Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/215

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ermes stampa 209

ERMES STAMPA


LA DONNA VESTITA ALLA GHIBELLINA

coi fiori al lato sinistro della chioma

     Del crine il manco lato orni di rose
e rinovi ne l’alme ire e furori,
tu, che dovresti sol guerre amorose
col sembiante gentil movere a’ cori.
     Del bellicoso Ren segui ed onori
l’insegne formidabili e famose,
onde il Tebro nemico i bianchi umori
cangiò sovente in porpore dogliose.
     Di fiori, idolo mio, spoglia la chioma;
non accrescer nuov’ésca a l’ira antica,
onde Italia sospiri oppressa e doma.
     Non permetter, crudel, ch’altri predica:
— Con diverso destino, amica a Roma
l’una Venere fu, l’altra nemica. —