Lettera a Francesco Paolo Frontini (9 aprile 1906)

Da Wikisource.
Mario Rapisardi

1906 L lettere letteratura Lettera a Francesco Paolo Frontini Intestazione 18 settembre 2008 75% lettere

Empty.png
Questo testo fa parte del "Progetto letteratura". Premi sull'icona per saperne di più.
Lettera a Francesco Paolo Frontini
1906

9 aprile 1906


Caro Frontini ,

Grazie dei nuovi fiori della sua feconda fantasia: me li sono goduti tornerò a godermeli, chè non mi pare sieno per appassire in un giorno.

Tutte le arti, mio caro, non soltanto la musica, vanno a rotta di collo verso il manicomio, che già spalanca i battenti a riceverli.

Rimaner fermo al suo posto, contro la furia della pazza corrente, è dovere di chiunque abbia per l'Arte per la gloria e per l'onore d'Italia un culto disinteressato e sublime.

Esplicare liberamente le proprie facoltà fra lo strepito d'avversi armeggiamenti e a dispregio della maligna fortuna, è soddisfazione che solo ai mediocri non basta.

Cristallizzarsi in una vecchia formola, no: sarebbe mulaggine; ma sacrificare il proprio Ideale, i propri sentimenti e il proprio stile à capricci effimeri della Moda, sarebbero viltà.

Guardi il genio di Verdi, sereno fra la gazzarra wagneriana; si andò rinnovando fino all'estrema vecchiaia, ma restò sempre lui, ed ora si gode beato la giovinezza immortale.

S'ispiri senza scoramenti, all'esempio dei grandi; scriva come il cuor le detta e lasci che ……….giri Fortuna la sua ruota, Come le piace, e il villan la sua marra

M.Rapisardi


Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Francesco Paolo Frontini.