Pagina:Nuovi poemetti.djvu/204

Da Wikisource.
188 la vendemmia



L’altro moveva rapidi i ginocchi
sul rosso mosto, anche movea la testa
104ben in cadenza, il sole in mezzo agli occhi.

Ma era un suono di campane a festa.
E quei pigiava; quando, all’improvviso,
107Rosa lassù, Rosa, già muta e mesta,

si levò su, molle di pianto il viso
con un singhiozzo, e Violetta, china
110a guardar fuori immersa in un sorriso,

si volse bianca, e mormorò: Rosina!