Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/157

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

diversi 151

GIAMBATTISTA BASILE


I

SANTA CRISTINA

     Di Cristo in croce essangue
amante sviscerata,
nel suo duol, nel suo sangue
Cristina trasformata,
sente dentro al suo cor mesto e doglioso
amorosa pietade, amor pietoso.
     Brama con lui patire
e sferze e spine e croci;
seco desia morire
fra’ suoi tormenti atroci;
e, gravida d’amor, nel cor istesso
ciò che brama e desia le resta impresso.
     Talché ne l’alma sente
i medesmi flagelli,
la corona pungente,
i chiodi acuti e felli
e, nel suo duol cangiata acerbo e forte,
prova seco ad ogni or viva la morte.