Portale:Autori

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Portale autori,
il punto di partenza per conoscere gli autori di Wikisource.

Cerca tra i 9601 autori    

Nuvola filesystems folder blue open.png Categoria: AutoriPortale portali  Nuvola apps noatun.png Portale autori 

Benvenuti nel Portale degli autori di Wikisource: da qui si può partire per muoversi tra le schede di tutti gli autori e leggere periodicamente approfondimenti su alcuni di essi: buona navigazione!


modAutore in evidenza
Marie Eléonore Godefroid - Portrait of Mme de Staël.jpg
Anne-Louise Germaine Necker, baronessa di Staël-Holstein (Parigi, 22 aprile 1766 – Parigi, 14 luglio 1817) è stata una scrittrice francese di origini svizzere.

Con il nome di Madame de Staël intraprese la carriera letteraria: un testo a favore della cultura tedesca le costò l'inimicizia di Napoleone Bonaparte e l'interdizione da Parigi. Stabilitasi sul lago di Ginevra continuò a scrivere: Nel gennaio 1816 si inserì nel dibattito in Italia fra classicisti e romantici pubblicando sul primo numero della 'Biblioteca Italiana' un articolo intitolato Sulla maniera e la utilità delle Traduzioni...


modDa autore ad autore
Carlo Michelstaedter.jpg
Carlo Michelstaedter ha sviluppato e approfondito nei suoi scritti alcuni temi delle Operette morali di Giacomo Leopardi. Nel proemio del suo scritto più significativo, La persuasione e la rettorica, egli sviluppa i temi affrontati nella filosofia leopardiana ponendone un singolare corollario .


So che voglio e non ho cosa io voglia. Un peso pende ad un gancio, e per pender soffre che non può scendere: non può uscire dal gancio, poiché quant’è peso pende e quanto pende dipende. Lo vogliamo soddisfare: lo liberiamo dalla sua dipendenza; lo lasciamo andare, che sazi la sua fame del più basso, e scenda indipendente fino a che sia contento di scendere. – Ma in nessun punto raggiunto fermarsi lo accontenta e vuol pur scendere, ché il prossimo punto supera in bassezza quello che esso ogni volta tenga. E nessuno dei punti futuri sarà tale da accontentarlo, che necessario sarà alla sua vita, fintanto che lo aspetti (ὅφρα ἂν μένῃ αὐτὁν) più basso; ma ogni volta fatto presente, ogni punto gli sarà fatto vuoto d’ogni attrattiva non più essendo più basso; così che in ogni punto esso manca dei punti più bassi e vieppiù questi lo attraggono: sempre lo tiene un’ugual fame del più basso, e infinita gli resta pur sempre la volontà di scendere. – Che se in un punto gli fosse finita e in un punto potesse possedere l’infinito scendere dell’infinito futuro – in quel punto esso non sarebbe più quello che è: un peso. La sua vita è questa mancanza della sua vita. Quando esso non mancasse più di niente – ma fosse finito, perfetto: possedesse sé stesso, esso avrebbe finito d’esistere. – Il peso è a sé stesso impedimento a posseder la sua vita e non dipende più da altro che da sé stesso in ciò che non gli è dato di soddisfarsi.

Il peso non può mai esser persuaso.


Leggi il resto....


modSapevi che...

...Giacomo Leopardi, nelle rare occasioni in cui lasciava Recanati, portava con sé opere di autori diversi per migliorare la conoscenza delle lingue straniere, come lo spagnolo di Miguel de Cervantes e del suo Don Chisciotte? Del Castigliano apprezzava la genialità nel condannare i costumi dei suoi contemporanei e l'uso puntuale del linguaggio, citato spesso in diverse pagine filologiche dello Zibaldone e nei Pensieri:

Se avessi l'ingegno del Cervantes, io farei un libro per purgare [...] l'Italia, anzi il mondo incivilito, [...] dal vizio di leggere o di recitare ad altri i componimenti propri: [...] nei tempi addietro fu una cosa rara; ma oggi che il comporre è di tutti, e che la cosa più difficile è trovare uno che non sia autore, è divenuto un flagello, una calamità pubblica, e una nuova tribolazione della vita umana.
modImmagine in evidenza
La partenza fu nella notte tra il 25 ed il 26 marzo. Ci fu permesso d'abbracciare il dottor Cesare Armari nostro amico. Uno sbirro c'incatenò trasversalmente la mano destra ed il piede sinistro, affinché ci fosse impossibile fuggire. Scendemmo in gondola, e le guardie remigarono verso Fusina.

Silvio Pellico, Le mie prigioni, Cap. LV.

La notte del 26 marzo 1822, olio su tela di Carlo Felice Biscarra, Casa Cavassa, Saluzzo. Si tratta della notte in cui Silvio Pellico e Piero Maroncelli vennero trasferiti dalla prigione dei Piombi (Venezia) alla fortezza dello Spielberg (Brno)
Ivi giunti, trovammo allestiti due legni. Montarono Rezia e Canova nell'uno; Maroncelli ed io nell'altro. In uno dei legni era co' due prigioni il commissario, nell'altro un sottocommissario cogli altri due. Compivano il convoglio sei o sette guardie di polizia, armate di schioppo e sciabola, distribuite parte dentro i legni, parte sulla cassetta del vetturino.

Essere costretto da sventura ad abbandonare la patria è sempre doloroso, ma abbandonarla incatenato, condotto in climi orrendi, destinato a languire per anni fra sgherri, è cosa sì straziante che non v'ha termini per accennarla!


Silvio Pellico, Le mie prigioni, Cap. LV.

Aiutaci
Vuoi aiutarci a migliorare il Portale Autori? Vuoi suggerire un autore per metterlo in vetrina? Fai un salto nel retrobottega e troverai certamente la strada per farlo!