Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/179

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

giacomo d’aquino 173

GIACOMO D’AQUINO

PRINCIPE DI CRUCOLI


I

IL FASTIDIO

     Di pianto molle e di sospiri ardente,
bagno, lasso, la terra e scaldo il cielo;
e colmo avendo il sen di mortai gielo,
di dogliosi pensier pasco la mente.
     Se cosa veggio mai lieta o ridente,
chiusi gli occhi vorrei d’oscuro velo;
e quanto posso piú m’ascondo e celo,
straniero e peregrin da l’altra gente.
     Anzi (colpa d’amor) da me stesso amo
esser da lungi, oimè, perché me stesso
piú ch’altri a mio poter odio e disamo.
     Ma poiché tanto piú me stesso ho appresso
quanto piú di fuggir me stesso bramo,
son, piú che d’altri, da me stesso oppresso.