Pagina:Çittara zeneize 1745.djvu/244

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


A ro Serenissimo

AGOSTIN PARAVEXIN

Duxe de Zena
in ra sò Incoronaçion.


I.
Muza, Muze, sciù sciù tutte a ro canto:
L’arpa d’oro a ro collo,
Serenissimo Apollo:
Cançoin, Poemmi ognun da ro sò canto,
A sì grand’allegria,
Che aora fa Zena, mentre a bocca piña
Caza PARAVEXINNA
AGOSTIN Serenissimo ognun cria,
A tanto applauzo, che ognun mostra e sente,
Sciù sciù penna a ra man, penne a ra mente.

II.
Ma perchè, quanto ciù l’impreiza è grande
Per raxon dro Soggetto,
Per méttera in effetto
Mao graçia è lœugo che aora ve demande,
Veña, veñe a torrenti,
Muze, sciù donca versen rì Parnazi.
Ri segelli, e ri vazi