Pagina:Tempesta.djvu/68

Da Wikisource.

52 la tempesta



                             Adriano.
        Vedova Didone, avete detto? Ora mi ci fate
pensare: ella era di Cartagine, non di Tunisi.

                             Gonzalo.
        Questa Tunisi, O signore, era un tempo Car-
tagine.

                             Adriano.
        Cartagine!

                             Gonzalo.
        Ve lo assicuro: Cartagine.

                             Antonio.
        La sua parola val più di un’arpa miracolosa.

                            Sebastiano.
        Egli ha innalzato le muraglie e le case tutte
insieme.

                             Antonio.
        Che cosa impossibile sta ora per rendere
facile?

                            Sebastiano.
        Suppongo che si porterà via quest’isola in
tasca e che la darà a suo figlio come una mela.

                             Antonio.
        E che ne butterà i semi in mare per far na-
scere altre isole!