Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
94 lirici marinisti

GIOVAN LEONE SEMPRONIO


I

AMORE FATTO DI SGUARDI

     Parlo con gli occhi a’ tuoi begli occhi, e spesso
con gli occhi ancora i tuoi begli occhi ascolto;
s’abbraccian gli occhi nostri in dolce amplesso,
e bacian gli occhi nostri il nostro volto.
     Ma tu inganni te stessa ed io me stesso:
tu troppo semplicetta, io troppo stolto;
poscia che indarno agli occhi miei concesso
è quel piacer, ch’agli altri sensi è tolto.
     Miro morendo ogni or, moro mirato;
ed usurpando i propri uffici al core,
amo con gli occhi e son con gli occhi amato.
     Or chi dirá che in tenebroso orrore
abbia d’oscuro vel l’occhio bendato,
s’altro non è, che un solo sguardo, Amore?