Alcippo/Dedica

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
All'ill.mo Sig. Pier Giuseppe Giustiniano

../ ../Persone della favola IncludiIntestazione 3 marzo 2015 100% Da definire

All'ill.mo Sig. Pier Giuseppe Giustiniano
Alcippo Persone della favola

[p. 3 modifica]



ALL’ILLUSTR.MO



C
Ome in ampia Cittate
     Amor forte saetti,
     Per leggiadra beltate
     Di grave piaga i petti;
     E come forte d’un bel guardo a i rai
     Altrui l’anima accenda;
     E come lacci ei tenda
     A farne servi, pienamente il sai,
     S’altri in Cittate il seppe,
     O gentil Pier Giuseppe.
Per certo Amor t’accese;
     Ned’io l’affermo in vano;
     Che da spirto cortese

[p. 4 modifica]

     Ei non sà star lontano;
     Hora io ti chiamo, e tra foreste ombrose,
     E tra selvaggi sassi
     Mi fò scorta a’ tuoi passi;
     Vieni à veder, come sù piaggie herbose
     Si distruggono i cori
     Di Ninfe, e di Pastori.
Ah che non meno ardenti
     Hanno sospir nel seno;
     E se ne van dolenti
     Lor querele non meno;
     Ne men pensosi, e solitari errando
     Muovono i passi tardi,
     Et abbassano i guardi:
     Ne men dal sonno desiato in bando
     Le notti han per costume
     Travagliar sù le piume.
Dunque vago di pene
     Volando in ciascun loco
     Amor n’empie le vene
     D’inestinguibil foco?
     Sempre scote la face, e tende l’arco,
     E fà volarne strali

[p. 5 modifica]

     Per percosse mortali?
     Voce è di verità; attende al varco,
     Et à morir ci mena,
     Se ragion non l’affrena.