Portale:Autori

Da Wikisource.
Portale autori,
il punto di partenza per conoscere gli autori di Wikisource.

Cerca tra i 8928 autori    

Nuvola filesystems folder blue open.png Categoria: AutoriPortale portali  Nuvola apps noatun.png Portale autori 

Benvenuti nel Portale degli autori di Wikisource: da qui si può partire per muoversi tra le schede di tutti gli autori e leggere periodicamente approfondimenti su alcuni di essi: buona navigazione!


modAutore in evidenza
Portrait de Dante.jpg
Dante Alighieri (Firenze, 1265 – Ravenna, 13 settembre 1321) è stato un poeta, scrittore e politico italiano. È considerato il primo e più grande poeta della lingua italiana e per questo definito "il sommo poeta", o "il vate" (ovvero "il profeta").

Per aver tenuto a battesimo l'utilizzo letterario della lingua volgare viene anche considerato "Il Padre" della lingua italiana. La sua opera principale, la Divina Commedia, è il maggior poema della letteratura italiana ed è considerata uno dei capolavori della letteratura mondiale.


modDa autore ad autore
Arrigo Boito.jpg

Arrigo Boito, poeta e compositore, nel suo omaggio A Emilio Praga riporta la morale scapigliata che lo accomuna all'amico, e ora si ripiega in un lamento crepuscolare, ora prefigura le allucinazioni tipiche del simbolismo.

Carmi! poemi! liriche! ballate!
            Drammi! odi! canzoni!...
Vanità! Vanità! glorie sognate!
            Perdute illusïoni!
Non parliamone più; quelle rimorte
            Poniam larve in obblio...
I miei pensier vanno verso la morte
            Come l’acqua al pendio,
E te scendo le alture, a notte folta.
            Solo, nella caligine.
L’anima mia già crede esser travolta
            Dall’eterna vertigine.


leggi il resto...


modSapevi che...

...Cecco Angiolieri era ingombrante amico di Dante Alighieri a cui dedicò un paio di beffardi sonetti (il 101 e il 102)?

Dante Alighier, i’ t’averò a stancare;
ch’eo so lo pungiglion, e tu se’ 'l bue.

modImmagine in evidenza

 
Nel crudo sasso intra Tevero e Arno
da Cristo prese l'ultimo sigillo,
che le sue membra due anni portarno.


Dante Alighieri, Divina Commedia, Paradiso, XI.

San Francesco riceve le stigmate, olio su tela di Ludovico Cigoli, Galleria degli Uffizi, Firenze (1596).

 
Ney pié et nelle mano
et anche nel costato
apparve a mano a mano
Francesco allor signato;
così stimatizzato
se retrovò de fresco,
sì che veder Francesco
Cristo vedere paria.


Anonimo, Le Stimmate di San Francesco.

Aiutaci
Vuoi aiutarci a migliorare il Portale Autori? Vuoi suggerire un autore per metterlo in vetrina? Fai un salto nel retrobottega e troverai certamente la strada per farlo!