Pagina:Sotto il velame.djvu/16

Da Wikisource.
x prefazione


nell’operare con queste quattro virtù: il che è “l’uso pratico dell’animo„. E potrei moltiplicare gli esempi; ma lascerò fare al lettore, che è candido. Ora a lui voglio soggiungere che le sentenze di tali nobili interpreti, quali il Bennassuti, il Perez, il Lubin, tanti altri, io riferirò, non per coscienza ch’io abbia di debito a loro, ma per conferma di ciò che essi pensarono prima di me, e di ciò che io pensai senza dipender da loro. E così mi sembra di far a quelli più degno onore. E così spero di dare alle loro dottrine quella virtù persuasiva che per ora non hanno. Ciò dunque nel volume che seguirà questo: volume in cui sarà l’indice minuto che in questo, per le sua già soverchia mole, non ha luogo.

E questo? Questo si ricongiunge alla “Minerva Oscura„[1]. La “Minerva Oscura„ si può dire che consista, quant’ell’è, nel riconoscere che i sette peccati, quanti sono enumerati da Virgilio come discendenti da incontinenza, malizia e bestialità, sono i sette peccati mortali e capitali. Non è gran che; e questa non grande cosa si ottenne con una ben menoma osservazione: che, essendovi due passioni dell’anima, la libidine e l’ira, il concupiscibile e l’irascibile, il Poeta dopo gl’incontinenti di libidine o di concupiscibile, aveva indicati, con le parole “color cui vinse l’ira„,

  1. G.P. Minerva Oscura, Prolegomeni; la costruzione morale del poema di Dante, Livorno, Giusti 1898.