Pagina:Il fu Mattia Pascal.djvu/58

Da Wikisource.

― 48 ―



― Fuori! ― mi gridò. ― Tu e tua madre, via! Fuori di casa mia!

― Senti, ― le dissi io allora, con la voce che mi tremava dal violento sforzo che facevo su me stesso, per contenermi. ― Senti: vattene via tu, or ora, con le tue gambe, e non cimentarmi più. Vattene, per il tuo bene! vattene!

Romilda, piangendo e gridando, si levò dalla poltrona e venne a buttarsi tra le braccia della madre:

― No! Tu con me, mamma! Non mi lasciare, non mi lasciare qua sola!

Ma quella degna madre la respinse, furibonda:

― L’hai voluto? tientelo ora, codesto mal ladrone! Io vado sola!

Ma non se ne andò, s’intende.

Due giorni dopo, mandata ― suppongo ― da Margherita, venne in gran furia, al solito, zia Scolastica, per portarsi via con sè la mamma.

Questa scena merita di essere rappresentata.

La vedova Pescatore stava, quella mattina, a fare il pane, sbracciata, con la gonnella tirata su e arrotolata intorno alla vita, per non sporcarsela. Si voltò appena, vedendo entrare la zia e seguitò ad abburattare, come se nulla fosse. La zia non ci fece caso; del resto, ella era entrata senza salutar nessuno; diviata a mia madre, come se in quella casa non ci fosse altri che lei.

― Subito, via, vèstiti! Verrai con me. Mi fu sonata non so che campana. Eccomi qua. Via, presto! il fagottino!

Parlava a scatti. Il naso adunco, fiero, nella