Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/207

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

antonio fortini 201

ANTONIO FORTINI


IL POETA SEGRETO

     A l’amico silenzio, a l’ombra folta
narro per uso i miei secreti amori,
perché de’ pianti ascosi e degli ardori
resti ogni stilla, ogni favilla accolta.
     Quindi la musa mia rozza ed incólta
sol raccomando ai lor eterni orrori,
perché, morta a le lodi ed agli onori,
queta riposi in dolce oblio sepolta.
     Chi dolce canta e chi lodato scrive
offra sue rime a bella donna in dono
e scopra del suo amor le fiamme vive.
     Io, che solingo amante e muto sono,
quelle oscure mie note e di suon prive
al silenzio consacro, a l’ombre dono.