Lettera a messer Benedetto Varchi

Da Wikisource.
Michelangelo Buonarroti

XVI secolo L Lettere letteratura Lettera a messer Benedetto Varchi Intestazione 6 marzo 2008 75% Lettere

Empty.png
Questo testo fa parte del "Progetto letteratura". Premi sull'icona per saperne di più.
Lettera a messer Benedetto Varchi
XVI secolo

Messer Benedetto. - Perché e' paia pure che io abbia ricevuto, come ò, il vostro Libretto, risponderò qualcosa a quel che e' mi domanda, benché ignorantemente. Io dico che la pittura mi pare più tenuta buona, quanto più va verso il rilievo, et il rilievo più tenuto cattivo, quanto più va verso la pittura; e però a me soleva parere che la scultura fussi la lanterna della pittura, e che dall'una all'altra fussi quella differenza ch'è dal sole alla luna. Ora, poi che io ò letto nel vostro Libretto, dove dite, che, parlando filosoficamente, quelle cose che ànno un medesimo fine, sono una medesima cosa; sono mutato d'oppinione: e dico, che se maggiore iudicio e difficultà, impedimento e fatica non fa maggiore nobiltà; che la pittura e scultura è la medesima cosa: e perché ella fussi tenuta così, non doverebbe ogni pittore far manco di scultura che di pittura; e 'l simile, lo scultore di pittura che di scultura. io intendo scultura, quella che si fa per forza di levare: quella che si fa per via di porre, è simile alla pittura: basta, che venendo l'una e l'altra da una medesima intelligenza, cioè scultura e pittura, si può far fare loro una buona pace insieme, e lasciar tante dispute; perché vi va più tempo, che a far le figure. Colui che scrisse che la pittura era più nobile della scultura, s'egli avessi così bene inteso l'altre cose ch'egli ha scritto, le àrebbe meglio scritte la mia fante. Infinite cose, e non più dette, ci sarebbe da dire di simili scienze; ma, come ho detto, vorrebbono troppo tempo, et io n'ho poco, perché non solo son vechio, ma quasi el numero de' morti: però priego mi abbiate per iscusato. E a voi mi racomando e vi ringrazio quanto so e posso del troppo onore che mi fate, e non conveniente a me.

Vostro Michelangniolo Buonarroti in Roma.