Pagina:Çittara zeneize 1745.djvu/250

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Dro merito d’ognun sempre osservante;
Con œuggio vigilante
Desciao tanto a ro Sô, quanto a ra Luña;
D’intelletto sì façile in apprende,
Che, in vei ra bocca arvî, tutto o comprende.

XIV.
Re Sale, e ri Cortiggi dro Paraxo
In sò tempo sì netti;
A ri primmi biggetti
Ri Comparenti træti da dezaxo;
Re porte a tutti franche,
Sbarraççæ, non che averte, apeña tocche,
Saran lô tente bocche,
Che n'è ciù lœugo de frustâ re banche;
Che a nisciun da ro Duxe se ten porta;
Che l’esse ricco ò povero, no importa.

XV.
L’ónô de questa e quella poveretta,
Che in stâ lì sciù re pare
Pattelando re scare,
Con no esse moǽ spedìa, corre a staffetta:
Quell’atro de Rivera,
Che frusto infin de stâ ciù sciù re speize,
Tornando a ro paeize
Sbatte ra caoza zù pe ra maxera: