Pagina:Tempesta.djvu/31

Da Wikisource.


Atto primo, Scena seconda 15



del ducato mi avrebbe egli bandito
con i miei tutti e la bella Milano
con ogni onore a mio fratel ceduta.
Fu così che un esercito, di notte,
a tradimento penetrò la cinta
e forse avea le porte di Milano
aperte Antonio - e favoriti dalle
tenebre ci cacciarono i ministri
te piangente e me stesso.

                             Miranda.
                                                  Ahimè pietà!
Non ricordando come allora piansi
ora di nuovo piangerò. Son gli occhi
costretti a ciò da un tal racconto.

                             Prospero.
                                                             Ascolta
ancora un poco e porterò il tuo spirto
agli affari che ci occupano. Senza
questi la storia mia sarebbe troppo
fuori di luogo.

                             Miranda.
                       Ma perchè non hanno
profittato - a distruggerci - dell’ora?

                             Prospero.
Dimanda giusta e ben doveva il mio
racconto provocarla. Essi non hanno
o cara figlia osato - così grande