Pagina:211septies.djvu/300

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


propriocettiva consentirà allo studente di costruire un allineamento posturale bilanciato e di affrontare lo studio della danza con il giusto equilibrio strutturale e dinamico.

LABORATORIO COREOGRAFICO

LINEE GENERALI E COMPETENZE

Sezione danza classica

Il laboratorio coreografico della sezione danza classica è concepito come articolazione della materia Tecnica della danza classica ed accompagna gli studenti per tre anni (dal terzo al quinto anno).

Attraverso l’attività del laboratorio lo studente sperimenta e approfondisce i diversi registri tecnici e linguistici del repertorio ottocentesco e dei primi del Novecento, sviluppando al contempo la capacità di interagire in modo costruttivo nell’ambito di esecuzioni collettive.

Sezione danza contemporanea

Il laboratorio coreografico della sezione danza contemporanea e’ concepito come articolazione della materia Tecnica della danza contemporanea e accompagna gli studenti per tre anni (dal terzo al quinto anno). Principale finalità è offrire una serie di conoscenze e di esperienze che consenta allo studente di approfondire la danza contemporanea sul piano stilistico ed espressivo. Nel corso dei tre anni lo studente sarà introdotto ad aspetti e problematiche connessi con la produzione coreografica e dovrà confrontarsi con alcune tra le opere più significative del repertorio d’indirizzo.

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

SECONDO BIENNIO

sezione danza classica

Nel corso del secondo biennio è opportuno un lavoro di analisi dei caratteri stilistici ed espressivi del balletto ottocentesco che percorra tutte le fasi più significative della creazione coreografica e della produzione. Seguirà un lavoro più propriamente dedicato all’interpretazione che si avvarrà di elementi basilari del linguaggio dei gesti, conducendo gradatamente gli studenti a misurarsi in alcuni estratti coreografici. Partendo dalla danza storica e dalla danza di carattere, l’insegnante sceglierà di volta in volta le parti corali (ruoli di corpo di ballo) e le variazioni solistiche del repertorio codificato, dosando le difficoltà sulle possibilità tecniche della classe e del singolo studente.

Ugualmente, opterà per brani di scuola francese, russa o danese, tenendo conto del programma che si andrà parallelamente svolgendo nella lezione di Tecnica della danza classica e di Storia della danza.

QUINTO ANNO

sezione danza classica

Il percorso formativo si concluderà con la sperimentazione di variazioni solistiche e di primi ruoli, la cui difficoltà dovrà essere proporzionata alla maturità e al livello tecnico raggiunto dagli studenti. In tali esperienze si proporrà un approccio al linguaggio mimico del balletto, funzionale all’approfondimento del profilo espressivo del personaggio. Al termine del quinto anno lo studente dovrà essere in grado di realizzare performances, dimostrando padronanza dello spazio scenico e maturità tecnica e artistica, e avrà al contempo raggiunto la capacità di orientarsi nell’analisi strutturale e stilistica dei brani sperimentati.

SECONDO