Versi editi ed inediti di Giuseppe Giusti/Per occulta virtù, che dall'aspetto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Per occulta virtù, che dall’aspetto

../Poichè m'è tolto saziar la brama ../Da questi Colli i miei desiri ardenti IncludiIntestazione 3 marzo 2020 75% Da definire

Per occulta virtù, che dall’aspetto
Poichè m'è tolto saziar la brama Da questi Colli i miei desiri ardenti
[p. 358 modifica]

Per occulta virtù, che dall’aspetto
     Di bella verità prende argomento,
     A quella meta sollevarmi io tento
     Ch’è principio e cagion d’ogni diletto.

E se per un sentiero aspro e negletto,
     Giovine e solo, io mi conduco a stento,
     Di giorno in giorno con dolcezza sento
     Avvicinarmi al Ben dell’intelletto.

Ogni basso pensier fuggo, e discaccio
     Da me la soma dell’antico limo
     Onde ha virtude e il buon volere impaccio.

E fissando lo sguardo al Centro primo,
     Arditamente l’universo abbraccio,
     E dal nulla mi sciolgo e mi sublimo.