Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/217

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

d’incerto 211

D’INCERTO


IL GELSOMINO TRA LE LABBRA

     Quasi in giardin di perle, a cui ridenti
fan due vaghi rubin mura pompose,
avea madonna un fior tra i bianchi denti,
che del latte del ciel Flora compose.
     Contendea il suo candor co’ gli ostri ardenti
de le labra bellissime di rose;
ridean queste arrossendo e piú lucenti
le sue fiamme scoprian dolci amorose.
     — Oh felice — diss’io, — s’entro a le porte
di quella sí gentil bocca fiorita
con la mia d’involarlo avessi in sorte;
     ché se, spiccando in paradiso ardita
la prima donna un frutto, ebbe la morte,
da un fior del paradiso i’ avrei la vita! —