Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

tommaso stigliani 13

XIV

IL CHIARIMENTO ALL’AMATA

     — Giá cessa il metitor col torto ferro
di còrre i frutti del sepolto seme,
e sotto l’ombra del fronzuto cerro
                         sta ’l gregge insieme.
     Fugge ogni fera gl’infiammati lampi,
che ’l sole avventa dall’ardente faccia;
né alma v’è che per gli aperti campi
                         dimora faccia.
     O bionda piú della matura spica,
ma piú crudel della pungente arista,
che qualor vai nella fontana aprica
                         traggi ogni vista;
     per non venirne all’ombra ove son io,
perché or dal camino arder ti fai?
infino a quando questo sdegno rio
                         meco terrai?
     Dunque, t’han le bugiarde altrui parole
potuta trarre a prestar fé compita,
ch’io ami altra che te, mio caro sole,
                         mio ben, mia vita?
     Spogliati, semplicetta, i rei pensieri,
ch’io non seguo Licori, ancora ch’ella
séguiti me, né le mandai l’altrieri
                         la bianca agnella.
     Bench’egli è vero (acciocché chiaro appaia
che falsata han l’istoria a te costoro)
che fu ella ch’a me mandò dall’aia
                         un pomo d’oro;
     su ’l quale era con lettera cavata
scritta questa sentenza in corti accenti:
«Giace per te Licori, empio, infermata,
                         e tu ’l consenti».