Pagina:Elementi.djvu/29

Da Wikisource.

DI EVCLIDE


.B. l’altra, è chiamata hemuayn, ouero rhombo, e questa figura ha pur li lati equali, come il quadro, ma non ha li

EuclidB1D22c.png

angoli retti, anzi, ha duoi angoli ottusi, & duoi acuti (come per esempio appare nella figura: c.d.e.f.) dellaquale li duoi angoli contraposti.c. & .e. sono ottusi, & li altri duoi contraposti .d. & .f. sono acuti: la quarta è detta simile, helmuaym, ouero rhomboide, & questa figura ha li lati oppositi, equali, & similmente li angoli oppositi equali, tamen quella non ha tutti li lati equali nelli angoli retti, come per esempio appare nella figura .g.h.i.k. dellaquale li duoi lati oppositi .g.i. & .h.k. sono equali, & similmente li duoi .g.h. & .i.k. & similmente li duoi angoli oppositi .h.i. sono equali, & similmente li altri duoi .g.k. sono pur equali, tamen tal figura non è equilatera, ne rettangola, anzi ciascaduno delli duoi lati .g.i. & .h.k. sono maggiori di ciascaduno delli altri duoi .g.h. & .i.k. & similmente li duoi angoli .i. & .h. sono ottusi, & li duoi .g. & .k. sono acuti. Et perche oltra queste quattro specie di figure de quattro lati, determinate di sopra, ce ne son molte altre (come appare qui) tamen l’Autthor dice, che tutte le altre, (eccetto che le quattro specie esemplificate di sopra) sono dette helmuariphe, ouero trapezzie.


Diffinitione 22.

21|35 Le linee equidistante, ouero parallele sono quelle che sono in una medesima superficie collocate, & che protratte nell’una & l’altra parte non concorrano, etiam se siano protratte in infinito.


Il Tradottore.

L’Autthore ci diffinisce le linee equidistante, ouero parallele sotto di due conditioni. La prima è, che siano in una medesima superficie, & non in diuerse. La seconda è, che slongando quelle nell’una & l’altra parte in infinito non concorrino insieme: e però qualunque due linee mancaranno in alcuna di queste due conditioni, non se intende che siano parallele, ouer equidistante: esempli gratia, se fusse una linea stesa per la superficie del margine di questa carta, e un’altra ne fusse solamente con un capo sopra detta superficie e l’altra eleuata suso in aere, senza