Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro quarto/9. Caduta de’ goti

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
9. Caduta de’ goti

../8. Continua ../10. Continua IncludiIntestazione 15 aprile 2018 75% Da definire

Libro quarto - 8. Continua Libro quarto - 10. Continua

[p. 108 modifica]9. Caduta de’ goti [526-566]. — Succedette Atalarico, fanciullo di sette anni, figlio d’Amalasunta, figlia di Teoderico, la quale fu reggente. Eran nel regno le quattro parti che sempre sono in un regno di stranieri: i nazionali amici e i nemici degli stranieri, gli stranieri amici e i nemici de’ nazionali. Amalasunta e Teodato un suo cugino, eran de’ goti romanizzati, inciviliti, letterati. Amalasunta educava il re alla romana. I goti puri se ne turbarono, e le tolsero il giovane; il quale allevato quindi alla barbara, oziando, gozzovigliando e corrompendosi, si consunse e morí di diciotto anni [534]. — Cacciata Amalasunta in un’isoletta del lago di Bolsena, dove ella tra breve fu tolta di mezzo, regnò Teodato. Pare che fra questi pericoli Amalasunta avesse giá trattato, ed or certo Teodato trattò coll’imperatore greco per averne aiuti o rifugio. Imperatore era allora Giustiniano, il gran raccoglitor di leggi e codici romani, il gran riconquistatore di molta parte d’Occidente. Triboniano ed altri giureconsulti l’avean aiutato alla prima gloria; Belisario ed altri capitani l’aiutarono alla seconda; ma restò a lui la gloria personale, e sempre grande a un principe, d’aver saputo scegliersi aiuti, senza invidia. Belisario avea giá vinti i persiani, e ritolte ai vandali Africa, Sardegna, Corsica. Erano tra l’imperatore e i re goti piccole contese di limiti; ed erano allettamento a quello le dissensioni di questi. Belisario scese in Sicilia e la conquistò, passò Napoli e la prese, senza che si movesse Teodato. Contro al quale insospettiti o sdegnati finalmente i goti di Roma, [p. 109 modifica] escivano della cittá, e facean lor re Vitige, non principe, semplice guerriero, ma buono. E Teodato, fuggendo, era scannato per via [536].