Pagina:Commedia - Inferno (Buti).djvu/7

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ALLA CORTESIA DEI LETTORI


GLI EDITORI




Le trecento edizioni sinora fatte della Divina Commedia di Dante Alighieri e il grandissimo numero di codici sparsi per tutta la colta Europa formano l’unico e migliore elogio che di un tanto poema si potesse giammai comporre: perciò in tanto spazio, e in tale novero d’uomini tornerebbe assurdo e si accosterebbe quasi alla stolidità il pensare che ciò sia stata una continuata illusione. La presente pubblicazione, che noi vi offriamo, appunto dopo cinque secoli e mezzo che in Italia fu conosciuta la prima cantica, speriamo verrà bene accolta dagli studiosi del sacro volume, come quella che al testo unisce un commento, il quale sebbene antico, mai per le stampe non era stato divulgato; e del quale non staremo a dire veruna parola di lode e perché a noi non aspetta, e perché da