Pagina:'O luciano d"o Rre.djvu/95

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Note 95

zoppo, in un calvo, o in un monaco, uscendo dalla Reggia di Caserta. Ma vide tre monaci che gli facevano dei grandi inchini, e lo tenne per cattivo augurio; Cfr. gli storici De Cesare, Bernardini, etc.

Parola ritta, parola detta.

Scatasciàino, da scatasciare e scatascio, rovinare, rovina, disastro.

Trònole, tuoni. Infatti, quell’anno, l’inverno fu pessima e s’iniziò con violentissime tempeste di vento e di neve, e freddo intenso in tutto il regno.


OTTAVA 31.ª

Zeffunno, bizzeffe, grandissima abbondanza di cosa che precipiti, come neve, terreno per impovvisi scoscendimenti, acqua, bastonate, etc. Diciamo infatti: nu zeffunno ’e denaro - Nu zeffunno ’e mazzate - Nu zeffanno d’acqua, etc. E si usa anche dire: Nu zeffunno ’e risate - Nu zeffunno ’e parole — Nu zeffunno ’e guai, etc.


OTTAVA 32.ª

Chiummo, piombo.

Zoza, neve o acqua o fango molle o creta molle o altra poltiglia che non si rassoda pel continuo scalpiccio, e per il passaggio di veicoli e di cavalli. Anche di una salsa mal fatta si può dire rifiutandola: É na zoza.