Pagina:Tempesta.djvu/54

Da Wikisource.

38 la tempesta



                             Prospero.
a parte.
Il Duca di Milano con la sua
più nobile figliuola ti potrebbe
smentir, se lo credesse. A prima vista
si son scambiati i loro sguardi. O dolce
Ariel, sarai libero per questo!
A Ferdinando.
Signore, una parola, con i vostri
discorsi io temo non vi siate fatto
qualche danno. Ascoltate: una parola.

                             Miranda.
da sè.
Perchè mio padre sì scortesemente
gli parla? È questo il terzo essere umano
ch’io vidi mai, ma il primo per il quale
io mi sospiri. La pietà sospinga
mio padre dalla mia parte.

                            Ferdinando.
                                                    Se siete
vergine ancora e il vostro cor non sia
impegnato, di Napoli regina
io vi farò!

                             Prospero.
               Piano, signore, ancora
una parola!