Pagina:Occhi e nasi.djvu/38

Da Wikisource.

— 37 —



— È un programma come un altro,— rispose Federigo; — ma la speranza di diventar Marchesa mi pare oramai una speranza fallita.

— E perchè fallita? — disse la Norina con un tono di voce secco e quasi impertinente.

— Allora vuoi dire che non sai nulla.

— C'è forse qualche novità?

— Fino da ieri mattina, il marchese Rodolfo Marliani è notoriamente fidanzato colla figlia del ministro d’Olanda. —

Norina voleva rispondere qualcosa, ma s’imbrogliò e non riuscì a spiccicar parola.

Vi fu un lungo silenzio, durante il quale, la Norina spelacchiò lentamente, a una foglia per volta, una bellissima rosa maggese, che aveva in mano: poi rialzando un poco il capo, domandò con voce lunga e svogliata:

— E la sposa è bella?

— Trecentomila lire di dote, — rispose Federigo.

A questa risposta tenne dietro un altro lunghissimo silenzio. Intanto la Clarenza tutta contenta, com’è natarale, di veder mortificata la sorella, uscì piano piano dalla sala.


III.


— E ora a che cosa pensi? — domandò dopo un po’ di tempo Federigo, vedendo la Norina che era rimasta immobile, come una statua, coi gomiti appoggiati sulla mensola del caminetto e col viso nascosto nelle mani.