Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/224

Da Wikisource.
188 robinson crusoe


non mancai d’impiegare le mie sollecitudini come alla migliore e più gradevole vivanda di lusso del giornaliero mio vitto, perchè la trovava medicinale e salubre, nutritiva e rinfrescante al massimo grado.

Poichè questa mia casa di villeggiatura era situata tra l’abitazione principale e la parte di spiaggia ove avea lasciato all’âncora il mio piccolo vascello, io soleva farla luogo di mia stazione nelle gite che imprendeva frequentemente per visitarlo. Di fatto ebbi la massima cura di tenere in ottimo ordine e questo mio naviglio e tutto quanto gli apparteneva. Talvolta ancora mi diportai dentro esso, ma non mai rischiandomi a lunghi viaggi, anzi rimanendo poco più di un tiro di pietra lontano dalla costa, tanta era in me la paura che o correnti o colpi di vento o altri casi tornassero a mettermi nel pericolo di