Pagina:AA. VV. - Il rapimento d'Elena e altre opere.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

°( CXX ) °

τα τὴν Ἑλένην λαβών, οὐ λέξω· τὸ γὰρ τοῖς εἰδόσιν ἃ ἴσασι λέγειν πίστιν μὲν ἔχει, τέρψιν δὲ οὐ φέρει. τὸν χρόνον δὲ τῷ λόγῳ τὸν τότε νῦν ὑπερβὰς ἐπὶ τὴν ἀρχὴν τοῦ μέλλοντος λόγου προβήσομαι, καὶ προθήσομαι τὰς αἰτίας, δι' ἃς εἰκὸς ἦν γενέσθαι τὸν τῆς Ἑλένης εἰς τὴν Τροίαν στόλον. ἢ γὰρ Τύχης βουλήμασι καὶ θεῶν βουλεύμασι καὶ Ἀνάγκης ψηφίσμασιν ἔπραξεν ἃ ἔπραξεν, ἢ βίᾳ ἁρπασθεῖσα, ἢ λόγοις πεισθεῖσα, ἢ ὄψει ὲρασθεῖσα. εἰ μὲν οὖν διὰ τὸ πρῶτον, ἄξιος αἰτιᾶσθαι ὁ αἴτιος μόνος· θεοῦ γὰρ προθυμίαν ἀνθρωπίνῃ προμηθίᾳ ἀδύνατον κωλύειν. πέφυκε γὰρ οὐ τὸ κρεῖσσον ὑπὸ τοῦ ἥσσονος κωλύεσθαι, ἀλλὰ τὸ ἧσσον ὑπὸ τοῦ κρείσσονος ἄρχεσθαι καὶ ἄγεσθαι, καὶ τὸ μὲν κρεῖσσον ἡγεῖσθαι, τὸ δὲ ἧσσον ἕπεσθαι. θεὸς δ' ἀνθρώπου κρεῖσσον καὶ βίᾳ καὶ σοφίᾳ καὶ τοῖς ἄλλοις. εἰ οὖν τῇ Τύχῃ καὶ τῷ θεῷ τὴν αἰτίαν ἀναθετέον, ἢ τὴν Ἑλένην τῆς δυσκλείας ἀπολυτέον. Εἰ δὲ

(3)

    Sapeva ben io quanto svantaggioso fosse a questo breve Originale il giudizio de’ Critici; e come difficilmente avrei potuto, alla legge attenendomi d'una rigorosa Versione, cosa produrre che leggiadra fosse, e al pubblico grata. Fu Gorgia da Isocrate stesso, come amante di sofismi tacciato. Il di lui stile a Cicerone sembrò soverchiamente conciso, e assai mancante di numero. Dionisio Alicarnasseo chiama in più luoghi puerili, e tediose le figure da lui usate. Iseo, per formarsi Oratore, siccome giudicò l'apparato poetico, la sublimità dell'idee, e la pompa della dicitura imitare d'Isocrate; così pensò d’allontanarsi da Gorgia; come cadente nel metro, e pieno di fanciulleschi pensieri. Professore altresì fu stimato di confuse dottrine. In questo passo, e in vari altri dell’Orazione stucchevoli contrapponimenti, ed equazioni s’incontrano.