Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/240

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
234 lirici marinisti

E voi ditemi ancor, nunzi volanti,
che con alto governo
regolate del ciel l’ordine eterno:
da quei zaffiri mobili e rotanti,
ch’han nel danzar sí numerosi corsi,
danzatrice sí bella è scesa forsi?
Giá di lá rispondete, e giá v’ascolto
dai celesti zaffiri:
— Donna umana non è costei che miri;
se veder brami il ciel, mira quel volto:
mira quel piè, ch’in maestá reale
ha dagli angeli appreso il moto e l’ale.

XXIV

LA RICAMATRICE

A Francesco Sacelli

     Questa Aracne d’amore,
che con dita maestre adopra l’ago
e con industre errore
prende accorta a fregiar drappo si vago,
l’arteficio e ’l lavor si ben comparte
ch’a natura fa scorno, invidia a l’arte.
     Mentre il lino trapunge,
d’acute punte il cor ferir mi sento;
mentre insieme congiunge
e sposa a stami d’òr fila d’argento,
ne la testura sua pregiata ed alma
la prigione d’amor tesse a quest’alma.
     Su l’ordita ricchezza
move l’agile man tanto spedita,
ch’a quell’alta prestezza
in lei folgori pensi esser le dita,
che fra tremoli rai d’argentei fiori
fan con gelidi lampi ardere i cori.