandoli de fumma rerum, man¬ dali i fuoi Patriarchi de Turchi,& altri Vefcoui dotti, & in- dotti,fauij & matti,quali haueffero a fardifuateftagiuditio , & diffinire la moderna controuerfia,nella quale fi tratta di tut ta quantala riputatione, & di tutta etiamdio la uita del Pa¬ pato, &c.

Or non l’ha egli detta meglio dapoi che ha digerito,* non ha fatto un bel difeorfo da huomo fenfato ? ma no l’ha ancor finita,nè men s’è fatto intendere, perche nò è ancor ben ritor nato in fe fteffo. Vdiamo dunque la terza uolta ciò che scab¬ bia uoluto dire in fi fatte intricate parole : & eflo fi ritorni a federe.

Dirò io com’ella fta,il Papa fa l’Indittione,& non e pero in libertà d’ogn’un d’effi d’andarfene di lungo a Trento, perche ui fieno chiamati i Vefcoui ima uiuanno folaméte quelli che il Papa poi ricerca particolarmente,& fuoi dar la paga a mol-

Verg*

Ippolito.

Vergerlo, Ippolito .

Vergi.

Ippolito*

Vergerle *

Ippolito*

Vergerlo „

5 » [p. 130 modifica]i far ' ^iJpofia'dfBonr? Ippolito

« ti di eflì,di mefe in mescerne a gli archibugieri,& quelli fall, “ che particolarmente ricercati ui uanno, fé ne danno in Tren- cc to a far buona ciera.

Ippolito. Et per quello è,che ui uanno tanto uolentieri.

Vergaio , Occupandoli però qualche uolta nellafcoltar qualche di- <e fputation fratefca,la qual fallì per una uifla falla, fino a tanto, <c che uenga il giorno nel qual debbia farli la lelfione ; & all’ora “ a fuon di molte campane,& ftrepiti di tamburi, circondati da “ molti armati (com andaron gli Àpofloli nel lor Concilio apu ét to apunto ) fe ne uanno in coro della Chiélà di fan Vigilio, & “ quiuipollificonla fua bella mitra,& bel piuiale a federe in or <c dinàza,afcoltanoattentamétei decreti impaflricciati dal Pa- <c pa,& da qualche Cardinale,o frate entro di Roma,& chinate £t le telle,pronuntiano reuerenteméte,Placet, &'queflo è il Co <c cilio,chi non lo fapelle,perciò che dalli poi fama che i Vefco- tc ni,& il Concilio habbin fatto, & detto, & nondimeno ei non ££ haurà fatto nulla. Ma il Papa, flandofia Roma nelle fue deli- <c tie,& tanta è la uiltà de’Velcoui (per lor gra,tia)che per paga- ‘ c mento,&per far piacere a! loro Idolo, fono contenti di dar a tc nolo il corpo loro, come meretrici, o almeno la gorgia, & la (t Rocca. Qual fu mai la piu fcelerata,& piu orribile barreria, ££ uergogna ? & è certillima, & già è diuolgatilfima,& nondi

t£ meno non fe ne rimàgono,effendone fcoperti,& /gridati ; ma ££ auerrà loro quello,che hauranno meritato,che oltre alla dan- u nation delle anime fempiterna(queflo è quello che importa) <£ faranno moflrati a dito intuttala prefènte età,& hauranno la <£ infamia in tutta la poflerità ; & nódimeno i decretai quali dr- <c confi effer fuoi,& non fono, faranno hauuti a fcherno, come “ già fono i pattati Tridentini con tutto il papato. O impu- “ dentia,è poffibil egli,che non le ne rifentano, & nonfene ue£ 4£ gognino? Ma uiuadan pure, che fe ne terrà molto ben con- “ to per publicargli,per quello che noi non uorremmo,ma fare 44 mo sforzati dal zelo della gloria di Dio. Obei Vefcoui,ó t£ bei pallori, i quali con tali intrighi, & tratti da barri, tengon S£ mani,onde fieno còfermate le idolatrie^ le ribalderie, con-?

culata* [p. 131 modifica]contraifecondoferii to del Vèrg.

^'l'¬

alleata , & fotterrata un’altra udita la propria dottrina del fi- „ gliuolo di Dio, che puotà imaginar di far peggio ? qual può 3>

e/Ter maggior triftezza di quella ? ,,

Aduque è ueritàmo quel ch’io dilli, che il Papa iltelio uuol elfere il giudice,& il definitore,& dandoli nel fuo Bel uedere m pronunciar di fuo ceruello ciò ch’egli uorrà per le gorgie, & n per le bocche delle fue creature, ancor ch’egli finge altro per w fila lealtà. J »

In quanto ueramente a quel che dille colui, che tutto e me n tc,& uolontà del s Papa,cioè, che ad ogni modo non fia piu ne }> celfario di far un Concilio da douero, & co la prefenza de gli w auuerfarij difputar la caufa, percioeh’ella fia Peata difputata,8c w decifa altre uolte,di ciò,che mi par cofa d’importanza Cs’alcu

nauene)ne dirò poche parole. , . r ; - »

Grande è la mia patientia, in ogni modo eh io ho in alcol- i ppolitn . tar un fimil huomo,già che no ha nè bocca, nè lingua ,nè lab¬ bra,d’altra maniera di quella, che li dipinge ne’ Salmi, oue fi dice di coloro,che fono abomineuoli apprelfo Dio,& appref

fo il mondo infieme, Sepulchrum patens eli guttureorum,

linguis fuis dolofe agebant, uenenum alpidum lub labijs eo- il V ergerlo è rum,quorum os maledizione & amaritudine plenum eft &c. intolUMp Giade & intolerabile è la puzzadelle fepolture piene dd cor ^ f pi morti quando fi aprono; Mortale è il ueleno,& lenza alcun nuameenua . riparo quando l’afpide Tordo morde agiataméte.-ma la lingua del detrattore,& la bocca maledica, che fputa Tempre amaro toHìco non èin alcun modo da compararli,perciò che ella a- uanza di gran lunga ogni cofa tale,& per tanto come potàbi¬ le mai,che alcuna orecchia criftiana udir polfa le detratnoni, le maledicenze,& beftemmie, che efeono dalla federata hoc ca di fi gran trilioni qual fenz’alcun riguardo nè di Papa,nè di Cardinali,nè di Vefcoui,nè di preti,nè di frati, o a diritto, o a riuerfo,proferilce ciò che gli uiene in bocca,contra l’onor, & la riputation di tutti,& contra la uerità efpretàa ? & nondime no ogni cofa gli Ita bene,pur che fia maledicenza, infamia, Se difonellà intolerabile. mercè che è del numero di coloro,che

R 2 portano [p. 132 modifica]r * 1 ‘Rìjpofta di Donn' Ippolito

portano la fpada in bocca, cioè che con parole concitano api 1 armi & a tumulti.de quai coli ferine ii fai. 5 8. Ecce loquen- tur m ore fuo, & gladius in labijs eorum, & G , Et chebifogna fai qui altra n(porta ad un tale, fenza ogni uergogna, poi che ! Sp nC11 °L c ^5 tuttauia e m eflère in faccia di tutto ilmon- do,(lenza che alcun paragli da delle mentite?Et qual è quei \ efcouo,che non ha m libertà d’andarfi al Concilio,fe gli pia ce?& qual e medefimamente quei Vefcouo, che dal Papa nd

nf gat n ChC U1 Uada J ^ ? er qual ca S ione fì è fatta & tutta uia fi fa ìnrtanza apprertb de Principi foreftieri, che debbano mandare ìlorVefcoui al Conciho? Dipendono forfè dalla paga del Papa gli Spagnuoli,i Francefi, gli Alemani,gli Ingle fi,o di altre natiom ftraniere, talché fi portà dire, ch?il Papa gli h abbi a pagati & pregati fperàdo, che debbano dare il fuo corpo a nolo come meretrici,o almeno la gorgia,& la bocca, (come querto sfacciato afferma) per feruirio ? Guardate, co¬ me ragiona querto fuergognato,di tantifignori, & perfonag- gid importanza, quanti fi ritruouano nel Concilio,che la mi- n -°u C ? r 5 Che dl loro fidica > èdi trattargli tutti da ignoran ti,bufali,empij,barri, meretricio idolatri : & guardate come uorrebbe rtrappazzar il Papa col collegio de Cardinali, poi che non direbbe il quinto di tati facchini,di quello che fi hab bia detto di tutti loro. Et il Papa è pur grande ancor erto tra i Principi temporali. Come adunque non gli ha tanto riflet¬ to almeno quanto haurebbead un Principe,quantunque po¬ llerò ? Et quando ben uolefTe dir quello che ne crede,& forfè non crede ancora,dell’autorità che tiene, non douerebbe ab meno andar egli riferuato, ragionando della perfona, & fìiai & dei Cardinali ? E forfè fiato Giouann Agnolo de Medici, che habbia ntrouata la dignità del Papato, & perciò chi odia il Papato,debbia odiare infieme la perfona, che l’ha trouato ? o fono forfè fiate le perfone de i trenta Cardinali fottoferitti, i incentrici de cappelli raffi? SdVefcoui, che fono in Tren to, fono forfè gl’inuentori de’ cappelli uerdi?

Et nondimeno,quefio(non fb fèper raodeftiail debbia dire)

pokron[p. 133 modifica]contraifecondo feritio del Verg. 13 3

poltrendone affamato ; trattandola caufàdel Góncilio,non f ftudia ad altroché a dir uillania alle perfon e, come priuate ; che in quefio conto nò haurebbon nè colpa,nè peccato,quan do ben folle mal fatto ciò che fanno :_ma quando foffero m errore,donerebbono effere feufate, già che folo uanno die¬ tro alle pedate de loro anteceflori. Confideri il lettore cio- che egli dice,& trouerà,che lafciando il Papato da parte,atte de folo(foor di tutti i propofiti)ad incaricar la perfona di Pio, & cofi de’ Cardenali,cofi de’ Vefcoui,& d’altri, che ora fona al móndo.Ma confideri poi qui l’ifteffo Lettore di quanta bontà,& pietà infiemefiailPapacoi Cardinali, & tanti Si¬ gnori in tolerare un tale ; che fi può ben fàpere, che fe uolel- fero leuarlo, & effo, & altri dalla uia di poter mai piu ragio¬ nare,non gli mancarebbono i modi,& fe fodero quei Tiran¬ ni,che cofiui dice, egli fe n’auedrebbe,fe gli giouaffe lo itarfi que fta,& s’auedrebbe infieme fe fi trouaflèro pugnali o archi bugi per lo fuo corpo, che fi sa bene che hanno il modo di fpendere. Ma con tutto che fieno huomini fragili, & imper¬ fetti, nondimeno,come altro Dauid ,che perdonaua a fuoi detrattori,& non permetteua,che fofiè dato loro noia;, cofi fannoqueftiSignori,i quali fono Criftiani,& bramano la emenda di ciafcuno. onde fe cofiui anco capitaffe lor nelle piani, fin tanto che ui foffe fperanza di refipifeenza, lo fcara- perebbono, & conuertitq, l’accarezzarebbonoifegno efpref foche non fon tiranni, ne crudeli, ma che hanno lo fpìrito manfueto di Crifto, che gli gouerna in fimil Cafo : & dicami chi vuole, quando se mai intefo, che i Papi habbiano man¬ dato a far uccidere alcuno di tanti & tanti che ne fono tifati, i quali ftraparlano è Volete almeno che ogn un tale fubito che fi fogge dltalia,uadi nel cartello d’Atlante, talché non poffa eiìèr offefo $ Non fisa forfè, c foche fi fa da molti? Io ho uifto nelle ingiurie priuate, alcuni Italiani priuatiffimi ,fe guitari nemici fin in Franciai&piu in là, & ammazzargli : Et il Papa, o i Cardinali non lo potrebbon fare i & di quan¬ to lor farebbe facile, Se tanto piu, quanto in. cafo tale non u

uerrebbe

Il Verge.flr*& parla del Papa er altri no co me nemico del l’autorità lo* ro,ma come ne mico delle lor priuate perfo*

ne .

Bontà del PP. C r de' Card . er altri {igno¬ ri in non fare ammazzargli Eretici lor de trattori ,ne gli altrui paefi . .

i.Rfg. 16. [p. 134 modifica]13 4 %$oBd dì Bonn Ippolito ■-

uerrebbe ad ingiuriare alcuno per conto della lètta ;& della dottrina, facendoli per uendetta folo della priuata ingiuria ì Ma chi fi uorrebbe imbrattar le mani nel fangue di perfona ta le,fe non folfe un Boia ?

Hor qui non voglio lèguitar piu oltre nel rifondere alle fue infolentiflime gagliofferie,per non dar materia a’fempliri, che nelle fue manifulfer caduti per difgratia loro, di fcanda- lizarfi. La oue ho penfato folo di edificar, & aiutargli : ma co tutto ciò però li prego,che tra gli altri penfieri, habbiano an¬ cor l’occhio allo Itile,che ufa nel fuo foriuere, lontano del tue to dal Criftiano, pieno di carità, & di modeftia „

Dirò ben però qui có quella occafione una parola a i Prirt-# cipi,ne cui paefi uiuon fienramente i pari del Vergerlo noltri ribelli, & prego Dio che quella mia fcrittura gli uenga lor ... nelle mani accioche m’intendano, che & per debito Crifìia- Debito ipnn n0j & p er officio del magillrato che tengono, & per creanza tic! TdUafti* % nor ^ e almeno,o ciuile, toccherebbe a loro il uietar, & ca- p&i Detrat fog ar forfanti,che con fi fporche maniere parlano de 9

tori del Papa. noftri Carolici Principi & Signori : ciafcim de quali cede al Principe & Signore di Roma,(il qual ora è Papa Pio quarto,) dal cui principato dependano tanti altri gran Signori, elfen- do alcun di loro,chi Vaftallo & chi Feudatario fuo. Et chi no Molti princis fa che in Italia tanti Signori gli pagano il cenfo ; tanti Conti, pi fono fogget Baroni, Duchi, & Re,fono al Signor di Roma tributari, & ti al Papa nei fuor d’Italia fon'ancori Regni intieri, che al medefimo Si- loro flati . gnor di Roma fono obligati, & Feudatari) ? con che ragione

Vfrg. adunque fi potrà ftraparlar tanto del Papa come fa il Verge¬ rlo, & inanzi di lui, i fuoi maeftri, & non ftraparlar’infieme di tanti altri fi gran Principi che da lui dipendono ? Adunque il . Duca di Ferrara,il Duca di Parmai con tanti altri in Italia, il

chi ingiuria il Catolico, riconofcerà per Principe, & pagarà il tributo a

Papaf* unó,che non fia fignore,ma fia un barro,un idolo, & un puro

m “Ta di. wraffliò-? Chi può di tai (ignori tolerar fimil ingiuria? Se folfe c, P l S n * pur ora che il gran dominio di Roma cóle prouincie a lei fog gettéjfolfè tremito alle mani del Papa,& che con l’arme in ma ho eglifèfhàueflc ufurpaco,o fatto foggetto,forfè in tal cafo

fi potrebbe [p. 135 modifica]contraifecondo fcrìfto delVerg. i 3 5

fi potrebbe dubitar fé egli folle o nò folle legittimo fignor& patrone: ma già che Pio,non l’hà hauuto da le,nè men Paolo quarto, nèMarcello, nè Giulio,nè Paolo terzo,nè Cleméte, Antichità del nè tati & tati altri; & niuno de’ Principi Criftiani a ciò ha mai Io delu contradetto,nè lì è doluto come dicofaa fe ufurpata, anzi chie f d - gli Imperatori fteftì hanno baciato & baciano di continuo il * piede ad ogni Papa: chi potrà tolerarfimil forte di feditici!, die tutto il giorno fi uanno lauando la bocca del Papa ? Cer¬ to i Principi Germani,& di qual’altra forte efièr uogliate, do ueréfte atcorgerui, che tra 5 noftri fcrittori non è alcuno che ftraparlide cali uoftri,co tutto che fiate nella materia della fe de a noi cótrarij .Nè il Papa ciò tolerarebbe, ma caftighereb 1/ P apa no tei be qualunque di noi,che mettelfe la lingua nell’onor uoftro, Udrebbe mai & pur dourefte fapere,che hauendo noi per conclufion ferma chealcunfcnt & rifolutilfima , Che l’erefia fpogli ogni Principe del fuo principato, coli ben potremmo sparlar noi di coloro, che ef- ^ ^ e

fèndo eretici tengono però i principati,& chiamarli Tiranni, #

& Barri,& di altri peggior nomi ancora, come fa il Vergerlo Qgm Pr ì„ c ip e nel parlar del Papa. Perche adunque non prouedete uoi, eretico è fpo * & non caftigate limili federati ? Nel ragionar come ha fatto giiato del pria coftui,non ha egli offefo tutto il mondo ì ' Egli con ogni for cipato. cte di maledicentia uitupera no folo il Papa, ma tutto il Conci ilorio de* Cardinali , & tutta la fchiera de Vefeoui , & tutto il 1 / Verg. ha ut corpo del congregato Concilio. or chi refta qui di fuore in- operato ogni tatto ? Nel Conciftoro de’ Cardinali, & nel numero de Ve f orte dl icouijlono tantifignori d’ogni natione, alcuni de’ quali fono *

fignori per natura,come fono tanti fratelli di Duchi, di Prin- c *’

cipi, & di Re ancora .-altri fono fignori eletti delle città lo¬ ro . Nel corpo del Concilio poi ui fi truouano tutti i gran Principi Criftiani,almenocoi loro Ambafciatori; come tole-- rarete adunque uoi uno ne’ uoflri paefi,che lòtto l’ombra uo- ftra & fenza paura di condegno caftigo habbia coli da ingiu¬ riare , & infamar ogni perforta è dourefte tal hor penfarui o fir gnori principi dellTmperio,& di altro,che farebbe onor uo?-

8ro 3 & prouedere che nella materia della fede fi proceda

con [p. 136 modifica]Vergerlo.

Ippolito . Vergerio,

Ippolito.

Verger io.

Ippolito. Verg.

Ippolito .

Treauertcze*

ì 36 < RjJj>'òJladiDonrtIppolito

con ragioni, & non con uillanie. Ma ritorniamo a cafà. ~ Voglio ritornarariuolgere il parlar mio al Papa medefi. mo, ad ogni modo sò, che la riuerenza Tua, mi vuol’un grati bene j& credo,quanto ione uoglioa lui, inquanto Papa , che inquanto creatura di Dio , perche non l’amerei, s’io fon Criitiano ?

Poi entra.

Che dite uoi padre Tanto? ecco ch’ioui do della (antica perlatella,&c.

Hor non fon quelli gli Icherzi di quelli uenerabile animai le che ho detto ? Ma uediamo cioche uoglia dire dappoi che ha fatto igeili a lui llelfo limili. Interroga il Papa di quella propolitione,cioè/e Tua Santità dica.

Che effondo altre uolte Hata afooltata & diffinità quella cauta con la prelènza de gli auuerfàrij in altri Concilinoli ha conueneuole,che ella fiaafcoltata & diffinità un’altra uoE ta,& che però non fèria flato bilògno d’altro ordinario 3 3c lo lenne Concilio,che d un cotale ehècutiuo, &c.

Et fatta l’interogatione, fa ancor che il Papa rifponda, & dica.

Si Io diciamo, quantunque i nollri predecelfori non l’hab bia,uoluto dir chiaroj& hanno fatto male a non dirìojcon ciò -fià colà,che non fia lecito a riuangare una materia,la quale lia Hata una uolta finita, & acquetata per fentenza fatta & pre¬ ferita , &c.

Tal diceria fa quello uenerabile con aggiunta d’altre paro le dell’iflelfo fcritto ,per ingannar uoi o femplichper la cui la- iute ho tolto io a fcriuere; & nò perche di lui mi curaflì: & per che fiate auuertiti,ui rifoluo in poche parole il tutto.

Primieramente auuertite 3 che ui ho detto di fopra,comè collui fi fogna tal rifpolia;perche vuole pur che il Papa dica nella Indittione cioch’egli non dice : ma quando alcun l'ha- uelfe detto,per penfarli con tal rilpolta di dar fine alle parole infoienti difimil mollro che vuol parlare.

Auuertite quefl’altr-o palio ; Che le colè ne’ Concili]. un&

uerfali» [p. 137 modifica]contrai fecondo fcrìtto delVerg. i 3 7

uetfali,& leggitimi decife,non hanno da eflèr riuangate, co- Lecofe in uà me cofe dubbie : perche fe doppo lìti Concilio Coli fatto ri- Concilio ben marranno ancor dubbie, & in quale altro Concilio fi^potran rifolutc , non no mai chiarire ? perche con la medefima ragione, che Ci man debbano riuo derà a monte l’autorità d’un Concìlio tale,con rifletta fi man derà anche l’altra:& a quello modo,la fede noftra, che fi fon a tro

da nelle cofe predicate dalla chiefà,& da quella rifolute, mai *

non farà fiabile,ma fempre dubbiofa » ,

Auuertite il terzo, che quando fono nate le erefie, fempre (fi come ogni forte di male fi fonda nel bene)cofi elle fempre Le crc fl e hanno hauuto il fondamento loro nelle fcritture,le quali da no duut0 il gli Eretici in ogni età fono fiate addotte in lor fauore» & elle ^rffprenel » tal hora fono fiate addotte giuftaméte fecondo le parole, ma / c fcritture .* falfamente interpretate,come faceuano gli Arriani, & i Ne- Le p Uro i e florianÌ,col refto de gli antichi Eretici. Tal hor poi fono fta- rc , no ben te addotte falfamente fecondo il fenfo,& fecondo il tetto. & interpretate . al fine,fono fiate adddotte negatiue,cioè,dicendo gli erètici ; Parole , zrfen Quèfto non è uero,perche nelle Icritture non fi ritruouaj On Jofalfo. de gli Arriani con dire, che la parola Omoufion : che vuol di Attegation del re della iftettà fbftanza, non fi ritrouaua nelle fcritture, nega l<t f crittur(t m uano la diuinità di Crifto. Hora in tutti quelli cali fem- pre fi è congregato il Concilio, eflèndo fermiffima fede per An d n i. ogni tempo appreffo ciafcun Criftiano,quella effer la uerità o moujion . della fede,che dal comune confenfo è fiata determinata & ri concilio con * ceuuta: & fe mai altra uia è fiata,dicalo il Vergerio,che io mi gregato . ftarò cheto : & perciò ftando quefto, è da auuertire il quarto Quella è la ue punto. Che nel rifoluerel’erefie fondate ne i tefti bene ad nfàf tinche dotti,ma finiftramente interpretati, fempre il Concilio ha u- ichriftiani di fato di ricorrere alla interpretatione de padri, confiderando cc, ™ mn con3 quaifenfo habbiano hauuto d’intorno a tefti addotti ; Che ^ r f t f n ° con fèacafolacontrouerfiafbffeftatadicofanuoua,nè mai piu N elle contro- da alcuno ponderata in fcrittura, fubito ricorreuano alla tra- uer ji e delle dittione,cioè a quello,che fin a quello tempo haueuanocre- fcritture e bc duto di tal Dogma,& di tal tefto, & fecondo quelle uie deter adduttemafal minauanQlelitiv Tal pratica fijuéde chiara in ogni Conci- punente inter*

S lio [p. 138 modifica]pretate Leon* cilij fon ricor* fi alla interpre tation di padri Traddittione , euc non. fiditi- terpretatione. Effefino . Co&atinop.^. No ta.

Eretici, zrfal fari delle ferie ture .

Ed Chiefa Ro matta fedelifiì ma conferita- trice de uerì tefii delle ferii ture, & deli* bri de P adri . Confi. 3.

A tanagi . Cofiume degli eretici di fai* far’i tefii. Nelle difeor* die,no rnaipiu nate, la tra* dittion hafla .

1 d $ 'RifyoBa di Doni? Ippolito

Ilo fatto, ma (penalmente nello Efefino, & Conflantinopo litano terzo. Et perche lerefie per tal uia nate,erano di mag gior importanza, che quelle, che nafceuano da’ tetti fallì, & f attamente addotti,perciò le con quella uia le prime erefiee- rano sbattute,molto piu poi le feconde, le quali fubito lì chia riuano col uedere in qual maniera i padri leggettèro,& inter- pretaflero i tetti addotti : il che,trouato che fotte contra quel lo che adduceuano gli eretici,fubito li condannauano, & co- me Eretici,& come falterij delle Icritture tecre.

Alle quali auuerte.nze fi può aggiugnere la quinta,che per ntrouarla ueritàde’tetti,& dei padri,tempre fu giudicato, che la Chiefa di Roma fotte fedeliflìma,& perciò a lei fcriue- uano i Padri Orientali per hauerne la intera copia,& giufta,& fedele,ettendoficuridi non poter’efferingannari,nèaltei,nè pocoiondelo ImperatorFlauio Cottantino fcrilfe al Papa, che gli mandatte libri : & Atanagi fcritte medefimamente a Marco Papa, che gli mandatte i Canoni del Concilio Nice* nr bperche fapeua che apprettò la Romana Chiefa fi feruaua- interamente le cofe della Religion Chriftiana,fi coinè per

no :

no interamen te ic eme tiara rvengion v_nriitiana,li coinè per contrario nelPOriente da gli eretici erano flati falfati, coinè ancor hoggi dì fanno i noftri moderni.

Le terze erefie poi fi uinceuano con la femplice traddittio ne,onero con la opinione uniuerfale de i Padri, che nel Con¬ cilio fi ritrouauano,quando fotte occorlo 3 che mai per lo paf- fato non fotte fiata tal lite in campo„

Pero tento Atanagi dilputando con Arrio innanzi a Pro- Regola dis bo Pa £ ano g iudice > & dandogli elfo le regole di poter giudi- Atanagi per care le cofe dellafede noftra, ancor che folte Pagano fubito conofeer le e* g Ij dice: Ogni uolta,che fi dilputa di cote appartenente a qual refie . che fetta ; & fia propella una nouità d’intorno alla religione di cheli dilputa, cetraria aduna uecchia,giudica,che la noui

Regola di fan tà falfa ’ & la Cofa uecchia fia uera > & cofi riduce poi alla Agofi< centra Crlftiana * Agoftino dice,che oue la traddittion fi rkruoua, Crcfcen.lL i. ancor che non U1 fcritturajnon fi deue dubitar puto di quel tap.zj, loffie la traddimon ci propone s Onde quando gli eretici

m [p. 139 modifica]contrai fecondo fcrìtto del Vierg.

mi dicono , quello non fi ritruoua nelle fcritture, io debbo ri I tmcx Mis Ipondere,balla che per traddittione io l’habbia hauufo : & di Ba fl li ì- ce quello padre, che in tal calo fi deue creder che la colà prò ltem ad polla per traddittione, fia cofa Apoftolica,quando l’ufo della Chiefa coli ofièrua. mia fide ! *

Di tutto dò ueggafi la prima parte de i miei difeorfi a cap. ltem cotL M£

24.60028. _ tùcheos.

Hora di niuna di quelle coferifolute fiotto tal forma dai Dittine, ij.fln Concilij,s’hada dubitare,& chi ne dubitale oftinatamen- alfine deOa di terrebbe ereticordi lorte, che per cagion della colà già de- ftinft- terminata,non occorre piu far Concilio, mafioìo elfiequire: ^ota • perche colfar Concilio, fi mollra chiaro di non creder quel¬ lo, che per mezo del Concilio fi vuol ritornar ariuangare.

Et qui è un bel palio da auuertire, Che tutti gli eretici han o gni eretico no dimandato Concilio fiempre di quelle cole,che elfi crede- ha dimandato nano contra ladetermination de Concilij llelfi, effendo per- cociliodi quei fuafi contra di loro, che quello,che folfie rifioluto cétra il prò articoli che ef prio lor credere,non potelfo elfiere fiato rifioluto da Concilio f° creiìe C0 *J «alido ; con tutto perciò che dal fiolo Concilio potefiè elfier ffimon decifio:& perciò n’andauano ricercàdo un migliore ; & di qui fermale han fon nati i conciliaboli fatti da gli eretici contra la determina- r nQ tut )igl'ere tion de’Concilij Carolici. Tal colà fi uede piu chiara che il dei cheti Con fole nelle determinationi fatte dal Concilio Niceno primo, dliofolopoffa contra le quali perfouerando gli eretici, & hauendo fieco tira- terminar le co to lo Imperador Coflantino,figliuolo di Coftantino Magno, troucrjìejiano furon fatti uarij conciliaboli in uarie parti del mondo, fola- f Moi lor ° c ° mente per impugnar la rifiolution del Niceno : & le cofie fi ri- dlìabohcotra duflèro a tale, che quali pareua ( come attefta fan Girolamo ) 1 7 * -

che fiolo tre Veficoui folfier Carolici, cioè Atanagio,Ilario Pit c 0 °J ° 0

tauenfie, & Liberio Papa : & quelli furono tanto trauagliati Niceno m dall’Imperadore eretico, che uedendo poi, com’egli haueua solo tre vefeo riftituito Liberio nel fiuo luogo ; alcuni hebbero penfiero, & ui Catolid . mandarono fuori la uoce, (la qualeanco arriuò all’orecchie dilàntoAtanagio,nèfi potè chiarir bene: ma la (ciò ancor dubbiofo l’animo di fan Girolamo)che ciò folfie,perche Libe

S 2 rio [p. 140 modifica]dubbio di LÌ ber io pp.

Card. Vuar* minife.

Gli eretici di oggi dimanda no il Concilio § gettar fi dalle fijrUe il nome d'eretico.

Pretesifalfì degli eretici.

Ineomeniente che feguirebbe fe con altro co cilio fi uoleffe rifoluer quello che in altri Co cilij foflc già terminato .

140 ^ìjpofta di DonnJppolito.

rio finalmente hauefìe conferito anch’cfiò alla creila , della cui opinione fin alprefentegiornoiono di bel nuouotutti eli etenci^tra quali^è il Vergerio: ma fono conuinti per bugiardi dalle mone; che raccontano il fatto., le quali dottiffiinamen¬ te tono esaminate dal dottiffimo, & catolichiffimo Ofio Car dinal Vuanmenfe nel fecondo libro delle fue cofutationi có¬ tta Brentio,& contra Paolo Vergerio Hello, nel titolo De le- gitimis ìudicibus rerumecclefiafticaru m, 8 cc,

Tutto ciò fecero gli eretici di quel tempo, & ora fanno il medefimo i noftii eretici 5 per far pruoua;ie pur con qualche modo fi potefTero gittar dalle /palle il titolo d*eretico:& per¬ che par loro, che ni una ftrada folle miglior del Concilio, fe per forte 1 hauefiero dalla loro', però con tutto che l’habbiar no in odio,nondimeno làpendo di quanta autorità fia appref fo di tutti i Codiarli,moftràno uolerlo anch’efiìunaperò a lor modo . & per tanto calumniando quello, chfe ih altri Conci- lij fi e determinato con ritrouargli fempre qualche attacco fi¬ rn ulato,come farebbe, o chela parte non folle citata ; o chei giudici non fotfèr leggitimi,o che il dar denoti non folfe libe ro,o filmili altri uncini ( che quando foiferoimporterebbono non poco ) fenza prouar cofa, che fi dichino ; ne uanno fem¬ pre ricercando un di nuouo, che fia libero : & quando poi fiar mo a ueder ciò che uoglia dire quella libertà, ritrouiamo,che per libertà intendono una sfacciatagine,& un temerario ardi re,& infoiente : della qual cofa ne parla quf affai il Vergerio ; Adunque auuertitegli alle unghie,Sconfiderete con ddigen za,che fe fi ritornaflè a far Concilio* riuocàdo in dubbio quel lo,che di già è rifoluto in altri Concilij; talché no fi folfe obli gato a credergli,di due cofe per forza ne feguirebbe una:cioè che ò fi rifoluerebbe l’ifteflo,ouero altro ; & uoglia qual delle due fuccedelfe,a tutte le guife, niente ancor farebbe ficuro da crederli,Conciofia cofa,che ( lènza che al primo modo fi alfa ticallèro i congregati indarno, fe non determinalTero altro ; che quanto di prima era terminato) ogni uolta,che tra i polle ri poi uenilfe un’altro ceruello come quello del Vergerio,che

non [p. 141 modifica]contraife condò'fcritto del Verg. 141

non uolcfìe ftar faMo,cofi conuerrebbe cedere a lui,quanto a coftui facendo un’altro Concilio a fua requifirione foprale medelhne cofe,& tanto maggiormente, quanto haurebbe di piu l’efièmpio della conceffson fatta al Vergerlo, ò ad altro di addurre in campo; con dire : Al Vergerlo fu concelfo, che fi reuocafièroin dubbio di nuouole cole in altri Concilij deter minate, perche egli intendeua di addur di nuouo pruoue del¬ le fcritture làcre contra quelle deterrainationi: & per qual ca gione non uolete ancor concedere q ueftò a me,che pretendo l’iltefiò contro a quanto fufiè rifoluto in quel Concilio ? che fé a cofiui per tal cagione fofiè conceduto il medefimo, & ri- tornafièro poi altri,molto piubifognerebbe acconlèntire,già che la colà fofiè coli pallata in eflèmpio,& coli di mano in ma no: Di maniera che non ui farebbe mai cofa tanto chiara che a petition di eretici non fi douefiè riuocar in dubbio apprefio de’Catolici : & che forte di fede farebbe la Criftiana, che da ogni uento di dottrina cofi fofiè fempre ritornata al dubbio de fuoi articoli ? & nondimeno quella è la inftantia, che fa il galant’huomo ; Cotto titolo che i Concilij pafiati, oue fi fono diffinite lecofe contra quella maladetta,& Icommunicata fet ta,non fieno fiati liberi,& leggitimi di giudici,&c. Ma ftarefi fimo frefchi,fe uoleflimo dar orecchie a chi manda fuora lìmi li noci, A noi balla,che di confenfo de pafiati Concilijje con trouerfie già fieno fiate terminate, nelle cui terminationi fof- fero addotte le ragioni dell’una,& dellaltra parte,& fofiè poi rifoluto per la catolica;onde fenza piu Concilio,o altre ragio ni a i pofteribalta il fapere,che fofiè cofi rifoluto da chi pote- ua:che fe gli eretici haueranno poi altro parere, & che lia lor concelfo di poter genite nel Cócilio a chiarirfi della cagione, perche fofiè coli terminato,deueloro alfai ballare, fenza dir di uolere che ogni cofa fi rimetta in priltinum,& che le rifolu- tioni fatte diuentino dubbiolè, dapoi che tanto chiaramen¬ te cantano. Non fi ritruoua mai, che gli Apoftoli riuocafièro piu in dubbio in altri Concilij quello, che come articolo di fede hauelfero rifoluto in uno,có tutto che gli eretici & mol¬ ti giudei

Se ad inftanza de gl'eretici fi riuocaffero in dubbio lecofe ne ì Cocilij gii ri)olute.,niuno articolo difen¬ de farebbe fi# bile.

B aflaalCatolì co di fapere che le cofe fi fieno rifolute ne i Concilij.

Basca a gli ere ticì che fieno afcoltati tic Concilij.

Gli Apoftoli non riuocaron mai in dubbio [p. 142 modifica]1 4 1 cRijpojld di Bonn’ Ippolito

cofr ulema ri ti Giudei & conuertiti contradiceflèro. Ma era ben aflai che foluta nei loro gli eretici fusero uditi,& chiariti,fenza che a Criftiani di nuo Coeikjtcotut uofifaceflè dubbio quello, che gli era già flato prefenta-

ro molti III t0 lnnanZ1 com ^ chiaro : & io P er me fon certo,che fé per dif- dicenti, er ere £ rat * a Vergerlo col refto de gli eretici ottendfero mai quai tiri. c ^ e co * a ^ c h e uanno cercado in un Concilio,dapoi che

Notrf» 1 haueflèrobene ftabilita ; non uorrebbono efler tenutiado-

nerlèmpreriuangarrifleflòrma fi anderebbono rimettendo alle cofe già fatte. Et perche dunque uogliono poi che noi fiamo obligati di tarlo doppo tanti Concilij,che hanno rifolu te le cole noftre fin all’ultima radice ? & fe il Vergerlo mi ha¬ lite faputo dire in particolar qualche colà di quelle,in che ef lo pretende hauer tante ragioni,come foriue,ioperme, ( fal- uando il miglior luogo ad altrf) haurei tolto a far ueder chia¬ ro,che tal colà farebbe flata diffinita infieme con la maggior parte delle altre,che fono in controuerfia,da’Concilìj che già piu di cento anni fi fon celebrati. Ma poi che egli non mi ha uoluto, o non mi ha làputo dire co fa in particolare, per non efler conuinto fùbito da antichiflìmi Cécili j , però nè anch’io flato a pigliarmi affanno in uolerprouare tutte le cofoad una ad una ; ma baflami hauerauuertito i fomplici lettori, che dal Vergerlo non fieno truffati, &con quefto uoglio hauer fatto rifpofta intera ad una lunga diceria che egli ha fatto,fenza di¬ re una parola fola che rilieui ; però haurete da auuertire alcu¬ ne colette.

La prima làrà,che doue taflà il Papa,& tutti noi,in quello, che fi dice,di non uoler piu riuangar le colè, & elio aggiugne. Vergerlo. Volete comparar la caufa di Giefu Crifto co i pontigli del¬ le liti mondane,& fia con Dio per ora, dee.

Ippolito'. Come sei uoleflè dire, quella comparatione non fta bene

Ingiuria fatta j 1 bocca di Criftiani. Ma lefcommunicato non fi accorge(& a Crijlo dal le bene ancora fo n accorgeflè,a lui né importa ) di hauer qui vergerlo. ingiuriato Crifto,& tutte le fcritture facre, che di paflò in paf Le fcritture fo raffomigliano le cofe fue alle mondane, come tutte le para trattano le CO bole ne fanno fede: Qnde in particolare trattano! mifterij

del [p. 143 modifica]control fecondofritto del Verg. 143

del Cielo ; per cóparation de’ Principile fanno liti,& guer¬ ra inficme,& de’Giudici,innazi a quali fieno le liti, & d’auuer fàrij,che con noi fieno per camino andando da Giudici,& mil lecofe tali,nelle quali tutte fi trattano le cofe Criftiane per co paratione alle cofe mondane, & di tutto ciò ueggafi gli Euan geli come nel margine io gli ho affègnati.

Si ha da auuèrtire poi a quell’altro paflfo,oue dice.

In alcuni de pallati Concilij il giudice non è fiato leggia¬ mo giudice,hauendofii Vefcoui di Romauoluto far Vicari] di Crifto,& non elfendo in effetto s ma ufurpatori,& tiranni, & elfendo i Vefcoui fiati ignoranti,& ciechi(di cento i nouà- ta,& piu ) nella cognition di Crifto,& delle fiere lettere; anzi elfendo fiati creati Vefcoui da chi non haueua autorità di far¬ gli Vefcoui (parlo di quei che furono fatti dal Papa)non u'el- fendo chiamati quei che n’haueuano la cognitione, quantun¬ que non haueuano mitra, nè erano fiati unti dalle mani de gli huomini,com’ho detto ; & fe pur furono chiamati, & ui uen- nero due di elfi, ui furono crudelirtìmamente abbruciati uiui; Et oltre di ciò uedendofi, che le diuine foritture cantano in ef fetto tutto il cótrario di quello,che fu la determinatione,&c.

Quelle fono parole tutte del Vergerlo, nelle quali hauete da auuertire quanto fia indegno del nome> non pur di Crifìia no,ma d’huomo ancora ; poi che fputa fuora le cofe fue tanto contrarie a quello, che già tanti anni da noi fi tiene per uero, lènza pròuarne uno {traccio, come fe le parole fue fodero tut te perle forbite,& ogni fentenza, che adduce folfe l’Euange- lio di fan Giouanni. Ma ( fenza alcun protetto di onore ) egli fi mente dall’Alfa fin all’omega di quanto ha detto,& del Ve- feouo di Roma,& de gli altri Vefooui, quantunque dica il ue- s-o di quei due, che furono abbruciati in quel Concilio ; nel quale difendeuano quella bella dottrina,& quei begli artico¬ li ofimatamente, che di fopra nel primo fcritto hauete udita i & quella è quella bella fcrittura,la quale egli ha detto, che cà ta tutto il contrario di quello, che fu determinato,& quando foggiugne, ,

fc del ciào per coparation al le mondane .

LKC.I4*

M dtt.’j. Luc.ll.lS,

Vergevi» .

Ippoiit»*

Le bugie e» JprefJè del Ver gerio* [p. 144 modifica]Vcrg* ' -

Ippolita .

Sdn.Atdndgio contra coloro che niegdtto i Concili], [otto colore delle fcritture .

1 44 %Jpofta di Donrf Ippolito

Che le le fcritture parleranno per noi, che effi ui uorran» no Ilare , ma le parleranno per loro , che debbiamo ìlare an¬ cor noi.

Vorrei che mi diceffe,chi hauerà da efier il giudice nel ue* dere,per chi parlano le fcritture : noi non uogliamo, che fie-» noeffi,neeflìuogliano,chefiamonoi,&purIe fcritture lo* no allegate dall una,& dall’altra parte,& Crifto non è piu in terra uìfibilmente, che ce le interpreti, come fece a gli Apo- Itoli < Come adunque chiariremo noi quella polla ? In efFeP co coflui & i flioi Complici metterebbono uolentieri tuttele cofedella noflra fede a monte fe potefTero, ma habbiano pa- tiéza, & crepino piu torto,che quello che è rifoluto, fi habbia da mandar a monte:ma bi(ogna,che fia coli rifoluto :& uoi femplici ricorreteui alle auuertenze ch’io ui ho dato di fopra: & per farui piu animo,ui dirò quello, che fanto Atanagio già piu di mille,& tanti anni difle contra coloro, che per le alle- gattoni delle fcritture cótradiceuano alle determinationi del Concilio maffimamenteNiceno, come a punto dice oggi il Vergerio. adunque nel libro, che fa deH’incarnatione;come cita fan Cirillo ad Reginas de reda fide : fe alcuno(dice)oItre a quelle cofe già determinate ; infegna col mezo delle fcrittu re làcreelTeraltro il figliuolo di Dio,& altro quello, che di Maria Vergine è flato, come noi, adottato per figliuolo de Dio,&c. quello tale è efcommunicato & maledetto dalla Tanta & Catolica Chiefa, la quale fi conforma in ciò al diui- no Apoftolo, che dice, Si quis uobis euangelizauerit, &c. & vuol dire rElfendo flato determinato dal Concilio che il fi¬ gliuolo di Dio & il figliuolo di Maria fia l’ifteflòiogni uolta che alcuno pretendeffed’infegnar’ii contrario anco col tefti- monio delle fcritture fante in mano,la Chielà efcommuni- ca quello tale,perche 1 Apoflolo dice : Si quis euangelizaue¬ rit uobis, prater id quod euangelizatum eft, Anathema fit } &c. Hor uedi mirabil cola, ( come ben qui nota il nemico dal Vergerio tanto odiato ) che la Chielà Icommunica co¬ lui che con le fcritture insano vuol prouar contra quel» [p. 145 modifica]contraifecondofcrìttò del Verg. 141

|d ,’che ne’ concili j è flato rifoluto da padri, & quello fonda .ella fui teflimonio dell’Apollolo,il quale da gli eretici noflri è addotto contra quel fenlo apunto che gli da in quello luo* go lanto Atanagio con la Chielà. Vorrebbe anche gettar a

mdntela prefcrittione, & la lunghezza del tempo nelle cofe

-di fede, per poter incominciar delle nuoue ; ma noi non ci vo gliamo partire dall’ordine antico , fecondo il quale la nollra /ede,8d’euangelio fi fon gouernatifempre. Onde l’Apollo Roma lo dille. Ex fide in fiderai, &c. Egli è fempre flato creduto ad ^

„unmodó,&achidilpiace,fuofiaildanno. Noihabbiamo Regola di G* ìa regola di Gammaliele, che il crillianefimo, chiamato da ;

elfo Gammaliele opera di Dio, per eflere opera di Dio, mai non fi potrebbe fciogliere, &c. Non bifogna adunque intro metterli qui la fetta Luterana, o di Vuicleffè > la qual nacque pur l’altr’hieri, riIpetto alla Romana Chiefa, la cui gradezza, dignitàfopral’altrechiefe è cantata all’aperta,da quanti fcrittori criftiani, & da quanti concilij fi ritruouano, o a pen na,o a llampa, in carta deferirti ... Et quando dice,che la paro- ifa. 4®*

la di Dio è eterna, & fotto color tale penlà di mandare a ga¬ belliate i collumi & le rifolutioni della Romana chiefa, di- Tutti gli eretì Cendo,che tal parola di Dio s’intenda altrimente . Auertite ciUnno fatto femplici, che ancor gli eretici tutti hanno fatto quello sfor- sfarzo del 20,ma fi fono col Vergerio ritrouati confùfi, perche a punto * ^ _

quello è,che diciamo noi ,che per cagion della eternità della nU di D ? é parola di Dio, le dottrine nuoue tutte fono erefie, come è nmUì ^ 0 quella ; chef fecondo la confellìon del Vergerio)da cento an- gni dottrinò

  • ni in qua,folo fi ritruoua in elfere: ma la nollra perciò fi cono- noux è falfa et

ifce elfer uera,perche perpetuamente dura, ne mai haurà da fi- eretica , er U 1 nirè fin quanto durerà il mondo ; & gridi chi uuole a lìia pò- noftra è Iute* gita,che fempre la dottrina nollra fepelirà ogn’akra dottrina, « » '& Crl « w fiche le fi leui contra : Et hxc eli uictoria qua uineit mundum, fìdes nollra. ì.Ioojia.

Si riuolta poi, come rabbiolò cane » percofio malamente 1 con una pietra gettata da man forte, & gagliarda, per uoler mordere quel tanto dotto,da bene,& onorato uccchio,a cui. [p. 146 modifica]1 46 %t/pofta 'di Domi Ippolito -

nè per lettere, ne per bontà,alcuno di colloro nuoui, farebbe degno di nettar la poluere delle fcarpe,& con un dire olcuro, & intricato,che non ha capo,nè coda (come fi Tuoi dire ) fuor di tutti i propofiti del mondodncomincia a dire, wagerh , Fu l’Olio ipocrita (fatto Cardinale per la rabbia,ch’egli ha <{ moftrato contra la rinafcente dottrina : ma che ua innanti, & “ uince al fuo marcio difpetto) il quale della parola di Dio ha dato alle fiampe, ch’ella polla torli uia & non elfer piu in ufo, “ perche il popolo habbia intermeflo per alcun tempo di ufar- “ la,il che èfimillimo a quello,che iodiceua della prefcritrìóe* Ippolito . Io non fo troppo bene intendere il parlar di quello caual-

Io,ma ben lò ch’egli intende di dire il peggio che là, di fi raro huomo,il quale non uorrebbe elfer per alcun modo laudato da una fi ria lingua. Chi dubita, che l’Ofio non ha penlàto mai che la parola di Dio fi pofià tor uia, ma ch’ella fia eterna? Ma quando parlategli intende della parola fcritta, & no infpi rata,& la fcritta è di tal lorte,che a quel modo,che perir pollò Tuttele B ib= no naturalmente tutte l'altre feritture,ancor che profane,pa- Iric fi pojfano rimente perir potrebbe la fcritturadiuina . Non è forfè ella perdere,*?no fcritta ne i libri,& nelle carte, lequai cofe fono fuggette a mil dimeno U pa* j e accidenti? Et che colà ripugna, che fi come Moife ruppe le ro a ca Dìo n& due tauole ch’erano di marino, fcolpite con la mano di Dio ^ExoàTi^ co ^ ancor n ° fi fquarcino,o fi abbrucino, o nelle acque

Moil lippe fi affoghino, o per altra forte d’accidente li perdano,tutte le te due tauole . Bibbie ? Et oue fi ritruoua che la Bibbia coli fcritta habbia da durar per tèmpre ? però può efièr,che le Bibbie fi perdano, & nondimeno la parola di Dio non fi perderà mai: ma durerà per fempre, & i popoli fedeli fi reggeranno con la lèmplice tradditrone,infognata di mano in mano,&ne i cuori de gl’huo mini fcolpita. cofa che in quello mondo è pur chiaro che la intrattenuta innanzi che tèrittura alcuna fi ritroualTe :il che fu 1M fede’àcIU dalla creatione del mondo, fino al tempo di Moitè;&nondi- paroU di Dio meno firitrouauala fede,daipadri femmata nei figliuoli, per fu prima d'o = la parola predicata, &c. Ora, con tal fenfo ha potuto parlar gni fcrittm . Folio Cardinak 3 anzi ha parlato 3 & ueggàfi i Tuoi fcrittij ma&

{ime [p. 147 modifica]CbHlra'l fecondòfcrìtto del Verg. 147

fine al principio del quarto libro,che di già ho citato,oue trat

M Che poU'OKo fia fatto Cardinale, per la rabbia inoltrata contra la Luterana fetta, dico, ch’egli è cofi uero, che quella

deUDfiofiarabbia.com’èuerochequelIo-degli eretici cen¬ tra la Romana Chiefa fia zelo di Dio. Cheilnon uoler poi acconfentir noi.chei noftridecreti, ei nota Concili, lì con¬ frontino in un Concilio con la fcrittura facra, gl, dia a creder chiaro,cheidiuinioracolicifienocontra,&c.non importa, eia che ilfuo credere piglia argomento anco aa molto minor loft, cflendoil proprio d'ogni iteruelloleggiero'>

(lo .Et que ila eben delle grolfc .come le ^‘CtMrc^oftr. non fifieno addotte le fcritture facre nel far de decretile ben feano che egli poche uolte ha uifto le coperte de Conci bf JvìfchUo tiene,che non uenga egli 5 & conferifca ìnfieme? Già fono fianco di replicar tante uolte,che uen 9 ano,c gano a farli udire,che il Papa gli inulta.

5 Dicc,che da cerilo anni in qua fempre fiamo andati icara cucciando per non far Concilio,nel qual fi uenga a tal coiti- paianone. Ma aquello modo adunque, fe dacentoanm„, a

cibi,che catano chiariffimamente a fauor di ella,& contra SS i dogmi Luterani, & d’altra forte a qucUa contrari,

“" „ nf fe i libri delVergeriofienonotattaltrimenti.Et

chili" forfe,che come elfo la dicevoli la fa ancora (lampare. Ma fia con Dio 1 fe noi andiamo fcaramucciando.coftoro fug cono a briglia fciolta,& ci uoltano le fpallei & che fia il uero, non hanno pur ardire di comparire, & fe (hanno uengafi ora, die da noi fon prouocati,& fe fuggono.chefi doura dir di lo¬ sche comparire non uogliono, fedi noi, che compariamo,

6 ci fiamo lidi tante uolte in campagna,& habbiamo appre fintata la giornata,fi dice tutta uia, che andianw barcollicela

H&è*°

I C ocilì) fatti da ceto anni in là coniànmo la lutcrcm [et tu. [p. 148 modifica]ìl Concìlio ce le bruto ogni dùce anni.

Vergerlo ,

Ippolito .

Ogni eretico $4. ~baulito, il mcdefimo colo re che ha il V ergerlo ^nel di prezzare i Cocilij paffuti. Ne’ Cocilij paf fatile cofe fio* no Hate uenti late da buomi ni i'importan¬ za gràie,però no bifognafar ci altro.

La pratica de’ Cocilij paffuti tnoftra che fi

huda fiar'aUi

r 4% 'jRJJpoftddi Bonn * Ippolito '

d°y per fuggire il fatto d’arme ? Rifponda qui il Vergerlo fò« la,& le fi fugge doppo tanti anni, che cofa fi farebbe poi, fé fi) tóleruafie i! decréto fatto di ognidiece anni ? Ma diro béqui ao eh io finto. Volefic Dioiche ogni diec’anni il Concilio fi roité celebrato, che fo ben io quanto minor paelè haurebbd,

occppatoJa Luterana fetta, & quanto maggior fplédore fiue'

drebbe hauer la Romana lède ; Seguita egli & dice, . - £

■ Se potelle eflere,che le diurne fcrirture fodero fmarrite,.^ non fi trouaflèro piu,forfe potrebbe direnate fermi alle dfe rtttiom nofirc,& concili],& habbiate patrenza,&c. Ma fe el- elono per tutto & m ogni lingua tradotte co uoftro gran do-' lore,perche haueteuoi tanta,paura* che gli huom ini da bene) Irnducano mfieine,& ueggano con carità,fe i uoftri capitoli* & 1 uoltri concili] fono a quelle confarmi ?&c.

’ Deh dicami per fuà fe quello gentile fpirito : & quali foni queftì nuomini fi da bene, eh ei uorrebbe che fi riduceffiro in berne con tanta carità a: conferir le cofe? chi? ilVcrgerio^ Grand’huomodabene certo,.grande; Non fi dice alno tra" noi. Vedete o lemplici,cofi hanno détto glialtri eretichi q ua- ri pur tempre hanno hauuto il medefimo colore ( come u’ho detto)delle firitture fiere. Ma non bifogna ritornar piu a far tal pruoue nelle cofe della fede, le quali già fono fiate ferma, te & ftabihte doppo tante difpute, & uentilattoni fatte con le fci ittui e in mano,& di altra maniera, che non fi potrebbe far al prefinte giorno : perche ni erano altri huomini daltra dot, trina,d’altra effircitationeneile fcritturefacre, & d’altro fimi to CriftianOj'che non (onora. Onde fe i pafiàti Concili] fem za farci altro (uenendo alle mani con gli eretici,che produce, uano teftimoni] infiniti delle fcritture) fi rimetteuano in tutte* & per tutto a quanto i finti dottori,& Padri pafiàti finito ha- ueuano; come fi uede chiaro nel Concilio dt Blefo contra j'g refia di Neftorio, ou erano tanti dotti, & fanti,- tra quali ui fi* làn Cirillo;& nondimeno lafiiando i lor pareri da parte* folos fi rifolueuano col parer de padri interpreti delle fcrirture. Se, dico,quegh antichi cofi faceuano 3 che bifogna, che piu quelli 2 • nofiri [p. 149 modifica]con


nóftrì efetici QÌrofflpanla tefta , 4 i uolei: r {^ 01 ^ r -^ ^

Noi fiamo chiari. baftinci le conclufiom,che fafon caua^ lerfcrittureCaere,&propofteanoi datjoftnConciUhCOjne decreti (labili,& ferrai: Ma coftiu uorrebbe pure mfegnarc ia ? gittata morite quello,chegabbiamo minano dicerto,& tur, ta uia uàefortando,a douer dire,come fegue perfuadedo,.che

Hor sù noi uogliamo,ch’ella fi polla «edere,fiamo conten¬ ti -ir?quanto a noi, che fi faccia un Concilio libero, & criflaa- ijo,& facciane la Indittion chi vuole, purché il mondo ne ha chiarito,& fi truoui quella uentà, oue fi habbia da far quefta . comparatione delle diurne fcritture, co i Decreti de 1 Conci-

1 ^ O bel paflo, coftui uorrebbe la bacchetta in mano, & fai fi egli Papa, & poi far l’Indittione, già che con fi bel garbo, c infegna a lafciar farla a chi vuole. Ma noi diciamo, che fi: fin qui il mondo non è chiarito di quefta uenta, meno f eh per l’auenir,non fi potendo far pici per i auentre d quello,che fi fia fatto per il pallate « Oue non Colo fi e fatta la compara- tion delle fcritture,& de’ noftri decreti, ma i decreti fono fta ti canati dalle fcritture,& elfi fono le (cotture fteftè, quantun q ue gli eretici non la uogliono cofi intendere , & diciaqio s che le fcritture da gli eretici addotte contra de noftri decreti, fono come quelle,che a.dduftè il Diauolo contra Crifto, per farlo precipitar giu dal pinnacolo . non ci occorrono adunqj tai confegh per ?deftò,ma chi noni intende ,uenga a diman¬ dare,che gli ridonderemo, & gli faremo chiari da quali fcrìt ture haueremo cauate le noftre conclufiom, che non uoglia- mo riuocar in dubbio, ma come articoli di fedeappo di noi, cofi tenerle; & fe il Vergerlo non ba chiara la ueritadelladua fede,egli fta frefeo. ben può dar (entenza aelleflTer fuo; per¬ che Jamiudicatus cft,quanto a Qnfto . _

Entra poi ad un altro apparecchio, eh io chiamo di fcato-

Ìe,peruender care le fue ballotterei quale trai altre cole di¬ ce; Che vuol dire un’altri ragione,che del ruttaci coniunce.

dftcrminulioe' de padri, sezi cercar altro.

I decreti de * Concìlij fono conclujìotù ca nate dalle ferii ture [acre . Vergerlo*

ippo»

Ver il paffuto fi fono canati i noflri decreti nei Cdcilijdal le fcritture fi


lo. 3. [p. 150 modifica]t f ó ‘fyfyòfta di borni? Ippolito

« & ci mette il coltello alla gola,& ci fcana, & è quefta,tenete- « labenea mente (dice elfo.)

tppolite , O poueretti noi che faremo ? apparecchiamo pur le gam¬ be per fuggire,come faceua Ifrael all’apparir del Gigate Go- Iiath, & come fece altre uolte inanziaireffercito di Faraone : altramente fiamo fpediti. Hor fu forfè che il mar RolTo ci leuerà dalle (palle quello Egitdaco alfalco,

Adunque ragiona.

rg. Sono quaranta dueanni,che eflèndolì cominciato a difeer

« nere lo fplendqrc del?aurora Euangelica (che bora già il fole « incomincia ad inalzarli uerfo il rìoftro emilpero ) gli Impera— «t dori,iRe,i Principi incominciaron fin’in quel principio a di- « re,ch era necelfario, che le n’haucflè fatto un Concilio uni- « uerfale,nè lì moffero e(Tì a giudicare altramente , perche altre «c uolte alcuni de gli articoli controuerli, follerò Itati per altri «c Concilij diffiniti .Intendete uoi quella ? Sapeuano,che riera tc no Itati fatti de Concili;,& nondimeno ne proponeuano, & •c neuoleuanounodinuouoPalemateriecontrouerfe,non o- Jpfeìite. ftanti altri Concili) già fatti. Quello è gran punto.

Et chi potrà qui rifpondere,gia che tal ragione ci fcanna > pur diremo qualche cofa. Quell’aurora, & quello fplendo re non può elfer d'altro,che di colui, il qual Transfìgiirat fe iti t.cov. . Angelum lucis, che di giorno fa tenebre, tal che lì com’ef fo li trasfigura in Angelo di luce, cofi fa trasfigurar gli Ereti¬ ci in Apolidi di Criltojcome Paolo afferma in quel luogo. Io ho dall’ApoftoIo già mille cinquecento anni, che la notte Km 1 5 era palfata, & il giorno lì era accollato. Nox pneceflfìt,dies autem appropinquauit. Com’è dunque flato tanto tempo il paefe di coltui ad efler’illuminato,talché fòloda quaràtadue anni in là non fi folfe ancor leuatò il fole ? Ita frefeo fe egli ha dormito tutto il tempo di lì lunga notte ? Et fotto qual clima fi ritruoua nato collui ? fotto gli Antipodi ? Io fono rozo, & non sò dire,fe non il pan pane, ma pure ho un certo compren donio, il qual mi dice, che le da xlij. anni in qua lolamentc nel fuo paefe fi fìa leuata l’aurora,di ragione egli non può ef[p. 151 modifica]contrai fecondo ferino del Verg, 15 *

fere di quelita chi già, 15 00. & piu anni 1 Apodolo dide, che haueuano il giorno uicino,& che la notte era già panata. Nel che,d’altro non uoleua intenderete non dell’Aurora. che le tal cofa è uera( come coftui confeffa del fatto fuo)& che Aurora farà quella, che dice, la qual non è continuata col lo le di giuftitia Grido Dio noftro? non è egli forfè nato fe non da xlij.anni in qua ? o non ha forfè già piu di 15 op.anm pai- fati,cominciato a fparger il lume per tutto il mondo de tuoi ia°gi? Potete adunque o femplici, elfer chiarbehe lorte di lume fia quello della Luterana fetta; Ma udite ora la ragion checifcanna. . p . ~ fY9

Papa Leone,a tempo del quale incomincio la feftade qual ver I*

che parola ouiua,o in alcùbrieue ne dille,& none fece tratta »

tione al cuna, nó però fu alieno da un Cócilio. Succede Adria » no,ilqualeefficaciflimamente confefsò,la Chiefa Romana » hauer de gli abufi & de gli errori,dico,che in fcrittura,la qual >» truouafi per tutto,confefsò,che in coteda uodra Chiefa ui lie j» no de gli errori, promettendo di uoler ufàre ogni diligenza 5 che s’hauedèa celebrar un Concilio,oue fodero leuati, & la » peua egli pur troppo,che le materie erano date in altri Conci » lij decife ,come uoi lòlete dire,che furono.Succedè Cleméte àttimo,il quale a tutti i Principi dell’Imperiò mandò il Con- » te V°o Rangone Vefcouo di Reggio,& sò,che hebbi ancor’ 5» io patte di quelle faticherai qual’io mi da .Venne poi Paolo » terzo,il quale non folamente trattò tutta la materia , per mia » mano nella Germania, ma fattane la Indirtione, ne celebro » un pezzo in Trento ; & il medefimo fece Giulio terzo che di- 5» mandolo necedario,pofefia profeguirlo & continouarlo.La- Tciò Marcello fecondo,il quale effendo uiuuto folamente tre » fettimane,nó potè farne altra dimodratione, ma egli non pen « faua in altro,che a douerne celebrar uno, fe hauede potuto. »

Paolo quarto molte uolte lo promife, & per brieui o lettere, 5?

(ce n’è una ou’egli lo promette al Regno d i Polonia,quàtuq; » ne doueffe elfer la gucrra.fcofi dice)& per Legati, fi com egli 55 fece per il Cardinal Caraffa ( frangola ta memoi 5> [p. 152 modifica]Ippolito .

i.Kcg. 13

Verger io *

i 5 i . ^{ìJJ?opa dit)òm']ppólìwyi

« Spagna,che era in Fiandra,ma ìa uità 'non lo leruì, che nfffaiit « rcbbe facto ancoragli qualche tentatine. Gli Imperadori « adunque i Re e [Principi èiPapihàiirto detto efler necefla* « rio il Conciliò,&fé neTonò affaticati affai,ond’eglifoffe fta* « to fatto, anZli gli Imperadori in due diete fatte in Augufta or « i dinarono,con che modi egli s’haiieffe hauuto a fare, & quei « TonoaìlàuóftraIndittione(peruoftragrada) per diametro « 'contrarffhòra ueramente ui hàùete lafciato ufcirdi bocca ce l queftafcufamagra,la quale! uoftri uanno fpargendo , che no ce Infogni farne,fe non Un Concilietto èffecutiuo tra uoftri co i cc Tirannici modi, che fi fono detti,nè uorrefte in fomma, che «e gli articoli foffero piu difputati con laltra parte, nè giudicati te da altroché dalla uoftra riùerèza. o buon difcorfò d’huomo,è «e egli tale il Cócilio,che gli'Imperadori,Re Principi, città frati «C che,diete,e tutti gli flati, tutti gli ordini delllmperio,tutto il « mondo ha bramato e brama?

J Io hò pur recitato qui un gran pezzo deirargomento, che ci fcanna. & ho fatto qui,come fa la fcrittura fiera, quando dipinge la brauura di quel baftardo beftemmiator di Dio,che fpauentaua il popolo dTfraele,quando ulciua, dico quel Fili- ìleo Gigante,del qtial deferiue anche le arme,che portaua, & fpecialméte la lancia,con la qual fi prometteua di fcannarDa uid fanciullo,& darlo a i cani. Quella lancia era lunga ol- tra mifura,Come è anche l’argomento,che porta il Vergerlo s beftemmiator di Crifto,& nimico capitai del popolo fuo, co quefto argomento mette in fuga i piu femplici, che nó fanno piu che tanto,ma quanto piu fuggono gli altri, tanto piu ac¬ cende il cuore del zelante Dauid, il quale non có fi lunghe fa gioni, ma confidato nel nome di Dio, beftemmiato da que¬ fto altiero huomo limile ài fuo infernal padre, fi muoue, &ii dilpaccia in pochi colpi, guardate quanto coftui fia altiero , che per uoler nominar fe fteffo,come huomo di gran negotij, nomina il Conte Vgo Rangone Vefcouo di Reggio, manda¬ to da Clementefetttimoa i Principi dell’ Imperio dicendo. Et so eh anch’io hebbi parte di quelle fatiche > tal qual mi

Et [p. 153 modifica]cmiraì fecondo ferino delVerg.

113

IppoJùe*

Et nominando poi I^aóló terzo dice, r

Venne poi Paolo terzoni quale non (blamente trattò tutta verge. la materia per mia mano nella Germania, ma fattone 1 Indit- tione ne celebrò un pezzo in Trento, &c,

Quella è la fuperbia,che fa parteggiar collui per lo campo tioggi con li lungua alla, ma fi come la fuperbia di colui lo condufiè a morte, coli quella di collui lo fepelilce col me¬ lodi Dauid, che con la propria fpada gli taglia la fella.

Ecco qual forte di ragioni adducaci è giudicato eflèr bilò gno di Concilio,per le materie controuerfe, adunque bilo- onaua riuocarle in dubbio ? Si niega la confequenza a buona faccia,perche fi dice che quelle,che no erano decife,s’haueua no a decidere,& quelle,ch’erano decife fidoueuan far capire a gli Eretici col render loro le ragioni, fe intender le uoleua- no. & per gli abulì poi (i quali per nollre colpe fono molti) s* haueua da farne le debite prouifioni, che far non fi pollono commodamente fe non col mezo del Concilio, onde non fi giudicò,che folle necefiàrioil Concilio,perche folle riuoca- to in dubbio quello,che altre uoltefii rifoluto, come chiaro, ma per li tre rifpetti,cioè decider quello, che altre uolte non fu piu decifo,inlègnar a gli Eretici le decifion già fatte, & le- uar gli abufi, quella è la necelfità,nè qui s’haueua da fare altri mente di quello,che fia il collume antico, come nè anco mai fu mente di Papi,Impcradori,o Re,che fi facelfe > & che fia il vero,non mel’hà confeffato collui nella fua brauata,che Pao¬ lo terzo ne fece un pezzo,& Giulio terzo un’altro? & fe l’han no fatto,non ui furono gli Imperadori, e i Re col mezo de i

loro Ambafciadori,&Vefcoui?Hor come l’hanno fatto iPa pi, 8 r come l’hano accettato gli Imperadori,& i Re?forfe al a J J

uerfo di quello che lo uoleuano? Se dunque l’hanno accet tato al modo che fu fatto, & al modo che u’intrauenne- tofattiMno ro,ou’è il coltello,che ci fcanna,quando difiero che era necef mo fl ruto quul fario di farlo ? lo difièro fi, ma al modo che 1 hanno fatto, & yòrte di Conci accettato,nè altramente fi può credere, chi non è un pazzo,o Ho uokjfero . chi non tratta cotai Principi da pazzi. come reggerà dunque

I Papi, [p. 154 modifica]Vergerlo.

Ippolito .

%iJbofta di Donn’ Jppolitd

®?4

cortili il colpo della propria ipada? Ertò/ha portato in cam- po, ha sfodrata fuor,con dire che Paolo terzo & Giulio ter zo hanno fatto un pezzo per uno di quel Concilio,che da’Pà pi fi diceua effer neceffano, al quale (fecondo labrama de ali imperatori & Re) le loto ffiadlàfon concorfe. Adunque, che colà ha detto quefìo Baflardo Fililo, beftemmiator di Dio,&difprezzatòrd'Iirael)e?niente,fenón che ha merto

m fugaile fquadred Ifiaelle, come dice il tefto, ha beftern- tniato Dio,& deprezzato il fuo Popolósa al fin poi fi ha prò curata la morte ; & che fia uero, ecco docile ritocca per be-

fi iiifilzand- 10 ' & 0gU ^ 0r P iu COine P orco fàlùàticci andar

« Egli è tale il Cócilio,che rànci Papi,quanti ho detto, hant « no proniefio al mondo ? fe non uolefte dire, che fluendo P ar

« l^fpdhd una lorte di Concilio,intendeuanod’un altra.

« Adunque(leeondo uoi) giocauano di manb,& altro haueuà- « ' n01 n bocca, altro in petto, per poterci cogliere dà aeri vi- ec eanj di quell amico, & ci fono ben de frati Teologaftri for- cc 'E^nti,che in legnano col le loroloiche eflèr lecito d’ulàrogni « lotte di artifici, & fino a gli homicidij, & aflàffinamentG a cc conferuauon di cotefia uenerabile (per non le dar qui altro epiteto)fedia.

MeiTer fi,che il Concilio è a punto,come intedeuano,& co me diceuano,& come da tutto il mondo fi faceuano inten¬ dere i Papi ; che fia il uero i Principi per tale l’hanno accetta- to,talche non giocauano di mano, ma l’hanno inoltrato aper tamente ne’ due pezzi da quei due Papi fatti. ma da quale In dittion loro,o lettera,o promelfa fatta a bocca hai trouato tu altramente ? che quando ben fia tutto ciò,che hai raccontato de i fatti loro, & che colà ui fi truoiia,che dica o accenni pu¬ re un pelo di quanto qui uai beltemmiando ? & chi potrebbe dar miglior conto di te ItelTo, della mente Ioro(etfendoui in- trauenuto) le una uoltaalmenoper diigratia tipiacellè dire il uero,& non ti hauelfi tanto ficcata la uerità di fiotto a piedi?

Che i Papi fieno Vicarij di queli’amico 3 chi dubita;che fe la

Chiela [p. 155 modifica]cóntra'lfecondofcritto del Verg. * 5-5

Chiefa è fpofa di Crifto,(com’è) che il Papa non fia Vicario di colui a chi dice la Chiefa ^Oileótus meus mihi, & egoilli, Gwf.3.

&c. altro amico non riconofconoi Criftiani da lènnp jtuor

che Crifto, del quale la Chiefa è amica : ma forfè il Verge¬ rlo fa un’altro amico, & di quello parla, ma egb,& non il 1 a

P 3 i CheTfr«?Teologaftri,& forfanti infegnino un’arte, ho- micidij,& attattinamentfnó sò uedere,quali altri fi fieno,fuor che i fuoi due martiri di Coftanza, feguitati da fuoi pari nei fuo ultimo articolo,che,quanto fia per lo retto, le cofe nottre fifanno pur troppo alla difcoperta, nè fi ha riguardo ad alcun di uoi ( che non credette forfè di ettere (limati molto tra noi altrf)& quando il Papa uorrà ufare dettarti, & omicidi), non afpetteràjche ueniate al Concilio, ne che da frati gli ha mie- cnato : ma con bocca d’oro ui caftigherà tutti di lontano,co¬ me di fopra n’hò già parlato un poco. Che 1 frati poi fieno, o non fieno teologatiti,& forfanti,uoi altri eccettentiflìmi sfra¬ tati^ fpretati,ue ne potete accorgere, & (uottro mal grado) ue ne accorgete. Nè fo io uedere, che alcuno di loro ciò mie- onar poffa,dipendo al fermo,che non per arte ò inganno, ma folo per cura, & prouidenzadi Dio l’Apqftolica fede li con¬ grua & confetta fenza artificio d’huomini è accrefciuta no doue fi ritruoua (che fi fa bene,che da fe non hebbe mai forza di leuar la città Imperiale, che è Roma,all’Imperatore ) coli li manterrà per l’iftelfa uia . Non fu inganno quello, che uso Dauid nett’uccidere il Filifteo per foftegno detta fede reale in Ifraele : ma fu forza,& uirtu di Dio : & nondimeno il Fttitteo nonlocredeua ; ~ ^ r “

•u forza,& uirtu di Dio : & nondimeno n rmnco ■ua,& etto fu l’ingannato dalla propria perfuafio- ne,&mon dall’arte, che Dauid fi ufaflè : cofi intrauerrà a uoi,

.Rrg. 17

ne,& non dall arte, cne Dama 11 uianc . tua « —* »

che quando non lo penferete, darete netta ragna, & fara ope¬ ra^ orditura di Dio, & non del Papa : ma ueggiamo ora la cópita pazzia di quefto uantator eretico,nette parole iegueti.

Ma ho parlato affai,e pur troppo con uoi Papa Pio 111 l.f a Vcrg . rò fine,quando prima u’haurò detto,che in effetto uoi potete „ ben (fe uolete) far un Concilio tra i uoftri o^n Tréto, 0 in Bo „ [p. 156 modifica]1 5 6 ‘Rjfyojìa di DonrtJppolito

“ logna,o in Roma fpacciatamente,& fallo con quei modi,che « a uoi pareranno,& piaceranno, & altri piu maluagi che ue ne « potran parerei piacerete niuno, il qual uiua in Italia, non « haura ardimento di fgridarui pubicamente, come fo io, che « wi fon fuorde’piedi, quantunque gli huomini da bene fecreta <c mentefe ne farebbon beffe, & ftomacherebbonfi de fatti “ uoftri.

Ippolito.

Verg.

cc

cc

Cf

(C

fC

Ippolito .

Chi uuolt il Concilio dall' Imperatore, ò non lo uuole tnaì 3 o penfa di far Monarca del Modo flm Paratore.

llVerg.incari ca f Imperato re per due ri*

Queftolo dice, per inoltrarla forza che gli da il Tuo fpiri- to , 11 qual non Io foccorre,fe non di lontano: ma fe fulTe in Ita ha,non fe gli accollerebbe, fpirito propriamente de gli Apo- ftoli,quando fondauano l’euangelio, & per amor di Crifto fè n andauano in croce a punto apunto. poi feguita,

Ma cauatcui di fantafìa, cauateui del tutto, di poter ueder Concilio generale,delquale uoi habbiate fatta la lndittione, & oue ì noftri ui fieno per intrauenire. I quali Io uogliano da un’Imperadore, & non incominciare a riconofcerui per huo- mo,che habbia l’autorità di far cotale lndittione,ciò è,per ca polupremo di tuttelechiefe del mondo ( fe ubbidirò alla Indittion uofira,e uenitfèro.

. O fia ringrariato Iddio, che al fine l’hai pur detta come la intendi,& come da’ tuoi sfratati maeftri gentilmente l’hai im parata. Vn puntodolo poteui aggiugnerli,& quefio è Che fe ì tuoi non la uogliono, fe non dall Imperadore, conuiene, ò che non la uogliano mai, onero che uogliano anche l’impera dor per Monarca di tutti,tal chealla lndittione, ch'ei farà o- gn’uno fia pronto ad ubidire, fefi dourà far l’uniuerfal Conci ho. Mà,quando ha?c erunt ? Et uoglio pur, che ognun fàppia le tue gentilezze. Qual maggior carico far poteui tu all’Impe mdore Ferdinando,che dire,ò Colo accennare un fimi! tratto? Qui al ficuro, per due rifpetti almeno da tefuaMaefià ne uie-

ne incaricata. L’uno,perche tacitamente tu uuoi dire, che el¬ la fia da poco,fè permette,che altri gli leuxil pàdi mano, ufur pando quello, che e proprio di leficofa, che offende anche i fuoi predecefiorijche hanno tolerato l'ifteflo ; L’altro,perche in tuttele gml« tu gli conciti umidii addoflo fuor dipropofi-

to [p. 157 modifica]contrai fecondo fcrìtto del Verg. 157

to da gli altri Principi della Criftianità,i quali a niun patto uo gliono fopportare,che all’Imperadore fia dato nome, nè pur ombra di Monarca. Là onde gli emuli di Carlo quinto falena cario v.traua dire,che bifognaua umiliarlo, conciofia che egli afpiraflè alla gliatoper iub Monarchia ; & con quello colore gli furono moflTe afpre guer bio della mo* re, con la rouina di tante prouincie, come è cofanota. Che narebu. penfi adunque di uoler qui far tu con Ferdinando è Vuoi trat¬ tarlo da un goffo ? & dou’è la riuerenza,che tu porti al tuo fu- premo magiftrato ì O uuoi forfè per tal uia concitargli addof lo qualche guerra?certo ne ho gran dubbio. Ma fe quello no è Ferdinando,di qual natione adunque farà cotal Imperado- re,a chi tutto il Griftianefimo debba ubbidire ì ledefeo > Ma nó uuole ubbidirgli nè Francia,nè Spagna, nè Inghilterra col rello de’ Signori,che non fono fraTedefchi. Lo uuoiFrance fè,ò Spagnuolo,ò Italiano,ò d’altra forte^Ma i Signori di Ger mania non uogliono.Et come puoi tu adunque uoler la Indir tione dall’Imperatore, per far un generai Concilio £ Non uè di, che fenza elfer dal Papa impedito, lì tratta dell imponibi¬ le? Et tu fei un gran ualenf huomo ad hauertela coli ben con¬ certata fu le dita,& elfi fono huomini di grà difcorfo,fe afpet- tano,che l’Imperatore mandi fuora la Indizione. O bel pafa fo i Ferdinando fin qui non fi lafcia dir di far la Indizione, ma dice,che fi contenta d’ubidire a quella del Papa,come hanno fatto ancora i fuoi predecelTori,& dice, che hauoi altri per e- retici efpediti,che la uolete d’altra forte, & non uuole riceuer per adeffo da uoi limili incenfì, di darli a credere che all’Impe rator s’appartenga il farla,& non è fimile al Baluardo Ab ime- Iwc j. lec,ouero al luperbiffimo Afiàlon, che fi mollerò contra la ca fa del loro padre ; anzi cétra il padre ftelfa. L’Imperador Fer ijimperio pe dinando riconofce dall’autorità del Papa il fuo Imperio, co- de dal Papa. me quella, che a Germani habbia dato la facoltà di eleggere j(è,& altri:& perciò, come padre proprio,l’onora,& riuerifee,

& fìima le fue leggi,nè ingratamente contra di lui fi porta,co- me uoi altri,generation praua, & peruerfa ogn’or lo ftimula- $e 3 che faccia, Ma 3 & chi può afeokarui 3 fe non altri eretici è ■“ ‘ pei [p. 158 modifica]1 5 B %fyofta di Dom'Ippolitó

per mia foche quello è un bel punto,uoler Plndittione deII ? U niuerlàl Concilio daH’Imperatore, no ui edèndo nè uedigio, ne ombra pur di fperanza,che ciò podà edere; & che difone- ita e la uodra ò Luterani,a lafciarui ufcir cotal parola ? Io per rne non credo,che altri,dal Vergerlo in poi, la podà dire,per¬ che quello farebbe un uenire alle mani tra loro; non conce¬ dendo il Luterano d’altra natione, & di altro dominio al Lu¬ terano di nation Tedefca, che l’Imperatore potedè fare ITn- dittione uniuerlàle, già che. non habbia autorità nè fpiritua- Ie,ne temporale,che podà comandare a tutti, come al tempo inedrìco Fat* antico hauer foleuano gli Imperadori. Ma oggidì è padàto to 4 * /ignori queltépo,&èun incaricategli altri Signori, adire, che talté- aal Ver 2 - P?P 1 » per ritornarli a dietro;& acciò che fi uegga, che col dire,che 1 Imperadore habbia da fare la Indittione, fi dica an- cora,ch’egli debba hauer autorità foprema ; ecco, che tu def¬ io l’hai confedato, con dire.

Tergerlo j nodo la uogliono da un’Imperatore, & non incomincia-

t{ f C T ' r j Cono ’e erui P er duomo, che habbia autorità di far cota- « j 1 ndif£idne(cioèper capo fupremo di tutte le chiefe del mo r .. do,fe ubbididèro alla Indittion uodra & ui uenidèro.)

PP Adunque chi uuole l’Indittion generale dall’Imperatore,

uuole,ch’egli fi a capo fupremo di tutte le chiefe del mondo, & lo uuole incominciare a riconolcere. Ma qual In<defe,ò Fracefe,ò Spagnuolo,ò Italiano uorrà dar faido a quedo paf- fo> Et chi uorrà credere,che tal fetta penfi di ubidire (fe ITm- peratorcomandade) quando i Luterani Tedefchi medefimi ncufino di ubidire fua Cefarea Maedà in quello, di che gli prega,fcongiura,& comanda ancora ? Io fon certo, che fe all 9 Imperator Ferdinando fofTe Iafciata la cura di far la Indittio- nedel Concilio,egli non la farebbe d’altra forte; che di quel la dedà,che fua Maedà accetta oggi dal Papa: perche non ef- fendo un barro,(come forfè il Vergerio fi credevo non fo ue- dere,come fe J’accettadè,& fe gli fottomettedè, quando non ne hauedè fattogiuditio faldo,ch’ella fia tutta buona, & tutta ragioneuole;& perciò come può clfere, che quando bcnl’Im

perator [p. 159 modifica]contrai fecondo fcrìtt ode IV°rg. 15 9

pcrator màdaflè fuora la'Indittione,gli eretici fodero per ac¬ cettarla,nó udendo riceuer quella, allaquale fua maefta h ac¬ cètta con tutto l’animo,& che douendo farne una,la farebbe tutta limile $ Non è adunque nè uero,nè uerifimile cioche di¬ ce quefto animale, ma al modo, che fe lha fognata , coli la

manda fuora, & fecondo la fua ufanza. fegue poi & dice.

Fin tato, che no faremo d’accordo di quelli punti,cioè,che l’Imperador debba far l’Indittione,& non il Papa; &chefia-

mo liberi nel difender la caufa noftra, e i Giudici fieno uguali nelle diffinitìoni. .

(Il qual parlar vuol dire,che ancor elfo Vergerlo uogliaha ùer uoce diffinitiua.)

Nel che non faremmo mai d’accordo, la parte nofìra ua o- gni di piu bravamente uincendo,& la fedia papale perdendo, pergratia dell’eterno padre,che la vuol coti, &c.

In tutte quelle parole uorrebbe darci martellò, & gelona, fe potette,& farci inuidiofi del fuo bello flato,in cui fi truoua, ma noi non ci mouiamo per eagion di moltitudine ; ftarem- mo frefchùfe perche la maggior parte declini in un lato, uor - remino correre anche noi. La barca s’affogherebbe in un trat to. Quando Moife daua le regole della religion di Dio al popolo ditte(è l’autorità nei Deuteronomio a xiij.)che quan¬ tunque tutta una communità,ftimolatte un folo a lafciar’il pri mo culto,non però quel tale gli doueffe credere, ma fìat fal- do. Gli Apolidi non fi curarono di partirli da Grillo,quan - do gli rivoltarono lefpalle quali tutti, che l’udiuano, & che CrSlo dille loro, Volete forfè partire ancor uoi ? Rifpofero, a chi adderemo hauendo tu parole di iuta eternaèquaiì dicàt, partala chi vuolejche noi lappiamo al fermo, che qui fono le parole di uita eterna. Il male ha fèmpre piu fautori,che no ha il bene, & chine dubita? Il buon feme,delle quattro par Ù una fola fece frutto. Sono molti i chiamati, ma pochi gli eletti! Ma con tutto ciò,che può laper cottui, come uadano le cofe? Iddio fi riferua maggior numero affai di perfone di quellojche l’huomo fi crede,coli dice fua madia ad Elia Pro-

m Na:ura

Vergerle.

Ippotitefi

Vergerlo-

Ippolito.

Deut. 15 Nota.

Gli Apofiolifl fermarono co Crijlo quando gli altri fi par tiuano •

I oan. 6 •

I Gattini moU tiplicano per un poco.

Matt.il. Lue. 8,

Mute.io. 4.Rfg.i9 [p. 160 modifica]i6o

'Kìjpofta di Donrf Ippolita

Natura deirimpietà,& dell’empio,è d’andare moltiplica^ La profferita do, Proficient in peius: mafiamoperò auifati dal Calmo,di èicattiui fini = n on hauer gelofia,nè martello, nè inuidia del loro flato, No» fce pretto . jj ?mu l ar j i n malignantibus, &c. perche tanquam foenum ue- rf ' 3 ‘ lociter arelcent, & quemadmodum olera herbarum cito de- cident,&c.

i Alla Chielà R omana fcriflc fan Paolo la Tua prima epifto» k Roma, che la;& da quel tempo in quà fèmpre è durata,nè mai fi

Sai. 103

Iddio manticn

. , » _li fu per temi

po alcuno,ch’ella no adoraflè Crifto,& quefto è legno elpref lo,che non è fabricata da altri,che da Dio mantenitor delle cofe,fenza il cui fauore il tutto perifce, Auferes fpiritum eo~ rum & defìcient, &c. & in particolare i peccatori, che fona» lènza Dio ; Defìcient peccatores a terra,& iniqui, ita ut non Iddio Menta Mai buoni con tutto,che fieno odiati, &perfegui-

i buoni, fi co- tatbnondimeno da Dio fono confirmati, Confirmat autern me abbuffa i iuft° s dominus,&c. Che direbbe il Vergerio, le uedeflè, che cattiui . l a & tta durata già, 15oc.anni,com’è durata la noftrà

La fetta Lute Chiefà Romana ? le per cagion dello fpatio dixlij.anni lì gio rana. ria tantoché farebbe poi,lèpoteflè numerari migliaia ? ma

Ligujiro bian quefto non può ellère,ancor che come Liguftro bianco ella dia di fe fletta alcuna uifta,& come herba uerde lì moftri al quanto altiera nel mezo del campo del lignote, & come Lo¬ glio nel mezo dell’auena ; ma al fine, Inimici domini mox ut: honorificati fuerint, & exaitati, deficientes,quemadmodum fumus,defìcient. Non ui gloriate o uoi della lètta, con di¬ re,che ora uoi andate auanzando,& noi perdendo,che anche Alfalon per un pezzo cacciò Dauid fuo padre, & pareua a ri guardanti,che Dauid haueflè tratto(come fi dice)& i nemici fuci diceuano,che Iddio lo caftigaua de i Tuoi peccati, & lo malediceuano,& beftemmiauano ,* ma al fine fi uide,come an daftè il fatto,poiché Dauid reftò uincitore, & Aflàlon appiè cato co i capelli proprij alla quercia. Quante uolte, & per LA chiefà al • guanto tempo la Chiefà è iellata,come abbattuta da gli ere- ire uolte piu tici(che l’hanno ridotta ad altri termini,che non è hora)& no trauaglm di dimeno al fine con maggior forza è riforta. Sci nemici fuoi

Sedi

Erba verde. Lolio.

Sai 36

Affatone >

i.R eg. 18 [p. 161 modifica]contrai fecondo fcrìtt'ò M Vtrg. 1 £ ?

& di Dio fono andati in fumo, quando la Chiefa ha fermate le radici qui in terra ? Iniufti puniétur, & femen impiorum pe ribit, iufti autem hsreditabunt terram,& inhabitabuntin ie-

culumfeculifupeream,

■Qui potrei decorrere nelle erefie panate,che hanno hauu-

to altro poÌfo,di quello che habbiano le prefenti, fi per ca¬ mion de loro Maeftri Eretici, fi per rifpetto de’ Principi, che l’aiutauano,& fi al fine per la gran moltitudine,che gli crede- ua: & nondimeno quando penfauano di hauerla, come naue sdrufcitameftà al fondo, all’ultimo ella e arriuata al porto,& lafciando l’erefie in preda d’ogni forte di uento,fiè faluata,

effe fi fono abiffate. & chi vuol péfarfi,che habbiada riufa re altro al prefente? perche la uerità delle fcritture afferma che, Iniufti dilperibuntfimul & reliquia impiorum interi- bunt, falus autem iuftorum a domino, & proteólor eorum in tempore tribulationis, & adiuuabit eos dominus, & libera- bit eos,& eruet eos a peccatoribus, &. faluabit eos,quia (pe- rauerunt in eo, &c. Soffino adunque i venti d’ogni forte di dottrina jpiouano le maledittioni fopra di noi^congiurino tutti gli eretici infieme quato uogliono,che la Chiefà no può cadere,perche è fondata fopra la ferma pietra ; Anzi di qui hauemo occafione noi di piu affinarci nella uia di Dio, purga do gli abufi,& riconofcendo gli errori ; & chi vuol negar,che non fieno tra noi ? Ma, vexatio dabit intelleftum : & quefto farà il bene,che dall’erefie di oggi uorrà cauarne Iddio.

Quello difcorfo non è (lato fatto da me, per rifondere al maledico Vergaio,che egli non merita di udir tante cofe,ma l’ho fatto perche ifemplici non fi abbaglino nel uedere ciò che oggi dì regna al mondo, perfuadendofì forfè, che Iddio non habbia cura della fua Chiefa,alla quale gli eretici fanno tante infidieffeguendo Torme del lor gran padre Lucifero * Rifoluanfi pure,che (è il mondo dura,& effi habbiano uita,ue dranno nèpiu.nè meno auenite delle prefenti, come ancora delle paffate dottrine de gli eretichche tutte (è ne fono gite in fumo,& quanto piu parrà di hauer fatto profitto, tanto piu - ' J ' " X fi ue-

hord fcmpre è con maggior uirtu riferii. Sii. 3 6

E rcfle paffete maggior delle prefenti . Maeftri . Principi. Moltitudine . Naue,

Eph.j,

Sal.tf

Si eottte tutte Valtre ereflc „ coflqueftaanr darà inferno « [p. 162 modifica]r i £ i %ifyofla diDonn'Ippo litb

' fi uedrà la grande, & non mai da fe penfata confufion loro ,

& quello tato fi brauo uincere(di che coftui fi ua iattado; farà un fuoco di paglia,che prefto s’accende,&piu prefto fi muo- rejma ritorniamo allo fcritto.

Come furiofo fi mette a far un ribuffò al Papa, fu l’hauer mandato fuori la Indittione, & i Nuntij in Germania & ih Inghilterra,&dice.

Tcrzerio. Che egli in tutto è fiato mal confegliato, a perder iltem- fc po,& la riputatione infieme, fi perche a lui non tocca il far ta “ ^ Indittione,fi per le conditioni iniquiìfime, & dice,che l’ha <c uer mandato i due nuntij,non ha finalmente fatto altro, che palelàre a chi noi lapeua, che l’Alemagna nonticn piu conto de fatti del Papa,ne de fuoi nuntij,i quali ella per rifpetto c r ? ** riueréza,che porta al fuo magiftrato lupremó,che èl’Imp. gli u h a falciatipafiar per il paefe,ma le altro rilpetto dr quello del f ^ a P a n ° Ui fiato, non fo(dice egli ) come fi folle andata, polito. ' Come dire, che l’haurebbon fatta male . Io non uo- glio qui dir molte colè , fe non che cofiui fi piglia troppo affanno dell’ onor del Papa , già che fi crucia tanto, per¬ che fi fia melfo a perderlo con rjndittione,& co ìNurì- T tij, & mi par,che in tal punto egli fia troppo amoreuole , di

che lo difgratiamo tutti di compagnia,fe tocchi poi, o nó toc chi al Papa,il far la Indittione >& fe habbia fatto bene, ó ma - ■ : ' : le a mandare i Nuntij, di grana laféiamolo un poco sbizzarrì re a fua uoglia, bafti a noi lapere,come fia il latto,& poto più -badò ne dirò due parole : ma prima doglio dire, che è un bel punto quelIo,che dice del gran rifpetto che portano alttrr*- -.. . pcradore,come che non fi fappiadn qual maniera lo trattino. Voleflè Dio,che haueftero qualche rifpetto all’Imperadore, che forfè ui farebbe fperanza,che pian piano fi auezzafièro ad hauer rifpetto anco ad altri, ma ìor non ualenè fupremoma- - gifirato, nè ordine di Dio, & tanto fi fa,quanto non fipuò far dimeno per la paura ; & che fia il uero, perche non lo ri¬ pe fa rifatto fpettateancor nel refio, che ui comanda ? Non ui dic’egli for f eruta Mtm ft,ehe debbiai ubidire al Vicario dl f Crifio ? de perche qui

mm [p. 163 modifica]contraifecondo ferino del Verg. 1 6$

non gli hauete rifpetto.ma lo trattate ( infieme con tutti i fi- perdi or kg\i gliuoli della Romana chiefa)da diabolico* & fe direte,quello eretici. elfere zelo,& io ui dimàdo,perche adunque udir i Nuntij, per fuo rifpetto,gia che il zelo fenza il rifpetto Tuo ue gli hauereb be fatti mal trattare * O che il uietar lor il palfo fenza il rifpet to deirimperàtore è zelo,o odiojle e odio, che non nalca da zelo, & come fiere uoii buoni Criftiani,&i riformati* fe an¬ che è zelo,& come gli lafciate uoi pattàre*puo forfè piu in uoi il rifpetto dell’Imperatore,die non poffa il zelo di Dio ? Noi nó lafcieremo già per alcun rifpetto cofi paffar le cofe,& che fu il nero , ecco,che tuttauia ui lamentate, che non habbiate

il uoto ancor uoi,come hanno iVefcoui>&nondimeno per

niun rifpetto non l’hauerete mai, fe non ui uiene di ragione al modo detto di foprajfe quefto dunque è zelo uoftro ,di mal trattargli fenza l‘Imperatore,& non odio,perche il rifpet to di quello ue lo interrompe * Rifpondete. Ma chi può qu& rifpondere altri, che il Vergerio con qualche gentil bugia in punta di lingua, uedi come l’ha pronte nel fuo refto ; Dice,

Che i Nuntij andauano trauagliando per la Germania,per Vfrgmo. accender gli animi d’alcuni contra di loro.onde penfaflero di >s

fargli guerra. ... , „

Quefto non lo pruoua, ma come Te folle uno euangelilta, ippolm gli bafta folo hauerlo pronuntiato. Ma di gratia,& quali ani¬ mi uoleuano accedere coftoro per far la guerra? Quei de' uo ftri,o quei d’altri * fe de’ uoftri ? a chi darete uoi ad intendere che i nuntij del Papa andaftèro da Luterani per* accendergli a guerra da parte del Papa contra i Luterani * Quella è bene delle mature; fe ancor d’altri,che loro accadeua hauer il palio tra uoi col mezo dell’Imperatore, alquale arriuaron prima, che paflaflèro nelle uoftre parti come nutij del Papa * Ma pur tu dirai,che la cofa folle come tu la uai diuifando, & perciò fai tale argomento a limili.

Sono d’intorno a 2 5. anni che gli Illuftriflìmi proteftàti ad ve rg. una ambafciata,la quale portai io di Paolo 1 il.

Mi marauigliauafe non fi uoleua allegare un pqco. . Ippolita,

X 2 Che [p. 164 modifica]f 64 ‘RjJJpofta di Donr? Ippolito

l'erg, Che li inuitaua pure al Concilio di Trento ; rifpofèro ché

non uoleuan uenirea Concilio, che folle flato Inditto dai Papa.

Dio il fa, le tal’ambafciata contai rifpofta foflè mai in re¬ mili natura : ma tranfeat.

Et poco da poi, pur per conto di Concilio fi uenne allar¬ mi . Perciò che quel buon Paolo fcriflèa i Signori Suizzeri (n’habbiamo la copia )

Io non fo fe ellafia autenticai in carta di pecora.

Se,non poter patire, che il fuo Concilio foflè difprezzatò da i Principi : chiamaua difprezzare,perche non acconfentifc fero a cofe ingiuftiflìme. ;

Vórreifaper da te, fela colà apunto fla come la Icriui,o- pur fe ui furono altre cagioni piu proprie di quella guerra,ol- tfra la (prezzatura dei Concilio (la quale però non era dipoco momento ) ma tu potrefti ben (àpere, che altre ragioni & piti particolari, furon quelle che mollerò'l’animo déU’Imperato- Ldcdgìon che re allarmi. Perciò che raffrontò che nella, guerra, contra Fra ntojje.cario y. eia riceuè Carlo da’proteftanti'in hauergli mancato(lècondo V? g«m*4 p arer f uo )dell’aiutò promeffo in cotal guerra,ne fu la onni* emanu. p 0tente ca gione, percioche fi uide ridotto a far pace contra fua uoglia,& prometter la figliuola con dote dello flato di Mi lano al Duca d’Orliens figliuolo del Re Francefco, St per tal affronto Carlo mollò a fdegno, fi terminò di caftigare chi ma cato gli haueua. ne di tal rifolution lua, alcun fu confàpeuo- ie fuor che Francia, che gli promilè ancora aiuto didicce mi¬ la fanti,& ottocento lance, condotti dalla perfòna del Duca fopradetto. Il perche Carlo fleflò fu il primo a ricercar il Pa¬ pa d’aiuto, oprando il mezo di Farnefe, il quale gran tempo ftentò a riuoltare il Papa a dargli aiuto,ne meno l’otteneua,fe da Francia fteflà non era perluafo. Tal colà la fanno iFran- cefi,& la (annoi Signori Vinitiani, i quali per un pezzo (co¬ me naturalmente inchinati alla pace,& nemici di guerra) no- trirono la mente di Paolo Terzo a non fi muouere del fuo prò • ' ’ r • polito, if qual era d i non aiutar tal imprefa. Fu adunque tale

la

Ippolito. Ve rgerio»

Ippolito. Verge,

Ippolito . [p. 165 modifica]contra'lfecondo fcrìtto del Verg. i 6 $

la cagione maggiore della guerra di Germania, & non fune papa nè Concilio ; anzi la lega fmacaltica, fu prima in arme»

chel'lmperadore,d'un gran pezzo,perche nei maneggi di

Carlo col Papa,fi perde gran tempo, & efli auifati o

da feflefli,o forfè che dTiThaueiTero anche lènza quello rilo-

luta, furono in campagna; onde piu tolto fu miracolo, che Carlo la fuggifle, ritrouandofi come colto all improuifo.che col ualor fuo?& dell'effercito la uincefTe. Che bifogna dun¬ que dar la colpa ad altri di quel male, che fu comperato a de- ilari contanti ? (fe pur fu uero quello che Carlo ltimaua, cioè di eflTer tradito.) Non furono forfè con l’Imperatore contra tal lega nella guerra altri che Papifti ? non ui fu il Duca Mau- ritio ?on tutti i fuoi fautori Nonbifogna, che un feminator di difcordie con fi efprefie bugie s’interponga, & fisforzidi rendere odiofo il Papa piu di quello, chedìa, a 1 P; oteftant ; quali meglio di te fanno come andafTe il fatto. Maoue hai tu il ceruello ? Non làiche bifogna memoria al bugiardo ? N-oft hai fempre affermato nel primo fcrìtto, che uoi fiere efchifi, & perciò n’hai fatto un lungo meretricio lamento. Come adunque fcordato di quello,che hai detto, fei ora caduto nel la cónfirmation delle mie mentite che n ho date tante uolte d’intorno a quefto articolo * Ecco ciò che qici al nuerfo del primo detto,feguitando il tuo parlar col Papa .

' La uofìra riuerenza ora ritorna a punto per le medefime pe date, & pur gli inuita al Concilio di Trento,da edere con ìni- quiffimi modi celebrato, come appare nella uoftra Indizio¬ ne jchecofaèquefta? Efiendo giàftatadata una uolta la ri- fpofta che fu data s 1 che,uolete mò forfè ancor noi far come Paolo 111 .il quale pofe le mani all’arme? Facetelo,fe Dio ue lo permette,nella cui infinita bontà, & mifericordia noi ci co

Ora dimmi,non ti contradici tu diametralmente ? In quel primo fcrìtto non uuoi che in alcun modo ui chiami : ma che tra l’altre conditioni inique,che ha il Concilio di Trento, li¬ na fia,che delude uoi altri, & ora dici,che pur u multai & co-

Vcrgcrio

Ippolito* [p. 166 modifica]?66 %ijpofla di Bonn'Ippolito

me ftarannoinfieme quelli due punti? Pouer’huomo, debito oramai farebbe che tu riconofcdfi, come Iddio ti leua ii cer- nello.

Ma ecco nuouo ftupore,fi duole pur tuttauia del Papa,che ouedi prima fi ritrouò il galantuomo a dire* che Pio 11 x r. non gl’inuitaua ; ora fi uegga tanto alla fcoperta comprefo in bugia,però fi duole & dice,

Vergario. Ma torniamo al punto, le quella rifpofta fu data rifòlutiflz-

ma,non doueuate mandar uoi ad inuitar i nofiri, come hauc- te fatto ; perche hauendo una uolta intelaia rifpofta da loro di non uoler uenirea Concilio inditto dal Papa, non occor- reua perder piu ii tempo, & la riputataneinfieme, mandan¬ do per MdTo effetto. adunque qualche altra cofa ui moffe ; le quella rifpofta fu data rifblutifnma, uoi certo non manda- uate i uoftri nuntij a torno per douerla hauere in barba un’al¬ tra uolta; adunque andauano per praticare,& acceder la guer racontradinoi.

Ialite. Quella c la coperta per non moftrar di dolerli, ch’egli fia dal ratto del Papa conuinto coli di grollbnella honorata bu¬ gia,pero Io riuoltaaddollò alla guerra, laqual non fu maipen fata dal Papa; ma fi forfè da qualche fpirito feditiofo, & da ftioi pari,come fin’ora molti effetti s’incominciano a uedere : ma caminiamo oggi mai al fine.

Egli ringratia Dio, che gli faccia uedere quelli tempi, ne quali il Papa co i ftioi nuntij fia coli poco ftimato, & di fi po¬ ca autoritàri che pruoua con dire,

Tergerlo . Se i nuntij doueuano palfar per la Germania,ha bifognato,

ce che lTmperator màdalfe feco un fuo curatore, che fu il Truc- « ces d’AJlàtia ( ben galante gentil’huomo a dire il uero )

Ippolito. Coftui qui uuol la mancia,però lo lauda: & perche là, che

è Tempre folito a dir la bugia,&che per tale fi è fcoperto,però aggmgne quellaclaufula ( a dir ii uero ) come fe dicelfe altre uoke ho burlato,& ho Tempre detto il falTo, ora io non burlo nè dico la bugia,ma il uero.

Vtrp II quale operaife, che non fuflè fatto dilpiacere a i uoftri

nuntij» [p. 167 modifica]contraifecondoferino del Verg. i6j

fìuhtij,& che non folle loro denegata l’audienza #

• O bel paflo, i nuntij del Papa non pollano andar ficuri ad Ippolito * inuitar ài Concilio (colà che contra ogni natura di leggi fi ri» truoua,lequafi tutte uogliono che ambafeiador non porti pe¬ na,)& i Luterani noftri ribelli,fi uorranno doler poi (& gratia I l uteramje loro falfamente)chelor non fia fatto il faluocondotto, di po- l^dofì di noi ter uenire al Concilio, per dire, & far il peggio che poffano ? Pf cot ° iti 1 ™ Non uogliono dar pur audienza a i nuntij,fe non per rifpetto ^5 L«rr/<d deirimperatore,&uannobeftemmiando, perche noi non uo uocon ^ otto gliamo dar loro il uoto& la bachetta in mano. Che forte di i a f c i 4no poiin demonio è quefto,chehànno nel ceruello > La legge di natu t ^ ere c j,e i no ra uuole,che quel che non uogliamo per noi non lo facciamo ftrinuntij non ad altri, & quello, che per noi uogliamo, facciamo al proffi- fono tra. loro fi ino, & i Luterani non uolendo che fia fatto lor difpiacere dal curi, nè di ha* Papa,ben lo farebbono a nuntij del Papa,fe l’Imperatore né uer audienza» gli intratteneflè ; i Luterani uorrebbono efièr uditi quando m della utu» uogliono beftemiar contra la Romana Chielà:ma fenza l’Im¬ peratore non uogliono udire i nuntij del Papa, che pregare, - t *

Se lupplicar gli uogliono; o che gentil perfone. & perche no fi dica che tale fia il difetto della nation Tedefca, & non della ietta: il nofiro ualente dottore fi ua ingegnando diprouarla ancora col refio della fcuola, in tutte le nationi difperfa ; a fin -cheli uegga, che non la natione Tedefca, la qual di natura t a naticute - Tuoi efièr gentil &cortefe, come ottimo inditio ne danno i defea dinatu* -Principi Catolici,che in una gran parte in Germania fi ritmo ra C r rt ff utc nano : ma la maladetta letta Luterana è di fimil,'natura,che no L *J' n * n f a fa conto nè di coftumi nè di leggi, o naturali o diuine : ma fo- ^ ie '

To fi muoue con furore infernale, però feguita, natura, è d’ai »

O bella partita ; o riputation del Papato, che ua per man tra forte, d altri,fe uuole audiéza,& nó lòlaméte dico per la Germania y erg. v è molto ben’abbafiàta, & quali morta la uoftra eftimationè. „

(Douerefii pur aggiugner la claufula , che dica, Apprefìo Ippolito* de Luterani, già che infiniti ne fono che riuerifeono il Papa,

& fono Carolici. )

Ma per li Regni di Francia tanto quàto ognintorno uede, vergem * j & tolto [p. 168 modifica]i-<y8 di Dontf Ippolitò

Ycrzcrio . & tolto P iu ne uec hà> & nó è belIa anco q^ell’altra uoftra gl$

  • .. ;•*. .c ria,chehauendouoi uoluto mandar l’Abbate Martinengo,

« che intimafTe la Bolla della uoftra Indizione al Regno dia¬ te ghilterra,& hauendo uoi per lo potentiffimo Redi Spagna#

« fatto richiedere quella Sereniffima Reina, che folte contenta « dilafciarpahàreildettouoftro nudo in quel Regno, effa l’ha

« denegato francamente, & rifpofto in quanto a quello uoftrq «c Concilio quali quello Hello, che hano rifpofto gi’Illuftriflìmi ®« Principi dell’Imperio è

IAggiugni qui ancora & di ; I principi della Confeflion All guftana>& non dire alfolutamente i Principi dell’Imperio, fa T pendo quanti ue ne fono,che han detto altramente,& non far quefto carico a i Prencipi, che tutti fi fieno lafciati ammorba? da uoi altri. Di che fpero, che per pietà di Dio s’accorgeran r no ancor quelli,che fono fedutti, & ue ne renderanno la de¬ gna mercede, facendoui pagar il doppio di quei fauori, che orauifanno. ^ #

Vergi Et le quattro braue città franche, Argent inaurane fordia,

« Norimberga, & Vlma. ma ui è flatopiu,che la Reina non ha « pur uoluto afcoltare nè ueder la faccia del uoftro Nuntio;il « che non è dubbio,che hauerebbon fatto etiandio quelli del- « la Germania,fe nó folle ftata la riuerenza che portano all’Im- « peradore. Il quale commandò che folfero uditi, & fpero, « che hauendo uoi ricercato, che i Magnifici & Criftianilfimi « Signori Grifoni,difcaccino i predicatori Euangelici fuora del « la Valtellina, & concedano, che ui pollano habitar quegli « hipocritoni,quei diauoli de chietini,ouero Giefuiti,fpero di¬ ce co,che ne riporterete rilpofta, la quale ui confiderà, come « hanno latto le fudette.

Ippolito . Tutto ciò fcriue il Vergerio, fi per far meglio intendere » qual fia la natura dellefcommunicata fetta, che ouunque fi ritruoua, rompe tutte le leggi,fi per farli intender ancora, che Mentita del quanto ha detto nel primo fcritto, contrala mente del Papa* vcrg.data afe & della Indittione(quando fi lamentaua di non elTer chiama- Mo . to)di tutto fi mente per la gola, & che i diffetti, che per fimi!

u conto [p. 169 modifica]contra'lfecondofcrìttò M Verg. i €9 :

conto ìmponeua al Papa,ora tutti firiuoltano addoffo a Tuoi: ililiali per lor fola uolonrà reftano di uenire, & non perche il I>apa non gli habbia chiamati con ogni forte di condizione honefta ; è ben nero che ancor qui è flato un poco frettolofo»

& però gli auerrà come del primo fcritto,che di qui a nó mol to tempo, troueremo poi ogni cófa in contrario di quanto di ce de i Regni di Francia,& bifognerà all'hora fognarli qual¬ che altra gofferia di rifpofta,per impaftrognare un'altro fcar- tafaccio,& replicare > Ma io non gli prometto già di ritornar piu a ripigliar la penna,per tal conto,per non perdere ( fi co¬ me ancor dilli di fopra)la lifcia: & il fapone,come fi dice nel la

uar la tefta a fimilanimale,come qui haurò fattole ifemplict

ivo me lo faranno guadagnare,con accorgerli della qualità di queflo tanto ualent'huomo, che dice,&difdice; entra & ne- , ìce,uienfi & ritorna, tutto in un tratto,& pur che habbia no- injtabimm minato alcuno de’ fioftri con qualche uillania attaccata, gli pare hauer fatto un bel colpo, come fa qui có quelli che chia f ma Ipocritoni, & Diauoli, il cui nome & la cui bontà pero, ^ J con la uirtù infieme è nota a tutto il mondo,non pur qui nell Europa,ma nelle Indie, doue con tanto gran frutto deli’ani-; me ad onor di Crifto,uanno fpargendo il diurno Teme euan- gelicojfcacciando i Diauoli dal cuore di quegli huomini in-, fedeli,per la cui cagione il Dianolo fdegnato, muoue ora la lingua dell’eretico Vergerio,come altre uolte moffe quelle* de’ b iàrifei cont ra Crifto,a chiamargli Diauoli. Ma fpero, che & in Valtellina,& in Germania il Diauolo cederà un giorno il luogo,come fa oggi in Augufta,oue alle prediche di uno di tali che qui infamar fi penfa il Vergerio(dico il Canigi)fi riuol CrngL gono a migliaia gli huomini dallerefia Luterana alla ueiita Catolica. Etauegna che la fperanza del Vergerio fia d’altra forte ; pure ella è coli ben fondata, come anco la fua fede ; la quale non potédofi credere, che il Papa fia Vicario di Grillo, mera ancora che la Chiefa Romana poffa & debba perire, il che proferifee egli(com’una profetia ) fotto tali parole,& [p. 170 modifica]tergerlo.

Ippolito .

H.Vng. infici* ma tuttakJUà cafa,nella fot* ipferittiouc*

L <t proprietà tT iefcrittiqe iiPaoloVerg. Paolo .

Kinegator del la chiefi , cr detta, propria fdfata .

1 7 0 ‘RifyoFta di Donn ’ Ippolito

In fatti uoi ue n’andate in precipitio,& le treo quattro Pa¬ pi,che ui fuccedano, perderanno ancora quanto hauete per- ; duro uoi, nello {patio di poco piu d’un anno che fiere Papa, potremo per bontà del noftro amoreuoliffimo Padre Dio, cantar quelle parole , Cecidit cecidit Babylon illa magna, QueU’autoreò làn Giouanni Apoftolo ò altri che foflè fiato , * lo uide có gli occhi dello fpirito & i noftri figliuoli lo uedraiv no con gli occhi carnali. - u

> Verge io. :

Quello è il bel fine del Vergerlo nel fecondo fuo Icritto, al quale non è ballato di far quanto ha fatto di male-, le ancor non infamaua malamente la propria calàdi quelle federila,, che egli lolo ha operato; onde lafciado di lòtto Icriuere il pro¬ prio nome, fi lottofcriue il luo cognome,accioche col tempo ! non fi làpendo qual fia fiato quel fi gran trillo, che habbia la- feiato al mondo tanto federati Icritti, ne refti lòlo l’infamia perpetua apprefio della calata ; Come feda fua famiglia tutta hauefièdato il uoto,o dettato il foggetto, in coli eretica im- prela. Ma io uorrei che egli ftefiò fi ricordalìè,che fe ha fatta fclo il male,non ne deue lafciar l’infamia ad altri, però doue- rebbe confelfare all’aperta.

Che egli è Paolo, il quale è fatto lupo rapace, & predica- tor della impietà,& ualo dell’ira di Dio>& deftruttor di quel la chielà,per io cui foftegno Paolo Apoftolo lafciò la tefta in Roma,doppo rhauerle infegnata tanto honorata dottrina*; parte della quale fi regiftra nella prima fua epiftola fcritta a i Romani, & cofìui hora impugna laChiefa, riniegala dottri¬ na,& falsifica le parole.

Deueconfellar’anco,che>fi come ha rinegata la Chielà, nella quale rinacque a Crifto,chefula Romana, coliancora' che fia nato della famigli a de’Vergeri, nondimeno ha tralh gnato,rinegando quella fede,che da Tuoi Padri, & Audi, ha?,

  • V ueua [p. 171 modifica]contrai fecondofcrhto del Verg, i 7 i

4 ieua imparato,fc pur l’imparò mai di cuore, & non piu torto

da principio fu Tempre un trifto,come dei pari luoi dice il lai

mo ; Errauerunt peccatores a vulua.)

, Hadaconfertàrnèpiunèmeno,checontuttocheeifoire battezato tra’Catolici ; nondimeno ora non crede piu, chei

giuramenti fatti nel battefimod’aftringano ad ubidire a quel infedele a t la chiefa,che l’ha battezato. ^ ^ giuramenti . ;

Coli ha da dire,che fu ne gli ftudij, ma imparò poche lette ie,& manco timor di Dio, onde fe ben’auuocò in Venetia, Ignorante di nondimeno lafciò nome,che poche uolte difendertele caufe lettere, er di delle Vedoue & de’ Pupilli, ma chi gli porgeua maggior fom bontà noto . ma di danari quello era il piu difefo :

Fu Vefcouo ( & Iddio fa come ) fi dicono di gran colè del fatto Tuo, ma è ben uero,che di pallore fi fece lupo. Lupo non Vc-

Andò in Germania,mandato dal Papa; ma pofela frafca ‘ CQU °* alla facoltà & autorità,che’l Papa gli hauea conceduta,& fe- McrcZte delle ^ed’ogni erba falcio.) facoltà eccle*

Andò nuntio perinuitaregli Eretici, Ma come buon com ftaliche, pagno lafciò,che elfi gli facelfcro il parto,nel quale 5’imbria- Eretico. cò di forte, che piu che mai nel Tuo ceruello durali furor del vino.

Haueua giurato di difender la Romana Chielà, come Tua madre,maalfinehaconfpirato coi nemici di quella, & non n etnico ie Sé è forte ditradimento centra di lei ( che fe gli uienfatta) egli fuachiefx . non ordifea.

Quello è in fomma quel Vergerio,del quale dàdomi l’Eti¬ mologia colui,che lo ralfomigliò allo Antifonario, ch'io dif- Etimologi*

fi di fopra,dice ancora, Vergerio, ciò è uero gran rio federa- del nomefuo to,& trillo che hora fcriuea uoi,o femplicùper darui alquan¬ to delia Tua farina,& ancor che ciò che uho detto,douelfe ba ftar per antidoto contra il fuo ueleno ,* nondimeno perche u ho promelfo di rifpondere due parole di quanto dice della ri putation del Papa, & di perder tempo in chiamala Conci- lio,per uolerlo far uniuerlàle,& della perdita che ogn’hora fa ddT autorità fua,nonpolfomancami» uditele adunque,

“ Y z Chiara [p. 172 modifica]i 7 3 - e RiJ]?òfld di Donrr Ippolito

_ Chiara co fa è,che Iddio permette I’erefie,non perche piar cajligo detto eianoa Tua diurna Maeftà,ma per molti rifpetti,tra’ quali uno /tri peccati . è,che col mezo loro cafliga gli abufi, & i peccati che regnano L crc * e * tra’Catolìcirdella qual colà nella prima parte de i miei dilcor ila capi x. fi èragionato a lungo. Ma perche fra le altre ce cita,che ha in fel’eretico,una è di nó riconofcere ciò che egli iteretico efjèn fia, perciò di qui è nato, che elfèndo egli il battone, il milero do il ba.fi on d’ fi dà a credere d’efifere il giudice che punilce,& percuote, on- iddia , fi crede de fi muoue moftruofamente a laudar fe fletto,come fe in lui

Y ll ì ludlcc di faper da fe caftigar’i peccati. Il perche al fine il

Iddio fZ ’ il S iudice sdegnato,getta il battone fu 1 fuoco,& falua il pecca- caligato et ar F or cafìi g at0 : Tlltt0 oceorfe a colui,con chi ragiona Dio dejl battone.. j n Efaia a x. Veli Alfur,virga furoris mei & baculus ipfe eft, 'Bfa. i o, in manu eius indignano mea,ad gentem fallacem mittam eu>

& contra populum furoris mei mandabo illi, utauférat lpo~

lia,& diripiat pradam,& ponat illum in conculcationem qua filutumplatearum. Ipfe autem nonficarbitrabitur,&co|: eius non ita exiflimabir,&c.

Cecità.del Ecco la cecità,per la quale non fi auede di etter’il battone,

/Ione .■ aia fi crede etter’il giudice : però poco apprettò fègue,

Dixit enim,in fortitudine manus me£ ego feci,& in làpien eia meaintellexi,& abftuli terminos populorum,& principes

V '• ■ eorumdepra*datusfum,&c.

Itìfdenzt. Vedi quanta infolenza di quello battone, & di quella fra- fca, la quale da Dio fletto uien confiderata con non picciolo sdegno, però doppo alcune parole foggiugne j Nunquid Srctiris-* gloriabitur Securis con tra eum,qui fecat in ea ?aut exaltabi tur Serra contra eum a quo trahitur ? Quomodo fi eleuetur Zculùs - Virga COn ? tra eleuantem exai tetur Bac ulus qui utique lì

Bella colà, Iddio tronca i uitij de’ luoi popoli con la lècu re,& ettà fe ne ua altiera,come lè ella flelfa hauelfe fatta fope ra. Iddio ua rifecando gli abufi col caftigo,& la fega(che è pu iointtrumento;fiinfuperbifeecontra colui, che l’adopera girandola come gli piace * & è a punto come fe la frafea & la f «erga [p. 173 modifica]contrai fecondofritto de l Verg. 5 7 $

«erga fi leuattè cótra colui che 1 ha in mano,& la ticn leuata,

& il battone leualfe le corna, il quale fenz altro è un puro le¬ gno. Quello è Terrore. Hor ecco il fuoco. Propter hoc 1 1fuoco, inittet dominator dominus exercituum in pinguibus eius te- nuitatem, & fubtus gloriameius fuccenfaardebit quali com buttio ignis, &c. . ,

Quando gli arbori fon troppo morbidi,il che mene m dan no del padrone,!! troncano i rami fpetti,ne i quali pareua qua mt ur<t de gii fiche il legno fi infuperbilfe,& fi abbruciano, & il legno ne arbori .

diuien raro. Coli vuol dir Iddio : Tu che ti glorij troppo, & offendo femplice uerga & battone, ti uai gloriando di fare & di dire, ricordati, che Iddio ti diradicherà,© ti sfronderà, & ti abbatterà 1'orgoglio col fuoco,& coloro,che col mezo tuo da Dio faranno flati caftigati, fi falueranno al fine,& faranno il popolo di Dio, & etton’haueràcura, che fia il uero,feguita pocopiudifotto. .

Noli timere populus meus, habitator Syon ;ab Allur in virga percutiet te,& baculum fuum leuabit fiiper te,in uia Ac gipti,&c. fin all’ultimo del capitolo.

Per le cui parole fi uede chiaro,ciò che ho detto, chea ca- ilioo de peccati del popolo di Dio fua maeftà ufa per intim¬ anti gli huomini empi, i quali fi credono d efler’etti che fac Gli empiji/tra ciano gli effetti: ma al fine Iddio gli confonde, & caftiga fin menti di Dio* alla ultima loro rouina, & per tal uia falua il fuo popolo. ca fj!S° ac P 0 * Hor coli dico io, che a giorni noftri auiene .Tra noi non fi P oU * può negare, che non ui fieno de gli abufi,& de gli errori, non dico errori di fede,ma errori di peccati, i quali Iddio ha con gran patienza fopportato lungamente. Ma al fin uededo che feguitiamo a buon giuoco,ci uuol cafligare, & perciò ha mef iddio ci capi* fo mano a baffoni, con le guerre & careftie, già tanti anni, A g<tco uarij fk quai mali ha aggiunto al fine il battone dell erefia,& quello è gdl* mtfmu* «nbafton duro, che ci percuote &ogn’orpiu fifa fennrem peonie* «arie parti fu le {palle de’ poueri Catolici,i quali fono ueflati,

& afflitti come oggi fi uede:& perche all’ultimo non uorrem- moettcrdd numero di coloro, che fono percofli &non fi

snuouono* [p. 174 modifica]

  • 74

^ijpojla dì D'onr? Ippolito

ler. a. cr Ifr.5

Eft. I. = ,

muouono. Percufiì eos, & non doluerunt, ( onde il cafofo ro è tenuto da Dio per difperatoxome anco nel primo di Eia ia fi lamenta j che facelfe il popolo fuo, ) per tal cagione, il pa fior della chielà ha penfato di uoler ritrouarci rimedio col il pctpamojfo Concilio congregato per estirpare l’erefie conia cagion di da jitgeUi a id q ue n e ( c h e fono gli abufi & errori ) però rindittione è ufoita, z°to*concflio & ii Concilio è in efière, di manieraglieli può fperare qual- ler rimediar a che bene,& refrigerio a i npflri gran mali: ma gl’eretici non nojhi gratina cofi credono,anzi uoglionp, che non per caftigo , per ro r li. uina totale,& efterminio nofirò elfi fieno in colmo ; & fperar

Gl'eretici gitt nodi preualer’efiì,& di metter la chielà al fondo,&quelle fo dicano tutto il no le brauate,che fa qui il Vergerlo, perche uede certi pro,- contrario. greilì della fua fetta, Ma il fine farà ueder’il tutto. Siamo cer

LaKom. che ti,chelachiefa,(dico la Romana)non può perire ancor chefia wTancorche - ue ^ta, & dall’onde di quello tempeftofo mare trauagliata Z'^tZZ tanto • Etfiamo chiariall’incontro, che l’erefie ben pollono refie tutti peri prcualor per un pezzo ; ma al fine hanno da profondarli, Dio ranno , è corrucciato con elfo noi, lo confellìamo,ma l’ira fua non du

Vira di Dio reràfempre. Ancor Ifraellc per un gran tempo fi flette fot» non dura fem = to la dura feruitù di Babilonia, ma al fin fu liberato, & Babi- pre contra di fonia fu rouinata,& fi come egli pianlè nelle fue miforie, coli

no }' . rife nelle ottenute gratie,Euntesibant,&flebantmittentes Jfraelle in B<t* f em inafua, uenientes autemuenient cum exultatione, &c. puonià affiit- pianferofopraifiumidi Babilonia al ricordo di Sion ; ma lì confolarono poi col uedere il fine,tanto a Ce fauoreuole,& a i Babilonij rouinofo, talché le difièro. Super flumina Baby- Ionis, illic lèdimus,& fleuimus,&c, difièro parimente, Filia Babilonis milèra. Beatusqui retribuet tibi retributionern quam retribuirti nobis. Et quella èia confolation di tutti i buoni,làpendo che, Non relinquet dominus uirgam impio* rum fuper fortem iullorum, Sono percofiì i figliuoli di Dio da gli empi,ma Iddio gli libera ancor rollo,& gli rallegra con farla uédetta foro. Lmbitur iullus, cum uiderit uindfotam» inanusfuaslauabit in lànguine peccatori,&c. ^

Hor.eofi lperiamo 3 chea noiauenirg

J paglia

Sai 125 Sai. 136

Sai. I

S4/.57

fuoco di pd[p. 175 modifica]contrai fecondo frìtto del Verg. i jf

paglia come difopraho detto, quello progreflo che fanno oggi dì i Luterani, quale fi Ipegnerà predo,& la chicfane re-

fta Ma pe?che dice,che il Papa perde la riputatione, & che ne gliinuiti,chefa,doppoleiTer chiaro,cheuemr nouogliono, intende non d’inuitare, ma di far la guerra, & che egli perde ali’ingroflo.Però uoglio qui,o femplici,che ui ritorniate a me moria due parabole di Crifto,cioè,Quella de gli inuitat 1 alle nózze o a cena,& l'altra della pigna. In quelle due parabole Grillo vuol molìrar chiaro la bótà,& amoreuolezza di Dio , & la ingratitudine de’ Giudei,& però dipinge quella cola lot to tal fimilitudini, nelle quali racconta che nobalìo alla bon¬ tà del padrehaucr mandatoifuoi nuntij unauoltaafar gl in¬ ulti,& richiedere, i frutti; ma moltiplicò ogn hor piu nuntij, non riguardando,che fodero fiati reietti & mal trattati i pri¬ mi,& i fecondi,nè meno hauédo riguardoiche egli ione chia tifiamo della mente di coloro a chi mandaua, che nonhaur eb bono fatto colà aIcuna,pUr uolfe feguitare; & non Io lece peL altro, che p meglio difeoprire la benignità fua, & il defiderio che haueua che coftoro ueniflèro. Ma elfi ingratiffimi pi¬ gliando di qui occafion di dir male, & far peggio,& fperando anche d’impatronirfi della uigna trattaron male 1 nuuj,& peg gioii figliuolo, ma che ne feguì> .

Il padre Milfis exercitibus perdidit homicidas ulos ,&c. Et il padron della uigna Malos male perdidit, &c. ^ Sappiate che non è perder riputatione d un benigno padie, & honqia- to Signore, il mandar piu d’una uolta i liioi nuntij ad militar Col oro,che hanno riculato gl’inuitiuna &due uolté, ma è un; moftrar meglioramoreuolezza & bontà di chi inuita ,&e un difeoprir piu l’oftinatione, & ingratitudine di chi ricufa, che fe poi ne fegue la guerra,& rouina degli ingrati, non e la uo- lontà dell’ inuitante, ma là fuperbia, & il merito de gli ofti- nati. - ' , \

<■ QuelIo,che fenehabbia da edere,non lo fò dire, che non • ÌO ÌO

glia la ere fu.

P arobole di Cripto . Matt.ii. 1 M att. li.

Iddio rifiuto della eftinatio de Giudei, noti cefo di màdaf gli uarij mn• tij , al fin il fuo figliolo .

No» perde té riputatile chi inuita piu uol te gli ofinatu- Amoreuolez* za del inuitan te.

Ingratitudine del recitante . Bottina dì chi [p. 176 modifica]ricufd,' , JSloti. Tigliuoli di Jpretati er sfratiti . Vergerio . Ippolito .

Adorateti de C*tolìci con s tririi a quel - U .de gli eretU ci .

ÀpOC.lJ.

Tede fermi de' Catolici.

Sii. llé i.Rfg. 11

Trfi.i

Sa/. <?|

Ip. (&

£ 7 <$ jRjfyofadi Doriti Ippolito

£6 io qui del Profeta,come fa il Vergerlo, nè meno ho ioifi', gliuoli come hanno gli (pretati, con gli sfratati, che debbia¬ no uedere cioch’io dico, come elfo confida che uedranno » e Tuoi proprij,dicendo effo,

I notòri figliuoli lo vedranno con gli occhi carnali > Beo

Ma bene affermo, che Iddio potrebbe farlo, & predo » che fe nonio farà,fappiano i Luterani che non perciò adoria¬ mo i loro Dei, ne honoriamo le datue,che hanno erette (co¬ me ditòfero i tre fanciulli a Nabiitodonofor) di Lutero, Zuitl» glio,Ecolampadio,Cablino & altri limili Erefiarchi,mafòlo adoriamo Dio & Grido, & honoriamo ia fua Chiefa retta ui fibilmente dal fuo Vicario PonteficediRoma, fecondo quel culto che già mille cinquecento anni è dato introdotto;& doue egli dice, che fpera di cantar quel Cantico dell’Apoca- liffi, Cecidit cecidit Babylon illa, &c. 11 che coftui intende diRoma,& dellaRomana Chiefa; la qualfi crede di ueder prodrataa terra,coli noi all’incontro diciamo fèmpre . Quoniam confìrmata ed diper nos mifericordia eius & ueri - tas domini manet in aeternum, &c. Et quell'akro,Dominus rnortificat & uiuificat,&c. Se ben con fi duro badone (quale èl’erefia)cihabbiaIddiopercoffilungo tempo,& cihabbia leuati gli interi Regni,& le maggiori prouincie,& ridottici ui cino al niente,con fopportare,che per un pezzo : Omnes ami, cinotòri fpreuerintnos,&fadifintnobisinimici, &c.& che Fada fit defolata domina genrium,&c. nondimeno al fine,Id • dio riuolto a pietà ci confiderà ancora, & fermerà fopra di noi le fue prometòè,& la fua mifericordia, col far che femprc tra noi fi conferui la infallibil fua uerità,efTendo elfo il Signor Dio notòro,& noi il popolo fuo & la greggia,de’fuoi benedet ti & beati pafcoli eterni, (da’quali ogni eretico è efclufò,& noi per diuina bontà glifiamo chiamati,)fè per ciò dal uifibil pallore anche ci lafciamo reggerei cui fu lafciata la cura dal Signor nodro Giefu Crido, che pafeetòè le pecore & gli agnelli, &c. Cantando Tempre a Dio con tutta la fua chiefa.

Quantas [p. 177 modifica]contraifecondo fcritto del Verg. ì 7 7

Quantas oftendifti mihì tribulationcs multas, & malas ; Se p >fd. óonuerfus uiuificafti me, & de'abylsls teme iterimi reduxiffi mej&e. Cofi alti curo fperiamo j ancor che fiamo auolti tra tahte'fi graui,& fi acerbe pérfecutiòni fatteci da gli ereticrd* oggi ; & tutto ad onore & gloria di Crifto Signor npftro, del Celefte padre, & dello Spirito fanto,confolator noftro.

Il fine della rifpofta di Donnlppolito Chizzuola al fecóndo fcritto del Vergerio.

r\

ir.

z RISPOSTA [p. 178 modifica]

RISPOSTA DI

DONN'IPPOLITO CHIZZUOLA,

CANONICO REGOLARE

LATERANENSE.


Alle maldicenze, et bestemmie contenute nel terzo scritto del Vergerio, fatto contro, l'Indittione del Concilio di Trento, publicata da Pio Quarto.


SSE quando entrai nell'impresa di rispondere a gli scritti del Vergerio, m'havessi pensato d'arrivare, ove già ora mi veggo giunto, non so se cosi leggiermente mi ci fossi posto: Concio siacosa, che non essend'io usato di far satire, nè di morder alcuno (come ne può far ampia fede chi mi conosce) ora dal velenato dire, et dal proceder insolente che serva costui Escusation dell'autore per cagion delle parole mordaci usante contra'l Vergerio.nel ragionar de nostri più onorati soggetti, mi veggo tirato fuor di tutti i consueti miei termini, et condotto fra i confini (quanto sia per la mostra delle parole) d'huomo maledico, et mordace; cosa che tanto più odio in me stesso, quanto son solito di detestarla in altrui. Ma chi potrebbe qui astenersene, abbattendosi in persona di si ostinato, et diabolico animo, rivolto tutto a far ogni sorte di male fra l'anime Cristiane, quanto è quello del misero Vergerio? Io invoco qui Iddio per testimonio nell'anima mia, che quanto più prendo a sdegno, et riprendo la rabbia che egli ferva contra di noi, tanto più amo et ricerco la sua salute, et di tutto il resto a lui simile, di sorte [p. 179 modifica]contra'l terXofcrìtto del P erg. IJ 9

che odiando i feci empi,& rei coitomi, amo & offerito in tot- ro ciò la le 2 °e diuina. onde poffo dir con ragione, in qucfto Cio ln qnos odio habui,&legcm tt»m dilettile. Penero P p ,, * Vemerio &poueriicomplici Puoi, Che fe per pietà di Dio mcb

foife lór moftro un giomoV llo > ch ^ h ? ? edut f fcor , rend< J

per le lor tane,nó men fatebbon predi a (aitarne fuon,di quel fo che fi faccia il uillano, quando fiotto qualche frondofo ar¬ bore ouero entro qualche frefica tomba ritirato, per fuggir l’ardor del fiole,& ripofarfi alquanto dalle importune fatiche,

s’incontra àlllmprouifio in un fiero fierpente , o altro piu fipa- uentofio animale,che arricciar gli faccia ogni fiuo pdo in do.fi fio. Ma quanto fono tutti coftoro degni di compaffione, g a rheìloraticartraficorpionièloroundiletto,& 1 elfierauolt ,

& tenuti dretti da nodofi

ro neHacro fonte,quando per Crifto furon nnouati alla bella E F'4* Co **3 imasinediDio,&inifeàbio haimprefiein lor nuoue foime,

Sue figure contrarie in tutto alla fiua primato come bra T us ammo merei io qui di ritrouar parole cóformi a quel che ho nel co- eg i ere ic. mto per ifpiegar almeno in parte lo ftrano cafio auenuto lo- r^mentrecheaallematerneecclefiaftiche calèfifonprecipi tati in fi orribil grotte. o quanto fon'or da fie fteffi diuerfi,già che nè atti,nè parole,nè uolto, hanno piuchefien conformi allo fiato di prima. Chi può qui piu riconoficer alcun di effi, efièndo mutata la fede,il grado,& lordine di ciafcuitaler .C era noli è piu fedele alla fiua madre,obediente a fiuoi paftori,

& amoreuolc a’fiuoi cari fratellùMa per l’amòr della fetta nuo ua,odia noi, fiuoi fratelli, fit ibella ai Prelati, fiuoi pafton difiorezza la Romana Chiefia, che gli ha partoriti. o trastor- matió peliima,della quale già coli difièd falmo, 7 !7 ' [p. 180 modifica]

Gli eretici fo¬ no Rati entro dUa Chic fa.

Gli eretici fi fono feparati dalla cbiefa . z.TWf.j .

Veretico in luogo diragio nc ha il furo*

re.

Spirito di li-, berta.

Generation di vipere ,

Vritghi della Chiefa fatti a gli eretici. Gal, q.

18 o Donni 1 Ippollpù

' K, CC if T 3 u “ lua f e ™ nt * utero,loquuti funt falfa,Fu:

rorillis fccundum fimilitudmem ferpentis, ficut a/pidis fiur- da?,& obturantis aures fuas, quaé. non exaudiet uocem incan- tantium,& uenefici incantante fapienter,&c. Già tempo fu. ch e ancor gli ereria fi ntrouauano entro le uifeere deila fanta madre Chiefa ; & già fu tempo , che e/fi ancor erano come fi. giiuol! tra le braccia di quella portati: Ma da fe M/i fon ora fatti lontani 5 & fono tifati dal neutre, & dal petto, & dalle braccia. & perciò come fanciulli faiz a guida fùbito hanno ei rato : Percioche chi dalla Chiefa fi parte, fubito erra : nè fo Io quello, ma errando e/fi,fubito han dato materia di errar ad altri. Pero,loquuti funt falfa : hanno, con la bugia predicata, fedutto altrui ; onde rApoftolo di tali di/Te,Errantes & in er- roiem mittentes,&c. & perche nel tutto fon trasformati, pe¬ ro in luogo di ragione hanno un uelenofo furore : il qual furo re (come gente che piu non difcorre,nè piu intende) e/fi chia mano Spinto di libertà. Sotto il cui preteflo,fi fanno lecito ^ ar pofano córra la fua feon/òlata ma¬ dre Chiefa di Cri/lo, per il cui danno da ogni lato, nelle paro le 5 & ne ì fatti,/piran contra di lei,non altro,che to/fieo,e uele no : come feme appuro di quell’antico ferpe, che a rouina del la Chiefa ftefla fedufie ì primi padri ; & come generation di vi pere, fputano fempre ueneno. Onde ne detti loro fon detrat tori della Chiefa j beftemiatori del fommo facerdote & male dm! contra ogni Catolico,& religiofo foggetto. Et che altro miglior indino hauer fi può dell mterior lor ueleno, che ue- der fi belle proue ? Furor illis fecundum fimilitudinem ferpé- tis. Ma ci e poi di peggio,che pregati, & /congiurati dalla pie tofa madre, che ritornar uogliano all’antico loro albergo, & che fi rivolgano di nuouo a Cri/lo,e/fi,come afpide fiordo,/la no ruttatila piu chinati, &.chiudono l’orecchie alle cópaffio- neuoluoci della /le/là madre loro,Iaqual ad ogn’or grida,cofi dicendo^ihoh mei,quos iterurn partirio donecfo?metur in nobis Chri/lusjcome dire,Oimè,non fiere piu uoi, già era in yoi la forma di Cn/lo : ma cruna crude! Circe ui ha tramuta

t [p. 181 modifica]contrai ter%oferino del Verg. j 81

ti .O infenfati,quis uos fafcinauit non obedire ueritati ì Già G 4 /. 3 . hauefte forma difedeli,or fiere eretici; perciò nó hauetepiu forma che buona fia. Adunque cangiateui, & ritornate alla effigie uera di Crifto,Donec formetur in uobis Chriftus» Co fi,dico, gridando ogn’or la Chiela per riuocargli , elfi ogn’or piu fi fan ritrofi,& meno afcoltano:però che tra l’altre forme, che han preio di nuouo contra quella di Crifto, hanno in fu* premo grado quella dell’afpide fiordo, oftinato ad ogni uoce, Afridc fori*. per gagliarda che firn, che lo uoglia fmouere dalle fiue oleure grotte. onde elfi nè da ragion alcuna molli, nè per confiuetu- dine antica mutati ; nè per la uiua forza d’autorità de fanti pa dri conuertiti ; Ibi fi ftàno immerfi nell’oftinatione de lor prò prij errori,a guila dell’afpide,che fi refta nelle cauerne,non a- fcoltandola uoce dell’incantatore,quando ad uficirlo sforza: compdration coli coftoro (fecondo il detto di Crifto in S. Giouanni ) ama- tr<t Valide er no di maniera le lor tenebre, che odiano la luce, la quale la Eretico. Gliela uorrebbeamminiftrar loro cauandogli da’ lor errori: lodn ’ 5* ma elfi dal cieco furor guidati per ftarfi empi non uogliono udir il canto della chiefa, Tanquam alpidis fiurdee & obturan- tis aures fuas, qua* non exaudiet uocem incantantium, & ue- nefici incantantis fiapienter, &c. Tutto quello opera in loro , f

l’oftination che è proprietà dell’erefia. Et per tanto non è l ° q gran marauiglia,fie con quante fatiche fi faccia il Papa, & con quante ragioni alleghi, perche debbiano uenir al Concilio, efisi nondimeno,fi Hanno fin qui, ritrofi, allegando uarie ficu- fq,per non uenire.Ncl primo fcritto ha detto il trasformato, Wg f c d e ^.incantato Vergcrio,chc nó uengono,perche non fon chia- i0r ' “j r ^ l ^~ mati ma efclufi .Nel fecondo dice,che non uengono,perche ne { . a er ^J Jj, ancor che fieno chiamati, ogni cola è finta, per trappolargli. ^fuenir d Qui nel terzo dice,che non uoglion uenire, perche i faluicon Conc m 0 . dotti fon fiati lor ; rotti. & chi può qui coprire l’oftination lo- ro>& il furore cieco, per lo quale Dilexerunt magis tenebras io. 3 . quàmlucem ì Come è pófsibile, che le non fonerò piu che accecati,non fiaccorgcftcro almen del lor gran fallo,leggen¬ de» tu tuigiorno, come leggono nelle fcritture, la differenza ■ , che [p. 182 modifica]i 8 2 Hìfpofta di Donrt Ippolito

Gli eretici e* che fi fa tra i Catolici & gli eretici ? Legga chi uuole, & tro* feono , c ricu uerà una delle differenze effor tale,che gli eretici fon quei che tolici Jl rcftd» efcòno,& i Catolici fon quei che rimangono. Difte fan Gio. «o • danni, Exierunt quidam ex nobis, fod non erant ex nobis :fi

i .loan.z. énim éx nobis fuiffont,manfiffont utique nobifcum,&c.& co¬

me poteua dirlo piu chiaro ? Ha detto qui il (almo, Alienati E/*, font pcccatores a uulua, &c. Dilfe Iddio per Efaia profeta

Audite me domusIacob,& omne refiduum domus Ifraeli & parla qui fua Maeftà a coloro, che erano come Catolici re- ftati con elfo feco : però gli chiama Refiduum. & foggiunge* Qui portamini a meo utero,qui geftamini a mea uulua, ufque* adfone<5tamegoipfo,&ulqueadcanos meos ego portabo. Ego feci,& ego feram,ego portabo, & fàluabo, &c. nel che moftra chiaro,che i Catolici non efeono, ma fi ftanno come figliuoli nel uentre, & fi lafciano portar da quel uentre oue fi L4 chiefajil ritrouano : il quale non è altroché la Chiefa, proprio uentre proprio uetre di Dio,oue tutti i figliuòli di fua Maeftà fono generati, porta- diDio. ti,&alleuati. Ma per contrario gli eretici da quefto uentre efcono,& fi ficcano in altri luoghi in ofeure grotte,& tombe, Le grotte de che fono le uarie fotte. Però a tali grida Iddio con dire, Re- gli eretici fo * cordaminiprioris foculi,quoniamegofumDeus,&noneft noie nane [et ultra me Deus, nec eft fimilis mei, &c. & uuol dire , per qual cagion uolete ufeir uoi dallo ftile antico, & dal culto, in che alleuati fiete ? Ricordatiui, che quello è il uero,nel qual m’ha uete adorato in uerità,& or non adorate piu me,ma altri Dei, i quali non fono limili a me fe fofièro ben tutti d’oro mafsic- cio. Adunque ritornateui onde fiete ufeiti. Tutto ciò uolle dir Iddio in quel luogo. Se dunque chi efee è eretico, & chi ri¬ mane è Catolico,è pofsibile, che tanta cecità regnar polfa in alcuno, che non s’accorga qual fia ufoito j cioè fo egli da noi, g ?mentori 0 no j da c flr 0 ? £ t f e ritroua che elfo fia ufoito da noi, già che delle fette fono fa principio gli inuentori della fua fetta nacquero, & furono ufeiti da noi. a j| euat ] tra no j } come in tal propofito Martin Lutero no può negare ; come può eflere che non confefsi chiaro di effere in errore ? Ma fo ben’io onde tutto ciò nafee.Nafee dalla crude!'

trasformatici! [p. 183 modifica]contraiter{o ferino del Verg. 18 *

trasformatoti fatta dallempia & federata maga , la quale in luogo di.lume d’intelletto & di ragione, ha impreflo in loro un’oftinato furore;& per do,non Polo non fi riconolcono;ma fi danno a credere d’hauer’ogni giufta cagione centra di noi, .

di quello,che dii ne meritano ogni caftigo. & pereto come fe “

loro foffe (lato il Papato,con l'attincnze di quello, crmuouo no guerra per torcielo dalle mani,& come fe le citta,& lo Ita- & ^

co temporal della Chiefa foffe fiato lafciato loro da lor padri ^ ^ & auoli ; Se che dal Papa tirannicamente gli folte poi fiato le l( ( p j- 0H

pato lor dalle mani,hora contra noi s’armano per farci la mer i ttuo ii d'o guerra, & come fe i beni lafciati per ultima uolontà de i tefta g „j «/figo. tori alle chiefe,follerò lòtto fidcicommiffq delle lor proprie cale, con mano armata fi gli uannoa pigliare , tirandogli m proprio ufo,& facendogli eredità paterne; Dicentes hatredi saUZi, tate polfidcamus fanduarium Dei in terra, &c. Et in poche parole,dafimilfuror molli,uogliono far lite a noi di tutto nota. quello, che habbiamo, come di colà loro, effondo che le noi non rhauelfimo,non farebbe però toccato ad alcun di lo¬ ro,di poterlo hauere. & nondimeno qui fi Iieuano i gridi, fi muouono i tumulti,& fi uien’all arme. & fe alcun di noi vuol ragionare, uiene sgridato, brauato, & mal trattato ancor, la» oue coftoro hanno un poco di polfo„ Chi uide mai il piu iti làno furore ? per lo quale i noftri ribelli folleuati & ammuti¬ nati infieme ( & perciò fatti noftri traditori,) col leuarci il no- ftro,& col uenirci addoftò per afialfinarci, non uogliono, che pur cifìa lecito il rifentirci ?Ma come fe noi rubalììmo ad elfi, quello,che elfi rubano a noi, uoglion dirci uillania,minacciar ci,& fe lor uien fatta,menarci ancor le mani per dolfo? Non fi marauigli adunque il Lettor mio,fe in quella rilpofta, uede S pi r i t0 $ tal’hor accenderli in me lo fpirito d’Abifai,figliuolo di Saruia contra Sc<*

& feruitordi Dauid,ilquale ammazzar uolfeSemeijche belle miaua& malediceua il filo Re afflitto,&difcacciato ; Nè me- 2.R<-g.i6^ no fi marauigli fe tal hor mi uien Io fpirito di Giacobo & Gio spinto di Già uanni Apofioli, i quali uoleuano far difeender il fuoco, Se c0 °. er G{0 ‘ abruciar i Samaritani difprezzatori di Grillo. conciofia cofa, [p. 184 modifica]Mdudgitii del Vcrg. nelfuo fcriucre.

llVerg.fcri* uepefiimmen te nel terzo fcritto » Bcfìmcmic del v erg. contrai finti*

ìfitentìon del 'Verg.nel ter* zc jeritto .

Gli Eretici fi* miti ed DÌcUiO

lo.

ìrxttie del Ver ge.tielfuofcri uere .

18 4 7 {ìJJ)ofla di Dontf Ippolito

che non lo con qual peggior tempre s’hauefTè d’alcuno poti! to lei ìucre contra il capo nofiro in terra : nè con che peggior maniera fi folle potuto deprezzar Crifio,di quello che fi fac¬ cia quefto reprobato da Dio 3 ne i Tuoi tre uelenati fcrittimé 1 qual;,fi come nel iecondo IcrifTè peggio che nel primo, coli in queflo terzo Icriue pefTìmamentc. Il che fi può di qui chia tire, poi che nei due primi non ha fatto inention d'altro, che di huomini: ma qui nel terzo fa mentione ancora,& beftemia nominatamente la gloriola Vergine Maria con gli Angioli di Dio minifiri, & il Serafico làn Francelco, come fi uedràiitf ciafcuno de propri] luoghi. Adunque non (blamente, prò- fecitin peiuS) come dice ilfuo motto, ma è arriuato al pefii* me. Il che.come fi fia,e ben fatto uedere nelle fue proprie parole,falciando da parte nella mia rifpofta a quelle,tutto ciò che ne gli altri due Tuoi ferirti hauerò detto, per non fafiidir tanto i Lettori col replicar il medefimo. Ma ueggiamò pri ma,checofà qui egli lì penfi di fare, accioche le conclufioni mie poi fieno piu chiare, & ciafcun s’auegga fe egli fia guida todaragion 5 o da ferpentin furore.

L intentìon tua adunque in quello terzo Icritto è confort me a quella de gli altri due,cioè di uolér leuar le potefle,tutta la dmorion de popoli,uerfo il Concilio di Trento,come a (ci & alla fetta fua capitai nimico ; perche s’accorge, che fe tal Concilio ha il fuo effetto, manderà quanti eretici moderni fb no hoggi a gambe Jeuate : però come demonio(ehe per dub¬ bio di Cnfto,ternana ogni efiremo per kuar da gli huomini la fede & diuotione in fua Maeftà ) coli cofiui co i Tuoi fe- guaci,uedendo larouina cfprefiTa della fua fetta in quello C 5 - ciiiojufaogni mezo per renderlo odiofo,

A far cotal’imprefà glipremette un poco di prologo, che niente ha che fare conia narratiua ; fe non in quanto nellnno & nell’altro fi contien ogni forte di mal’òffido.

Nel prologo tratta contra l’Olio,cioè il Cardinal Vuarmié fe >una propofitione,la qual recita efib alia mente, come fé follò una cutta lenza prouar parola de fi dica. La qual

Drop olinone [p. 185 modifica]contrM ter^oferitio del Verg. i S f

propofitione l’vdirete fra poco.

- Nella narratiua falta a comparar infìeme il Concilio di Ba® fìlca,con quel di Trento,a niuno de’ quali credendo, recita al cune condittioni dell’uno & dell’altro,come le raccótaflc ap®

punto una fauola,o apologo di Efopo. ^

k Dice di uoler comparar infieme l’uno,& l’altro Concilio j talché il Lettor fi apparecchia d'imparar tutto ciò che per di dentro a loro fi contiene: ma quando fi uien a uedere,al fin 0 non tratta altroché un faluo condotto, il qual non s'appaN tiene un pelo (è non a quello, che di fuor a Concilij fi refta* anzi il faluo condotto ferue fòlo per la coperta de’ libri» man¬ dandoli fuore prima che ai Concilio s’arriui.Che fé alcun mi dice ;& perche fa coftui tal gofferia? rifpondoj che non ha Ld cdgioa M qui potuto far dimeno ; però che uolendo fcriuer, 5 e far dir le inettie * qualche cofa de* fatti fuoi,bifognaua che fi feruiftè di qual¬ che argomento : ma perche ftudiar’i Concilij da lènno,non e farina per li denti di chi è grolfo di legname come è coftui »

(con tutto che fappia come un papagallo aflài ciarlare, ) pero eli bafta folo d’hauer letto la coperta, & fe anche nel legger quella fa di grolfi errori, or che farebbe poi fe fi mettefle piu a dentro?però di quel poco che fa,bafta,che cepe fia cortefe;

& ha moftrato ingegno a non pafifar piu innanti, per non ha® uer aréftare nelle pezze ( come dir fi fuolé. ) Hor al fuo prò®

^Incomincia una propofitione affai lunga di parolc;ma cor¬ ta^ ftroppiata di fenfo,la qual cofi dice in fomma.

Crifto incarne promife la prefentia dello Spirito Santo a Vergai*. gli Apoftoli fuoi, & a quelli eletti, & regenerati,che douean » Succedere ogni fiata, che fi haueffero hauuto a raunar'infie- » ime,à trattar le cofe della Chicli» . . ”

Tutta la propofitione è ueta,pur che per gli eletti non in- tenda predeftinati,& per regenerati non intenda i giuftificati foli,fecondo la giuftitiaprefente. Perche quando per ben publico,coloro a chi Dio ha data la cura, fi raunano infieme r co i debiti tnezi,& con intention di efièracar.1*officio loro:»

‘ ’ A a non [p. 186 modifica]i8ó dìDontì Ippolito

Watt, non fi ha da dubitare che lo Spirito Santo fia infra di loro,ha uendogli eletti eiIo,corae ilìrumenti, per mezo de’ quali uo- glia effercitar l’imprefe fue nel mezo dellaChiefa,o fieno poi buoni,ocattitii in le fteffi * coli fece anche con Balaam Profe¬ ta maluagiojpcrla bocca del quale ad infìruttione della Chi^ fa, proferì le fue fante parole. EtTifteffo Vergerio.di qui

a poco confelìèrà,che la uerità fi proferifce ancor da coloro che efib ftima reprobi : & tutto ciò per la forza dello Spirito Santo. Horafè quello è ne particolari foggetti, perche non farà meglio ne gli uniueriàli, & .communi., a tutta la Chielà f

Ethaurei gran compaflìonedichi folfe coli ignorante & goffo, il qual poteffe darli ad intendere che egli haueffe fat¬ to quella promeflà a i Principi de’ Sacerdoti,& a Farifei,a Cai fa,a Erode ,a Pilato altri tali reprobi : li quali non fanno far'altro quando fono ratinati infieme,che perfeguitar la dot¬ trina eelcfte per mettere innanzi la carnale.

Anche tutto ciò è ueroffe ben’il pouero ignorante non ha fàputo rederne la ragion jronciofia colà,che pelandoli di rea delia, ha allegato l’effetto. la- cagion è tale. - - , .. Che non hauendo alcun di coftoro lume di fede,il qual ua nfcloJrìfuo * nanz * a ^ °gni opera chea Dio piaccia, nó fono capaci dello va operi. U ° S-pifito di Crilìoinè fi poflono raunarnel nome fuo fanto, & però ne fegue come effetto,che la dottrina carnale fia propor ver dijfettodi ft a a ^ a celefte. Et di qui nafce,che niun’eretico, o Luterano, fede ni un ere * o d’altra lètta ha mai rifoluto ne’ fuoi Conciliaboli altro che tiorba ne fuoi cofe carnali,perche mancando del uero lume della fede, che c beiluboli dif colà gli retta altro che lume di carne f* Qui non ftarò a rcci- fnito altro ■ , tar efsempi di altri eretici, come Arrio, che trattò di Crifto che dottrina come di puro huomo, fatto fol peruiadicarne,&nondiSpi ^nio * rit ° ^ ant0 5 & ^ Neftorio,che fece l’itteffo, & altri : ma dirò Hellorio . de' Moderni,che ne’ cóciliaboli loro trattanofolo di colè tut

Dottrina de ì te carnali, come dire, del Matrimonio de’ Preti,Frati,& Mo- moderni ereti nache ; & che il facramento fia un puro fegno, Et che nonni si, trattatane iìa aluo,come dicono i facramentarij, che pane & uino ,qua

U

£to».£2,*Z3.

M-

Tergerlo

fc - », •'

Ippolito . [p. 187 modifica]cònkrtflter%oferinoM Verg. t$j

Uanco(per meglio compirla ) doppo il pane uogjiono il nino. foro emetti carnalmente per farli una buonaluppa lenza pélier di (àngue bolìc di Crifto. Et fe alcuno come è Lutero penfa al fangue,vuor anche con tutto ciò,che uifia il uino carnale. La gola lenza obligo a digiuni è il ior fuggetto ; Non ci uogliono tanti tal- mi,non tante altre fpirituali cofe, &c. Et che dottrina e que- fta da proporre ne i Concili) ? Ma ella nalce da non hauer fe¬ de retta,però fono priuati dello (pirico diCrifto,(obrio,caftoj & ripieno di diuotione. in tal fenfò adunque,& per tal cagio- ne,tutto è uero quei che coftui dice. . ,

NondimenoilnoftrogalafhuomoOfioVuarmienfe,che T erpri* è Legato al Concilio , par che uoglia altramente ne fuoi »

Qui incomincia a dar nelle (cartate, già che moftra(come 1 PP^lkt » l’afina di Balaam)nó hauer intefo ciò che S’habbia detto,per¬ ciò fi ritorna al fuo (brancico,có dire che pare;& a chi 2 a me non par tal cofa,nè ad altri occhi, che pure fono infiniti : ma • coftui ha certi occhi affai ftralunati, però gli pare. duo ben onde nafea in lui cotal parere.L’Ofio l’ha trattato come meri ta ua,& ha fatto conofcere apprefto de’ Poloni, & de' Boemi deche egli e . & perche Crifto dice che fecondo la qualità dell’occhio cofi è tutto il corpo, cioè che fe l’occhio è chiaro 6 . tutto il corpo gli uede chiaro, ma fe è torbido, anco tutto il corpo farà torbido,& poco gli uedrà : nel che paria della buo tia,& della mala intentione, però Intuendo coftui una inten- tion peflìma contra l’Ofio, non gli può parer cofa alcuna di quello nè buona nè apprefto che buona, & però dice qui che cofi gli pare, ma fe cofi è come gli pare,gli uoglio effere fehia lìO. Ma confideri qui il Lettore,che quello fmemorato uien a confeftar chiaro tutto ciò,che negò nel primo ferino, nel Contudittm quale uoleua ; Che il Papa nonlafciafle andar i Cardinali al dclrwg. Concilio; & hor dice,che Vuarmienfe il qual è Cardinale è Legato al Concilio. Se il Papa non vuol che ui uadano, per che di lor nò fi fida(corae di fopra ha detto) perche gli dà poi la legatone,& gli fa come patroni in quel luogo l Ecco co[p. 188 modifica]Verg.

Ippolito,

TteUaregene* radon del core niun,fuor che Iddio , né può faper cofa ah cuna di certa „ Vfo del Papa nel crear di ue fcoui.

Niceforo. Pietro Gnafeo

Xenaia .

1 8 8 %!Jpofta diDonn' Ippotkd

me totum corpus tuum tenebricofum eli, per tua mala interi 1 tione che hai contra l’Ofio, & contra il Papa. Or uediama’ quello Tuo parere cauato da’ libri deH’Ofio. Il parer è tale »*

Cioè,che quella promefìà folTe Hata fatta a tutti quegli in- differentemente,cheil Velcouo di Roma hauelfe creato Ve* fcoui & mandati a un Concilio,fenza ricercar in elfi regenerai tione, nè gufto, nè intelligentia,delle cofedi Crifto:& tutta uià fi là,che huominifien quelli, che fanno cotali elettioni: & che huomini quelli chefifogliono eleggerli per pallori del le Chiefe.

Con quella fi bella proua, il nollro arcidottore vuol’hauer prouato,che l’Olio dica altramente di quanto la prima propo fitione contiene » Ma io non sò nè ueder,nè fognarmi com’ef fer polla,che quello contradica a quello : percioche fia chief fer fi uoglia che elegga i Vefcoui,da Dio in giù,non è chi pof- la accorgerfifo entro a fe contengano regeneratione,girilo,o intelligentia delle cole di Grillo : attefo che delle cofe del cuore niun’altro fuor che Iddio nè polla efler Giudice,& fe li hauefie da uoler ritrouar(prima che fi crealfero) ne i Veicoli! tal gufto, tal regeneratione,& tal’intelligétia, chi dubita chè mai fi uerrebbe al fatto di crearli ? Ballerà dunque al Papa crear Velcouo,uno che fia capace di elfer tale,quale fi conuie ne al Velcouato,cioè che fia battezato, per lo qual battefimò fi fa la regeneratione neli’interior de gli huomini; & nó far co me i pari de Luterani, che hano.creato i Vefcoui àcor che nò battezati. Tal fatto fi legge apprelfo Niceforo eifereoccor fo a Pietro Gnafeo Patripalfiano,il quale per forza occupaua la fedia di Antiochia,& elfo ordinò Velcouo di lerapoli un certo Xenaia,feruo fuggitiuo Perfiano,non battezato, con di re,che in luogo di battefimò baftauala confacratione. Quello Xenaia fu uno de primi che dogmatizalfe tra Criftia- ni contra l’imagini ,& è hoggi da noftri eretici feguitato non poco.il Papa dunque non fa lìmil fallo. Di piu neli’ordinar de* Vefcoui fa formar procelfo della uita & di coftumi di chi ha da elfer promolfo i sccioche dalla efterioiuita& coftumi

polla [p. 189 modifica]còntra'lterXofcrìttù del Verg. f ® j>

polla confiderare le egli fia o no fia atto al Vefeouatò. Di piu 1 egli non fa i Velcoui lolo, ma gli propone nel publico Conci fiorò ; per udire ciò che ad ognun del Collegio piaccia di di¬ feso prò ò contra chi uien propoflo. Alfine il Papa fa inquilì don di tutto quello,che ricercar fi deue. Che fe poi è inganna Verg . vefeo* to come fu quado fipromolfè il Vergerlo al Vefcouatodi Ca uodi capo d l po d’IllLia,che colpa n’ha il Papa?& fe|il Papa ue n'hauerà col firii > pa, Iddio non lo lafcierà andar fenza acqua calda,ma lo calli- gherà de’fuoi demeriti.

Che poi fia,ò non fia notorio,che huomini fien quelli, che fanno co tali elettiói,& chi fono coloro,che pelli fono eletti,

quefio nó importale no a difeoprir il Vergerio per rinouator jj Vfr g. della erefia antica de Donatifti,i quali per la mala uita nó uo- noM tor della leuano riceuer la dottrina di chi fi folle ; penfando che Iddio dottrina di do non polla ulàr ifirumenti cattiui a far le fue grandi imprefe;& natici . fi conofce anche l’iftello Vergerio per feguìtator della dottri gù>. h us , na di quei fuoi due martiri, arfi nel Concilio di Coftanza, per Gijo am

foftegnó (tra gli altri articoli)di quello,che lègue., _ - ■

Che il Papa in peccato mortale non fia Papa;& che niuno, Chefianeiriltelfo peccato può elfere Vefcouo, &c.

In fomma quello lànt’huomo, mifura l’elettion fatta de gli altri Vefcoui fu quella che fu fatta fu la perfona fua propria, la qual egli molto ben fa come, & di qual pelo fifolfe.

La Catolica fede tien perverto,che Iddio anche col mezó iddio col me¬ de mali minillri dia le fue grafie,i fuoi facramenti,& i fuoi or- so de cattiui dini ;&che per le bocche loro infegni le Tue uerità. Onde operalefueco uuole che facciamo ancor tutto ciò , che dicono'; Dichene A*

miei difeorfi lungamente fi è trattato nella prima parte,a cap. MUl S 2. ouetra 1 altre cofe,fi dice non elfer gran cofa, fe un catti¬ no capo habbia potellà lopra la Chiela(corpo miftico di Cri- Nota. fio jpoicHelddio lìelfo,per confelfiondi Grillo,diede autori tà & potellà a Pilato fopra il corpo nero ,& reale di elfo Cri- fio. Nonhaberesinme potellatem nifi tibidatum elfetde- i oati.ip. fuper vSarà dunque per tutto ciò falfilfima la confequentia i

che dice. Il Papa non è huomo da bene, o buon crilìiano, et*-

7 [p. 190 modifica]Ccnfcquenzc

falbe del Verg. L'autorità no pende dalla b» bi nila da Dio .

Y cr $’ •

Ippolito

La chiefa fimiì ed Regno . Sega Fordine del Vie aldo di Cr&o uifibi » le, ogni Vefeo uo potrebbe efserdifyrez*

Zito.

L’ordine de' Vefcotti è Iota nijsimo dalla fuccefsim cor

nate*

199 ‘Rtffiojìa di Dófm' Ippolito

go non Ila autorità di far Vefcoui? & fimilmente farà faìfò. I Velcoui fatti dal Papa,{bno cattiui di uita ; ergo non fono at ¬ ti a far buon Concilio ? Tal conrequentia farebbe buona, fé dalla bontà pendefle l’autorità che hanno : ma ella pende d* Dio, &c.

Colui in fommas'imagìna, che il fatto della Chiefa di Cri

Ilo ha come quel di una Republica politica & ciuile,al gouer-

no della quale non polTaelTere tolto chi non è della tal fami-;

gha, o della tale,quantuque egli folle poi poco fauio 3 epoco buono, ma è del numero de hgnori: perche è della tal fami¬ glia,uolendo far in forama unafucccflion carnale.

Iddio & Grillo ralTomiglian la Chiefa ad un Regno, & no aduna Republica, nel qual Regno elfcndo Grillo Re ( come in molte parabole,ne’ falmi,& nel titolo della croce lì dimo¬ ia alla partenza fua di quello mondo udibilmente, ha data 1 autorità al luo Vicario di ordinar minillri nelle prouincie,ec città di tal fuo gran Regno, fenza il cui ordine non deue ardir alcuno di entrar nel mini fterio ; & perche niun potelfe rifiu¬ tar fai minillri conaire,Non ti conolco,però uolle,che col ui fibil fegno dal uifibil capo ciafcun di loro folle ordinato, che le altro non ui fi ritroualfe,che l’inuifibil uocatione, non è al¬ cun Vefcouo,che dalle città, & da’ Popoli non potelfeetfere difprezzato,dicendo ciafcuno,Et perche piu a te che a me cq uien tal’imprefa? già che non coniti della uocatione? Onde ui uuole il uifibìl ordine; fenza dei quale niun s’ha da intromet? tere;Ne quello è cofa carnale,poi chenafce da autorità di fpi rito,data al capo uifibile,il qual fenza altra differenza ordina di qual fi uoglia natione,che fono al Cielo fi troni idi manie¬ ra che oggi ad una,& diman’all’altra,fi cóferifce il grado. Nè è potàbile ritrouar ordine piu lontano dalla fucceffion carna¬ le di quel de’Vefcouhilqual ( poniamo che per qualche gran¬ de indullria perlèuerafiè in una cafa per un poco di tempo) al fine pur conuien che n’efca, & uada altroue. Come adunque fimi ordine de Vefcoui ha uoiuto far l'Olio una fuccetàócar 2iale fperò cotal penfiero per forza è tutto temerario,

La [p. 191 modifica]cmtradtèr^fcrittodel Vèrg. 1 9 *

La uerità è, che non ual la confequenza fé alcun dice;EgIi y ergerà > èffàto fatto Concilio con l’autorità del Papa,&ui fono flati „ molti Vcfcoui con belle mitre,& bei piuiali confàcrati.adum- „ que ui è fiata la pretenda dello fpirito Tanto, fecondo la prò- 35 taefià di Grillo,conciofiacofa,che altro ci uuole,onde ci hab- „ bia ad dfere prefente lo fpirito Tanto ; anzi crederei io, che lo „ ifiirito Tanto fe ne hauefiè a fuggire incontanente, piu lonta- 9 nochepoteire,quadoegliprefentifie>cheunVefcouodiRo w fcnafimettaaconuocarifuoi mitrati, & congiurati, e i Tuoi in „ circoncifi nel cuore dal coltello dello fpirito • &c. ì „

O qual peccato è, che quello fi grand’huomo non fia un ippofita » 1 Papa, o altro di piu,Te piu dir fi puote, già che proferifce tan¬ to riTolutamente le Tue fentenze,ancor che non ne produca al tre proue : ma già che non è Papatiremo per adeflò,che non prouando cofa alcuna che fi dica, non fè gli può dar fede, &

perciò a buona faccia fi niega quanto diccjEt ci par’anco che

•egli fi metta troppo in dozina con lo Spirito Tanto,quando lo Tementi e? tratta da uno uccello, che fugga piu lontano che può, come btftemie del fè egli non fofiè onnipotente, & lo tratta da un’ignorante, Vergerà o quando mette in forfè, ch’egli làppia le colè del Papa, onde $ lrlt0 9 *

dice,che fi fuggirebbe quando prdèntifiè, &c. come fe hab- bia bifogno di fentir da altri quello,che il Papa fi faccia. S’ad- domeftica ancor troppo, quando fa profefiìon di elfer preTen te a tutti quei,che dal coltello dello fpirito fon circócifi;quafi che fenza la Tua faputa lo fpirito non polfa circoncider alcu¬ no . In effetto egli è un poco troppo prefuntuofo & infoierà te. Et fe ben dice poi,che cofi creda,hoì gran dubbio che egli non molto creda fopra i tetti.

Non importa qui,dice rOfio,perciochequelìo,Ghe manca Vergtm* in uno,fi fupplifce in un’altro,& iuoroccorrere,che a qualc’u „ no non dòttiffimo fia riuelato ciò, che non è nudato a dugen „ io o trecento huomini di eccellente prudentia & dottrina or- ,, nati,i quali uengon poi nell’opinion di quel non dottiffimo, 3> coli oprando io Spirito Tanto , il qual nafeonde molte cofe a i 5>

.. fapienù [p. 192 modifica]19 a %jjpòfta di Tlonrt Ippolito

“ fapienti & prudenti,& le riuela a i paruoli.

ìppoiitò. Coli occorfe nel Concilio Niceno primo jOue Pafnutio Vdfnutio . k tutt0 il Concilio nella Tua fentenza. _ ì

Vergerlo, ' Sono Oliane tolte dal Latino di parola in parola.

Ippolito. ' Tu fei un galanfhuomo a faper cofi ben tradire l’Olio di La

tino in uolgare,io non me n’era accorto.

Ma lo addimandiamo, che cola fi haurà duque da fperare» “ quando in un Concilio non ui farà queft’unparuolo? . .

Ippolito / Rifpondo, Il Luterano haurà allor da fperar la uittoria ,$£

noi efier licori della perdita.

v&gcrh. Et la cagion perche ciò io dimandi, è, percioche quando lc uoi per opera de’ frati fpioni ne potete conofcere alcuno,che <c fiatale,dico paruolo,& regenerato a chi Io fpirito lanto riue- cs la itnifterij delle cofe di Dio, Voi lo folete fcacciare fuori de « uoftri Cócilij,& anco fuor della uita corporea quàdò potete. fppolito. Haurei creduto,che(da Dio in giù)niun'hauelfe potuto co

uiuno può co no f cere alcun paruolo regenerato,perche mi fon fempre peti nofcere ìlregc p ato ^ p en f 0;) anzi fon certo,che la generatione confitta den- perAto. tr0 nell’huomo interiore,come per lo contrario la corruttio-

■■ ne ^ & uecchiaia confifte di fuori neH’huomo efteriore. Onde non elfendo alcuno, che penetri di dentro le cofe de gli huo- i .Cer.a* mini,fuor che Dio & l’huomo iftelfo : Nemo nouit, quse fune

hominis, nifi fpiritus hominis qui eli in eo,&c.Nó habbiamo ardito mai alcuno di noi, attribuire al Papa ( nòn che a’frati) che egli habbia potentia di fpiar la regeneratione de cuori,fai uo per qualche fegno efteriore affai fallace. Ma qui il Verge rio per l’amor che ci porta attribuire tutto ciò al Papa, & a’ frati. Et come amoreuolilfimo fi mette anch’eftò indozina con loro,moftrando che fa chiaro quai fono coftoro cofi rege nerati j col nominarli particolarmente,& dire,

Verg. Conciofiacofa, che in effetto non fono quelli paruoli de

« quali Cullo parlò,fe non gli elettile non i giuftificati, fe non « quei,che uoi chiamate Luterani.

Ippolito » Dio te la perdoni ,.che ogni cofa ftaua bene , fetu non ag-

eiungeui quella coda. Non è chi dubiti che i paruoli & rege-

cerati» [p. 193 modifica]contrai terXo fcrìttò del Verg. 1 9 j

Aerati,non fieno gli eletti & giuftificati: ma che fieno tali i Lu terani ; ti giuro per quella croce,che nè i frati fpiont, ne il Pa¬ pa n’ha inai conofciuto pur uno ; però che quei,che noi chia¬ miamo Luterani, gli conofciamo per nemici di Dio, periecu tori di Crillo, carnali di uita,contranj allo fpirito, di coltumi fporchi,di dottrina eretici,di uoluntà peruerfi, nel penfar lo¬ ro trifti,nel ragionar felli, nell’operar peffimi,-appunto come lei tu. Come adunque può Crifto ragionar di loro.fe non nel¬ la parabola de’capretti a finiftris è nè men’elTer conofciuti dal Papa, fe non quando dice il venere lànto,pro haerecicis, Se fchifmaticis ?

Ma lafciamo ora quello.

Coli dice anche colui nella Comedia, che hauendofi bor¬ dato ciò che dir uoleffe doppo grattarfi molto il capo, addi- mandò da far colanone. or ua feguitando cometi piace già che altra ragion piu bella non ti (occorre.

Non hauendo hauuto il Bafilienfe,e non hauendo in effet¬ to il Tridentino fpirito,& lume nelle cofe di Crifto,uoglio co pararli ambi due,come carnali tra loro,& far uedere,che il Ba filienfe ha tifato maggior deftrezza & moderatione,che il Tri dentino non ufa.

Or non l’ho dett’io, che il prologo non ha che far punto con la narratiua ? & che qui non ui è altro ordine, fe nò quel¬ lo,che dal furor cacciato fi gli abbatte ne i piedi? & che han¬ no da far infieme le cofe dette difopra,con quelle che ora dice? & come altri direbbe,che|ha da farla luna co’gambari? Ha parlato dello (pirico promeffo a i congregati, ha fparlato dell’Olio,ha con gran dignità pronuntiato,che i Luterani fie¬ no conofciuti dal Papa per eletti,& paruoli regenerati,& ora lènza altro prologo faltaacòparar infieme il Concilio di Ba- filea & il Tridentino. Non ui par che ben la ui s’affibij ? Or fu uediamociòchediruoglia quello Salomone, oueè quella carne nel Tridentino, & ou è quella deftrezza nel Bafilienlc ?

Et nondimeno il Bafilienfe s'abbattè in tempiofcuriflfimi.

-Et perciò nefciui't quoiiret.

il Bb EU

PfT che forte di gente fimo conofciufi La tenni . -

bergeri# „ Ippolito,

Verge,

Ippolita*

Vergerlo,

Ippolita*,* [p. 194 modifica]fyfyoji'a di Donr? Ippolito

Vergerie .

Ippolito. la. il.

ihrg.

Ippolito.

Che cofa fi ri* cerchi ad uno alqual fi deb= hia dar fede di quel che pre* ■dica.

Verg.

Ippo.

t9 4

E il Tridentino in tempi, ne’ quali fplendono molti raggi dell’euangelio.

Et di qui auiene,che ciò che fa,conofce, & con ottimo giu dicio rifolue. perche è fcritto ; Qui ambulat in tenebris, ne- fcit quo uadat, Qui autem in luce,non offendlt, &c.

Onde quali per tutto ui è Iuce,& elfi non la ueggono. Non lo dir altro 5 le non che i ceruelli di quei che gouernano il Pa¬ pato,fempre uengono peggioràdo,per grafia loro , che è mal légno; già che lèmpre s’indurano come Faraoni.

O fé qui non gli folle mancata la proua, come pareua egli un gran brauo,l’impattaua ad uno Ariftotile, ò Platone, o al¬ tri. Vedi con che gagliardi di animo entra a dir ciò che gli uien a bocca; non li difconcia un pelo, ancor che poi come buon cauallo, che con ardir di leon entra per mezo il fango ; ma non li tofìo poi ne efce: collii pouer’huomo li retta nelle ftracce,&che cola importali prouaronon prouar ciò che s'habbia detto, pur che qui sfoghi un poco il fuo amaro coil- tra’l Papato,che io tiene in efsilio ? Perdoniamogliela dunq;, non altramente, che ad un Macomettano, che improuefattè anch’egli a i Criftiani,perché non Ueggàfcìo quella luce, nella quale doj?po Satan transf gurato,egli lì camma alla uolta del l’Inferno. Haureiben però hauuto caro che alla prelènza no- ■ftra haueflè fatto le prone, che difeuopriron l'induratiohedi Faraone, cioè qualche lègnoana è perduta la ftàpadafarmi racoli, & pur uorrebbono che folle lor creduto fenz’ altro a quel che contra l’ufo antico lì è fempre offeruato. Ma noi nò lìamo tanto leggieri,uogliamo il teftimonio, ò delle Icrìtture che atteftino alla perlbna che ci propon colè nuoue,come fe ce Giouan Battifta ; o uogliamo il miracolo,come fece Moi- lè;o non ci uogliamo partire dóde ci ritrouiamo nella fuccef- fion continuata delle colènottre : perche altra uia qui noi nò habbiamo di ritrouar il uero ; & fe il noflro ceruello ua peg¬ giorando in cotal cafo, Iddio la perdoni a chi è nell’errore.

Al fatto.

Iddio uoglia che tu non disfacci qualche colà di bene., & Catolic& . B [p. 195 modifica]contrai terXò fcrìttó del Verg.


Il Bafilienfe adunque efifendofi congregato , mandò fuòri vcrg. un faluocondotto leale &Criftiano,nel quale trai altre u eia ,» quella partita. Et particolarmente che la legge diuirta,la cop „ perfation in terra, e la pratica di Crifto & de gli Apoftoli, & „ della Chiefa primitiua,infieme co i Concilij, & co 1 dottori, 1 „ quali fi fondino in quella ueracemente, debbiali hauer per ue „ filiamo giudice & indifferente in quello Concilio Bafilienfe. „

Le latine Hanno coli,che a me par che importi affai a confide „

rar le proprie & le medefime. Et fignanter quòd lcx diurna ,, XJ

Praxis Orridi Apoftolica,& ecclefia? primiciua;,una cum Co- „

cilijs & doóloribus fundantibus fe ueraciter in eadenrpro ue „

riffimoSc indifferente ludice in hoc Bafilienfe Concilio ad- M

, n Ga hodettòjche per ben’hauet pròmeflfo il Vergerlo di uo lecite,

ler qui comparar l’un & l’altro Concilio, non perciò s habbia

alcuno a perfuadere di hauer cola,che nel Concilio fi conten ga,ma folo la coperta,la qual cótiene il faluo condotto: il che piu tollo è materia da Bartolo & da Baldo, che da un fempli*

ce codiano,o teologo;& non fi può far cogettura alcuna del¬ la bontà,o maluagità della dottrina dentro contenuta, ancor che il faluo condotto foffe,o piu forte, o men forte: però che fi leggono cento Conciliai quali non fanno mentione alcuna gioiti Cóncitij di faluo condotto,& quei che la fanno,fono(quanto a quella etichi no fan parte,che nulla al Concilio importa ) di molto minor fortez- ”° za,che non fia il Tridentino. Ma che coltui coli faccia, e per H^codotto. uoler diuertir le perfone ingannateci andar al Concilio, oue i/ verg. tm± potrebbon effere chiarite de’ proprij errori, con ifpauentarle nbb e jfauen* Lotto colore,che il faluo condotto non fia ualido. Ma chi uor targli inga/u rà dar fede a un fimil bugiardo, fe hauerà zelo d’intendere il « " cbur J r ! i pero ì Già ho mille uolte detto, che il minor penfiero, che de lor in Z m g s’habbia il Concilio col Papa,è il far o il non far faluo códot- to,& ho altre tante uolte detto, che chi uorrà uenire, faccia faluo condotto di fua mano(per cagion di aflìcurarfi)che len¬ za dubbio, il tutto gli farà confermato. Tutto ciòhodett’io, nè piu mi occorrerebbe di farci altro: ma poi che a codili pia r Rh 7 ce [p. 196 modifica]Vergerlo. Ippolito.

Vergerlo .

Ippolito . Redarguirne

Terge.

ìppo.

Beb.r.

Il Verge, con gli eretici mo derni uorreb- bono perfua 6

l $ s ‘Bjjpojla di Domi Ippolito

ced impazzire, fon contento di uederciò che uuol dire-fin

co& dcl fll0) ma dd fa,u0 “"dottò, a quale fta coli,come Io racconta , & e difgratia, che una uoka

chéfi gììtMnte^^ 6 ^ rec ' tar daltr h& Iddio uogjia.

Fu Papiflico 3 come ognun là.

’ p 1 f 6 non , fo >? tr °PPo bene,& del mio penfiero ne fon

jsjasaa;

la qual debbiano abbracciare i criftiani. 4mo dunque in q u efta3che noi ne faremo contentiifimi,& raffermo.

11rt u“ rda P °r a nQn r 1 pentir P refto P refto • A me hai cera di uoler or, ora far uno fcambietto. Ma fèguita.

, v° n J?- er ? e ^. ud C 1 oncilio cel’habbia data, ma perche la uent^eirendoadata da chi fi uoglia,uien dallo fpiritofan-

Adunque in quel Concilio ui fu lo Ipirito fànto, & non di- meno fecondo te egli fu Papiflico,- & come dunque hai detto di iopra,che da fimil Concilio lo fpirito fanto fi f ugge > Primieramente dice,che la legge diuina,& quel che ha in- . legnato il padre celefte per bocca de’ Patriarchi, & Profeti *

& d altri fanti padri del tefìamentauecchio Rabbia a flegui- talli nel far de giudici;. 6

A me pare, che tu cominci a uaneggiare,& oue ritruoui tu,che per la legge diuina,la qual s’ha da feguitarnel far de’ giudicij^s intenda quello,che Dio padre per bocca de’ Patri¬ archi & Profeti ha infègnato nel teflamento uecchio, perche non aggiungi tu,anche per bocca di Crifto ? Paolo l’ha aggio to fcriuendo a gli Ebrei, che quel Dio, che ha parlato a noi altre uolte per bocca de’ profeti,& Patriarchìi fine ha parla to con noi per bocca del figliuolo fuo. Onde ancor dW mo; che fi come ci ha parlato,cofi ci ha data la legge ; perche adunque noi dici ancor tu ì Vuoi forfe,che i giudici del Con-*

cilio [p. 197 modifica]contrai terXv fc fitto dèi Verjr. 19 7

cilio (ìen gli Ebrei ? Ma (b be» ciochetu itórrefti fat’nettvic). in ^ linguaggio. Vorrefti perfuader che Crifto n “i h^bia da- JC^ ^

to legge, come uoi altri andate predicando a rigi fa legge aie»*

per il durre il mondo,& indurre i Cr.ftiam a peccar a buon conto, eia che Crifto non ha dato alcuna leggenda che teme .

rità è la tua,ò piu tofto pazzia efprdfa a parlar con noi &. paf- farti cofi queto queto, come fe ti acconfentiflìmo ; lafc ‘ a ™° dietro coli bel boccone da mafticare ? Bifogna prima che uoi altri otteniate quefto paflo, che Crifto non fialegislatore poi potrete interpretar come uorrete la parola , Lex diurna* fenza mentouar Crifto. Ma fin tanto, cheterà qudlat parola dell’Apoftolo Paolo nenoftri librila qual dice» Cumta __ ci tonr» CpA fìiK Ippp efifèm Griftiìcioe, r

do 10 lenza legge, ma cucuuu iuhu ia A , ,

aliai, che ho addotto ne i Difcorfi.potrete ben dar de capo

al muro, che Tempre farà uero,che Crifto habbia data la leg-

pc,& però eftodiceua, Hoceftpraeceptum meum,&c lo. S- Adunque il faluocondotto non ricorda lolola legge de] te- ftamento uecchio,ma ancora quella del nuouo j Anzi le leco &

do ilteftamento uecchio s'haura da far guidino, bifognera circonciderfi. Ma che dirai poi, che fecondo quella legge

bifognerà nelle controuerfie della fede (tarli al giudici© del fommo Sacerdote che fi ritrouerà I terra >Bella e la natura di uoi altri,che quando togliete ad interpretar qualche palio, o Gualche parola;fempre fupponete ciò che dourefte di prima botta prouare,&poiandar feguitando: E chi dubita,che con taleintelligentiail faluocondotto di Bafileapm ui piacerà» che quel di Trento ? Ma a me ne darai ad intender poche.

Hor feguitiamo piu oltre, che neritroueremo delle piu grol¬ le ancora. . \* ..

Poi dice la pratica,© conuerfotion dì Crifto,cioè quello VeYge . che egli ha infegnato con parole & con fatti. v „

r Di ciò il buon prò ti faccia, già che a me non importa, ne ippo.

■ Poi dice quel che hanno infegnato gli Apoftolì,& no n^dì- verg. [p. 198 modifica]r.p § ; l^ifjjofladiDomf Ippolito 'A

“ cendo altro,intendefi nelle epiftole loro. ìppo. Brano commento,per mia fe,ma chi tei crede ? & in qual*

¥alf* interprè epiftola loro hai ritrouato cotal chi o fa tu che altroché’ pu- tddor del ver ro tefto non riceui ? Chi dubita,che fe ti lafciamo far prò que £ fr * nu j ftobel patto,cheli contradiranno il Bafilienfe,&ilTridenti- no? anzi il Bafilienfe contradirà afe Beffo, il qual nelle co fe cofe fcritte , fl ! e fatte > ha coluto altro, che quel che è fcritto. Et chi du- tutti gl’ereti bita,che fe tal co fa ti fi ammette,quanti eretici fien mai fiati al cipajjkti Otte * mondo otteneranno le lor chimere,o almeno non farà chi le neramo k lor atterri ? Ma fai ben tu,che niun di noi quefto u’ammette,anzi chimere . ui contradice, & perciò liete tenuti per eretici, perche ardite

dire che niente altro fi debbia riceuere,fuor che il puro tefiot il qual nòdimeno firafeinate, ciafcu a uoftro modo,come hai* no fatto ancor gli altri eretici.Noi vogliamo altro fatto la dor ~Lc chiefe an- trina de gli Apofioli, che le loro epiftole fole. Sarebbono fta ti . cke P°^ i * r te frefche le Chiefe di quei tempi,fe altro non haueano da gli tico i Atto a Apoftoli, fuor che quel poco, che nelle epiftole ueniuan’ad w.o w * efplicare. Sarebbe ftata tal una Chiela,che non haur-ebbe hauuto piu di due,o tre articoli di fede, fi come nelle epiftole fcritte fol fi contengono;& tal Chiefa non n’haurebbe hauu¬ to alcuno,già che non fi ritroua Epiftola,che le foffe mai ferie Note. ta : & non era all’hora come adeffo,che ogni co fa foffe ftairn pata infieme,talché fi potette mandare il teftamento nuoira per tutto interamente : nè men’erano fcritte tutte le cofe in¬ fieme,già che l'Apoftolo Paolo fcriffe in uarij tempi in, uarij luoghfauarieperfone.ondenonfipoteuan’infiemehauer lei determinationi nelle epiftole fatte. Vi bifogna dunque altro. La trdddìtione &queftaèlatraddittione,laqualuifcanna,& da lei non ui jeanm l Ereti potete difendere,però lodiate,& fate anco quel che non po tete,per fepelirla. ma non ui andarà fatta,che pur conuien che duri, fin che durerà la fede . Di che allibro de’Difcor fi pur mi riporto.

Verg . Et poi fòggiunge^quel che fi uede eflere flato accettato,&

cc ufàtodallaChiefàprimitiua, Et quelle quatti o cofe contea “ gono tuttunadottrina/ono tuu’uno. La parola di Dio nel te

(lamento [p. 199 modifica]contrai terXofcrìtto del V'èrg. f 9 9

fìameto vecchio, L’euangclio douc parlò Grido,Gli A pollo n Ii,che impararon da Crifto>& La congregation de fedeli,che imparò dagli Apolidi ;& noi non uogham altro ( com ho m detto ; che una tal dottrinai quefto è tutto il punto della no ^

(Ira controuerfia, &c. .

Se altro non ci forte 5 che quefto puntolo crederei, che tra

noi non ci fotte controuerfia alcuna ; & chi è di noi, che nie- « -j

ghi pur una fola parola delle fudette^Ma fai chef’L’interpre f0H *

tation uoftre eretiche, che a tai parole date; L’interpretar per tr0U(Y ^ ie tra la parola di Dio quel che folo è fcritto, & per L euangelio, & n0 j ^ gli ere p la Dottrina Apoftolica far l’ifteftò: & di piu interpretar poi tici% quel che è fcritto,a uoftro modo,contra il fenfo de 1 Dottori Carolici,& della Chiefa,quefto è che ui fa eretici,& è il pun¬ to della controuerfia. Et tu dourefti dirla come fta,& non fpa tar come fai,quafi dando ad intendere, che tra noi fi nìeghi la parola di Dio. L’euangelio,la Dottrina Apoftolica & della Chiefa , & chetrauoi foli fi mantenga di tutto ciò le intiere ragioni. fapete ben uoi come ftanno le cofe 3 & ehi fia amico, o nemico a tutte quelle.

Noi diamo fu quefto,& ui ftaremo finali ultimo fpirito(da ver ^

,doci Dio fortezza contra tanti contraili.) .

, Et non importa,che Iddio ui dia tal fortezza, baftiui pur la uoftra oftination peruerfa,che con gli altri eretici di compa gnia hauete nel ceruello, che del refto non fo altro che’l Dio delle tenebre che in ciò aiutami polli.

Gli auuerfarij ueramente eftendofi pentiti di ftar fu quello che dittero già cent’anni, aderto mutano opinione, & uoglio no,che non folamente s’ofcuri,ciò cheinifcrittura hanno „ jnfegnatogli Apoftoli:mafingedo cheefli habbianoa bocca „ ^ infegnato alcune altre cofe,che elfi auuerlàrij fi hanno fogna- „ te,uoglion che ancor quelle tali debbia olferuar chiunque 5 , v uol’ertèr buon Catolico (come dicono)& ne recitano un lu 5J go catalogo, facendo che fia traddition ciò che elfi uoglio- no , & ciò che non poflono prouar con la fcrittura. „

Mi piacejche fenza darmi molta fatica tu ti facci conofeer ippoL C i 1 pretto

Vcrg. [p. 200 modifica]ioo ^ì^opadiDomf Ippolito

pretto nelle tue cofe, & che tu ci proponi partiti bonetti .

Che gli eretici Adunque già che folo ti dà impaccio quello, che da cent’an- fonano fiuta. n j ] n qua fi è mutato,& che alle fritture fi è aggiunto , Aron- quel che coite c hia mo lo per amor di Dio,& voi abbracciate poi tutto ciò * partito borie* che da cent - ann i j n là ciafeuno credeua;& perche non lo do- no cipropon.» uete f ar uo i } f e ui piace quello,che cento anni già ui fu prò- ' inetto ; & ui difpiace poi quello, che da cent’anni in qua lì è da noi mutato? Se ciò non fate, liete conuinti per trilli * -che non uogliate accettar’ i partiti metti da voi in campo. Se l’accetterete,u’irnpegno la mia fede,che noi faremo tutti d’accordo,& guardate s’io uengo fuor liberamente, che ui confetto di non poter tolerare anch'io,che fi fieno pentiti i no fìri (fe pur fi fono pentiti & tu non fia un gran bugiardo ) di of Xeruar ciò che già cent’anni a uoi fu prometto : ma guardate non ui abbagliate poi,fperando per tal uia di metter la traddi tion da un canto,per che ella non ui farà fatta buona. la trad¬ ottone , fi ritroua in ettere,auanti i cento,i ducento,& auanti AntiM del i mille anni i-On.de il Concilio di Bafilea non potè far faluo- U trddditione condotto a chi la fepeliuauiua,fe egli non acconfentiua all empietà efpreflà ; però non u’ingannate. _ Et che fia il uero. dimmi Vergerio quant’anni fono pattati che fu Agoftino, Atanagio,Ireneo,& gli altri ? fono forfè fittamente cento an ni ? Hor, fe tutti coftoro fono pieni di dottrina & di argome ti in fauor delle tradditioni,che efprette nó fono nelle frittu¬ re,& pur uogliono,che a quelle fi ttia, come a cofe da gli Apo Boli infgnate.Et come non farai tu uno sfacciato a uoler dar a credere a séplici,che folo da cent'anni in qua fi fia predicata tfaccuugine da noi l’ottèruanza delle tradditioni ? Et come nó fei tu un bu iti verg. giardo efprettò a dire,che tai tradditioni fieno da noi fognate

per prouar ciò che uogliamo, & non polliamo farlo con le fritture ? & perche non hai addotto qui un qualche partico* lare,che fia affermato da noi,& non fi ritroui nelle fritture, o uero da cento anni in là non fia flato coli fempre creduto ? Ma di tutto ciò nella prima parte de’ Difcorfi da 2 4. capitoli in fino alette ne è ragionato chiaro, però ti lafciò. v

Ma [p. 201 modifica]contrai terTo ferino dèi Verg. i o i

Ma fèguitiamo,eflèndo flati fatti de Concilij, &eflèndo flati fcritti di molti libri, dice quefto Bafilienfe, che anche i

Conciiij,eilibride’dotti & fanti huomini,debbiai! feguitar fi nel far le diffinitioni. Ma fatuamente , & piamente^ ui ag- giunge quefta moderatione & limitatione( pur che i Concilij n & i dottori fieno fondati ueramente in quella. ) In quella n legge diuina, in queH’Euangelio,in quelli Apoftoli,in quella }S Chiefa primitiua. ^ . »»

O mirabil Dio,che per la bocca di chi era cotrario in effet- J# èo alla ueritàne cauò come per forza una cofi importate cLau J3> futa : abbracciamola,dice,che noi non uogliam'altro. „

Anzi non uolete nè quefto,nè quellorpoi che la uolete fo- ippolit** lo come ui piace,& non come fi deue.

Stiamo tutti co i Concilij,e co i Dottori,purché i Cocihj, vergai**

& i Dottori infegnino quella medefima dottrina,che infognò »,

Iddio padre,che infognò Criftofigliuolo,che infegnaron gli „

Apertoli nelle loro fritture, & che accettò la Chiefa primi- „ tiua. js

Bcniffimo,ogni co/a corre co quattro piedi, ma chi darà la I (polite» lèntenzagiufta incorai cafo? Chi giudicherà dico,che la dottrina in/ègnata da i Concilij, & da i Dottori, fia 1 ifteflà , ch’infegnò Iddio padre, ch’infegnò Crifto? &c.

Egli e pur un bel traftullo a ueder’un pazzo a sbizarrirfi. Io ho uoluto recitar qui ogni fua parola fenza mancami d’un pe lo;& l’ho fatto a Audio,affinché ciafcun che ha giuditio, ueg- Gli eretici me ga fe è poffibile ueder una bizarria fi forte come è quefta, che ftrutio di uoler fi pone a laudar’un fuo fogno,& fa uifta di hauer trouato funi °g ni cofitgiu* co mezo alle cócordie tra gli eretici & noi:percioche in quel nle Z M lo che dice della legge, di Crifto ,de gli Apoftoli,& della 1 M °* Chiefa co i Concilij & dottori, moftra di uoler'ogni cofa;ma quando fiamo poi fui bello,egli tronca la piu importante par te,che è la uerirà predicataci cui udito nafee in noi la fede.

Fides ex auditu. non dice, Ex le&ione.-perche la uia ordina- jq . ria, con la quale Iddio introduce la fede nel cuor de gli huomi ni,è la predica,& non la lettione:come fi chiarifce nell’Eunu-

Cc co [p. 202 modifica]i o 2 %$oH'd dì Donrf Ippolito

Afa?. co della Candace Regina. Et chi non fa,che fc non fotte fiata

la predica, che per quante Bibie al mondo fi ritrouano , niuit infedele mai fi farebbe conuertito ? mercè che niuno l’haue- rebbe letta,& fe letta l’hauefie non l'haucrebbe intefa:& que- lo. 3. _ fìofucheCriftodiffeaNicodemoMaeftro della Sinagoga,

& qui ragiono io per l’ordinario. aduque ui uuole la predica,; feDio non vuol far Tempre miracoli. Et che fnarauigliaè w poi,fe cofìui dice mille fandonie,quando fi uien al punto del fàluocondotto di Trento ì fe folle uero quellò, che dice, &

II Bafilietìfc dirà anco piu chiaro,Che il Bafilienfehauelfe rifiutato le traci uuole U tuddì ditionij & chi non fa,che fecondo loro, il Bafìlienfe canterei tione^ - : be meglio delTridentino ? Ma il fatto fta che fecondo noi,

fecondo il uero bifognerebbe poi nel tutto con altri Cecilia- pt, boli cafiàrlo giù del libro, come eretico :& quanto a me, io

f non dourei piu andar auanti per far rifpofta a cofiui, già che f egli fi mofira hauér i uentricoli del fuo ceruello trafportati, t co l’interpretar che fa ogni cofà al riuerfo, & foì mi bafiereb- be hauer fin qui {coperto ciò che ha fatto. Ma pur,poi che ho eC: incominciato,feguirò final fine.

"Vergaio. Quelle c’ho recitate,furon parole dettate nel Concilio Ba “ fiiienfefcom’io diffi) quando egli diede il fàluocondotto. “ Ora uediamo ciò che ha fatto il Tridentino.

Ippolito. Cofiben uedrai tu quello, che s’habbia fatto il Ti idétino, come ancor’hai ben interpretate le parole del Bafiliéfe, il che

  • come fi fia,chi ha nafo può odorarlo.

Vtr $' Primieramente egli mandò fuori un faluocòdotto di quat

« tro parole, fecco, & pien d’intrighi,& di lacci, per coglierai cc qualcuno, che foffe fiato poco accorto, il uegga chi uuole, « ch’egli è per tutto.

Ippolito . Quello per tutto non l’ho ancora ritrouato. Or non fo io

fe coli fiia. Et uoglia Dio che tu non te ne habbia fabricatd uno a tuo modo;& come,nò lo faprefti fare ? Ma palli già che non l’ho fin qui ritrouato.

Vtrg. I noftri fe ne accorfero, & inftigati da Dio, il qual uoìeua i

c< che quella pratica foffe feoperta, & intèfa, domandaron-chè

o: - ne [p. 203 modifica]Ippolito'

Vcrg.

contrai terXofrìtto del Verg. »°ì

ne fo(Te lor dato un tatequale diede il Bafilienfe. •

Tu doueui dire,Qual fecondo 1 intender noflro diede il Ba

filienfe: perche quando ben il Tridentino d.ceflèle medefi.

i i 1 Rnlìlicnle no perciò ti dei dar a credere j che le intenderti cornetn^hiterpreti^nelle del Bafilienlèiattelb che

anche il Balilienfe da ogni parte ti da delle mentite ; poi che ,dfc> fonda grà parte de’fuoi articoli nelle tradditiom, le qual

  • U Et doppoaTcmrt™ntraft t C& alcune di® ett ^‘l

tino fi rifolfe pur di non poterlo negare. Ma chef e B li lo die¬ de mutilato, & corrotto, penfando f cred'.o ) che niun fe ne

haueife da accorgere. Et tra gli altri luoghi, oue 1 intrigaro¬ no^ X vilificarono, fu doue fono le parole recitate in quello Todo C Porò prima le proprie parole che fono in latino, & poi in altra lingua,per chi n'haurabifogno,accioche porta far ne lacomparatione,& ueder lamutilatione, & muerfionc.,)

MenTphr cièche ti piace, che:ad ogni modo nonafpetto da te miglior corte in Latino,che in Volgare,eflèndo tu per o-

6 n ìj^fi^antcr^u^ibtaufe comrouerfe, fècundum tetani Tcrinturam,& Apoftolorum traditiones, probata Concilia,& „ catholics ecclefe confenfum,& fanctorum patrum auirtonta

tes in predi&o Concilio Tridentino traftentur-Cioe,Et paj „

ticolarmente.che le caufe controuerfe,fieno nel predetto Co ,, cibo Tridentino trattate fecondo la facra foratura, & fecodo „ le traddittioni de gli Apoftoli,i Concilij approuati.ilconfen- » fo della Chiefa Catolica,& 1 ’autorita de fanti padri. Che trac „ to fu duello? Non hauer potuto negar a ì noftri il faluocodot ,, to nella forma,che il diede il Balilienfe:&nondimeno.conce „ Pendolo, uoltarlo poi Cotto Copra in quella parte che e la piu » importante, & uenir a dar come una legge, & un obligatione „

3 chiunque uiforte comparfo,che non hauefle a giudicar fe ,,

non fecondo un tal tema ? j • r rlfin/iY*

Già il dirti io,cheò per latino/) per uolgare non doueui ef PP ì. jèr migliore nelle tue colè, onde perflonlafarmi mcntiretu

yy

Ippolito. [p. 204 modifica]Gli eretici uo gliono far che il Bdfìlicnfe di ex altrimente di quello che dice .

Verg,

Ippolito .

Vergerlo* 'Ippolito. Vergerlo .

1a chiefx Rom. foU è queUx che hx conferuato le fcritture intie

1 0 4 %iJJ?ojla di Donn' Ippolito

hai uoluto faiuer chiaro la tua fantafia. Ma come la manter- ra * ‘ ^ ienon P are 3 c h etra l’uno& l’altro faluocondottofia una diftei-éza al mondo,anzi fia il medefimo dell’uno che del- 1 altro : ma ueggo ben chequanto lì a per te, hai uoluto diuer- iincare d Bafilienfe da fé ftefiò, facendo che le parole habbia- n ° a ‘“P.^ nfodl quello,che elfo mai pur nó fi fognale: & per ciò il Tridentinojche non è un barro(come fei tu) ha dato fuo ri il fuo con parole tali,che non lafcia a* pari tuoi modo alcu¬ no di poterle nuoltar ad altro fenfo, & tutto ciò mollò dall’ef tempio del Bafilienfe tutto ftiracchiato &tacciato da uoi.

O alluna Satanica,& chi non uede,che ui fi fpefe malilfima moneta ?o Dio mio,come il patifeitu?

O come fi potrebbe a coli lànto huomo bruciar’ i piedi co gran ragione,& come là egli ben mutar la uoee ? Ma fe Iddio quello patifce,& quello uuoie, chi fe ne può dolere fuor che unobeftemiatore?

Et ancor ui fàran di quegli,che fi potran dar ad intendere, che in Trento fi uada lealmente?

Starebbe frefea k Chiefa, fe tutti folfèro del tuo penfiero & che ne crédi tu? r

Ma ponderiamo le àkre: vuole il Tridentino, che nel far de giudicij s habbia a ueder ciò che dice la làcra fcrittura (& Piu volentieri Thaucrebbè mefiàda parte fe hauelfe potuto con fuo onore,pèrche ella gli (canna ).

Et chi non ha bifognodi gran patientia col fatto tuo? Et fe la Romana Chiefa non ha conferuate le fcritture, chi le ha co feruate?chi? Voi altroché nafcefte 1 altrieri, & che dal nafei- mento uoftroin qua non hauete attefo ad altroché a corrom pere,& guai!ar i tetti ? & oue moftrarai tunè ferita, nè cicatri ce, che ci habbia fatta la fcrittura nel noftro corpo, p cagion della fede ? Tanti anni fono, che gli eretici menano la fenttu- ra d’intorno,come furlofi,per romperci leottà,& cheforte di botte,© colpi hanno fatto ? non ci hanno pur tocca la pelle: & fc tu crederti,cheper ufeir da noi i pari tuoi, quello fia uno Jcannarciconle fcritturei tuféi un galantuomo, gran perdi [p. 205 modifica]contrai terT^oferino del Verg. 105

fra tettò fu che tu ti fuggirti. Non fai, che nè tu nè altri limili a 1 te erano de’noftrfche fc forte flati de’noftri,fareftc rimali co elio noi? Che cofa dunque importa a noi il fatto uoflro,fe no

in quanto la carità fa, che ui habbiamo compaflìone ?

Ma hauendo foggiunto le tradditioni de gli Apertoli, già verger»», egli Vienne a definire,& hauer per certiflìmo quello, che noi „ francamente neghiamo,ciò è,Che gli Apoftoli haueflèro infe „ guato altre dottrine,che quelle che fono nelle facre fcritture, „

& nelle lorepiftole. . . ' »

Et che gran marauiglia è quella? fe l’ha forfè ilTridentino Ippolit9, fatta fu le dita?uorrei che uedeffimo un punto folo, & è,Qual fa di quelli due già piu tempo in eflère, o il fupponer che le Eg/i è antichif tradditioni fiano,come facciamo noi : o il negar che elle fie- c 0 J d * nojcomefateuoi. Io per me ho dottori già piu di mille an- ni,che le prefuppongono. Vorrei ora,che anche uoi altri face fìe fatica di ritrouarne altri,che già tanto tempo l’habbian ne ^ ne g dr i u è c „ gate. Io ho un gran dubbio certo, che le uorrete cominciar ^moderna. tanto a dietro a ricercar chi le habbia negate,darete del capo Gli A mani in qualc’uno,che ha negato Crifto:come farebbe à dire ne gli negddo le trai Arriani, che col negar le tradditioni & uoler folo il puro te- ditioni, nega* ■ fìo,negauan (come è di fopra detto) la parola OmOufion,che Cr ft 0,

. era la confuftantialità col padre: & chi nega quello,nega Cri ilo,già che altro non fia Criilo, che Dio & huomo uniti infie mejcorae Athanagi efplica chiaro nel fuo (imbolo. O bei Cri . fifóni. Negar le tradditioni, col negar delle quali fi rinega Cri f fto, & quelli fono poi i cenfori del faluocondotto del Conci¬ lio Tridentino : i quali dicono largamente d’accordarfi con , noi in tutto ; eccetto che in quelle tradditioni: per le quali eontra gli Arriani,noi confettiamo Grillo per figliuolo di . Dio, & Iddio ftelfo : ma che importa a’noftri eretici quello peccadiglio, Tra quali il Capitan Vergerlo fa del banderaio?

In fomma elfo Tridentino ha doluto obligai i noftri a far y fr g„ giuditio fccondaqucl che egli fi prefuppone. 5J

Era anche meglio,che ilTridentino di prima botta ui fi ren ippolite» delfe prigione ,& ui delle uintq quel maggior punto, in che [p. 206 modifica]a o 6 , %ifyó ffa di Dorìn' Ippolito

noi altri 11mpugnate,fe acconlentifte, che con le tradditioni non fi hauefie da procedere nei giudici; della Chiefa.òche bel palio. Eilèr coftoro per pura pietà, & compallìone ricer¬ cati da nocche uengano al Concilio,per far che firaueggano de’ loro errori,& noi pigliarci ogni amoréuolcura, & caritati ua,di douerli ammaeflrare,per leuarli fuor di quelli ; & elfi co Gii (retici fi* me altrilfmaelli nati di concubina juoler poi eifere uguali à min ad ijmad noi, & leuarci anche il pan di mano, col pretendere di eflere le . eifi i padroni, & uolcr ciò che dilegnano nel far i giudici;, &

preferiuere a i Giudici il modo,la forma,& le leggi, có le qua li uogliono eifere giudicati. Chi udì mai meglio ? o non uer- souiu ranno altramente;. & fenon uerranno ; Eijceancillam & filili eius/nonenim erit hasres filius ancilLr cum filio libera?, è trop po infopportabile la infolenza di fimilibaftardi, che uoglion

eifere d’uguale autorità nella cafa del padre. Però che impoc

ta che fieno lafciati,anzi difcacciati fuor di cafa?

E nondimeno auuertite,che il Bafilienfe non fece mentio- « ne di cótdle fognate tradditioni, perche egli non hauetia ere .« dutOjcfie reuera elle uifolfero, & lò di dire un punto che irri¬ te porta.

Se importa ? & tantoché rouina tutta la intera fede di Cri fto. Ma tu menti poi coli alTolutamente,che il Concilio di Ba filea non credefie le tradditioni, come aleutamente ancora fenz’altra proua tu l’hai qui detto. Eccetto fe tu forfè non hai uoluto dire, che il Bafilienfe non ha creduto che le tradditio¬ ni fofier fognate, come reuera non fono, ma fono realifiìme, & fenza alcun fogno; & fe elle fon fognate,farà ancor fogno, che l’euangelio folle mai fcritto, già eh# non è alcun di noi, che folle prefente,quando fu fcritto. Ma lo crediamo folo à , chi ci l’ha coli detto da principio,il che è pur la tradditióe del la chielà, nè altro.

Dice poi, i Concili;’ approuati, intendendo dal Papa ap- prouati,& non tenendo conto fe fonoipoi conformi alla Icrit <£ tura làcra , o nò, & quello fìa malilfimo, perche moltrano di w credere,che ilPapa polfa approuare colà, la qual fia contrada , " 1 facra


IppoL

Vcrg. [p. 207 modifica]contra'lterXofcrìttodel Verg. 20 7

fàcra frittura, che è propofition diabolica > a fpedirla in un

fia Era anche meglio,che non ti affaticarti in dendoui il fiato,& da chi uorreftitu, per tua fe che J ofl ^P fróuati tai Concilila Luterani ? certo io (limo che perue^ gogna fola tu l’habbi taciuto,maffimamente dlcndo dl nata fa affaiuergognofo, come ben lo dimoftn nelreftodel i'mprefe;&haibéragione di uoler tale approuation^giache i Luterani foli tengono conto delle Teniture ; & diche ione. ne tengono tanto conto che del teftamento ne ‘

Giouanni : & il redo mettono tutto in Colpetto,& non e te o ai alcuna forte,che,fe gli uien dedra.uon lo P^rfi™ >&_ giocar de mani ne ftracciaranno anche fuori qualche Ceintea iia intiera. & Ce pur al redo hauran qualche nfpetto, del len- fo non Ce ne tien conto un diaccio,e pur che la mattina fi dica qualche ifpofition di nuouo fognata la notte, coft °to fono i galantuomini. Onde meritamente afim.li toccarebbedi ra gione l’approuar i Concili] fecodo le diritture aria quali fo t ture ? Caere o profane ? Ma non è poi bella quell altra oue di- che quello,approdati, uuol dire dal Papa approuati,& per ì_ r\-f*Àrvp rhc il Pana porta approuar cola che

55

Ippolito *

J,

Gli eretici cì oggi negano una buona par te de libri del* UBibia.

Interpretati» ni fognate.

che quello, approuati, uuol clire aai i-apa appiutwtu,^

Ciò moftrano di credere che il Papa poffa appiouar cola che ria contra la fcrittura * Quella è ben conièquentiacauatada Baroco, onero da FriTefornotum.; Io credo cheilPapa deb¬ bia approuar i Concili],adunque io credo che gli poffa appro tiar contra la frittura facra ? rffponda qui ancor i Afino di Ba laam,ch’io mi contento. San Siiueftro ha potuto approuar il Concilio Kiceno,come dalTifterto Concilio fu ricercato che faceffe,con dir nel fine dell epiftola, Quicqmd auiem conih-

tuimus in Concilio Nicieno,precamurueftn onsconlorno

còfirmetuf . cioè ogni cofa chehabbiamo ordinata nel Con¬ cilio Nicenojpreghiamo die fia confirmata infiememete dal-

Cocilij apDra uati da P api * S. Situelìro. Concilio Ntcc [p. 208 modifica]2 o 8 dì Donrt Ippolito

U uoftra bocca. Il che fece come appare nella lettera che egli CocHio diKo rifponde al Concilio, & nel Concilio prima di Roma oue ef» ma. fo Silueftro ordinatile ogni cofa determinata nel Niceno

Concilio fia oftèruata,efcomunicando ciafcun che contraue- niilè. Adunque fan Silueftro ha potuto approuare detto Cora cilio contra la fcrittura ?

Celcjlino pp. Celeftino Papa approuo il Concilio di Efefo coli ricerca¬

to dalla Sinodo ifteffa contra Neftorio, & Giouanni Antio¬ cheno. Adunque contra la fcrittura ?

Uonc pp. Leone Papa ad inftantia della Sinodo Calcedonenfe ( co¬

me appare nellaattionterza)approuòquel Concilio.adun- que contra la fcrittura?

E qual Concilio non farà contra la fcrittura, fe ciafcun dal Papa approuato conuien che le Ci a contra ? certa colà è,che foloqueide gl’eretici faranno (fecondo il dir di coftui)alla fcrittura conformi,già che il Papa in niun di tali habbia la ma no, ma fol gli contradica & condanni.

^ Dice poi, & il confèntimentó della Chiefa catolica ; Nora

  • è dubbio che egli non intenda per Chi eia catol ica la Romana
  • Chiefa, e male, perche la Chicfà di Crifto, è la Chiefa cato-

| Iiea,Sda Chiefa neramente di Roma non è la Chiefa di Cri-

fto, non fèruando la medefima dottrina. ppo ito. Et a che ti accorgi,& con qual ragion ti muoui,a dir che la

Alt ■ • - r Chiefa di Roma non ferui la Dottrina di Crifto ? Se pe r fer- u e Z-ri r ar tu i i? téd 1 i . efIè q uir & nó cótrafar co 1 fatti;confeffiamo che tu coi co&u* “ amo f ra g^b& che fìamo peccatorii onde perciò tra noi fi mi altro è non . . * a c iam ento di penitentia ogni anno una uolta almeno ,

lafcruarcola in rimedio de peccati noflri,i quali non haureflìmo , fe folli- fide. mo offeruatori intieramente di quello, che ci ha infegnato Nota. Crifto : ne facciamo come uoi,che per troppo fantità nonui curate di penitenza. Ma fe per feruare,intendefte, credere & cófeffare,& fecódo quella fede mifurar i fatti noftri,o buoni, o rei ; Et con che bel garbo giuri tu,o buon compagno,che la Chiefa di Roma non ferua la Dottrina di Crifto ? La Chiefa

  • u chie f* neramente di Roma ( dice)non è la Chiefa di Crifto non fer-

1 uando [p. 209 modifica]contrari ter%afcrittò del Verg. §

«andò la Dottrina medéfima ; & qual altra Chiefa la olferua fe non quella di Roma? La luterana hna.be la e che i Luterà ni tra loro non fan pur fognarli qual fia laChiefa,ne menlan no qual fiala Dottrina allaqual li crede. Troppafarefo tu ualéf huomo * forni fapefli dire in qual luogo tra uoi fi ferui la Dottrina di Crifto, dico tra uoi,cioè,tra uoi eretici.Perctìe tu fai che Geneua ha la fuà i Salfonia la fua , Argentina la fua , & di mano in mano : qual è quella Chiefa adunque tra uoi che

fiadi Crifto, & che ferui la Dottrina medefima l ^•.1 -j __ /-nfì T a f'hi

di Komn non feruti In Dot- tritut diCrijlo , in niun luogo ella fnù offerì unta.

Vergerla *

perftitioni,& molte Idolatrie ; adunque chi lio fia obligato a dire, che no fieno fuperftitiom,& Idolatrie, perche la Chielà Romana ha confentito, e coniente che elle s’habbiano a ritenere, &c. " ibbolké »

Qui non ti ho a dir altro,fe.non che da troppo gran benino lentia guidato uerfo il Tridentin Concilio tu gli fai far pre- nielfe & cófequenze le piu sfoggiate del mondo j ma egli che non fi cura di tante foggie, dice che ti di fgratia,& ti ridona il tuo bel prefente, lafciando che tu facci di quelle & delle ah tre peggiori confequenze,& premere ancora : percioche.

Non fa idolatria alcuna, o fuperftitione contra la quale eflo nò habbia rechiamato;& fe tu ne fai alcuna,adducila qui che tene hauerà obligatione per rimediarci. verte.

Et con quello argométo uonrian conferuarfi per buona & 5

per cara tra l’altre quella grandiffima Idolatria della cafa del- ”

da Madonna di Loreto, la qual non hanno vergogna di dire, *

che gli Angeli hauendola tagliata uia da 1 fondamenti 1 ha r

neffero portata in fpalla fuor della Giudea,andando concila 55

attorno come in procelfione,& ponendola prima in tre lu.Q- ehi, e poi finalmente là oue ella è. O uergogna,e mun ardi- ” fee di farne motto,perche la Chiefa di Roma coniente che . - quella enormilfima &; sfacciatilfima bugia shabbi per ue- /

ra, &c. _ v ' Ippolito*

O uedi fe è nero al fùQ motto T.rofiemtinp '& foe uero

Dd ciò [p. 210 modifica]sra - Trofia di Dom'Ippolito %

li pefiimo prò ciò ch‘io ho detto che qui dentro egli è, Malus, Peior, Pelfo fitto del ver g< mus ; l'ha pur sbroccata fuori quella uolta . & doppo l’hauer laceratoli Papa,i Cardinali^ Vefcoui, gli Abbati, i Frati, tut to il Concilio, tutta la Romana Chiefa & le tradditioni,hora lacera la diuotion di tutta Italia,anzi di tutta l’Europa,lacera gli Angeli, lacera i fanti,lacera la Madre di Grillò, Grillo llef lo & Dio : non potrà già mò falir piu in alto. Come fi potrà dunque cauar i denti a fi rapace lupo ; che lotto la pelle di pe cora ua lacerando il gregge del Signore ?bifogna primiera* mente ueder fe intéde le Hello,in tal fuo dilacerar che fa con le parole; & poi ueder fe quando ben s’intenda,fia però a prò polito ciò che dice, & ritrouando che lì a pura bugia-, allor conuiene,ch’ogniun fi gli riuolti incontra,& come lupo lo di? fcacci,& prendendolo(fe fi può) lo tratti come ei merita. Hor dimmi adunque rapacelupo,che col mantodi Crillo ti copri. Et come è ella Idolatria quella, che hor’ hai detto ? Che colà è idolatria,accioche ueggiamo fe quella ne fia una? che cofit fia dillo , fe’l lai , o almeno afcolta chi lo là dire. Idolatria fecon idolatria . do l’intelligentia di ciafcuno chrifliano,è un culto,& una ado

ratione,che a folo Dio conuenendofi,uien data alle creature^ perfuadendofi noi,& credendo, che elle fieno Dio uero. S.Tom.zz.q. Qui in falcalo fi prefuppone l’infedeltàuerlò Dio uero:» 5>4. arti. 3 .d ‘dentro del cuor nollro ; di fuori fi prefuppone il culto nó don 1 .2'CKj uto alla creatura,la bugia perniciofa,la gran heflémia di Dio» Se l’impUgnation della fede.

' Stando adunque tal deferittione della Idolatria, egli è da

nedere,fe nella diuotione,che habbiamo noi nella Madonna di Loreto,ui fia colà alcuna di condition limile: il che fi uedrà ancora in quell’altro efièmpio, che adduce di credere che làn Francefco hauelfele lligmate, o uero le cinque Piaghe, &c; Qual fede s Quanto alla Madonna;Tutto quello che la Romana Chie

habbiano i Ca & ne credergli è.Che doppo lungo (patio di tempo che i pee tolici della di* cati erano regnati nel mondo,per li quali il cielo era ferrato » uotion dctla la diuina pietà madò il luo figliuolo ad incarnarli nel uétre di Mudati* di Lo una Verginella quale hebbe nome Maria:alla quale fu man-

dato [p. 211 modifica]contrai ter^oferitt'o dèi Verg. x 1 r:

éatoTAngelo ad annutiarui che Iddio s’era compiacciuto di farla Madre del fuo figliuolo Giefu Crifto, perche 1 Euange^ lio ai fan Luca dice : Ifigreflùs ad eatn.cioe J

io a quella:péro fida ad intendere,che quando fu annun lata, ella folfe entro in qualche cafa di Nazaret, oue entrate 1 An- gelo'& perche Cubito che fu annuntiata ella concepe d Spiri to Canto il figliuolo di Dieserò diciamo, che m queUa caCa fu fatto il gran mifterìo della beata incarnation diCrifto.no- ftro Signore; onde ciafcun che m detta caCa ent ™^ ejdoue ^ rinouar la memoria di fi gran beneficio, il qual fu fatto tutto per noi,cioè per aiutarci delle mifene noftre:& cori tutto c e

quelkcafafoffeconldltre,dipietra,noneperoche.naltrafi

cotnpìacefTe Dio,di far fi grande imprefa,fuor che in quella,

& perche debito noftro è poi di lodar,& ditener °ftà è

to ciò che Iddio loda & tien caroiper tanto, fe a fua Maefta e piacciuta quella,& nó le altre cafe,& non Lappiamo <dii la ra-

gioneiperche non dobbiam’ ancor noi conformarfi folo per

Ì»riuerenza,che habbiamo.o debbiamo hauere all opere dt Dio?Checofafece onorato iltempiodiSalomoneacuifin Crifto refe teftimonio,& hebbe didui gran, zelo fe non per¬ che Dio coli uolfe? & pur era di pietre anchefTo come gli altri. Onde per effere di pietre,ancor che tutto il popolo ui entralle con diuotion grandiffima,non era pero alcun fi lcioc c0 ,che adoraffe quei muri,o delTe l’incenlo al tetto, o Cacnfi- caffe alle colonne; ma entro a quel tempio mdnzzauan la me te aDio che haueuaeletto tal luogo, & adorauano,Cacrifica- «ano, & incenCauano al fuo Cantiamo nome,&alCuo o^ nore. Talché niun culto fi daua alla creatura, ma folo al crea

tore. Coli ancor nell’entrare in quella cafa oue fi compiac¬ que Iddio di confummar i patti, e i giuramenti fatti co 1 Pa¬ triarchi ; ciafcun fedele ha da indrizzar la mente a Dio & a Crifto,col ricordarli che qui dentro fi diede principio al col¬ mo de benefici fatti da N. S. alla natura humana ; & ; che que- fìa è cafa di Vergini,di Angioli,di Crifto, dello.Sptrito fanto, & di Dio gloriofo .onde, oltre a nngratiarfuadiuinamaeft^

Lue. i, Note.

iddio non fi conpiacque di far incarnar Cri&o in altra cafa fuor che in queUa oue era la madona Note.

Tempio di Sa¬ lomone. Matt.ii LKc.19 Io. z

Ciafcun [aeri fìcana nel tetr$ pio, ma-niunq facrificaua al Tempio : ma, folo a D io. , Quai petìfieri debbia hauere chi entra nella cafa della Ma donna di Lore to. [p. 212 modifica]Ancor che quella nonfof fila cafadella Madontia,non perciò c Ido¬ latrìa il cojì (tedere»

Sfacciataginé del Verg. in

Hegar fenz<t ragion alcuna quello che da tutti uien prc dicalo,

212 %ìfpojla di Doni? Ippolito

fi prieghi ancora che a noi dia méte conforme a gli habitatò tori di detta caia,' 8cc. ; ! - 1 5 j

Hora fin qui che co fa ui è di male ? da un Pagano, o Giu* deoinfuore chi può calumniarquicofa alcuna? Ma dice il Vergerio,il punto ftain quello hauerla. gli Angioli tagliata dal piede & portatola in fpalla. Quella è la Idolatria ; Et ! ia dico, per quam regulam, dici tu che fià Idolatrila ? Afcoltatc femplici. . ;

Poniamo,che non fi a uero, ch’ella fiala cafa della Madon¬ na, nè meno che gli Angeli l’habbiano coli portata; Che Idolatria farà aperfuaderfi ipopoli che pur ella ne fìa?Quj nè Concilio,nè Papa alcuno ha inai detto, o dice che tale ar¬ ticolo fia di fede : ma come colà potàbile,&alla pietà Criftia na conforme,per Fopinion uolgata,& da Croniche antiche, & AnnaU defcritta,col teftimoniodi tanta gerite, piu tolto femplice che accorta,uien fauorita,e aiutata ; anzi come ogn* altro articolo a chi perragió humana creder fi debbia, uiene creduta & confermata ; & perciò che falfa fede ; & non Cri? ftiana,può elTer quella ,accioche ella fi debbia giuflamenffc chiamare Idolatria ? vuole almenhcgar coftui,che la Madon na non haueflè cala ? o vuol dire che gli Angeli non l’habbia no potuta coli portare lèa Dio è piaciuto che la portafèrri? Seadunque tal cola è potàbile,& perche vuol’eglfche la mia fia Idolatria a penfarmela,& non piu tolto la fuafia infedeltà» & empietà a urilerla negate? Qgefta è ben chiara,che non ha uendo altra ragione, & uolefiraprouerar’una colà da tanti affermata,è una prelùntió,temerità,& sfacciataggine intole- rabile. Et quando poi ui aggiunge,che fiaIdolatria,allor me¬ rita altro che parole. Ma dirà forfè, il concorfò fi grande di gente da tante parti,& la tata diuotione hauuta a quel luogo lotto titolo della Madonna diLoretò > mi dàa creder*che fia Idolatria. Etiorilpoiido,chefé. egli potefiè prouare,che chi concorre adorafle quei muri, o credette che altra fia la Madonna di Loreto da quella,che è in cielo, o penfallè che la quella nel cielo li cnnuenittèro gli honori diuini,& altre fingài [p. 213 modifica]cent?a lterco fcrìtto del Verg. i i 3

còfe,che qui lènza dubio ui farebbe Idolatria: ma già che la Romana Chiefa infegna i Popoli, che concorrendo debbia¬ no ricordarli delle cofe già dettele’ beneficij hauuti in Cri¬ fto, & adorar Dio,& riuerir laVergme come madre di Colto, Supplicar che gli feti concelfe le granché a gli habitato- ri di detta cafa fi conuengono, o fia poi quelladi Nazaiet,o non fia, facendo dico la Romana Chiefa diligenza come fa r iiòn so come Idolatria di forte alcuna,o pur ombra di lei ìti- trauenir ui poifa : anzi fon certo,che niuna ui fi ntroua, ma :lol diuotion& culto uero & Criftiano tutto pio&aliaChieladi Crifto conforme. & l’officio fatto contra di ciò, bora dal V er berlo è tutto empio,nemico di pietà Criftiana, & della diuo- lon de populi fedeli : & dubito che egli non habbia uoluto dire che non fia uero che la Vergine concepire mai, & che 1 Angelo mai l’annuntiafiè, & che Crifto non fia mai (lato nel mondo, & perciò riprende, & non può tolerare quelle cole, che a fedeli ricordano fimi! mifteri,conducendoli alla diuo- tione': le quali hanno tanto piu forza di rammemorar tal mi- Iterii,'quanto fi ha opinione che elle fieno ftate piu profiline > & piu immediate ali’efiequir imifterij fteffi, come amen an¬ che al legno della croce iftelfa,oue fu conficcato Crifto s il qualepiu farà impreffione nella mente di chi lo uede,che non fata un’altro legno,ancor che tutto fia compofto in forma di crodej Se chi vuol negare,che piu commouail ueder la Spa¬ da,con che fu ammazzato il padreoil fratello, & rieonofeer là,oftimarla per tato, che iluedere un'altra fpada, della quale fi fia certo che ella non fia delfa > Et quanto a quella parte del creder che ella fia cala propria, oue folle annunciata la Vergine,ancor che poi non lofiè della ; egli none maggior peccato, di quello che farebbe quando uno fi delie a crede¬ re , che la tale o tal uefte folle la medefima,nella quale alcun fuo principale della cafa hauelfe riceuuto qualche grande & fegnalato honore dal Principe, al cui fguardo,oltre che fi 11- eordalle del fatto, loderebbe anche i meriti di quello luo an tico fi accenderebbe adiuouon di quel Principe, cheha-

Tribbio del Vcrg.

Le cofe che fo no tenute piu intrinfeche fa. no maggior ira pref ione , Cr piu commoua nochileuede .

Legno di Cro ce.

La fpada *

N otd* [p. 214 modifica]z 14 %ì]pofi'a di DònrfJppólho

uelfe per tal uia illuftrata la famiglia propria, & inanimirèb» be feftefTo,afegiiitar quelle uirtù, che al bifàuolo haueffero recati tanti honori. Nel qual cafo poniamo poi ch'egli fi in- gannaftè,non elfendo ella la uefte;che pregiuditio però gli apporterebbe il coli credere? Niuno certo, anzi utilità grande.

Hor cofi appunto è al propofito noftro. Ancor che non folfe quella la cala ifteflà della Madonna,nondimeno già che lo sguardo fuo non induce ad altroché al ricòrdo de benefi¬ ci palfati,riceuuri da Dio,nella incarnation di Crifto,& coni mouei Popoli a diuotione uerfo jl fattore & redentorloro, col ricordar qui tanti & tanti mifterij : come non farà un Giu deo,& peggio ,.qualunque fi sforza d’intepidir,non che detc ftar poi tal diuotione ? Deh trouimi qui il Vergerio,ò altri,co là infognata in tal cafo, che diuerta dal uero, & che indirizzi la fede, o il culto,ad un’altra parte, che uerfo Dio,& uerfo Crifto, & io dirò che tale fi a Idolatria. Ma poi che l’empio leduttore non mi là dir qui altro, a uiua fòrza conuien che fia conofciuto per un gran trillo, Et perche poi dell’onor & cui to de fanti, delle reliquie, delle imagini; & de’ tempij,io nè ho fatto particolare trattato nella feconda parte de’miei Dir lcorfi,ne’ quali rifoluo tutto ciò che gli eretici fogliono dirai contrario, però a quel luogo mi rimetto. col che uoglio ha- uer rifpofto infieme a quell’altra empietà, che egli foggiunge delle fiigmate di fanFrancefco : del quale coli dice.

Vergerlo . Et potrebbonfi qui addurre innumerabili altre idolatriche

<c quali per la medefima ragion mantengonfi per cofe buone.

J PP* O mi fero & infelice huomo, che fiotto titolo d’idolatria

cerca di rouinar la diuotion uerfo di Crifto,col chiamare me¬ retrice la fpolà dilettiffima del figliuolo di Dio.

Vergerlo . Ma ne dirò qui una ancora, & è il libro delle conformità, tc nel quale, & in altri libri affermali , che fra Francefco d’Affili ‘ c haueffehauute le cinque piaghe,oftigmate,& il mondo se £C impazzito dietro a quella diabolica menzogna :& nondime^ “ no non haurebbe alcun de'noftri, por uto aprir bocca in col¬ tra. [p. 215 modifica]contrai ier%o fcritto delVerg. % i f

tra. Perche la Romana Chiefa l’ha approuata, etiandio con 3> fue bolle folenniflìme, non (blamente tacitamente permette „ dola j Moftrimi chi uuole, che eflèndofi due uolte flato ragù- „ nato il Concilio in Trento, e confumatoui de gli anni, egli „ habbia mai tocco fimil enormità,& ladreria,nó per altroché 33 per non parlar contra il confentimento della lua Romana aJ

Chiefa. „ _ r ” ,

Et quefto è un paflo Amile all’altro. Io non io troppo be* ippoU ne contra di chi coftui ragioni, ò cótra la poflibilità del fatto j ,ò contra del fatto fteflo. Se contra la poflibilità, cioè che Id¬ dio habbia potuto fare, che fan Francefco hauefle le cinque piaghe,& che eflò lo nieghi,chi dubita, che coftui fia non fo- •foeretico,ma infedele negandola onnipotentia di Dioiche

fe poi egli ragiona contra il fatto,cioè, negando, che Iddio a

fan Francefco habbia dato le cinque piaghe, & come non e Ch tii'g* le eoli un gran temerario, anteponendo l’opinion fua in quello che non fa,alla opinione dì tutte le altre per fon e, lequai dice, che impazzifcono dietro a quella diabolica menzogna. & le è menzogna come l’hai tu fcoperta f 1 le fcritture non te lo di¬ cono,le quali fole uuoi per maeftre ; Tu non l’hai uifto, ne hai parlato con gente che’l uedeflè. Comeadunquetantoal-

ièrtiùamente dici,che quefta fia diabolica menzogna $ Tanti

& tanti huomini,libri,& teftimonij dicono il contrario;coinc adunque tu folo ardifci di coli beftemiare è fe ciò non è uero, ma fia menzogna,& idolatria, chi ha potuto indurre adunque iPapi ad affermar ciò di fan Francefco, piu che di fan Do¬ menico,òdi fanto Agoftino,ò di altro inflitutor di congrega- tione, che guadagno n’hanno hauuto è Ma dirai forfè, il dir cofi fcandaliza la Chiefa s & corneali dice almeno che fan Fra cefco acquiftaffe le ftigmate col lufluriare, ò col crapulare, o col rubare,ò per limili ftrade,talché chi l’ode fi debbia pigliar fcandalo ? Chiaro è che nella fua uita niuna cofa tale fi legge, riè appreffo del mondo fi ragiona, ma quel che fi dice, è con- formità di Crifto,orationi,vigilie,rinegar fe fteflo,fprezzar il mondOjdigiunare 3 macerarla carne, veftirumik a predicarla [p. 216 modifica]1 1 6 %ìJj?ofia di Don)? Ippolìtù

fede, ordinar i coftumi, & limili altre opere,Iequali fe fieno,© non fieno di fcandalo (dal Vergerio in poi) ogni fedel ne può darfèntenza. ;;

Ma dirà il Vergerlo tanta moltitudine di frati,monache,& lecolari ancora, che fi fono fatti della religion, o abito di laà Francefco,non cogli uno fcandalo ? & come $ Rinegan forfè Crirto nel farfidi fan Francefco?ouero adorano forfèfan Fra ’ cefèo lotto il cui ordine eleggono di fèruir a Grillo ;ò fanno profeflion forfè di uiuere una fcandalofà uita lontana, &CQ traria al uiuer Crirtiano è Io non fo già doue fia qui fcandalo» & meno idolatria: ritrouo bene che chi fèrua i fuoi ordini, & regola,piu torto angelico, che umanochiamar fi può alficu r ro:& che colà comanda,ordina, ò perfuade fan Fracefco,che tutto di bontà & carità non fia ripieno ì Oue farà qui aduque tanta idolatria ? o poueri fèmplid, fe da fi ria & uelenofa; Iìq- gna uilafèiate fèdurre. Non uedete, ch’egli dice >,& fa ogni fua porta,per leuar la diuotione,& la uita auftera dal rnezo del la Chiefà,per darli fènz’alcuno fcrupulo,al mondo,& farbiiq tempo ? Perciò non ui fidate:ma conofcetelo ormai,per quel lo che effer fi ritroua,cioè un lupo rapaciflìmo; & un figliuolo diperditione.

Vergerlo. Seguita il Tridétino, L’autorità di fanti Padri: Quella è co “ mequellache habbiamo detto de’Concili;’. Cotefti nortri “ auuerfarij coli come uoglion che crediamo a tutti i Concili* indifferentemente,fenza hauer a ricercar fe fono ben appog- <c giati,cioè,fè hanno la diuina fcrittura per fondaméto, coli uq “ glionoche a tutti gli fcrittori,ouero padri crediamo fenza te che habbiano addotto il teftimonio dello fpirito fanto, che tc parla nelle fcritture,quali,che non fieno flati huomini,& non habbian potuto errare,& non habbiano errato come fi palpa. tc Omnis homo mendax. &, è una uergogna, che s'habbia a dii <c altramente. Agortino non dice già egli di uoler che fi gli ere- “ da fenz’altro, & l’han detto de gli altri dottori antichi & mo- « derni.

ippvl : Nè adogni Concilio 5 nè ad ogni cofa 3 che da Dottorili**

fcritta» [p. 217 modifica]contrai terXofctitto del Verg. ivj ,

frìtta,fi dice,che s’habbia a credere, ma folo a quei che fono

approuati, la cui proua non fi fa contra, tic lenza la fcrittura „•

ma conformemente a quella: perche lappiamo ancor noi,

che i Conciliaboli errano,& i Dottori hanno errato,& fappia

mo ciò che dice il falmo,& ciò che uoglia il padre Agoftino

in quedo patto. Ma quando il comun cófenfo di padri,in una

materia fi ritroua,nóbifògna piu dubitar di loro, ma tener fer C L P ^

ciò ; che come ad un ben gouernato Concilio, cofi Dio a tàn ^ * com£

ti padri,uniti infieme nelle opinioni, habbia riuelato il ucro : qu/ftadunCv

con la qual regola VEfefino Concilio, & il Condantinopoli- c m 0 ,

tano 5. hano proceduto nelle terminationi loro, credédo ef-

(èr uero tutto quel, che di cómun parere d’intorno alle mate

rie propode da fanti Padri pattati era già rifoluto. Et per bé

dir,che fottèr huomini; & che cofa erano i Profeti,& gliEua

gelidi ? Non erano forfè huomini? Ma lo fpirito,che gouerna N*te>

la Chiefa,fi come non lafciò errar i Profeti,& gli Euangelidi,

cofi non lafcia errar tati dottori, che a benefitio fol della chic

£à hanno fcritto,lòtto il cui fènfò ancor fi chiaman Padri, co- che cefi «a*

me quei ,dal cui confènfo ne i poderi nafea, & fi confèrui la dir Ptdrù

fede,con l’aiuto dello fpirito di Crido. Et è pazzia adire che

gli eretici uogliano prouar i Dottori,có le fcritture facre;qua

fi che nò fi fappia ciò che per tal uia uan machinando di fare*

& quai braui fenfi alle fcritture diano.

Or,mi fono fpedito dal primo punto, che è nel faluocon- . dotto,adduciamone alcuni altri. . „

Bifognaua prima uincer quedo, & con ragion intaccar il 1 ppe* Tridentino,& non con fauole, & bagattelle hauer procedu¬ to,& poi dire,Mi fono fpedito dal primo punto, le fpeditioni fi fanno,quando in bene,& quando in male;queda tua è delle feconde. Però tu dici il uei o,che ti fei fpedito, ma no troppo bene,& cofi fpero,& fon certo anche del redo.

Il Bafilienfe promette(aflìcurando chi u’hauettè uoluto an Top dare ) anco per il Papa ; il Tridentino promettendo per fe fo- ,, lo,lafcia in arbitrio della fua riuerentia, fe a lei piacette di far ,, dar dell’unghie addotto a chi ueniffe a Trento, & farlo códuc »

E e nelle [p. 218 modifica]XT . c Rj/poJfa di Domi' Ippolito * i

« nelle prigioni a Roma. , ^

ippclito. : Io,comedifopraho detto,non ho letto mai quello Triden tino, quantunque egli affermi che fia per tutto ; nondimeno!’ fapendo la natura di fìmil biigiardo,ardifco dire, che nel Tri-»' dentino cotalcofà non fi legge . Ma effo che ha lempre il ter-> \ ror della cofcientia che lo perteguita ( effendò uero quel ch@'

troH. z$. difiè il fàuio, Fugit impius nemine pertequente ) dal tacer del?

Concilio deduce tal fènfo; nè piu nè meno qui portando^ «.... , • nelleiponere il faluocondotto ; di quel che fi faccia ncH’clpa?

s . -, lìtio delle foritturè iàcre,allequali fe be aggiungevofminuiic©> dà loro, tutto 1 intero lènlo, non importa. Vorrei adunque? che il galant’huomo hauelfe pollo qui le parole del Tridenti no,accioche fi potette uedere ,te cantano com’egli adduce s èia già che no l’ha polle , nè io fin qui le ho uille 3 dirò ciò eh© «V\ne credo. Il Tridentino hauendo alficurato quanto folle per fé,non deue hauer fatto mentione di afficurametìtó dèi Papa* Et per ciò collui dal non parlare, uuol leggere nel bianco del ! la carta ftampata del iàluocondotto,tutto ciò,che egli ha qui

pollo. Ma quando fia come io me la indouino, chi può dire, nè fognarli ciò che fi fogna collui è II Concilio è in un luogo^' & il Papa in un’altro,& le città dell’uno & dell’altro nò hanp: ehefar infieme. Che uogliono aduque gli eretici,ché glifàc- eia il Papa, mentre Hanno al Concilio, oue fono aftecurati £ sr , /? Vengano'al Concilio,& llianfi in Trento,& habbiano il faluo ,,. condotto,per andare,o per uenire ; da quei, che nel Conciliò , fi ritrouano. Et di che uogliono poi temere è Io ho ben letto (■fe ual a dire) che alcuni Concili] han fatto de gli fcherzi a i Papi,come fu il Conftàtiente, & giultamente, già che niuno era Papa eccetto di nome come uolte fare il Bafilienfe an-

cora(& non fo con qual ragione) fe Papa Eugenio ui fi lafoia- ua cogliere. Ma non leggo già,che Papa alcuno habbia fatto ' fcherzo a gli accurati dal Concilio,in quel luogo,oue il Có-

cilio fi ritroua,maffìme quando è fuori delle fue terre . Che bi

fogna curarli adunque tanto del Papa, per cagion del faluò condotto è . .

Adunque

mm

Si [p. 219 modifica]a 12

Contrai ierfyfcrìtto'del'Vérg.

Adunque fe alcun di noi fotte per ùenir a Trento, non 8 baderebbe che haueffe il faluocondotto dal Concilio, ma ui blSrebbe moltopiu manifattura,cheprocurale d hauer lo euandio dalPapa ; il qual non l’ha mai datò, come il diede Luto quinto .quantunque macilento, & non fodisfaceflè

,n tefachiuaaTrento bafia d'hauer il faluocondotto di Trento* a chi ua al Concilio, bada hauer'il faluocondotto dal Concilio. Che fia il nero,già che tu confetti,che il Papa non l’ha mai dato; come adunque certi de’ uoftri ui uennero, &fi ritornarono ancora fani & fili» ? Et guarda quanto P« flotufeiconuinto di millebugie, che dokndot* del Papa j* poco lodandoti di Cario quinto, nondimeno il femplice lai ^condotto del Tridentino (che tanto lutupen ) ftpoffente a condurre* ridur fani & falut.i uoftri congiurati, fenza che T^fofeogulrdaticonocchio dotto? Come adnnquele-

^’TlBafflierfeconcefife neUiìolchei Boemi,che uifofferM^ nuti,hauelTcr potuto almàco nelle priuate cafe ufar le ceremo nie loro,& la loro comunione intera, & le predicationi della

lor dottrina. Il Tridentino elTendone flato richiedo, che ciò

concedette a i noftri,l’ha denegato,& ha uoluto pero etto pu- blicar le fue Indulgentie rancide,& far correre i fu? lV e^°ui a quefla Chiefa,& a quell’altra,per hauer laremiffion de pec

fon rimeffi 1 peccati,& elTi mormorando tra fe diceuano, co (lui beftemia. E fempreftata opinion Farifaica,che,da Dio hi eiu,niunrimetta,apoda rimettere i peccati,& nondimeno èrifto dice, Quorum remiferitis peccata, &c. Et come la può dir piu chiara * E ben uero,che tal cofa fan gli huomim fn uirtu di D io,il che fa.il Papa nelle Indulgentie ; il cui «al©- . re è nel faugue & meriti di Grillo ,& del fuo corpo miftico, che è la Chiefa;& quelle Indulgentie ci aiutano dalle pene,

ycrg>

ìppolité t

AT renio uen nero alcuni Ih tenni %

Vergerà

Ippolito a M att. $>.

Io.2.0»

Le indulgeze» et laremifiion de* peccati è da Dio coi me zode gli buo mini . [p. 220 modifica]N ian&puo dar licerti* di fa mde.

Sì può difi ima Ur i tinaie, ma non dcccnfcn* tirgli,

Parole del faluocondotto di Bufile*;,

216 3 {ifpoBa di Domv Ippolita

Farifeo mormorator efpreffo.

Che poi il dar licentia,o non darla di feruar gli ordini loró nelle proprie cafe fia di neceffità nel faluocondotto, non l'ho io per chiarore per ben fatto.-attelò che quello fia un dar li¬ cenza aicnftiani di far male,& uiuere ereticamente;colà che non fi può ad alcun modo dalla Chiefa concedere: fi può ben diffimular il male,quando non fe gli può far alterna ac- confentirgli, & fauonrlo;quello non intendo. Et IcilBafi- nenie 1 ha fatto,non fo come fe l’habbia potuto fare,& come in tal parte egli ne fia lodato. Ma credo bene che quegli offi- ci;,de quali parla il faluocondotto,non folfero tali, quali di¬ ce il Vergerio-ma fe non eran già come la Chiefa ufaua,al me no non le erano contrarij,onde in cotai cafo fe gli poteua dar ljcentia,ne da quel tetto del faluocondotto fi può conofcere gì che natura fofTero, con tutto cheli veridico huomo coli Dio l’aiuta) del Vergerlo interpretando leparole che di¬ cono nel laluocondotto, Ac in loco, fiue inlocis holpitioru iuorum diurna officia fine impedimento noftrorum, peragerc permittimus, &c. non habbia hauuto dio tanto rifguardoa dire,che elle s’intendano della communione lotto l’una &T altra Ipetie : la qual communione, dièndo de iure pofitiuojfi farebbe anco potuta concedere quando effi non l’haudfero chieda come cofa necdTariaalla falute :il chefipotrebbe an¬ co fardi nuouo : ma percheellafi chiede,ofiufa di propria au torita,come cofa necelfana,contal]ar di erefia ehi non la ulà* però chi fi può dar a credere che ella fi debbia concederete non e eretico ? adunque il Vergerlo è un galantuomo,quan do elplicando quai folfero gli offici; conceffi a Boemi dice le lor c er emon |e ,& la loro cómunion intera, & le predicationi della loro dottrina. cofe tutte,delle quali non fe ne fa in quel luogo pur una minima mencione,ma fol de gli offici]: anzi credoiopchei 1 Conciliomainonuipenfalfe,& nondimeno egli Io dice, come le ciafcuno a ciò accófendire.vedettc mai

un mappior r>rofimmnf\ rhf> _• • [p. 221 modifica]contrai ter%o ferino delVirg. a 2 1

’*ia,&‘lafciarpoi che altri Tinterprctafìèro, & non produi Io come egliTintende,& (opra quello fondar anco la fua cbime raj& chTnon faprebbe faredi (imil tratti? Ma poco importe rebbe qui tal cola,le no facefle l’iftelfo nelle foritture,& q ue j ito è,di che io di palio in palio mi uo lamentando,che egli no giuoca ad altro fine,che ad ingannare .come 1 udite noi adun squero femplici ? Guardateui,ch egli è un rapace lupo.

IlBafilienfenonhauietatomai,cheifuoiVefcauinon po voj. f ^ ielfero leggere che libri s’hauefteruoluto:& il Tridentino al ^ ’

contrario,uietando,che alcuno nò polla leggere i noftri libri, 5> che fono gli atti della cada. ^ »>

Tal chimera ha pur detto anco difopra, però con i’iltefia ialite» rifpofta mi rifoluo. Non dice il uero ; anzi ogn un può leg¬ gere che libri gli pare & piace:& chi ne hauefle dubbio,uada, o madi, o fcriua ad alcun fuo amico che lo raguagli,& di qui impari a conofoere il Vergerio,il quale fopra fi bella bugia Se

lì elprellà efolama, & fi difperaicon dire,

O enormità & orribilità, è quella la libertà, che hebbero ya-gc»

gli antichi Vefooui,che è la prima dignità nella chielà,ne con }} cilij & fuor de'concilij ? anzi ui è un decreto del concilio Car M taginefe quarto,il qual èomanda,che elfi leggano con diligen }) nia i libri di quei che fono reputati eretici, per informacene }> benc,& faper ben rifpondere & confutarli. jppc»

Tu hai pur di nuououoluto replicar le medefimecofe , ma w Tempre peggio foguitando il tuo fìile di non allegar maigiu- •ilo.Etche ti oceorreua qui d’inuerfar il tello del concilio Gartaginefe ì egli dice : Iteetkorum libros legat, & tu dici di quegli che fono reputati eretici » Dilla come fla,fe lai fare il uolgare di quello latino,& udendoti lamentare, di in que¬ lla forma, I libri de gli eretici debbono eftèr letti da Veicqui, fecondol’elprelfo parole dal Cartaginefè, noifiamo eretici* Argon-Stoici adunque i nollri libri debbono elfer letti ; & però ci doglia- verg. il quale ano del Tridentino,che uieta la lettion de noftri libri. Coli lo conmszM bifogna,pouero huomo,che tu faccia il filogifmo, & profilo- rctico » gifmo/c deue eiter ualido Maodi ancor la rifpolla. Noi

xoneedia[p. 222 modifica]122 7 mjpofta di Donrì' Ippolkù.

concediamo tutto iTprimofilogilmo Zappiamo ancor noi i decreti del Concilio quarto Cartaginefe, di douerfi leggere da Vefcoui i libri de gli eretici,& Tappiamo anco che uoi liete eretichifiìmi ; ma fi niega* il profilogifmo,cioè,chela lettion de uoftri libri ha uietata ; & perciò ho detto, che fi uada, o fi mandi,o fi ferina, & ciafcun le ne potrà chiarire, & fra poco fi Uedrà anco le fi làpranno confutar, o nò quelliuoftri fi genti .. li & fi dotti libri. ò

Xt Dirà quale uno, Etcomehaurebbeil Bafilienfè uietatoil f{ legger de libri a i Vefeoui, Te non u’erano allora quei tanti Id¬ ee °ggi di è chi cofi dicefiè moftreria d’intender le

-* t£ cole afiài male , Impercioche,fi come Martin Lutero è flato <£ quello, che ha incominciato a tempi noflri a difotterrar la ue t{ fa dottrina del figliuol di Dio, la qualora fiata naie olà lòtto it alcune come montagne di fuperllitioni,di Idolatrie,& d’altre <t inuentioni hùmane, fognate da Papi, coli un buon pezzo a- {C uanti il Concilio Bafilienfe, Giouanni Vuichlef incominciò , a far per la Inghilterra, quel medefimo, cheLutero fece per ' ‘ la Germania. ,

inclito . Mi piace infinitamente, che quello fciocco Tempre uada

replicando quai fodero i Principi e i Capitani delle lette nuo t r ùc r r cn ’ èr llc 5 c onciofia colà,che gioui non poco a i lèmplici il poterli in iìtepo ntìquì- ^ ormar u ' ta & qualità di tanf onorate perlòne,quanto kùiena dim dono fiate-quelle, che han dato il principio a tanf onorata tcra c incorniti Setta ,1 quali pur Tono deferitti da uarij libri, inuarie Croni¬ ci , morirà che,Annali,& Morie: & grafia di ciafcun di loro,non fi l itro- chiaro,che ella uerà nè Ilarioni,nè Paoli primi eremiti,nè Antoni;, nè fimi!'

non demi da altreperfonediuita&coftumiaCriftofimiÌi:mafiritrouerà

gì Apojlolima un’altro genere di Tantità dagli eretici fidamente conofciuta ju nuoua er commendata. Il tempo poi nel qual cofioi o Ton nati, di- > Scoprirà anco qual forte di Catolica & Apoftohca ChieTa 1& la Setta incominciata da loro . Onde pertutto ciò, quando

i - - mài altro non fofiè,potrà ciafcun di qual grado lifia, rifoluer- fi, che fede prellar li debba a fimil perfone.

Vf • - Et da Vuichlef furono fcritti de’iibri 3 i quali furono porta-

din [p. 223 modifica]coftira'lterXofcrìtto delVerg. 2V/-

tiihBòemià 5 &quiùiGiouanni Girolamo Praga fé*

nfe-fornirono & ingranarono, e nè fono ancora delle Chicle ^

in quel Regno,dalle quali ufeirono tutte quelle che eràri nel-

laProuénza,& furori’ dal Capitan Polino(infelice memoria)

ih buona parte dedrutte ; & quelle, che fono in Sauoia nelle \\

tì'allid’Angrógna,•&altre;&quelle,cheeran’in CalabfiàjSf ■'*

liti certo Marchelè con (ha infamia & dannation fempiterna,

ha lor dato il guado quella Rate,facendone mettere prigion ^

piti di mille,& (cannar poco meno di cento in un giorno, co- ^

itie tante pecore,& quelle,che fon uicine a Pofnania,& quel- ^

le che fono nella Pruda lotto l’Illu drilli mo Signor Duca Al- ^

berta , e fono huòmini da bene, dibuona dottrina, & buona ^

diftiplina,per giudicio di Bucero,di Mufculo, di Lutero, ^

diMelantone.iltedimoniodicodoroèinidampa,&lhofat ^

tO porre io. _ ippo.

? Qui mi fa ricordarli Vergerio in quefto fine di coIoro,che Kowv accordatinellafiàdìnamento,(ògliono Tempre andar infie- me,dando un di loro la querela,, & gli altri ellendo apparec¬ chiati a tedificare. Quali ch’io credeua di udir nominare pertedimonioun qualche Agodino, Girolamo,ofimil’altro , ’

Dottore, & mi andaua apparecchiando di far qualche confi deratione e(latta,(bpra qual forte di gente fotte quella, che tìiencon tanta diiigeritia deferitta dal nodro galant'huomo : - . f

nja quandouengo a uedere , mi adduce per tedimonio quat tro Tuoi complici, trifii come lui in fuperlatiuo grado. Et è afiài da ridère,ehe di (opra prò teda di non uoler crederealte cl:e forte di gc dimorilode’ Concili}, & de’ Dottori per Santi che fi fieno, fe fe fu queU non adducono il tedimonio delle fcritture;& egli vuole, che adduce il Ch'io (lia faldo al tedimonio di quattro furbi, accordati inde- ^ er S- P ert f s me alla rouina di Grido,& della Chiefa, fe gli uenilfe fatta. ^ ,Komo Me J uc Bucero(diceegli)ilqualmoriGiudeo: Mufculo, il qual è pieno di frafche : Lutero sfratato,capo di ladrerie :& Melan- tone pedante, il quale nunquam in eodemdatu permanfit. o bella razza .

Hor non fon quelEbuoni tettimoni* Ma quanto maggior*

Vvi ' mente [p. 224 modifica]224 'jR.ìJpofla di Dorirf Ippolito

mente poi fi ha loro a dar fede, efiendo fatti (lampare cfa ufi coli fedele & pio huomo quanto è lo (pretato Vergerlo? II tertimonio di costoro,dice,è in iftampa,& l’ho fatto porre io» Gian prodezza e bene (lata quella,& gran de è l’obligatione e Prodezze del chegli teniamo tutti, hauendo fatto (lamparecoli degna & re, £ . onorata opera. egli non hauerebbe già fatto (lampare le Me

ditationi di fan Bernardo,nè i Soliloqui; di fanf Agoftino,nè meno ogni altra forte di libro,che inlegnafle a piangere ifuoi peccati,& farne la penitenza: ma ben ha fatto (lampare il te (limonio di quattro furfanti. Le Sette poi,che ha racconta to,come ufeite dalla dottrina di Vuichlef, fono tutte di Ana- Setti di Knék batilli carnaliffime & fporchi(Timc,fe perciò tutte fono di una ti/ii dal Verge. farina:perciochequellediSauoia,&quclle di Calabria mi MaU . fono note : dell'altre,non ho noticia. & perciò efiendo elle di

quella forte che dicono, Creiate & multiplicamini : il Ver- NoM», gerio maledice chi le ha rouinate : perche Iperaua un giorno»

di ritrouarfi anch’egli a fimil giuoco. Ma della dottrina che 1 Vfiìo & il Praga,da Vuichlefimparar’haueano, già n’ho dee to aliai nella prima diporta al primo fcritto.

Vergerà . V’eran dunquei libri di quello Vuichleffe,& però non lì “ legge , che il Balìlienlè hauefiè mai ulàta una fimi! tirannide “ di uictargli a'fuoi Velcoui.

Jppotit*, A quello piu non ti rifpondo,già che n’ho detto tantoché fon’ ormai (tracco, il che faccio ancor in quello, che hai Con¬ giunto quando dici.

Terge. Et non folamente ui erano quegli,che ho detto ; ma ue n’e

  • ran molti di quelli, che il uollro Papa ha comprefo in un cara

u logo,che fu publicatoPanno m d lviii. &cheèrtatoque <£ (Vanno ignorantemente moderato, & limitato dal Cardinal <c Alefiandrino,Principe d’Inqui(ìtori,cioè di birri, di carnefici,

w &didiauoli.

Sarebbe pur ormai tempo, che quando tu ragioni, ti pia- cefiè ancor di Iputar un dente, & non dir fempre tante imper tinentie,& tante fciocchezze, & tante bugie : & fia,benedetta quella detrattone, che tu dica con qualche apparentia del uc

ro; [p. 225 modifica]cóntra'herXo fcrìtto del Verg. lì 5

ro ; & qual proua adduci tu della emendation fatta ignoran¬ temente ?oue può cader qui ignoranza? Irifpetti perche fi modero i noftri a far quel diuieto furon ottimi,hè conuié che atenerendanconto,badache niun libro fi uieti che o per un rilpetto,o per un’altro non lo meriti : che fe poi fi è uoluto allargar piu la mano,per benignità di chi riiafcia ; onde carie¬ rai tu di qui ignorantia alcuna? Il Giudice,anzi il Principe fa bendo le leggi lue,fecondo i tempi, fecondo l’occorrenze, & fecondo il (oggetto,or niega una colà & or la concede ; &chi uolelfe fallare il Principe di tal fatto, farebbe un gran temerà rio. Quante uolte fi uede farli la grida delle arme,& poi dar la licentia,& indi a poco ripigliarla ancora? & nondimeno da niun làuiò potrà cotal mutatione elTèr riprelà. Non fi potrà dire, che fe un libro uietato nell’Indice, fi permetta poi per qualche rilpetto,non habbia però feco la ragione, perche da principio meritalle coli d'elfer uietatOèVeggafi l’Indice & cer chili di ciafcun libro la ragion perche fia uietato, & (libito fa¬ rà palefe. Veggafi poi anco la ragion perche fi fia moderato, & ella farà nè piu nè meno conolciuta : & le alcun libro non è tale come ho detto, alfegnilo il Vergerio, che io fon fuo. Oue adunque farà qui ignoranza ? Che il Cardinale Aleflàn drino poi fia Principe d’Inquilìtori,tu pur lai che quella è bu¬ gia (ancor che non rilieui piu che tanto ) hauendo di compa¬ gnia aliai altri (ignori liioi colleghi, che nel detto ufficio tutti fono uguali. Onde dà te in poi, mai huomo alcuno non l’ha chiamato di tal nome, Et non mi merauiglio, fe nella ilpofi- tion,che dai a quello nome?Inquifitori, tu ti rilcaldi alquato, già che la tua pazzia di lor foli fi teme,riconofcédo, che fe uoi fletei mattinili fono i calìigamatti : però tu gli chiami birri, & carnefici (i quali fono minidri della giuditia) perche ellì fono tali che per ogni giuda cagione debbono a te, & a pari tuoi dar il giudo cadigo che meritate : ma uuoi ch’io t’inlègni a non temergli un pelo ? Bonum fac, (dice I’Apoflolo.)& nò timebis poteftatem, Quando o Vergerio tu lafcerai d’eller un trido,& comincierai ad introdurti nella fohiera de buoni,

Ff ti

'L'indice de ’ Ct ■bri uietati fot toPdolo qtur to,fu fAtt agiti

iftamcnteìétfa " anche con ra* gion corretto » None indigni tà che il Signo re moderi le fntleggU y

Cardinal Alef padrino.

Lttcdgion per che gli eretici - hanno in odio" . l’officio della

inquifuionc »

Row.15. [p. 226 modifica]&M-

Vergerlo.

Ippolito .

1 / Verg.ingra tifsimo alla Italia.

Vergerlo.

Sppotiro.

P/4/.34.

P/tt. 5<?.

Leftmptfer* uono a dia * 9-CSS4 del pa*

%i6 'Rijpojla diDonrì Ippolito

si ceftèrà anche il timor della giuftitia,& di ogni fuo miniftrQ, & quello che ora ti par crudeltà,allora ti parrà eflèr carità, & amore ; & quei che ora ti paiono infami, tu li confetterai huo mini Zelanti ;& quei che tu chiami dianoli, tu li conofcerai per uafi di Crifto : chefe di qua in quefta uita non lo farai : nel l’altra (arai sforzato di farlo,quando dirai co gli altri, Nos in¬ fialati uitam illorum attìimabamus inlàniam, &c. ma fin tan¬ to che tu beftemmi Crifto, & la fua Chiefà, chi dubita che tu non fia mai per celiare di dilacerar l'onor de’luoi miniftri > & Tempre il timor loro ti farà imprettò nel mezo della colciéza?

In quefto catalogo adunque ui fono nominati nó meno di 2 o.autori,i quali auanti il Cócilio Bafilienlè hauean dato fuo ri i lor libri contra il primato,& tra quelli fu Dante Aligeri, Fiorentino,che fcriucla Monarchia,& Marfilio Patauino, il qual prepone l’Imperio alla Chiefa, per dir di due noftri Ita¬ liani fittamente per ora.

- Gran torto ha lTtalia tutta, fe a quefta uolta non ti fabrica una ftatua, già che da te fi lènte onorar tanto,nel ricordar qui fi gentil trattato. Non ti uergogni,indigniftimo del nome Ita lianoadifeoprir Verenda pattumi Seme propriamente di Cam,& non di Giafet. & a che propolìto l’hai tu detto, che nó rileua un fico:ma a te balìa di fodisfar malaméte cialcuno.

Et prima,ch’io ritorni al mio propolìto, dirò di quelli libri, che Dio ha tolto per iftrumento la ftampa, la quale a polla egli fufeitò già d’intorno a cent’anni, fittamente per mettere tanto piu prefto in rotta,& disfar l'infaufto Papato.

Vergerio ricordati,che Dio è giufto,& che uerifica ogn’or quel detto : Veniat illi laqueus,quem ignorat, & captio,quà abfcondit apprehendat eum, & inlaqueum cadat in idipfum. & quell’altro: Gladius eorum intret in corda ipforum, &c. Le ftampe non fono ritrouate per rouinare il Papato ; perche rouinerebbon ancor Crifto,come difopra fi è detto, ma fono ritrouate per uentilar meglio la grandezza & bontà di quel¬ lo i dando occafione a cialcun di Icriuere, & mandar fuori : & quefto è iftrumento communc,tanto in difefa,quantoin offe[p. 227 modifica]contrai ter%o feritio del Vérg. 127

fa. ónde fin qui non fi è fatto nè piu nè meno,come fe mai tal pato » cfom ifttumento fiato non foftè: perche fi fa che auanti la ftampà ifiruméto com noi fiamo fiati a peggior termine, che non fiamo ora ( gratia mane . diDio)pereagiondell’erefie. Quanto può far la ftampà , è Altre uolteU che Ad perpetuam rei memoriam, ui ftamperà fempre per pu chle f a '&*** blicihemici della Chiefa & di Crifto ; & mentre che dureran - or4 ‘ no iuoftri libri,fempre farà leggere da tutti le uoftre beftem- ^ $ m p A fa mic,maluagità,& erefie. onde quei lacci, & quella fpada,che i Lut P eun i

haueuate apparecchiata contra di noi, cntrarà dentro al cuor p er p c tuméte lioftro : perche farete dipinti fempre per traditori di noialtri, faranno per c* che hauendoui alleuati entro il grembo della madre Chiefa, retici conofcin noi ora uegli fiate riuolti contra, & chi lo potrà negare dop- ti. po tante ftampe?

Sappiate certo, che hauendo fua diuina Maeftà, mandato m - 0 e

tanto del fuo fpirito,quanto egli ha mandato,era come necef fimo,che eliaci haueftèprouifto di un tal benedetto artificio, ” onde hauefiìmo potuto fparger quello, che alla giornata fpar * giamo. 5J

Le fcritture facre atteftano, che Iddio ha due forti di fpiri- ipp 0 U( 0 . to,che mandar fuole a gli huominit, l’uno buono, l’altro mal- uagio. Del buono non è chi dubiti,del maluagio fi dice, che Bue forti di

10 fpirito cattiuo del Signore agitaua Saul, onde bifognaua fpirito di Dio. che Dauid fonafte la cetera. Il buono fi manda da Dio a con i .Keg. 16 feruation della Chiefa, come fece il giorno della Pentecofte.

11 cattiuo fi manda a rouina, & quefto col far infegnar bugie,

& dottrina falfa, fotto colore del uero, & di colà diuina. Que fto è quello fpirito,che mandò Iddio per inganar Acab, quan do dille nel fùo Conciftoro, Quis decipiet Acab ? & fi leuò Sa tan,& diflè,Io l’ingannerò ; &,come farai,dille Dio ? Rifpofe, 4- Rc £*

Ero fpiritus mendax in ore omnium Prophetarum fuorum. & allora fu mandato,dicendogli Iddio,Decipies & pramalebis,

Egredere & fac ita. Ora di tale fpirito ne è oggi abondanza spirito delle quanto mai fofle, & è quello fpirito delle rane, che uide fan rane. Giouanni nell’Apocaliffi ufeir della bocca del Dragone, del- Apoc.iS la beftia 3 & del fallò Profetta-; perche a guifà di rane ognu gri

Ef s da; [p. 228 modifica]Gli eretici di ' oggi fintili <ti Profeti di A= ' *<*£.

fine di tutte Verefie .

Pfal 16. '

I? Verge, fi fa non falò ugua le, nut maggio re de gii Apos ftolinel ricette ie dello fpirito fimo.

- *2{ij]?óflavlì Boflh' Ippolito ;

da ; Ciafcunuuol haucr l’officio del predicare ; ognun è dottò re fecondo loro,& non è differenza tra Papa,& ogni altro pri nato. O fpirito delle rane, che oggidì entrato fei in tanti cor pi umani; & che marauiglia è poi,fe a guifà di Profeti di Acab ciafcun fi sforza d’ingannar piu che può il compagno,con affi curarlo bene perche l’hahbia ad hauer meglio in barba i? Effi erano molti Profetiche tutti diceuano ad un modo,& fq io Michea refifteua,onde ne fu ancor mal trattato : ma il giuq co finì predo,& il fine fece il tutto, & difcoprì la uerità, & & bugia; coli farà adeffo. Coftui purua inculcàdo che effi mol tiplicano,& noi andiamo feemando, & io dico, che quando ben reftaffimo in un folo, effi tèmpre predicheranno il fallo Se f erefia ; & il noftro folo predicherà il uero,& la Catolica dot trina. Et al fin poi effi tuttimanderanno in fumo,& noi preda leremo, & forfè con forza maggiore. Nè qui ualerà (lampa, nè meno gli ftampatori,ne’ quali fi confidan coftoro,come in tanti iftrumenti bellichma noi ci confidiamo nel nomedelSi gnore,& nella forza del uero, la qual uince ogni cofa. Super omnia ueritas. & guardate fe coftui è una gran beftia di quél- le,che hanno lo fpirito delle rane ; di fopra nel fecondo ferir to, dice quelle fermate parole : Siamo parte della Chiefa, fi come furono anche gli Apoftoli, e i lor fedeli auditori, & fe noi non fiamo dellaChiefadi Crifto,habbiamo ardimento di dire ('&fappiamodidiriluero)chenèanchegli Apoftoli ui furono, &c. In quefte parole fi fodisfa d’effere a gli Apoftoli uguale. Ma ora non piu fe ne fodisfa ; ma egli ha quafi uoluto dire, che effi oggidì habbiano fpirito piu in copia, che non ha ueffero gli Apoftoli, & che perciò Iddio gli habbia prouìfto della ftampa, per potere fparger la dottrina dallo fpirito det¬ tata,laquale con altro mezo fparger non fi poteua, per la gra copia, che uien lor data. Adunque perche al tempo de gli Apoftoli non fu la ftampa;diremo,che non haueuan tanto fpi rito da feminar la dottrina,& perciò Iddio non giudicò nec?f fario tal iftrumento allora, come ha fatto adeflo. O infelice eretico,& quale fpirito di beftcmraia è il tuo i [p. 229 modifica]coniai terXofcrittodel Verg. 219

Quella è come una tempefta fu le uoftre polfeflìoni, alla qual non potete piu prouedei cadendo ella da ogni lato c