Pagina principale

Da Wikisource.
Amanutondo3.png
Se vuoi iscriviti e impara cosa aggiungere qui. Rispetta le nostre linee di condotta.
Domanda liberamente al Bar o sperimenta nella pagina delle prove.
FAQGuida essenzialeAvvertenze generaliManuale di WikisourceGuida alla comunitàProgettiPortaliDonazioni
Videoguida di Wikisource
Video di introduzione a Wikisource. Se non lo vedi clicca qui
Testo in evidenza

Scarica in formato ePub Crystal Clear app kdict.png  Eva 100 percent.svg  di Giovanni Verga (1873), Milano, Fratelli Treves Editori, 1873

Giovanni-Verga.jpg
Avevo incontrato due volte quella donna — non era più bella di tutte le altre, nè più elegante, ma non somigliava a nessun’altra — nei suoi occhi c’erano sguardi affascinanti, come il corruscare di un’esistenza procellosa ch’era piena di attrattive. — Tutti gli abissi hanno funeste attrazioni, e quelle voragini che divorano la giovinezza, il cuore, l’onore, si maledicono facilmente, ahimè! quando arriva la filosofia dei capelli bianchi. — Era bionda, delicata, alquanto pallida, di quel pallore diafano che lascia scorgere le vene sulle tempie e ai lati del mento come sfumature azzurrine; aveva gli occhi cerulei, grandi, a volte limpidi, quando non saettavano uno di quegli sguardi che riempiono le notti di acri sogni; aveva un sorriso che non si poteva definire — sorriso di vergine in cui lampeggiava l’immagine di un bacio. Ecco che cosa era quella donna, quale si rivelava in un baleno, fuggendovi dinanzi nella sua carrozza come una leggiadra visione, raggiante di giovinezza, di sorriso e di beltà. — In tutta la sua persona c’era qualcosa come una confidenza fatta al vostro orecchio con labbra tiepide e palpitanti, che vi rendeva possibile il sognare le sue carezze, e farci su mille castelli in aria. Non era soltanto una bella donna — certe altezze non attraggono appunto perchè sono inaccessibili. — L’ammirazione che ella destava, assumeva la forma di un desiderio; c’era nei suoi occhi qualche cosa come un sorriso e una promessa, che faceva discendere la dea dal suo cocchio superbo, o piuttosto si metteva accanto a lei, e faceva correre il vostro pensiero alle cortine della sua alcova; e ai viali più ombreggiati del suo giardino.
Proposte
Ti interessa un testo, ma non è presente su Wikisource?
Antonello da Messina - St Jerome in his study - National Gallery London detail.jpg
Suggeriscici un libro!
Il canone della letteratura italiana:
per farsi un'idea della biblioteca che vogliamo costruire.

Ricorda che ospitiamo solo libri in pubblico dominio, cioè di autori morti da almeno 70 anni.

Citazioni
Le parole sono per i pensieri quel che è l'oro per i diamanti: necessario per metterli in opera, ma ce ne vuol poco.

Voltaire, Le sottisier

Altre citazioni di Voltaire su Wikiquote
Rilettura del mese

Aiuta Wikisource!
È sufficiente saper leggere
Barbolini - Beethoven 27%.djvu
La collaborazione del mese propone la rilettura di Beethoven 27% di Roberto Barbolini.Fior di Sardegnagennaio 2017

In alternativa scegli pure un testo a piacimento da quelli solo da rileggere, o al limite una pagina a caso! Ce n’è per tutti i gusti.

(Serve un aiutino?)
v · mUltimi arrivi

Ultimi testi riletti

Ultimi testi trascritti




v · mRicorrenze
Oltre Wikisource

Clicca sui logo per conoscere gli altri progetti liberi della Wikimedia Foundation.

Wikipedia   Commons   Wikibooks   Wikiquote   Wikinotizie   Wikizionario  
Wikiversità   Wikispecies   Meta   Wikidata   Wikivoyage