Pagina:AA.VV. - Commedie del Cinquecento, Vol. I, Laterza, 1912.djvu/177

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ARGUMENTO

     Girifalco ama Lucia e da Listagiro
e Pilastrino accorti parasiti
n’è beffato e punito. Ancor di questa
preso Crisaulo nobil, per astuzia
d’una roffiana e d’una sua fantesca
(che Filocrate giovan quale amava
li trasser de la mente, ond’ei impazzò,
e si parti romito), la si gode
sotto uno inganno d’oro, con parole
di volerla sposar. Tornato in questo
Filocrate di Spagna, in vece altrui,
pensandosi d’aver ne le man Lucia,
si giace con la fante; qual poi sposa,
quando Crisaulo, sol da Amor costretto,
oltre ogni suo voler, si sposa Lucia
e insieme con Calonide sua socera
congiunge Girifalco, già beffato.