Pagina:Il fu Mattia Pascal.djvu/302

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 292 —


Salii gli ultimi scalini. Col cordoncino del campanello in mano, mentre il cuore mi balzava in gola, tesi l’orecchio. Nessun rumore. E in quel silenzio ascoltai il tin-tin lento del campanello, tirato appena, pian piano.

Tutto il sangue m’affluì alla testa, e gli orecchi presero a ronzarmi, come se quel lieve tintinno che s’era spento nel silenzio, m’avesse invece squillato dentro furiosamente e intronato.

Poco dopo, riconobbi con un sussulto, di là dalla porta, la voce della vedova Pescatore:

— Chi è?

Non potei, lì per li, rispondere: mi strinsi le pugna al petto, come per impedir che il cuore mi balzasse fuori. Poi, con voce cupa, quasi sillabando, dissi:

— Mattia Pascal.

— Chi?! — strillò la voce di dentro.

— Mattia Pascal, — ripetei, incavernando ancor più la voce.

Sentii scappare la vecchia strega, certo atterrita, e subito immaginai che cosa in quel momento accadeva di là. Sarebbe venuto l’uomo, adesso: Pomino: il coraggioso!

Ma prima bisognò ch’io risonassi, come dianzi, pian piano.

Appena Pomino, spalancata di furia la porta, mi vide — erto — col petto in fuori — innanzi a sè — retrocesse esterrefatto. M’avanzai, gridando:

— Mattia Pascal! Dall’altro mondo.

Pomino cadde a sedere per terra, con un gran tonfo, le braccia puntate indietro, gli occhi sbarrati:

— Mattia! Tu?!