Portale:Teatro

Da Wikisource.
Sfondo bagliore.png
Drama-icon.svg
Portale Teatro
Portale Teatro
Epidaurus Theater.jpg

...il punto di partenza per conoscere gli autori di teatro di Wikisource.

[[|Leggi...]]

Autore in evidenza
Autore in evidenza
Torquato Tasso.jpg
Torquato Tasso (Sorrento, 11 marzo 1544 – Roma, 25 aprile 1595) è stato uno scrittore, poeta e drammaturgo italiano.

Artista segnato da un lento e progressivo logorio delle facoltà della ragione, ha vissuto una vita travagliata, peregrinando tra le diverse corti dell'Italia del XVI secolo. I suoi testi teatrali hanno anticipato il periodo barocco riproponendo per prime temi cari a Seneca, drammaturgo romano del I sec. d.C. come la meditatio mortis e il gusto per l'orrido. I suoi porsonaggi, dal carattere profondo e complesso, si scontrano sempre con un destino cieco e imperturbabile. Genio incompreso, secondo Leopardi, in età romantica, il poeta fu rivalutato, divenendo il simbolo del conflitto tra l'uomo - pazzo, solitario e dal destino certo-, e il resto del mondo, ossevatore cinico e ironico.



Invito alla lettura
Invito alla lettura


Dietro le quinte
Dietro le quinte
Dionysos mask Louvre Myr347.jpg

La Tragedia nasce dai cori ditirambici eseguiti nelle cerimonie in onore di Dioniso: improvvisati e rapsodici, furono successivamente poeticizzati forse da Arione di Metimma. Nella processione il canto, eseguito dai seguaci del dio, era diretto da una guida: Tespi trasformò questo capo nel primo attore che dialoga con il coro, proponendo argomenti slegati dalle vicende del dio. Siamo intorno al VI secolo a.C., con l'introduzione del secondo e poi del terzo attore nasce definitivamente il dramma, portato a compimento dai tre grandi tragediografi greci, Eschilo, Sofocle, Euripide.


Teatro del giorno
Teatro del giorno

Siracusa



—V - III secolo a.C.

Importante edificio nella vita pubblica della città, originariamente il teatro era costituito da tre gradinate rettilinee disposte a trapezio. Ebbe grande importanza come sede dell'attività teatrale del commediografo Epicarmo, e di Dionisio I e dei tragediografi della sua corte. Eschilo vi rappresentò Le Etnee nel 456 a. C. (tragedia perduta che celebrava la rifondazione di Catania), e I Persiani, già rappresentata ad Atene nel 472 a.C. La naturale forma a semicerchio, che favorisce l'impeccabile acustica, deriva dalla totale ricostruzione che il teatro subì tra il 238 e il 215 a.C., ad opera di Ierone II.


Autori
Opere
Ricorrenze
Antonio Ghislanzoni.jpg


Rilettura del mese
Rilettura del mese

Le rane di Aristofane
(trad. di B.e P. Rositini,1545)

Le rane.djvu


Aiutaci!
Vuoi aiutarci a migliorare il portale teatro? Vuoi suggerire un autore per metterlo in vetrina? Conosci un testo interessante da suggerire ai lettori? Fai un salto dietro le quinte e troverai certamente un ruolo adatto a te!