Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
154 lirici marinisti

IV

PALLORE GRADITO

     Pallidetta mia vita,
il minio cangerei
col tuo pallor, cosí leggiadra sei.
Pallido il volto bramo,
vermiglio giá non l’amo;
questo è color di sdegno,
quel di pietade è segno:
anzi, segno è ’l pallore
di chi, d’amor ferita, e langue e more.