Volvol te levi, vecchia rabbiosa

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Guido Guinizzelli

XIII secolo V Sonetti duecento Volvol te levi, vecchia rabbiosa Intestazione 12 settembre 2008 75% Sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Volvol te levi, vecchia rabbiosa,
e sturbignon te fera in su la testa:
perché dimor’ha’ in te tanto nascosa
che non te vèn ancider la tempesta?

5Arco da cielo te mandi angosciosa
saetta che te fenda, e sia presta:
che se fenisse tua vita noiosa,
avrei, senz’altr’aver, gran gio’ e festa.

Ché non fanno lamento li avoltori,
10nibbi e corbi a l’alto Dio sovrano,
che lor te renda? Già se’ lor ragione.

Ma tant’ha’ tu sugose carni e dure,
che non se curano averti tra mano:
però rimane, e quest’è la cagione.