Versi editi ed inediti di Giuseppe Giusti/Tacito e solo in me stesso mi volgo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Tacito e solo in me stesso mi volgo

../I Trentacinque Anni ../La nomèa di poeta e letterato IncludiIntestazione 2 marzo 2020 75% Da definire

Tacito e solo in me stesso mi volgo
I Trentacinque Anni La nomèa di poeta e letterato

[p. 324 modifica]

Tacito e solo in me stesso mi volgo
     Interrogando il cor per ogni lato,
     E con molti sospir del tempo andato
     Tutta dinanzi a me la tela svolgo.

E dure spine e fior soavi colgo,
     Qua misero mi trovo e là beato;
     Or mi sento coi pochi alto levato,
     Ora giù caddi e vaneggiai col volgo.

Già del passato l’avvenir più breve
     Parmi; e il piè che va innanzi stanco e tardo,
     Ricalca l’orme sue spedito e lieve.

E la mente veloce come dardo,
     Quasi a un diletto che lasciar si deve,
     Volge d’intorno desiosa il guardo.