Pagina:Giuseppe Conti Firenze vecchia, Firenze 1899.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
34 Firenze Vecchia


dopo essere stato licenziato con gli altri ufficiali toscani dai francesi, si era messo alla testa dei rivoltosi aretini, illudendosi d’essere un condottiero d’eroi. La Sandrina, che montava un bellissimo cavallo bianco, aveva a destra il cavaliere Wyndham, il gran paciere inglese, e a sinistra il barbuto frate zoccolante del Monte San Savino, che tutti prendevano per un cappuccino, essendosi lasciata crescer la barba onde dar più tono alla sua insipida fisonomia. Egli, di motu proprio s’era dato il titolo di cappellano dell’armata, per giustificare in qualche modo la sua presenza fra le bande, delle quali mostravasi degno, continuando a bestemmiare come un facchino. Il marito di quella specie di Giovanna d’Arco in caricatura, era in uniforme di capitano con l'elmo da dragone, avea una tunica piena d’alamari, ricami e galloni; le spalline dorate, ed il petto fregiato di medaglie d’ogni specie, croci e tosoni, come i giuocatori di prestigio o i ciarlatani d’un tempo. Pareva un di coloro che con gli specchietti vanno a caccia dell’allodole.

Poco dissimili dal condottiero erano gli ufficiali, adorni