Vite dei filosofi/Libro Nono/Vita di Diogene appoloniate

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro Nono - Vita di Diogene appoloniate

../Vita di Protagora ../Vita di Anassarco IncludiIntestazione 27 luglio 2022 75% Da definire

Diogene Laerzio - Vite dei filosofi (III secolo)
Traduzione dal greco di Luigi Lechi (1842)
Libro Nono - Vita di Diogene appoloniate
Libro Nono - Vita di Protagora Libro Nono - Vita di Anassarco

[p. 292 modifica]

CAPO IX.


Diogene apolloniate.


I. Diogene di Apollotemide, uom versato nelle fisiche ed assai celebre, era apolloniate. Al dire di Antistene udì Anassimene; e fu a’ tempi di Anassagora. Esso, scrive Demetrio falereo, nell’Apologia di Socrate, per poco non pericolò in Atene a cagione della molta invidia.

II. Esso credeva queste cose: Essere elemento l’aria, i mondi infiniti ed infinito il vuoto. — L’aere, addensandosi e rarefacendosi, essere il generatore del mondo. — Nulla generarsi da ciò che non esiste, nulla, in ciò che non esiste, distruggersi. — La terra rotonda, fissa nel mezzo, aver ricevuto consistenza dal caldo, per la periferia, e solidità dal freddo. — Così comincia il suo libro: Al principio di ogni discorso parmi che sia mestieri offerire un principio, cui nessuno metta in dubbio; e che la dizione sia semplice e grave.