Pagina:Il fu Mattia Pascal.djvu/282

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 272 —

tutto, là, a casa, abiti, libri... Il denaro, dopo il furto, l’avevo con me.

Ritornai sul ponte, cheto, chinato. Mi tremavano le gambe, e il cuore mi tempestava in petto. Scelsi il posto meno illuminato dai fanali, e subito mi tolsi il cappello, infissi nel nastro il biglietto ripiegato, poi lo posai sul parapetto, col bastone accanto; mi cacciai in capo il provvidenziale berrettino da viaggio che m’aveva salvato, e via, cercando l’ombra, come un ladro, senza volgermi addietro.