Pensieri e giudizi/V/XXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../XX

../../VI IncludiIntestazione 7 gennaio 2012 100% saggi

V - XX VI
[p. 122 modifica]

XXI. 1


Ai giovinetti che si accingono a purificare le anime pargolette nei puri lavacri della Scuola Moderna non sarà inutile rammentare il fischio solenne lanciato da un sognatore impenitente di [p. 123 modifica]perfezioni morali ed estetiche in una assemblea generale di fornicatori della curia, della reggia e della scuola, legati da perpetuo comparatico ai variopinti arlecchini di tutte le sètte, ad onore e gloria della ignoranza, della malizia e dell’impostura: trinità borghese che il povero Tommaso Campanella credeva poter debellare, ma che purtroppo è ancora viva e trionfante in tutti e due gli emisferi.


    Io di qui vi contemplo, uomini, a cui
La fortuna volubile concede
Benignamente le carnose groppe:
Eroi scettrati, aruspici infallibili,
Impennacchiati ammazzatori, arcigni
Rigattieri d’Astrea, prosciugatori
Di Banche, prestigiosi archimandriti
Di pie congreghe, apostoli e tribuni
Del proprio ventre. A voi buoni, a voi prodi
S’inchina il mondo trepidante, a voi
Laudi strimpella il ribechin fiorito
Dei rifunghiti menestrelli; io, stolto
Orditor d’alti sogni, in voi saetto
L’ultimo strale del mio sdegno: sprezzo
Plebee minacce, auree lusinghe, e, quanto
Più mugghia osanna a voi d’intorno il gregge,
Tanto più sorge e il morbid’aer fende
Lungo, acuto, insistente il fischio mio.
2

Note

  1. Per un numero unico a cura del Circolo razionalista di Ginevra, nel 1. anniversario dell’uccisione di Francisco Ferrer.
  2. Vedi il poemetto del Rapisardi: Nel triste asilo.