Differenze tra le versioni di "Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/144"

Jump to navigation Jump to search
m
Casmiki: split
m (Upload from djvu.xml IA text)
 
m (Casmiki: split)
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 25%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
  +
salvo che a’patti con cui si restituiscono i prigionieri. Laonde la zia di Giovanni, la quale era ancor viva , tenevasi pronta a pagare pel riscatto del nipote due mila libbre d’argento. Saputo che Giustiniano ebbe come quella somma era stata trasportata a Dara, proibì che si convenisse oltre coi Barbari, dicendo non doversi le ricchezze de’ Romani di tal maniera dare a quelli. In quel frattempo Giovanni preso da malattia di languore morì; e il Governatore di Dara finse una lettera di Giovanni, come a lui suo amico di recente scritta, colla quale dichiarava erede il Principe di ogni sua sostanza, e questa essere l’ ultima sua volontà.
cusava di restiluire GioTaoni dalogli ^er sigurta, salvo
 
che a^patti con cui si restituiscono i prigioaieri. Laonde
 
la zia dl Giovanoi, la quale era ancor viva, tenevasi
 
pronta a pagare pel riscatto del nipote due mila libbre
 
dWgento. Saputo cbe Giustiniaoo ebbe come quella
 
sDmma era stata trasportata a Dara, proibl che si
 
▼coueaisse oltre col Barbari, dicendo non doversi le ric’
 
chezze de’ Romani di tal maniera dare a quelli. lu quel
 
frattempo Giovanni preso da malattia di languore mori^
 
e il Governatore di Dara finse una lettera di Giovanni,
 
come a lui suo amico di recente scritta, colla quale
 
didiiarava erede ii Principe di ogni sua sostsmza, e
 
questa eisere V ultima sua volonta’
 
   
  +
Ma è diffìcile dire di quante persone si facessero da sé stessi eredi. Prima che seguisse la sedizione altrove rammentata, di ciascheduno in particolare de’ Vittoriati ricchi essi si attribuirono i beni ; e quando quelli insorsero, confiscate in massa le facoltà di quasi tutte le persone dell’ordine senatorio, di esse tutta la suppellettile, e le possessioni migliori a loro arbitrio occuparono. Quelle poi chiamale decumane, soggette a gravissimi tributi, per una specie di umanità ai padroni restituirono, i quali, vessati dagli esattori delle gabelle, ed oppressi dalle continue usure a cui aveano dovuto soggiacere , ridotti erano a loro malgrado vivere, vedendosi ritardata la morte. Laonde e a me, e alla maggior parte delle persono del mio ordine, codesti due non parvero mai uomini, ma perniciosi demonii, e funestissime pesti, accordatisi tra loro onde ben presto ruinare tutte le generazioni e tulti gli affari ; e vestiti bensì di umane
Ma A difficile dire di quante persone si facessero da
 
sh stessi eredi. ’Prima che seguisse la sedizione altrove
 
rammentata, di ciascheduno in particolare de’ Vittoriati
 
ricohi essi si atiribuirono i beni ^ e quando quelli insor’
 
sero, confiscate in massa le facolta di quasi tutte le
 
persone dell^ordine seaatorio, di esse tutta la
 
auppellettile, e le possessioni migUori a loro arbitrio occuparono.
 
Quelle poi chiamate decumane, soggette a gravissimi
 
tributi, per una specie di umanita ai padroni restituiro’
 
no, i quali, vessati dagli esattori delle gabelle, ed
 
oppress! dalle continue usure a cui aveano dovuto
 
soggiacere, ridotti erano a loro malgrado vivere, vedendosi
 
ritardata la morte. Laonde e a me, e aUa maggior parte
 
delle persone del mio ordine, codesti due non parvero
 
mai uomini, ma perniciosi demonii, e funestissime pesti,
 
accordatisi tra loro onde ben presto ruinare tutte le
 
generazioni e tulti gli aOari ) e vestiti bensl di umane
 
 
 
 
Googk
 
24 805

contributi

Menu di navigazione