Visioni sacre e morali/Visione X

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Visione X

../Visione IX ../Visione XI IncludiIntestazione 25 gennaio 2017 75% Da definire

Visione IX Visione XI


[p. 189 modifica]

VISIONE X.




TRIONFO


DELLA


PROVVIDENZA DIVINA


SOPRA


L’ANGELO DELLA MORTE.




Io caldo il cor d’agitatrice fiamma,
     Che non d’Ascreo furor, ma da Celeste
     3Lume piove, e di sè m’empie e m’infiamma,
Alle rimote età, che bujo veste
     Di sacri abissi orror, spiego le arcane
     6Rime, che da quel lume in me fùr deste.
Spinsi, qual Uom mosso da voglie strane
     Di cammin novo, su i Parmensi liti
     9Le piante dalla via retta lontane,
E campi attraversando, e rinverditi
     Solchi, ove in frondi par che sviluppato
     12Il seme a biondeggiar le spiche inviti,
Dopo un bosco da querce annose ombrato
     Giunsi in aperto piano, in cui senz’arte
     15Stendeasi ricco di germoglj un prato.

[p. 190 modifica]

Il vasto loco pien di vario-sparte
     Folte erbette, che nulla arbor, nè fratta
     18Con intralciati rami ingombra, o parte,
Dolce allargommi il cor, cui sembra intatta
     A par del guardo aver sua libertate
     21L’immenso avidamente a scorrer atta.
Qui nel varco di quelle a fior smaltate
     Piagge il fianco posai sotto rugoso
     24Olmo d’opache insiem foglie intrecciate,
Ove il puro aere, il rezzo ed il riposo
     Grato a stanchezza invogliò più l’ingorda
     27Vista a vagar per l’ampio strato erboso.
Rotto ora il lato spazio era da lorda
     Trave d’un altaleno, onde pendea
     30Vaso a trar l’acqua avvinto a docil corda.
Or da capanna vil, su cui serpea
     L’ellera i cerri ad agguagliar avvezza,
     33Che l’aride nel tetto alghe radea:
Rozzi obbietti al pensier; ma la rozzezza
     Spirava per l’erbifera pianura
     36Lieta semplicità, se non bellezza.
Scorrea la morbidissima verzura
     Favonio, cui son le odorate rose,
     39E i molli gigli amica e facil cura,
E quelle umìli piante e rugiadose
     Piegando intenerìa colla diffusa
     42Aura le fibre lor sotterra ascose;
Mentre il passero grigio, e la delusa
     Spesso da’ rai degli aggirati specchi
     45Lodola, e all’arduo vol la rondin usa
Aleggiando scegliean i levi stecchi
     Per tesser nido alla futura prole
     48Di molle creta, e di sermenti secchi:

[p. 191 modifica]

Il suolo, ove arator non mai si duole,
     Che a fecondarne i germi indarno ei sudi,
     51Di cui cultor è con Natura il sole,
Sì adescato m’avean, che a me que’ rudi
     Campi s’offrìan leggiadramente ameni
     54Più assai de’ colti co’ più eletti studi.
Quando in men che non scoppiano i baleni
     Il prato inaridò vento, che sorse
     57Del nevoso aquilon dai freddi seni,
E dietro al vento un calpestio trascorse
     Romoreggiando per lo pian battuto,
     60Che là, donde movea, gli occhi mi torse;
E fra paura e maraviglia muto
     Vidi gran turba in fieri atti, e con volto
     63Crudo, e in difformità varia sparuto.
Pedestre era la turba, e di quel folto
     Stuolo ciascun tenea croceo dipinto
     66D’atra immago un vessillo all’aure sciolto,
In cui d’illustre Donna, o d’Eroe spinto
     Dell’Ombre ai regni bui scorgeasi scritto
     69Il nome, e sotto quel: Da me fu vinto.
Precorrea quanto è d’una selce il gitto
     La feral schiera un Condottier più truce,
     72Che il sommo in essa avea scettro e diritto.
Alla squallida e rea faccia del Duce
     Giunge squallor sotto palpebre immote
     75Lo sguardo tinto di sanguigna luce.
Duo serpi sórti dall’orecchie vote
     Di suono striscian senza inciampo e legge
     78Sibilando or al collo, or su le gote.
La trista fronte elmo fasciato regge
     Da corona intessuta a lauri freschi
     81Da frusti di spolpate ossa e da schegge.

[p. 192 modifica]

L’usbergo aspro è al di fuor, ed in rabeschi
     Orridi rilevato, e fuso a scaglie
     84Di rinterzati spaventevol teschi.
La destra cinta da ferrate maglie
     Stringe una falce contro a belva e ad uomo,
     87Barbara e invitta ognor nelle battaglie,
Col segno, ahi vista amara! onde fu domo
     L’antico Padre dalla colpa antica,
     90All’asta della falce infisso il pomo.
L’altra man fra la ruggine s’implica
     Di scure briglie, ed un cavallo affrena
     93Pallido, e spregiator d’ogni fatica.
Che concitato da terribil lena
     Soffia, e di spume il duro morso imbianca
     96Scalpitando, e spargendo alto l’arena.
Docile al cenno, e non spossata e stanca
     La turba ivi arrestossi; e il Duce crudo
     99Ritirò del corsier la fervid’anca
Fin dentro a quello stuol di pietà nudo,
     E disse: Io sempre afflitto Angiol di Morte
     102Quanto mai gaudio, Angeli torvi, or chiudo
Nel sen doglioso, se pur false e corte
     Immagini di gioja in tanto lutto
     105Ponno alleviar sì disperata sorte.
Deh! chi sarà, che i nostri a ciglio asciutto
     Danni ardisca ridir? Vedemmo armarse
     108Lo stesso Dio fra la tempesta e il flutto
Del suo furor, che inestinguibil arse
     Contra noi Squadre a lui ribelli, e poi
     111Chiuso in vil fango fino al Ciel levarse
Spirto vedemmo disuguale a noi.
     Cadde anch’egli, e fu sua la colpa, e nostra
     114L’arte, cui non fia pari altra dappoi.

[p. 193 modifica]

Quindi l’ostile a noi terrena chiostra
     Suona d’alterne guerre, e finta tregua
     117Solo d’inganni amica all’Uom fa mostra
Di pace, onde più acerbo odio ne segua.
     Unica di noi gloria è il duol di lui,
     120Che il nostro imiti almen, se non l’adegua.
Benché onor sommo abbian que’ Spirti, cui
     L’invescate ne’ falli Anime lice
     123Trarre al carcer fatal serbato a nui,
Pur non di pregio scema è la radice
     Dei vanti nostri. Io per voi, turba eletta,
     126Su i mortali a versar l’urna infelice
De’varj atroci mali, io nell’infetta
     Stirpe d’error iniquamente insano
     129L’ultima pena adempio, e la vendetta.
Né roto io mai l’adunca falce invano,
     Fiso a Dio, che permette insieme e guata
     132Il colpo fier d’una implacabil mano.
Or fra i trionfi miei la coronata
     Testa serto non mai più raro avvinse,
     135Né di questa io rapii palma più grata,
Che su l’insegne mie lugubri pinse
     Titol sì grande, e amaro nome accrebbe
     138Al curvo ferro, che Luisa estinse.
Troppo al nostro livor la chiara increbbe
     Virtù di lei, che in sua fermezza, e in vivo
     141Esempio altrui mirabilmente crebbe.
Di grazia colmo, e d’alterezza privo
     Spirto quelle già resse al freno pronte
     144Membra, che i malnati ozj ebber a schivo.
Quanta le tralucea fin su la fronte,
     Benché fitta nel cor, vera pietade,
     147Qual sasso in fondo a non turbata fonte?

[p. 194 modifica]

Come in queste soggette a lei contrade
     D’ogni intorno ampiamente ella diffuse
     150Fertil ne’raggi ardur di Caritade?
Quando mai femminil petto in sé chiuse
     Reali cure, e col pensar virile
     153Le sacre a povertate arti confuse?
Quante volte la pia destra il gentile
     Ago abbassando negli abbietti lini
     156Coprì de’ rei la squallidezza vile?
Chi fia, che a par di lei più largo inchini
     Alle benefich’opre, e insiem disdegni
     159Gli onor cotanto al ben oprar vicini,
E contro al lodator s’attristi e sdegni?
     Oh al paragon d’ogni umiltate queta
     162Magnanimi altamente e illustri sdegni!
Sì eletti pregi, onde splendea più lieta
     Non sol d’Esperia la felice terra,
     165Ma qualunque altra allumi il gran Pianeta,
Al nostr’odio immortal non fan più guerra.
     Sparver questi con lei, che di solinga
     168Tomba nel muto gel torpe sotterra.
S’io il deggìo ad un di voi, che or più non tinga
     Vano livor il mio crudel sembiante,
     171A che s’asconde? e vieta a me, ch’io stringa
Al mio petto un Guerrier, per cui di tante
     Pene affannate ad onta ancor m’ingolfo
     174In piacer tanto? Allor si trasse avante
Quel, che immerse Luisa entro al fier golfo,
     Angiol chiazzato le gonfiate guance
     177Da bolle scabre di color del zolfo,
E il Duce l’abbracciò. Le schife e rance
     0mbre a quell’atto mosser tutte in giro
     180Presso a que’due l’inalberate lance,

[p. 195 modifica]

E folto di stendardi un cercliio ordìro;
     Ma il Condottier, ch’ argin non pose, o sbarra
     183Ai moti, che letizia in lui scoprìro:
S’io ti diei, disse, non ignobil arra
     D’onor dovuto al trionfal tuo merto,
     186Dell’opra, onde vanto hai, l’ordin mi narra;
Nè dubitar, che il suon mi giunga incerto,
     Perchè l’orecchio mio dai serpi orrendi
     189A pietà chiuso è a crudeltade aperto.
E il lordo Angelo a lui rispose: Ah! prendi
     Dai mesti detti miei duro argomento
     192D’ira e trionfo no, ma scorno attendi.
Degli antichi odj armato, e d’ardimento
     Agli odj eguale io dalle labbra immonde
     195In lei spirai l’imputridito vento,
Per cui dove il vitale umor s’asconde
     Maligno seme infusi, e tutte resi
     198Del tosco mio le interne vie feconde.
S’ottenebràro i dolci occhi, e rappresi
     Da febbrifero ghiaccio i nervi diéro
     201Inordinato corso ai succhi offesi.
Ben Luisa avvampando in ardor fiero,
     Che le struggea fin l’intime midolle.
     204Della sua certa morte ombrò il pensiero,
E inquieta di sè, men che del molle
     Scopo degli amor suoi, tai voci sciolse,
     207Che tristamente acceso il cor dettolle:
Lassa! perchè l’amor mio, che m’avvolse
     In sì tenere fiamme, ei stesso lunge
     210Dal caro obbietto i passi miei rivolse?
S’ei l’Alme dai pensier gravi disgiunge,
     Come ingombrò della ragion del Regno
     213La mia, che amata indarno ama or da lunge?

[p. 196 modifica]

Sì ch’io credei di rara fede un pegno
     Sciorme dal fido Sposo, e di lui farme
     216Presso al gran Padre mio scudo e sostegno.
Or chi potrà viva un’immagin darme
     Del mio Real Consorte, o con un lieve
     219Sogno dinanzi a lui misera trarme?
Conforto a me fra la procella greve
     De’ mali miei fora un sol guardo, e un solo
     222Accento suo, benché sognato e breve.
Ei non presago di cotanto duolo
     Le impresse in carte forse attende e spera
     225Amiche note dal mio patrio suolo:
Ma oimè! ch’altra vedrà squallida e nera
     Lettera nunzia d’immaturo fine
     228Segnata a lutto da funébre cera.
Con quai d’acerbo affanno acute spine
     Trafiggerallo Amor, che forze piglia
     231Quanto più avvien, che nel martìr s’affine!
Qual rimarrà la sconsolata Figlia
     Nel punto infausto, e quanta fonte amara
     234Le pioverà dalle pietose ciglia!
Ah di me parte sfortunata e cara!
     Io già t’avea pel marital tuo letto
     237Destata face oltre ogni lume chiara,
Per cui fra quanti eletti fùr più eletto
     Vincol di sacro Amor te stringa, e aduni
     240Gloria e delizia nel pudico petto;
Or poiché Morte i fiori cangia in pruni,
     Del nuzìal serto gemmato in vece
     243Vestirai l’atre lane e i veli bruni.
Deh! qual mio voto, o lagrimevol prece
     Impetra a me, che con le mie t’annodi
     246Braccia, finché piegarle ancor mi lece?

[p. 197 modifica]

E fra i materni e i tuoi teneri nodi,
     Oh che dolce atto! dall’ingrate some
     249Del corpo mio l’Anima mia si snodi.
Qui replicando un lamentevol Oh me
     Infelice! sonar misto col pianto
     252Fé’ di Filippo e d’Isabella il nome.
Allor ch’io scorsi in lei fremer cotanto
     I moti del cor mesto, entro cui giunsi
     255Di sua costanza a render dubbio il vanto,
Col sangue incenditor stimol congiunsi,
     E le increspai le fibre, ed ai soavi
     258Liquidi pania infiammatrice aggiunsi,
Che in lor confili gli arteriosi cavi
     Tubi ingombrando svaporar ne feo
     261Le parti levi, e infracidò le gravi.
Ben vano ai voti miei pinsi trofeo,
     Che furore malnato ella nudrisse
     264Ne’ doppj affanni intollerante e reo,
E che avversa al voler di chi prescrisse
     Al corto viver suo termin sì duro
     267Fra le ribelli voglie alfin perisse.
Ma i voti al ver troppo contrarj fùro.
     Essa anzi, come ferro in su l’incude,
     270Che fra le vampe e i colpi esce più puro,
Obbliò quei, che il sen di Madre chiude,
     E di Consorte affetti; e quest’obblìo
     273Non di mente torpor fu, ma virtude:
Grazie rese a’ suoi mali, e con desìo
     Da Fede spinto a Cantate e a Speme
     276A Dio si strinse, e tranquillossi in Dio,
Quindi pien d’ira e duol, che m’arse insieme,
     Abbandonai la gangrenata salma
     279A te, cui cura è tua nell’ore estreme

[p. 198 modifica]

Dal moribondo fral divider l’Alma.
     Tu la sciogliesti, è ver: ma come ascrivi
     282A pregio tuo l’inonorata palma,
S’io stesso vidi in mezzo a lampi vivi,
     D’insolito fulgor da quelle guaste
     285Membra lo Spirto alto volar fra i Divi,
Che oltrepassando le serene e vaste
     Sfere sonanti fe’nella sua gloria
     288Maravigliar di sè l’anime caste?
Or se rivolgi in te sì amara storia
     Del suo valor, che il nostro ardir derise,
     291Dov’è la mia, dov’è la tua vittoria?
Con tai detti, che tronchi odio fuor mise,
     Ei capovolse la bandiera, e bieco
     294Morse le labbra avvelenate, e strise.
Replicò il Duce allor: Abbiasi seco
     Luisa i suoi trofei, chè non men grande
     297D’altre spoglie è l’onor, ch’io traggo meco.
Forse a te ignote son l’opre ammirande
     Di questa man, che, benché un colpo mostri
     300Unico, strage immensa intorno spande?
Non ti rammenti più gli orribil mostri
     Seguaci miei, gli sdegni, e i disperati
     303Gemiti in parte assomigliati ai nostri?
Essi dal turbin, ch’ io destai, portati
     Queste assalìro Itale genti offese
     306Dal tristo suon di sì lugubri fati;
Che queste in tanto danno, ancor che tese
     Spieghi Luisa al Ciel l’invitte penne,
     309Miran donde partì, non dove ascese.
Tu in breve udrai, che quando il feral venne
     Nunzio di morte alle Parmensi piagge,
     312Gli angosciosi sospir nullo ritenne;

[p. 199 modifica]

Che di virtù le armate Alme più sagge
     S’arreser vinte alla dogliosa immago,
     315Ch’ogni conforto al lagrimar sottragge:
Ch’altri accusò l’eterno ordin non pago
     De’ mali, cui l’uman germe soggiacque:
     318Ch’altri la vita di lasciar fu vago.
Chè benché ubbidiente a quel che piacque
     A Dio, pur presso al Genitor confuso
     321Muta Isabella e inconsolabil giacque.
Silenzio, solitudine, e diffuso
     Fremito, e pianto saran degni frutti
     324Dell’opra, onde ti lagni esser deluso.
Rialza lo stendardo, è sovra tutti
     Gli allori tuoi vantati sol che or deggia
     327Italia a te le sue sventure e i lutti.
Gl’immondi Spirti, e la crudel, che ondeggia
     Lor voce sparsa per que’ campi aperti,
     330E il portamento, che il parlar pareggia,
S’eran così terribilmente offerti
     Ai sensi miei, che mi parea, che questi
     333Fosser fra il sonno e la vigilia incerti.
Quando a fugar gli orridi obbietti e mesti
     Dal fulgido oriente uscì tal voce:
     336O tu, che dell’inferne Ombre scorgesti
Il vil trofeo, che al vantator sol nuoce,
     Mira, come gli altrui danni in trionfi
     339Provvidenza ed Amor cangia veloce.
Là dove in cerchio avvien che si rigonfi
     L’aere percosso dal novello suono,
     342Io girai gli occhi di lagrime gonfi;
E dopo udito un minaccievol tuono,
     Che l’Ombre sgominò, presso me vidi
     345Mitrato il capo un Uom che disse: Io sono

[p. 200 modifica]

Spirto di pace Ilario; e da que’ nidi
     Beati, donde fia che si disserre
     348Grazia su voi, discendo in questi lidi.
Nelle rimote Pittavensi terre
     Fui già sacro Pastor, e del nemico
     351Cesare a Pier soffrii l’onte e le guerre:
Esule dalla greggia errai mendico
     Fin di Frigia ai confini, e nell’esiglio
     354Questo ebbi a me Popol cotanto amico,
Che qual padre risguarda amato figlio;
     Tal in Cielo, ove ai pii Dio serba il loco,
     357Coi voti aìta a lui presto e consiglio.
Nel fin delle parole a poco a poco
     Lustrò il volto di rai, che intorno sparsi
     360Lambìr le bende con leggiadro foco.
Cominciò allor subitamente a farsi
     Il mio cor lieto, e le dogliose stille
     363Spinte indietro ne’ miei lumi a stagnarsi;
Ma in mover le risposte a me rapille
     Strana, e oltre modo Visìon sublime,
     366Che vincitrice entrò nelle pupille.
Chiare, infinite con brillanti cime
     Càdder liste scoppiando in fiocchi e sprazzi,
     369Né questi, o quelle fùr seconde, o prime,
Qual se all’ingiù mille sulfurei mazzi
     Di festevoli fochi ardendo in uno
     372Formasser pioggia d’infiniti razzi.
Alle splendenti strisce, onde il già bruno
     Vespertino aere pien meriggio féssi,
     375Non parve fra gli Spirti iniqui alcuno
Di tema scarco. Pria con moti spessi
     Tremolar l’aste, e l’implacabil Guida
     378Coperse gli occhi dal fulgor oppressi;

[p. 201 modifica]

Poi tutta insiem la turba al Cielo infida
     Sparve dentro a caligin improvvisa,
     381E la caligin suonò d’urli e strida.
Ed ecco un carro aspro di gemme, e in guisa
     Di gloriosa pompa e trionfale,
     384E sovra il carro eterna Donna assisa.
Cinta è da manto inargentato, quale
     Di colma luna avvien, che il disco allumi;
     387In cui tinti da man d’arte immortale
Splendon uomini e belve, e in varj lumi
     La notte, il giorno e la nascente aurora,
     390E quanta terra abbraccian mari e fiumi.
Grave pensoso ha il viso, e ad ora ad ora
     Rifolgora seren; ch’alto sospesa
     393Fiamma triangolare il crin le indora.
Un occhio a par di viva stella accesa
     Le irraggia il sen: l’eburnee dita strette
     396Della sinistra arcata in parte e stesa
Tien su libro fatal chiuso da sette
     Infrangibil sigilli, in cui l’impresso
     399Divino Agnel l’immagin sua riflette.
Piega ella il destilo braccio e su convesso
     Scudo l’appoggia: tra fulminee strisce
     402Chi è forte a par di Dio? leggesi in esso.
La mano un vaso in rovesciar largisce
     Rorido umor, che per le fibre gira
     405D’ogni terreno germe, e lo nudrisce.
Niuna o queta belva, o indocil tira
     L’augusto carro vincitor dei venti,
     408Chè spirito motor le rote aggira.
Cento e più legion di Spirti intenti
     Della provvida Donna al cenno, e pronti
     411Mostra ampia fean d’innumerabil genti:

[p. 202 modifica]

Altri custodi eletti ai laghi e ai fonti
     Dolci, altri alle salse acque, altri alle valli
     414Erbose, ed altri ai boschi opachi e ai monti:
Altri ai marmi, alle gemme ed ai metalli,
     Altri agli astri, e all’insolite comete
     417Igneo-crinite su gli eterei calli;
Ma tutti in tai fogge e sembianze liete,
     Che diffondesi il lor gaudio, e penétra
     420In petto anche mortal per vie secrete.
Qual Uom, cui scena di prigione tetra
     In reggia aurea cangiossi, immobil guarda
     423Sì, che non par vivo, ma sculto in pietra;
Tal io, cui stupor subito ritarda
     De’ nervei succhi il giro, ebbi la mente
     426Dal vago obbietto a desviarsi tarda.
Scosso il torpore alfin corse il fervente
     Gioir mio su le labbra, ed al vicino
     429Pastor, che in me tenea le luci intente,
Dissi: Maraviglioso, alto, divino
     Obbietto il pensier vince, e insiem lo rende
     432Pronto ad accorre immagin tanta, e fino.
Scorgo, che Provvidenza amica splende
     Visibilmente in quel gemmato seggio
     435Chiara de’ raggi eterni, onde s’accende,
E le Angeliche man ministre io veggio
     Del provvido in natura ordin, che move
     438Mare, aria, cielo e terra. Or io ti chieggio,
Che un sol desìo m’ appaghi, e fra sì nove
     Sembianze una m’additi. E chi è colei,
     441Che dai bruni occhi tanta luce piove,
E ad or ad or fisi li tien ne’ miei?
     E donde avvien, ch’ ella precorra il moto
     444Del carro, che non segue altri che lei?

[p. 203 modifica]

Ed egli a me: Dunque d’un volto noto
     Così l’antica effigie a te si vela,
     447Che a me la chiedi, qual ti fosse ignoto?
Non raffiguri più Luisa? Ah! svela
     Al tuo pensiero con memoria viva
     450Le forme sue, che il tuo stupor gli cela.
Ai caldi voti suoi fia, che s’ascriva
     Quanta su questo suol grazia diffonda
     453Colei, che il tutto crea, nudre ed avviva
Essa lei guida alla Parmense sponda,
     Perchè versando su i lugubri affanni
     456Più larghi i doni suoi morte confonda.
Lieto allora gridai: Tu non m’inganni,
     O avventurata Visione. È dessa
     459La Donna forte, che i terreni danni
Cangiò in quel pien goder, di cui la stessa
     Divinitade è paga. Oh quanta pace
     462Colma d’immenso amor traluce in essa!
Il cocchio dietro l’orme sue seguace
     Presso noi arrestossi, ove finìa
     465Nel bosco il prato, che alidito giace;
E Provvidenza schiuse allor la via
     Ai sovrumani accenti; e al suono eterno
     468Rifiorì l’erba, che smorta languìa.
Poiché mio, disse, è il regno ed il governo
     Delle create cose, io veglio sopra
     471Quell’ordin, che le guida al fin superno,
Per cui la gloria mia somma si scopra;
     Ch’io nacqui pria che il cielo e il tempo fosse
     474Da ragion creatrice, e attiva in opra:
Io riempio di me le tenui e grosse
     Parti del tutto, e le conforto, e movo
     477Verso là dove Dio già pria le mosse:

[p. 204 modifica]

Io nell’intelligenti Alme rinnovo
     La lor calcolatrice interna forza
     480Libera sì, come in me stessa io provo:
Né il raggio mio, che la ricrea, s’ammorza.
     Benché partito in infinite forme,
     483Perché principio eterno lo rinforza.
Ben paventa l’uom vil, ch’io mi trasforme
     In cruda madre, qualor scemo, o tolgo
     486Il gaudio a’ suoi desir terrei conforme;
Pur di pietade allor, non d’ira accolgo
     Provvidi in me pensieri, e tal mi rendo
     489Per render largo più, quant’io ritolgo.
Tu, Luisa, tel sai, tu, che all’orrendo
     Affanno tuo mortal dei quell’immensa
     492Letizia, onde t’inebbrj ov’io più splendo;
Ma questo Popol tuo doglioso pensa
     A te, che lo lasciasti, e in trista piagne
     495Notte d’amare tenebre condensa.
Tempo è, che i tuoi trìonfi egli accompagne
     Con vivo plauso, e il mio poter adori,
     498Che l’empie arti d’Averno assale e fragne.
Mira: ecco Amor, che sacri a me duo cori,
     Qual bramasti, annodò. Mira qual bella
     501Pompa i tuoi voti, e la tua morte onori.
Tacque, e con face sfavillò novella
     Un sembiante viril, che scender parve
     504Volando in mezzo a fiammeggianti anella,
Qual di Saturno a chi guardollo apparve
     Cinto il pianeta da variante cerchio
     507Or chiaro, or bujo, ove il sol arse, o sparve.
Ei movea sotto ad un leggier coperchio
     Di fior leggiadri dalle bianche spalle
     510D’Angioli retto in aria al voi soverchio.

[p. 205 modifica]

Altri a lui presso nel liquido calle
     Danze tessean passo cangiando e luogo:
     513Spargean altri ghirlande azzurre e gialle:
Altri fean mostra d’un cor dentro al rogo
     D’Amor consunto, altri d’un aureo nodo,
     516Ed altri d’un sottile eburneo giogo.
Ripetean queste con soave modo
     Voci d’applauso: A te gloria e virtute,
     519O conjugale Amor, che l’onta e il frodo,
E del profano Amor la servitute
     Volgi in puro piacer; che tal hai possa
     522Da quel Sangue, che all’Uom recò salute.
La volatrice Schiera in giuso mossa
     Calcò il pian verde, in cui Luisa stava
     525Da novitate sì gentil commossa,
E il vago Condottier, che altrui mostrava
     Nella sua destra un cor fatto di duo
     528Stretto da laccio, che l’orna, e nol grava,
A lei portossi, e disse: Il lume suo
     Sparga Colui, dalle cui piaghe io nacqui,
     531Sul vincol casto, e lo rassembri al tuo;
Ma in lunga etate il serbi. Io dacché giacqui
     In te, come in mio bel nido, non mai
     534D’altra fé marital sì mi compiacqui;
E quando Morte i tuoi spense, e i miei rai
     Tentò annebbiar, un nodo in mente io volsi
     537Eguale al tuo, ch’oltra gli eletti amai.
Or quanta grazia beatrice sciolsi
     Sovra mille Alme amanti, in queste avvinte
     540Dal lieve giogo mio tutta raccolsi.
Queste da Dio, benché di corpo cinte,
     Fùr tra la turba degli Spirti umani
     543Con più illustre natura ancor distinte;

[p. 206 modifica]

E queste ai noti fien ed agli strani
     Popoli alto argomento, onde si nomi
     546Il valor mio ne’ lidi, e mar lontani.
Su l’innesto dei duo cor arsi e domi
     Scorgi la gloria mia, d’Austria la spene,
     549Gioseffo ed Isabella augusti nomi;
Guarda su le stellifere catene,
     Che gli stringono insiem, le amiche sorti,
     552Che lor serba Costei, che in man le tiene.
Oh come in mezzo alle sanguigne morti
     Dolce subbietto avrà Teresa invitta,
     555Che le guerriere sue cure conforti!
Qual del saggio Francesco entro la dritta
     Ragion letizia sorgerà presaga
     558D’aurei destini alla Germania afflitta!
Non più del pio Filippo tuo la vaga
     Mente di pianti e di sospir lugubri
     561Coi foschi obbietti inasprirà la piaga.
Rivestiran pomposamente rubri
     Serici fregi a fimbrie d’oro e a liste
     564Le scure pria pel lutto are e delubri;
E là volto in festoso il canto triste
     Renderà Esperia a te, che il Mondo reggi,
     567Donna del ciel, grazie fra gl’inni miste.
Ma tu soggetta un tempo alle mie leggi
     Sculto sul laccio dell’alterna fede
     570Mira d’Austria e d’Italia il fato, e leggi.
In così dir le nuziali tede
     Scosse, e a Luisa il doppio core offerse
     573Di sì felici alti presagi erede:
Ed ella poiché in quello a mille scerse
     Nipoti il preparato onore inciso
     576Di sereno gioir la fronte asperse,

[p. 207 modifica]

E con tal grazia d’un leggier sorrìso
     Segnò le labbra sue, che non più certa
     579Di gaudio immagin mai diè più bel viso.
La fatal notte de’ superni aperta
     Decreti in essa ad affisarsi trasse
     582L’eterea schiera a svilupparli esperta;
Che in quelle sorti eccelse, appo cui basse
     Fùr quante a virtù rara Amor consacre,
     585Fra stupor e piacer parve che stasse.
Ah! perchè a me dato non fu le sacre
     Tenebre penetrar? Come in robusto
     588Cangiato avrei lo stil selvaggio ed acre,
Sì, che or vedrìa ne’ miei carmi il vetusto
     Suo lume vinto dal fulgor novello
     591L’Augusta Donna del Consorte Augusto.
Pur quel, che da cotanta ombra io divello
     Fausto segno all’età nostra si schiuda.
     594Mirai fuor del chiarissimo drappello
Gli Angioli d’Austria e Gallia, ambo di cruda
     Lorica armati, infra le accese faci
     597Da fiamma d’ogni fumo impuro nuda
Guidar l’Angiol d’Italia, e con veraci
     Pegni di fé stringer d’Amore i fianchi,
     600Ed alternar sul santo volto i baci.
Mentre con occhi umilemente franchi
     Leggean que’ Spirti entro i destin futuri,
     603Nè in meditarli sazj eran, né stanchi,
Io, cui d’Amor sembràro in parte oscuri
     I sensi, sclamai volto alla mia scorta:
     606Chi fia, se tu non sei, quel, che assecuri
I pensier miei? Detto, che udii, m’apporta
     Dubbio alla mente. E v’hanno Anime quali
     609Testè le pinse Amor dentro l’attorta

[p. 208 modifica]

Ad esse fragil carne in naturali
     Pregi da Dio distinte? E non son tutte
     612L’Alme di lor natura umane eguali?
Ei mi rispose: Da ragion produtte
     Onnipossente fùr le cose, ovunque
     615Sono, e in sé stesse a mostrar lei ridutte;
Così che immenso il poter suo, quantunque
     Vinca d’assai gli umani alti pensieri
     618Nell’opre, ch’essa feo, veggi chiunque.
Quindi ella innumerabili, leggieri,
     Gravi, liquidi, duri, opachi, e lustri
     621Di raggi, e vivi, e inerti al moto veri
Corpi non sol formò, ma Spirti illustri
     Per immagin divina a lei simili
     624Nel ragionar liberamente industri.
Or se tu gli animai mediti o vili,
     O pregievoli in terra, o in acque erranti,
     627E le ramose piante, e l’erbe umìli,
Comprenderai quanto sian varj, e quanti
     Moti, aspetti, e colori abbian diversi,
     630Che malagevol fia distinguer tanti.
Che in lor specie fan varj anche vedersi;
     Talché appieno non mai destrier somigli
     633Un altro, e mai sparvier coi vanni aspersi
Di piume altro sparviero, e non mai gigli
     Pareggin gigli, e a foglia egual sia foglia,
     636O molle s’apra, o secca s’attorcigli.
Né fra gli uomin conforme è la lor spoglia
     Frale, onde scorga ognun quinta in tant’opre
     639Varietate magnifica s’accoglia:
Se Dio tal fermo in variar ti scopre
     Ordin su terree masse, e perchè neghi,
     642Che su immortali forme egli l’adopre?

[p. 209 modifica]

E donde avvien, che ad ammirar ti pieghi
     Cotanta largitate, e poi t’infingi
     645Di non intender, che l’accorci e leghi,
Mentre il Poter altissimo ti pingi
     Sì fecondo ne’ corpi, e negli Spirti
     648Scelti a conoscer Lui lo scemi e stringi?
Nè paventar, che in nebbia atra, e fra sirti
     Dubbie tua mente il parlar mio riduca;
     651Chè tu puoi da te stesso il vero aprirti.
Pensa, che l’arti tutte, in cui riluca
     Vigor d’ingegno, fùr pria d’ogni norma
     654Scritta, che ad acquistarle altri conduca;
Onde forz’è, che l’inventrice forma
     Splendesse in alma non vulgar, che ignota
     657Via scoprì senza condottiero ed orma.
Tu pur vedesti del saper la nota
     A pochi fonte ampia sgorgar da incolti
     660Spiriti, ove apparir dovea più vota,
Che da rozzezza e povertade involti
     Nulla appreser da quei, che dopo acerbi
     663Studj, e lungo vegliar divenner colti,
Se il meditar sublime, o ignobil serbi
     Del cerebro a robusta, o a debil fibra,
     666Per cui ragion o si rinforzi, o snerbi,
Tu allo strumento dai, ch’offre e non libra
     Le immagin, quell’onor, di cui ti provi
     669L’Alma spogliar, che in sé le avviva e cribra;
Che non ponno corporei obbietti, o novi,
     O antichi invader l’Anima, se questa
     672Le forme lor in sè pria non rinnovi.
Or tal riproduttrice o pigra, o presta
     Virtù, che spirto è sol, negli uomin vari
     675Varia per l’opre lor si manifesta;

[p. 210 modifica]

Quindi argomenta, che in natura chiari
     Pregi distintamente illustran l’Alme,
     678E che non tutte in pregio egual son pari.
Mentr’ei diceva, le tacite calme
     Dell’aria agitò suon grande e canoro;
     681E il suono accompagnàro allori e palme,
Di cui gli Angeli fér pompa fra loro,
     Sciogliendo questo di compiuta lode
     684Lieto inno insiem l'innumerabil Coro:
Grazie a costei, che dal mirabil ode
     Carro d’eterna maestate adorno
     687Gli umani voti, e di risponder gode
Con doni a piene man sparsi dintorno,
     Chè tal di lauri ella prepara onore
     690Della pia Coppia ai fortunati uu giorno
Figli ed Eroi. Grazie ad Amor, che un core
     Solo di due compose; e i fonti, i colli,
     693Le valli replicàr: Grazie ad Amore.
Io i sensi avea sì per letizia molli
     Fra le sembianze Angeliche e le voci,
     696Che allor non sol credei morir, ma il volli.
Già il diradato sangue in più veloci
     Moti rigurgitando al petto contra
     699Parea squarciarne le ristrette foci;
Quando Luisa pose argin incontra
     Al sommo gaudio, e il suo nel mio fisando
     702Cerchio, che in sé la Visìon rincontra,
A parlar prese: Io pienamente amando
     Quel Ben, che una beata Anima sugge,
     705Benchè ad ogni desìo terren dia bando,
Pur provo, che il pensier la mia non fugge
     Conjugal fiamma, perchè il ben, che ottenni,
     708Sublima il casto amore, e non lo strugge.

[p. 211 modifica]

Or, poiché avvinto alla memoria tenni
     Te, che all’estinta mia Germana offristi
     711Le rime, onde i miei pianti io non ritenni,
Sprono te, che la mia gloria scopristi,
     A pianger vivi di Filippo ai guardi
     714Questi obbietti da altr’uom non pria mai visti.
Digli, che il freddo mio cener non guardi,
     Se non con dolce invidia, e al Regno aspiri
     717Di luce, ov’ei mi rivedrà; ma tardi.
Che se dato al tuo piè fia che s’aggiri
     Là ’ve Isabella in fra i silenzj tetri
     720Di gemiti si pasce e di sospiri,
Taci, né forza ardisci far con metri
     Festosi al lutto suo. Lascia, che chiegga
     723Stanca dal duol chi tregua al duol le impetri.
Tu armato allor di quanto avvien che regga
     I vati igneo vigor, dille, che spogli
     726Le ingrate cure, e ne’ tuoi carmi legga
Quel, che per lei fausto destin disciogli:
     Poi grida: Oh troppo cara a Dio! non lenta
     729L’ora a te vien, che d’altro amor t’invogli:
E tu ad Amor t’arrendi, e della spenta
     Madre, e pronuba tua non più la tomba
     732Muta, ma l'opre e la mercè rammenta.
Fin pose ai detti, e voce udii, qual tromba
     Armoniosa in raddoppiati squilli,
     735Che d’Austriaci trofei mista rimbomba,
E di sacri a Teresa ozj tranquilli.
     Nè ai lustri, che verranno, io questi innarro,
     738Perchè a me il Ciel oscuramente aprilli,
Cogli Spirti felici allora il carro
     Divin levossi, e su la valle bassa
     741Rifolgorando, in men di quel ch’io il narro,
Svanì, qual lampo, che illumina e passa.

[p. 212 modifica]

ANNOTAZIONI


ALLA DECIMA VISIONE.




P. 194. Come in queste soggette a lei contrade ec.

Anche i Demonj conoscono la virtù, e sono costretti a lodarla, benché l'odiano in chiunque si trova. Non dee perciò recar maraviglia, se l'Autore fa che l'Angelo della Morte racconti distintamente agli altri Demonj le virtù della defunta Principessa, volendo quindi trarne motivo di vanto e di diabolica contentezza, per aver messo a morte l'Infanta Luigia, e avere spento in lei il chiaro lume delle odiate sue virtù. Il discorso passa familiarmente e in secreto tra lui e gh altri Demonj.


A prova ancor più sicura e certa di quanto asserisce l'Autore circa i diversi pregi dell'anime, abbiamo l'esempio del celebre Ingegnere Bartolommeo Ferracino, nomo di bassissima estrazione, senza coltura veruna di lettere, ne di studj, il quale nondimeno è riuscito mirabile sino dalla sua tenera età nelle invenzioni meccaniche, di semplicità insieme e sodezza singolare, come fede ne fanno, tra le altre sue opere, il famoso Ponte di Bassano, e la macchina Idraulica del Signor Cavaliere Belegno.


P. 195. Degli antichi odj armato, e d'ardimento
Agli odj eguale io dalle labbra immonde
In lei spirai l'imputridito vento ec.

Qui cade in acconcio d'osservare, che gli Ebrei anticamente erano persuasi, che quasi tutte le malattie incurabili e sconosciute fossero cagionate dal Demonio. E infatti veggonsi nell'Evangelio parecchj epilettici, [p. 213 modifica]sordi, muti, lunatici, maniaci realmente posseduti da qualche Demonio; e non sì tosto Gesù Cristo o i suoi Apostoli scacciato aveano il Demonio, che il malato era guarito. Ci vien parlato d'un Demonio muto, d'un altro che difficoltosamente parlava, d'un uomo posseduto dallo spirito della infermità. E San Paolo dando in balia di Satanasso l'incestuoso di Corinto, dice, che l'abbandona a questo nemico: Ad Inter itum carnis. Ragionando San Marco delle malattie del corpo, chiamale ordinariamente flagelli mandati da Dio.

Questo sentimento è tolto dalla Dissertazione sopra la Medicina degli antichi Ebrei, del Padre Abate Agostino Calmet, tomo II stampato in Lucca per Sebastiano Domenico Cappuri.